Bronzo, capitolo 1

200Report
Bronzo, capitolo 1

Entrando nelle sue stanze, chiuse la porta e appoggiò il suo elmo da gladiatore su un cuscino vicino. Togliendosi i sandali, attraversò il corridoio fino alla camera da letto, fermandosi quando vide una donna in piedi davanti al letto. "Mi hanno detto che avevo un regalo in attesa. Come ti chiami?" chiese.

La sua risposta fu dolce e non alzò lo sguardo. Indossava solo un top bikini con maglie di bronzo e una cintura abbinata larga due pollici e posizionata perfettamente per coprire la sua femminilità rasata. Stava in piedi, le braccia lungo i fianchi, le spalle quadrate per dare al seno la migliore postura, i piedi uniti con un ginocchio in avanti e un po' di lato come per nascondere il più possibile nel suo stato attuale. Le disse di voltarsi in modo che potesse vederla, e lei obbedì con riluttanza, lasciando che lui guardasse il suo corpo seminudo, sentendo i suoi occhi sulle sue gambe lisce e rasate, sulla sua schiena forte e bella, e soprattutto sul suo sedere, che sentiva che era troppo grande ma nonostante ciò quando lo vide i suoi occhi si spalancarono e sorrise.

"Togliti i vestiti," le ordinò. Obbediente, allungò una mano all'indietro, si slacciò il top e lo lasciò ricadere mentre cercava di coprirsi con un braccio. Poi si slegò la cintura e lasciò cadere a terra anche quella, sentendosi ancora più vulnerabile e cercando più che mai di coprirsi senza dare l'impressione di farlo. «Sdraiati», le ordinò, e lei inspirò bruscamente e si sedette sul letto. Scivolando su, appoggiò i piedi uniti sul bordo del letto e si adagiò lentamente finché le sue spalle non si appiattirono sulle lenzuola di seta, lasciando cadere le ginocchia di lato mentre cercava di coprirsi i seni con le braccia. Chiudendo gli occhi, appoggiò la testa di lato e aspettò l'inevitabile.

Era già a torso nudo per aver combattuto nell'arena, e tutto ciò che indossava era la sua spada nel fodero e una gonna da combattimento di metallo color bronzo lunga fino al ginocchio, che si tolse prontamente. Estraendo la sua spada, ora era completamente nudo sul bordo del letto, il suo pene era alto, già duro come la roccia, a tradire quanto fosse preso da questa donna sexy sdraiata davanti a lui sul suo letto. Sentì il filo della spada tra le sue gambe, e sobbalzò leggermente prima di capire il suo significato e lentamente, con riluttanza, aprì le ginocchia. Il tocco della spada continuò finché le sue gambe non furono divaricate al massimo, i piedi appoggiati sulle lenzuola agli angoli e le ginocchia sollevate in aria, completamente esposte a questo vittorioso gladiatore a cui era stata presentata.

Poi sentì la punta della spada sulle braccia, e obbediente aprì anche le braccia, posandole sopra la testa sulla seta. A dire il vero, si sentiva al caldo ea suo agio, sentendo in qualche modo che sarebbe stato gentile. Tuttavia, non era mai stata con un uomo prima, e ora poteva sentire le cavigliere di bronzo che le venivano messe e allacciate. In quel momento anche i braccialetti erano allacciati intorno ai suoi polsi, e quando cercò di muoversi scoprì di essere saldamente incatenata e completamente impotente, anche più di prima.

Poi sentì una mano sulla sua caviglia, che le accarezzava la pelle mentre si muoveva lungo il polpaccio, intorno al ginocchio, e cominciò a risalire lungo la coscia. Lo sentì serpeggiare lentamente, assicurandosi di palpare ogni centimetro delle sue gambe lisce e nude finché non raggiunse i suoi fianchi, dove si diresse verso nord, sfiorandole delicatamente le labbra della figa mentre passava, il che le fece venire i brividi di piacere lungo la schiena. "Wow, è stato davvero bello. Forse non sarà poi così male, dopotutto," pensò tra sé.

Sentiva due mani, adesso, che le carezzavano i fianchi, poi lo stomaco, e le sollevavano i seni mentre giacevano completamente indifesi all'aria aperta. Sentì i palmi sui capezzoli e le dita che la afferravano e le massaggiavano le tette in un modo che le era del tutto sconosciuto; e suo malgrado, le piaceva. Sentì un lieve gemito schiudersi le labbra e uscire dalla sua bocca aperta. "Forse dovrei almeno vederlo," pensò tra sé. "Non ci può essere molto male in questo." Le mani avevano smesso di toccarla e lei aprì appena gli occhi per sbirciare da un angolo questo gladiatore forte e bello.

Aveva assistito all'evidente piacere sul suo viso, e quando lei guardò lo vide in piedi ai piedi del letto con le mani sui fianchi e un sorriso compiaciuto sul viso. I suoi occhi corsero lungo il suo corpo muscoloso, che lei approvava con tutto il cuore, e si posarono sul suo pene eretto. I suoi occhi si spalancarono e lo sentì ridacchiare leggermente mentre faceva un breve respiro. Non aveva mai visto un cazzo prima, e la vista della sua grande testa setosa, l'asta dura come la roccia e le palle ben rasate catturò i suoi occhi come in una trance di energia sessuale. I suoi occhi seguirono il suo membro lussurioso mentre lo faceva girare intorno al letto e lo teneva proprio accanto al suo viso. "Baciala," le ordinò.

Lei annuì leggermente, e ancora insicura di sé, aprì le labbra per il pene che ora era a un centimetro appena dal suo viso e posò un lungo, attento bacio sulla punta di quella testa setosa. La sua vista stava iniziando a farle battere il cuore più velocemente ea riempirla di un calore elettrico che non aveva mai provato prima. Poi, ritirandosi, alzò lo sguardo incuriosito su di lui, che sorrise e con un mezzo passo in avanti le ordinò: "Leccalo".

Tornando all'asta davanti alla sua faccia, allungò la lingua e iniziò a farla scorrere su e giù per il lungo e duro cazzo che le riempiva le labbra anche con la sua circonferenza. Adesso stava cominciando a divertirsi, e anche se le sue braccia e le sue gambe si sentivano ancora paralizzate, muoveva la testa e la bocca avanti e indietro per poterle leccare per tutta la lunghezza, e scese persino ad accarezzargli dolcemente le palle e leccare il suo sacco di palle rasate con la lingua. Mentre tornava alla testa e leccava la parte inferiore dove incontrava l'asta, questa sussultava e si gonfiava.

Colpì di nuovo la sua bocca e sentì l'energia sessuale salire attraverso il suo corpo, giù fino alle tette, facendo rizzare i capezzoli e come un fulmine colpire la sua figa nuda. Lei inarcò la schiena per il piacere e il suo clitoride iniziò a indurirsi mentre girava la testa di lato e prendeva avidamente tutta la sua testa gonfia nella sua bocca. Ondeggiando lentamente, ne accarezzò la parte inferiore con la lingua e arricciò le labbra intorno alla cresta che la sua testa aveva creato con l'asta. Proprio mentre iniziava ad assaggiare il pre-cum, lo sentì uscire dalla sua bocca e lo guardò con desiderio.

Ora che aveva assaggiato un cazzo forte e virile, era impegnata e non voleva altro che sentirlo pulsare dentro di lei, desiderarla e prenderla con forza. I suoi occhi non lasciarono mai la sua virilità rigida e gonfia mentre lui tornava ai piedi del letto e si fermava tra le sue gambe. Timidamente, allungò il piede e iniziò ad accarezzare lentamente, dolcemente, il suo membro allargato con il piede, arrossendo mentre pulsava e si gonfiava al suo tocco. Lui, a sua volta, allungò la mano e iniziò a far scorrere le dita su e giù per la sua figa ora bagnata, aprendo leggermente le labbra e sfiorandole costantemente la clitoride mentre la accarezzava.

Rotolò indietro la testa e chiuse gli occhi, inarcando di nuovo la schiena in preda al piacere sessuale. Immaginarlo mentre si spingeva dentro di lei, spingendo il suo grosso e grasso cazzo nella sua figa e prendendo a pugni la sua femminilità esposta, intensificò il suo desiderio e la spinse verso l'orgasmo. Lo sentì allontanarsi e si ritrovò a pregarlo dolcemente di non fermarsi. Sentì le cavigliere slacciarsi e pensò con orrore di aver in qualche modo offeso questo guerriero spietato. Ma poi sentì delle forti mani sulle sue caviglie e le sentì ribaltarla sul ventre e le manette che venivano sostituite.

Spingendo il petto in basso verso il letto, spinse il suo culo rotondo e morbido più in alto che poteva, e con le caviglie già separate, la sua figa sporse le labbra imbronciate verso il suo proprietario in una richiesta di gratificazione sessuale. Invece, sentì le sue mani potenti che palpavano la pelle liscia ed esposta del suo sedere e correvano su e giù per le sue gambe. "Per favore," supplicò, "per favore fottimi la figa." Le mani risalirono sul suo culo e lei sentì i suoi pollici massaggiare tutto intorno al suo organo sessuale in attesa.

Questo ha solo esasperato il suo bisogno di essere soddisfatta e ha iniziato a supplicare freneticamente. "Oh per favore, per favore, scopami la figa! Per favore! Voglio così tanto il tuo cazzo. Voglio sentire il tuo cazzo dentro di me. Oh per favore, ho bisogno che il tuo cazzo duro come la roccia devasti la mia figa indifesa. Sono così bagnata. La mia fica ha bisogno più di ogni altra cosa di afferrare un cazzo forte e palpitante, ed è così impotente in questo momento. Per favore!" Lo sentì esitare, poi togliersi le mani dal sedere e afferrarle i fianchi.

"Sì! Per favore! Per favore!" gridò quando sentì la punta del suo pene toccare delicatamente le labbra più esterne della sua vagina. Ma poi sentì una pausa, e il cazzo iniziò a correre su e giù per la sua fessura, strofinando la sua lunghezza e le sue palle contro la sua fessura gocciolante. "Oh! Per favore, per favore," piagnucolò, "Guida la tua asta lunga e rigida dentro di me. La mia figa è così impotente, ti sta solo aspettando. Sto gocciolando, sono così bagnata!" Sentì il pene staccarsi da lei e tremò per l'anticipazione mentre aspettava impaziente di essere devastata dal membro gonfio.

Poi sentì una lingua sulla sua clitoride mentre lui le baciava e leccava la fica, facendo scattare il suo bottone d'amore con la punta della lingua mentre la leccava. Era sull'orlo dell'orgasmo e sapeva che l'unica cura era essere cavalcata duramente da un cazzo forte, così gridò di nuovo con un gemito imbronciato e desideroso. "Oh. Sono così vicino. Per favore, solo una volta, prendi il tuo cazzo enorme e duro come la roccia e apri a forza le labbra della mia figa con la tua testa gigante. Oh, per favore, per favore, spingi la tua asta in profondità nella mia figa. il tuo cazzo."

Alla fine, le sue suppliche furono esaudite. Sentì un enorme cazzo allargare le labbra della sua figa e tutto in una volta sbattere la sua lunghezza lungo il suo buco bagnato fradicio e toccare il fondo con palle morbide e lisce che schiaffeggiavano forte contro il suo clitoride. La subitaneità di ciò e la sua intensa suspense le fecero raggiungere l'orgasmo quasi istantaneamente e la sua figa si strinse intorno al suo invasore gonfio mentre la speronava ancora e ancora.

Ha urlato in estasi mentre il suo climax rombante continuava e faceva scorrere fiumi di sessualità su tutto il suo corpo. Il cazzo ingrossato e palpitante accelerò il suo ritmo e lei venne di nuovo mentre si spingeva dentro fino in fondo, si gonfiava al massimo e raggiungeva l'orgasmo in schizzi di sperma caldo e bianco. Le riempì la figa finché non ce la fece più a reggere e fluì oltre i bordi su questo grosso cazzo invadente e corse lungo l'interno delle sue cosce.

Crollò sul letto e sentì le braccia e le gambe liberarsi, e si avvolse nelle lenzuola di seta. Si avvicinò e la baciò sulla guancia, il che le fece arrossire il viso e lei seppellì il sorriso sotto le coperte. "Ora vado a farmi un bagno," lo sentì dire. "Puoi restare a casa mia quanto vuoi." Quando se ne andò, lei provò un brivido e un sollievo; aveva finalmente trovato un posto che poteva chiamare casa.

Storie simili

In famiglia (parte 5)_(1)

Vuoi un po' di compagnia? Cam fece capolino nella doccia. La guardai con gli occhi socchiusi mentre mi tiravo indietro i capelli bagnati dagli occhi. La bella addormentata è finalmente in piedi. ho preso in giro. Fece una risatina e aprì la porta a vetri. Devi sciogliere l'asciugamano, lo sai. dissi, guardando l'asciugamano che stringeva così forte al suo corpo. Entrò e gettò l'asciugamano per terra. Era tutto pieno di vapore nella doccia, quindi non potevo vederla chiaramente, ma potevo vederla. Mamma e papà non si sono ancora alzati? Non credo. Disse e prese una bottiglia di shampoo. Perché non ti...

1.1K I più visti

Likes 0

Tocca - Capitolo 2

Tocca - Capitolo 2 Le cose sono diventate imbarazzanti rapidamente, Kelly e io avevamo appena fatto del sesso bollente insieme senza sapere davvero perché l'avessimo fatto. È stato perché sono venuto su di lei e lei non voleva fermarmi? Ma poi stava partecipando altrettanto... non riuscivo a metterlo insieme. Abbiamo provato a parlarci subito dopo, ma entrambi ci sentivamo strani l'uno con l'altro, ecco perché non ci ho mai provato prima, sapevo che questo avrebbe rovinato la nostra amicizia. Ho cercato di uscire da lì il più velocemente possibile senza cercare di sembrare un completo idiota. Non ero il tipo da...

1K I più visti

Likes 0

Prima volta_(3)

Era la primavera del '99 e frequentavo l'ultimo anno delle superiori, avevo appena compiuto diciotto anni. Ero nella squadra di pallavolo, fisicamente in forma e pronto a sfidare il mondo. Avevamo appena vinto la nostra prima partita e dopo un discorso di incoraggiamento di coach Azzerelli, ci ha mandato alle docce. Mi ero spesso eccitato quando ero sotto la doccia dopo l'allenamento mentre guardavo gli altri fare la doccia. Li fissavo mentre tenevo la testa sotto il getto d'acqua, quindi non era ovvio. O così ho pensato. Uno degli chic della mia squadra era piuttosto figo, ma non sembrava mai avere...

650 I più visti

Likes 0

LA RAGAZZA VAMPIRO 2

Angelina corse con tutte le sue forze dopo essere atterrata a terra. Erano le 3:30 del mattino. Il sole sorgerà alle 5 e lei dovrà raggiungere la sua casa il più velocemente possibile. Guardò Michelle. Aveva desiderato questa ragazza sin da quando l'aveva vista sbirciare su Abilene. L'odore della sua dolce fica fluttuava insieme a lei, facendola arrapare da morire. Dopo mezz'ora di schivate tra edifici, incroci e viuzze, Angelina ha finalmente raggiunto la sua casa. Si avvicinò in fretta al cancello, che si aprì da solo, sapendo che era arrivata la padrona di casa. Ha tenuto Michelle sul suo letto...

213 I più visti

Likes 0

Mother's Submission - Capitolo 12

Alex Morgan si guardò intorno nella sua stanza del dormitorio, la stanza in cui aveva trascorso gli ultimi anni. Aveva alcuni bei ricordi qui, ma ce n'era uno eccezionale. Quando il suo amico, George, lo aveva spinto a creare un profilo per l'app di appuntamenti. Era lì che aveva incontrato la donna che ora amava, che per caso era sua madre. Quando si era presentato oggi, George era stato felice di vederlo. George è stato molto meno felice di scoprire che Alex si sarebbe trasferito a casa e avrebbe completato i suoi studi online. Chi mi aiuterà quando avrò problemi con...

1.1K I più visti

Likes 0

Stephanie - Proprio quando le cose si sono girate Pt. 2

Mentre mi avvicinavo al maniero, la scorsa notte continuava a rimuginare nella mia mente. Volevo solo incontrare il cane, e così sono entrato nel canile. Poi, prima che me ne rendessi conto, mi aveva buttato a terra e mi stava annusando. Poi mi ha strappato le mutandine e ha iniziato a leccarmi la figa, portandomi all'orgasmo contro la mia volontà. Quando pensavo che avesse finito, mi è saltato sulla schiena e mi ha violentata. Ma la parte peggiore è stata quando mi sono lasciato andare e ho iniziato a godermelo. Mi sono svegliato stamattina e ho trovato questo biglietto e il...

1K I più visti

Likes 0

Scoprire che sono gay parte 3

Quindi pochi giorni dopo, dopo aver rotto con Lizzy, mi stavo abituando all'idea di essere di nuovo single. Quando ero al college a lezione con McKenzie, ha iniziato a sedersi accanto a me e ha detto Tu e Lizzy vi siete lasciati perché vi ho baciato? Ho guardato McKenzie e ho detto No, il motivo per cui io e Lizzy ci siamo lasciati è perché mi piaceva baciarti. Dopo aver detto che mi sono alzato dal mio posto, ho preso la borsa e sono andato a uscire dalla lezione mentre camminavo, il mio insegnante mi ha detto E dove pensi di...

982 I più visti

Likes 0

Giorni di appuntamenti

È stata una bella giornata alla Woodrow Wilson High, situata nel nord della California. (Che posto strano per nominare quella scuola lì). Mi chiamo James Carten. Sono un atleta regolare, ho giocato in quasi tutte le squadre. Ho iniziato il mio primo anno di liceo, gli ormoni al loro apice. Sfortunatamente, non ero il massimo con le donne. Potrei parlare con loro, essere d'accordo con loro, ma non potrei mai chiedere loro di uscire. Ho provato a cambiarlo presto. Sono entrato nel primo ciclo, stanco da morire, ma il lavoro lo faccio lo stesso. Guardo questa ragazza, Chelsy, mentre è seduta...

609 I più visti

Likes 0

Circostanze diverse parte 2

Disclaimer: non possiedo Pokemon, nessun personaggio e Pokemon lì dentro. Sai, solo per coprirmi il culo in caso. Meglio prevenire che curare. Nota dell'autore: grazie a tutte le persone che hanno letto il primo capitolo. Questo capitolo è stato molto più lungo di quanto mi aspettassi. Divertiti! –––––––– 'Caro Nicola, È tua sorella, Julian! Ho inviato questa lettera di Taillow perché era più veloce e per congratularmi con te per aver superato l'Accademia Pokemon! Papà dice che hai fatto degli esami orribili...' “Non ho fatto così male. Almeno sono passato..” borbotta Nicholas, continuando a leggere la lettera che gli era stata...

1.1K I più visti

Likes 0

Cottage 13 – Parte 1

Questa storia parla di una moglie che sceglie di vivere la sua fantasia sessuale per il sesso forzato anonimo, all'insaputa del marito. Se non ti piace questo tipo di storia, o qualcuno a cui piace fare commenti anonimi denigratori, salta questa storia. Apprezzo i messaggi privati ​​che forniscono feedback e/o idee costruttive... NOTE: Ai fini di questa storia, il Geosexing è definito come una variante del geocaching, in cui uomini e donne utilizzano il Global Positioning System (GPS) per designare o cercare luoghi in cui fare sesso con un individuo consenziente. Questo non è in alcun modo un tentativo di ridefinire...

890 I più visti

Likes 1

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.