Pura invidia parte 2 e 3

802Report
Pura invidia parte 2 e 3

Mi ci erano volute ore per addormentarmi dopo quello che avevo visto quella notte. La mia mente stava vacillando, una tempesta vorticosa di emozioni. Avevo visto il padre del mio amico - un uomo che avevo segretamente ammirato per anni - entrare nella nostra stanza di notte durante il nostro pigiama settimanale e molestare l'altra nostra amica priva di sensi mentre dormiva. Avevo visto il mio primo vero cazzo. Avevo assistito alla mia prima violenza sessuale. Avevo visto lo sperma per la prima volta, guardando come il suo grosso cazzo l'aveva schizzato sul viso privo di sensi del mio amico. Ho passato le ore successive a ripensarci nella mia testa.

Perché Claire e Tara non si erano svegliate? Mi resi conto che doveva essere la cheesecake che Theo, il padre bello e apparentemente sessualmente deviato di Tara, aveva preparato per dessert la sera prima. Avevo dato la mia parte ai miei amici quando Theo era fuori dalla stanza, avendo fatto il pieno di cena e non volendo ferire i suoi sentimenti rifiutandola.

L'aveva già fatto? Mi sono reso conto che la settimana prima aveva aspettato per darci il dessert fino a quando non avessimo finito il nostro film dopo cena. Poco dopo eravamo andati a dormire e ci siamo svegliati sentendoci particolarmente intontiti. Ero stato colpito peggio, mi sentivo un po' male il giorno dopo. Ma prima non avevamo mai mangiato e siamo andati subito a letto, quindi ho deciso che era improbabile che ci avesse drogato prima di allora.

Era interessato solo a Claire? Mi sono chiesto brevemente, si spera, se fosse interessato a me allo stesso modo. Ma no. Ero quello "carino" del nostro piccolo trio. Claire era la bionda pallida alta e snella con enormi seni a coppa E che andava in giro senza reggiseno prima di andare a letto. Tara era la ragazza abbronzata, sportiva, dall'aspetto di un modello di fitness con un corpo perfetto. Ero solo il secchione. I ragazzi chiamavano i miei amici sexy, ma il meglio che ho ottenuto è stato "carino". Il piccolo zenzero dalla faccia lentigginosa che sembrava 5 anni più giovane degli altri e vestiva in modo conservativo, nascondendosi sotto abiti larghi mentre gli altri mostravano i loro beni. E ovviamente Tara era sua figlia, quindi era improbabile, anche se provai un breve lampo di eccitazione a quel pensiero tabù. Ma no, era andato dritto verso Claire, tirandole su la camicia, giocando con i suoi grossi seni e stuprandole la bocca mentre dormiva.

La domanda successiva era: l'avrebbe fatto di nuovo? Non ho visto alcun motivo per cui no, e ho iniziato a pianificare, pensando a modi in cui avrei potuto rimanere sveglio per vedere di più la prossima volta, sperando di vederlo intensificarsi e fare di più al mio amico. Sperando che magari, prima o poi, si stancasse di lei e si rivolgesse a me.

Nonostante la mia inesperienza, avevo sempre segretamente fantasticato su cose che i miei amici avrebbero definito malate. Cose come lo stupro. Quindi questa notte era stato un sogno che si avverava, anche se ero malato di gelosia per il fatto che, come al solito, Claire fosse stata scelta al posto mio. Ho iniziato a giocare con me stesso, fiducioso che i miei amici sarebbero rimasti addormentati e un po' eccitato al pensiero. Cominciai a trattarmi un po' più rudemente, pizzicandomi i capezzoli e giocando con i miei seni come lui aveva giocato con Claires. Mi accarezzai, immaginando che fossero le sue grosse dita invece delle mie. Infilo tre dita dentro di me, trattandomi più rudemente che mai mentre fantasticavo sul ritorno di Theo per averne di più, solo per trovarmi a giocare con me stesso e rivolgere invece le sue attenzioni a me. Forse mi avrebbe afferrato la testa e mi avrebbe infilato in bocca il suo cazzo grosso e venoso? O forse si sarebbe arrampicato su di me e si sarebbe preso la mia verginità? I miei pensieri divennero sempre più perversi finché non mi portai all'orgasmo e sprofondai in un sonno profondo e riposante.

***

Nonostante gli altri fossero stati drogati, sono stato l'ultimo a svegliarsi. Immagino che stare sveglio così a lungo mi abbia colpito duramente. Tara mi svegliò, già sveglia e allegra, e mi misi a sedere lentamente. Ripensai agli eventi dell'ultima notte e mi dissi che doveva essere stato un sogno vivido. Di sicuro non mi sentivo tale, ma aveva più senso.

"Dai" disse Tara allegramente "Non vorrai perderti la colazione!"

Ci siamo vestiti a turno nel bagno di Tara, e ho sfruttato l'occasione per schizzarmi la faccia con l'acqua mentre pensavo a tutto quello che avevo visto - o sognato - la scorsa notte. Scendemmo le scale in gruppo, e lì c'era Theo, che ci sorrideva felice dal fornello mentre preparava una serie di frittelle.

"Appena in tempo! Spero che abbiate fame!"

"Sto morendo di fame", rispose Claire "In più ho uno strano sapore in bocca."

Uno sguardo preoccupato attraversò il bel viso dell'uomo. "Oh? Ti senti bene?"

Mi morsi il labbro, improvvisamente terrorizzata che venisse scoperto, ma Claire si limitò a sorridere, rispondendo con entusiasmo "Niente che i pancake non possano aggiustare!"

"Sono contento di sentirlo", disse con una risata allegra, facendo scivolare una frittella dalla padella sul piatto davanti a Claire prima di voltarsi verso di me. "E tu, Amy? Sembri un po' pallida, hai dormito per niente stanotte?"

"SÌ!" Ho risposto un po' troppo in fretta prima di riprendermi e sforzarmi di sorridere anch'io "Sono solo un po' intontito. Ho solo bisogno di svegliarmi un po'."

Theo annuì pensieroso mentre si occupava dei pancake. "Beh, spero che tu ti senta meglio presto. Non vorremmo che ti ammalassi."

E così il resto della giornata è andato come al solito. Andavamo a nuotare, pranzavamo, guardavamo film e parlavamo di ragazzi. Ma per tutto il tempo non riuscivo a smettere di pensare a Theo. Il suo corpo, vedere il suo cazzo, e sicuramente il fatto che ci aveva drogato per usare il mio amico come un sex toy. Tornai a casa verso le sei, eppure era tutto ciò a cui riuscivo a pensare. Da quel momento in poi, sono stato ossessionato. Ho iniziato a cercare materiale pornografico sullo stupro, ho letto storie di persone che erano state drogate e aggredite, ho letto varie droghe usate e ho cercato modi per contrastarle in modo da poter rivedere tutto la prossima settimana. Ho anche iniziato a pensare a come fingere di mangiarlo, o addirittura a vomitarlo dopo.

Si trascinava, ma ero così eccitato. Abbiamo fatto tutte le solite cose, ma tutto il giorno ho continuato a pensare a quello che speravo di vedere dopo che gli altri fossero andati a letto. Ma il disastro ha colpito: Claire ha mangiato troppo per cena, e quando Theo è entrato mentre finivamo di guardare una brutta mossa dell'orrore per darci una mousse fatta in casa, Claire ha messo da parte la sua. Ha mangiato solo una frazione, mentre io guardavo Theo che cercava di nascondere la sua delusione. Normalmente avrei pensato che fosse perché voleva che ci godessimo le sue creazioni, ma ovviamente ora lo sapevo meglio. Dubito che gli altri se ne siano accorti, ma ho visto i suoi occhi indugiare sull'imponente petto di Claire dove i contorni scuri dei suoi capezzoli toccavano il suo solito top bianco trasparente, i suoi seni invidiabili ancora una volta tesi contro il tessuto mentre si sedeva sul divano, mentre si è scusata e ha riportato la sua attenzione sul terribile film che stavamo guardando. La sua espressione delusa mi disse che le mie speranze per quella notte erano appena andate fuori dalla finestra. Ho mangiato il mio, sapendo che comunque non sarebbe stato così stupido da correre il rischio adesso, e che avrebbe potuto fargli dubitare del suo intero piano se non l'avessi fatto, e abbiamo dormito subito dopo.

Il mio sonno, sebbene certamente più profondo di quello che avrei avuto a casa, non era così profondo come lo era stato quella notte di poche settimane fa, quando sospetto che fossimo stati drogati per la prima volta. Sono stato il primo a svegliarsi. Mentre giacevo a letto pensando, mi sono reso conto che Theo si era preso cura di darmi un dolce specifico. Mi aveva dato una dose minore, a causa del mio intontimento le ultime volte? Ho iniziato a pensare a come avrei potuto usarlo a mio vantaggio, e quando gli altri si sono svegliati, ho fatto finta di dormire ancora un po'. Mi sentivo completamente sveglio, ma mi comportavo un po' intontito.

Quando scendemmo al piano di sotto, Theo stava di nuovo preparando la colazione.

"Buongiorno ragazze" disse con un sorriso "Dormito bene?"

Abbiamo annuito e fatto un coro di sì, e lui mi ha guardato "E tu, Amy? So che ti sei sentita un po' giù la mattina le ultime volte che hai dormito."

"Molto meglio questa volta", dissi, facendomi intenzionalmente sembrare solo un po' intontito "Ma ancora non al cento per cento."

"Spero che non sia una reazione a qualcosa che uso per cucinare. Proverò qualcosa di diverso la prossima volta, penso di conoscere il problema."

"Non vedo l'ora", dissi con un sorriso molto genuino, sperando che significasse una droga molto più debole. Non ero ancora sicuro di smaltire il suo cibo senza essere scoperto, e sospettavo di poter trovare un modo per aggirare una dose più debole.

Il resto della giornata fu normale, ancora una volta. Abbiamo nuotato, siamo andati a fare shopping, abbiamo pranzato e poi sono tornato a casa, frustrato e arrapato. Ho continuato la mia ricerca e ho persino iniziato a giocare con il trucco. Posso convincerlo a guardarmi così? Posso convincerlo a toccarmi la prossima volta, invece di Claire?

Ho continuato a progettare ea sognare.

Un'altra settimana trascinata via. Un'altra settimana di scuola, chiacchiere senza senso e tutte le cose che di solito mi piacevano ma non potevo. Mi sono scoperto ancora più geloso di Claire, e mi dava fastidio ogni volta che un maschio la controllava. Ho avuto problemi a concentrarmi sugli studi e i miei soliti programmi TV, YouTube e giochi sembravano insipidi e disinteressanti. Invece mi sono immerso più a fondo nella mia ossessione per le aggressioni sessuali, trascorrendo la maggior parte del mio tempo a cercare porno violenti recitati male, parlando nei forum o recitando con strani uomini nelle chat room.

Finalmente è arrivato il fine settimana e ancora una volta ho passato l'intera giornata a pensare a cosa speravo di vedere o vivere. Siamo usciti a pranzo, siamo andati a fare shopping e ci siamo divertiti un po' a giocare a pallone nel parco, con Tara che ci surclassava come al solito. Quando è arrivata la notte, abbiamo guardato la TV e fatto un po' di shopping online. Dopo cena ci siamo cambiati, con Tara e io in pigiama e Claire, ovviamente, con indosso un ampio top bianco senza maniche che in qualche modo ha accentuato ancora di più le sue qualità del solito. Ho notato che stasera ha anche deciso di indossare un paio di pantaloncini larghi di cotone.

Ci siamo sistemati per guardare un film dell'orrore e, quando si è trascinato, ho iniziato a temere che Theo non ci avrebbe offerto il dessert. Che aveva cambiato idea sul suo comportamento da predatore. Ma mentre il film stava raggiungendo un crescendo, la musica al massimo della sua tensione, con noi tutti protesi in avanti sui nostri posti, saltò dietro l'angolo con un grido di "Dessert!" facendo quasi saltare Tara e io dai nostri posti mentre Claire emetteva un guaito spaventato.

Abbiamo riso tutti e lui ha regalato a ciascuno di noi una squisita mousse al cioccolato. Non ho potuto fare a meno di sorridere come un idiota al pensiero di cosa intendesse, e per fortuna l'ha preso come una semplice voglia di dessert. Ci porse a ciascuno una mousse specifica e sorrise mentre scavavamo. Ero sicuro che mi avesse dato una dose più debole di qualunque droga ci avesse somministrato, quindi ho fatto finta di divorare il mio primo boccone e mentre si voltava, Ne ho abilmente raschiato la maggior parte in un sacchetto di plastica in attesa che avevo messo nella mia borsetta proprio per quel motivo. Avevo praticato quella mossa esatta innumerevoli volte negli ultimi giorni ed ero orgoglioso di me stesso per averlo eseguito in modo così impeccabile. Quando i suoi occhi tornarono su di me, mi stavo raschiando avidamente in bocca gli ultimi frammenti.

"Wow" rise mentre iniziavo a leccare i bordi della piccola ciotola da dessert "Penso che dovrò fare una doppia porzione per te la prossima volta."

"Sì, grazie", ho praticamente ansimato, a malapena in grado di nascondere quanto fossi impaziente di vederlo mentre scopava la mia amica nel sonno.

Sorrise con orgoglio mentre si voltava per andarsene, e vidi il suo sguardo indugiare su Claire, la maglietta che le si sollevava leggermente mentre giaceva semidivaricata sul divano, le gambe divaricate in un modo molto poco femminile mentre fissava intensamente il viso impazzito di l'assassino sullo schermo della TV. Fu una rapida occhiata, ma abbastanza da farmi notare prima di lasciare la stanza e tornare indietro lungo il corridoio.

"Chiudi le gambe" disse Tara a Claire.

Claire ha semplicemente sorriso, ha tirato fuori la lingua e ha detto "Nah", e basta.

Il film si è concluso pochi minuti dopo con il personaggio principale che pensava di essere scappata, solo per essere attaccata da dietro prima che lo schermo diventasse nero e scorressero i titoli di coda. Ci siamo lavati i denti e ci siamo preparati per andare a letto.

Non ricordavo nemmeno di essermi addormentato. Mi sono svegliato con la sua voce, mentre chiamava il nome di sua figlia.

"Tara!" mi incalzò mentre i miei occhi si abituavano alla luce fioca. Lo vedevo lì dall'altra parte della stanza mentre le lasciava la spalla, con indosso una camicia nera e gli stessi boxer larghi che ricordavo dalla mia ultima esperienza.

Apparentemente soddisfatto, si alzò e si diresse verso di noi. Sembrò fermarsi per un momento quando vide che avevo preso il lato del futon dove di solito dormiva Claire, e abbaiò il suo nome mentre le dava una scossa veloce.

Si voltò verso di me e io tenni gli occhi chiusi, assicurandomi di mantenere il respiro anche come se stessi ancora dormendo. La sua mano mi afferrò la spalla e provai un'ondata di eccitazione mentre abbaiava "Amy!" e mi diede una leggera scossa. Rimasi immobile e lo sentii allontanarsi da me e tornare da Claire.

Sapevo che quando aveva acceso la luce, anche con gli occhi ancora chiusi, l'improvvisa luminosità rosa che brillava attraverso le mie palpebre lo rendeva evidente, e potevo dire che la stava riposizionando. Aprii appena gli occhi e lo vidi ancora una volta in piedi davanti alla testa di Claire, massaggiandosi il rigonfiamento crescente dei suoi pantaloncini.

"Cazzo sì" gemette tra sé mentre si massaggiava con una mano, mentre l'altra si allungava per pizzicare i capezzoli di Claire attraverso la sua parte superiore. "Fammi vedere quelle grandi tette, piccola troia."

Era poco più di un sussurro, ma le sue parole mi eccitarono ancora di più, e sentii il calore crescente tra le mie gambe mentre lui le sollevava lentamente la parte superiore, i suoi grandi seni si riversavano nella luce.

Rimasi immobile mentre guardavo, girato leggermente di lato con le spalle al muro. La lampada sopra il futon su cui giacevamo brillava su Claire mentre le grandi mani di Theos le stringevano e palpavano la carne, tirandole e pizzicando i suoi capezzoli. La luce che brillava tra di noi rendeva un po' più difficile per me vederlo, ma ero grata che probabilmente avrebbe reso più difficile anche per lui vedermi.

Continuò anche a parlarle, la sua voce era un ringhio basso e rauco che mi fece venire un brivido lungo la schiena mentre la chiamava una piccola presa in giro, complimentandosi con lei per il suo seno. Lo guardai gelosamente mentre si chinava, la sua bocca copriva un capezzolo mentre li succhiava e li leccava, alternandoli prima di tirarsi indietro, succhiare e tirare la sua morbida carne. L'altra sua mano iniziò a muoversi e mi ci volle un momento per rendermi conto che ora si stava infilando le mani nei suoi pantaloncini.

"Vediamo se riusciamo a inumidirti un po'" disse a bassa voce mentre si alzava ancora una volta, guardandosi rapidamente intorno per la stanza con quello che interpretai come un momento di colpa.

Ma poi si mosse, afferrandole i fianchi e girandola in modo che le sue gambe penzolassero dal letto. La riposizionò, il suo braccio grosso e forte si avvolse sotto di lei mentre la spostava in modo che la sua testa fosse appoggiata contro il mio stomaco e le sue gambe penzolassero dal letto. Lo guardai mentre si inginocchiava, tirandole le gambe sopra la spalla e tirando di lato i suoi leggeri pantaloncini di cotone. Da questa angolazione, riuscivo appena a distinguere un piccolo ciuffo dei suoi pallidi peli pubici mentre lui affondava la testa tra le sue gambe. I suoi folti capelli neri le ricadevano sulle cosce pallide come una cascata di seta, e sentii che il suo respiro cominciava ad accelerare leggermente.

Con la luce della lampada che ora brillava nei suoi occhi, sapevo che non sarebbe stato in grado di guardarmi. La mia invidia e la mia eccitazione erano quasi travolgenti quando iniziò a mangiarla, e quando vidi una delle sue mani strisciare sul suo ventre piatto per accarezzarle e palpeggiare i suoi seni, riuscii a malapena a trattenermi. Ho abbassato la mano, lentamente e con attenzione, e mi sono sbottonato la parte superiore del pigiama, e ho cominciato a pizzicare e tirare i miei seni più piccoli della coppa B, stuzzicando e strofinando le mie areole come faceva con il mio amico, pizzicando e tirando i miei stessi capezzoli induriti come ha fatto lo stesso con lei. Non ero abbastanza coraggioso da infilare una mano nei miei pantaloni, ma desideravo ardentemente il suo tocco, e il mio calore e la mia umidità erano travolgenti mentre giocavo con invidia con le mie stesse tette.

Claire stava iniziando a respirare più rapidamente, emettendo occasionali gemiti strozzati, e potevo vedere scorci della sua bocca che la leccava vigorosamente mentre la mano che non si prendeva cura dei suoi seni le strofinava avidamente il clitoride.

Dopo qualche altro minuto, inarcò leggermente la schiena, un basso gemito le sfuggì dalle labbra. Tolsi rapidamente la mano dalla mia parte superiore e rimasi immobile mentre lui si alzava, asciugandosi la bocca con il dorso della sua mano grande e forte.

Cominciò ad aggiustare Claire ancora una volta, la sua testa scivolò dal punto in cui era stata appoggiata sul mio stomaco, ma si fermò, i suoi occhi caddero su di me. Mi bloccai, chiudendo completamente gli occhi e ricordandomi di respirare. Mi aveva visto? La luce era ancora tra noi, e io avevo imparato il trucco di tenere gli occhi aperti solo un po', ma perché si era fermato? Ho tenuto gli occhi chiusi, in attesa di un segno di cosa fare dopo.

"Beh, merda", si disse, tirandomi la parte superiore con una mano. L'ho sentito aprirsi nel punto in cui l'avevo sbottonato e le sue dita hanno rilasciato un altro bottone, poi un altro. Sentii l'aria fredda bagnarmi il petto mentre tirava via il tessuto, e la pelle d'oca si diffuse sulla mia pelle nuda e pallida. Sono sicuro che le mie guance erano rosse per l'umiliazione, ma lui non mi guardava in faccia. Sarebbe sicuramente molto deluso. Era stato così interessato al seno perfetto di Claire, le sue grandi coppe E bordate che attiravano gli occhi di ogni uomo anche se indossava un maglione. Sicuramente sarebbe disgustato dalle mie, le mie piccole coppe B appuntite con areole che ho sempre considerato un po' troppo grandi.

"Sembra che la piccola e carina Amy abbia dei seni carini" mormorò piano, un'ondata di eccitazione attraversava il mio corpo mentre le sue mani grandi e calde mi afferravano i seni e li stringevano. Sicuramente era solo arrapato e gli piaceva qualsiasi cosa davanti a lui dopo aver visto Claire, ma comunque trovai il suo tocco la cosa più elettrizzante che avessi mai provato, e faticai a trattenere il respiro mentre le sue spesse dita strofinavano i cerchi intorno ai miei capezzoli mentre lui doveva Claire. Emisi un sospiro involontario mentre mi pizzicava i capezzoli e tirava, e lui ridacchiò. Poi le sue mani erano sparite, e quasi gridai per l'angoscia nel sentire ancora una volta il suo tocco.

Ho sentito un peso scendere all'estremità del letto e le sue mani mi hanno afferrato i fianchi mentre mi tirava verso di sé. Cosa stava facendo? Le sue mani mi accarezzarono la pelle e mi sentii senza peso tra le sue braccia mentre spostava i miei fianchi sul bordo del letto. Per un momento mi sentii piegato a disagio in vita, e dovetti costringermi a rimanere inerte e insensibile. Sentivo le mie gambe penzolare dal letto e sapevo che ora dovevo essere fianco a fianco con il mio amico ancora privo di sensi. Stava per farmi quello che aveva fatto a Claire?

Mi tirò i pantaloni, tirandoli giù fino alle mie ginocchia, e all'improvviso mi sentii di nuovo a disagio mentre continuava a toglierseli, liberando una delle mie gambe flosce con qualche difficoltà. Non pensavo di dormire bene, ma per fortuna deve essere stato abbastanza. Improvvisamente goth le mie gambe erano libere, penzolanti dal bordo del letto.

Mi ero rasato accuratamente tra le gambe ogni mattina nelle ultime due settimane ed ero orgoglioso di quanto fosse liscia la pelle laggiù.

"Oh, quella è una bella piccola figa" sibilò, le sue dita accarezzarono delicatamente la pelle appena rasata, stuzzicando la mia piccola fessura inesperta. Non potei fare a meno di espirare, la mia stessa eccitazione mi faceva impazzire mentre lui si limitava a ridere.

"Cazzo, sei così bagnata" disse con lo stesso roco ringhio che aveva usato con Claire, le sue dita mi stuzzicavano "La piccola e carina Amy è una sgualdrina segreta, eh?"

Incapace di resistere, divaricai leggermente le mie gambe ancora penzolanti, e lo sentii fare un passo indietro. Ero stato scoperto? No. L'ho sentito spostare Claire sul letto ancora una volta, e sono rimasto brevemente deluso, sicuro che fosse tornato al suo preferito. Sentii qualcosa appoggiarsi sulla mia coscia nuda, e un secondo dopo mi afferrò di nuovo, spostandomi indietro e sollevandomi le gambe, posizionandomi in modo che le mie gambe fossero ben divaricate sul letto.

Ho osato aprire appena gli occhi, il mio respiro era ancora affannoso, e mi sono reso conto che ci teneva entrambi fianco a fianco con le gambe divaricate, le nostre cosce che si toccavano, mentre lui indietreggiava guardandoci dall'alto in basso. Il suo grosso cazzo era nelle sue mani, duro e dall'aria cattiva. Si infilava tra le sue gambe, una solida asta di muscoli attraversata da vene palpitanti e arrabbiate, la testa bulbosa viola esposta mentre si strofinava su e giù per la lunghezza con le sue mani forti e potenti, fissando le nostre fighe scoperte.

Lo guardai con soggezione mentre aumentava il ritmo, stringendo la presa. La sua grande mano riusciva a malapena a chiudersi intorno al grosso organo, e io desideravo averlo dentro di me.

Allungò la mano libera mentre lavorava la sua asta, la mano sul suo cazzo ora una sfocatura. La testa bulbosa ora luccicava di precum mentre la sua mano libera passava tra le gambe di Claire, e la sentivo contorcersi accanto a me. Sembrava passata un'eternità prima che la sua mano la lasciasse e un grosso dito scivolasse stuzzicante lungo la mia vergine entrata. Chiusi gli occhi e mi concessi un lieve gemito.

"Mmm, una troietta così stretta" gemette mentre accarezzava lentamente le mie labbra, il suo tocco leggero come una piuma.

Adesso respirava affannosamente e potevo sentire la sua mano che lavorava sul suo grosso cazzo. Quando non sentii più il suo tocco, aprii di nuovo gli occhi e lo vidi lì in piedi, la sua grande figura che incombeva su di noi mentre la sua mano lavorava furiosamente su se stesso.

Emise un basso grugnito, poi un altro mentre veniva, schizzi di sperma che cadevano sulla pancia piatta di Claire. Ne venne un altro, e un altro ancora, e lui si voltò leggermente, l'ultimo getto atterrò sulla pelle pallida del mio stomaco e scese lentamente fino all'ombelico. Sussultai, ma per fortuna non sembrava prestare attenzione.

Un'espressione di colpa o rimpianto apparve sul suo bel viso, solo per un momento. Si voltò e tirò fuori un mucchio di salviettine igieniche imbottite prima di pulire rapidamente e metodicamente il suo sperma sia da me che da Claire, le salviette fredde sulla mia pelle mentre puliva i suoi liquidi rimanenti da me.

Mi fece scivolare il pigiama addosso con pratica esperienza, dando un leggero pizzicotto al mio capezzolo destro prima di abbottonarmi ancora una volta la parte superiore del pigiama.

Poi si rivolse a Claire, e io provai un breve impeto di intensa gelosia mentre guardavo le sue mani vagare per il suo corpo, scivolare tra le sue gambe prima di raddrizzarle i pantaloncini di cotone, accarezzarle i grossi seni mentre le sistemava il top bianco trasparente.

Poi fummo commossi, le sue mani forti riportarono i nostri corpi inerti alle nostre posizioni sul futon prima di ripulire gli ultimi brandelli di prova e lasciare la stanza, lasciandomi con il cuore che mi batteva forte mentre le mie dita finalmente arrivavano tra le mie gambe per tendere al mio desiderio opprimente.

Storie simili

diario di una casalinga. prima parte.

Sposarsi ha causato molto stress nelle nostre vite. Rick si rifiuta di lasciarmi lavorare, e anche con una nuova casa in città (in una zona a basso reddito) e le bollette che accumulano si rifiuta di muoversi. Smorza la nostra relazione e ci mette a dura prova emotivamente e sessualmente. È costantemente al lavoro. Lo stress gli rende difficile essere affettuoso. Vedi dove sta andando. Sono una brava ragazza. E una buona moglie. Ho cercato per settimane di soddisfarlo. Ogni mattina lo succhiavo a secco. Quando è tornato a casa tardi, ho messo da parte i miei bisogni e l'ho succhiato...

1.9K I più visti

Likes 1

Circostanze diverse parte 2

Disclaimer: non possiedo Pokemon, nessun personaggio e Pokemon lì dentro. Sai, solo per coprirmi il culo in caso. Meglio prevenire che curare. Nota dell'autore: grazie a tutte le persone che hanno letto il primo capitolo. Questo capitolo è stato molto più lungo di quanto mi aspettassi. Divertiti! –––––––– 'Caro Nicola, È tua sorella, Julian! Ho inviato questa lettera di Taillow perché era più veloce e per congratularmi con te per aver superato l'Accademia Pokemon! Papà dice che hai fatto degli esami orribili...' “Non ho fatto così male. Almeno sono passato..” borbotta Nicholas, continuando a leggere la lettera che gli era stata...

1.9K I più visti

Likes 0

I sogni di Ashley

Tutti i nomi e la posizione sono stati modificati Fatemi sapere come vi piace la storia. Questa è la mia prima storia qui. ================================= Quando ho posato gli occhi su Ashley per la prima volta ero in seconda media. Eravamo giovani. I miei primi veri sentimenti sono iniziati in prima media. Il suo compleanno è stato 2 settimane prima del mio. Quando ho compiuto 16 anni ho organizzato una grande festa. E, naturalmente, Ashley era lì. Negli anni in cui sono stata una delle sue migliori amiche, lei non era della nostra città, si è trasferita dalla Florida al suo settimo...

2K I più visti

Likes 1

La mia prima volta con Cindy

La storia: Sulla via del ritorno dall'ospedale, dopo aver lasciato mia moglie per un'operazione alla schiena molto seria, Cindy, mi stava dicendo come avrebbe fatto tutte le cose che faceva la mamma in casa, come lavare i piatti e fare il bucato e che si prenderà cura di suo padre come fa la mamma. Fu detto in una specie di sussurro sommesso e lei aveva la sua mano sul mio braccio, toccandomi dolcemente e guardandomi negli occhi. Ho sentito un brivido nei pantaloni e ho guardato le gambe formose di Cindy e la minigonna che indossava, ho subito costretto il mio...

1.9K I più visti

Likes 0

DOLCE SOFIA!!

Sophie è la figlia unica dei miei vicini, è una dolce ragazzina di 13 anni, ma c'è sempre stato qualcosa in lei che mi ha fatto guardare in modo diverso dalle altre bambine. Forse sono i capelli biondi ricci, il suo bel visino, le sue gambe lisce o il fatto che ha un bel paio di tette in erba. Bene, tutto è iniziato un sabato, mi sono seduto nel mio giardino a godermi il sole e anche i miei vicini erano fuori. Non ho l'abitudine di ascoltare le conversazioni di altre persone, ma non ho potuto fare a meno di sentire...

1.8K I più visti

Likes 0

Stephanie - Proprio quando le cose si sono girate Pt. 2

Mentre mi avvicinavo al maniero, la scorsa notte continuava a rimuginare nella mia mente. Volevo solo incontrare il cane, e così sono entrato nel canile. Poi, prima che me ne rendessi conto, mi aveva buttato a terra e mi stava annusando. Poi mi ha strappato le mutandine e ha iniziato a leccarmi la figa, portandomi all'orgasmo contro la mia volontà. Quando pensavo che avesse finito, mi è saltato sulla schiena e mi ha violentata. Ma la parte peggiore è stata quando mi sono lasciato andare e ho iniziato a godermelo. Mi sono svegliato stamattina e ho trovato questo biglietto e il...

1.8K I più visti

Likes 0

Skyrim: Le avventure di Carthalo Parte 1

Carthalo le accarezzò la guancia, sentendo la sua pelle liscia e fredda e scostandole i capelli nerissimi dagli occhi. Lydia, disse, la sua voce roca si trasformò in un sussurro nel suo orecchio rilassati. Questo non è un altro fardello per te da portare. le slacciò la maglietta e lei rabbrividì leggermente al tocco. Questo non è un comando del tuo Thane. le sue mani forti la presero per la vita e la portò al letto. Le assi del pavimento scricchiolarono mentre la trasportava su per le scale di Breezehome. La adagiò dolcemente sul letto e cominciò a baciarle il collo...

1.8K I più visti

Likes 0

Scoprire che sono gay parte 3

Quindi pochi giorni dopo, dopo aver rotto con Lizzy, mi stavo abituando all'idea di essere di nuovo single. Quando ero al college a lezione con McKenzie, ha iniziato a sedersi accanto a me e ha detto Tu e Lizzy vi siete lasciati perché vi ho baciato? Ho guardato McKenzie e ho detto No, il motivo per cui io e Lizzy ci siamo lasciati è perché mi piaceva baciarti. Dopo aver detto che mi sono alzato dal mio posto, ho preso la borsa e sono andato a uscire dalla lezione mentre camminavo, il mio insegnante mi ha detto E dove pensi di...

1.8K I più visti

Likes 0

Il miglior giro in quad di sempre

Avevo 14 anni quando ho avuto la mia prima esperienza. Non ero interessato alle ragazze fino a quando non sono entrato in terza media. Ho avuto alcuni amici che qui ragazze ma nessuno serio. La mia migliore amica era una ragazza di nome Emily con la quale ero amico da molto tempo. Più crescevo, più mi interessavo alle ragazze e più pensavo che Emily fosse la ragazza più bella che avessi mai incontrato. Con i suoi lunghi capelli biondi e morbidi e i suoi splendidi occhi azzurri luminosi. Ogni volta che mi parlava dimenticavo tutto e la mia bocca si seccava...

1.7K I più visti

Likes 0

PMQuest: Capitolo 07 e 08 - Vai sul sicuro o corri dei rischi

Questa storia / fanfiction contiene sesso tra un Ranger umano e tutti i tipi di Pokemon femminili. Questa storia include Femdom, Reverse Rape, Forced, Sex, Female Pokémon x Male Human Ranger. Se ti sei perso l'introduzione completa, fai clic sul mio profilo per avere una panoramica di tutti i capitoli. Questo capitolo fa parte del percorso che hai scelto alla fine del capitolo precedente. Cerca in questa pagina Gioca sul sicuro o Prendi un rischio per continuare la tua avventura. Capitolo 07 - Vai sul sicuro Avevo esaurito le opzioni. Le mie scelte erano di far cadere il cristallo, o provare...

1.6K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.