diario di una casalinga. prima parte.

852Report
diario di una casalinga. prima parte.

Sposarsi ha causato molto stress nelle nostre vite. Rick si rifiuta di lasciarmi lavorare, e anche con una nuova casa in città (in una zona a basso reddito) e le bollette che accumulano si rifiuta di muoversi.
Smorza la nostra relazione e ci mette a dura prova emotivamente e sessualmente. È costantemente al lavoro. Lo stress gli rende difficile essere affettuoso. Vedi dove sta andando.
Sono una brava ragazza. E una buona moglie. Ho cercato per settimane di soddisfarlo. Ogni mattina lo succhiavo a secco. Quando è tornato a casa tardi, ho messo da parte i miei bisogni e l'ho succhiato. Abbiamo fatto sesso una volta nella nostra nuova casa, quando l'abbiamo affittata per la prima volta, ed è passato poco più di un mese. Il che mi porta al presente.
Accanto c'è un gruppo di teppisti. Ragazzi giovani, forse all'università, non ne sono sicuro, ma c'è molto traffico e molte feste. Rick è un po' razzista e sento che è intimidito perché ricevo molte attenzioni dai maschi neri. Sono in forma. Ma sono grasso. Ricevo le chiamate del gatto e, ad essere brutalmente onesti, la loro mancanza di rispetto per mio marito è intrigante.
A volte li guardo giocare a basket sul retro per ore, come uno stalker.
Ieri, quando Rick è andato al lavoro nel suo solito umore incazzato (ha spazzato via il mio affetto, sono stati fuori tutta la notte a fare casino) ho provato a riaddormentarmi. Un fastidioso ronzio mi ha tenuto sveglio, e ci è voluto un po', ma ho deciso di andare a indagare. Mi ci è voluto un po' per trovare la fonte, ma sui gradini della mia veranda sul retro c'era un cellulare che squillava. Pensando che qualcuno stesse cercando di trovarlo, ho risposto. "Ciao?" Una voce femminile ha risposto immediatamente, maleducata come l'inferno con un "chi cazzo è questo?!" "Ho trovato questo telefono nella mia veranda sul retro.." Non riuscivo nemmeno a finire prima che riattaccasse. Sono tornato dentro e mi sono infilato dei leggings, poi sono uscito dal davanti e ho bussato alla porta dei vicini inutilmente. Tornato dentro ho scritto una nota spiegando che ho trovato il telefono, e se sapevano chi era allora possono bussare alla mia porta e venire a prenderlo. Sono tornato dentro e ho messo il telefono sul tavolo, poi sono saltato sotto la doccia.
Asciugandomi e avvolgendomi una vestaglia di raso (che si intona con i miei perizomi) ho messo su la caffettiera e sono andata in soggiorno. Avendo un'idea ho preso il telefono e l'ho sfogliato, cercando un numero per il proprietario o un numero chiamato di frequente. L'unico che sono riuscito a trovare è stata la puttana che mi ha riattaccato e si è fottuto.
Poi ho commesso un errore. Ho aperto la galleria fotografica. Ho visto volti che ho riconosciuto, foto di feste, un paio di donne nude, ma più di Tev. Tev era come il capobranco, sempre dominante. Era carino per essere un negro. Le foto di lui che si flette sono ciò che mi ha fatto andare avanti. Poi l'ho trovato.
Era fottutamente enorme. E brutto. Ma intrigante. Ho sentito la mia figa bagnarsi all'istante. Sono sempre stato attratto dai ragazzi di colore, ma non ho mai fatto sesso con uno. Anche al liceo durante la mia fase "troia", con tutti i ragazzi neri che mi rincorrevano il culo, non mi sono mai rotto. E pensavo di aver visto dei cazzi piuttosto grossi, ma è sicuramente vero per i neri.
Non sto con Rick per il sesso. Lo amo. Ed è un buon 15 cm, ma non si comporta bene. Mi diverto di più cavalcandolo, succhiandogli il cazzo, poi lasciandogli che Jack mi faccia il coniglio, ma quando succede lo lascio andare in città.
Comunque. A questo punto sto giocando con me stesso inconsciamente. Poi ho continuato a scorrere. Quello che ho visto dopo mi ha scioccato.
La signora Baker, una vicina di casa in fondo alla strada.. una bella signora, di mezza età, sposata, si è fatta infilare in bocca il cazzo di questo giovane uomo che sembrava stesse morendo. Volevo fermarmi.. ma era così interessante. Tutto il mio punto di vista su questa signora è cambiato. Ormai mi sto sfregando brutalmente, orgasmo limite, parlo di quinta marcia.. aumento del sudore. Poi sono stato scosso dal bussare alla porta. Il telefono è volato via. Mi raccolsi con un "aspetta, per favore" e nervosamente mi alzai, avvolgendo la mia vestaglia stretta e correndo verso la porta. L'ho aperto ed era Tev. Scenario porno classico. Voglio dire, indossava pantaloncini da basket e picchiava la moglie.
"Signora Rebecca... ho ricevuto il suo messaggio, lei ha il mio telefono?"
"Sì-sì..scusa sono mezzo addormentato. Entra.. "
Il mio cuore batteva forte quando ho aperto la porta e mi sono voltato per andare al tavolo e ho realizzato che il telefono non c'era. Ho guardato sul divano. Mentre mi muovevo potevo sentire che mi fissava mentre la porta si chiudeva. Comincio a guardarmi intorno freneticamente.
"Signora Carver il mio telefono?"
"Scusa Tev, è qui. L'ho appena ricevuto. Fammi chiamare. Qual è il tuo numero?" Ho detto nervosamente e ho preso il mio, e mentre chiamava i numeri ho composto e ho lasciato squillare. Aveva il telefono in mano quando ho lasciato la camera da letto e sorrideva mentre ignorava la chiamata. Immediatamente ho saputo. L'immagine era ancora sul suo schermo. Ci fu una pausa di riconoscimento che non venne detta, ma ruppe il silenzio.
"Quindi hai controllato il mio telefono?" ... "Tev scusa.. cercavo il proprietario.."
"Finora nelle mie foto? Hai trovato quello che cercavi?" Disse mentre chiudeva il divario tra noi. Ero senza parole e mi ha mostrato il telefono. La signora Baker con tutto quel cazzo nero in bocca.
Stava sorridendo, il che lo faceva sembrare strano perché la sua presenza era così dominante. Stava un buon piede e mezzo sopra di me (sono solo 5'3) ed era chiaramente una figura suprema. Come se fosse stato scolpito nella pietra.
"Non ho potuto trattenermi", ha detto, guardando di nuovo il telefono. "Mi è venuta addosso. Non puoi dirlo a nessuno." La sua ultima dichiarazione è stata feroce. Il suo tono di voce. La sua vicinanza a me. Mi sentivo completamente dominato e tuttavia acceso. Continuò ad avvicinarsi e io indietreggiai finché il mio culo non colpì il bancone della nostra piccola cucina. "Tev, non ti prometto--" "Non le farò del male, signora Baker, ho solo bisogno di rassicurazione." Disse, afferrando con la mano il raso della cravatta della mia veste e lasciandolo sciolto. La vestaglia si aprì esponendomi il petto... i miei capezzoli rosa, la pancia piatta.
"Cosa..cosa vuoi?" dissi, con il cuore che mi batteva forte mentre le sue mani scivolavano tra le mie gambe. Non sapevo che le mie mutandine verdi erano visibilmente inzuppate e le sue dita (facilmente delle dimensioni del solo cazzo di Rick) scivolarono tra le mie cosce spesse. "Dannazione hai una figa grassa.. Farò una proposta con te." Disse e tirò indietro la mano, si infilò i pantaloncini da basket e tirò fuori il cazzo più nero che abbia mai visto. Anche floscio era più grosso, più grosso di Rick. Sussultai e non mi sentii nemmeno. Ha iniziato ad accarezzare mentre giocava con il telefono. "Non devi succhiarlo. Mettilo in bocca, fammi scattare una foto.. se lo dici a qualcuno lo mostrerò a tuo marito.. così semplice." Egli ha detto. Il suo uccello stava crescendo e non riuscivo a togliergli gli occhi di dosso. L'ho guardato. "Solo..solo nella mia bocca?"
"So che vuoi succhiarlo. Tutto quello che fate voi puttane bianche. Ma non ve lo meritate. Forse un giorno. " disse mentre sentivo la sua mano sollevarsi e prendere a coppa la parte posteriore della mia testa. Rimasi in silenzio e seguii il suo esempio mentre mi metteva in ginocchio. Ho cercato di infilare la mia mano intorno al suo cazzo e riuscivo a malapena a farlo.. e fissavo, faccia a faccia con questo mostro. Ho succhiato un sacco di cazzi quando ero più giovane. Niente del genere. Avvolsi lentamente la mia bocca intorno alla testa larga e la presi dentro. Lo sentii grugnire e poi mi spinse, ficcandomi il cazzo in gola fino a quando non mi vomitai e scoppiai a piangere. "Smetti di giocare e guarda la telecamera. Saluta il signor Carver." Egli ha detto. Rik. Il mio cuore sprofondò quando alzai lo sguardo, la mia vista offuscata e sentii l'immagine scattare. Immediatamente ha fatto scivolare il suo cazzo dalla mia bocca e la saliva mi è scesa sul viso. Rimasi in silenzio mentre si infilava di nuovo il cazzo nei pantaloni e si dirigeva verso la porta. "Non dirlo a nessuno." Disse e uscì. Non potevo credere a me stesso.
Circa mezz'ora dopo ho ricevuto un messaggio e l'ho aperto, ed eccomi lì, con gli occhi pieni di lacrime con un intero casino di cazzo nero infilato in gola, proprio come la signora Baker. Mi sono sentito male, ma sicuramente mi sono fatto venire l'orgasmo dieci volte fissando questa foto. Ho oziato tutto il giorno. Quando Rick è tornato a casa ero ancora in vestaglia. Non avevo la cena pronta. L'ho fatto sedere sul divano e nonostante la sua riluttanza l'ho spogliato e l'ho cavalcato. L'ho sentito sborrare nei primi venti secondi, ma anche quando il suo cazzo si è inerte dentro di me ho continuato a cavalcare finché non ho finalmente raggiunto l'orgasmo. Era inzuppato da quanto sono venuto. "Cosa ti è preso?" "Niente." dissi e lo baciai una volta, un piccolo bacio. "Ti voglio bene."

Storie simili

Il papà del mio amico 8

Il giorno dopo era normale come al solito. Sono andato a scuola con Jeanette e abbiamo studiato nella sua stanza dopo i reparti, ma ovviamente entrambi avevamo qualcos'altro in mente che sarebbe stato archiviato sotto Cattivo se capisci cosa intendo. Ti sei davvero masturbato mentre ci guardavi? Ho chiesto. Sì, era davvero fottutamente caldo. Voglio dire, ti stava arando come un matto. Sono sorpreso che i vicini non si stiano lamentando con noi in questo momento. Voglio dire, guardandoti, non avrei idea che ti lamentassi così molto quando hai fatto sesso. Voglio dire, dannazione mia signora, se non ti conoscessi meglio...

831 I più visti

Likes 0

Divertimento con Steve II

A casa da solo Sono passati circa quattro mesi da quando io e Mark ci divertivamo negli spogliatoi, e abbiamo deciso che sarebbe stato meglio se nessuno avesse scoperto le nostre attività, quindi eccoci qui, a cogliere ogni occasione possibile per stare insieme. Questo fine settimana in particolare mia madre e mio padre saranno fuori per tutto il sabato, quindi ho chiesto a Mark di venire, i miei genitori non hanno problemi con Mark che viene a trovarci ma ci controllano sempre ogni dieci minuti, quindi è impossibile diventiamo un po 'selvaggi con lui, normalmente ci sediamo sul mio letto di...

843 I più visti

Likes 0

In famiglia (parte 5)_(1)

Vuoi un po' di compagnia? Cam fece capolino nella doccia. La guardai con gli occhi socchiusi mentre mi tiravo indietro i capelli bagnati dagli occhi. La bella addormentata è finalmente in piedi. ho preso in giro. Fece una risatina e aprì la porta a vetri. Devi sciogliere l'asciugamano, lo sai. dissi, guardando l'asciugamano che stringeva così forte al suo corpo. Entrò e gettò l'asciugamano per terra. Era tutto pieno di vapore nella doccia, quindi non potevo vederla chiaramente, ma potevo vederla. Mamma e papà non si sono ancora alzati? Non credo. Disse e prese una bottiglia di shampoo. Perché non ti...

771 I più visti

Likes 0

Risveglio eterno: capitolo sei

***Disclaimer*** Come al solito, questa non è la mia storia. Non ho creato, modificato o modificato nessuna parte di questa storia. È opera di Captius. __________________________________________________________________________________ Come sempre non dimenticare di votare e commentare. E grazie a chi ha commentato l'ultimo capitolo che questo era meglio della sfida. Ciò rendeva Mishikail insopportabile e quasi impossibile da affrontare ahah. No, ma davvero, l'hai fatta per tutto l'anno finora (anche se pensavamo che ci fossero trascorse un paio di settimane). Capitolo sei: Retribuzione e coinvolgimento Nel corso delle quattro settimane successive le cose sono andate abbastanza lisce, il più lisce possibile considerando tutto...

722 I più visti

Likes 0

La mia prima volta con Cindy

La storia: Sulla via del ritorno dall'ospedale, dopo aver lasciato mia moglie per un'operazione alla schiena molto seria, Cindy, mi stava dicendo come avrebbe fatto tutte le cose che faceva la mamma in casa, come lavare i piatti e fare il bucato e che si prenderà cura di suo padre come fa la mamma. Fu detto in una specie di sussurro sommesso e lei aveva la sua mano sul mio braccio, toccandomi dolcemente e guardandomi negli occhi. Ho sentito un brivido nei pantaloni e ho guardato le gambe formose di Cindy e la minigonna che indossava, ho subito costretto il mio...

802 I più visti

Likes 0

GIURATO al SEGRETO

GIURATO AL SEGRETO Sfogliò le carte di potenziali uomini. Non mi stai seriamente incastonando, con nessuno di questi uomini. Ha detto dispiaciuta. Seduta sulla sua sedia con uno sguardo disgustato sul viso. “Madison! Sii reale, hai 35 anni e sei ancora single! So di essere tua sorella minore. Ma devi fare uno sforzo se non vuoi stare da solo per il resto della tua vita” Melanie parlò sinceramente. Madison si sporse in avanti e continuò a sfogliare i lunghi fogli bianchi. Fino a quando non ha tirato fuori un foglio, con una carta fotografica ritagliata a lato. 'Dean Radcliffe' Uno scapolo...

861 I più visti

Likes 0

Mother's Submission - Capitolo 12

Alex Morgan si guardò intorno nella sua stanza del dormitorio, la stanza in cui aveva trascorso gli ultimi anni. Aveva alcuni bei ricordi qui, ma ce n'era uno eccezionale. Quando il suo amico, George, lo aveva spinto a creare un profilo per l'app di appuntamenti. Era lì che aveva incontrato la donna che ora amava, che per caso era sua madre. Quando si era presentato oggi, George era stato felice di vederlo. George è stato molto meno felice di scoprire che Alex si sarebbe trasferito a casa e avrebbe completato i suoi studi online. Chi mi aiuterà quando avrò problemi con...

797 I più visti

Likes 0

Tocca - Capitolo 2

Tocca - Capitolo 2 Le cose sono diventate imbarazzanti rapidamente, Kelly e io avevamo appena fatto del sesso bollente insieme senza sapere davvero perché l'avessimo fatto. È stato perché sono venuto su di lei e lei non voleva fermarmi? Ma poi stava partecipando altrettanto... non riuscivo a metterlo insieme. Abbiamo provato a parlarci subito dopo, ma entrambi ci sentivamo strani l'uno con l'altro, ecco perché non ci ho mai provato prima, sapevo che questo avrebbe rovinato la nostra amicizia. Ho cercato di uscire da lì il più velocemente possibile senza cercare di sembrare un completo idiota. Non ero il tipo da...

765 I più visti

Likes 0

Skyrim: Le avventure di Carthalo Parte 1

Carthalo le accarezzò la guancia, sentendo la sua pelle liscia e fredda e scostandole i capelli nerissimi dagli occhi. Lydia, disse, la sua voce roca si trasformò in un sussurro nel suo orecchio rilassati. Questo non è un altro fardello per te da portare. le slacciò la maglietta e lei rabbrividì leggermente al tocco. Questo non è un comando del tuo Thane. le sue mani forti la presero per la vita e la portò al letto. Le assi del pavimento scricchiolarono mentre la trasportava su per le scale di Breezehome. La adagiò dolcemente sul letto e cominciò a baciarle il collo...

736 I più visti

Likes 0

The Devil's Pact Side-Story: Mark torna a scuola

Il patto del diavolo di mypenname3000 Copyright 2013 Storia secondaria del patto del diavolo: Mark visita il liceo. Nota: questo avviene durante il capitolo 18 mentre Mark è a caccia delle vergini alla Rogers High School. Melody del capitolo 4 e i Cunningham Twins del capitolo 6 fanno la loro comparsa. Ho parcheggiato la mia macchina nel parcheggio affollato della Rogers High School. Era un insieme sconclusionato di edifici in mattoni rossi e portatili grigi. La lezione era già iniziata e l'esterno della scuola era deserto. Mi sono diretto verso l'ufficio della scuola, il cartello davanti diceva che i visitatori dovevano...

757 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.