Bronzo, capitolo 1

882Report
Bronzo, capitolo 1

Entrando nelle sue stanze, chiuse la porta e appoggiò il suo elmo da gladiatore su un cuscino vicino. Togliendosi i sandali, attraversò il corridoio fino alla camera da letto, fermandosi quando vide una donna in piedi davanti al letto. "Mi hanno detto che avevo un regalo in attesa. Come ti chiami?" chiese.

La sua risposta fu dolce e non alzò lo sguardo. Indossava solo un top bikini con maglie di bronzo e una cintura abbinata larga due pollici e posizionata perfettamente per coprire la sua femminilità rasata. Stava in piedi, le braccia lungo i fianchi, le spalle quadrate per dare al seno la migliore postura, i piedi uniti con un ginocchio in avanti e un po' di lato come per nascondere il più possibile nel suo stato attuale. Le disse di voltarsi in modo che potesse vederla, e lei obbedì con riluttanza, lasciando che lui guardasse il suo corpo seminudo, sentendo i suoi occhi sulle sue gambe lisce e rasate, sulla sua schiena forte e bella, e soprattutto sul suo sedere, che sentiva che era troppo grande ma nonostante ciò quando lo vide i suoi occhi si spalancarono e sorrise.

"Togliti i vestiti," le ordinò. Obbediente, allungò una mano all'indietro, si slacciò il top e lo lasciò ricadere mentre cercava di coprirsi con un braccio. Poi si slegò la cintura e lasciò cadere a terra anche quella, sentendosi ancora più vulnerabile e cercando più che mai di coprirsi senza dare l'impressione di farlo. «Sdraiati», le ordinò, e lei inspirò bruscamente e si sedette sul letto. Scivolando su, appoggiò i piedi uniti sul bordo del letto e si adagiò lentamente finché le sue spalle non si appiattirono sulle lenzuola di seta, lasciando cadere le ginocchia di lato mentre cercava di coprirsi i seni con le braccia. Chiudendo gli occhi, appoggiò la testa di lato e aspettò l'inevitabile.

Era già a torso nudo per aver combattuto nell'arena, e tutto ciò che indossava era la sua spada nel fodero e una gonna da combattimento di metallo color bronzo lunga fino al ginocchio, che si tolse prontamente. Estraendo la sua spada, ora era completamente nudo sul bordo del letto, il suo pene era alto, già duro come la roccia, a tradire quanto fosse preso da questa donna sexy sdraiata davanti a lui sul suo letto. Sentì il filo della spada tra le sue gambe, e sobbalzò leggermente prima di capire il suo significato e lentamente, con riluttanza, aprì le ginocchia. Il tocco della spada continuò finché le sue gambe non furono divaricate al massimo, i piedi appoggiati sulle lenzuola agli angoli e le ginocchia sollevate in aria, completamente esposte a questo vittorioso gladiatore a cui era stata presentata.

Poi sentì la punta della spada sulle braccia, e obbediente aprì anche le braccia, posandole sopra la testa sulla seta. A dire il vero, si sentiva al caldo ea suo agio, sentendo in qualche modo che sarebbe stato gentile. Tuttavia, non era mai stata con un uomo prima, e ora poteva sentire le cavigliere di bronzo che le venivano messe e allacciate. In quel momento anche i braccialetti erano allacciati intorno ai suoi polsi, e quando cercò di muoversi scoprì di essere saldamente incatenata e completamente impotente, anche più di prima.

Poi sentì una mano sulla sua caviglia, che le accarezzava la pelle mentre si muoveva lungo il polpaccio, intorno al ginocchio, e cominciò a risalire lungo la coscia. Lo sentì serpeggiare lentamente, assicurandosi di palpare ogni centimetro delle sue gambe lisce e nude finché non raggiunse i suoi fianchi, dove si diresse verso nord, sfiorandole delicatamente le labbra della figa mentre passava, il che le fece venire i brividi di piacere lungo la schiena. "Wow, è stato davvero bello. Forse non sarà poi così male, dopotutto," pensò tra sé.

Sentiva due mani, adesso, che le carezzavano i fianchi, poi lo stomaco, e le sollevavano i seni mentre giacevano completamente indifesi all'aria aperta. Sentì i palmi sui capezzoli e le dita che la afferravano e le massaggiavano le tette in un modo che le era del tutto sconosciuto; e suo malgrado, le piaceva. Sentì un lieve gemito schiudersi le labbra e uscire dalla sua bocca aperta. "Forse dovrei almeno vederlo," pensò tra sé. "Non ci può essere molto male in questo." Le mani avevano smesso di toccarla e lei aprì appena gli occhi per sbirciare da un angolo questo gladiatore forte e bello.

Aveva assistito all'evidente piacere sul suo viso, e quando lei guardò lo vide in piedi ai piedi del letto con le mani sui fianchi e un sorriso compiaciuto sul viso. I suoi occhi corsero lungo il suo corpo muscoloso, che lei approvava con tutto il cuore, e si posarono sul suo pene eretto. I suoi occhi si spalancarono e lo sentì ridacchiare leggermente mentre faceva un breve respiro. Non aveva mai visto un cazzo prima, e la vista della sua grande testa setosa, l'asta dura come la roccia e le palle ben rasate catturò i suoi occhi come in una trance di energia sessuale. I suoi occhi seguirono il suo membro lussurioso mentre lo faceva girare intorno al letto e lo teneva proprio accanto al suo viso. "Baciala," le ordinò.

Lei annuì leggermente, e ancora insicura di sé, aprì le labbra per il pene che ora era a un centimetro appena dal suo viso e posò un lungo, attento bacio sulla punta di quella testa setosa. La sua vista stava iniziando a farle battere il cuore più velocemente ea riempirla di un calore elettrico che non aveva mai provato prima. Poi, ritirandosi, alzò lo sguardo incuriosito su di lui, che sorrise e con un mezzo passo in avanti le ordinò: "Leccalo".

Tornando all'asta davanti alla sua faccia, allungò la lingua e iniziò a farla scorrere su e giù per il lungo e duro cazzo che le riempiva le labbra anche con la sua circonferenza. Adesso stava cominciando a divertirsi, e anche se le sue braccia e le sue gambe si sentivano ancora paralizzate, muoveva la testa e la bocca avanti e indietro per poterle leccare per tutta la lunghezza, e scese persino ad accarezzargli dolcemente le palle e leccare il suo sacco di palle rasate con la lingua. Mentre tornava alla testa e leccava la parte inferiore dove incontrava l'asta, questa sussultava e si gonfiava.

Colpì di nuovo la sua bocca e sentì l'energia sessuale salire attraverso il suo corpo, giù fino alle tette, facendo rizzare i capezzoli e come un fulmine colpire la sua figa nuda. Lei inarcò la schiena per il piacere e il suo clitoride iniziò a indurirsi mentre girava la testa di lato e prendeva avidamente tutta la sua testa gonfia nella sua bocca. Ondeggiando lentamente, ne accarezzò la parte inferiore con la lingua e arricciò le labbra intorno alla cresta che la sua testa aveva creato con l'asta. Proprio mentre iniziava ad assaggiare il pre-cum, lo sentì uscire dalla sua bocca e lo guardò con desiderio.

Ora che aveva assaggiato un cazzo forte e virile, era impegnata e non voleva altro che sentirlo pulsare dentro di lei, desiderarla e prenderla con forza. I suoi occhi non lasciarono mai la sua virilità rigida e gonfia mentre lui tornava ai piedi del letto e si fermava tra le sue gambe. Timidamente, allungò il piede e iniziò ad accarezzare lentamente, dolcemente, il suo membro allargato con il piede, arrossendo mentre pulsava e si gonfiava al suo tocco. Lui, a sua volta, allungò la mano e iniziò a far scorrere le dita su e giù per la sua figa ora bagnata, aprendo leggermente le labbra e sfiorandole costantemente la clitoride mentre la accarezzava.

Rotolò indietro la testa e chiuse gli occhi, inarcando di nuovo la schiena in preda al piacere sessuale. Immaginarlo mentre si spingeva dentro di lei, spingendo il suo grosso e grasso cazzo nella sua figa e prendendo a pugni la sua femminilità esposta, intensificò il suo desiderio e la spinse verso l'orgasmo. Lo sentì allontanarsi e si ritrovò a pregarlo dolcemente di non fermarsi. Sentì le cavigliere slacciarsi e pensò con orrore di aver in qualche modo offeso questo guerriero spietato. Ma poi sentì delle forti mani sulle sue caviglie e le sentì ribaltarla sul ventre e le manette che venivano sostituite.

Spingendo il petto in basso verso il letto, spinse il suo culo rotondo e morbido più in alto che poteva, e con le caviglie già separate, la sua figa sporse le labbra imbronciate verso il suo proprietario in una richiesta di gratificazione sessuale. Invece, sentì le sue mani potenti che palpavano la pelle liscia ed esposta del suo sedere e correvano su e giù per le sue gambe. "Per favore," supplicò, "per favore fottimi la figa." Le mani risalirono sul suo culo e lei sentì i suoi pollici massaggiare tutto intorno al suo organo sessuale in attesa.

Questo ha solo esasperato il suo bisogno di essere soddisfatta e ha iniziato a supplicare freneticamente. "Oh per favore, per favore, scopami la figa! Per favore! Voglio così tanto il tuo cazzo. Voglio sentire il tuo cazzo dentro di me. Oh per favore, ho bisogno che il tuo cazzo duro come la roccia devasti la mia figa indifesa. Sono così bagnata. La mia fica ha bisogno più di ogni altra cosa di afferrare un cazzo forte e palpitante, ed è così impotente in questo momento. Per favore!" Lo sentì esitare, poi togliersi le mani dal sedere e afferrarle i fianchi.

"Sì! Per favore! Per favore!" gridò quando sentì la punta del suo pene toccare delicatamente le labbra più esterne della sua vagina. Ma poi sentì una pausa, e il cazzo iniziò a correre su e giù per la sua fessura, strofinando la sua lunghezza e le sue palle contro la sua fessura gocciolante. "Oh! Per favore, per favore," piagnucolò, "Guida la tua asta lunga e rigida dentro di me. La mia figa è così impotente, ti sta solo aspettando. Sto gocciolando, sono così bagnata!" Sentì il pene staccarsi da lei e tremò per l'anticipazione mentre aspettava impaziente di essere devastata dal membro gonfio.

Poi sentì una lingua sulla sua clitoride mentre lui le baciava e leccava la fica, facendo scattare il suo bottone d'amore con la punta della lingua mentre la leccava. Era sull'orlo dell'orgasmo e sapeva che l'unica cura era essere cavalcata duramente da un cazzo forte, così gridò di nuovo con un gemito imbronciato e desideroso. "Oh. Sono così vicino. Per favore, solo una volta, prendi il tuo cazzo enorme e duro come la roccia e apri a forza le labbra della mia figa con la tua testa gigante. Oh, per favore, per favore, spingi la tua asta in profondità nella mia figa. il tuo cazzo."

Alla fine, le sue suppliche furono esaudite. Sentì un enorme cazzo allargare le labbra della sua figa e tutto in una volta sbattere la sua lunghezza lungo il suo buco bagnato fradicio e toccare il fondo con palle morbide e lisce che schiaffeggiavano forte contro il suo clitoride. La subitaneità di ciò e la sua intensa suspense le fecero raggiungere l'orgasmo quasi istantaneamente e la sua figa si strinse intorno al suo invasore gonfio mentre la speronava ancora e ancora.

Ha urlato in estasi mentre il suo climax rombante continuava e faceva scorrere fiumi di sessualità su tutto il suo corpo. Il cazzo ingrossato e palpitante accelerò il suo ritmo e lei venne di nuovo mentre si spingeva dentro fino in fondo, si gonfiava al massimo e raggiungeva l'orgasmo in schizzi di sperma caldo e bianco. Le riempì la figa finché non ce la fece più a reggere e fluì oltre i bordi su questo grosso cazzo invadente e corse lungo l'interno delle sue cosce.

Crollò sul letto e sentì le braccia e le gambe liberarsi, e si avvolse nelle lenzuola di seta. Si avvicinò e la baciò sulla guancia, il che le fece arrossire il viso e lei seppellì il sorriso sotto le coperte. "Ora vado a farmi un bagno," lo sentì dire. "Puoi restare a casa mia quanto vuoi." Quando se ne andò, lei provò un brivido e un sollievo; aveva finalmente trovato un posto che poteva chiamare casa.

Storie simili

diario di una casalinga. prima parte.

Sposarsi ha causato molto stress nelle nostre vite. Rick si rifiuta di lasciarmi lavorare, e anche con una nuova casa in città (in una zona a basso reddito) e le bollette che accumulano si rifiuta di muoversi. Smorza la nostra relazione e ci mette a dura prova emotivamente e sessualmente. È costantemente al lavoro. Lo stress gli rende difficile essere affettuoso. Vedi dove sta andando. Sono una brava ragazza. E una buona moglie. Ho cercato per settimane di soddisfarlo. Ogni mattina lo succhiavo a secco. Quando è tornato a casa tardi, ho messo da parte i miei bisogni e l'ho succhiato...

1.8K I più visti

Likes 1

Incontro il mio nuovo vicino e WOW

La mia famiglia si era appena trasferita in questo quartiere in una nuova casa, ed è molto carina. La nostra nuova casa ha una piscina ed è alta due piani con le camere da letto in cima. Il motivo principale per me è stato quello di frequentare l'università locale, che è molto apprezzata nella materia che sto studiando. Non ci è voluto molto per incontrare i nostri vicini perché erano molto amichevoli. I nostri vicini hanno circa 30 anni. Io ho 18 anni. Sembra un vero fusto e sua moglie è un'assistente di volo, molto attraente ed è spesso fuori casa...

451 I più visti

Likes 0

RD e lo stupro di Mon 2

Torneremo domani, con gli abiti che ti sarà permesso di indossare qui in casa, indosserai quello che ti diciamo, quando te lo diciamo, e non ti lamenterai, vero? Di nuovo, la mamma si limitò ad annuire con la testa per acconsentire. Ora, visto che sta per succedere, tanto vale che tu lo faccia il meglio che puoi. Ha dato alla mamma uno spinello che Chris aveva acceso. La mamma lo prese senza cambiare espressione e cominciò a inspirare. Matt si sedette accanto a lei; Chris dall'altro, e ognuno prese un seno e cominciò a giocarci. Era così intenso, o erotico. Mamma...

483 I più visti

Likes 0

Divertimento in famiglia_(4)

Linc Walker ha parcheggiato il suo maiale davanti alla casa mobile in discesa, ha girato la sigaretta mezza bruciata ed è entrato nell'area disordinata della cucina-soggiorno della roulotte di venticinque anni!!! C'è qualcuno qui, gridò nel silenzio, ehi, Linda, sei già a casa!?! Figa stupida, mormorò tra sé mentre apriva il frigorifero per prendere la birra, se fosse mai puntuale sarebbe un fottuto miracolo, prima di prendere una lunga boccata dalla bottiglia dal collo lungo!!! Era quasi pronto per sdraiarsi davanti alla TV quando ha sentito dei canti provenire dal bagno all'estremità del trailer!!! Si diresse verso la porta del bagno...

1.4K I più visti

Likes 0

Riunione arrapata (parte 5)

(Ecco l'ultima parte scritta finora, posterò il resto quando ci arriverò.) Le mie braccia la avvolsero intorno, tenni il suo corpo vicino al mio mentre entrambi i nostri orgasmi si placavano. Potevo sentire il suo cuore battere lentamente contro il mio petto e il suo respiro contro il mio collo prendere gradualmente un ritmo normale. Si strofinò contro l'incavo del mio collo e mi baciò sulla spalla. Con un braccio che le teneva ancora il corpo, mi pettinai con le dita, gettai i suoi lunghi capelli e le baciai la sommità della testa. Poi ha alzato la testa, baciandomi il collo...

1.4K I più visti

Likes 0

Fottendo mia madre_(0)

Mi chiamo Max, ho 18 anni e non ho mai pensato a mia madre come a un essere sessuale. Voglio dire, lei è mia madre! Lei è sempre stata più di questo, però. Mio padre ci ha lasciato quando avevo 10 anni, quindi per 8 anni siamo stati solo io e lei a rendere più forte il nostro rapporto. Lei è più di mia madre; lei è una delle mie migliori amiche. Non fraintendermi neanche su mio padre. Si scopre che gli piacevano solo i ragazzi: non posso aspettarmi che viva una bugia per il resto della mia vita. Mia madre...

672 I più visti

Likes 1

Tocca - Capitolo 2

Tocca - Capitolo 2 Le cose sono diventate imbarazzanti rapidamente, Kelly e io avevamo appena fatto del sesso bollente insieme senza sapere davvero perché l'avessimo fatto. È stato perché sono venuto su di lei e lei non voleva fermarmi? Ma poi stava partecipando altrettanto... non riuscivo a metterlo insieme. Abbiamo provato a parlarci subito dopo, ma entrambi ci sentivamo strani l'uno con l'altro, ecco perché non ci ho mai provato prima, sapevo che questo avrebbe rovinato la nostra amicizia. Ho cercato di uscire da lì il più velocemente possibile senza cercare di sembrare un completo idiota. Non ero il tipo da...

1.7K I più visti

Likes 0

DOLCE SOFIA!!

Sophie è la figlia unica dei miei vicini, è una dolce ragazzina di 13 anni, ma c'è sempre stato qualcosa in lei che mi ha fatto guardare in modo diverso dalle altre bambine. Forse sono i capelli biondi ricci, il suo bel visino, le sue gambe lisce o il fatto che ha un bel paio di tette in erba. Bene, tutto è iniziato un sabato, mi sono seduto nel mio giardino a godermi il sole e anche i miei vicini erano fuori. Non ho l'abitudine di ascoltare le conversazioni di altre persone, ma non ho potuto fare a meno di sentire...

1.7K I più visti

Likes 0

3- La sorellina del mio fidanzato del liceo- pt. 3 (Obbligo o verità)

---------------------Parte 3  - Obbligo o Verità - --------------------- Molte cose sono cambiate nel tempo che è seguito. La mia ragazza, Chloe, è andata in un altro stato per frequentare il college. Ho scelto un college nella nostra città natale. Ero un po' perso. Chloe ed io eravamo ancora innamorati, almeno ero con lei... ma pensavo che vedesse altri ragazzi nella sua nuova scuola. Senza Chloe, non c'era più un motivo legittimo per me di uscire a casa sua. Di tanto in tanto passavo a salutarla, ma era piuttosto patetico frequentare la sua famiglia quando eravamo separati. Mi mancava Cloe. Mi mancava la sua famiglia...

691 I più visti

Likes 0

Le avventure di Grace e Anna Erotic Classic Ch-1 parte 8

Raro classico inglese lascivo. questo è un libro scritto da un gentiluomo inglese di notevole intelligenza, padronanza della lingua e immaginazione di ordine rabelaisiano. Per quanto erotici siano i racconti, sono tutt'altro che sporchi, mentre una trama di entusiasmante interesse percorre tutto il lavoro, legando insieme tutte le storie. Il libro Le avventure di Grace e Anna è stato sottotitolato Le emozionanti esperienze di due ragazze in cerca di amore e lussuria.' Due ragazze amanti del divertimento degli anni '10 scoprono l'amore e la lussuria tra i ricchi oziosi e i poveri ben proporzionati in questa perspicace escursione nei costumi e...

642 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.