Un altro ospite gradito 2

692Report
Un altro ospite gradito 2

Afrodite - Figlia di Zeus, dea dell'amore, della bellezza e della sessualità

Artemide - Figlia di Zeus, dea della caccia, della luna e della castità

Atena - Figlia di Zeus, dea della saggezza, del coraggio, dell'ispirazione, della civiltà, della legge e della giustizia, della guerra strategica, della matematica, della forza, della strategia, delle arti, dei mestieri e dell'abilità.

Zeus - Re degli dei greci

Ares - Figlio di Zeus ed Era, dio della guerra

Ephus - l'uomo divino con un potere insolito.

Dr. Quinn - moglie umana di Ephus

Dee egizie e mogli a Ephus

-------------------------------------------------- --------------

Bast - Dea dei gatti, protezione, gioia, danza, musica, famiglia e amore

Sekhmet - Dea del fuoco, della guerra e della danza

Hathor - Dea del cielo, danza, amore, bellezza, gioia, maternità, terre straniere, miniere, musica e fertilità.

Serket - Dea degli scorpioni, della medicina, della magia e della guarigione di punture e morsi velenosi

Maat - Dea della verità e della giustizia

Tefnut - Dea della pioggia, dell'aria, dell'umidità, del tempo, della rugiada, della fertilità e dell'acqua

-------------------------------------------------- --------------------------------------------

Ephus rotolò lentamente lontano da Aphrodite, questa volta guardandosi davvero intorno mentre si alzava in piedi. Rabbrividendo un po', pensò ai vestiti sia per lui che per Afrodite, che apparvero un attimo dopo.

Beh, pensò, questo ha fatto ben poco per ridurre il freddo nell'aria. Mettendo Afrodite più a suo agio, fu sorpreso un attimo dopo quando sentì il terreno tremare. Qualcosa stava arrivando in fretta, anche se non riusciva a capire bene cosa fosse.

Con un sospiro sentì il potere dentro di lui iniziare a crescere. A tutti gli effetti, conoscendo gli dei greci questo era un attacco. Poi di nuovo, per quanto tutto ciò che si sentiva lì fosse debole, non era sicuro di cosa aspettarsi.

Un minuto dopo una rossa infuocata che indossava un'armatura leggera, si avvicinò su quello che sembrava essere un carro. Era trainato da quattro cavalli neri come la notte, molto vivaci, i cui occhi brillavano leggermente di rosso. Fermandosi davanti a Ephus, lo guardò con totale disprezzo, sogghignando.

"Non so chi tu sia umano, non che importi molto, sarai morto in pochi istanti." Guardando dietro di lui, vide il corpo prono di Afrodite, il viso della rossa assunse un aspetto più acceso e arrabbiato mentre intaccava l'arco. "Non so cosa hai fatto a mia sorella, anche se soffrirai il più a lungo possibile!"

Rilasciando l'asta, il sorriso sul suo viso svanì rapidamente quando la freccia si fermò davanti a Ephus. La sua faccia mostrò ancora più shock quando cadde a terra in modo innocuo. Rapidamente afferrò altre tre aste, rilasciandole in rapida successione. La sua faccia era ancora più scioccata quando tutti e tre si fermarono, cadendo anch'essi a terra in modo innocuo.

Ephus ringhiò per un momento cercando di tenere sotto controllo la sua rabbia. Poi perse la testa per un momento, mentre spingeva la mano aperta verso la rossa, facendola cadere dal carro con un grugnito. Ringhiando da sola, balzò in piedi avanzando verso Ephus. Questa volta era armata con una spada corta e un coltello contorto e dall'aspetto malvagio.

Ephus alzò la mano, fermandola momentaneamente. "Ti suggerisco di fermarti prima di farti male, io-"

"COSA!? Sei un semplice umano, hai ferito la dea della caccia!? Penso che tu sia molto deluso." Girando intorno a Efo, senza mai distogliere lo sguardo da lui, si inginocchiò per controllare Afrodite. I suoi occhi si spalancarono quando sentì quanto più potere avesse Afrodite. Alzandosi in piedi, la rossa si avviò di nuovo minacciosa verso Ephus, emettendo un leggero ringhio.

"Artemide!" Una voce femminile piuttosto forte proveniva da qualche parte dietro la rossa. Ciò fece congelare la rossa sul posto, anche se stava lanciando un pugnale come uno sguardo a Ephus. "Davvero sorella, sei così incline all'ira. Se avessi guardato prima, vedresti che questo umano come lo chiami tu, è in realtà un dio."

Un'altra donna snella, dai capelli neri, apparve accanto ad Artemis, ora scioccata, con gli occhi spalancati. La nuova aggiunta guardò Ephus dall'alto in basso, poi un sottile sorriso le abbellì il viso.

"Vedo un dio molto giovane. Posso anche sentire qualcosa in te che non avevo mai sentito prima." Guardando Afrodite annuì con la testa. "Posso io?"

Ephus fece un passo indietro passando il braccio dalla nuova donna ad Afrodite. Annuendo la donna si avvicinò ad Afrodite, inginocchiandosi anche i suoi occhi si ingrandirono. "Per i fulmini di mio padre! È quasi il doppio più forte di prima." Di nuovo si voltò verso Ephus, "sei stato tu vero?" Questa volta la donna dai capelli neri si inginocchiò davanti a Ephus mentre le lacrime cominciavano a scendere dai suoi occhi. "Grazie a tutti i reami che è riuscita a trovarti."

Artemis poteva solo guardare dalla donna dai capelli neri a Ephus e ritorno, grande confusione sul viso.

"Sorella? Perché ti inchini a un semplice essere umano? Divinità o no dovremmo-" iniziò Artemis, poi fu interrotto dall'altro.

"Non dovremmo fare niente! Non hai capito chi è? Hai dimenticato la missione intrapresa da Afrodite? Lei, con quasi la metà del suo potere precedente, avrebbe dovuto essere il primo indizio." Dichiarò la donna dai capelli neri.

Gli occhi di Artemis si spalancarono mentre fissava intensamente Ephus. Lentamente, molto lentamente, cadde in ginocchio. "Efo". L'hanno sentita sussurrare.

Ephus stava per parlare quando ci fu un leggero gemito dietro di lui. La donna dai capelli neri sorrise ad Afrodite.

"Allora sorella, sembra che la tua missione sia stata un successo travolgente." Dichiarò la donna dai capelli scuri ad Afrodite.

"Atena!" Detto questo, Afrodite si sedette abbracciando ferocemente Atena. "È stato fino a un certo punto, mi sono già legato a lui. Anche se solo con me, temo che non sia stato di grande aiuto. Altri dovranno legarsi a lui se vogliamo salvare il regno dell'Olimpo."

Qui Afrodite guardò Artemide che la derideva, poi Atena che aveva un ampio sorriso che iniziava a diffondersi sul suo viso.

Ephus si fece da parte, anni prima aveva imparato a non mettersi tra sorelle. Non aveva intenzione di rompere quel frammento di informazioni apprese duramente ora.

"Se intendi accoppiarti con un essere umano sudicio, sporco e disgustoso, accetto!" Artemis sputò come un pezzo di carne avariato.

"Sorella, quando ho stretto un legame con lui è stato diverso da qualsiasi cosa io abbia mai sperimentato!" Afrodite iniziò quindi a sussurrare all'orecchio di Atena. Il viso di Athena iniziò a illuminarsi quando un leggero sguardo di lussuria le apparve sul viso. Entrambi bisbigliarono l'un l'altro ancora qualche istante, poi si voltarono.

"Devo portare Afrodite da papà. Per favore, seguici appena puoi." Poi entrambe le sorelle si alzarono camminando verso Artemis. Entrambi parlarono ad Artemis che annuì, entrambi svanirono mentre Artemis si dirigeva verso Ephus.

"Devi presentarti davanti a papà, te ne andrai ora o..." iniziò Artemis.

"O cosa? Nel caso non ti fossi accorto che sono più forte di te." Ephus disse con un sospiro, questo stava cominciando a farlo incazzare. "Andrò quando sarò pronto."

Ruggendo, Artemide estrasse la sua corta spada e si precipitò verso Efo. Facilmente facendosi da parte, Ephus le afferrò il braccio mentre lei gli passava accanto. Torcendosi, sentì il suo braccio schioccare mentre la spada cadeva a terra, come lei. Emettendo un breve guaito, Artemis riuscì solo a fissare prima Ephus, la sua spada, poi il suo braccio che era attorcigliato in una strana angolazione. A peggiorare le cose, non poteva curarlo.

Inginocchiato davanti ad Artemis, Ephus attese che lei dicesse qualcosa. Alla fine, le offrì la mano per aiutarla ad alzarsi, fu subito schiaffeggiata. Il contatto la fece cadere di nuovo a terra.

In piedi, Ephus scosse la testa, questi dei e dee sarebbero stati una manciata. "Ok, fai a modo tuo. Sono sicuro che puoi strisciare indietro, dato il tempo. Ho sentito parlare di tutto quello che succede qui, posso potenziarti. Posso anche bloccare ciò che do." Gli occhi di Artemis si spalancarono a questo. "Posso anche guarire te, anche se tu? Potrei lasciare perire dopo il modo in cui mi hai trattato. Hai in mente che sono dietro a tutto qui, niente potrebbe essere più lontano dalla verità." Ephus scosse la testa, "arrivederci.

Detto questo Ephus si voltò per andarsene, deglutendo a fatica sperava solo che funzionasse. Non aveva percorso più di tre metri quando sentì un piccolo gemito. Camminando ha finalmente sentito, "aspetta!"

Girandosi, con una smorfia sul viso, affermò: "perché? Ovviamente desideri morire. Hai dimostrato di non voler avere niente a che fare con me, quindi perché dovrei aiutare coloro che non lo desiderano?"

Per la prima volta Ephus vide Artemide indietreggiare per la vera paura. "Hum... Ephus. È passato molto tempo dall'ultima volta che mi sono fidato di qualcuno. Per me è una cosa molto più difficile da fare. Io..."

"Prima devi renderti conto che non sono più umano. Poi devi chiedere d'ora in poi, beh?" affermò Ephus mentre incrociava le braccia sul petto.

"Chiedi? Chiedi!? Sono una dea, non chiedo io..." Affermò poi la sua bocca si spalancò quando Ephus grugnì e poi si voltò per allontanarsi di nuovo da lei.

"Già," disse Ephus interrompendola leggermente voltandosi indietro. "Ora dovrete mendicare. In effetti dovrete farlo tutti. Ho finito di placare qualcuno di voi. Anche se a voi piace strisciare indietro." Girando Ephus iniziò ad allontanarsi di nuovo.

Ephus sentì quello che suonò come un leggero bavaglio, poi quello che suonò come un altro piagnucolio. "Per favore Ephus, io..., ho bisogno del tuo aiuto."

Girandosi Ephus vide che Artemis era riuscito a mettersi a sedere. Socchiudendo gli occhi su di lei, la fissò per qualche istante. Di nuovo, gli vennero in mente tutti i litigi meschini di cui aveva sentito parlare.

"Ti aiuterò, SE mi dai un giuramento. So che nessun dio lo infrangerà mai, tua sorella Afrodite sa già cosa posso fare. Bene?" disse Ephus guardandola. "Un giuramento di non nuocere a me o agli altri. Forse questo aiuterà."

Qui Ephus ha toccato il braccio di Artemis per alcuni istanti. All'inizio Artemis non reagì, anche se quando il dolore cominciò a percorrerle il braccio, impallidì.

"Per favore Ephus, cos'è questo?" Poi Artemis urlò per la prima volta. Annuendo Ephus le toccò il braccio osservando il sollievo che cominciava a venirle sul viso. "Te lo giuro, Ephus." Artemis sussurrò quasi a testa bassa.

"Quello era dolore, non molto divertente quando i tuoi poteri sono bloccati." le disse Ephus. Scuotendo la testa, gli occhi di Artemide rotearono nella sua testa mentre cadeva tra le braccia di Ephus priva di sensi. Merda, pensò, non di nuovo. In piedi con lei le guarì il braccio sentendolo scivolare di nuovo al suo posto.

Allungandosi, sentì Atena e Afrodite. Accidenti, sembrava che fossero molto distanti. Quanto era grande questo posto? Concentrandosi su Afrodite, apparve davanti a un edificio gigantesco, doveva essere alto almeno quattro piani. Gli ricordava i templi che aveva visto in Grecia. Questo però potrebbe ospitarne la maggior parte tre o quattro volte. Le colonne nella parte anteriore erano più larghe di quanto Ephus potesse avvolgere le braccia tre volte!

Scuotendo la testa, stava per salire le scale quando diversi maschi gli si pararono davanti. Apparvero tutti pronti, poi videro Artemis tra le sue braccia tutti irti.

"Non sappiamo cosa hai fatto alla nostra dea, non passerai. Né sopravviverai! Attacca!" Ephus indietreggiò mettendo giù Artemis. Osservò mentre si avvicinavano in massa. Agitando la mano, Ephus osservò che più della metà veniva gettata negli altri.

Quasi tutti non si rialzarono, anche se l'ovvio leader si stava muovendo di nuovo per attaccare. Ephus socchiuse gli occhi osservando il maschio coperto di a

armatura pesante, avanza su di lui. C'era qualcosa di vagamente familiare in questo.

Scattando all'ultimo momento, il maschio quasi colse Ephus al fianco. Alzando il pugno, Ephus colpì il mento del maschio. Con sua grande sorpresa, gli sembrò quasi di aver preso a pugni il sasso. Di nuovo fissò il maschio, questo non era un seguace, era un vero dio, ma chi?

Il maschio inciampò un po' all'indietro massaggiandosi il mento, annuendo con la testa. "Quindi sembri un dio, o un essere umano con poteri divini. Ah! Capisco, un dio, dopotutto sarà divertente." Facendo un passo avanti, il maschio colpì di nuovo Ephus, mancandolo di poco. Questa volta Ephus ha effettivamente messo un po' di potenza dietro il pugno. Questo colse il maschio alla sprovvista mentre volava all'indietro di una buona cinquantina di piedi.

Quando il maschio andò a sbattere contro la parete frontale dell'edificio, Ephus poté sentire l'intero edificio tremare. Un grido dall'interno fece sogghignare l'altro maschio a Ephus, "questo non è finito dio!" Poi il maschio corazzato svanì.

Un attimo dopo un uomo anziano, alto, ben muscoloso e barbuto uscì dalla facciata dell'edificio. Guardando dove l'uomo in armatura aveva colpito l'edificio, scosse la testa. Agitando una mano sopra il muro rotto e frastagliato, il maschio più anziano sospirò mentre il muro si riparava molto lentamente.

Rivolgendosi a Ephus, l'uomo più anziano lo squadrò dall'alto in basso, grugnì, poi tornò dentro. Ephus poteva solo immaginare chi fosse l'uomo più anziano, oltre al fatto che il maschio lo aveva praticamente ignorato. Questo ovviamente ha iniziato a far incazzare Ephus a non finire. Cercando di calmarsi si sedette accanto ad Artemis.

Pochi istanti dopo, Artemis gemette mentre i suoi occhi si aprivano lentamente. Muovendo lentamente il braccio rimase scioccata dal fatto che fosse completamente guarito. Alzando lo sguardo vide Ephus seduto lì che non la toccava.

"Immagino sia stata opera tua?" chiese indicando il braccio. Ancora arrabbiato, Ephus si limitò ad annuire. "Ho fatto qualcosa per portare la tua rabbia a questo livello?" chiese mentre si allontanava un po' da Ephus.

Parlando a malapena in un sussurro, Ephus le disse: "Sono venuto qui per aiutare questo regno. Finora sono stato attaccato due volte. Non la reazione di esseri che hanno bisogno o richiedono il mio aiuto". Voltandosi verso la parte anteriore dell'edificio, Ephus gridò: "Ho una mezza idea di lasciare che tutti gli idioti stupidi per gli dei qui periscano!" Quest'ultima parola fu gridata quando la forza della sua voce schiacciò una delle colonne, lasciando una grossa ammaccatura sull'angolo dell'edificio.

Artemis sussultò mentre si ritraeva di nuovo, non vedeva una tale quantità di potere da molto tempo. Girare Ephus toccò Artemis per un momento. I suoi occhi si spalancarono mentre anche loro brillavano per un momento. Annuendo con la testa iniziò ad allontanarsi.

"Cosa dovrei dire a papà e alle mie sorelle?" Disse Artemis mentre stava improvvisamente fluttuando da terra.

Voltandosi a guardare Artemis, affermò Ephus. "Non mi interessa, ho finito di essere usato. Questo sarà fatto a modo mio o no! Onestamente? In questo momento? Non potrebbe importarmene di meno se questo regno è morto o no." Detto ciò Efo si voltò di nuovo allontanandosi a passo rapido.

Nemmeno un'ora dopo Ephus avvertì la presenza di quattro potenze in avanzamento. Sospirando, ora vedremo che succede pensò Ephus, mentre faceva un tavolo, compaiono cinque sedie sotto una grande coperta. Seduto fece da bere a tutti e quattro che avanzavano veloci.

Pochi istanti dopo apparvero davanti a lui Artemide, Atena, Afrodite e il maschio più anziano.

Afrodite si morse il labbro mentre chiedeva: "Stavi davvero per andartene? Abbiamo un disperato bisogno del tuo aiuto noi-"

"Ah davvero? Dall'accoglienza che ho ricevuto finora? Devo dissentire fortemente." Guardando l'uomo più anziano Ephus indicò. "Questo mi ha praticamente ignorato, no, da quello che ho visto non hai bisogno di me. Anche se penso che la scomparsa di questo regno potrebbe essere una buona cosa."

"COSA!? Perché tu ignorante, patetico, umano dovrei-" L'uomo più anziano ringhiò.

Ephus spinse la mano aperta verso il maschio più anziano, facendolo cadere a terra, all'indietro di almeno tre metri. Ringhiando il vecchio maschio si alzò ruggendo mentre Ephus agitava la mano facendo sparire il maschio. Le tre femmine si guardarono intorno con sguardi preoccupati sui loro volti.

"Cosa hai fatto a papà?" sussurrò Atena.

Padre? Oh merda pensò Ephus. Agitando di nuovo la mano, il maschio più anziano riapparve sul volto uno sguardo di supremo stupore.

"Prima che questo si intensifichi, siediti, divertiti." Ephus disse a loro quattro. Le tre femmine guardarono il maschio più anziano che annuì. Sedettero tutti a bere un sorso. Ephus sorrise quando sentì ognuno dei loro poteri saltare un po'.

Gli occhi dell'uomo più anziano erano spalancati mentre improvvisamente beveva il resto del contenuto del bicchiere. Tutti e quattro i loro occhi brillarono per qualche istante, poi tornarono a com'erano prima.

"Per tutto il Regno dell'Olimpo!" esclamò il maschio più anziano. "Non sentivo così tanto potere da molto tempo."

Ephus annuì mentre guardava le tre femmine. Tutti e tre sembravano molto più giovani adesso. Stavano anche fluttuando leggermente sopra le loro sedie.

"Ora, prima di fare qualsiasi altra cosa, penso che le presentazioni siano d'obbligo. Io sono Ephus, marito di sei dee egizie. Il mio antenato era il figlio di Zeus e Lo", riferì Ephus.

Gli occhi dell'uomo più anziano si aprirono di scatto mentre fissava apertamente Ephus. Poi tutti lo sentirono sussurrare: "Epafo!"

Ephus fece un cenno verso il maschio più anziano. "Tu, presumo, sei Zeus?"

L'uomo più anziano guardò Ephus incredulo, poi con un sospiro fece un cenno di assenso.

"Bene, allora posso farla finita più in fretta. Quello che hai bevuto era una piccola spinta per aiutarti a mantenere questo regno. Avrò bisogno di legare con più delle tue figlie, però," A questo punto guardò Artemis. "Questo potrebbe non essere possibile con alcuni."

Artemis si voltò per ringhiare leggermente a Ephus. "Dopo tutto questo, non sono abbastanza bravo per legare con me!? Di nuovo, come ho detto prima, penso che tu sia molto deluso!"

Ephus si voltò, "devo ricordarti cos'altro hai detto?" Con la voce di Artemis, Ephus affermò: ": Se intendi accoppiarti con un essere umano sporco, sporco e disgustoso, ci proverò!:" Ephus guardò mentre Artemis iniziava ad arrossire. Bene, pensò, forse sto iniziando a mettermi in contatto con lei, dopo tutto.

Strano pensò, forte com'è, gli ricordava così tanto Serket.

Serket! Sì, doveva essere così! Con un sorriso Ephus potrebbe effettivamente avere un controllo su alcune delle dee adesso.

Ancora arrossendo, Artemis parlò quasi in un sussurro: "Non mi rendevo conto di chi e cosa sei. Non volevo offenderti Ephus."

Ephus ha dovuto fare una doppia ripresa così come le sorelle e il padre di Artemide. "Sei perdonato Artemide", poi si rivolse a Zeus. "Devo tornare indietro per raccogliere più potere per il tuo regno. Temo di aver consumato un bel po' di energia per voi quattro." Guardando le tre femmine ha affermato. "Dovreste essere tutti in grado di viaggiare nella mia dimensione ora." Questa notizia fece spalancare gli occhi a tutti e tre, poi annuirono leggermente.

"Hai detto che sei stato attaccato due volte? Puoi descrivere l'altro?" chiese Afrodite.

"Era ben muscoloso, coperto da un'armatura pesante. Quando ha visto che portavo Artemis, è sembrato andare su tutte le furie. Aveva anche parecchi seguaci con sé." Ephus riferì.

Zeus ci pensò un momento strofinandosi il mento. "Molto muscoloso, pesantemente corazzato. Assomiglia molto a tuo fratello Ares. Con quello che mi hai fornito

Ephus, potrei riuscire ad avere più controllo su di lui. Devo avvertirti però, lui vive di guerra e conflitto".

Ares, questo ha spiegato un bel po'. Quindi, ha dovuto fare i conti con un altro Sobek. Suo cognato era stato un grosso rompicoglioni prima che tutto fosse sistemato. Avrebbe dovuto essere al meglio quando avrebbe affrontato Ares. Finora, sembrava che avesse sorpreso Ares, sapeva che non sarebbe successo più molto. Sì, pensò mentre si grattava il mento, qui sarebbe stato necessario un netto cambio di strategia.

Ephus si alzò per stringere la mano di Zeus facendo di nuovo spalancare gli occhi dell'uomo più anziano mentre sentiva più potere fluire dentro di lui. "Spero che questo aiuti per ora." Zeus annuì mentre si stiracchiava.

Avvicinandosi a lei, Ephus baciò Afrodite, fece un cenno alle altre due femmine poi svanì mentre pensava a casa. Un minuto dopo è apparso sul tetto del patio di casa sua. Aveva bisogno di pianificare prima di uscire per raccogliere energia. L'ultima volta che l'aveva fatto, le donne si erano lanciate contro di lui. meglio non fare più scene del genere.

Entrando, fu accolto da uno stupefatto Quinn. "Sei già tornato? Pensavo che ci sarebbe voluto più tempo." Ha dichiarato.

Seduto Ephus scosse la testa no. "In realtà ho appena iniziato, devo pianificare tutto questo, non posso semplicemente iniziare a fare sesso con ogni donna che incontro. Come ricorderai, l'ultima volta è andata piuttosto male."

"Ricordo, sembrava che quasi tutto il vicinato volesse un pezzo di te prima che ci trasferissimo." Baciando teneramente Ephus sussurrò: "stai attento, il tuo potere non si è indebolito, semmai è molto più forte".

Ephus annuì mentre prendeva un paio di occhiali da sole extra spessi, poi un secondo paio. Tanto vale avere un sostegno, pensò mentre svaniva. Apparso all'estremo lembo della città vide di trovarsi in un parco. Un buon punto di partenza, pensò. Questo fino a quando una giovane donna lo ha urtato facendogli cadere le ombre dagli occhi.

Anche mentre la guardava, uno sguardo vitreo le apparve negli occhi mentre gli afferrava il braccio trascinandolo verso un gruppo di cespugli. "Sarò pronto in un attimo, signore." Dichiarò mentre si toglieva rapidamente i vestiti. Poi lo tolse ancora più velocemente spingendolo a terra impalandosi sulla sua durezza.

Ci risiamo, pensò mentre la donna iniziava a muoversi sempre più velocemente.

Storie simili

Ma tesoro, era solo un ballo, la storia di Linda

Sequel di; Ma tesoro, era solo un ballo. Linda racconta la sua storia a un amico. Nota: non c'è sesso in questa storia A tutti i lettori che hanno chiesto di rispondere alle domande, grazie. Ma tesoro, era solo un ballo Il seguito Un altro inverno di Chicago era storia. Oggi è stato il primo vero giorno di primavera. Quando Linda uscì, sentì l'odore dell'aria fresca e pulita del mattino. Ricorda il suono della pioggia primaverile sul tetto mentre lei e suo marito facevano l'amore la sera prima e come si aggiungeva alla sensazione calda e sicura che provava tra le...

763 I più visti

Likes 0

Scoprire che sono gay parte 3

Quindi pochi giorni dopo, dopo aver rotto con Lizzy, mi stavo abituando all'idea di essere di nuovo single. Quando ero al college a lezione con McKenzie, ha iniziato a sedersi accanto a me e ha detto Tu e Lizzy vi siete lasciati perché vi ho baciato? Ho guardato McKenzie e ho detto No, il motivo per cui io e Lizzy ci siamo lasciati è perché mi piaceva baciarti. Dopo aver detto che mi sono alzato dal mio posto, ho preso la borsa e sono andato a uscire dalla lezione mentre camminavo, il mio insegnante mi ha detto E dove pensi di...

1.9K I più visti

Likes 0

La mia giornata con James

James e io ci siamo incontrati tramite un annuncio craigslist che avevo pubblicato alcune settimane prima, ma non ci siamo mai incontrati. Abbiamo inviato un'e-mail di risposta e di quarto per circa una settimana prima che decidessi finalmente che ero pronto per incontrarci. Il mio cuore batteva forte e le mie mani tremavano mentre ho digitato il messaggio che avrebbe cambiato tutto. Ehi, penso di essere pronto per farlo. James ha risposto in pochi minuti, Perfetto ho domani libero. Prenderò una stanza d'albergo e ti verrò a prendere domattina, in questo modo possiamo passare l'intera giornata insieme. Il mio cuore ha...

1.8K I più visti

Likes 0

Cottage 13 – Parte 1

Questa storia parla di una moglie che sceglie di vivere la sua fantasia sessuale per il sesso forzato anonimo, all'insaputa del marito. Se non ti piace questo tipo di storia, o qualcuno a cui piace fare commenti anonimi denigratori, salta questa storia. Apprezzo i messaggi privati ​​che forniscono feedback e/o idee costruttive... NOTE: Ai fini di questa storia, il Geosexing è definito come una variante del geocaching, in cui uomini e donne utilizzano il Global Positioning System (GPS) per designare o cercare luoghi in cui fare sesso con un individuo consenziente. Questo non è in alcun modo un tentativo di ridefinire...

1.7K I più visti

Likes 1

Prima volta_(3)

Era la primavera del '99 e frequentavo l'ultimo anno delle superiori, avevo appena compiuto diciotto anni. Ero nella squadra di pallavolo, fisicamente in forma e pronto a sfidare il mondo. Avevamo appena vinto la nostra prima partita e dopo un discorso di incoraggiamento di coach Azzerelli, ci ha mandato alle docce. Mi ero spesso eccitato quando ero sotto la doccia dopo l'allenamento mentre guardavo gli altri fare la doccia. Li fissavo mentre tenevo la testa sotto il getto d'acqua, quindi non era ovvio. O così ho pensato. Uno degli chic della mia squadra era piuttosto figo, ma non sembrava mai avere...

1.5K I più visti

Likes 0

Joan va a Las Vegas #6

Mia moglie Joan ha viaggiato con me per viaggi di lavoro. Mentre lavoro, Joan cerca possibili avventure sessuali. Il prossimo viaggio di lavoro fu a Las Vegas. Las Vegas è un paese delle meraviglie del divertimento per adulti: casinò, showgirl, artisti famosi e meravigliosi hotel e resort. L'hotel in cui alloggiavamo era il Cosmopolitan. Avevamo una suite Lanai. Era una suite su due livelli con piscina privata e accesso diretto alla piscina Bamboo dell'hotel. Joan aveva comprato dei vestiti nuovi per il viaggio. Ha comprato eleganti abiti da sera e un nuovo micro bikini. Il lavoro mi consumava sempre durante il...

952 I più visti

Likes 0

Impero perduto 39

0001 - Tempo                                    0403 - Johnathon               in crescita 0003 - Conner                                   0667 - Marco                        -------- 0097 - Ace                                            0778 - Jan                         0098 (Lucy) 0101 - Shelby (nave madre)        0798 - Celeste 0125 - Lars                                           0908 - Tara 0200 - Ellen                                         0999 - Zan 0301 - Rodrick                                    1000 - Sherry Derrick alzò lo sguardo dal pavimento verso Shelby che si strofinava il lato del viso che sembrava reale! Non come un solido ologramma ma vera carne e sangue! Rimettendosi in piedi, indietreggiò lentamente da Shelby che fino a quel momento non si era mosso. Non so chi o cosa tu sia, ma...

792 I più visti

Likes 0

Il vaso cinese

Il vaso cinese di Signorina Irene Clearmont 1 Preparazione. ---------------------------------- Questo è il problema del furto con scasso, puoi entrare in una culla, ad esempio una casa di periferia e mettere in rete un televisore e un lettore DVD e per tutti i tuoi problemi guadagnerai forse cento sterline o anche meno. Ogni giorno corri lo stesso rischio di un professionista ma la matematica del caso ti vedrà rispondere dei tuoi crimini davanti ai magistrati in breve tempo. L'alternativa è dedicare del tempo alla ricerca e alla ricerca dell'obiettivo perfetto e accumulare qualche centinaio di migliaia. Due volte all'anno mi metto...

509 I più visti

Likes 0

Divertimento per il pigiama party_(0)

Se non credi nel materiale dei ragazzi questa non è una storia per te. Per favore, dammi un feedback perché questa è la mia prima storia. Ciao, sono Charlie. Sono un ragazzo di 14 anni con i capelli castani. Sono alto 1,70 e ragionevolmente magro. Ho gli occhi verde-blu e mi sono sempre considerata etero, ma ogni tanto fantastico sui ragazzi. Quindi vi racconterò una piccola storia di quello che è successo non molto tempo fa..... Erano le vacanze e finora mi ero rilassato, ma mi stavo annoiando, così ho chiamato due dei miei amici e ho chiesto loro se volevano...

338 I più visti

Likes 0

Ragazzone 1

BigBoy 1 modifica 2 ​Alla fine degli anni settanta, dopo aver divorziato dalla mia seconda moglie, ho iniziato a picchiare di nuovo la scena della festa.. Ho incontrato questa donna in un bar una notte, mi sono fatta abbastanza ubriaca e arrapata, quindi noi deciso di andare a casa mia.. Lungo la strada passammo davanti a un negozio di libri per adulti, Mi ha chiesto se ero mai stato lì e ovviamente ho detto di sì perché il il proprietario era un cliente e un amico.. Ha detto che non era mai stata perché era troppo timida per andare da sola...

2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.