Nutrire i giovani

25Report
Nutrire i giovani

Norm aveva la sensazione che sapesse che la stava perseguitando e questo lo rendeva cauto. Voleva essere violentata? Non sembrava la tipica esca della polizia per il modo in cui era vestita. La cagna si è vestita in modo strano in realtà; un trench ampio, ampio cappello floscio e occhiali da sole oversize. No, non un poliziotto ma... beh, Norm sperava che non fosse una travestita. L'uomo di mezza età sarebbe dovuto tornare in ufficio per un incontro importante e non voleva arrivare in ritardo. Ma a volte questi impulsi prendevano il controllo e lui doveva agire di conseguenza. La cagna è entrata in un'area riparata circondata da alberi e Norm ha deciso di agire. Dovrebbe essere una sveltina.

"Attento!" pianse la donna quando Norm la gettò a terra da dietro.

"Stai zitto!" Norma ringhiò. "Non combattermi o ti farò del male."

“Non ti combatterò, ma mi hai già ferito. Sono sicuro che entro domani sarò pieno di lividi".

"Collabora e potresti vivere per vedere il domani."

"Sono alla tua mercé", rispose la donna. Norm grugnì. La girò e infilò una mano tra le gambe della sua vittima. Non sentiva punture o palle e ne era contento. C'era cross dresser qualche anno fa e l'intera esperienza lo ha messo fuori dallo stupro delle donne per quasi un anno intero. Tirò fuori il coltello a serramanico e tagliò il cavallo delle sue mutandine. Bene. Era bagnata. La puttana voleva essere violentata. Beh, l'avrebbe accontentata. Tirò fuori il suo cazzo ed entrò facilmente in lei.

"Vediamo che aspetto hai", disse Norm e prese gli occhiali da sole della donna.

“Per favore no. N-non quello,” implorò. "Mi sono fatto male agli occhi e temo che non sia per niente attraente". Norma esitò. Se gli occhi della cagna sembravano davvero disgustosi, probabilmente perderebbe l'erezione. L'uomo decise che non valeva la pena rischiare. La scoperebbe senza ulteriori cerimonie. Doveva tornare presto in ufficio. L'uomo è stato fortunato che il suo ufficio fosse proprio dall'altra parte del parco.

Norm sapeva che non sarebbe durato a lungo. Non l'ha mai fatto e non gliene fregava un cazzo in un modo o nell'altro. Voleva solo sfogarsi senza pagare una puttana o avere qualche puttana altezzosa che criticava la sua esibizione. Ha incolpato di tutto la sua ex moglie puttana e i figli ingrati. Norm ha spruzzato il suo seme nella fica della sua vittima in meno di due minuti.

"È stato meraviglioso", disse la donna mentre Norm appoggiava tutto il suo peso sul suo corpo mentre riprendeva fiato. La guardò intensamente. Non riusciva a percepire alcuna ironia nella sua voce.

"È stato il più grande di sempre", decise infine di dire Norm.

"Sono contento", ha risposto la sua vittima, "e sapere che ti ho dato un po' di piacere rende tutto un po' più facile ma non molto".

“Che cazzo sei…” Norm avvertì una sensazione di bruciore nel suo grasso intestino. Si ritrasse e tirò indietro il pugno per prendere a pugni la cagna in faccia proprio come aveva fatto con il travestito, ma un'improvvisa debolezza lo colse e si lasciò cadere di nuovo sulla donna.

"Temo che sia troppo tardi per lottare", disse la donna con una voce che voleva essere rassicurante. “Sarà finito in pochi istanti. No, non stai morendo... almeno non ancora. Ti devo una spiegazione e intendo farlo non appena il veleno avrà fatto pieno effetto.

Veleno? Norm cercò di urlare ma dalla sua bocca non usciva alcun suono. Un raffreddore permeava il suo corpo aggiungendosi alla debolezza che già sentiva... e poi intorpidimento. Un minuto dopo non sentiva nulla sebbene rimanesse sveglio e vigile. La sua mente stava lavorando freneticamente per trovare una via di fuga, ma il suo corpo non voleva collaborare. Era come se la sua mente e il suo corpo si fossero completamente separati. Che cosa gli avrebbe fatto quella stronza pazza? L'uomo iniziò a pregare, cosa che non faceva da molti anni.

"Penso che lo faccia", disse la donna. "Il veleno induce la paralisi e ha praticamente bloccato tutti i tuoi movimenti volontari." Spinse il suo corpo da solo e si alzò. “Il tuo sistema cardiorespiratorio è ancora funzionante. Anche le tue capacità di ragionamento non sono influenzate, così come la vista e l'udito. Quasi tutto il resto è stato chiuso, temo". Era sorprendentemente forte per una donna della sua taglia e spinse ulteriormente la notevole mole di Norm nella parte più fitta degli alberi e dei cespugli.

“Accidenti, odio indossare questa roba. È così fuori moda.» Si tolse rapidamente cappotto, cappello e occhiali da sole. "Puoi guardarmi negli occhi ora, se vuoi." Si sedette accanto a Norm. Lo sfortunato uomo si sarebbe tirato indietro se avesse potuto. La donna aveva occhi che appartenevano a una mosca oa qualche altro insetto. Norm provò un leggero sollievo per il fatto di poter almeno chiudere gli occhi. "Ho anche ali e antenne, ma non sono funzionali", ha aggiunto la donna. "Ti piacerebbe vedere?" Norm cercò di scuotere la testa e poi decise di tenere gli occhi chiusi.

“A proposito, mi chiamo Lydia. Immagino che ti starai chiedendo come sono arrivato in questo modo. Bene, te lo dirò. Ero un umile assistente di laboratorio di un entomologo all'università. L'entomologia è lo studio degli insetti. Ha studiato le specie dell'ordine degli Imenotteri che include le vespe parassite, la sua specialità”. Il cellulare di Norm iniziò a squillare interrompendo il monologo di Lydia. "Non ne avrai più bisogno." Prese il dispositivo dalla fondina e lo spense. Norm ha iniziato a sperare che qualcuno sarebbe venuto a cercarlo quando non ha risposto al telefono e non si è presentato al suo incontro.

"Conosci la storia di come Peter Parker è diventato Spider-Man?" chiese Lydia come se stesse cambiando argomento. “È stato morso da un ragno radioattivo. In qualche modo il ragno ha trasferito il suo DNA a Peter e con esso i poteri del ragno. La storia di Peter Parker è anche la mia storia, tranne per il fatto che sono stato punto da una vespa parassita radioattiva. La mia forza è aumentata un po', ma ho anche iniziato a coltivare parti di insetti. È semplicemente ingiusto. Non è mai successo a Peter. Comunque, puoi chiamarmi Wasp-Woman se vuoi, ma non aspettarti che venga a salvarti. Non sono un super eroe.

“Le ali sono troppo piccole per la mia massa corporea e gli occhi sono davvero più un ostacolo che un aiuto. L'unica cosa che funziona davvero è questo pungiglione insieme all'istinto e alla voglia di usarlo. Sai cosa fa il mio pungiglione oltre a pungere? Che cosa? Neanche ipotesi? Posso dire in questo momento che non sei venuta preparata per questo piccolo quiz. Le vespe parassite femmine usano i loro pungiglioni per immobilizzare la loro preda e depositare le loro uova all'interno della vittima. Le uova si schiudono e le larve si nutrono del loro ospite. Una volta che ti hanno consumato, si gireranno in un bozzolo e la prossima estate emergeranno come vespe mature. Avranno l'aspetto di vespe ma molto più grandi con tutti gli istinti e la capacità di imparare come un essere umano. Questo è esattamente ciò che accadrà. Lo so per esperienza precedente. La tua morte sarà lenta, ma almeno sarà indolore". Quella puttana è pazza, pensò Norm. Come mi sono cacciato in questo pasticcio?

“Ho quasi dimenticato di dirti la parte migliore. Tu sei quello che ha fecondato le uova che incubano all'interno del tuo corpo proprio in questo momento. Diventerai padre. Non è eccitante? So che non lo apprezzi. Voglio dire, questa doveva essere un'avventura di una notte per te, per così dire, e ora hai delle bocche da sfamare, giusto? Ora, non guardarmi in quel modo. Sei tu quello che mi ha attaccato, ricordi? Non ti ho attaccato".

Lydia indossò il cappotto, il cappello e gli occhiali da sole. Dopo aver mimetizzato il luogo di nidificazione di Norm, ha detto: "Mi sono davvero divertito insieme, ma devo scappare". Si chinò e lo baciò sulle labbra. Norm non aveva la voce per implorare pietà. Poteva solo pregare per la salvezza al dio della sua infanzia; il dio che aveva dimenticato da tempo.

Tre giorni dopo Norm vide un movimento contorto sotto il ventre nudo ma sudicio. Le uova si erano schiuse. Le larve avevano cominciato a nutrirsi. Veniva mangiato vivo. Non c'era niente che lui potesse fare.

La fine

Storie simili

diario di una casalinga. prima parte.

Sposarsi ha causato molto stress nelle nostre vite. Rick si rifiuta di lasciarmi lavorare, e anche con una nuova casa in città (in una zona a basso reddito) e le bollette che accumulano si rifiuta di muoversi. Smorza la nostra relazione e ci mette a dura prova emotivamente e sessualmente. È costantemente al lavoro. Lo stress gli rende difficile essere affettuoso. Vedi dove sta andando. Sono una brava ragazza. E una buona moglie. Ho cercato per settimane di soddisfarlo. Ogni mattina lo succhiavo a secco. Quando è tornato a casa tardi, ho messo da parte i miei bisogni e l'ho succhiato...

44 I più visti

Likes 1

L'amore è tutto ciò che conta pt2 - Nuovo dipendente, vecchie abitudini

Ero a casa ad aprire la porta, entrando nel mio appartamento quando il mio cellulare ha ronzato, mi infilo in tasca per prenderlo e controllare chi fosse a quest'ora, Jessy. Il messaggio diceva: Scusa :( te lo devo, la prossima volta puoi scegliere un film. Forse scegline uno con più azione, così non mi addormento Ho sorriso al messaggio e mi sono spogliato preparandomi per andare a letto, mi sono lavato i denti e sono andato in toillete tirando fuori il mio cazzo e mirando con i miei occhi assonnati, una mano che scriveva a Jess l'altra che mi teneva il...

40 I più visti

Likes 0

Breve, sexy e dolce: 2- Un'esplosione di passione

Lascia di nuovo commenti!! Spero ti diverta :) Capitolo 2: “Cazzo... mi ero dimenticato che oggi sarebbe venuta Gloria. A volte fa schifo avere amici” gemette Beth, mettendo le mani sulle spalle di Jericho e vedendo i suoi occhi andare al suo petto. Amava le attenzioni e sapeva di essere bella per una persona piccola. Sbarazzati di lei, voglio giocare implorò Jericho, mettendole la mano sotto la camicia da notte e sfregandole la figa attraverso le mutandine, che sentiva bagnate, facendolo sorridere da un orecchio all'altro. “Credimi... lo faccio anch'io. Vestiti, ma dentro... qualcosa di sciolto, non credo che resterà a...

50 I più visti

Likes 0

Famiglia adottiva Capitolo 9

Ehi ragazzi, scusate per quanto tempo è passato. Spero vi piaccia ^_^ Si applicano le stesse note. Questo è un lavoro di FICTION qualsiasi parvenza di eventi reali è del tutto una coincidenza. Se hai meno di 18 anni (o 21 a seconda di dove ti trovi) o se è illegale per te leggere questo per qualsiasi motivo, o se il sesso tra ragazzi/uomini ti offende comunque, per favore non leggere. altrimenti buon divertimento! ________________________________________________________________________________ Capitolo 9 Positivo. Quell'unica parola rimase nella testa dei ragazzi per il resto della notte. Nessuno dei due ragazzi riuscì a dormire quella notte, con loro...

37 I più visti

Likes 0

Così com'è - Parte 3

La mattina dopo Stuie si svegliò dal rumore di sua madre che si preparava per la giornata. Stava ancora pensando a cosa indossare per attirare l'attenzione di una sorella di cui non era ancora sicuro. Ha scelto di indossare la sua canotta aderente rosso vivo e un paio di pantaloncini triathalon aderenti, spesso indossati per gli allenamenti di wrestling, che avrebbero accentuato il suo pacco e i panini. Non riusciva a trovare un paio completo di sandali o infradito prontamente disponibili, quindi i piedi nudi sarebbero andati benissimo. Passò tra le stanze della casa in cucina per aiutare sua sorella a...

41 I più visti

Likes 0

Il papà del mio amico 8

Il giorno dopo era normale come al solito. Sono andato a scuola con Jeanette e abbiamo studiato nella sua stanza dopo i reparti, ma ovviamente entrambi avevamo qualcos'altro in mente che sarebbe stato archiviato sotto Cattivo se capisci cosa intendo. Ti sei davvero masturbato mentre ci guardavi? Ho chiesto. Sì, era davvero fottutamente caldo. Voglio dire, ti stava arando come un matto. Sono sorpreso che i vicini non si stiano lamentando con noi in questo momento. Voglio dire, guardandoti, non avrei idea che ti lamentassi così molto quando hai fatto sesso. Voglio dire, dannazione mia signora, se non ti conoscessi meglio...

40 I più visti

Likes 0

Il compagno del campione 12

La tarda estate al Menthino è stata un periodo intenso. Kaarthen si ritrovò nella gigantesca stanza della mappa del palazzo. L'intero piano era un'immagine in movimento in tempo reale di Menthino, scale su rulli e tavoli cartografici su ruote erano lungo le pareti. Marcos era vestito in modo quasi casual con una camicia di seta verde scuro e pantaloni neri Safi. La regina e due principesse, Saliss la più anziana e Ruegin, ascoltavano con lei i piani annuali di migrazione dalle vaste pianure alluvionali a Cardin. Tre Hjordis in nero Safi con i capelli raccolti in chignon stretti stavano lungo il...

41 I più visti

Likes 0

Lussuria 3

Ancora una volta, stavo terminando la notte masturbandomi dopo essere stato estremamente eccitato a causa delle avventure di mia figlia. Oggi è stata una giornata pazzesca e non potevo credere a quello che era successo dopo aver calmato i miei pensieri arrapati con un orgasmo. Mi sono addormentato come un angelo dopo. Al mattino mi sono svegliato presto e ho preparato la colazione. Quando i bambini sono scesi, ho servito loro dei cereali e ho preso la banana che mia figlia aveva messo nel culo la sera prima e l'ho data a mio figlio. Ho guardato il viso di mia figlia...

38 I più visti

Likes 0

Che cosa hai fatto a Jessica?

Ho aperto lentamente gli occhi e ho visto una bella ragazza che dormiva accanto a me. La sua pelle morbida e pallida, gli occhi adorabili, le labbra succose, i capezzoli morbidi, i capezzoli succosi mi stavano facendo sentire quanto sono fortunato ad averla. Ricordo ancora la nostra relazione di allora prima che lei lasciata la casa. Non abbiamo mai avuto un rapporto fratello-sorella. Non parlavamo mai molto. Lei era impegnata nel suo mondo e io nel mio mondo. Aveva 8 anni più di me. Quindi non mi piaceva l'idea di stare a casa di mia sorella quando mia madre decise di...

38 I più visti

Likes 0

Broken Birds, Parte 37, Uno spazio nel tempo / Epilogo

Parte 37 Uno spazio nel tempo Epilogo L'elicottero di emergenza ha urlato per tutta la notte. Michael, Jennifer, Beth e Kat erano a bordo. Il dottore che Jennifer aveva di guardia non era potuto venire. Era ubriaco. La consegna è iniziata normalmente. Poi Kat ha cominciato a sanguinare gravemente. Barbara l'aveva già visto. Ha dato suggerimenti che Jennifer ha immediatamente implementato, scoprendo quanto preziosa fosse diventata l'esperienza ginecologica e neonatale di Barbara. Barbara è rimasta indietro a causa delle condizioni e dello stress di Jan. Il terrore attanagliò l'harem. Si sedettero intorno all'enorme soggiorno principale. Cercavano in Barbara consolazione e informazioni...

90 I più visti

Likes 1

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.