Nutrire i giovani

1.2KReport
Nutrire i giovani

Norm aveva la sensazione che sapesse che la stava perseguitando e questo lo rendeva cauto. Voleva essere violentata? Non sembrava la tipica esca della polizia per il modo in cui era vestita. La cagna si è vestita in modo strano in realtà; un trench ampio, ampio cappello floscio e occhiali da sole oversize. No, non un poliziotto ma... beh, Norm sperava che non fosse una travestita. L'uomo di mezza età sarebbe dovuto tornare in ufficio per un incontro importante e non voleva arrivare in ritardo. Ma a volte questi impulsi prendevano il controllo e lui doveva agire di conseguenza. La cagna è entrata in un'area riparata circondata da alberi e Norm ha deciso di agire. Dovrebbe essere una sveltina.

"Attento!" pianse la donna quando Norm la gettò a terra da dietro.

"Stai zitto!" Norma ringhiò. "Non combattermi o ti farò del male."

“Non ti combatterò, ma mi hai già ferito. Sono sicuro che entro domani sarò pieno di lividi".

"Collabora e potresti vivere per vedere il domani."

"Sono alla tua mercé", rispose la donna. Norm grugnì. La girò e infilò una mano tra le gambe della sua vittima. Non sentiva punture o palle e ne era contento. C'era cross dresser qualche anno fa e l'intera esperienza lo ha messo fuori dallo stupro delle donne per quasi un anno intero. Tirò fuori il coltello a serramanico e tagliò il cavallo delle sue mutandine. Bene. Era bagnata. La puttana voleva essere violentata. Beh, l'avrebbe accontentata. Tirò fuori il suo cazzo ed entrò facilmente in lei.

"Vediamo che aspetto hai", disse Norm e prese gli occhiali da sole della donna.

“Per favore no. N-non quello,” implorò. "Mi sono fatto male agli occhi e temo che non sia per niente attraente". Norma esitò. Se gli occhi della cagna sembravano davvero disgustosi, probabilmente perderebbe l'erezione. L'uomo decise che non valeva la pena rischiare. La scoperebbe senza ulteriori cerimonie. Doveva tornare presto in ufficio. L'uomo è stato fortunato che il suo ufficio fosse proprio dall'altra parte del parco.

Norm sapeva che non sarebbe durato a lungo. Non l'ha mai fatto e non gliene fregava un cazzo in un modo o nell'altro. Voleva solo sfogarsi senza pagare una puttana o avere qualche puttana altezzosa che criticava la sua esibizione. Ha incolpato di tutto la sua ex moglie puttana e i figli ingrati. Norm ha spruzzato il suo seme nella fica della sua vittima in meno di due minuti.

"È stato meraviglioso", disse la donna mentre Norm appoggiava tutto il suo peso sul suo corpo mentre riprendeva fiato. La guardò intensamente. Non riusciva a percepire alcuna ironia nella sua voce.

"È stato il più grande di sempre", decise infine di dire Norm.

"Sono contento", ha risposto la sua vittima, "e sapere che ti ho dato un po' di piacere rende tutto un po' più facile ma non molto".

“Che cazzo sei…” Norm avvertì una sensazione di bruciore nel suo grasso intestino. Si ritrasse e tirò indietro il pugno per prendere a pugni la cagna in faccia proprio come aveva fatto con il travestito, ma un'improvvisa debolezza lo colse e si lasciò cadere di nuovo sulla donna.

"Temo che sia troppo tardi per lottare", disse la donna con una voce che voleva essere rassicurante. “Sarà finito in pochi istanti. No, non stai morendo... almeno non ancora. Ti devo una spiegazione e intendo farlo non appena il veleno avrà fatto pieno effetto.

Veleno? Norm cercò di urlare ma dalla sua bocca non usciva alcun suono. Un raffreddore permeava il suo corpo aggiungendosi alla debolezza che già sentiva... e poi intorpidimento. Un minuto dopo non sentiva nulla sebbene rimanesse sveglio e vigile. La sua mente stava lavorando freneticamente per trovare una via di fuga, ma il suo corpo non voleva collaborare. Era come se la sua mente e il suo corpo si fossero completamente separati. Che cosa gli avrebbe fatto quella stronza pazza? L'uomo iniziò a pregare, cosa che non faceva da molti anni.

"Penso che lo faccia", disse la donna. "Il veleno induce la paralisi e ha praticamente bloccato tutti i tuoi movimenti volontari." Spinse il suo corpo da solo e si alzò. “Il tuo sistema cardiorespiratorio è ancora funzionante. Anche le tue capacità di ragionamento non sono influenzate, così come la vista e l'udito. Quasi tutto il resto è stato chiuso, temo". Era sorprendentemente forte per una donna della sua taglia e spinse ulteriormente la notevole mole di Norm nella parte più fitta degli alberi e dei cespugli.

“Accidenti, odio indossare questa roba. È così fuori moda.» Si tolse rapidamente cappotto, cappello e occhiali da sole. "Puoi guardarmi negli occhi ora, se vuoi." Si sedette accanto a Norm. Lo sfortunato uomo si sarebbe tirato indietro se avesse potuto. La donna aveva occhi che appartenevano a una mosca oa qualche altro insetto. Norm provò un leggero sollievo per il fatto di poter almeno chiudere gli occhi. "Ho anche ali e antenne, ma non sono funzionali", ha aggiunto la donna. "Ti piacerebbe vedere?" Norm cercò di scuotere la testa e poi decise di tenere gli occhi chiusi.

“A proposito, mi chiamo Lydia. Immagino che ti starai chiedendo come sono arrivato in questo modo. Bene, te lo dirò. Ero un umile assistente di laboratorio di un entomologo all'università. L'entomologia è lo studio degli insetti. Ha studiato le specie dell'ordine degli Imenotteri che include le vespe parassite, la sua specialità”. Il cellulare di Norm iniziò a squillare interrompendo il monologo di Lydia. "Non ne avrai più bisogno." Prese il dispositivo dalla fondina e lo spense. Norm ha iniziato a sperare che qualcuno sarebbe venuto a cercarlo quando non ha risposto al telefono e non si è presentato al suo incontro.

"Conosci la storia di come Peter Parker è diventato Spider-Man?" chiese Lydia come se stesse cambiando argomento. “È stato morso da un ragno radioattivo. In qualche modo il ragno ha trasferito il suo DNA a Peter e con esso i poteri del ragno. La storia di Peter Parker è anche la mia storia, tranne per il fatto che sono stato punto da una vespa parassita radioattiva. La mia forza è aumentata un po', ma ho anche iniziato a coltivare parti di insetti. È semplicemente ingiusto. Non è mai successo a Peter. Comunque, puoi chiamarmi Wasp-Woman se vuoi, ma non aspettarti che venga a salvarti. Non sono un super eroe.

“Le ali sono troppo piccole per la mia massa corporea e gli occhi sono davvero più un ostacolo che un aiuto. L'unica cosa che funziona davvero è questo pungiglione insieme all'istinto e alla voglia di usarlo. Sai cosa fa il mio pungiglione oltre a pungere? Che cosa? Neanche ipotesi? Posso dire in questo momento che non sei venuta preparata per questo piccolo quiz. Le vespe parassite femmine usano i loro pungiglioni per immobilizzare la loro preda e depositare le loro uova all'interno della vittima. Le uova si schiudono e le larve si nutrono del loro ospite. Una volta che ti hanno consumato, si gireranno in un bozzolo e la prossima estate emergeranno come vespe mature. Avranno l'aspetto di vespe ma molto più grandi con tutti gli istinti e la capacità di imparare come un essere umano. Questo è esattamente ciò che accadrà. Lo so per esperienza precedente. La tua morte sarà lenta, ma almeno sarà indolore". Quella puttana è pazza, pensò Norm. Come mi sono cacciato in questo pasticcio?

“Ho quasi dimenticato di dirti la parte migliore. Tu sei quello che ha fecondato le uova che incubano all'interno del tuo corpo proprio in questo momento. Diventerai padre. Non è eccitante? So che non lo apprezzi. Voglio dire, questa doveva essere un'avventura di una notte per te, per così dire, e ora hai delle bocche da sfamare, giusto? Ora, non guardarmi in quel modo. Sei tu quello che mi ha attaccato, ricordi? Non ti ho attaccato".

Lydia indossò il cappotto, il cappello e gli occhiali da sole. Dopo aver mimetizzato il luogo di nidificazione di Norm, ha detto: "Mi sono davvero divertito insieme, ma devo scappare". Si chinò e lo baciò sulle labbra. Norm non aveva la voce per implorare pietà. Poteva solo pregare per la salvezza al dio della sua infanzia; il dio che aveva dimenticato da tempo.

Tre giorni dopo Norm vide un movimento contorto sotto il ventre nudo ma sudicio. Le uova si erano schiuse. Le larve avevano cominciato a nutrirsi. Veniva mangiato vivo. Non c'era niente che lui potesse fare.

La fine

Storie simili

Erotismo vampiro

Sono solo e impotente, mentre torno a casa dall'allenamento di softball una sera tardi. Sento dei passi che mi seguono, ma quando mi giro non c'è niente. Spaventato comincio a muovermi più velocemente. Sentendo ancora dei passi prendo una scorciatoia, percorrendo una strada laterale. Questa strada laterale non ha lampioni, è molto buia. Sento i passi avvicinarsi. Sono così spaventato. comincio a correre. Mi sento come se ci fosse qualcuno che mi segue. Mi sento come se si stessero avvicinando a me. Sono così spaventato, e dato che è così buio inciampo nella radice di un albero. A terra, sento qualcuno...

96 I più visti

Likes 0

In famiglia (parte 5)_(1)

Vuoi un po' di compagnia? Cam fece capolino nella doccia. La guardai con gli occhi socchiusi mentre mi tiravo indietro i capelli bagnati dagli occhi. La bella addormentata è finalmente in piedi. ho preso in giro. Fece una risatina e aprì la porta a vetri. Devi sciogliere l'asciugamano, lo sai. dissi, guardando l'asciugamano che stringeva così forte al suo corpo. Entrò e gettò l'asciugamano per terra. Era tutto pieno di vapore nella doccia, quindi non potevo vederla chiaramente, ma potevo vederla. Mamma e papà non si sono ancora alzati? Non credo. Disse e prese una bottiglia di shampoo. Perché non ti...

1.1K I più visti

Likes 0

L'ultima speranza bianca (Capitolo 1)

Questa è una storia di fantasia sul diventare presidente del nostro paese. È una sorta di parallelo con la nostra storia e la nostra linea temporale. Il primo capitolo riguarda lo sviluppo del personaggio principale Alcune informazioni di base su di me prima di entrare troppo nella storia. Mi chiamo Stewart Thomas Whitteman. Faccio il mio secondo nome e tutti mi chiamano Tom. Odio il nome Stewart. Era il nome preferito dello zio di mia madre. Sono nato il 5 maggio 1955. Sono alto un metro e ottanta, peso 210 libbre, ho i capelli e gli occhi castani. Mi alleno regolarmente...

1.1K I più visti

Likes 0

Mother's Submission - Capitolo 12

Alex Morgan si guardò intorno nella sua stanza del dormitorio, la stanza in cui aveva trascorso gli ultimi anni. Aveva alcuni bei ricordi qui, ma ce n'era uno eccezionale. Quando il suo amico, George, lo aveva spinto a creare un profilo per l'app di appuntamenti. Era lì che aveva incontrato la donna che ora amava, che per caso era sua madre. Quando si era presentato oggi, George era stato felice di vederlo. George è stato molto meno felice di scoprire che Alex si sarebbe trasferito a casa e avrebbe completato i suoi studi online. Chi mi aiuterà quando avrò problemi con...

1.1K I più visti

Likes 0

Cottage 13 – Parte 1

Questa storia parla di una moglie che sceglie di vivere la sua fantasia sessuale per il sesso forzato anonimo, all'insaputa del marito. Se non ti piace questo tipo di storia, o qualcuno a cui piace fare commenti anonimi denigratori, salta questa storia. Apprezzo i messaggi privati ​​che forniscono feedback e/o idee costruttive... NOTE: Ai fini di questa storia, il Geosexing è definito come una variante del geocaching, in cui uomini e donne utilizzano il Global Positioning System (GPS) per designare o cercare luoghi in cui fare sesso con un individuo consenziente. Questo non è in alcun modo un tentativo di ridefinire...

887 I più visti

Likes 1

Tocca - Capitolo 2

Tocca - Capitolo 2 Le cose sono diventate imbarazzanti rapidamente, Kelly e io avevamo appena fatto del sesso bollente insieme senza sapere davvero perché l'avessimo fatto. È stato perché sono venuto su di lei e lei non voleva fermarmi? Ma poi stava partecipando altrettanto... non riuscivo a metterlo insieme. Abbiamo provato a parlarci subito dopo, ma entrambi ci sentivamo strani l'uno con l'altro, ecco perché non ci ho mai provato prima, sapevo che questo avrebbe rovinato la nostra amicizia. Ho cercato di uscire da lì il più velocemente possibile senza cercare di sembrare un completo idiota. Non ero il tipo da...

1K I più visti

Likes 0

Prima volta_(3)

Era la primavera del '99 e frequentavo l'ultimo anno delle superiori, avevo appena compiuto diciotto anni. Ero nella squadra di pallavolo, fisicamente in forma e pronto a sfidare il mondo. Avevamo appena vinto la nostra prima partita e dopo un discorso di incoraggiamento di coach Azzerelli, ci ha mandato alle docce. Mi ero spesso eccitato quando ero sotto la doccia dopo l'allenamento mentre guardavo gli altri fare la doccia. Li fissavo mentre tenevo la testa sotto il getto d'acqua, quindi non era ovvio. O così ho pensato. Uno degli chic della mia squadra era piuttosto figo, ma non sembrava mai avere...

649 I più visti

Likes 0

Fare da mentore a Brandon 2

MENTRE BRANDON Di Bob Capitolo 2: Il mio sogno diventa realtà! Bussano alla porta: FINALMENTE! Il mio cuore batteva da un po' di tempo e ora non c'era niente di diverso. Ho iniziato a camminare per aprire la porta quando Dave è saltato fuori dalla sua cuccetta ed è corso verso di me. Quando ha aperto la porta, ho visto Brandon in piedi nel corridoio. Ehi Dave. Che c'è? risuonò la voce che stavo aspettando. Non molto ragazzo, sto solo facendo un po' di cazzate per la storia, fu la risposta di Dave. Sì, senti. In realtà ho bisogno di parlare...

195 I più visti

Likes 0

La vita di un playboy capitolo 10

CAPITOLO 10 Non sono durato a lungo sul mercato aperto una volta che la scuola è ricominciata. Letteralmente, il mio primo giorno di ritorno nell'area accademica sono stato proposto cinque volte da diverse ragazze molto carine. Ero un uomo grande nel campus, con una buona reputazione dopo essere andato a letto più della mia giusta quota di belle donne. Mentre molti erano rimasti lontani da me per paura della mia ragazza Ice Queen, ora che Kaia se n'era andata ero di nuovo un gioco leale. Ma anche il mio tempo con Kaia mi aveva viziato. Avevo una splendida ragazza bisessuale che...

165 I più visti

Likes 0

Non più una fantasia

La spogliarellista ha aperto le gambe proprio davanti alla mia faccia e nel bagliore del club squallido ho potuto distinguere un po' di succo all'ingresso della sua figa. Avrei voluto che si stesse diffondendo per me, ma stava guardando il grande tipo di operaio edile accanto a me. Era una serata amatoriale allo strip club locale e il ragazzo che le faceva gocciolare la figa era uno dei giudici del pubblico. Sono rimasto in giro per la ragazza successiva ma ero così eccitato che non ce la facevo più. Mi diressi verso il bar con la mano in tasca cercando di...

147 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.