Nuovo giocattolo russo del cazzo

1.3KReport
Nuovo giocattolo russo del cazzo

Zoya 22 mai sposata vive a Kiev in Russia in una situazione di difficoltà, le nostre conversazioni sono limitate dal suo inglese limitato. Accetta la mia condizione di arrendersi a me tutte le volte che voglio tramite un interprete. La porto negli Stati Uniti, sospira tranquillamente e strizza gli occhi sullo schermo, costringendo la sua attenzione sul film, ma meno di un minuto dopo, i suoi occhi sono tornati ai millimetri che sono tra la sua gamba e la mia. Il calore tra i nostri corpi formicola momentaneamente. La scorsa notte, sullo stesso divano, ci eravamo seduti insieme e lei non aveva notato lo spazio tra loro. Ora, con il ricordo del mio sguardo pesante e significativo fresco nella sua mente, è tutto ciò a cui riesce a pensare. Con la coda dell'occhio, vede che le guardo di sfuggita. Deglutisce mentre muovo la mano sinistra per appoggiarmi sul ginocchio. Mi gratto pigramente i jeans per un momento, poi mi rilasso, lasciando lì la mia mano. Rilascia il respiro che ha trattenuto. Aveva bisogno di calmarsi. Non appena lei pensa questo, le mie dita attraversano lo spazio tra noi e si posano dolcemente sul suo ginocchio. La sua struttura già rigida si solidifica e non si muove mentre faccio scorrere lentamente la punta delle dita lungo le cuciture e le pieghe dei suoi jeans. Il calore elettrico che aveva formicolato pochi minuti prima ora brucia incandescente dove le mie dita si toccano. La sua frequenza cardiaca aumenta e un rossore si diffonde sul collo. Mentre traccio tranquillamente la cucitura che va dal suo ginocchio fino all'interno della coscia, il suo stomaco si agita con un esercito di farfalle e improvvisamente deve vedere la mia espressione. Si aspettava di vedermi girare verso lo schermo, fingendo che non la stessi prendendo in giro con la mia mano inattiva, invece gira la testa e trova il mio sguardo penetrante completamente concentrato su di lei. C'è una serietà nella mia espressione che stringe le cose dentro di lei, intimidendola allo stesso tempo. Sebbene avesse decisamente fantasticato sulle possibilità di incontrarmi di persona, non pensava di essersi preparata a come l'avrei trattata. La sua sicurezza, tipicamente una sua forza, si sente debole quando è sotto la pressione dello sguardo pesante nei miei occhi. Ma, prendendo un respiro profondo, cerca di nuotare verso la superficie di questa calda lussuria.

" Cosa stai pensando?" La sorprendo chiedendo. lei esita. Dopo un momento, cambio posizione come per aspettare che finisca il mio silenzio, girandomi in modo che il mio braccio sinistro poggi sullo schienale del divano, mentre la mia mano destra prende il sopravvento tracciando leggerissimi disegni sulla sua coscia. Per quanto nervosa sia in questo momento, è anche elettrizzata, per non parlare: eccitata. Non è sicura di avermi mai detto che non indossa spesso le mutandine; si rammarica di non averle indossate stasera. Deve essersi inzuppata nei jeans. Le solletico il collo, giocando con una ciocca di capelli che pende da dove il resto è tirato su con una molletta. Traccio delicatamente una linea di fuoco liquido lungo il lato del suo collo e lungo la sua spalla destra. Mi guarda, rendendosi conto che non si è mossa. Sto guardando le mie dita mentre tracciano linee immaginarie sulla parte superiore della schiena. I miei occhi si alzano per incontrare i suoi. Mantengono tutta la promessa di dominio e sesso. "Ho bisogno di andare in bagno", ha detto. Improvvisamente è con le spalle al muro mentre tutto il peso del mio corpo si modella sul suo, bloccandola in posizione. Le prendo i polsi con forza e li intrappola sopra la sua testa con una mano. Si lamenta di piacere e si sottomette al mio rimprovero per i graffi che si era fatta. La mia bocca contro la sua non è più gentile, ma pesante e affamata. Lotta contro la mia presa ma questa presa da morsa non si ferma. La mia mano libera distoglie la sua attenzione dalla sua impotenza mentre trova il suo posto sotto la sua maglietta, solleticandole la pelle dello stomaco. La sensazione delle mie dita contro la sua vita nuda accende un desiderio già ardente e lei fa un altro rumore per me. Dio, è così bagnata. Nonostante la presa salda della mano che le trattiene i polsi, le mie dita vaganti sono gentili. Non si aspetta questo, questa deliziosa combinazione di dominio e cura. Traccio la curva della sua vita fino alle costole e poi avvolgo il mio braccio dietro la sua schiena, abbracciandola a me, impastando la sua pelle.

All'improvviso, rilascio le sue mani e linee di fuoco la attraversano mentre sposto entrambe le mani sul suo culo, poi le tiro giù i jeans. La giro in modo che sia di fronte al muro, il mio ginocchio allarga le sue gambe mentre mi posiziono tra di loro.
Sente la mia mano strofinarle l'interno delle cosce. Mentre accarezzavo la sua carne, il mio cazzo è diventato più spesso, sente le mie cosce pelose contro le sue gambe. Il mio cazzo sempre più pieno di lussuria che preme contro il suo culo. Zoya mi sente ringhiare adesso. " Che cosa siete?" "Sono il mostro che ti scoperà e ti farà urlare." Ho spinto il mio corpo contro il suo finché non siamo stati modellati l'uno contro l'altro. Il mio cazzo si è alzato e premuto contro la sua schiena è così lungo. Comincio a muovermi da un lato all'altro per masturbarmi contro il suo corpo morbido e flessibile. Non sono come niente che lei abbia mai provato prima, non un uomo, più come un cane che si sfrega contro di lei, eppure sono su due piedi, ma la mia pelle è indurita e ruvida, i miei capelli sono trascinati sulla sua pelle. I suoi capezzoli si sentono doloranti mentre strofinavo contro le punte indurite e le strofinavo crude. È il mio cazzo che la sta sfregando a spaventarla. È mostruoso, sembra che sia lungo un piede e duro come una roccia. Mi strofinai contro di lei e pulsava di un desiderio incontrollabile. L'avrei uccisa se glielo avessi messo dentro. Sta tremando di paura mentre le stavo dietro. "Non muoverti", l'avvertii, la mia voce così profonda e ruvida, in grado di parlare a malapena ora, dalle mie labbra uscivano solo suoni animaleschi. Zoya si bloccò dal terrore mentre sente la punta di un dito scorrere lungo la sua fessura. Non riesce a muoversi mentre il dito scivola tra le labbra della sua figa. Rimase lì, tremante nuda davanti a me. Mi sente respirare pesantemente.

Si rese conto che le sue gambe sono oscenamente aperte con me in piedi tra di loro. Sto ringhiando più forte mentre infilo un dito nella sua figa stretta. "No, NO, NO, per favore sii gentile, sei così grande." È solo un secondo prima che senta il mio cazzo, mentre scivola sulla sua pelle finché non sente la testa liscia spingersi nelle labbra bagnate della sua figa. “AAAAWWWOOOWW!” Il suo grido poteva essere sentito a miglia di distanza. Le mie dita affondano nei suoi fianchi, ma è il cazzo che è il peggiore. Ho spinto con i fianchi, mentre tre pollici di cazzo caldo e spesso scivolano dentro di lei finché i suoi muscoli non riescono a fermarlo. Sente le sue viscere sfregate dall'attrito del mio grosso albero, lo spessore la sta uccidendo. Le sue viscere sono costrette ad allungarsi e massaggiarmi il cazzo come se le piacesse. Sente le sue viscere tirarsi fuori mentre mi ritiro, la sua figa che si apre e stringe forte la testa, appena prima che scivoli fuori, le mie dita affondano di nuovo nella sua pelle e la potente spinta dei miei fianchi le manda dentro sei pollici di cazzo palpitante , strappandola fino a quando la testa dura come una roccia non batte la sua cervice che le scosse il corpo.

Sento il piacere mentre la sua figa calda e stretta afferra il mio cazzo come se le piacesse, ma sapevo che era il dolore a causarlo. Lo tiro fuori e lo spingo dentro ancora e ancora, lei sta ansimando per il dolore mentre ha preso tutti i nove pollici del mio cazzo mentre le martellava la cervice. Comincio a prendere velocità, picchiando il suo corpo, le sue tette che danzano sotto di lei mentre si dondola sul mio cazzo. Le mie palle sbattono contro di lei, schiaffeggiandole con forza tra le gambe ad ogni spinta. Muovo i fianchi da un lato all'altro come se potessi spingere il mio cazzo attraverso le morbide pareti elastiche che si aggrappavano al mio cazzo ad ogni spinta. Mi appoggio sulla sua schiena; le mie mani si spostano dai suoi fianchi ai suoi seni pendenti e cominciarono ad abusarne, le mie dita le strinsero i seni ei capezzoli. Sente il mio respiro caldo sul suo collo, il mio petto peloso che le accarezza la schiena mentre mi stesi contro di lei, ma sono i suoi seni che stanno subendo la punizione delle mie dita e la pelle ruvida delle mie mani. Ho ringhiato mentre lei sente i miei denti mordere la carne morbida del suo collo, mentre i miei fianchi e il mio cazzo continuano a sbattere contro di lei come se stessi cercando di guidare il mio cazzo attraverso la sua cervice e perforarle l'utero. Si fermerà mai? Pensò, non sapeva cosa fosse peggio, lo stupro della sua figa o il fatto che io versi il mio sperma dentro di lei, vergognandola con il mio sperma. Ci sono voluti altri cinque minuti prima che arrivassi, il suo corpo pendeva inerte tra le mie braccia mentre la martellavo con il mio cazzo. Il suo corpo è spinto in avanti quando sono arrivata, il mio cazzo è stato spinto in profondità e poi lei sente un fiume di sperma bagnarle le viscere. L'ho scopata mentre venivo, getto dopo getto sparando nei recessi più profondi della sua figa, il suono del mio sperma che sciabordava mentre la scopavo rendendo la sua vergogna più profonda. Si è accasciata a terra quando ho finito, non più impalata sul mio cazzo, ma sente la sborra fuoriuscire da lei. Il suo corpo è esausto e soffre.

La prendo da terra e la adagio sul letto sulla schiena. lascio la stanza. Un'ora dopo sente aprire la porta della camera da letto, si gira per vedermi attraversare la stanza più grande. "No, no, John, per favore non di nuovo," disse Zoya mentre strisciavo sul letto tra le sue gambe. L'ho fissata, Zoya ha fissato il mio cazzo in stato di shock. Le mie palle pelose pendono come un sacco di patate tra le mie grandi gambe pelose. Alla base del gallo c'è un piccolo nodo, quindi il lungo albero sembra coriaceo con una ragnatela di vene blu intorno ad esso. La testa del gallo ha le dimensioni di una prugna, è rosso scuro quasi violaceo e liscia tranne che per l'unico foro al centro che luccica di poro-cum. Non ha mai visto niente di simile in vita sua. Il pensiero di quei peli che si strofinavano contro la sua pelle morbida le fece venire i brividi di paura. Questa sarà la scopata più dolorosa che abbia mai avuto e mi ha reso più eccitato. La corona dura e spessa del mio cazzo ha spinto verso l'ingresso della sua figa, non ruvida ma nemmeno dolcemente. Nonostante l'unguento che le avevo spalmato, non è preparata per questo. Non è che avesse avuto molti partner sessuali, e il fatto che il suo corpo non sia mai stato invaso, torturato e usato come è stato stasera, la sua figa già usata e maltrattata dalla sessione precedente. Ora si rammarica della sua decisione di lasciare la Russia e venire a vivere con me. Lei piagnucola mentre io spingo contro di lei. In nessun modo pensava. Non entrerà mai più nella sua figa dolorante. "Oh cagna ho intenzione di cambiare la tua vita. Sarà doloroso." Mi sporgo in avanti mettendo il mio peso contro di lei. Faccio scorrere il mio cazzo verso l'alto allargando leggermente le sue labbra. Sente la pressione crescere. Ringhiai piano e minaccioso mentre spingevo più forte. Sente la sua figa dolorante allungarsi. Niente di simile a queste dimensioni è mai stato dentro di lei. Gli uomini russi hanno cazzi piccoli.

La sua figa resiste ma si sta allungando perché non mi sono rilassato. La pressione è costante con una penetrazione minima. Nemmeno tutta la testa le è entrata. Pensava che sarebbe stata fatta a pezzi. "Vaffanculo, sei così fottutamente stretto." Grugnii e spinsi i fianchi in avanti. Qualcosa in lei si sta strappando, qualcosa sta cedendo. Un'ustione profonda le riempie tutto il bacino mentre il mio cazzo mostruoso e palpitante si fa strada nella sua figa dolorante. Una frazione di secondo fa la punta del mio cazzo sta entrando a malapena in lei e all'improvviso la mia testa del cazzo le sta forzando l'apertura della figa. Il suo grido è un suono acuto e doloroso. Le lacrime le rigano il viso. I miei ringhi lasciano il posto a grugniti mentre spingo di nuovo i fianchi in avanti. Forzo il mio cazzo più in profondità mentre la sua figa si allunga. Ha allungato una mano spingendo contro la mia pancia volendomi fuori da lei, ho obbedito fino a quando non sono quasi fuori. Lei cerca di spingermi fino in fondo mentre le prendo le mani bloccandole al suo fianco. Con una risata mi sono ributtato dentro di lei. Più a fondo questa volta. Urla di nuovo mentre il mio cazzo colpisce posti mai toccati prima. Le ho tenuto le mani abbassate in modo che non potesse impedire al mio di spingerla dentro di lei. La scivolosità che era venuta dalla saliva non era abbastanza per entrare facilmente, sta piagnucolando e contorcendosi, le lacrime le scendono lungo il viso mentre inizio a dondolare i fianchi avanti e indietro, spingendo sempre più in profondità. I gemiti bassi e gutturali di piacere che emettevo la disgustavano. Sente il letto che dondola sotto di lei mentre si sdraia sotto di me. Sta piagnucolando mentre sente il mio cazzo duro e caldo
dentro di lei. Il peso di me appoggiato contro la sua parte inferiore del corpo mentre mi seppellivo trionfalmente dentro di lei.

L'attrito si sente orribilmente buono, soprattutto quando mi sono inclinato in modo che il mio inguine raspa contro il suo clitoride gonfio ad ogni spinta. Mi sto prendendo il mio tempo con lunghe carezze morbide dentro e fuori di lei che le hanno fatto formicolare le terminazioni nervose sensibili. La sua figa è più sensibile del solito a causa della sessione precedente, non c'è niente che possa distrarre dal grosso cazzo che la riempie più e più volte. Si contorceva sotto di me, cercando di allontanarsi, cercando di inclinare il suo corpo in modo che non colpissi tutti i punti sensibili, ma il mio peso è troppo pesante. "Ecco fatto, Zoya," le mormorai all'orecchio. Un'altra forma di tormento mentale. " È bello non è vero? Sei così stretto intorno al mio cazzo, posso sentire quanto ti piace ogni volta che lo faccio... questo..." La testa del mio cazzo corse sul suo punto g prima il mio corpo premette contro il suo clitoride e Zoya si inarcò sotto di me, odiandosi per la risposta involontaria. Si sentiva bene. Non che l'avrebbe ammesso. Riesce a sentire il suo respiro aumentare, trasformandosi in ansimare ritmico mentre la sto scopando. Non era troppo difficile dire cosa la mettesse a disagio e cosa la facesse sentire bene; Zoya è un libro aperto. Il che la rendeva solo una facile preda per me. È ovvio che ero esperta nel dare piacere a una donna, che sapevo esattamente cosa fare, cosa cercare e potevo sfruttarlo all'estremo. Guardando la vista mozzafiato di Zoya che si contorce sull'orlo dell'orgasmo. I miei occhi verdi si fissavano nei suoi, con arroganza, trionfante, schernendola per la sua impotenza. Sto gemendo di piacere mentre il mio cazzo affondava nel suo corpo con un suono caldo e umido. I gemiti maschili le graffiano i nervi, Zoya inizia a sussurrare "no, no, no" mentre il suo corpo ha spasmi e convulsioni. Sapevo che stava combattendo da sola, una battaglia che l'ho vista perdere mentre la sua schiena si inarcava, spingendo i seni in alto per strofinarsi contro il mio petto mentre gridava.

Le lacrime le scendono lungo le guance mentre si contorce e geme, i rumori rendono il mio cazzo più duro. La guardai mentre raggiungeva l'orgasmo, dolorosamente bella e seducente contorcersi nel suo piacere. Ho cavalcato il suo orgasmo, permettendole di cavalcare l'onda completa del suo piacere. non appena si placa, comincio a sbattere contro di lei duro e spietato. Zoya sta di nuovo gridando, questa volta per un evidente dolore mentre la sbatto addosso. Non sto più cercando di far tradire il suo corpo, non mi interessa nient'altro che il mio stesso piacere. I miei gemiti sono molto più silenziosi, molto più naturali mentre le prendevo a pugni la figa, la sua figa diventava più rosa di minuto in minuto mentre il mio corpo la schiaffeggiava. Le sue cosce tremavano mentre cercava di chiudere le gambe contro l'assalto, la testa che tremava avanti e indietro, e poi la schiena si inarcava di nuovo verso l'alto, un ultimo tentativo di allontanarsi. Feci una smorfia mentre gettavo indietro la testa, gemendo più forte; i miei fianchi sono premuti contro il suo corpo. Zoya si accasciò sotto di me, respirando affannosamente, le lacrime ancora sulle guance mentre emetteva un piccolo gemito di sollievo. Come sono esploso riempiendola con il mio sperma. La tiro fuori, il mio cazzo è ancora duro.

Zoya ricorda di essersi rotolata a pancia in giù e di aver cercato di alzarsi. Ce l'ha fatta a mani e ginocchia e ha iniziato a sollevarsi dal letto quando sente le mie mani intorno al suo collo. Mi sono arrampicato sulla sua schiena e sto sbattendo il mio cazzo contro di lei come un animale selvatico. È incredula su ciò che le sta accadendo. È molto chiaro che la scoperò di nuovo. È la mia cagna e ho intenzione di piantare di nuovo il mio seme in lei. " Fermare!" Urla a squarciagola. "Fermati figlio di puttana!" Disse piangendo. Ma quelle parole non funzionavano meglio dei suoi calci. Il mio peso le ha spinto la testa sul letto ma il suo culo è ancora in alto in aria. È scivolata in trance, ma ora è tornata completamente sveglia. Sente le mie mani ancora stringersi intorno al suo collo e io sono ancora sbaciucchiato contro di lei. Sapeva che doveva allontanarsi da me e farlo in fretta o sarebbe stata fottuta di nuovo. Ricorda di aver spostato il peso sul ginocchio destro e di aver cercato di alzarsi in piedi. Ma non era la cosa giusta da fare. Quando ha spostato il suo peso, ha allineato la sua figa con il mio cazzo. “Merda! Lei ha urlato. " Oh no!" Il mio cazzo sbatté di nuovo nella sua figa. Il dolore è atroce. Sembra che un ramo d'albero penetri dentro e fuori di lei! Continuo a scoparle la figa come l'animale che sono. Continua a cercare di spingermi via da lei ma ogni volta che lo faceva il mio cazzo si spingeva più a fondo dentro di lei. Adesso è convinta che non mi fermerò. Sta cominciando a godersi questa nuova forma di scopare. Non riesce a credere che fossi ancora così duro. Con uno scatto, il mio cazzo si è ritirato dalla sua figa. “ Grazie a Dio!, pensò. Ora per scappare. Ma ci ha pensato troppo a lungo.

La tiro indietro verso di me con le mani e spero che il mio cazzo dentro di lei. "OH CAZZO", ha urlato. Le ho piantato di nuovo il cazzo dentro, ma questa volta l'avevo infilato nel culo. Questo era un nuovo dolore e le sta davvero ferendo. La sua testa è respinta sul letto e può vedere tra le gambe. La prima cosa che ha visto sono le mie gambe pelose. Poi sente qualcosa di familiare. È sperma che le viene sparato dentro. Sto di nuovo piantando il mio seme nel profondo del suo culo ad ogni spinta! Ho finito con lei. Ho avuto quattro sessioni con lei.

Storie simili

diario di una casalinga. prima parte.

Sposarsi ha causato molto stress nelle nostre vite. Rick si rifiuta di lasciarmi lavorare, e anche con una nuova casa in città (in una zona a basso reddito) e le bollette che accumulano si rifiuta di muoversi. Smorza la nostra relazione e ci mette a dura prova emotivamente e sessualmente. È costantemente al lavoro. Lo stress gli rende difficile essere affettuoso. Vedi dove sta andando. Sono una brava ragazza. E una buona moglie. Ho cercato per settimane di soddisfarlo. Ogni mattina lo succhiavo a secco. Quando è tornato a casa tardi, ho messo da parte i miei bisogni e l'ho succhiato...

1.8K I più visti

Likes 1

Divertimento in famiglia_(4)

Linc Walker ha parcheggiato il suo maiale davanti alla casa mobile in discesa, ha girato la sigaretta mezza bruciata ed è entrato nell'area disordinata della cucina-soggiorno della roulotte di venticinque anni!!! C'è qualcuno qui, gridò nel silenzio, ehi, Linda, sei già a casa!?! Figa stupida, mormorò tra sé mentre apriva il frigorifero per prendere la birra, se fosse mai puntuale sarebbe un fottuto miracolo, prima di prendere una lunga boccata dalla bottiglia dal collo lungo!!! Era quasi pronto per sdraiarsi davanti alla TV quando ha sentito dei canti provenire dal bagno all'estremità del trailer!!! Si diresse verso la porta del bagno...

1.4K I più visti

Likes 0

Incontro il mio nuovo vicino e WOW

La mia famiglia si era appena trasferita in questo quartiere in una nuova casa, ed è molto carina. La nostra nuova casa ha una piscina ed è alta due piani con le camere da letto in cima. Il motivo principale per me è stato quello di frequentare l'università locale, che è molto apprezzata nella materia che sto studiando. Non ci è voluto molto per incontrare i nostri vicini perché erano molto amichevoli. I nostri vicini hanno circa 30 anni. Io ho 18 anni. Sembra un vero fusto e sua moglie è un'assistente di volo, molto attraente ed è spesso fuori casa...

451 I più visti

Likes 0

RD e lo stupro di Mon 2

Torneremo domani, con gli abiti che ti sarà permesso di indossare qui in casa, indosserai quello che ti diciamo, quando te lo diciamo, e non ti lamenterai, vero? Di nuovo, la mamma si limitò ad annuire con la testa per acconsentire. Ora, visto che sta per succedere, tanto vale che tu lo faccia il meglio che puoi. Ha dato alla mamma uno spinello che Chris aveva acceso. La mamma lo prese senza cambiare espressione e cominciò a inspirare. Matt si sedette accanto a lei; Chris dall'altro, e ognuno prese un seno e cominciò a giocarci. Era così intenso, o erotico. Mamma...

483 I più visti

Likes 0

Riunione arrapata (parte 5)

(Ecco l'ultima parte scritta finora, posterò il resto quando ci arriverò.) Le mie braccia la avvolsero intorno, tenni il suo corpo vicino al mio mentre entrambi i nostri orgasmi si placavano. Potevo sentire il suo cuore battere lentamente contro il mio petto e il suo respiro contro il mio collo prendere gradualmente un ritmo normale. Si strofinò contro l'incavo del mio collo e mi baciò sulla spalla. Con un braccio che le teneva ancora il corpo, mi pettinai con le dita, gettai i suoi lunghi capelli e le baciai la sommità della testa. Poi ha alzato la testa, baciandomi il collo...

1.4K I più visti

Likes 0

Fottendo mia madre_(0)

Mi chiamo Max, ho 18 anni e non ho mai pensato a mia madre come a un essere sessuale. Voglio dire, lei è mia madre! Lei è sempre stata più di questo, però. Mio padre ci ha lasciato quando avevo 10 anni, quindi per 8 anni siamo stati solo io e lei a rendere più forte il nostro rapporto. Lei è più di mia madre; lei è una delle mie migliori amiche. Non fraintendermi neanche su mio padre. Si scopre che gli piacevano solo i ragazzi: non posso aspettarmi che viva una bugia per il resto della mia vita. Mia madre...

672 I più visti

Likes 1

Le avventure di Grace e Anna Erotic Classic Ch-1 parte 8

Raro classico inglese lascivo. questo è un libro scritto da un gentiluomo inglese di notevole intelligenza, padronanza della lingua e immaginazione di ordine rabelaisiano. Per quanto erotici siano i racconti, sono tutt'altro che sporchi, mentre una trama di entusiasmante interesse percorre tutto il lavoro, legando insieme tutte le storie. Il libro Le avventure di Grace e Anna è stato sottotitolato Le emozionanti esperienze di due ragazze in cerca di amore e lussuria.' Due ragazze amanti del divertimento degli anni '10 scoprono l'amore e la lussuria tra i ricchi oziosi e i poveri ben proporzionati in questa perspicace escursione nei costumi e...

641 I più visti

Likes 0

Tocca - Capitolo 2

Tocca - Capitolo 2 Le cose sono diventate imbarazzanti rapidamente, Kelly e io avevamo appena fatto del sesso bollente insieme senza sapere davvero perché l'avessimo fatto. È stato perché sono venuto su di lei e lei non voleva fermarmi? Ma poi stava partecipando altrettanto... non riuscivo a metterlo insieme. Abbiamo provato a parlarci subito dopo, ma entrambi ci sentivamo strani l'uno con l'altro, ecco perché non ci ho mai provato prima, sapevo che questo avrebbe rovinato la nostra amicizia. Ho cercato di uscire da lì il più velocemente possibile senza cercare di sembrare un completo idiota. Non ero il tipo da...

1.7K I più visti

Likes 0

DOLCE SOFIA!!

Sophie è la figlia unica dei miei vicini, è una dolce ragazzina di 13 anni, ma c'è sempre stato qualcosa in lei che mi ha fatto guardare in modo diverso dalle altre bambine. Forse sono i capelli biondi ricci, il suo bel visino, le sue gambe lisce o il fatto che ha un bel paio di tette in erba. Bene, tutto è iniziato un sabato, mi sono seduto nel mio giardino a godermi il sole e anche i miei vicini erano fuori. Non ho l'abitudine di ascoltare le conversazioni di altre persone, ma non ho potuto fare a meno di sentire...

1.7K I più visti

Likes 0

3- La sorellina del mio fidanzato del liceo- pt. 3 (Obbligo o verità)

---------------------Parte 3  - Obbligo o Verità - --------------------- Molte cose sono cambiate nel tempo che è seguito. La mia ragazza, Chloe, è andata in un altro stato per frequentare il college. Ho scelto un college nella nostra città natale. Ero un po' perso. Chloe ed io eravamo ancora innamorati, almeno ero con lei... ma pensavo che vedesse altri ragazzi nella sua nuova scuola. Senza Chloe, non c'era più un motivo legittimo per me di uscire a casa sua. Di tanto in tanto passavo a salutarla, ma era piuttosto patetico frequentare la sua famiglia quando eravamo separati. Mi mancava Cloe. Mi mancava la sua famiglia...

691 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.