Il mio primo anale

149Report
Il mio primo anale

Sapevo che sarebbe stato ancora arrabbiato con me. Ho incontrato il mio ex, Gage, che era il migliore amico di Danny al college, durante la pausa pranzo e abbiamo pranzato insieme. Abbiamo parlato di lavoro, famiglia e passato. Mi ha detto che gli mancavo e mi ha chiesto quando Danny e io ci saremmo lasciati in modo che potesse riavermi. Poi ha continuato a dirmi come invidiava Danny perché Dan ha avuto la mia ciliegia. Gli ho detto quanto amo Danny e che nessuno mi renderebbe felice come Danny.

Danny era sempre geloso di Gage, quando Gage aveva me. Gage mi ha tradito, con un'altra ragazza, nel mio letto. Il mio cuore era spezzato. Ha causato la maggior parte delle mie insicurezze. Ero un disastro. E quando si è presentata l'occasione, Danny ha fatto irruzione. Danny odia Gage per quello che mi ha fatto.

Non avrei detto a Danny del pranzo. Tuttavia, quando ha chiamato, mi ha chiesto cosa facessi a pranzo e non volevo mentirgli. Ha sentito tutto e non ha detto niente. È diventato passivo e silenzioso. Sapevo che era geloso e arrabbiato con Gage, ma poteva solo prendersela con me.

Quando sono tornato a casa stava giocando a football, ai videogiochi. L'ho salutato e lui non ha detto niente. Ho chiesto com'era la sua giornata, ha appena borbottato. Ho chiesto cosa volesse per cena, borbottando di più. Il trattamento del silenzio. Mi sono tolto le cure e le ho portate di sopra per metterle via e cambiarmi.

Ho messo le mie scarpe al loro posto e ho notato che la scatola dei sex toys non era al suo posto. L'ho aperto e ho visto che aveva comprato un nuovo giocattolo. Ha comprato una spina. Era abbastanza grande. Non avevamo ancora fatto sesso anale. Sapevo che voleva provare, ma ho avuto troppa paura. Ora che guardo il giocattolo e me lo immagino nel culo, che mi riempie completamente, potendo vederne solo l'estremità rotonda tra le natiche. Divento davvero eccitato e bagnato.

Decido che non voglio solo rallegrare Danny, ma ho davvero bisogno di fare sesso con lui. Mi tolgo i vestiti e indosso una delle camicie abbottonate di Dan, senza indossare il reggiseno, ma indossando ancora la mia biancheria intima nera, da ragazzo. Torno di sotto. Lui non mi guarda. Continua a giocare al suo videogioco.

Gli chiedo di nuovo cosa vuole per cena e lui risponde seccamente: "Non mi interessa".

Decisione presa ed esecutiva, che non voglio cucinare, chiamo per una pizza. Sarà qui entro un'ora.

Mi siedo accanto a lui sul divano. Mettendo la mano sulla sua coscia, gli bacio il collo fino all'orecchio. Mi rende così eccitante. Entrambi possiamo vedere una differenza nei nostri corpi da quando ci siamo iscritti a una palestra. Iv ha appena perso qualche chilo, mentre io ho mantenuto le mie curve e le mie enormi risorse e lui è diventato più muscoloso e muscoloso.

Continua a fare il suo gioco. Comincio a strofinargli la coscia e lascio scorrere la mano sul suo pacco. Strofino il suo cazzo attraverso i suoi sudori. Scivola via da me sul divano. So che lo sto logorando. Quindi mi chino e gli sussurro all'orecchio che voglio che mi prenda nel culo stasera.

Mi guarda per la prima volta. "Stai giocando con me. Non lo fai."

Tornò al suo gioco. Indietreggio fino al bracciolo del divano e comincio a sbottonargli la camicia che mi sta addosso. Mi sbottono solo i primi quattro e sposto la maglietta ai lati, scoprendo il seno. Sta ancora facendo il suo gioco, ma posso dire che non sta prestando molta attenzione, a causa della folla fischiante in TV.

Afferro le tette e le strofino dappertutto, accarezzandole. Spero che prenderà il posto di me. Mi strofino i capezzoli e gemo di piacere. Sta davvero facendo fatica a ignorarmi. Riesco a vedere il suo rigonfiamento crescere ad ogni lieve gemito. Ho davvero danneggiato il suo orgoglio per lui essere così arrabbiato. Mi tolgo le mutandine e le prendo a calci in modo che atterrino perfettamente sul telecomando che ha in mano. Metto la mano sul monticello e comincio a strofinare, esagerando davvero con i finti gemiti.

Guarda la mia mano strofinare le labbra della mia figa su e giù, strofinando i succhi caldi dappertutto. Tengo gli occhi incollati ai suoi, mentre lui osserva la mia mano, e infilo un dito nel mio buco. Si lecca le labbra. "Perché stai facendo questo a me?" lui chiede.

"Ti voglio così tanto tesoro. Per favore, prendimi."

Mi guarda negli occhi e fa un cenno con la testa quando risponde infantilmente: "Perché? Quando puoi avere Gage".

Smetto di muovere la mano, "Sei stata la prima persona nella mia figa, non voglio che nessun altro sia il primo nel mio culo. Sei tu quello che ha comprato quel nuovo giocattolo, vero? Voglio per usarlo con te. Per favore, fai l'amore con me."

Scivolo più vicino a lui e bacio le sue labbra, premendo i miei seni contro di lui. La mia mano torna sulla sua coscia e si sposta fino al suo pene duro. Mi bacia finché non sono sulla schiena e si china per aiutarmi a togliergli la maglietta. Torna sulle mie labbra. Le mie mani sono appoggiate sulla sua testa mentre lui usa le sue per sostenersi, per non schiacciarmi con la sua grande figura.

La sua gamba sinistra è tra le mie. Con quanto sono arrapata, comincio a strofinare la figa contro la sua gamba, inzuppando i suoi sudori grigi. Sente il calore umido sulla sua coscia e il suo rigonfiamento cresce ancora di più. Mette la mano sul mio seno sinistro e lo stringe forte, quasi da farmi male, ma non ancora. Lo strofina e passa il dito sul mio capezzolo, rendendolo ancora più duro. "Sei così sexy con le mie magliette, ma sembri più sexy senza niente addosso."

Comincio a sbottonargli i pantaloni e lui mi sbottona il resto della camicia. Siamo entrambi disperati l'uno per l'altro ora. Lancia la maglietta attraverso la stanza, mentre si alza e si toglie i pantaloni. Mi siedo sul divano, sorrido e rispondo: "Sembri sexy quando il tuo orgoglio fa male".

"Ti mostrerò cosa ti farà male." Si toglie le mutande mentre è in piedi e il suo cazzo salta fuori. È così eretto e non vedo l'ora di contenere il suo cazzo nella mia figa e nel mio culo. Ritorna da me sul divano e mi bacia con forza e passione, spingendo la lingua oltre le mie labbra. Inizia il suo assalto al mio capezzolo destro, picchiettandolo, pizzicandolo e pizzicandolo.

Le sue labbra scendono sul mio viso, sul mio collo, sul mio petto e sul mio capezzolo sinistro. Mi afferra la tetta destra mentre mi succhia il capezzolo. Fa schioccare la lingua su di esso e lo succhia, continuando uno schema prima di passare al seno destro.

La mia figa già bagnata diventa a disagio per il desiderio. Ogni suo tocco mi fa desiderare di più, molte volte. Lui mi guarda e mi bacia le labbra. Prende le mie forme tra le mani e io avvolgo le mie gambe attorno ai suoi fianchi. Mi prende a malapena in braccio, si gira e si sdraia sul divano, così sono sopra di lui.

Mi posiziono proprio bene, sopra di lui e strofino la mia fica su e giù per tutta la lunghezza della sua asta. Il suo volto è segnato dall'agonia. "Cazzo, piccola. Andiamo. Non sto diventando più duro."

Allungo la mano e afferro il suo pene, lo posiziono nel mio buco e, con un movimento rapido e deciso, mi metto giù completamente sul suo cazzo. Ansimo, lui geme sorpreso e di piacere. La mia fica si muove su e giù sul suo pene. Le sue mani si allungano sulle mie tette e le afferra con decisione, massaggiandomi i capezzoli ogni tanto. Sono in pura estasi.

Accelero, schiaffeggiandomi contro di lui e lui mette le mani sulle mie maniglie dell'amore, aiutandomi a scendere più forte. Le mie mani sono sul suo petto, i miei pollici accarezzano i suoi capezzoli. "Baby, sto per venire se non ti sbrighi."

Fermo ogni movimento. "Non puoi venire."

"Cosa? Perché?"

"Perché ti voglio ancora nel mio culo."

"Dicevi sul serio? Pensavo che lo dicessi solo per farmi diventare duro."

"Tesoro, ho visto il giocattolo, mi ha fatto eccitare. Voglio provarlo."

I suoi occhi si illuminarono e iniziò a muovermi i fianchi per farmi continuare. Ottenendo il suggerimento, ho ripreso i miei movimenti e sono tornato a farlo altrettanto duro e veloce. Mette una mano sul mio tumulo e mi massaggia la clitoride con un dito, esplodo subito, in un orgasmo. Con mia grande sorpresa, quando mi sono calmato, ha pompato dentro di me cinque volte, forte, e ha sparato il suo seme caldo nella mia figa bagnata.

Sconvolta, gli ho dato uno schiaffo sul petto. "Che diavolo!"

Lui sorrise. "Mi hai fatto eccitare ancora di più quando me l'hai detto. Non potevo trattenerlo."

Sono scivolato via da lui, il suo seme scorreva fuori dalla mia figa, mi sono alzato e sono andato a prendere la sua camicia. L'ho indossato ma non l'ho abbottonato, l'ho solo avvolto intorno a me per coprirmi. "Te l'avevo detto che volevo prenderti nel mio culo. Voglio fare più fottuto sesso. Ho molto di più in me!"

"Anch'io! Non ho finito. Fanculo piccola, posso riprendermi subito per quello." Ridacchiò un po'. Quando gli ho chiesto cosa ci fosse di così divertente, ha risposto: "Non posso credere che tu abbia avuto un attacco perché vuoi più sesso. Non avrei mai pensato che quel giorno sarebbe arrivato".

La verità è che voglio fare sesso molto più di quanto glielo faccia sapere. E anche se è entrato nella mia figa ed ero arrabbiato, ho adorato la fretta di non sapere se ha appena sparato il seme che potrebbe mettermi incinta. La fretta mi fa stare bene. E adoro il suo sperma nella mia figa. È altrettanto difficile per me quando resisto quanto lo è per lui.

Proprio in quel momento suonò il campanello. Ho abbottonato un paio di bottoni e ho preso i soldi dal tavolo. Danny si è rimesso le mutande, è andato in cucina in modo che il pizzaiolo non lo vedesse, e ha preso un paio di piatti e una birra mentre io aprivo la porta, mezzo nudo, senza mutandine e affamato.

Il giovane adolescente dalle membra penzoloni lasciò che i suoi occhi vagassero per un secondo sul mio corpo. I suoi occhi si fermarono sul mio seno coperto e videro i miei capezzoli duri attraverso la maglietta. Potevo sentire lo sperma caldo di Danny, mescolato con i miei succhi, scorrere lungo la mia coscia, quindi ho cercato di accelerare il processo porgendogli i soldi, prima che se ne accorgesse. Ha avuto il suggerimento e mi ha dato la nostra pizza. Ha rubato un'altra rapida occhiata al mio corpo prima che io, un po' burbero, gli chiudessi la porta.

Posai la pizza sul tavolo della sala da pranzo e andai in cucina. Danny ha preso il mio e il suo e mi ha controllato. Ho sentito lo sperma scorrermi lungo la coscia. Dan ha afferrato i miei rifiuti e mi ha sollevato sul bancone della cucina. Mi allargò le gambe e prese un tovagliolo di carta. Poi mi ha asciugato la figa e mi ha asciugato la coscia, pulendomi. Gettò via la carta sporca. Mi baciò sulle labbra e mi aiutò a scendere dal bancone.

Ci siamo seduti a tavola e abbiamo mangiato una pizza. Si è avvolto il piumino. Non ho mangiato molto, anche se avevo fame. Il mio appetito mi ha lasciato quando ho iniziato a pensare di prendermi qualcuno nel culo. Voglio dire, Danny non è solo "qualcuno". Lui è Danny.

Sapevo che avrebbe fatto male. Non avevo dormito con nessuno prima di Dan, ma ho visto altri peni. Gage, altri fidanzati e io abbiamo visto porno. Danny era piuttosto grande. Nove pollici, e molto spessa. Più grande di qualsiasi dildo che ho avuto. Allunga perfettamente la mia figa. Ma il mio culo è stretto. E non so se lo voglio allungato. Probabilmente non ti sentirai affatto bene. Forse un po. Tutto quello che so del mio culo è che è stato bello quando Dan ci ha infilato un dito mentre facevamo sesso. Un dito, come in un dito. Un dito è molto più piccolo del suo cazzo.

Ha finito di mangiare e sembra perplesso. Si accorge che mi sono perso nei suoi pensieri. Prende i nostri piatti sporchi e li carica nella lavastoviglie. Chiudo la scatola della pizza e metto in frigo la pizza avanzata.

Raccolgo tutti i panni in soggiorno e li metto in lavanderia. Danny mi aspetta in soggiorno, aspettando che io parli. Lo oltrepasso e vado di sopra, nella nostra camera da letto e in bagno. Vado a fare pipì e mi lavo i denti. Quando torno in camera da letto, Danny è seduto sul bordo del letto, in attesa di vedere cosa faccio. Si sta chiedendo se voglio ancora farlo.

Mi ha chiesto a cosa stavo pensando di sotto e gli ho detto che sono nervoso. Mi ha assicurato che non vuole fare nulla che mi metta a disagio e che non si arrabbierà se cambiassi idea. Mi sono messo a cavalcioni sul suo grembo, gli ho avvolto le braccia intorno al collo e gli ho dato un grande, lungo bacio, spingendo la lingua tra le sue labbra. Mi avvolse le braccia intorno, tenendomi per il sedere.

I nostri corpi sono stati modellati l'uno per l'altro come due pezzi di un puzzle. Dopo tre anni insieme, mi dà ancora le farfalle quando mi bacia. Nessuno può darmi questo piacere come lui.

I miei fianchi iniziano a muoversi su e giù sul suo pacco inerte. Ho una nuova missione, risvegliare di nuovo il suo cazzo. Mentre giro i miei fianchi su di lui/lo gobba, con i suoi boxer, le mie labbra non lasciano mai le sue. La sua presa sul mio culo diventa più forte. Mi stacco da lui e mi inginocchio sul pavimento. Mentre gli tolgo le mutande, per vedere il suo cazzo, ancora una volta, lo guardo negli occhi. Sorride e mi guarda con tanta gioia negli occhi, è carino.

Le sue mutande sono buttate via e io sbottono la camicia in modo che possa vedere dal seno. Mi faccio strada tra le sue gambe divaricate. Afferro il suo cazzo mezzo inerte e glielo lecco sulla punta, assaporando ancora un po' del mio succo. Il suo pene diventa un po' più duro alla prima leccata. Lo guardo, avvolgo le mie labbra attorno alla sua asta e lo infilo nella mia bocca. Lo stuzzico prendendolo, mezzo duro, fuori dalla mia bocca, "Voglio che tu sia il primo a fottermi nel mio culo stretto e vergine."

Faccio scivolare il suo cazzo dentro e fuori di nuovo dalla mia bocca, gli lecco tutto intorno alla testa e parlo di nuovo sporco: "Quando mi hai fottuto il culo, non voglio che tu ci venga dentro, voglio che tu lo faccia Aspetta. Voglio che tu ci metta dentro il tuo nuovo giocattolo, che mi allarghi davvero il buco del culo." Fallo scivolare dentro e fuori dalla mia bocca di nuovo, "Allora voglio che tu mi lecchi la figa e me la tocchi, con il giocattolo nel mio culo, finché non ti vengo sulle dita." Scivola dentro e fuori di nuovo. È molto duro a questo punto, quindi lo faccio ancora una volta, "E quando avrò finito di venire, voglio che infili il tuo cazzo dove vuoi e fotti quel buco finché non ci spari dentro il tuo seme caldo."

"Cazzo piccola. Mi piace quando parli sporco."

"Missione compiuta." Gli strizzai l'occhio e mi alzai da terra. Mi chinai per baciargli le labbra e poi strisciai sul letto, fino alla testata. I suoi occhi non hanno mai lasciato il mio corpo. Mi sono seduto, mi sono tolto la maglietta e l'ho gettato a terra.

Si voltò e si arrampicò sul letto verso di me. Si sdraiò, appoggiando la testa sul cuscino, io seguii l'esempio. Mi tolse i lunghi capelli dal viso, guardandomi negli occhi. Ho spostato il ginocchio tra le sue gambe, era ancora duro. Mi baciò leggermente le labbra. "Voglio che tu ti senta a tuo agio. Se vuoi andare fino in fondo, la prima volta ti farà male, ma io lo renderò piacevole per te. Devi fidarti di me. Vero?"

"Certo che lo voglio. Voglio farlo." Mi ha solo fatto innamorare di più di lui. Più lo amo, più voglio fare cose che lo soddisfino e lo ricompensino.

Mi baciò di nuovo e si mise a sedere. Ho seguito. "Mettiti sulle mani e sulle ginocchia." L'ho fatto e lui mi ha seguito. Si avvicinò al comodino per recuperare il lubrificante. Ne ha spruzzato un po' sulla sua mano e sul mio culo. Me lo strofinò su tutto il buco del culo, infilò un dito dentro e giù sulla mia figa. Mi ha strofinato un po' la clitoride e poi si è accarezzato il cazzo.

Con molta anticipazione, ho aspettato. Mise il suo cazzo all'apertura vergine. Lentamente, con entusiasmo ha iniziato a spingermelo nel culo. Ha spinto così lentamente e mi ha allungato il culo finché non ho sentito la testa del suo cazzo schioccare nel mio culo. Emise un respiro contenente piacere. Spinse lentamente il suo cazzo dentro il mio culo. Un centimetro alla volta. Seppellii la faccia in un cuscino. Il dolore era così tanto, ed era così scomodo. "È tutto dentro piccola. Hai fatto così bene. Eri così sexy." Ha iniziato a uscire lentamente dal mio culo e questo non ha fatto così male. Sembrava quasi bello.

Proprio prima che la testa uscisse, ha fatto scivolare la sua asta dentro di me. Sta gemendo e gemendo per tutto questo tempo. "Cazzo. Il tuo culo è così stretto, Elli. È così bello avvolto attorno al mio cazzo." Non potevo dire nulla perché non ero ancora sicuro di questo. Continuava a scivolare dentro e fuori dal mio culo lentamente, e più lo faceva, meglio era.

Ho iniziato a lamentarmi più velocemente andava, ma non andava mai troppo veloce. Abbastanza veloce. Mi ha fottuto il culo così bene. Ha allungato la mano e ha iniziato a massaggiarmi la clitoride mentre pompava dentro e fuori dal mio culo. Il piacere è stato così buono. Non potevo fare a meno di alzare il volume ad ogni gobba. Ha strofinato il mio clitoride più velocemente e il suo pompaggio ha preso il suo ritmo. La mia testa si sentiva leggera e il mio corpo si irrigidiva. Ogni parte di me aveva la pelle d'oca.

Ho lanciato un forte urlo e ho tremato con un enorme orgasmo. Danny ha fatto scivolare il suo cazzo fuori dal mio buco del culo. "Sono quasi venuto nel tuo culo. È stato così bello."

Stavo ansimando forte, "Fanculo Dan. Non ci sono parole per questo."

Scese dal letto e tornò con qualcosa di appuntito e freddo sul mio buco del culo. Aveva solo lubrificato e ha inserito la spina con un rapido "plop". Lanciai un urlo, in parte di dolore e in parte di sorpresa. Mi aiutò ad alzarmi in modo che fossi in ginocchio e con la schiena contro il suo petto.

Era divertente averlo nel culo. Ma buono allo stesso tempo. Danny mi ha baciato il collo, fino alla spalla. Mi aiutò a girarmi parzialmente e poi mi spinse gentilmente sul sedere. Ho sentito la spina muoversi e i miei sensi erano intensificati nel mio culo. Mi ha tirato giù le gambe così ero sdraiato sulla schiena. Scese, la sua faccia fino alla mia figa, e me la leccò fino in fondo alla fessura.

Si è concentrato sul mio clitoride dolorante e l'ha attaccato con leccate, succhiazioni e morsi. Ha inserito due dita nella mia figa e mi ha fottuto con le dita. Mi ha fottuto con le dita velocemente e dolcemente. Gemiti e suoni di piacere mi sfuggirono dalle labbra. Ha succhiato e ha colpito la mia figa con forza. Ha preso l'altra mano e ha iniziato a girare la spina nel mio culo. Cominciò a rimuoverlo dal mio culo, e poi lo spinse indietro. Mi stava fottendo il culo con il grosso plug. Dopo alcuni secondi di questo ritmo costante, il mio corpo emise un altro orgasmo. Mi girava la testa e mi sentivo come se fossi fuori dal mio corpo per un breve periodo.

Danny mi afferrò le caviglie e le tenne insieme, tenendo i miei fianchi sollevati dal letto. Si è abbassato e l'ho sentito staccare la spina. Mi ha abbassato le gambe. "Tocca a me. Voglio scopare la tua bella bocca. Voglio che gemi su tutto il mio cazzo mentre pompa dentro e fuori dalla tua bocca. Voglio che assaggi tutti i tuoi succhi sul mio cazzo."

Scesi giù dal letto finché la mia faccia non fu proprio sotto di lui. Si è messo a cavalcioni sul mio petto e ha messo il suo cazzo sulle mie labbra. Presi in bocca il suo pene eretto e gli feci roteare la lingua intorno alla punta. Ha pompato il suo cazzo dentro e fuori dalla mia bocca mentre succhiavo. "Amo le tue labbra intorno al mio cazzo." Gemevo sul suo cazzo, inviandogli vibrazioni dappertutto e facendogli sapere che lo adoravo.

Scivolò completamente fuori dalla mia bocca, "Mi piace darti piacere con tutti i miei buchi." Immediatamente spinse di nuovo il suo cazzo nella mia bocca e nella parte posteriore della mia gola. Lo ha fatto un altro paio di volte. "Voglio venire sulle tue tette. Succhiami forte finché non sono pronto a venire. Sono così vicino." Mi ha sbattuto la testa più velocemente e io ho succhiato più forte.

È saltato fuori dalla mia bocca con urgenza e ha iniziato a pompare la sua asta con la mano. Si è mosso lungo il mio corpo, preparandosi a venire. Mi sono appoggiato sui gomiti. "Sborra sulle mie enormi tette Danny. Hanno bisogno del tuo sperma caldo su di loro. Su tutte le mie morbide tette. Ne ho bisogno. Sei così fottutamente sexy Danny. Sborra su di me."

Le mie parole mandarono il suo sperma sulle mie tette. Mirò a un capezzolo e poi all'altro. Ad ogni schizzo, il suo sperma scorreva sui miei seni a tripla D. Gemette di piacere mentre il suo sperma lasciava il suo cazzo. Ha strofinato lo sperma su tutte le mie tette con il suo cazzo. Su tutti i miei capezzoli e sulla superficie morbida.

Danny è sceso da me mentre raccoglievo un po' del suo seme con le mie due dita e glielo succhiavo. Quando li ho succhiati tutti puliti, mi ha baciato forte sulle labbra. "Grazie piccola. Sei così sexy."

Mi prese le mani e mi guidò in bagno. Ha iniziato la doccia. Mi raggiunse e mi lavò. Si è assicurato che fossi molto pulito. Quando abbiamo finito, ho indossato una sua maglietta diversa, una maglietta grande e un nuovo paio di pantaloncini blu da ragazzo. Indossò un nuovo paio di slip. Ci siamo arrampicati sul letto e ci siamo rannicchiati l'uno vicino all'altro. "Danny, mi piace quando mi fotti tutti i buchi. Amo te e il tuo grosso cazzo." Mi sono addormentato con la sua mano stretta sulla mia tetta e il suo cazzo a più livelli premuto contro il mio sedere.

Storie simili

In famiglia (parte 5)_(1)

Vuoi un po' di compagnia? Cam fece capolino nella doccia. La guardai con gli occhi socchiusi mentre mi tiravo indietro i capelli bagnati dagli occhi. La bella addormentata è finalmente in piedi. ho preso in giro. Fece una risatina e aprì la porta a vetri. Devi sciogliere l'asciugamano, lo sai. dissi, guardando l'asciugamano che stringeva così forte al suo corpo. Entrò e gettò l'asciugamano per terra. Era tutto pieno di vapore nella doccia, quindi non potevo vederla chiaramente, ma potevo vederla. Mamma e papà non si sono ancora alzati? Non credo. Disse e prese una bottiglia di shampoo. Perché non ti...

1.1K I più visti

Likes 0

Tocca - Capitolo 2

Tocca - Capitolo 2 Le cose sono diventate imbarazzanti rapidamente, Kelly e io avevamo appena fatto del sesso bollente insieme senza sapere davvero perché l'avessimo fatto. È stato perché sono venuto su di lei e lei non voleva fermarmi? Ma poi stava partecipando altrettanto... non riuscivo a metterlo insieme. Abbiamo provato a parlarci subito dopo, ma entrambi ci sentivamo strani l'uno con l'altro, ecco perché non ci ho mai provato prima, sapevo che questo avrebbe rovinato la nostra amicizia. Ho cercato di uscire da lì il più velocemente possibile senza cercare di sembrare un completo idiota. Non ero il tipo da...

1K I più visti

Likes 0

Prima volta_(3)

Era la primavera del '99 e frequentavo l'ultimo anno delle superiori, avevo appena compiuto diciotto anni. Ero nella squadra di pallavolo, fisicamente in forma e pronto a sfidare il mondo. Avevamo appena vinto la nostra prima partita e dopo un discorso di incoraggiamento di coach Azzerelli, ci ha mandato alle docce. Mi ero spesso eccitato quando ero sotto la doccia dopo l'allenamento mentre guardavo gli altri fare la doccia. Li fissavo mentre tenevo la testa sotto il getto d'acqua, quindi non era ovvio. O così ho pensato. Uno degli chic della mia squadra era piuttosto figo, ma non sembrava mai avere...

650 I più visti

Likes 0

LA RAGAZZA VAMPIRO 2

Angelina corse con tutte le sue forze dopo essere atterrata a terra. Erano le 3:30 del mattino. Il sole sorgerà alle 5 e lei dovrà raggiungere la sua casa il più velocemente possibile. Guardò Michelle. Aveva desiderato questa ragazza sin da quando l'aveva vista sbirciare su Abilene. L'odore della sua dolce fica fluttuava insieme a lei, facendola arrapare da morire. Dopo mezz'ora di schivate tra edifici, incroci e viuzze, Angelina ha finalmente raggiunto la sua casa. Si avvicinò in fretta al cancello, che si aprì da solo, sapendo che era arrivata la padrona di casa. Ha tenuto Michelle sul suo letto...

213 I più visti

Likes 0

Mother's Submission - Capitolo 12

Alex Morgan si guardò intorno nella sua stanza del dormitorio, la stanza in cui aveva trascorso gli ultimi anni. Aveva alcuni bei ricordi qui, ma ce n'era uno eccezionale. Quando il suo amico, George, lo aveva spinto a creare un profilo per l'app di appuntamenti. Era lì che aveva incontrato la donna che ora amava, che per caso era sua madre. Quando si era presentato oggi, George era stato felice di vederlo. George è stato molto meno felice di scoprire che Alex si sarebbe trasferito a casa e avrebbe completato i suoi studi online. Chi mi aiuterà quando avrò problemi con...

1.1K I più visti

Likes 0

Stephanie - Proprio quando le cose si sono girate Pt. 2

Mentre mi avvicinavo al maniero, la scorsa notte continuava a rimuginare nella mia mente. Volevo solo incontrare il cane, e così sono entrato nel canile. Poi, prima che me ne rendessi conto, mi aveva buttato a terra e mi stava annusando. Poi mi ha strappato le mutandine e ha iniziato a leccarmi la figa, portandomi all'orgasmo contro la mia volontà. Quando pensavo che avesse finito, mi è saltato sulla schiena e mi ha violentata. Ma la parte peggiore è stata quando mi sono lasciato andare e ho iniziato a godermelo. Mi sono svegliato stamattina e ho trovato questo biglietto e il...

1K I più visti

Likes 0

Scoprire che sono gay parte 3

Quindi pochi giorni dopo, dopo aver rotto con Lizzy, mi stavo abituando all'idea di essere di nuovo single. Quando ero al college a lezione con McKenzie, ha iniziato a sedersi accanto a me e ha detto Tu e Lizzy vi siete lasciati perché vi ho baciato? Ho guardato McKenzie e ho detto No, il motivo per cui io e Lizzy ci siamo lasciati è perché mi piaceva baciarti. Dopo aver detto che mi sono alzato dal mio posto, ho preso la borsa e sono andato a uscire dalla lezione mentre camminavo, il mio insegnante mi ha detto E dove pensi di...

982 I più visti

Likes 0

Giorni di appuntamenti

È stata una bella giornata alla Woodrow Wilson High, situata nel nord della California. (Che posto strano per nominare quella scuola lì). Mi chiamo James Carten. Sono un atleta regolare, ho giocato in quasi tutte le squadre. Ho iniziato il mio primo anno di liceo, gli ormoni al loro apice. Sfortunatamente, non ero il massimo con le donne. Potrei parlare con loro, essere d'accordo con loro, ma non potrei mai chiedere loro di uscire. Ho provato a cambiarlo presto. Sono entrato nel primo ciclo, stanco da morire, ma il lavoro lo faccio lo stesso. Guardo questa ragazza, Chelsy, mentre è seduta...

609 I più visti

Likes 0

Circostanze diverse parte 2

Disclaimer: non possiedo Pokemon, nessun personaggio e Pokemon lì dentro. Sai, solo per coprirmi il culo in caso. Meglio prevenire che curare. Nota dell'autore: grazie a tutte le persone che hanno letto il primo capitolo. Questo capitolo è stato molto più lungo di quanto mi aspettassi. Divertiti! –––––––– 'Caro Nicola, È tua sorella, Julian! Ho inviato questa lettera di Taillow perché era più veloce e per congratularmi con te per aver superato l'Accademia Pokemon! Papà dice che hai fatto degli esami orribili...' “Non ho fatto così male. Almeno sono passato..” borbotta Nicholas, continuando a leggere la lettera che gli era stata...

1.1K I più visti

Likes 0

Cottage 13 – Parte 1

Questa storia parla di una moglie che sceglie di vivere la sua fantasia sessuale per il sesso forzato anonimo, all'insaputa del marito. Se non ti piace questo tipo di storia, o qualcuno a cui piace fare commenti anonimi denigratori, salta questa storia. Apprezzo i messaggi privati ​​che forniscono feedback e/o idee costruttive... NOTE: Ai fini di questa storia, il Geosexing è definito come una variante del geocaching, in cui uomini e donne utilizzano il Global Positioning System (GPS) per designare o cercare luoghi in cui fare sesso con un individuo consenziente. Questo non è in alcun modo un tentativo di ridefinire...

890 I più visti

Likes 1

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.