Innocenso interstatale II

1.1KReport
Innocenso interstatale II

"Corri Danny, corri!"

Sedemmo in quella postazione buia per quasi un'ora. Dissi a Becky ancora e ancora quanto fosse stata bella la sua bocca e non si stancava mai di sentirlo. Mentre l'autobus era fermo a quella stazione, ho pensato che forse la mia bocca l'avrebbe fatta sentire bene e le ho chiesto se la pensava così.

"Sì Danny, scommetto che lo farebbe. Te lo lascerei... sai, se volessi." lei disse. "Sei il ragazzo più simpatico che abbia mai incontrato."

L'ho spinta lentamente nell'angolo, contro i suoi cuscini, e le sue gambe si sono aperte. Ho guardato la sua nudità. Un po' di luce lunare filtrata attraverso la nostra finestra e l'ho vista riflettersi su migliaia di piccoli peli biondi sul suo petto e sulla sua pancia. Sembrava così sexy! Quando ho guardato la sua figa, ho visto più capelli lì. Era biondo anche lui, un po' più lungo di quelli che le coprivano la pancia, ma non molto. Era un po' più spesso e sembrava molto molto morbido. L'ho sentita di nuovo con la mia mano, ho toccato le sue labbra morbide e sode della figa, le ho tirate mentre lei mi faceva scorrere le dita tra i capelli, sorridendomi malvagiamente.

"Baciami laggiù Danny, penso che mi piacerebbe davvero. Usa la tua lingua su di me. Usa le tue labbra su di me. Accarezzami con le dita e mordicchiami."

Qualsiasi cosa per la mia piccola Becky! Ho fatto come lei mi ha chiesto, e anche lei ha un buon sapore! Ero un po' preoccupato per il suo sapore, ma una volta che ho iniziato, una volta che ho sentito la sua risposta alla mia bocca, ho continuato a leccare e baciare la sua piccola figa dappertutto. Mi strinse forte la testa e gemette molto piano, il che era una buona cosa, perché l'autobus ormai era quasi silenzioso. Ho guardato in alto, oltre il suo piccolo ombelico e ho visto che i suoi capezzoli erano davvero duri.

Ho usato una mano per pizzicarli. Ha tremato quando l'ho fatto, e ho sentito un sacco di pelle d'oca su di lei allora. Chiaramente le piaceva. Con l'altra mano, le ho allargato la figa e ho trovato quella piccola protuberanza che sapevo che le piaceva che le toccassi. Penso che sia diventato più difficile per lei stare tranquilla, perché ha avvolto le gambe intorno alla mia testa e mi ha stretto. Avevo ancora la mano libera, quindi ho cercato di ricordare cos'altro le piaceva, ricordando che ci stavo facendo qualcosa prima. Lentamente mi è tornato in mente, quando ho iniziato a far scivolare le dita dentro e fuori dalla sua figa, appena sotto la piccola protuberanza che stavo leccando.

"Anche il mio culo, Danny," gemette. Oh sì, mi sono ricordato ora. I suoi capezzoli hanno dovuto fare a turno per essere pizzicati, ma sono stato in grado di far scivolare le dita dentro e fuori da entrambi i suoi buchi e leccare la sua protuberanza, ma riuscivo a malapena a respirare, mi stava stringendo così forte. Mi ha detto che stavo andando davvero bene. . . "Proprio così," disse. Mi ha detto di andare avanti, "Proprio così e non fermarti mai, mai".

Mai! Puoi crederci? Andai avanti così com'ero, certo che la stavo facendo sentire davvero bene. All'improvviso, la sua figa ha iniziato a schizzarmi. Solo un po' di sicuro, e per niente disgustoso. Non era pipì, ne ero sicuro! Perché lo schizzo sapeva proprio come la sua figa, calda e salata. E, mentre mi tirava i capelli con forza, sussurrava il mio nome più e più volte. Alla fine, le sue gambe si aprirono di nuovo e feci un respiro profondo.

Quando sono andato a leccarla ancora un po', mi ha fermato. Mi ha semplicemente tenuto il viso tra le mani. Ho cercato di rimanere ferma, ma ho guardato ancora un po' la sua figa e sembrava che le sue piccole labbra si fossero gonfiate un po'. Immagino che il suo l'abbia fatto quando era contenta. Quando l'ho guardata, ha aperto gli occhi e mi ha guardato come se fosse davvero timida. Ma quando le ho fatto un grande sorriso, mi ha tirato su in faccia per darmi un bacio assassino.

Ci ha fatto cambiare posto. L'ho vista alzarsi in piedi, il vestitino arrotolato intorno alla vita sottile. Mi ha permesso di guardarla nuda per qualche istante. Era così calda. Poi mi ha fatto appoggiare all'indietro nell'angolo e appoggiarmi ai cuscini. Si sedette e allungò le gambe, così i suoi piedi penzolavano un po' nel corridoio, e appoggiò la testa sul mio petto e mi guardò. Ero contenta perché sembrava a suo agio sdraiata lì in quel modo, guardando proprio me. E non avevo niente di cui lamentarmi. Mi ha tenuto di nuovo la mano. Anche a me ha fatto una domanda. Uno a cui potrei effettivamente rispondere senza vergognarmi o imbarazzo.

"Mi parli di nuovo del tuo libro?" Chiese dolcemente, i suoi occhi azzurri brillavano nella morbida luce della luna, i suoi capelli biondi sparsi sul mio grembo.

"Sì, Becky." Ho risposto. "Certo che posso." Così ho cominciato a raccontarle la storia di Frodo e degli hobbit. Quando l'autobus è uscito da quella piccola stazione buia poco dopo, lei dormiva e sembrava molto a suo agio e felice. So che lo ero, quando mi sono addormentato.

Quando mi sono svegliato, il nostro autobus era fermo nel traffico di una grande città. Quando la mia mente si è schiarita, sono stato in grado di leggere una targa su un'auto sotto di noi. Arkansas. Ho pensato che forse eravamo a Little Rock. Era una grande città, e sia io che Becky ci siamo fermati tre ore e mezza prima di passare a un autobus diretto a Marshall, in Texas. Ricordo che mia madre voleva che chiamassi a casa, a ritirare. Ho strofinato il braccio di Becky finché non ha iniziato a svegliarsi. Ho pensato che abbiamo dormito un paio d'ore, a giudicare dall'orologio di una banca che abbiamo superato. Avevamo bisogno di rimetterci i vestiti. Ma prima di vestirci ha dato alla punta del mio wurstel eretto un bacio bagnato e sciatto. Mmmmm.

Eravamo pronti quando l'autobus entrò in stazione. Mi ha condotto giù dall'autobus, tenendomi stretta la mano. Avevo entrambe le nostre borse a tracolla e l'ho seguita mentre saltava attraverso la stazione affollata.

«Siediti qui, Danny», disse. "Torno subito."

Mi sono seduto a un tavolino, sentendomi piuttosto stanco ma felice, mentre guardavo Becky zigzagare tra la folla. La tenni d'occhio per assicurarmi che non fosse disturbata. L'ho vista mettersi in fila in una piccola caffetteria e riempire due tazze con qualcosa. Ma non ha aspettato in fila per pagarlo! È appena passata di soppiatto da alcuni uomini alti e si è diretta verso un piccolo bancone, dove ha messo un po' più di roba nei nostri drink. Tornò al tavolo sorridendo maliziosamente.

"Becky," l'ho rimproverato. "Li hai rubati!"

"Non l'ho fatto," disse innocentemente. "Le ricariche sono gratuite." Oh, ho pensato. Non aveva molto senso, ma ero piuttosto orgoglioso di lei per averla fatta franca e tutto il resto. Non ho mai avuto il coraggio di rubare niente. "Ecco qua, Danny. Ci ho messo dentro panna e zucchero. È la mia miscela speciale di caffè e cioccolata calda."

È stato fantastico! Aveva un sapore un po' forte e caldo, ma mi ha svegliato. L'ho bevuto seduto vicino a Becky, mentre lei mi faceva ridere. Ha preso in giro tutte le persone intorno a noi, ho quasi soffiato via un po' del mio drink dal naso. Presto eravamo entrambi un po' nervosi per il caffè, quindi abbiamo deciso di esplorare il quartiere. Ho gettato i nostri bagagli sulle spalle e siamo usciti. Non era una zona molto bella, ma quando abbiamo trovato un negozio di alimentari, Becky ha detto che dovevamo entrare.

"Hai dei soldi, Danny? Per il burro di arachidi e le cialde alla vaniglia?" Lei mi ha chiesto. "Questo è il mio preferito."

Ho promesso di comprarle il meglio! Abbiamo vagato per il negozio di alimentari, divertendoci. Abbiamo trovato un grande bidone pieno di mix di tracce e ci siamo serviti a manciate abbondanti, ficcandole in bocca, ridendo mentre masticavamo molto velocemente. Ho imparato che Becky amava anche il prosciutto alla diavola e i cracker, quindi quando abbiamo avuto anche quello. L'ho portato in cassa e pagato tutto. Ma quando siamo usciti dal negozio di alimentari e siamo entrati nel parcheggio, un uomo è uscito e ci ha urlato di fermarci!

"Corri Danny, corri!" urlò Becky. Ho preso la sua manina e siamo scappati. Poteva correre abbastanza veloce, ma non così veloce come potevo. Non avevo intenzione di lasciarla indietro, però. Ho attraversato una strada, proprio davanti ad alcune auto liberate da un semaforo verde. Avevamo lasciato il nostro inseguitore alle spalle. Becky si fermò dall'altra parte della strada per salutarlo con la mano. Era così coraggiosa! Le ho tirato la mano e siamo tornati di corsa alla stazione.

"Da questa parte, Danny," disse tirandomi. È salita di corsa i gradini di un autobus, quando siamo entrati abbiamo scoperto che era vuoto. Era uno di quelli a due piani e sapeva di nuovo di zecca.

"Sei una cattiva ragazza, Becky!" urlai, seguendola lungo il lungo e ampio corridoio.

"Cosa vuoi fare a riguardo, Danny? Sculacciami?"

"Sì!" Squittì e corse via da me, le sue code di maiale che rimbalzavano, la sua borsa che le dondolava sulla schiena. Corse lungo il corridoio e poi su per le scale a chiocciola urlando mentre la prendevo e la gettavo su un sedile.

"No Danny NO!" Ha supplicato. Ma non le è servito. Nel profondo della mia mente, sapevo che stavamo suonando solo per divertimento, e questo è stato DIVERTENTE.

Ho lottato con lei e lei ha lottato per liberarsi, ma io ero molto più forte. Si contorceva molto, urlava con la sua voce acuta. Non passò molto tempo prima che l'avessi in grembo, sotto il mio controllo. "Sono così cattivo! Sono cattivo!" Lei pianse. Le ho dato uno schiaffo. "Sto ancora davvero male!" L'ho schiaffeggiata più forte. "Sono un tale criminale!"

Ho sollevato il suo vestito, esponendo il suo culo vestito di mutandine e l'ho schiaffeggiata di nuovo; il suono echeggiò nell'autobus. "Ahi! Sono una ragazza così malvagia..." schiaffo. Quando mi ha detto che le avevo sculacciato completamente tutte le cattiverie, ho smesso. E sembrava così grata, seduta sulle mie ginocchia, le sue gambe avvolte intorno a me e abbracciandomi. Mi ha dato un bacio molto bagnato, un'espressione della sua gratitudine, ha detto.

«Penso che tu stia morendo di fame», disse. "Penso che adesso ti preparo qualcosa per il pranzo. Mi passi la mia borsa?" Certo. Aprì una scatoletta di prosciutto, lo spalmò sul cracker e me lo diede da mangiare. Uno dopo l'altro. Ha mangiato circa un cracker di prosciutto su tre.

Quando abbiamo avuto sete, ha frugato nella sua borsa e ha tirato fuori una bottiglia di Pepsi. ho sussultato. "È quello che hai rubato?" Lei annuì.

"E altro ancora." lei spiegò. "E non lo sapevi nemmeno, finché quell'uomo non ci ha inseguito." Ovviamente aveva ragione, ma non aveva rubato un apribottiglie. L'ho fatto notare. Si chinò e appoggiò il tappo della bottiglia sull'orlo di metallo della finestra e gli diede uno schiaffo secco con il palmo della mano, e volò via il tappo di metallo. Oh! Alcuni dei Pepsi si sono schiumati, ma sono rimasto colpito. Mi porse la bottiglia e io ne presi un sorso grosso. Bevevamo profondamente, ruttando spesso. Abbiamo mangiato altri cracker e finito una seconda bottiglia di Pepsi, prima che lei scivolasse via dalle mie ginocchia, sdraiandosi sul sedile accanto a me, il suo vestitino arrotolato in modo che potessi vedere chiaramente le sue mutande, e quanto era abbronzata anche lei! Non me ne ero davvero accorto, ma sembrava che trascorresse molto tempo al sole. Mentre guardavo, le sue piccole gambe si aprirono. Le sue mutandine erano bagnate! Ho pensato che forse le sarebbe piaciuto una leccata. Ho chiesto.

"Becky, vuoi che ti lecchi la figa adesso?"

"Per favore, Danny, fallo. Leccami la figa adesso."

Le ho tolto le mutandine e mi sono tuffato avidamente dentro. Era bagnata, forse perché mi si era seduta in grembo mentre mi dava da mangiare. So che il mio wurstel è stato davvero difficile per tutto il tempo. Mi sono presa il mio tempo a leccarla, e lei gemeva e gemeva. Mi piaceva prendermi il mio tempo e pensavo che stesse lentamente diventando più eccitata. Ha tirato il vestito sempre più in alto finché non ha potuto giocare con le sue tette. Mi è piaciuto guardarla mentre la leccavo. Alla fine mi sono ricordato delle mie dita e ho ricominciato a tappare i suoi buchi. Ho messo le mie dita nella sua figa più lontano che mai, allungandola. Adorava quando le infilavo il pollice nel culo.

"Oh Danny Danny!" pianse, le sue mani strofinando le sue piccole tette, pizzicandole i capezzoli. Mi guardò malinconicamente, il viso arrossato.

"Voglio che tu me lo ficchi dentro Danny. Mi metti la tua salsiccia adesso?" Ero abbastanza sicuro di cosa volesse dire. Il mio cazzo era davvero a disagio, sforzandomi di liberarmi dei miei pantaloncini.

Ho tirato fuori il pollice dal suo culo e mi sono alzato, togliendomi i pantaloncini. Fissò la mia salsiccia dura, leccandosi le labbra. Rimasi in piedi tra le sue gambe, realizzando quanto fosse speciale questo momento, ma non sapendo come procedere. Mi sentivo molto goffo a strisciare tra le sue gambe, sopra di lei. Becky mi ha aiutato prendendo il mio cazzo e guidandolo verso la sua giovane figa bagnata.

"Infilalo dentro Danny. Voglio che tu lo faccia."

Ho spinto dentro di lei. Gridò, ma non credo nel dolore. Sono scivolato fino in fondo in lei. Oh mio dio, come è stato bello! Stava cedendo come una matta sotto di me; correvamo il rischio di cadere dai sedili. Ho appoggiato una gamba sul pavimento per tenerci stabili, e ho cercato di tenerla ferma per un po'. Mi avvolse un braccio intorno al collo e mi tirò verso il suo viso e mi baciò e mi morse il labbro.

"Sei così gentile, Danny, ti amo." lei tubò. Ho pensato che fosse molto carino da parte sua dirlo. Ho iniziato a spingere dentro e fuori di lei, quasi istintivamente. Sussultava ogni volta che sprofondavo in lei. I nostri occhi erano fissi, il nostro respiro era pesante, i nostri movimenti cominciavano a complimentarsi a vicenda. "Oh Dio, oh Dio!" gemette. "Ti senti così bene... sei così bravo..." Mi sentivo una campionessa, vederla potrebbe aver distolto la mia mente da quanto fosse bello il mio cazzo scivolare dentro e fuori dalla sua figa bagnata e stretta, perché quando ho concentrato la mia attenzione sul mio cazzo, ho iniziato a sentire quell'onda lavarmi addosso. Oh no! Non sapevo davvero cosa fare. Ho continuato a pompare via, di sicuro, ma ho avvertito Becky più velocemente che potevo.

"Becca!" Ho pianto. "Becky, io sono, io sono..."

"Ok, ok... va bene... andiamo Danny", ha detto, la sua voce così rassicurante che mi sono semplicemente rilassata e ho iniziato a spruzzare dentro di lei, più di quanto avessi mai fatto prima, anche nella sua bocca. È stato così bello che penso di averle morso la spalla un po' troppo forte, ma non si è lamentata affatto, mi ha semplicemente tenuto mentre le pompavo della sostanza appiccicosa. "Bravo ragazzo, sparami dentro. Bravo ragazzo, tutto quello che hai!" L'ho fatto. Tutto quello che avevo. Ero così fottutamente eccitato. Mi tenne il viso tra le mani e mi diede uno dei suoi grandi baci bagnati. "Mm." lei disse. "Sei meraviglioso, Danny." Ho pensato che anche lei fosse meravigliosa. E le ho detto così.

"Becky, ti amo davvero." gliel'ho detto, la mia voce incrinata. "Ti sentivi così bene. Non ho mai saputo com'era. Non ne avevo idea." Il mio cazzo era ancora sepolto dentro di lei, diventando un po' morbido, ma l'ho lasciato dentro di lei perché era caldo e aderente dov'era, e lei non mi ha chiesto di tirarlo fuori. Siamo rimasti così per un po'. Mi ha detto quanto si sentiva bene per me scoparla. E questo mi ha eccitato di nuovo. Alla fine se ne accorse e sussultò un po'.

"Danny! Stai diventando duro di nuovo?" Annuii, un po' vergognoso, sperando che non la facesse arrabbiare. "Buono... speravo che l'avresti fatto." Questa volta sono durato molto più a lungo, circa tre o quattro minuti. gliel'ho dato bene; ha gridato il mio nome più e più volte. Alla fine si dimenava molto e tremava dappertutto. I suoi occhi si chiusero e urlò molto forte, pensavo che tutti nella stazione degli autobus sarebbero venuti di corsa. Quando ho ricominciato a venire, mi ha tenuto il viso, sorridendomi dolcemente, incoraggiandomi a riempirla!

Ci siamo vestiti e abbiamo messo via il nostro cibo. "Dobbiamo andare a lavare Danny," disse porgendomi la mano. Ci ha portato ai bagni, dove siamo andati per strade separate. Andai al lavandino e inumidii un mucchio di strofinacci, entrai in una delle bancarelle e pulii meglio che potevo. L'ho fatto davvero due volte, volevo assicurarmi che se Becky avesse baciato il mio cazzo avrebbe avuto un sapore pulito. Speravo potessimo scherzare ancora un po', credo. L'ho aspettata fuori dal bagno delle donne. Quando è uscita e mi ha visto, ha sorriso timidamente. Si avvicinò a me e si fermò davanti a me, guardandomi. L'ho abbracciata e l'ho abbracciata stretta a me. Ha iniziato a piangere un po', e questo mi ha reso triste, speravo di non averla resa infelice o ferita comunque. Mi ha assicurato che non l'avevo fatto.

"Sono solo felice, tutto qui", ha spiegato. Penso che sia stata forse la prima volta che sono stato veramente confuso dal comportamento di una ragazza, ma sicuramente è successo di nuovo, molte volte. "Perché sei così dolce con me."

Ho chiamato mia madre a prelevare da un telefono pubblico mentre Becky era lì vicino. Ho assicurato a mia madre che andava tutto bene, anzi meraviglioso. Ho raccontato un po' a mia madre della mia nuova amica Becky, e quando l'ho guardata era arrossita, guardandomi in modo sognante. Siamo tornati al nostro autobus vuoto e abbiamo mangiato dell'altro. Ha insistito per darmi da mangiare. Abbiamo mangiato i panini che mia madre aveva messo nella mia borsa e anche altre patatine e cracker. Mi ha preparato wafer alla vaniglia e sandwich al burro di arachidi per dessert. Ero davvero pieno quando ha smesso di mettermi il cibo davanti alla bocca. "Vuoi del latte,
Danny? Potremmo andare a prenderti del latte. . ."

Scuoto la mia testa. "Sono davvero pieno, Becky." Io spiegai. Ha ottenuto uno sguardo soddisfatto sul suo viso e ci siamo rilassati sui nostri posti. Mi ha chiesto di raccontarle di più sui miei libri.

"Proprio da dove eri rimasto ieri sera, Danny, erano in quella locanda e Frodo è scomparso." Si è addormentata una ventina di minuti dopo, con la testa sulle mie ginocchia, ma io sono rimasto sveglio, così non avremmo perso il nostro autobus.

Continua. . . .

Storie simili

Divertimento per il pigiama party_(0)

Se non credi nel materiale dei ragazzi questa non è una storia per te. Per favore, dammi un feedback perché questa è la mia prima storia. Ciao, sono Charlie. Sono un ragazzo di 14 anni con i capelli castani. Sono alto 1,70 e ragionevolmente magro. Ho gli occhi verde-blu e mi sono sempre considerata etero, ma ogni tanto fantastico sui ragazzi. Quindi vi racconterò una piccola storia di quello che è successo non molto tempo fa..... Erano le vacanze e finora mi ero rilassato, ma mi stavo annoiando, così ho chiamato due dei miei amici e ho chiesto loro se volevano...

426 I più visti

Likes 0

La prima volta che condivido mia moglie

Beh, davvero non so come iniziare questa storia, quindi entriamoci subito dentro. Questa è una vera storia vera che è accaduta e ora la condivido con tutti voi ragazzi. Dopo aver finito di leggere questa storia e sei interessato a foto o video, inviami un'e-mail a [email protected]. Quindi la mia storia è iniziata circa 2 anni dopo essermi sposata. Ma prima di entrare nei dettagli pesanti, lascia che ti spieghi di noi. Mi chiamo Ethan e sono un maschio ispanico di 25 anni e mia moglie Angelina è una femmina ispanica di 22 anni. Siamo usciti insieme dai tempi del liceo...

796 I più visti

Likes 0

Festa dello sguardo

Londra è una bella città in cui vivere, soprattutto se sei uno studente che va all'università e ama le feste Non è una novità e lo sanno tutti. Così fanno tutti i proprietari. Con i loro prezzi folli, chiedono una stanza, a volte è difficile per gli studenti tenere il mento fuori dall'acqua, soprattutto se i loro genitori non sono di Knightsbridge, ad esempio. Ma come sempre ci sono alcune eccezioni. Fuori dal centro città, a poche miglia a nord di Westminster, dove in realtà ci sono diverse case che, diciamo, “fuori dall’ordinario”. Perché? Ebbene, dalle testimonianze di alcune delle cosiddette...

450 I più visti

Likes 0

Andare a letto con la babysitter Capitolo 01

LETTO DELLA BABYSITTER Trama: Una vicina lesbica usa Internet per sedurre la sua innocente babysitter. Nota: anche se pubblicata nel settembre del 2010, questa storia è stata completamente riscritta nell'ottobre del 2012. Nota 2: Grazie a MAB7991 e LaRacasse per l'editing. LETTO DELLA BABYSITTER Mi chiamo Megan. Sono una donna single di 35 anni con un bambino di due anni. Jenny era la perfetta babysitter. Frequenta una scuola privata e indossa sempre la gonna scozzese e calze di nylon alte fino al ginocchio (ho trovato interessante che indossasse calze di nylon alte fino al ginocchio e non calzini come la maggior...

1.2K I più visti

Likes 0

Ma tesoro, era solo un ballo, la storia di Linda

Sequel di; Ma tesoro, era solo un ballo. Linda racconta la sua storia a un amico. Nota: non c'è sesso in questa storia A tutti i lettori che hanno chiesto di rispondere alle domande, grazie. Ma tesoro, era solo un ballo Il seguito Un altro inverno di Chicago era storia. Oggi è stato il primo vero giorno di primavera. Quando Linda uscì, sentì l'odore dell'aria fresca e pulita del mattino. Ricorda il suono della pioggia primaverile sul tetto mentre lei e suo marito facevano l'amore la sera prima e come si aggiungeva alla sensazione calda e sicura che provava tra le...

855 I più visti

Likes 0

Segreti a porte chiuse

Ho sempre avuto un debole per gli uomini più anziani. Mi è sempre piaciuto l'idea di averne uno per me, ma non sono mai riuscito a trovare qualcuno che uscisse con una donna più giovane. Questo fino a quando non ho incontrato Jonathon. Jon ha lavorato in un negozio di violini, producendo e vendendo il suo lavoro. Non era alto, né basso. Aveva una bella corporatura e un bel viso. Jon stava lavorando il giorno in cui sono entrato nel suo negozio. Gli ho chiesto di farmi fare un giro del posto. Ha interrotto il suo lavoro e mi ha portato...

854 I più visti

Likes 0

...

318 I più visti

Likes 0

Non più una fantasia

La spogliarellista ha aperto le gambe proprio davanti alla mia faccia e nel bagliore del club squallido ho potuto distinguere un po' di succo all'ingresso della sua figa. Avrei voluto che si stesse diffondendo per me, ma stava guardando il grande tipo di operaio edile accanto a me. Era una serata amatoriale allo strip club locale e il ragazzo che le faceva gocciolare la figa era uno dei giudici del pubblico. Sono rimasto in giro per la ragazza successiva ma ero così eccitato che non ce la facevo più. Mi diressi verso il bar con la mano in tasca cercando di...

1.1K I più visti

Likes 0

Il padre protettivo di Sara, parte 9

Il padre protettivo di Sara, parte 9 La mattina presto mi sveglio poco prima dell'alba, il cielo orientale non ha perso nulla della sua oscurità. Giaccio lì circondato dai miei quattro amanti, preoccupato di cosa porterà oggi. Tra altre tre ore Sara ha un appuntamento con un nuovo dottore. Un'ora dopo la sua macchina nuova verrà consegnata a casa. Volevo davvero che Sara fosse fuori casa, ma non è quello che avevo in mente. I miei occhi si sono adattati alla poca luce che la città apporta e filtra nella stanza. Sara e Little Bobby mi coccolano ancora, Jewels e Megan...

1K I più visti

Likes 0

Infermiera gentile/Infermiera cattiva

Nota dell'autore: ho dovuto ritirare la storia di Pizza Boy perché alla fine l'ho rimpolpata e l'ho venduta a un editore. Volevano una pubblicazione esclusiva per la storia, quindi doveva essere rimossa da qui. Questa sarà probabilmente l'ultima volta che trarrò una storia per un editore, ma questa volta non ho avuto scelta. Cercalo presto su Amazon. Nel frattempo: sto scrivendo qui i miei pensieri iniziali per una storia di Nurse Nasty per vedere che tipo di risposta ottengo dai meravigliosi lettori di questo sito. Se ricevo buoni commenti, finirò la storia e la pubblicherò in un secondo momento. Anche la...

927 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.