Nuovi inizi - Parte 4 Cap 03

415Report
Nuovi inizi - Parte 4 Cap 03

Accidenti! Niente sesso in questo! Solo un mucchio di gente che parla!


capitolo 3

«Qualcuno è passato attraverso il wormhole nella Grotta di Lisa?» chiese Alicia, con gli occhi spalancati per la sorpresa. "Chi era? Qualcuno che conosciamo?

«No», rispose Jake. “Una ragazza canadese incinta e il suo ragazzo. La ragazza ha affermato di aver incontrato Beth una volta, evidentemente. E Beth l'ha iniziata.»

«Beth è stato tanto tempo fa, Jake», disse Frank. «Vuoi dire che è una longeva? Come noi?"

"Sì! Sia lei che il suo ragazzo», rispose Jake.

"Com'è il suo ragazzo?" chiese Tanya, sorridendo maliziosamente. «Dev'essere piuttosto virile se ha messo incinta la ragazza.»

"Oh, uno di quegli uomini 'sud'un gentili, con tutte le maniere false che lo accompagnano", sorrise Jake. «Un pessimo signore dell'ahmy federato di Cane. Non male con una spada, però.

"Hai combattuto contro di lui?" chiese Alicia, ancora molto interessata. «Con una spada?»

"Bene", disse Jake, "era sconvolto dal fatto che abbiamo bombardato sua madre e ha chiesto soddisfazione."

"Mi sembra un tipico gentiluomo del sud", sorrise Frank. "Quando lo incontriamo?"

«Be', questo pomeriggio è stato portato davanti a Elaine per aver disturbato la quiete», disse loro Jake. “Se vuoi, possiamo andare tutti a guardare. Devo essere lì come testimone, comunque.»

"E la ragazza?" Tanya voleva sapere. "Hai detto che era incinta?"

«Sì», ammise Jake. «Il dottor Frank l'ha visitata stamattina. Sta bene. Ed è legittima. Con questo voglio dire che ha sangue di vampiro in lei, e non è di Lisa o di sua madre. Lei sta con me e… Annalisa – per un giorno o due, comunque.”

"Hai ancora difficoltà a pronunciare il suo nome", notò Tanya, mettendo la mano sul braccio di Jake.

«Sì, be'», disse Jake. “Io... solo...” Sospirò, poi si sedette. “Mi sento come se stessi davvero lasciando che la mamma di Lisa... Béla. Là. Mi sento come se la stessi tradendo, in qualche modo. Per quanto l'amassi, la amo ancora. Ma Annalisa si adatta molto meglio. E mi fa male pensare che... Béla non era... non era davvero "The One", sai? Non come Annalisa.

«Jake», disse piano Frank. «Non eri molto contento di Béla. Ammettilo, amico. Hai rimuginato tutto il tempo - non eri assolutamente divertente essere in giro, ed eri consumato da idee davvero stupide su come migliorare la tua relazione con lei. Ora che c'è Annalisa con te, in realtà sei un po' più simpatica».

"Veramente?" Tanya ha scherzato allegramente. "Vuoi dire che voi due potreste finalmente diventare amici dopo tutti questi anni?"

"Ah, ah", disse Frank a sua moglie. "Aspettiamo e vediamo quello, ok?"

~~~~~

Lisa e Annalisa scortarono Jonathan su per i gradini di cemento bianco fino al tempio della Dea. Jonathan continuava a fissare tutto e tutti con puro stupore. L '"orizzonte" lo ha completamente affascinato ed è quasi caduto diverse volte solo cercando di seguire la terra intorno con gli occhi.

“Dai, ti portiamo dentro”, rise Annalisa. "Scoprirai che è più facile camminare eretti quando c'è una stanza intorno a te."

"È una specie di rito religioso pagano?" chiese Jonathan, improvvisamente nervoso. “Hai sacrifici qui? Qual è la pena per chi disturba la quiete pubblica?

"Non essere sciocco!" Lisa rise. “Se avessimo intenzione di cucinarti, l'avrei fatto ieri. E non ci sono pene stabilite tranne che per l'omicidio.

"Uccidi tutti quelli che infrangono la legge?" Jonathan gridò, improvvisamente congelando i suoi passi.

Entrambe le ragazze sospirarono. "Questa non è la Confederazione." lo informò Lisa, cominciando a sembrare impaziente. “Siamo civili e pacifici e non ci uccidiamo a vicenda. Ora, andiamo. Saremo in ritardo."

Jonathan era ancora riluttante. Annalisa gli sorrise e lo prese sottobraccio. “La tua amica Danielle è già dentro e ti sta aspettando. Tutto andrà bene."

Ansioso di vedere una faccia amica, anche quella di un altro prigioniero, vale a dire Dani, Jonathan si lasciò condurre attraverso le pesanti porte imbiancate e nella Sala di Giustizia.

"Jonathan!" Dani gli sussurrò ad alta voce e felicemente. Gli echi della sua voce rimbalzavano sulle solide pareti bianche e facevano suonare il suo sussurro in modo imbarazzante. Le due ragazze che lo scortavano lasciarono che Jonathan andasse a salutarla.

"Ti stanno trattando bene?" chiese ansioso mentre la tirava tra le sue braccia e la stringeva forte per un istante prima di ricordare il suo bambino.

"Sto bene", gli sorrise Dani. “Ho visto un dottore stamattina. È un vero dottore dalla Terra! Mi ha mostrato un'ecografia e tutto il resto. Questo posto potrebbe essere una piccola comunità agricola, ma la medicina qui è davvero hi-tech! E quando ha scoperto che sei quella che lui definisce una "longeva" come me, vuole conoscerti e fare degli esami del sangue per scoprire a quale ramo della famiglia appartieni.

"Ramo? Famiglia?" Jonathan sorrise. "Di cosa stai parlando?"

"Bene", ha risposto animatamente Dani. “Non deve aver avuto molti pazienti stamattina perché abbiamo parlato almeno un paio d'ore! C'è un ramo avviato da una signora di nome Béla, un ragazzo di nome Frank e sua moglie, Tanya. Il dottore è il figlio di Frank. Ha una sorella di nome Alicia, e anche lei ha avuto diversi figli.

«Comunque, Béla aveva una figlia. E ha avviato anche un gruppo di persone. Quindi sono due rami della famiglia. E io, da solo, sono stato iniziato da qualcun altro! Quindi ho - AVREMO - il nostro ramo della famiglia! Ho una famiglia! Uno grande - riesci a crederci? Sono così felice!"

Jonathan non ascoltava più. La sua mente si era fermata nel bel mezzo delle sue chiacchiere eccitate quando aveva pronunciato quel nome...

"Mia madre si chiamava Alicia", disse Jonathan, le sue parole si intromisero e zittirono immediatamente Dani. "Suppongo che non abbia detto nulla sul fatto che sua sorella sia mai stata a Nashville..."

"No", ha risposto Dani, non sicuro di cosa dire, ora. «Non l'ha fatto. Ha solo detto che ha una sorella.

" 'Ha'? Non "avuto"?" chiese Jonathan, poi sorrise a Dani, un po' tristemente. "Ragazzo fortunato."

"LA DEA D'ORO E IL GRANDE BARDO, GEOFFREY", annunciò una voce dietro di loro.

Tutti si voltarono verso la parte anteriore della stanza. Quella splendida dea bionda del giorno prima stava entrando nella stanza, seguita da un giovane con un abito blu oversize con un naso aquilino che ricordava a Jonathan un disegno di Ichabod Crane da un libro di fiabe che aveva avuto da bambino.

Tutti si sono seduti. Un uomo che stava in piedi accanto alla parete più lontana a prendere appunti si fece avanti. Era stato lui ad annunciare l'arrivo del Lord and Lady che presiedeva. Guardandosi intorno nella stanza e controllando i suoi appunti, si voltò e si avvicinò ai giudici.

"Dovremmo prima ascoltare questo caso, Bard, poiché le parti interessate al nuovo arrivato non sono ancora arrivate."

Jonathan si domandò pigramente quali parti interessate potessero esserci, poi si ricordò di quel compagno Jake, con cui aveva combattuto. Guardandosi intorno, notò che Jake non era lì, quindi era probabilmente quello che intendeva quel tizio dall'aspetto di ufficiale giudiziario, e questo avrebbe fatto di lui, ovviamente, il "nuovo arrivato".

La causa invocata chiedeva l'archiviazione delle imputazioni in quanto le parti erano già pervenute ad una concorde decisione in ordine al loro litigio. Una volta che i giudici hanno ascoltato la loro soluzione, hanno accettato e archiviato il caso. Avevano borbottato tutti in privato nella parte anteriore della stanza, e Jonathan era un po' infastidito dal fatto che non riusciva davvero a sentire cosa stava succedendo. Sarebbe stato bello avere un preavviso su come funzionava la "giustizia" in questo strano posto.

Dani era seduta accanto a lui e Annalisa era seduta dall'altra parte. Quando Annalisa si alzò improvvisamente e iniziò a muoversi verso l'isola, Jonathan alzò lo sguardo per vedere dove stesse andando. Quell'altro Jake era appena entrato nella stanza e Annalisa lo stava salutando tranquillamente sulla porta.

Dietro Jake veniva una coppia che Jonathan non riconobbe. Per un solo istante, il suo cuore sussultò quando vide i capelli biondi della donna. Ci vollero un secondo o due per capire che non era sua madre. Ma la somiglianza era inquietante.

"Possiamo sederci qui, mamma", disse una voce femminile dall'altro ingresso.

Incuriosito, Jonathan si voltò e guardò per vedere chi aveva parlato con tanta disinvoltura (e, secondo lui, a voce così alta in quella sacra sala). Una mora molto carina era seduta e sorrideva alla sua compagna bionda – ovviamente sua madre, da quello che aveva appena detto.

I loro occhi si incontrarono e il tempo si fermò.

«Jonathan?» sentì la voce di sua madre riecheggiare nella sua testa.

Poi le lacrime scorrevano sul viso della donna bionda.

"Mamma, cosa c'è che non va?" chiese Jackie, improvvisamente spaventata dal fatto che sua madre stesse avendo una specie di attacco. "Papà! C'è qualcosa che non va con la mamma!

Jake voltò le spalle ad Annalisa e iniziò ad attraversare velocemente la stanza, con aria preoccupata.

"Madre?" chiese Jonathan alzandosi in piedi. "Oh Dio! Sei davvero tu!

Quindi stava cercando di arrivare alla fine della fila di sedie, ma non riusciva a vedere e continuava a inciampare. Alicia piangeva apertamente mentre lo abbracciava. Entrambi quasi caddero, sopraffatti dalle emozioni improvvise che li riempivano entrambi.

"Ho un altro fratello?" Jackie non ha chiesto a nessuno in particolare.

"Pensavo fossi morto quella bomba è esplosa su Nashville e tutti erano morti e sono arrivato sulla montagna come avevi detto e non c'era nessuno e in qualche modo siamo arrivati ​​qui..."

Elaine guardò e Jeff, la sua finzione di noia non riuscendo a nascondere la scintilla di gioia nei suoi occhi. "Cosa ne pensi? Caso archiviato?

"Ovviamente", convenne Jeff, sorridendo ampiamente. “Informerò il cuoco che dobbiamo uccidere il vitello grasso. Il figliol prodigo è tornato a casa”.

Elaine guardò Jeff con un po' di confusione, ma Jeff si limitò a sorriderle e si voltò.

"Cerca!" sentì Jeff ridere nella sua mente. "Apprezzerai il testo originale molto meglio di quanto io possa raccontarlo."

«Ma tu sei un bardo! Nessuno potrebbe raccontare una storia meglio di te...

Senza preavviso e ignorati da tutti, The Golden Goddess e il Great Bard hanno lasciato la Justice Room.

Lisa e Mac entrarono mentre Elaine e Jeff se ne stavano andando.

"Che cosa! Ci siamo persi?" si lamentò Lisa.

Elena rise. «No, sono ancora tutti lì. Perché non entri e inviti tutti al maniero? Dobbiamo iniziare il cibo per nutrire tutti!

Lisa non poté fare a meno di ridere: la gioia di Elaine era davvero contagiosa.

Anche Mac poteva sentire le risate, la gioia e il sollievo che si irradiavano dalla Justice Room. Abbracciò forte Lisa e la baciò. Lisa tirò su i piedi dietro di sé e lasciò che lui la facesse girare per un secondo o due, completamente innamorata del modo in cui gli piaceva schiacciarla contro di lui.

"Tempo di festa!" le rise nell'orecchio prima di metterla giù in modo che potesse seguire i desideri della Dea d'Oro.

~~~~~

«Be', Annalisa voleva imparare a maneggiare una spada», stava dicendo Jake. "Era stata in giro per Mac e Lisa e aveva scoperto come gli piace trascorrere il tempo libero."

"Così ci siamo teletrasportati tutti alla Grotta di Lisa", ha aggiunto Annalisa, "e il resto è 'registrato nella storia', come direbbe il Pretore".

Diverse persone che ascoltavano, ridevano.

"Perché si chiama Grotta di Lisa?" chiese Dani, felice che questo gruppo allegro anche se un po' ribelle la stesse accettando.

"Bene", Alicia, sua (suocera? Oh mio Dio...) ha detto, "Quando l'abbiamo nominata, abbiamo pensato che Lisa fosse morta quando la Confederazione ci ha attaccato. E doveva essere un parco commemorativo a lei dedicato. Ma poi abbiamo scoperto…”

"Era lei che sentivo nella mia mente!" Dani sussultò, improvvisamente capendo. “Sembra diversa, ora, ma è lei, vero? Beth, voglio dire?

«Sì», rispose Macario. «Una volta era Beth.»

"Ma mi avevi detto che era morta", disse Dani, sconvolta dal fatto che le avessero mentito.

«È morta», le disse Jake, ancora una volta. "E tu, da quello che ci ha detto il dottor Frank, sei l'unico destinatario del suo sangue."

"Fisicamente, sei tutto ciò che rimane vivo", ha detto Mac. “Ma la sua anima è rinata. È diventata la figlia di Béla.

"Stai dicendo che vi reincarnate?" chiese Dani, incredulo. “E che sai chi eri o chi sarai? È assolutamente incredibile!

"I nostri poteri 'psichici' vanno ben oltre la tua comprensione, Ragazza della Terra", sentì Dani nella sua testa. «Voi umani non sapete quasi nulla, eppure continuate a fingere di essere onnipotenti! La morte non è la fine di tutto ciò che la tua specie vorrebbe far credere a tutti!'

Dani ha finalmente capito che era Lisa che stava urlando nella sua mente. I due si fissarono per un attimo.

'Ti ho cercato per mezzo secolo', pensò Dani, chiedendosi se i suoi pensieri potessero davvero essere ascoltati da un altro. 'Ti stavi nascondendo da me?'

"È un mondo più piccolo quello che pensi, Ragazza della Terra", i pensieri di Lisa tornarono, meno arrabbiati, ora. "Abbiamo utilizzato un'importante organizzazione di sicurezza per mantenere i nostri segreti al sicuro."

«Ma io ero una spia industriale! Ero il migliore che ci fosse, e ho cercato nei registri di tutte le principali industrie del pianeta e non ho trovato nulla su nessuno di voi!'

"Ne hai perso uno", disse una nuova voce nella sua testa.

Dani girò di scatto la testa per trovare la donna che aveva aggiunto la sua voce mentale alla conversazione.

"Sono Tabatha", disse la giovane rossa quando i loro occhi si incontrarono.

Porse la mano. Anche Dani tese la mano e Tabatha si fermò, fissando il polso di Dani.

"Una volpe rossa?" mormorò Tabatha, poi guardò di nuovo Dani negli occhi. “Dani Dham. Sei ancora vivo. Immagina che saresti un longevo.

"Sai chi sono?" chiese Dani, sorpreso dal rispetto che la donna Tabatha irradiava.

"Sono Tabatha Hedron", disse, presentandosi di nuovo. “Ci siamo incontrati una o due volte. Almeno, ci siamo guardati l'un l'altro...

"Tomlin", sospirò Dani, riconoscendo il nome. "Ovviamente. Lo sapresti. Era il tuo segreto che stavo cercando di trovare.

"E ci sei andato vicino", sorrise Tabatha. «Se avessi spiegato le tue azioni invece di spararci, ti saresti risparmiato un bel po' di guai. Ma ora sei qui. Benvenuto in famiglia."

"Grazie, credo", rispose Dani, ancora intorpidita da tutte le nuove informazioni che si riversavano nella sua mente. "Vorrei mostrarti la cicatrice, ma è guarita da tempo."

"OH! Tabatha sorrise. “Ti ho preso, allora! Dio, sei stato veloce. Pensavo di essermi perso. Non ti abbiamo mai trovato.

"Non mi hai trovato perché giacevo nel canale di scolo sotto il tuo edificio, sanguinando le budella", la informò Dani. "Sono passati due giorni prima che potessi persino uscire da lì!"

"Avremo un'altra battaglia?" chiese Jake, unendosi alla nuora e alla nuova ragazza.

"Questo è mio suocero, Jake Pestova", disse Tabatha, presentando Jake.

"Ci siamo incontrati sì..." Dani si interruppe, fissando Jake mentre la sua bocca si spalancava. “Ecco cosa mi sono perso! Sei il padre di Jake Hedron! Fanculo! Questa è la connessione! Ero così fottutamente vicino! Dannazione, dannazione, dannazione! Ce l'avevo quasi fatta!

"Scontro a fuoco all'alba?" chiese Macario, unendosi al gruppo. “Ragazzi, state irradiando molto. Puoi attenuarlo un po '?

"Di cosa stai parlando?" Dani voleva sapere.

“Le tue emozioni,” la informò Tabatha. “Devi controllarli un po' meglio. Molte persone qui sono mentalmente molto sensibili e possono captare i tuoi pensieri.

Mi stanno leggendo la mente? chiese Dani, improvvisamente angosciato all'idea della completa mancanza di privacy. "Falli smettere!"

"Nessuno sta 'leggendo' la tua mente", le disse Jake. “Stai trasmettendo a un volume molto alto. Se vuoi un po' di privacy personale, devi imparare a controllarti meglio".

Dani si guardò intorno faccia a faccia al numero di persone che si erano radunate intorno a lei solo negli ultimi due minuti.

"Sono contenta di non essere claustrofobica, ragazzi", ha detto, sorridendo nervosamente. "Perché qui si sta davvero affollando... Sto davvero... trasmettendo... le mie emozioni?"

Un consenso generale l'ha accolta da quasi tutti, insieme a molto perdono amichevole.

"Va bene, allora", rispose Dani, decidendo le sue opzioni. "Lasciatemi tutti in pace per un po', e io me ne starò seduto qui e starò zitto."

Detto ciò, trovò una sedia da pranzo e si sedette. All'improvviso sembrava che tutti torreggiassero su di lei. Ma dopo pochi secondi, le persone hanno iniziato ad allontanarsi, dandole spazio per respirare.

Tabatha si sedette accanto a lei. "Quindi... la famosa 'Volpe Rossa' in carne ed ossa."

"È stato tanto, tanto tempo fa", rispose Dani a bassa voce, sperando che Tabatha lasciasse perdere. "Allora ero una persona diversa."

"Cosa è cambiato?" Tabatha voleva sapere. "Sei appena scomparso dopo il nostro piccolo confronto."

"Un blaster nella pancia lo farà a una ragazza", ha detto Dani. “Ma anche in una società digitalizzata come quella in cui vivevamo, è facile scomparire. In Canada, le persone ti accettano al valore nominale. Noi... beh, loro... Voglio dire, vedete noi, i "quarantotto inferiori", come un gruppo piuttosto frenetico, egocentrico, incline a frequenti attacchi e capricci adolescenziali. Ma individualmente, ti tratteranno come una persona normale finché non dimostrerai di essere uno di quelli incasinati. Ho continuato ad andare a nord fino a quando qualcuno non mi ha chiesto un documento d'identità, e lì sono rimasto.

"Ti sei arreso".

“Ho deciso di provare il ‘sogno americano’. Non era disponibile nella cultura drogata e autodistruttiva che erano diventati gli Stati Uniti, ma potevi ancora trovarlo in Quebec. le disse Dani. "Che tu ci creda o no, anche dopo quella ferita che mi hai inferto, ho avuto tre figli ed ero una moglie e una madre meravigliosa."

“Sembra delizioso,” Tabatha le sorrise. "Ne ho avuti un paio, anch'io."

Dani sorrise al suo vecchio protagonista. “Delizioso, sì. Durò sedici anni. Poi il granaio dove lavorava mio marito è stato derubato e gli hanno sparato. Morì una settimana dopo. Non si è più svegliato».

"Mi dispiace", rispose Tabatha, parlando a bassa voce.

Daniel sospirò. “Stava diventando ora che andassi avanti, comunque – la gente stava cominciando a commentare quanto giovane sembrassi quarantenne.

“Comunque, ho abbandonato i miei figli – li ho lasciati con sua madre. Poi ho dato la caccia agli animali che l'hanno fatto. Era una banda di hop che aveva terrorizzato le persone in tutto il distretto. Erano per lo più membri di minoranza che usavano quella vecchia e debole scusa della persecuzione razziale per giustificare la loro gioia di massacrare persone innocenti.

“Uno per uno, li ho catturati e uccisi. In media, ognuno di loro ha impiegato una settimana per morire dopo essere "scomparso". Lascerei i resti dell'ultimo nel "luogo di cattura" del prossimo. Ho mostrato a quegli animali drogati che era il vero terrore, ognuno di loro, cazzo. Ci sono voluti quasi due anni per eliminarli, uno o due al mese.

“Gli ultimi quattro li ho presi in una sola volta. Erano così terrorizzati che non si sarebbero lasciati di vista. Ho ucciso i tre che stavano cercando di proteggere la quarta, poi l'ho fatta prigioniera. Era la loro "guida spirituale" - puttana totalmente malvagia - usava droghe per controllare la sua banda. Ha detto di essere una Nameepoo, o qualcosa del genere. L'ultimo. Le ci vollero dieci giorni per morire.

“A quel punto, ovviamente, c'era un'altra banda che terrorizzava tutti, ma non mi importava. Sono appena andato via. Ho camminato fino a Montreal. La civiltà era praticamente finita comunque. Mi sono unito a un gruppo di volontari che costruiva alloggi sotterranei e unità di stoccaggio per i successivi otto anni. Non permettere a nessuno di dirti che il lavoro fisico non fa bene all'anima. È l'unica occupazione in cui puoi effettivamente vedere ciò che realizzi.

Tabatha sorrise sentendo quell'ultima parte. Dani si guardò intorno. Era buio e la sala era deserta.

"Dove sono andati tutti?" lei chiese. "Perché non ho notato quanto è tardi?"

"Ci ho protetto e ci ho fatto avanzare di soppiatto nel tempo per qualche ora", rispose Tabatha. «Pensavo che avresti apprezzato la privacy. Evidentemente avevo ragione».

Dani sospirò, provando uno strano sollievo. «Sai, non ho mai detto niente di tutto questo a nessuno, prima d'ora. Suppongo che questa sia la parte ora in cui mi metti contro il muro e mi bendi gli occhi.

"No", rispose Tabatha. “Non sono più al sicuro. Ho perso il lavoro circa sei mesi fa. Adesso sono la moglie di un impiegato di forniture. E sto imparando il ricamo.

"Oh Dio!" Daniel rise. "Che caduta!"

"Oh, rimango ancora in forma nel piccolo parco giochi di Lisa che ha al Northern Depot", sorrise Tabatha. «Lisa ti piacerà. Lei è...

«Ci ​​siamo conosciuti», lo interruppe Dani. "È lei che fa quel pezzo di 'fuoco'."

"Sì, è lei!" Tabatha ha ammesso. "È una vecchia fiamma."

Entrambi risero.

"Ci credo", ha risposto Dani, sorridendo. “Allora come hai perso il tuo omicidio di joBéla? Divorzio?"

"Guerra", le disse Tabatha. “Siamo stati costretti ad abbandonare la nostra città di montagna e fuggire dalla Terra in quell'astronave in cui ti hanno trovato. Ma poiché non c'era bisogno di sicurezza sulla nave, o qui in questa stazione, in realtà non avevo niente da fare. E ancora no.

"Nessuna sicurezza?" ha chiesto Daniel. "Probabilmente è per questo che siamo riusciti a vivere per più di due mesi sulla tua nave senza essere scoperti."

«Il Pretore sapeva che eri lì», le disse Tabatha. “Semplicemente non ha ritenuto necessario informare nessuno della tua presenza. Penso che ti stesse studiando.

«Il Pretore?» ha chiesto Daniel. "Che cos'è?"

“Beh, tra le altre cose, è la mente della nave su cui eri,” spiegò Tabatha, sapendo benissimo che quello che aveva detto non era una spiegazione. «Ha registrato la tua presenza sulla nave come parte della nostra storia. Se qualcuno avesse controllato gli eventi recenti, avrebbe scoperto il tuo arrivo qui.

"Tutto ciò che accade qui viene registrato elettronicamente?" ha chiesto Daniel. "È un sistema di sicurezza eccezionale."

"Il Pretore è il motivo per cui non abbiamo bisogno di sicurezza qui", spiegò Tabatha. “Inoltre, praticamente tutti a New Eden sono onesti. Qui non ci sono criminali incalliti.»

"Allora, moglie dell'addetto alle forniture, come hai ottenuto l'incarico di intervistarmi?" Dani voleva sapere.

Tabatha sorrise alla domanda. “Ero responsabile della sicurezza della nave prima del suo completamento. Ero curioso di sapere come eri arrivato.

"Avresti potuto chiedere al Pretore", sorrise Dani, compiaciuto di aver colto il capo della sicurezza interna di Tomlin in un errore logico.

"L'ho fatto", rispose Tabatha. “Ho imparato molto di più parlando con te però. Vorrei che tu fossi entrato quando ne avevi l'opportunità. Saresti stato un prezioso alleato.

"Eccoti!" gridò una voce sollevata dall'ingresso. "Ti ho cercato dappertutto!"

Jonathan si chiuse la porta alle spalle e si diresse verso le due ragazze.

"Beh, sono rimasto sorpreso di quanto mi sia piaciuto parlare con te", disse Dani al suo vecchio antagonista mentre si alzava. "Spero che potremo incontrarci un'altra volta."

“Ci rivedremo,” la rassicurò Tabatha, alzandosi dalla sedia. “Ci sono sempre funzioni sociali e picnic. Penso che ti piacerà qui.

«Suppongo che il Pretore abbia registrato tutto quello che ho detto», ipotizzò Dana.

"Probabilmente, vorresti che te lo chiedessi?" chiese Tabatha.

"Io non... No, davvero non lo farei", disse Dani, accigliandosi. "I dati possono essere classificati sotto una parola in codice o qualcosa del genere?"

"Presumo che tu non voglia che il Pretore riveli i tuoi pensieri personali e privati?" Tabatha ha risposto. "Chiediamolo."

«Pretore», gridò mentalmente Tabatha. Gli occhi di Dani si spalancarono, non credendo di poter sentire i pensieri di Tabatha.

«Hai una domanda?» disse il Pretore nella mente di entrambi.

«Mi sente?» chiese Dani, sentendosi stordito e molto vulnerabile.

«Ti ascolto, Danielle. Che cosa desideri?

"Questa cosa è come il genio nella bottiglia, giusto?" Dani non ha potuto fare a meno di ridacchiare per la bellezza di tutto questo.

“Ehm... ti potrebbe piacere, uh... sì. Puoi tenere segreto quello che ho detto a, uh, Tabatha?” Dani balbettò, non avendo la più pallida idea di come parlare con una macchina che potrebbe entrare nella tua testa.

«La tua richiesta sarà presa in considerazione», rispose il Pretore. Non è raro che le persone desiderino che gli eventi imbarazzanti rimangano privati. Renditi conto, tuttavia, che i segreti sono la rovina di una società psichica. La loro accettazione di te tra loro dipenderà da quanto di te sei disposto a condividere.'

"Capisco", disse Dani, senza capire nulla di tutto ciò. «Be', te lo sto chiedendo comunque. Puoi mantenere i miei segreti?

"I dati sulla tua vita saranno disponibili su base limitata fino a nuovo avviso."

"Quello è buono?" chiese Dani, guardando Tabatha.

"Sì", rispose Tabatha. "I tuoi segreti saranno al sicuro fintanto che non sarai portato davanti a un giudice per eventuali infrazioni in qualunque distretto tu e il tuo compagno di vita vi stabiliate."

"Compagno di vita, eh?" Dani sorrise, guardando Jonathan mentre la abbracciava.

"Dai! Elaine vuole parlarci del distretto in cui vorremmo stabilirci», disse Jonathan mentre la abbracciava.

«Chi è di nuovo Elaine?» chiese Dani mentre veniva portata via da un braccio. “Intendi quella persona Queen, giusto? Sei in base al nome con il loro sovrano? Oh mio Dio…"

La porta si chiuse alle loro spalle. Tabatha si guardò intorno nella sala vuota.

'Dannazione! Mi sono persa la festa!' pensò tra sé. "Oh, beh, non importa, tornerò indietro nel tempo a quando me ne sono andato..."

Svanì e la sala buia era vuota.

Storie simili

Famiglia adottiva Capitolo 9

Ehi ragazzi, scusate per quanto tempo è passato. Spero vi piaccia ^_^ Si applicano le stesse note. Questo è un lavoro di FICTION qualsiasi parvenza di eventi reali è del tutto una coincidenza. Se hai meno di 18 anni (o 21 a seconda di dove ti trovi) o se è illegale per te leggere questo per qualsiasi motivo, o se il sesso tra ragazzi/uomini ti offende comunque, per favore non leggere. altrimenti buon divertimento! ________________________________________________________________________________ Capitolo 9 Positivo. Quell'unica parola rimase nella testa dei ragazzi per il resto della notte. Nessuno dei due ragazzi riuscì a dormire quella notte, con loro...

2K I più visti

Likes 0

Il compagno del campione 12

La tarda estate al Menthino è stata un periodo intenso. Kaarthen si ritrovò nella gigantesca stanza della mappa del palazzo. L'intero piano era un'immagine in movimento in tempo reale di Menthino, scale su rulli e tavoli cartografici su ruote erano lungo le pareti. Marcos era vestito in modo quasi casual con una camicia di seta verde scuro e pantaloni neri Safi. La regina e due principesse, Saliss la più anziana e Ruegin, ascoltavano con lei i piani annuali di migrazione dalle vaste pianure alluvionali a Cardin. Tre Hjordis in nero Safi con i capelli raccolti in chignon stretti stavano lungo il...

2K I più visti

Likes 0

diario di una casalinga. prima parte.

Sposarsi ha causato molto stress nelle nostre vite. Rick si rifiuta di lasciarmi lavorare, e anche con una nuova casa in città (in una zona a basso reddito) e le bollette che accumulano si rifiuta di muoversi. Smorza la nostra relazione e ci mette a dura prova emotivamente e sessualmente. È costantemente al lavoro. Lo stress gli rende difficile essere affettuoso. Vedi dove sta andando. Sono una brava ragazza. E una buona moglie. Ho cercato per settimane di soddisfarlo. Ogni mattina lo succhiavo a secco. Quando è tornato a casa tardi, ho messo da parte i miei bisogni e l'ho succhiato...

1.9K I più visti

Likes 1

Divertimento con Steve II

A casa da solo Sono passati circa quattro mesi da quando io e Mark ci divertivamo negli spogliatoi, e abbiamo deciso che sarebbe stato meglio se nessuno avesse scoperto le nostre attività, quindi eccoci qui, a cogliere ogni occasione possibile per stare insieme. Questo fine settimana in particolare mia madre e mio padre saranno fuori per tutto il sabato, quindi ho chiesto a Mark di venire, i miei genitori non hanno problemi con Mark che viene a trovarci ma ci controllano sempre ogni dieci minuti, quindi è impossibile diventiamo un po 'selvaggi con lui, normalmente ci sediamo sul mio letto di...

2K I più visti

Likes 0

Circostanze diverse parte 2

Disclaimer: non possiedo Pokemon, nessun personaggio e Pokemon lì dentro. Sai, solo per coprirmi il culo in caso. Meglio prevenire che curare. Nota dell'autore: grazie a tutte le persone che hanno letto il primo capitolo. Questo capitolo è stato molto più lungo di quanto mi aspettassi. Divertiti! –––––––– 'Caro Nicola, È tua sorella, Julian! Ho inviato questa lettera di Taillow perché era più veloce e per congratularmi con te per aver superato l'Accademia Pokemon! Papà dice che hai fatto degli esami orribili...' “Non ho fatto così male. Almeno sono passato..” borbotta Nicholas, continuando a leggere la lettera che gli era stata...

1.9K I più visti

Likes 0

Ragazzone 1

BigBoy 1 modifica 2 ​Alla fine degli anni settanta, dopo aver divorziato dalla mia seconda moglie, ho iniziato a picchiare di nuovo la scena della festa.. Ho incontrato questa donna in un bar una notte, mi sono fatta abbastanza ubriaca e arrapata, quindi noi deciso di andare a casa mia.. Lungo la strada passammo davanti a un negozio di libri per adulti, Mi ha chiesto se ero mai stato lì e ovviamente ho detto di sì perché il il proprietario era un cliente e un amico.. Ha detto che non era mai stata perché era troppo timida per andare da sola...

2K I più visti

Likes 0

I sogni di Ashley

Tutti i nomi e la posizione sono stati modificati Fatemi sapere come vi piace la storia. Questa è la mia prima storia qui. ================================= Quando ho posato gli occhi su Ashley per la prima volta ero in seconda media. Eravamo giovani. I miei primi veri sentimenti sono iniziati in prima media. Il suo compleanno è stato 2 settimane prima del mio. Quando ho compiuto 16 anni ho organizzato una grande festa. E, naturalmente, Ashley era lì. Negli anni in cui sono stata una delle sue migliori amiche, lei non era della nostra città, si è trasferita dalla Florida al suo settimo...

2K I più visti

Likes 1

La mia prima volta con Cindy

La storia: Sulla via del ritorno dall'ospedale, dopo aver lasciato mia moglie per un'operazione alla schiena molto seria, Cindy, mi stava dicendo come avrebbe fatto tutte le cose che faceva la mamma in casa, come lavare i piatti e fare il bucato e che si prenderà cura di suo padre come fa la mamma. Fu detto in una specie di sussurro sommesso e lei aveva la sua mano sul mio braccio, toccandomi dolcemente e guardandomi negli occhi. Ho sentito un brivido nei pantaloni e ho guardato le gambe formose di Cindy e la minigonna che indossava, ho subito costretto il mio...

1.9K I più visti

Likes 0

Mother's Submission - Capitolo 12

Alex Morgan si guardò intorno nella sua stanza del dormitorio, la stanza in cui aveva trascorso gli ultimi anni. Aveva alcuni bei ricordi qui, ma ce n'era uno eccezionale. Quando il suo amico, George, lo aveva spinto a creare un profilo per l'app di appuntamenti. Era lì che aveva incontrato la donna che ora amava, che per caso era sua madre. Quando si era presentato oggi, George era stato felice di vederlo. George è stato molto meno felice di scoprire che Alex si sarebbe trasferito a casa e avrebbe completato i suoi studi online. Chi mi aiuterà quando avrò problemi con...

1.9K I più visti

Likes 0

The Runaway Club - Capitolo 1

Il club in fuga Katlin si sedette al suo comò fissando il viso rugoso e sospirò, erano questi i momenti in cui le piaceva pensare alla sua vita, voglio dire qui aveva settantaquattro anni, vedova con figli, anche nipoti, e tutto è iniziato al età di quattordici anni. 60 anni prima Katlin ha aperto gli occhi qui e ha ascoltato, le ci sono voluti alcuni minuti per connettersi con il resto di lei e si è seduta, era ora, è scivolata fuori dal letto e ha tirato fuori la sua valigia preconfezionata dal suo nascondiglio sul retro del suo guardaroba, sorrise...

1.8K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.