Diventare Omega, parte 1

71Report
Diventare Omega, parte 1

Diventare Omega, parte 1

Era in piedi davanti a uno specchio nell'atrio di un hotel, il cuore che batteva, il respiro corto. Presto, tutto sarebbe diverso. Lei sarebbe diversa. Non ne aveva idea. Ma anche allora, lì, sapeva che stava cambiando.

Certo, era sempre stata una puttana. Era anche sempre stata un po' remissiva. Adorava scopare, ovviamente. Ma era proprio così: adorava scopare, e così si è fatta scopare. Non amava ancora il fatto che le persone adorassero scoparla. Il fatto che stesse rendendo felici gli altri non si registrava del tutto.

Non fino a quel giorno. Era stata invitata qui da un partner di lunga data, uno che sembrava conoscerla sempre meglio di quanto lei stessa conoscesse. È così che le piacevano i suoi partner, di solito: più intelligenti di lei, controllanti, completamente dominanti e un po' sadici. Le piaceva sentirsi piccola. Minuscolo. Incompetente. Ma era anche qualcos'altro: era dolce. Genere. Dominante e severo, certo, ma gentile quando contava. Se fosse stata il tipo da impegnarsi con un uomo, si sarebbe impegnata con lui. Si fidava di lui più di quanto si fidasse di più.

Le disse che se le piaceva essere una puttana, le sarebbe piaciuto sicuramente quello che aveva pianificato. Le piaceva essere una puttana. Non ha fatto domande.

Giovedì, il suo telefono ha squillato. Il suo cuore sussultava.

Lui: sabato alle 17:00, Downtown Hilton, stanza 804.

Elena: Ok, ci sarò!

Lui: Manca qualcosa?

Elena: Ci sarò, signore. Scusi signore :-/

Lui: Brava ragazza.

E poi, neanche dieci minuti dopo, il suo nome era di nuovo sul suo schermo.

Lui: Dopo aver lasciato il lavoro venerdì, compra una maglietta bianca, due taglie troppo piccola. Provalo. Quando arrivi a casa, prendi le forbici e taglialo tutto intorno, tre centimetri sotto le tue areole. Indossa la microgonna di velluto che sai che amo e i tacchi neri di quattro pollici. Niente reggiseno, niente biancheria intima. Capelli lisci con un'onda delicata - capisci cosa intendo. Arriva alle 16:45 e prendi un drink al bar dell'hotel per calmare i nervi. Conferma di aver capito.

Elena: Capisco signore.

Lui: Brava ragazza.

Elena: Aspetta! Posso indossare una giacca, signore? Sarà davvero inappropriato al bar di un hotel, signore.

Lui: No, Elena.

Elena: ...va bene signore.

Ecco come è successo che alle 4:57 di sabato, Elena era in piedi davanti a uno specchio nell'atrio dell'ascensore all'ottavo piano dell'Hilton Hotel, con il cuore che batteva e il fiato corto.

Ma sì, le piaceva il suo aspetto. I suoi capelli, ramati profondi e mossi, scomparvero dietro le sue spalle prima di arricciarsi dolcemente davanti alle sue lame. I suoi occhi, verdi e penetranti. Sopracciglia nere, feroci. Aveva solo 23 anni e sembrava sbalorditiva, ma da qualche parte nei suoi occhi apparve la saggezza di una donna molto più anziana.

Sorrise quando si mosse verso il basso verso il petto. Le mordicchiò delicatamente il labbro. Sentì le cosce arrossarsi, il clitoride spasmo. Sembrava davvero una troia. Qui, in questo bellissimo e lussuoso hotel, i suoi capezzoli spuntavano attraverso la biancheria di cotone attillata. Elena era formosa. I suoi seni pesavano pesantemente contro il tessuto; i suoi capezzoli erano scoperti ed evidenti. La base delle sue tette cadeva sotto l'orizzonte della sua maglietta strappata.

Erano visibili quasi dieci pollici del suo ombelico. Le sue tette erano grandi ma il suo stomaco era piatto, il suo ombelico stretto e trafitto. Un anello d'oro con uno smeraldo. L'aveva trafitto a sedici anni e non l'aveva mai cambiato.

La sua gonna, le sembrava, poteva essere più corta dell'ombelico esposto. Era ramato, come i suoi capelli, ed era stato pubblicizzato come dieci pollici. Ma qui, insegnato contro la sua pelle, non copriva nulla. Le abbracciò i fianchi e non cedette. Laddove molte microgonne si sfilacciano in un plaid giocoso da scolaretta, la sua teneva saldamente la coscia e si piegava appena nella piega sotto il culo.

Le sue tette erano grandi, il suo culo era più grande. Ha gorgogliato perfettamente, gonfiandosi e ripiegandosi su se stesso, e poi gettandosi in due gambe perfette, strette e belle.

Si mordicchiò il labbro ancora una volta, interruppe il contatto visivo con il suo riflesso e si diresse verso la stanza 804. Bussò con falsa sicurezza e sentì una chiamata dall'interno: "È aperto!"

La porta scricchiolò. Si è insinuata dentro. La sua tensione svanì.

Una delicata musica classica riempiva la stanza. Chopin, forse. Candele in sacchetti di carta fiancheggiavano il corridoio fino allo spazio abitativo centrale.

«Ciao», disse, più come una domanda che come un saluto.

"Siamo qui", disse una voce familiare. Noi?

Superò la soglia dello spazio abitativo tra un applauso. Due sconosciuti si sono seduti sul divano. Ma in piedi davanti a lei, con in mano un bicchiere di bianco, c'era Lui.

Dimenticava sempre quanto fosse stupendo. Lui era più vecchio di lei, sulla trentina. Come sempre, una manica lunga con cialda conteneva a malapena i suoi addominali. Occhi azzurri penetranti penetrarono nella sua anima. Sapeva di essere carina, ma ha sempre sentito che lui era molto più bello di lei.

"Vino, Elena?"

“Sì, Jack. Grazie."

"Scusi, Jack?"

Esitò. Osservò i due sconosciuti sul divano.

"Uhm, con loro?"

«Sì, Elena. Sanno cosa sei.

La sua faccia arrossì.

"Si signore. Vorrei del vino, signore.

Gli uomini sul divano ridacchiarono.

«È una brava ragazza, Jack. Proprio come hai detto tu.»

Elena sentì il suo respiro intensificarsi. Jack sorrise, tese la mano.

"Elena, prendi questo."

Nel palmo della sua mano c'era una pastiglia trasparente, non più grande di un'aspirina da banco.

"Che c'è, signore?"

"Prendilo e te lo dico".

“Sì, signore,” disse, e trangugiò la pillola con un sorso di vino prima di avere un momento per pensare.

«Quella piccola pillola, Elena, ti aiuterà a vedere la verità. La verità su chi sei. Di quello che stai per. Capisci?"

"Certo signore. Ma che cos'è, in realtà?"

"Chimicamente, è una dose normale di MDMA, mezza pastiglia di acido e una delicata miscela di altre erbe e spezie", ha detto Jack. Gli uomini sul divano ridacchiarono. "Non preoccuparti", disse uno. "L'abbiamo preso anche noi".

Settimane prima, Elena aveva detto a Jack di non aver mai esplorato le droghe più dell'erba e del vino. Ha detto che era curiosa e Jack ha detto che forse avrebbe pensato di creare un'esperienza per lei. Aveva completamente dimenticato l'interazione.

«Ma è molto di più, Elena. Questo ti aiuterà a trovare il tuo vero io. Questo ti aiuterà a scoprire il tuo scopo. Siediti, rilassati. Bevi un bicchiere di vino. Siamo tutti qui per amare e imparare. Siamo qui per te, Elena.

Non aveva mai sentito il suo battito cardiaco fare esattamente quello che stava facendo. Sembrava battere così velocemente che era impossibile. In alcune occasioni aveva sperimentato sesso a tre. Ma tre uomini? Questo era qualcos'altro. Ricordò ciò che le aveva detto molte settimane prima: la paura è solo eccitazione in un'altra giacca.

Respirare. Rallentare. Questo va bene. Ti fidi di lui.

"Quanto tempo ho prima che inizi?" lei chiese. "Signore."

“Inizierai a sentirlo presto e diventerà reale in forse trenta minuti. Rilassati, sii qui. Siamo tutti qui per amore. Per te."

Si sedette sul divano. Conosceva il suo posto. Si sedette tra i due uomini sconosciuti. Erano belli, gentili. Più giovane di lui - forse sui venti, forse sui trent'anni.

“Questo è Aaron,” disse Jack, indicando la destra di Elena. Era un bell'uomo dalla pelle scura. In forma, costruito. Quasi sfondando la sua maglietta. Era calvo e focoso, con Warby Parker magri e un sorriso affascinante. Lei sorrise e gli prese la mano.

"E questo è Scott", disse ora, indicando la sua sinistra. Scott era un uomo più magro ma ben definito. Ricci capelli castani e biondi. Una mascella stretta. Potrebbe essere stato un bagnino in gioventù. Gli sorrise.

"Sei bellissima stasera, troia", disse Jack. Elena trasalì. Arrossì. Guardò gli uomini accanto a lei. Jack lo sventò con un sorso del suo vino.

"Noi stigmatizziamo la parola 'troia', vero", ha detto Jack. Tutti e tre sul divano annuirono.

Si sedette su una sedia di fronte a Elena e agli uomini sul divano. Incrociò le gambe. “Stigmatizziamo del tutto la mentalità sottomessa: le donne che vogliono compiacere. Stigmatizziamo l'idea di servizio, di servire disinteressatamente, di essere meno di qualcun altro".

Scosse la testa come se l'idea fosse assurda. Elena era sicura che fosse venuto con questo piccolo discorso preparato, ma non le importava. Era ipnotizzata. Lo era sempre quando parlava.

“E così le persone come te, Elena, troie e bimbos che sentono profondamente che i loro corpi sono al servizio, provano questa oscura fitta di angoscia. Sembra sporco, vero? Perché queste parole devono essere assolutamente negative? Perché presentarsi in questo modo - sessualizzato e disposto a dare - significa che qualcosa non va in te. Non significa proprio il contrario? Non significa che sei altruista?"

Elena annuì.

“E le persone come noi? Ci viene fatto sentire che in qualche modo ti stiamo manipolando, Elena. Crediamo che ti stiamo ingannando, in qualche modo. Quindi anche noi sentiamo l'angoscia. Limita il nostro potenziale. Limita il tuo.

Anche gli uomini ora annuirono. Elena sentiva una tenerezza tra le sue braccia, una sensibilità per la brezza più dolce, una freddezza in lei che non riusciva a spiegare. Jack puntò il dito verso Elena e lo alzò. Elena capì e si alzò in piedi, sempre tra i due uomini sul divano. Poteva sentire i loro occhi sul suo culo. Poteva sentire il loro sguardo tracciare i succhi della sua figa lungo le cosce. Il suo clitoride si contrasse. Sentì il bacino spingersi dove si trovava, il culo che si stringeva.

“Stasera, troia mia, saremo noi stessi. Faremo esattamente ciò che viene naturale. Troveremo il tuo vero scopo".

I suoi occhi si chiusero. La sua vista si offuscò e tornò.

“E domani, quando ti svegli, ti sveglierai felice, con un senso di libertà, un senso di sollievo. Ti piacerebbe, vero, troia mia?"

Elena sorrise. Annuì.

"Dillo, troia."

«Voglio trovare il mio vero scopo stasera, signore. Voglio sapere a cosa mi servono, signore.

Gli uomini applaudirono, tutti e tre. Un'ondata di profondo amore e apprezzamento la investì. Tutto in una volta, pace. Nient'altro che libertà. Sperare. Desiderio.

"Grazie Signore. Grazie a tutti."

Adesso le sue mani erano sulle sue tette. Accarezzare distrattamente, tracciare.

"Prego, troia", disse Aaron, con una mano che le si spostava su per la coscia. Elena allargò distrattamente le gambe, facendo le fusa in segno di apprezzamento per l'insulto, credendo di poter essere toccata da un perfetto sconosciuto senza pensarci. Arrossì. Troppo entusiasta? "Mi dispiace, signore, è solo che... sto solo sentendo l'amore in questo momento."

"Lo sappiamo, troia, e lo sentiamo anche da te, nostra cara."

Jack controllò il suo bicchiere. "Slut, vai a prendere dell'altro vino."

Era un ordine gentile, ma Elena sentì la sua figa stringersi. Jack aveva stabilito il potere, lei lo aveva perso. Era di servizio; dovevano essere serviti.

"Questo è quello per cui sono, signore." Ridacchiò e un'altra ondata di amore la sopraffece. Si voltò e si avviò verso la cucina.

"No, troia", disse Jack. Elena si guardò indietro.

“Strisciare in cucina. Come un cane."

Tre uomini ricambiarono lo sguardo. Per un lungo momento, non ci fu nient'altro che il Notturno n. 2 in mi minore di Chopin che ballava per la stanza. Anticipazione.

E poi, quasi di loro spontanea volontà, le sue ginocchia cedettero e cadde sul tappeto. I suoi occhi rimasero fissi sui suoi. Il suo respiro si intensificò.

"Si signore. Come un cane, signore.

Si voltò, di fronte agli uomini, e appoggiò i palmi delle mani sul tappeto. Sapeva che la sua figa era esposta a tutti e sapeva che gocciolava. Le sue dita solleticarono il tappeto e chiuse ancora una volta.

Strisciò lentamente, delicatamente.

“Veramente,” disse Aaron. "Penso di essere deciso sul vino." La sua voce era più vicina di quanto si aspettasse.

"Posso portarle qualcos'altro, signore?" disse senza voltarsi.

"Sì. Metti la faccia nel tappeto, culo in su", ordinò. Era questo. Sapeva davvero che questo momento stava arrivando - questo bellissimo momento di completo servizio a un perfetto sconosciuto - dal momento in cui aveva incontrato Jack, mesi prima.

«Sì, signore», disse.

E lei ha obbligato. Alzò il culo, premette la faccia contro il tappeto. Era sempre così positiva che poteva sentire ogni singola fibra che le pungolava la guancia. I suoi occhi svolazzarono di nuovo. Si innamorò della sensazione di essere presente. Essere sul pavimento. Essere osservati.

"Signori, venite a vedere com'è brava questa troia", disse Aaron. Sentì dei passi.

"Te l'avevo detto che è una bambina obbediente - ha solo bisogno di un piccolo calcio dall'altra parte", ha detto Jack. "Non è vero, mia cara troia?"

"Si signore. Come posso rendervi tutti così felici in questo momento, felici come mi sento io?”

"Offriti", disse.

Non si è mossa. Faccia nel tappeto, culo a tre uomini, ha offerto tutto ciò che valeva.

“Per favore signori. Posso per favore darti me stesso, tutta la notte? Il mio corpo è tuo da scoprire.

Aaron le passò dietro. Una mano le toccò la figa. Elena sobbalzò. strillato. Gli uomini ridevano.

"Prima il culo, per favore", implorò. "Per favore, per favore, prendi prima solo il mio culo." Non voleva provare piacere. Voleva sentire la servitù. Per sentire altruismo.

Jack cadde in ginocchio davanti a lei. L'ha tirata da terra per i capelli. "Sei pronta?" le chiese, afferrandole la gola. "Questo è il momento. Questo è l'inizio del resto della tua vita".

“Lo voglio,” disse, lottando per respirare. Affamato. "Per favore, lo voglio signore." Il tintinnio metallico della fibbia di Aaron dietro di lei. Si stava mettendo in fila. Lubrificare il suo cazzo.

"Allora dimmi il tuo scopo."

Aaron ha spinto, fino in fondo. urlò Elena. “Sono un manicomio, signore! Io sono per gli altri. Non importa!”

"Siete dei buchi da usare", disse Jack.

«Sono dei buchi da usare, signore», urlò.

«Apri la bocca», disse Jack. Ha obbedito come il nulla che stava diventando. Le sputò in fondo alla gola. Ansimò, deglutì.

"Di più, signore!" Sputò di nuovo. "Di più!" Le diede un rovescio in faccia. Le palle di Aaron schiaffeggiarono la sua figa. I pantaloni di Scott caddero a terra.

"Più duro signore!"

Jack schiaffeggiò di nuovo. “Lo senti? Sei tu che sei stato creato per il servizio. Schiaffo! Ecco che conosci il tuo posto. Schiaffo! Sei tu. Schiaffo! Diventare. Schiaffo! Uno schiaffo! Schiavo. Schiaffo!

Lei ha urlato. gemette. Aaron ha scopato più forte, più velocemente. Scott ha sostituito Jack prima di lei e le ha infilato il cazzo in gola. Lo ha portato alla base.

Famelico. Affamato. Ansimando. Urlando.

Gli uomini si scambiarono. Scott ha tappato il suo buco del culo aperto. Aaron le ha scopato il cranio.

Non si era mai sentita così prima; consumato in qualche modo dalla completa sottomissione, libertà e amore in egual misura nello stesso momento.

Aaron le prese la testa tra le mani. “Muovi le mani, puttana. La tua faccia è la mia". Lei tirò le mani dai suoi fianchi e se le mise dietro la schiena. Scott li ha rinchiusi insieme da dietro.

Aaron le ha scopato la gola. Più forte. Più forte. Non riusciva a respirare ma non le importava. Sentì le sue stesse lacrime rigarle il viso. È stata costruita per questo. Amava questo. Lei era questa.

"Sto venendo, stupido fottuto stronzo!" gridò Aaron. Sentiva a malapena il getto di sperma colpirle la parte posteriore della gola. Scott batteva sempre più forte e gemeva da dietro, il suo climax cresceva.

Era tutto troppo per lei. Lei urlò, chiuse le persiane. "Ouhrhghf" attorno al cazzo di Aaron. Il suo corpo ebbe uno spasmo incontrollabile. Non era solo il suo culo, ma nella sua pelle, nella sua mente. Nel suo stesso essere. L'ha consumata. "Fuckkkkkk" urlò. L'orgasmo la squarciò come un treno merci.

Si accasciò a terra.

Ansimando.

Silenzioso, ma per il dolce sussurro del pianoforte classico. Aaron e Scott, accasciati accanto a lei. Jack, di nuovo sulla sedia davanti a lei, a sorseggiare del vino. L'immagine di lui era più nitida, in qualche modo. Più reale. Più cristallizzato. Stava vedendo il mondo in alta definizione per la prima volta.

"Alzati", disse, e lei lo fece.

“Chini la testa,” disse, e lei lo fece.

"Per cosa sei?" Egli ha detto.

"Io sono per gli altri", ha detto. E lei lo era.

Jack si alzò. Le si avvicinò, le mise un dito sotto il mento. Nel sussurro più debole, appena udibile, parlò ancora una volta. "Sei pronto a mostrarlo?" chiese.

«Sì, signore», disse. E lei gli baciò il collo. Sorrise.

«Vieni con me», disse, prendendole la mano. Lo seguì lungo il corridoio, le piccole candele nei sacchetti di carta che ballavano e brillavano e la facevano sorridere. Jack aprì la porta della camera da letto e gli occhi di Elena si spalancarono.

Sul letto, scritto a rose: "Benvenuto nella tua rinascita". Le candele tremolavano sugli scaffali. Al centro, una corona di spine e rose. Squittì: "Grazie signore! È bellissimo!"

L'ha baciata. Profondamente. Appassionatamente. Il suo cuore era inondato dall'amore della servitù.

"Sul letto, distesa l'aquila." Lei obbedì. Le posò la corona sul capo. Avvolse una sciarpa intorno ai suoi occhi e il mondo divenne nero.

Dietro di lei, sentì lo scatto di un berretto Sharpie. Poi, la sensazione fresca del pennarello sulla sua schiena. Non riusciva a capire cosa avesse scritto, ma adorava la sensazione.

Il suono delle cinghie che emergono da sotto il letto. Manette di metallo bloccate ai polsi, alle caviglie. E poi le sussurrò all'orecchio, sempre così piano, "tu sei per gli altri". Le baciò la guancia.

"Io sono per gli altri", mormorò tra sé.

Passi. I suoi passi, svanendo verso la porta. La sua voce. Un sussurro.

"Apri la porta. Fateli entrare tutti. Uno di voi sempre nella stanza.

Conosceva il suo scopo. Sapeva a cosa serviva. Era pronta per ricominciare.

____

Parte seconda in arrivo. Puoi contattare l'autore all'indirizzo verballicentia [at] g mail .com

Storie simili

Il compagno del campione 12

La tarda estate al Menthino è stata un periodo intenso. Kaarthen si ritrovò nella gigantesca stanza della mappa del palazzo. L'intero piano era un'immagine in movimento in tempo reale di Menthino, scale su rulli e tavoli cartografici su ruote erano lungo le pareti. Marcos era vestito in modo quasi casual con una camicia di seta verde scuro e pantaloni neri Safi. La regina e due principesse, Saliss la più anziana e Ruegin, ascoltavano con lei i piani annuali di migrazione dalle vaste pianure alluvionali a Cardin. Tre Hjordis in nero Safi con i capelli raccolti in chignon stretti stavano lungo il...

1.1K I più visti

Likes 0

Lussuria 3

Ancora una volta, stavo terminando la notte masturbandomi dopo essere stato estremamente eccitato a causa delle avventure di mia figlia. Oggi è stata una giornata pazzesca e non potevo credere a quello che era successo dopo aver calmato i miei pensieri arrapati con un orgasmo. Mi sono addormentato come un angelo dopo. Al mattino mi sono svegliato presto e ho preparato la colazione. Quando i bambini sono scesi, ho servito loro dei cereali e ho preso la banana che mia figlia aveva messo nel culo la sera prima e l'ho data a mio figlio. Ho guardato il viso di mia figlia...

1K I più visti

Likes 0

In famiglia (parte 5)_(1)

Vuoi un po' di compagnia? Cam fece capolino nella doccia. La guardai con gli occhi socchiusi mentre mi tiravo indietro i capelli bagnati dagli occhi. La bella addormentata è finalmente in piedi. ho preso in giro. Fece una risatina e aprì la porta a vetri. Devi sciogliere l'asciugamano, lo sai. dissi, guardando l'asciugamano che stringeva così forte al suo corpo. Entrò e gettò l'asciugamano per terra. Era tutto pieno di vapore nella doccia, quindi non potevo vederla chiaramente, ma potevo vederla. Mamma e papà non si sono ancora alzati? Non credo. Disse e prese una bottiglia di shampoo. Perché non ti...

910 I più visti

Likes 0

Il mio fascino ha portato alla realtà.

Mio marito Daniel ed io (Gina) eravamo sposati da circa cinque anni. Abbiamo avuto una vita sessuale attiva anche prima del matrimonio. Ma si è intensificato dopo il matrimonio. Avevo usato giocattoli sessuali prima di incontrarci e si è eccitato quando l'ha scoperto. Siamo passati alla recitazione in costume. Gli piacevo vestita da infermiera sexy. Mi piaceva travestirmi da Padrona e farmi obbedire. I giochi sono diventati più folli con il passare del tempo. La cosa Dom è diventata più aggressiva. Ho iniziato a chiedermi da dove prendesse tutti questi giochi selvaggi. Ha iniziato a chiedermi di mettermi in ginocchio e...

677 I più visti

Likes 0

Due settimane con Horas - Capitolo 2

Prendo mia moglie con il cane di mio fratello. All'inizio arrabbiato, comincio a capire l'attrazione. Dopo che Horas ha nuovamente servito Cathy e poi ho avuto il mio turno, ci siamo diretti verso la doccia. Cathy era così cablata e si è aggrappata a me, baciandomi e ringraziandomi. Potrei dire che le piaceva davvero Horas. Potevo vedere perché. Era tutta forza bruta, un grosso cazzo grosso e una lingua ben praticata. Brian e Leena lo avevano ovviamente addestrato bene. Ero molto grato che Leena non avesse detto a mio fratello che anche Cathy era una delle puttane di Horas. mi sarei...

722 I più visti

Likes 0

Quid pro quo

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>PARTE 1: L'intervista >>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>> Luke si trova nell'ascensore e si dirige verso l'ultimo piano della Salesforce Tower. Ha il caffè in mano portando lo zaino su una spalla. Fissa il suo riflesso sulla porta dell'ascensore. Sta a 6'0 vestito nel suo solito look casual da lavoro. Ha pantaloni argentati su misura per la sua corporatura con una camicia blu abbottonata e un paio di scarpe nere. L'ascensore suona e la porta si apre. Si fa strada lungo un corridoio e si dirige verso la suite dell'azienda per cui lavora. Luke apre la porta e si dirige verso l'area della reception...

625 I più visti

Likes 0

Riunione arrapata (parte 5)

(Ecco l'ultima parte scritta finora, posterò il resto quando ci arriverò.) Le mie braccia la avvolsero intorno, tenni il suo corpo vicino al mio mentre entrambi i nostri orgasmi si placavano. Potevo sentire il suo cuore battere lentamente contro il mio petto e il suo respiro contro il mio collo prendere gradualmente un ritmo normale. Si strofinò contro l'incavo del mio collo e mi baciò sulla spalla. Con un braccio che le teneva ancora il corpo, mi pettinai con le dita, gettai i suoi lunghi capelli e le baciai la sommità della testa. Poi ha alzato la testa, baciandomi il collo...

599 I più visti

Likes 0

Caduta celeste - Capitolo 5-6

Capitolo Cinque Estratti dal passato Immortalità: idea abbagliante! Chi ti ha immaginato per primo! Era forse qualche allegro borghese di Norimberga, che con il berretto da notte in testa e la pipa di terracotta in bocca, sedeva in una piacevole sera d'estate davanti alla sua porta, e rifletteva in tutta la sua comodità che sarebbe stato piacevole se, con pipa inestinguibile, e respiro infinito, poteva così vegetare innanzi per una beata eternità? O era un amante, che tra le braccia della sua amata, pensava il pensiero dell'immortalità, e questo perché non poteva pensare e sentire nulla accanto!... Amore! Immortalità! Heinrich Heine...

565 I più visti

Likes 0

Agenzia per l'adozione inviata dal cielo

~~Introduzione~~ Questa storia inizia con quattro ragazzi molto belli. Erano intelligenti oltre il loro tempo. Il primo si chiama Michele. Michael proveniva da una famiglia di altissimo livello. Suo padre possiede più della metà delle banche negli Stati Uniti, quindi il suo background era perfetto. Non ha mai avuto nessun tipo di problema per tutta la sua giovane vita, la famiglia sempre in giro (tanto amore), ed è un figlio molto educato. Stava compiendo 25 anni ed era al secondo anno al college (non nominerò il college, per altri motivi, ma era qualcosa come la fascia alta, come Yale), aveva una...

508 I più visti

Likes 0

Giorni di appuntamenti

È stata una bella giornata alla Woodrow Wilson High, situata nel nord della California. (Che posto strano per nominare quella scuola lì). Mi chiamo James Carten. Sono un atleta regolare, ho giocato in quasi tutte le squadre. Ho iniziato il mio primo anno di liceo, gli ormoni al loro apice. Sfortunatamente, non ero il massimo con le donne. Potrei parlare con loro, essere d'accordo con loro, ma non potrei mai chiedere loro di uscire. Ho provato a cambiarlo presto. Sono entrato nel primo ciclo, stanco da morire, ma il lavoro lo faccio lo stesso. Guardo questa ragazza, Chelsy, mentre è seduta...

461 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.