Charles aiuta sua madre a provare di nuovo piacere Capitolo 7

678Report
Charles aiuta sua madre a provare di nuovo piacere Capitolo 7

Parole dell'Autore:

Ciao a tutti grazie per aver letto la mia storia fino ad ora, è venuto alla mia attenzione da un lettore molto onesto che la mia storia è diventata molto noiosa, mi dispiace se la pensate così, sull'altro mio forum non ho mai avuto nessuno che lo dicesse me questo quindi non l'ho mai considerato.

Inoltre, alcuni di voi potrebbero notare errori di grammatica e ortografia, altri sono semplicemente per errore, non sono uno scrittore professionista e la scrittura non è nella mia descrizione del lavoro, quindi non vedrai molto in termini di tecnologia di battitura avanzata con me , anche quando si tratta di ortografia alcune parole potrebbero essere scritte in modo diverso nel caso di realizzo e realizzo, per me il primo modo è corretto, non sono americano, sono australiano.

Vorrei ringraziare il commentatore di Anon per il suo feedback, attualmente sto lavorando al capitolo 9 della mia storia, quindi questo e il prossimo capitolo non subiranno alcun cambiamento, ma forse posso imparare da te commentando e vedendo se io non può migliorare con quel capitolo.

Grazie per aver dedicato del tempo a leggere questo.

Saluti

NotteCaduta.






Nelle settimane passate, mentre continuavano a sperimentare e spingersi oltre i limiti della condizione di Sue, il loro amore era sbocciato completamente ed erano veramente amanti.

Lentamente Charles si alzò dal sonno profondo in uno stato di semicoscienza, non poteva più sentire sua madre sdraiata su di lui ma sentiva una netta sensazione di qualcosa di bagnato che scivolava su e giù sul suo legno mattutino, allungò la mano sinistra e sentì una grande chioma che si muove avanti e indietro.
“Mmmm buongiorno mamma.” Disse con un gemito, sentì le sue labbra scivolare via dal suo cazzo permettendole di rispondere.
"Buongiorno tesoro, ho pensato di sbarazzarmene per te." Disse con un sorriso prima di tornare a succhiare, lui sollevò la mano destra per pulirsi gli occhi, fu allora che sentì qualcosa che gli sbatteva forte contro la testa.
"Ahia." Disse mentre ricordava che la sua mano era ancora ingessata, poteva sentire sua madre ridacchiare mentre continuava a succhiarlo, poteva già sentire un mal di testa in arrivo.

Non sapeva da quanto tempo sua madre lo succhiava, ma sentiva già la familiare sensazione della sua palla che stava per essere evacuata, strinse i denti ed emise un gemito mentre sentiva il suo sperma schizzargli su per il cazzo e volare fuori dalla sua testa, Sue ha smesso di dondolare la testa ma ha continuato a succhiare, voleva il suo sperma nella pancia, tutto quanto.

Aspettò lentamente che il suo cazzo diventasse morbido e lo sentì scivolare dalla sua bocca, deglutì ancora una volta e fece scivolare il suo corpo finché i loro volti non furono di nuovo insieme, Charles si stava strofinando la testa con la mano sinistra dove l'aveva colpita con la destra , Sue si spostò un po' di più e baciò il piccolo livido che si era formato lì.
"È meglio tesoro?" Si baciarono dolcemente e Charles rispose.
“Un po' mamma grazie.” Disse dandole un altro bacio, Sue sorrise mentre si allontanava e si alzava dal letto.
“Vado a farmi una doccia, vuoi unirti a me?” Chiese lei, stuzzicandolo dando al suo capezzolo una bella tirata dura e lunga, poteva sentire il suo sangue lottare per dargli un'altra erezione.
“Dacci un minuto mamma.” Lui ha risposto, lei ha rilasciato il suo capezzolo e lui ha guardato mentre i suoi grandi seni rimbalzavano mentre si alzava dal letto e si allontanava da lui, si muoveva un po' di più nel culo mentre lasciava la stanza.

Da solo era libero di pensare, settimane prima gli era venuto in mente non molto sottilmente che lui e sua madre non erano più solo madre e figlio, erano amanti ora e per sempre, legati in modo ancora più speciale dal sangue, Charles sorrise, ora sapeva cos'era la felicità, non provava rimpianti, non provava disgusto, mostrava a sua Madre la vera portata del suo amore.

Ricordava di aver sentito la storia dell'eroe greco Edipo, a cui era stata detta una profezia che avrebbe ucciso suo padre e sposato sua madre, fu questo personaggio greco che Sigmund Freud inventò con la sua convinzione che tutti i bambini desiderano avere una relazione sessuale con il loro genitore del sesso opposto, nel suo caso era sua madre, non c'era alcun desiderio di uccidere suo padre, ma in realtà non voleva nessun altro se non sua madre, per lui lei era tutto, nessun altro contava.

Si alzò dal letto, il suo tentativo di erezione era fallito e il suo cazzo ora giaceva morbido tra le sue gambe, si avvicinò alla finestra vicina e aprì un po' le tende per vedere il mondo esterno, fu immerso nella luce dorata quando sentì la sua pelle iniziare a scaldarsi, chiuse le tende e fece un respiro profondo, sorrise ancora una volta mentre riusciva a distinguere sua madre che cantava sotto la doccia.

Si diresse verso la cucina e trovò un sacchetto di plastica, lo mise sopra il gesso e lo legò in posizione, fatto ciò si diresse verso il bagno.

Stava davanti alla porta aperta e guardava sua madre ballare e cantare sott'acqua, lei si lavava con il sapone e poi se lo portava davanti alla bocca e lo usava come un microfono, non l'aveva mai vista così felice nella sua vita, almeno non dopo la morte del padre, la vista lo rese ancora più felice.

"C'è posto per me in quella doccia?" chiese interrompendo la sua esibizione, lei si voltò con un sorriso quasi uguale al suo e rispose.
"Penso che possiamo trovarne un po'." Charles si avvicinò ed entrò nell'acqua calda, dandogli un'immediata sensazione di essere rinfrescato. "Charles, ti piacerebbe lavarti le tette?" chiese Sue.
"Un lavaggio delle tette, che cos'è?" chiese.
"Quello che faccio è mettere il sapone sui miei seni e poi usarli per lavare il tuo corpo, tuo padre si è divertito molto." Poteva dire che sua madre era di nuovo di umore giocoso.
"Suona bene." Lui ha risposto, Sue le ha afferrato il seno sinistro con la mano e l'ha insaponato con il sapone, lei a sua volta ha fatto questo all'altro, una volta fatto ha sostituito il sapone e l'ha presa sotto il seno con entrambe le mani, ha spinto il suo seno coperto di sapone verso l'alto contro il petto di Charles e iniziò a strofinarli su e giù, Charles poteva sentire i suoi capezzoli eretti che sfregavano contro la sua carne mentre lei continuava ancora e ancora, ogni tanto si insaponava i seni ancora e ancora, poteva sentire il suo cazzo ancora una volta cercando di diventare duro.

Lentamente si spostò dal petto giù per la sua pancia, mentre si muoveva su e giù poteva sentire qualcosa che le colpiva il fondo della scollatura, si staccò per un momento per scoprire che Charles ora sfoggiava un'erezione completa, guardò Charles con uno sguardo curioso sorrise prima di cadere in ginocchio, inghiottì il suo cazzo con i suoi seni e iniziò a farli scivolare su e giù per il suo cazzo duro, poteva sentire le sue vene premere contro la carne morbida dei suoi seni mentre il suo cazzo scivolava attraverso di loro, il respiro di Charles era iniziato per aumentare e lei poteva un leggero gemito lasciare le sue labbra, con ogni spinta verso il basso sembrava che il suo cazzo diventasse sempre più duro.

Il suo cazzo era ancora sensibile dal pompino di questa mattina, poteva già sentire il suo sperma pronto a uscire dal suo cazzo, ha fatto del suo meglio per trattenerlo ma questo ha solo aumentato la pressione, con un forte aumento il suo sperma è uscito dal suo cazzo con tale forza che i primi pochi colpi erano più simili a geyser mentre schizzavano sul viso di Sue, il resto schizzava sui suoi seni creando un piccolo stagno tra il suo cazzo e l'apice della scollatura di sua madre.
"Charles guarda che casino che hai combinato..." Lei lo guardò e gli rivolse un sorrisetto. "Ora dovrò lavarmi di nuovo."
“Permettimi mamma.”

Finirono la doccia e si vestirono senza ulteriori incidenti, si diressero verso il salotto dove si sedettero e guardarono la TV, mentre guardavano Charles decise che era ora di fare un altro passo per aiutare sua madre a riprendersi, si alzò dal divano e disse.
"Esci oggi." Poteva già vedere la preoccupazione sul volto di sua madre, poi, quando i ricordi del suo successo quelle settimane prima e dopo le fecero sorridere e la sua fiducia, si alzò dal divano e disse.
"Fammi prendere la mia borsa." Osservò un po' sorpreso e orgoglioso sua madre, afferrò il portafogli e la aspettò alla porta.

Pochi istanti dopo era pronta e uscirono insieme dalla porta, lui la osservò mentre non esitava ad ogni passo verso la parte anteriore del cancello principale, Charles aprì il cancello e si fermò dall'altra parte, poteva vedere la paura e il dubbio si era insinuato nella mente di sua madre, la vedeva tremare appena appena, deglutì a fatica e portò il piede destro in avanti varcando la soglia tra la sua casa e la striscia di natura, il suo piede scese sull'erba e un nuovo sentimento di orgoglio la riempì, portò avanti il ​​piede sinistro, sorrise del suo successo, ancora una volta Charles si riempì di orgoglio.

Con pochi passi era piena di fiducia mentre camminava fianco a fianco davanti a molte case familiari, parlavano come una volta anche loro, era bello riaverla indietro almeno per un aspetto, era di nuovo sua mamma, dopo vent'anni minuti di cammino non c'era più alcuna esitazione, per lei era di nuovo tutto naturale, passavano davanti a qualche compagno di camminata sia maschio che femmina, dopo i primi si sentiva di nuovo a suo agio con entrambi i sessi, fermandosi anche a parlare e chiacchierare occasione.

Andarono in un parco vicino a un negozio all'angolo, presero un gelato e un drink ciascuno e poi si diressero verso una panchina nel parco, si sedettero lì a mangiare, bere e parlare, rimasero lì per alcune ore, hanno guardato il recinto degli uccelli con stagni di pesci combinati, hanno guardato mentre i bambini giocavano su attrezzature e con giocattoli diversi, Sue ha persino tirato indietro una palla vagante.

Dopo aver lasciato il parco si diressero lungo la strada principale e andarono a guardare le vetrine, guardarono le vetrine ancora per qualche ora prima di entrare in un negozio di polli per pranzare, si gustarono insieme un piatto di patatine fritte con sugo, continuarono a ridere e chattare, senza pensare si baciarono appassionatamente, non gli importava chi li vedeva, erano innamorati.

Finirono il pasto e proseguirono per la loro strada, ogni tanto incontravano degli amici fermandosi a chiacchierare qualche istante prima di proseguire, ogni tanto si baciavano, era come se fossero una giovane coppia nel fiore degli anni relazione, per chi li vedeva era semplicemente una mancata corrispondenza per età, chi li conosceva dava il via ai pettegolezzi e ai pettegolezzi.

La giornata sembrava finire in fretta, si erano appena accorti di quanto si stesse facendo buio, lentamente tornarono a casa tenendosi per mano.
Proprio mentre il sole stava per tramontare arrivarono alla porta di casa, oltrepassarono la soglia ancora pieni di risate e gioia, mentre Charles chiudeva la porta dietro di loro Sue gli mise le braccia al collo, Charles la inchiodò contro il muro baciandola con tutta la passione che poteva.
Proprio mentre era quasi senza fiato Sue lo spinse via con forza, lui sorrise mentre la guardava cadere in ginocchio, lei gli slacciava la cintura e il bottone in cima ai suoi jeans, poi abbassava lentamente la cerniera rivelando la sua biancheria intima sotto , gli tirò giù un po' i jeans e fece lo stesso con le sue mutande, prima di sdraiarsi lì morbida era la cosa che voleva, si inginocchiò in avanti e iniziò a leccare su e giù la parte posteriore del suo cazzo, Charles poteva sentire il sangue si precipitò ad assecondare il suo desiderio, in quasi un lampo lui fu duro e pronto per lei, lei gli prese il cazzo nella mano destra e cominciò a masturbarlo, lo guardò con un sorriso deviato, mantenne gli occhi su di lui mentre lei portò ancora una volta la lingua contro la sua carne dura e venosa, il suo cazzo aveva un sapore delizioso, lei gli chiuse le labbra intorno alla testa e lo succhiò con tutte le sue forze, Charles lanciò un forte urlo di piacere mentre si tratteneva dal ricadere, con quello che sembrava un'aspirazione senza fine iniziò a muovere le labbra lungo la sua asta, la sensazione si intensificò solo mentre prendeva sempre più del suo cazzo in bocca e in gola, tirò di nuovo su le labbra e senza preavviso le sbatté di nuovo giù, Charles diede emise un altro forte grido di piacere mentre appoggiava la mano destra sul muro vicino per assistenza, con la mano sinistra libera le afferrò la parte posteriore della testa mentre lei continuava a farla oscillare su e giù sulla sua asta sempre più dura.
"Oh mamma, è incredibile." Commentò mentre lei aumentava la velocità del suo ballonzolare, si fermò per un momento e iniziò lentamente a spingere la bocca sempre più in basso lungo la sua asta, presto riuscì solo a vedere la sua pancia nel mirino ma la sua bocca continuava ad abbassarsi, non lo fece Non so quanto aveva ingoiato ma stava ancora andando.

Alla fine il suo naso premette contro il suo osso pubico e non poté andare oltre, Charles le afferrò saldamente la parte posteriore della testa tenendola ferma, Sue poteva sentire che il suo respiro si stava esaurendo e voleva tirarsi indietro, ma la forza che stava esercitando la nuca le impediva di muoversi.

Sembrava un'eternità, ma alla fine lei tirò indietro la testa e si staccò dal suo cazzo, una lunga linea di sputo che teneva le sue labbra collegate al suo cazzo.
"Mamma, è stato incredibile." Commentò ansimando forte, lei gli diede un bacio sulla testa e poi tornò in piedi, si baciarono mentre entravano nel salotto, si spogliarono l'un l'altro e rimasero di nuovo nudi uno di fronte all'altro, Charles si prese questo tempo per guardare sua madre ancora una volta, non riusciva a credere a quanto fosse veramente bella, nella mente di Sue stava pensando la stessa cosa, e nel suo cuore voleva dargli l'unica cosa che meritava per tutto l'aiuto che le aveva dato.
"La tua così bella mamma." Sue arrossì sentendo questo, Charles si chinò per posare ancora una volta le sue labbra sulle sue, premette il suo corpo contro il suo e le prese il seno destro nella mano sinistra, la sua lingua esplorò la sua bocca come fece la sua in cambio, le accarezzò e strinse i seni nella sua mano, poteva sentirla gemere nella sua bocca ad ogni movimento delle sue dita.

Sentì le dita avvolgere il suo cazzo dirigendolo tra le sue gambe, la sua asta era premuta proprio contro il suo sesso e poteva sentire il suo calore provenire dall'interno, iniziò a spingere avanti e indietro lentamente, altri gemiti echeggiarono nella sua bocca, poteva sentire Il duro capezzolo di Sue premeva contro il suo palmo, ad ogni spinta poteva sentire lentamente i suoi succhi iniziare a ricoprirgli l'asta, emetteva un gemito sentendo il desiderio di voler spingere il suo sesso nel profondo del corpo di sua madre, Sue si staccò dal loro bacio ed emise un forte gemito.
“Charles, il tuo cazzo si sente così bene mentre si strofina contro la mia figa…. Mi assaggerai? Lei chiese.
"Mi piacerebbe mamma." La baciò ancora una volta e le diede un'altra stretta al seno prima di lasciarla andare, lei fece un passo indietro e il suo cazzo si alzò di nuovo colpendolo forte nella pancia, lui la guardò mentre si sedeva sul divano e apriva le gambe per lui, si mise la mano sulle sue cosce e fece scivolare le unghie su e giù lasciando piccoli segni rossi, Charles si inginocchiò e avvicinò il naso alla sua figa, fece un respiro profondo e prese il suo profumo il più profondamente possibile nel suo essere.
"Hai un profumo incredibile, mamma." Le strofinò la punta del naso intorno alla figa prima di allungare la lingua e iniziò a leccarle le labbra esterne, poté assaporare il succo che si era accumulato dal suo humping, Sue tremò al semplice tocco della sua lingua contro la sua carne tenera e sensibile, Sue le prese i seni tra le mani e iniziò a stringere e stuzzicare i suoi capezzoli con il pollice e l'indice, il suo corpo rabbrividì mentre la sua lingua scivolava sulla sua clitoride.
“Sì Charles, fai star bene la mamma.” Supplicò chiudendo gli occhi e godendosi le sensazioni che attraversavano la sua mente e il suo corpo.

Ogni volta che raggiungeva il fondo delle sue labbra veniva accolto da una piccola cascata di succo, era come sorseggiare un dolce nettare e mandava le sue papille gustative in overdrive per il sapore, perdendo la scena e spingendo la lingua in profondità nel suo canale d'amore.
“CHARLES OH DIO CHARLES!!!” Urlò, in un istante capì cosa aveva fatto.
"Mi dispiace mamma." Ha supplicato.
"Charles, non è quello, è stato così bello." Le sue labbra si trasformarono in un grande sorriso.
"Aspetta mi stai dicendo che non hai sentito alcun dolore?" chiese Charles pieno di allegria.
"Nessun dolore, non fermarti ora Charles." Pregò, Charles annuì e tornò alla sua figa, non avrebbe mai pensato che avrebbe mai avuto la possibilità di assaggiarle le viscere, ancora una volta le leccò le labbra ma quando ebbe finito riportò la lingua ancora una volta dentro di lei, la sensazione di la sua lingua che la toccava più profondamente di quanto lei pensasse avrebbe mai più provato le toglieva il fiato, a lei sembrava che fosse passata una vita dall'ultima volta che aveva sentito qualcosa di così bello, c'era solo una cosa migliore, ma voleva godersi questa sensazione un ancora un po', Charles decise di fare lui stesso il passo successivo, sollevò l'indice destro e mentre le leccava ancora una volta la clitoride spinse il dito dentro il più profondamente possibile, nonostante fosse in grado di entrare in lei, era ancora molto stretto e poteva sentire le sue pareti stringere il suo dito con una forza incredibile, Sue lanciò un forte urlo di piacere mentre si aggrappava al divano, Charles sapeva cosa significava e tolse il dito e le mise la bocca sulle labbra, zampillo dopo zampillo di succo scorreva dal suo canale riempiendogli la gola e la bocca fino al limite, gli ci vollero tre grandi deglutizioni per ingoiare tutto, il suo gemito era sceso a un basso coo e Charles tolse la bocca dalle sue labbra, iniziò a baciarsi lungo le sue La pancia della madre tra i suoi seni e finalmente raggiungendo la sua bocca ansimante, il loro bacio era ancora una volta pieno di passione, si devastarono a vicenda la bocca, Charles si spostò e la sua testa premette nell'apertura della figa di Sue, Sue si staccò dal loro bacio e cedette un altro gemito sentendo qualcos'altro che pensava non avrebbe mai più provato.
«Portami Carlo.» Lei espirò, le loro labbra si unirono ancora una volta e Charles iniziò a spingere lentamente il suo cazzo dentro il suo sesso, era incredibilmente stretto, era quasi come se stesse scopando una vergine, ma non c'era nessun ostacolo, mulino dopo mulino il suo cazzo continuava a scivolare nel profondo di lei, questo non fece che aumentare il desiderio nel loro bacio, sembrò un'eternità ma il suo cazzo alla fine toccò il fondo, le loro labbra si separarono e Sue emise un gemito quasi silenzioso di felicità, lentamente Charles iniziò a tirare indietro il suo cazzo, le mani di Sue si lanciarono e aggrappato alla sua schiena, le unghie di lei affondate profondamente nella sua carne, guardò mentre il seno di sua madre sobbalzava su e giù ad ogni respiro pieno di piacere.

Prese il suo cazzo al punto di quasi cadere fuori e iniziò a spingerlo dentro ancora una volta, questa volta si mosse più velocemente, questo fece sì che Sue affondasse le sue unghie ancora più a fondo in lui, i suoi seni si alzavano e si abbassavano ancora più velocemente e più forte come gemito dopo gemito sfuggì rapidamente alle sue labbra in rapida concessione.

Ad ogni spinta aumentava la sua velocità, lui stesso iniziava a gemere a raffiche rapide quasi in corrispondenza di Sue, in poco tempo la stava scopando a un ritmo costante, era incredibile avere la sua figa bella e bagnata ma stretta che provava ancora e ancora a farlo venire.
"Mamma, la tua figa mi sta stringendo così forte, è incredibile." Ha commentato.
"Non fermarti tesoro, è così bello." Non pensava che lei lo stesse ascoltando, era troppo presa dal piacere che desiderava da così tanto tempo anche se pensava che fossero passate solo un paio di settimane.
"Tesoro, posso cavalcarti per favore?" Ha chiesto le sue parole sembravano essere formate da un gemito.
“Certo mamma.” Lui rispose un po' deluso, le tirò fuori il cazzo dalla figa e lo sentì cadere forte mentre lasciava la sua apertura, Sue si alzò dal divano e Charles prese il suo posto, il suo cazzo era in piedi come un soldato in attesa dei suoi ordini, Sue si mise a cavalcioni sui fianchi di suo figlio e mise la testa del suo cazzo sulla punta della sua apertura, lentamente con un lungo gemito pieno fece scivolare la figa lungo il suo cazzo, Charles emise un suo gemito mentre afferrava le cosce di sua madre, una volta raggiunta il fondo si sedette lì per un momento, voleva solo godersi la sensazione del cazzo dentro di lei, Charles la guardava, i suoi occhi erano chiusi e aveva un sorriso sul viso che avrebbe fatto ingelosire lo Stregatto, aprì lentamente gli occhi e Charles vide la felicità in loro.
"Charles ti senti così bene, è incredibile." Ha detto ubriaca di ecstasy.
“Goditela quanto vuoi mamma, non ho fretta.” Lui ha risposto, lei ha chiuso gli occhi ancora una volta e Charles poteva sentire i suoi muscoli stringere il suo cazzo più e più volte, non riusciva a credere quanto fosse bello con il suo cazzo che non si muoveva nemmeno dentro di lei, lei fece le fusa mentre iniziava a sollevare i fianchi di nuovo permettendo al suo cazzo di scivolare dentro di lei, lei si alzò quanto voleva prima di scendere ancora una volta, Charles non poté fare a meno di emettere un forte gemito mentre lei iniziava ad aumentare lentamente la sua velocità fino a quando non fu comodo.
"Oh dio, mi è mancato così tanto." Sue gridò.
"Puoi averlo quando vuoi mamma, il mio cazzo è tutto tuo." Lui ha risposto.

Ad ogni scivolata del suo cazzo dentro di lei, lei sentiva ondate e ondate di piacere, la sua figa faceva rumori osceni bagnati ad ogni spinta nel suo cazzo, Charles poteva sentire che il suo cazzo e le sue palle erano completamente inzuppati, piccoli colpi di piacere lo riempivano come goccioline gli corse sui testicoli agitandogli i capelli ei nervi.

Sue si fermò e si sedette ancora una volta, Charles era un po' curioso della sua battuta d'arresto.
"C'è qualcosa che non va mamma?" Chiese.
"Penso di non essere lontano dall'orgasmo." Ansimava. "Il che significa che presto verrai anche tu." Emise un altro gemito.
"Sono molto vicino alla mamma." Carlo ha ammesso.
"Sarebbe troppo o troppo disgustoso chiederti di venire dentro di me?" Il solo sentire quelle parole magiche fece sussultare Charles, e il movimento corrispondente fece gemere anche Sue.
"Mi piacerebbe mamma." Lui rispose con un sorriso orgoglioso, Sue sorrise a sua volta mentre inspirava profondamente e iniziava a sollevare ancora una volta i fianchi, sbatteva forte la figa sul suo cazzo e iniziava a muoversi il più velocemente possibile, i suoi seni rimbalzarono come palloni da basket in faccia a Charles implorando attenzione, Charles si allungò e strinse quei grossi meloni stretti tra le mani, ad ogni spinta verso il basso li stringeva ancora di più.

Charles poteva sentire le sue palle prepararsi a schiarirsi, e fece del suo meglio per resistere più a lungo.
"Mamma, presto verrò." Ha implorato.
"Fallo piccola, vieni dentro mamma, fammi sentire il tuo bambino che fa il succo dentro di me." I suoi occhi si spalancarono e la sua bocca emise un forte urlo di piacere mentre rilasciava il suo sperma represso nel profondo del grembo di sua madre, il tocco di Charles sperma dentro di lei fu sufficiente a spingere Sue oltre il limite e anche a far uscire un altro urlo carico di piacere anche da lei, Charles si sentiva venire cinque, no sei, no sette volte dentro di lei, non era mai venuto così tanto in vita sua nemmeno con Emily, e sembrava che non avesse ancora finito, Sue si aggrappò la sua figa stretta intorno al cazzo di Charles nella speranza di mantenere tutto il suo sperma dentro di lei, ma poteva sentire piccole quantità iniziare a gocciolare dalle sue labbra.

Dopo un minuto Charles finalmente smise di venire, le sue mani caddero dai seni di Sue e atterrarono su entrambi i lati di lui sul divano, Sue cadde in avanti con la testa appoggiata accanto al suo collo, entrambi ansimavano forte, i loro corpi pieni di stanchezza, ci volle un Pochi istanti, ma Sue poteva sentire un solletico nella sua figa e poi uno schiocco mentre il cazzo di Charles cadeva dalla sua fica ora piena di sperma, poteva sentire altre gocce filtrare dal suo buco che si chiudeva lentamente, Charles poteva sentire queste gocce che lasciavano pozzanghere sul suo cazzo.

"Sei libera ora mamma, sei libera." commentò Charles mentre ansimava.
"Sì, sono libero, ma ora sono solo tuo." Lei ha risposto ansimando.

Rimasero lì per mezz'ora senza muoversi, Charles aveva messo le mani attorno alla vita di Sue tenendola stretta.
Sue iniziò lentamente a sedersi e scese dalla vita di Charles, Charles poteva vedere lo sperma secco intorno al suo cazzo e alla figa di sua madre, aveva fatto un buon lavoro e lo fece sorridere, guardò mentre la mano destra di Sue le prendeva a coppa la figa e ci giocò davanti a lui mentre la sua mano sinistra le stringeva il seno sinistro e le stuzzicava il capezzolo.
"Charles, mi sento così bene." Con ciò infilò il dito medio in profondità nella sua figa, emise un altro gemito, poté sentire il suo dito essere leggermente ricoperto dalla sua sborra che le riempiva ancora la figa fino all'orlo, tirò fuori il dito dal suo sesso bollente e lo portò fino alla bocca, mise il dito più in profondità che poteva e vi strinse le labbra intorno, rimase lì e strinse il suo seno più forte mentre si succhiava il dito con tutto ciò che valeva, prima di farlo scivolare dalle sue labbra completamente pulito.

Solo questa scena era sufficiente per rendere di nuovo duro Charles, era venuto più di quanto avesse mai immaginato, e sarebbe stato fortunato a venire contro per ore, ma il suo cazzo era più che pronto a giocare.
Sue aprì gli occhi a questa vista e sorrise, lasciò andare il seno e prese il suo cazzo stretto nella sua mano destra, si chinò su di lui e appoggiò la mano sinistra sullo schienale del divano, i suoi seni erano proprio sulla sua faccia e non riusciva a respirare senza sentire quei piccoli peli sulla sua pelle.
"Il mio bambino ha bisogno di venire di nuovo così presto?" Chiese con lussuria e sessualità nella voce, spinse la mano lungo il suo cazzo il più lontano possibile stando così, Charles emise un forte gemito soffocato mentre prendeva un boccone di tetta.
"Sono duro mamma ma non credo che riuscirò a venire di nuovo per qualche ora." Sue fece un sorriso malvagio.
"Quindi non importa quanto ti masturbo, non sentirai mai la straziante sensazione di venire?" Sue poteva sentire la sua testa sfiorare su e giù tra la sua scollatura, tirò la mano su per il suo cazzo e lo spinse di nuovo giù con forza, Charles emise un altro grido sensibile di dolore e piacere.
"Mamma, sono sensibile, per favore non farlo." Ha implorato.
"Cosa?" Lei tirò indietro la mano ancora una volta e poi la sbatté di nuovo lungo la sua asta, urlò ancora una volta sentendo l'agonia e il piacere della sega di sua madre.
“Vuoi davvero che smetta?” Chiese, ancora una volta poteva sentire la sua testa scuotersi.
"No mamma". Sue rise.
"Allora che ne dici di scoparmi di nuovo." Lei lasciò la presa sul suo cazzo e si alzò in piedi, lui la guardò mentre si sdraiava sul pavimento e apriva le gambe per lui, Charles si alzò dal divano e si posizionò sopra il corpo pieno di desiderio di sua madre.

Sentì la mano di sua madre afferrare ancora una volta il suo cazzo, iniziò a tirare la sua asta guidandolo verso la sua apertura chiusa, Charles poteva sentire le sue labbra iniziare a circondargli la testa, Sue rimosse la sua mano e la riportò al suo fianco, Charles chiuse i suoi occhi e iniziò a spingere il suo cazzo delicato all'interno del canale di sua madre, il minimo dei tocchi gli inviava un piacere straziante attraverso di lui, poteva sentire l'interno della sua figa era ancora fradicio e ricoperto della sua precedente emissione, era quasi rassicurante sentire il suo sperma freddo che ricopre il suo cazzo duro e caldo, iniziò lentamente a tirarlo fuori e lentamente lo spinse dentro di nuovo, il suo corpo era ancora esausto e non aveva la forza o la resistenza per una scopata veloce, dentro e fuori, dentro e fuori ha continuato le sue spinte in movimento lento, Sue tubava dolcemente mentre sentiva il cazzo di suo figlio muoversi lentamente attraverso le sue viscere, si sentiva rilassata ed era bello, era ancora molto eccitata ma questo era come un bel massaggio calmante per la sua figa.

"Mmm che bello Charles, continua così." Allungò le braccia sopra la testa e chiuse gli occhi come se si stesse svegliando da un bel sonno, mise le braccia dietro la testa e aprì di nuovo gli occhi e guardò negli occhi di Charles, poteva vedere quanto fosse provato ma aveva Era passato così tanto tempo che voleva tutto ciò che poteva ottenere, fu allora che Charles sentì la parete della sua figa afferrare il suo cazzo come una morsa, emise un grido e smise di muoversi.
"Ti sto stringendo troppo forte Charles?" chiese con tono scherzoso.
"Mamma, voglio venire, ma non ho più niente." Le sue braccia cedettero lentamente e lui premette il suo corpo contro quello di lei, il suo corpo era immobile e lei poteva sentire il suo cazzo un tempo duro iniziare a rimpicciolirsi e scivolare fuori dalla sua figa ora rilassata.

Sue ha stretto suo figlio tra le braccia e lo ha baciato sulla guancia.
"Penso che sia ora di andare a letto, mio ​​giovane amante." Sentì la sua testa muoversi contro la sua spalla, sentì il suo peso sollevarsi e guardò Charles in piedi stanco, Sue si alzò dal pavimento e aiutò suo figlio a letto, lo adagiò e tirò le coperte sul suo bel corpo, si allungò per la camicia da notte e la indossò, la lasciò sciolta lasciando la figa e il canyon dei suoi seni sotto gli occhi di tutti, chiuse la porta e andò in cucina a preparare la cena, era affamata e stanca quanto lui, poteva sentire la sua adrenalina che iniziava a svanire mentre si sentiva incredibilmente provata all'improvviso, decise di fare qualcosa di speciale per loro stasera e mettere su un arrosto.

Charles si adoperò per trovarlo a letto, si alzò ancora nudo e andò alla ricerca della Madre, sentì il profumo bellissimo di un agnello arrosto così lo seguì in cucina, lì trovò la tavola mezzo apparecchiata e l'arrosto pronto per essere servito, Sue dormiva al tavolo della cucina, lui le si avvicinò e la baciò dolcemente sulla guancia.
"Mamma, penso che la cena sia pronta." Le sussurrò all'orecchio, lei gemette e sollevò lentamente la testa, una volta seduta dritta si strofinò gli occhi nel tentativo di togliere quel poco di sonno rimasto, mentre si stirava la veste aperta completamente esponendo di nuovo i suoi seni pieni a lui, lui allungò una mano e ne prese uno nella mano sinistra e lo strinse forte, lei emise un gemito di gioia.
"Spero che questi siano nel menu." Ha commentato.
«Solo se lo è.» Ha detto raggiunto tra le sue gambe e afferrando il suo cazzo semi duro. "Vedere e toccare le tette di Mummies ti rende duro Charles?" chiese dolcemente.
“Dio sì.” Ha risposto con una fusa.
"Penso che dovremmo mangiare qualcosa prima del secondo round." Sue commentò, Charles si chinò e gli baciò forte la bocca sulle labbra, le loro lingue esplorarono ancora una volta prima di separarsi di nuovo.
“Sì mamma.” Lui ha risposto.

Consumarono un buon pasto a base di agnello, patate e altre verdure miste, quando sentirono bussare alla porta, Charles si infilò velocemente i pantaloni che erano sdraiati nel salotto e Sue raccolse i suoi vestiti e corse nella stanza più vicina e chiuse il porta per vestirsi.

Charles aprì la porta e rimase lì sbalordito.
"No, non può essere." Ha detto scioccato, pochi istanti dopo Sue è uscita dalla stanza in cui era stata e ha chiesto.
"Chi è tesoro?" Charles si spostò e Sue cadde in ginocchio, in piedi sulla porta c'era un uomo vestito con un'uniforme militare formale, non riusciva a credere ai suoi occhi.
“Sono a casa Sue…. Sono a casa."

L'uomo era suo marito.

Storie simili

Agenzia per l'adozione inviata dal cielo

~~Introduzione~~ Questa storia inizia con quattro ragazzi molto belli. Erano intelligenti oltre il loro tempo. Il primo si chiama Michele. Michael proveniva da una famiglia di altissimo livello. Suo padre possiede più della metà delle banche negli Stati Uniti, quindi il suo background era perfetto. Non ha mai avuto nessun tipo di problema per tutta la sua giovane vita, la famiglia sempre in giro (tanto amore), ed è un figlio molto educato. Stava compiendo 25 anni ed era al secondo anno al college (non nominerò il college, per altri motivi, ma era qualcosa come la fascia alta, come Yale), aveva una...

1.5K I più visti

Likes 0

Diventare Omega, parte 1

Diventare Omega, parte 1 Era in piedi davanti a uno specchio nell'atrio di un hotel, il cuore che batteva, il respiro corto. Presto, tutto sarebbe diverso. Lei sarebbe diversa. Non ne aveva idea. Ma anche allora, lì, sapeva che stava cambiando. Certo, era sempre stata una puttana. Era anche sempre stata un po' remissiva. Adorava scopare, ovviamente. Ma era proprio così: adorava scopare, e così si è fatta scopare. Non amava ancora il fatto che le persone adorassero scoparla. Il fatto che stesse rendendo felici gli altri non si registrava del tutto. Non fino a quel giorno. Era stata invitata qui...

1.1K I più visti

Likes 0

Le cronache della casalinga

Le cronache della casalinga Il ragazzo della fantasia Si chiamava Xavier, ci siamo conosciuti su una chat line e abbiamo parlato così per un po'. Abbiamo discusso di molte cose... cosa volevamo fare, i nostri piani futuri e cose del genere. Le cose sembrano semplicemente fare clic tra lui e me. Era più giovane di me di circa sette anni, ma era quello che mi attraeva in primo luogo. Non credo che nemmeno la mia età avesse importanza per lui; qualcosa in me era cambiato negli ultimi mesi. Ho avuto una relazione seria da un po' di tempo, ma le cose...

786 I più visti

Likes 0

Le Cronache di Craigslist: Capitolo 1:

Disclaimer: In questa serie non troverai incesto, stupro, droga, coercizione, violenza grave, fantascienza, fantasia, bestialità, scat, necrofilia o qualsiasi cosa di natura molto offensiva, incluso il sesso minorile. Il focus di questa serie è sui personaggi, le trame, l'umorismo e sembra essere ambientato in un ambiente sessuale. Per favore goditelo in questo contesto. Se hai familiarità con il mio lavoro precedente, sei pronto per più o meno lo stesso. Nota sul formato: questi capitoli saranno interconnessi, ma ci saranno molti personaggi diversi, alcuni potrebbero riapparire. All'inizio di ogni capitolo ci sarà una breve introduzione e descrizione del personaggio, e poi salterà...

762 I più visti

Likes 0

Trappola nella grotta, parte 1

Trappola nella grotta, parte 1 Il viaggio d’affari di Jack Simon a Manila era andato bene. Il nuovo ufficio della sua azienda disponeva di personale adeguato per amministrare gli aspetti di sottoscrizione e riscossione della sua grande compagnia assicurativa. Si ricompensò prendendo un idrovolante per Okinawa per incontrare un vecchio amico della Marina. Craig era un ergastolano che era riuscito a rimanere a Okinawa per tre anni e conosceva bene la zona. Ha portato Jack a fare immersioni in posti che i turisti non hanno mai visto; sistemi di grotte su piccole isole che erano per lo più incontaminate dal mondo...

446 I più visti

Likes 0

Clarissa Morgen - Parte 1

Clarissa Morgen era a caccia. La sua carriera giornalistica è in crisi da quasi 3 mesi e i suoi redattori la infastidiscono senza sosta affinché scriva una storia rivoluzionaria. Dopo molte estenuanti notti intere, ha trovato una storia che ha attirato la sua attenzione. Nelle ultime settimane sono state fatte irruzioni in diverse case della città. Secondo le sue fonti, all'interno di ogni casa rotta c'era un dipinto di un galeone strappato. Incuriosita da questi schemi, ha fatto alcune indagini nella speranza di scoprire qualcosa. Riusciva quasi a capire lo schema, ma manca sempre qualcosa. 5 case sono state svaligiate. 5...

440 I più visti

Likes 0

Casa stregata: parte III

Kelly era andata a trovare sua madre per la settimana, lasciandomi a preparare la casa per i nostri primi ospiti paganti. Per fortuna, la locanda sarebbe stata piena questo fine settimana. Una prenotazione last minute di tutte e cinque le camere da letto al secondo piano garantita da una riunione di famiglia. Mercoledì sera ero riuscito a pulire a fondo la casa, ricordando qualcosa che Kelly e io avevamo lasciato in soffitta. Entrando nella stanza verso il tramonto, ho sentito quel formicolio fin troppo familiare nei miei lombi. Guardando in basso, ho visto il mio pene sollevarsi e irrigidirsi nei boxer...

290 I più visti

Likes 0

Circostanze diverse parte 2

Disclaimer: non possiedo Pokemon, nessun personaggio e Pokemon lì dentro. Sai, solo per coprirmi il culo in caso. Meglio prevenire che curare. Nota dell'autore: grazie a tutte le persone che hanno letto il primo capitolo. Questo capitolo è stato molto più lungo di quanto mi aspettassi. Divertiti! –––––––– 'Caro Nicola, È tua sorella, Julian! Ho inviato questa lettera di Taillow perché era più veloce e per congratularmi con te per aver superato l'Accademia Pokemon! Papà dice che hai fatto degli esami orribili...' “Non ho fatto così male. Almeno sono passato..” borbotta Nicholas, continuando a leggere la lettera che gli era stata...

2K I più visti

Likes 0

Stephanie - Proprio quando le cose si sono girate Pt. 2

Mentre mi avvicinavo al maniero, la scorsa notte continuava a rimuginare nella mia mente. Volevo solo incontrare il cane, e così sono entrato nel canile. Poi, prima che me ne rendessi conto, mi aveva buttato a terra e mi stava annusando. Poi mi ha strappato le mutandine e ha iniziato a leccarmi la figa, portandomi all'orgasmo contro la mia volontà. Quando pensavo che avesse finito, mi è saltato sulla schiena e mi ha violentata. Ma la parte peggiore è stata quando mi sono lasciato andare e ho iniziato a godermelo. Mi sono svegliato stamattina e ho trovato questo biglietto e il...

1.8K I più visti

Likes 0

L'intera faccenda con Jackie

L'INTERA AFFARE CON JACKIE Avevo appena litigato con Arlene, la mia fidanzata di tanto in tanto da un paio d'anni, tranne per il fatto che non sapevo che ci fosse stata una lite finché non ho bussato alla sua porta per portarla alla festa quella sera. A un certo punto tra il momento in cui sono uscito di casa quel pomeriggio, che era un po' prima che andassi a casa sua, aveva ricevuto una telefonata da Bill Blackstone, che le aveva chiesto cosa stesse facendo quella notte. Bill aveva provato a fare delle mosse con lei per un po' e non...

961 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.