Casa stregata: parte III

422Report
Casa stregata: parte III

Kelly era andata a trovare sua madre per la settimana, lasciandomi a preparare la casa per i nostri primi ospiti paganti. Per fortuna, la locanda sarebbe stata piena questo fine settimana. Una prenotazione last minute di tutte e cinque le camere da letto al secondo piano garantita da una riunione di famiglia.

Mercoledì sera ero riuscito a pulire a fondo la casa, ricordando qualcosa che Kelly e io avevamo lasciato in soffitta. Entrando nella stanza verso il tramonto, ho sentito quel formicolio fin troppo familiare nei miei lombi. Guardando in basso, ho visto il mio pene sollevarsi e irrigidirsi nei boxer. (non volendo sporcare i vestiti buoni, avevo iniziato a pulire con i miei pantaloni)

All'improvviso mi sono sentito molto, molto stanco e mi sono seduto sul grande letto a baldacchino. Mi sono rilassato e mi sono addormentato quasi subito. Per quanto tempo ho dormito, non posso dirlo, ma non può essere stato troppo a lungo perché il sole stava appena tramontando quando ho sentito una presenza nella stanza con me. Guardandomi intorno, non vidi nulla. Scacciando il pensiero, mi addormentai di nuovo, solo per sentire il mio cazzo liberarsi dalla sua prigione di cotone. Guardando il mio inguine, di nuovo non ho visto nulla. Ho sentito una calda sensazione bagnata attorno alla testa della mia furiosa e dura virilità. Lentamente la calda umidità si diffuse lungo la mia asta, una morbidezza vellutata che sembrava proprio come se una donna mi avvolgesse nella sua fica.

Ero congelato sul posto. Sentivo il calore salire e scendere lungo la mia asta, ma non vedevo altro che il mio cazzo sporgere dritto nell'aria. Ho cominciato a sentire il formicolio nella mia sacca di noci, facendomi sapere che ero vicino all'arrivo. Continuando a fissarmi, ho grugnito per il rilascio mentre sentivo il mio seme accelerare attraverso la mia asta. Ma con mia sorpresa, nonostante l'intensità della sensazione, non ho visto nessuno sperma eiaculato dalla punta del mio cazzo gonfio. Ho provato a prendere il mio cazzo, ma non riuscivo a muovermi. Mi sentivo le braccia inchiodate al letto. Mi stavo spaventando!

Quando il mio orgasmo immaginario si placò, cominciai a vedere la debole forma di una donna voluttuosa che cavalcava sopra di me. Aveva lunghi capelli biondi, seni molto grandi e la sua parte centrale era racchiusa in un corsetto di stecche di balena. Il suo viso era contratto in una smorfia orgasmica mentre continuava a impalarsi su di me. I miei fianchi si alzavano e si abbassavano e il mio cazzo sentiva la morbidezza vellutata del suo canale vaginale mentre mi stringeva e mi induceva verso un altro climax. Non la delusi, mi insinuai profondamente nell'apparizione, venni di nuovo, sentendola succhiare lo sciroppo vivificante dalle mie palpitanti palle.

La figura spettrale assunse un aspetto più solido, chinandosi sopra di me e offrendomi uno dei suoi seni penduli. Presi avidamente in bocca il capezzolo scuro e carnoso e lo allattai come un bambino affamato mentre lei continuava a cavalcare il mio membro ancora rigido. Mi faceva male lo sforzo di scopare continuamente questo fantasma ninfomane, ma non riuscivo a fermarmi. Il suo capezzolo era morbido nella mia bocca e la mia lingua provava la sensazione di leccare carne viva e le mie orecchie erano deliziate dalla musica dei suoi gemiti mentre succhiavo e scopavo lo spirito rubenesco.
Ancora una volta ho sentito le mie palle sollevarsi, segnalando un'altra esplosione di sperma e, quando è arrivata, ho urlato in estasi mentre sentivo tre forti schizzi del mio sperma uscire dalla fessura nella testa del cazzo e bagnarla con il caldo e appiccicoso crema.

E ancora una volta la sua forma assunse maggiore definizione, come se il mio sperma la stesse riportando in vita. Ha guidato una delle mie mani verso il suo cespuglio scuro imbevuto di sperma e miele, indicandomi che avrei dovuto massaggiare il suo clitoride ora prominente. Incontrando le mie spinte verso l'alto e il mio strimpellamento del clitoride, i suoi gemiti si unirono in un canto di sirena finché non si irrigidì, riprese fiato e raggiunse l'orgasmo, dimenandosi selvaggiamente sopra di me. La sensazione della sua fica mentre si contorceva attorno al mio cazzo era indescrivibile. Ho afferrato le guance del suo ampio culo, scopando più forte e più velocemente, sollevandola dal letto e gemendo mentre ingoiava la mia virilità ogni volta che mi cadeva in grembo.

Dobbiamo averlo fatto per gran parte della notte. Per me era per lo più confuso. Ricordo di essere venuto sei volte e, a ogni eiaculazione, questa adorabile signora vittoriana diventava sempre più reale per me, finché non ho notato i ciuffi di alba rosa-arancio che scrutavano attraverso la finestra. Quando la sua visione arrivò per la prima volta, i suoi capelli castano scuro erano raccolti in una crocchia, ma con il passare della notte, sempre più capelli le cadevano sul viso. Finalmente sazia, o forse spaventata dalla luce del giorno, si alzò dal mio cazzo ancora duro, si chinò su di esso, baciando la corona rosa scuro. Le sue labbra si aprirono e lei leccò i resti del nostro fare l'amore dalla testa e dall'asta prima di avvicinarsi allo specchio. Si voltò e sussurrò: "Torna da me". poi scomparve nello specchio.

Sbattei le palpebre, non credendo a ciò che avevo visto. Mi sono stropicciato gli occhi annebbiati, ma lei non c'era più! Ho guardato il mio pene dolorante, che cominciava a abbassarsi. Tutte le prove del nostro appuntamento erano scomparse.
Persino l'odore del suo sesso, che aveva permeato la stanza nemmeno cinque minuti prima, era scomparso.

Inciampai verso lo specchio, sperando di vedere la sua immagine da qualche parte, ma non vidi altro che il mio viso smunto e insonne. Mi allontanai dallo specchio e camminai con passo incerto verso la porta, chiudendola dietro di me. Sono riuscito a malapena ad arrivare al secondo piano, dove sono crollato su un letto per gli ospiti e ho dormito per otto ore.

Svegliandomi a metà pomeriggio di soprassalto, ricordai l'attività della notte precedente con chiarezza cristallina, ma, a parte lo sfregamento sul mio cazzo, non c'erano prove che avessi fatto qualcosa. Sbrigando le mie faccende domestiche, finii poco prima del tramonto. Attirato in soffitta, vi ritornai, deciso a chiarire se immaginavo o meno quello che era successo. Mi sono seduto e ho aspettato con impazienza il suo arrivo. Poco dopo che gli ultimi raggi di sole sono scomparsi dietro le montagne, la mia adorabile apparizione è tornata, fluttuando attraverso la superficie dello specchio. Aveva i capelli raccolti, ma indossava una camicia da notte trasparente che le scendeva sul seno, nascondendo a malapena la sua figura voluttuosa. Ho persino visto la sagoma del suo cespuglio scuro dietro il tessuto trasparente.

Ipnotizzato, la guardai fluttuare verso di me, fermarsi davanti a me e cadere in ginocchio.
Lentamente, mi ha slacciato i pantaloni, liberando il mio cazzo dalla sua prigione di cotone. Afferrando l'asta e stringendola delicatamente, abbassò il viso sull'elmo rosa scuro del mio pene e, allungando la lingua, leccò con cautela le gocce di liquido trasparente che vi si erano formate. Aprendo le sue labbra, osservai con ammirazione la testa che passava accanto alle sue labbra rosa pallido. Potevo sentire il calore della sua bocca mentre avvolgeva la mia asta, tremando di delizia mentre la sua lingua vorticava intorno alla testa. Mentre la sua lingua giocava con la parte inferiore del mio cazzo, avrei voluto poter venire proprio in quel momento! È stata una tortura squisita e pura, guardare e sentire la sua lingua mentre scivolava su e giù per la fessura del mio piscio. Sembrava quasi che stesse cercando di infilare la punta nel mio cazzo, cercando la fonte della mia virilità.

Afferrandole la testa, ho provato a guidarle la bocca più in basso nel pozzo, inghiottendo sempre più me, ma non voleva affrettarsi. Nel mio zelo di ficcarle la gola, ho spostato il suo pettine, e i suoi capelli sono caduti lungo il suo viso, oscurando ogni dettaglio tranne le sue labbra, chiaramente viste mentre succhiavano il mio cazzo. “Ohhhh! Dio mio! È davvero bello!” Gemetti, continuando a guardarla mentre divorava lentamente la mia carne.

Ha canticchiato la sua risposta, facendomi sobbalzare il cazzo. Ho sentito le sue dita mentre mi sfioravano leggermente la gamba, vagando lentamente verso il mio cazzo furioso. Il suo tocco era come una corrente elettrica! Quando le sue dita afferrarono il mio sacco, pensai che sarei svenuta, le sue unghie graffiavano leggermente la pelle increspata, i suoi palmi caldi contro i miei testicoli. Ancora canticchiando e sorseggiando, la sua testa dondolò più velocemente. Forse stava diventando impaziente. Le assicurai che non sarebbe passato molto tempo prima che le sue amorevoli carezze orali sarebbero state ricompensate. Mi guardò negli occhi mentre succhiava più a fondo, una delle sue lunghe dita unghiate si faceva strada oltre il mio sfintere.

“Ohhhh! Ahhhh! Cummminnngg! NNNNGHH!” Ho urlato quando ho sentito l'afflusso di sperma scorrere attraverso il mio pene in espansione. Afferrando la base con l'altra mano, ha aperto la bocca in modo che potessi vederla banchettare con la mia crema, ha detto: "Nutrimi!"

Ho guardato il mio cazzo sputare una goccia dopo l'altra di fluido viscoso sulla sua lingua in attesa. Accarezzando e spremendo la mia asta, ha munto le ultime gocce da me, ingoiando la bocca di sperma caldo. Lei si alzò e io asciugai una piccola quantità di sperma dall'angolo delle sue labbra carnose e mi infilai il dito in bocca..

Sembrava quasi inorridita dall'atto e, afferrandomi il viso tra le mani, mi piantò un bacio profondo sulle labbra, infilandomi bene la lingua, come se stesse cercando la gocciolina che avevo preso dalla sua bocca.

Spingendomi sul letto, mi disse che aveva ancora fame. Si è posizionata sul mio cazzo ancora dilagante e ha sistemato la sua figa umida sul mio viso. Ho aperto i petali del suo fiore, affondando il viso nell'umidità vaporosa del suo sesso. Respirando il profumo pesante della sua fica eccitata, ho leccato e succhiato le labbra carnose esterne ascoltandola gemere mentre le sue labbra inghiottivano di nuovo il mio cazzo.

Attaccandomi al suo clitoride, ho succhiato voracemente mentre spingevo due, poi tre dita in profondità nel suo strappo che perdeva. Si dimenava e strillava mentre grattavo la parete anteriore della sua nauseante vagina, alla ricerca del suo punto G. Trovando il tessuto spugnoso l'ho grattato e strofinato finché le mie dita non hanno cominciato ad avere crampi. Ora stava scontrandosi con la mia mano e il mio viso, solleticandomi con i ruvidi peli neri della sua figa.

Si liberò dal mio cazzo mentre raggiungeva l'orgasmo per la prima volta, massaggiandosi la testa su tutto il viso mentre gemeva e si dibatteva, facendomi colare quantità salutari del suo sciroppo d'amore sul viso. Ho bevuto dalla sua fica spasimante, senza lasciarla scappare dalle mie labbra, assaporando la sua dolce salsedine.

Mi ha accarezzato le palle con le labbra e la lingua spingendole a riempirla del loro meraviglioso contenuto prima di riprendere a scopare in gola. Nel frattempo, stimolato dal profumo e dal sapore della sua fica deliziosa, ho spinto dentro le mie dita, solo che questa volta ne ho usate quattro, all'inizio, poi ho provato a spingere il pugno dentro, nel frattempo grattandole il clitoride con la lingua, stuzzicandola. punta, poi bagnando tutto il suo caldo manicotto bagnato.

“Mmmffff! MMMffff!” gemette ad alta voce mentre spingevo delicatamente il mio pugno contro di lei. Tirandomi fuori il cazzo, ha gridato “Oh mio Dio! Cosa fai? È così grande!"

"Si sente bene?" le ho chiesto tra una leccata e l'altra delle sue labbra.

“Oh Dio, sì! Mi stai riempiendo la figa! Sembra duro come un cazzo! Che cos'è?"

"Ti sto scopando con il pugno!" risposi mentre agitavo la mano dentro di lei, raschiando le pareti della sua fica stucchevole con la punta delle dita.

“Ohhh! Non fermarti! ho intenzione di spendere! Si! AAAHHHH!” urlò mentre i suoi muscoli vaginali si flettevano, stringendomi la mano. Aggrappandomi al suo clitoride tremante, ho succhiato forte mentre lei raggiungeva l'orgasmo violentemente, spruzzandomi il suo succo d'amore su tutta la faccia. Tolgo la mano intrisa di miele dalla sua figa molto stretta e molto bagnata, leccando alternativamente il liquido trasparente dalle mie dita e le sue labbra gonfie e il suo cespuglio.

Riacquistando la compostezza, ritornò al suo compito di svuotare le mie palle del loro prezioso contenuto, leccando e succhiando mentre spingevo i fianchi verso l'alto, sentendo la testa del cazzo sfiorarle la parte posteriore della gola. Passarono interminabili minuti mentre mi bagnava il cazzo con la sua saliva finché non riuscivo più a trattenermi e, con un grugnito, annunciavo che stavo versando ancora un'altra porzione del mio prezioso sperma nella sua bocca insaziabile.

“La mia cunny sta bruciando! Per favore, spegni il mio fuoco! implorò mentre si posizionava sul letto, il culo in aria, le labbra della figa spalancate, mostrando la carne rosa e umida della sua fica interna. “Fanculo a me! Per favore?"

Guardando la mia virilità sorprendentemente rigida, sputata e ricoperta di sperma, mi sono messo dietro di lei e mi sono infilato in profondità nel suo manicotto in attesa. "Si!" sibilò: “Fanculo a me! Duro veloce! Ruvido! Sono il tuo schiavo!"

Raggiungendo la sua ampia vita, ho afferrato una manciata di ciascun seno, impastandoli come una palla di pasta mentre entravo e uscivo dalla sua calda umidità, desiderando solo schizzare il mio sperma in profondità nel suo grembo spettrale. Sapevo che questa apparizione mi stava prosciugando la vita ad ogni orgasmo, ma non riuscivo a fermarmi. "Scopami come un cane in calore!" implorò. Le sue natiche si increspavano ad ogni spinta, le mie palle schiaffeggiavano le sue labbra gonfie e la sua figa scorreva ogni volta che il mio osso pubico urtava contro di lei. “”Sono una ragazza così cattiva!” lei lo provocò: “Puniscimi! Puniscimi con il tuo cazzo!.”

Più parlava, più la penetravo forte e velocemente. Le ho pizzicato forte il capezzolo con la mano sinistra mentre con l'altra le grattavo il clitoride, facendola gemere tra una provocazione e l'altra. Ho infilato un dito nella sua fessura bagnata e sciatta, strofinandomi contro la parte inferiore del mio cornuto.

Ci siamo rafforzati a vicenda verso un altro crescendo orgasmico, i suoi muscoli vaginali si sono compressi attorno al mio cazzo e al mio dito fino a quando il suo respiro non le si è bloccato in gola. “Ohhh! Ohhhh! OOOHHHH! Sto spendendo!” - gridò, crollando sul letto.

Mi sono tirato fuori, il mio cazzo gocciolava del miele scivoloso del suo liquido. "Oh Dio! Per favore, non fermarti!” L'ho fatta girare, le ho afferrato le gambe, appoggiando la parte posteriore delle sue ginocchia nell'incavo delle mie braccia e ho fatto un passo avanti, il mio cazzo scivolava senza sforzo tra le labbra irrorate del suo sesso affamato. “Ahhh! Sì! Guardati mentre mi scopi!"
Seguendo le sue indicazioni ho guardato in basso dove eravamo collegati, il mio pene segava dentro e fuori, tirando fuori la carne della sua figa stretta con me e ingoiando il mio cazzo ancora duro.
“Adoro la sensazione del tuo cazzo! Mi riempi deliziosamente! tubò sorridendomi.
Il sudore mi scorreva dalla fronte per lo sforzo di questa scopata, ma ho continuato a spingere dentro e fuori da lei aumentando la velocità del nostro accoppiamento ritmico. Notò che fissavo i suoi seni, che si increspavano ad ogni spinta. Mi afferrò le mani, tirandole verso di sé, piegandola in modo che le sue ginocchia fossero quasi allo stesso livello delle sue orecchie. Le mie dita toccarono i suoi capezzoli e una scossa elettrica mi percorse il corpo. Il mio cazzo è esploso in profondità nella sua fica, spargendo il mio seme su tutte le pareti stucchevoli.

Crollai sopra di lei, con la testa tra i suoi grandi seni. Mi ha tenuto fermo finché non è stata sicura che il mio cazzo fosse vuoto del siero che desiderava. Offrendomi un capezzolo da succhiare, mi ha fatto rotolare via e ha fatto scorrere la mano su e giù per la mia asta. Ansimando, ho supplicato la sua tetta di fermarsi e di darmi un po' di riposo.

"Solo se prometti di venire di nuovo per me prima che sorga il sole."

“Non sono sicuro di poterlo fare” ho risposto.

“È ancora difficile. E sono certo che posso farti venire di nuovo."

Ero troppo debole per combattere e la lasciavo fare come voleva. Mi ha fatto rotolare sulla schiena e ha circondato la mia erezione furiosa con i suoi seni, imbrattandoli con gli avanzi della nostra scopata appena completata. Quando l'elmetto del mio pene fece capolino dalla sua scollatura, lei leccò la fessura con la lingua. “Mmmmm! Adoro il sapore del tuo cazzo! Ma lo sai già” lo prese in giro, lasciando che l'erezione sparisse, solo per riemergere e farsi leccare di nuovo.
Stanca di questo gioco, si rimontò su di me sospirando mentre sentiva la mia carne rigida mentre si apriva le labbra della sua fica.

Si perse rapidamente nella voglia di venire e rimbalzò su e giù, quasi lasciandomi scappare prima di inghiottirmi. Venivo usato, ma non mi importava. Mi voleva solo per il mio sperma, non per me. Appoggiandosi all'indietro, ha scoperto che il mio cazzo le massaggiava il punto G e ha gemito mentre piegava la mia lancia per farla venire. Poi si sporse in avanti, offrendomi di succhiare i suoi seni penduli. Dondolandosi avanti e indietro, mi ha munto l'asta mentre veniva di nuovo con un fiotto, bagnando il mio busto con grandi gocce del suo fluido vaginale.
L'odore della nostra scopata mi assaliva le narici. Tutto quello che potevo sentire era l'odore di candeggina del mio sperma e l'odore opprimente della sua fica iperattiva.

Alla fine, ho sentito l'eccitazione rivelatrice che avviene appena prima dell'eiaculazione e i grugniti debolmente,
Ho spruzzato gli ultimi residui di sperma dalle mie palle abusate. Lei si alzò e rimase in piedi accanto a me. Abbassando la mano, chiese con un sussurro gutturale: "Verrai con me?"

Mi alzai sulle ginocchia vacillanti. "Dove?" dissi, ancora sotto il suo incantesimo.

"Seguimi!" disse prendendomi la mano e conducendomi allo specchio. Ha iniziato ad attraversarlo. "Vieni da me, amante!" lei sussurrò.

Ho iniziato a seguire. Con una parte di me ancora in soffitta, sentii una mano che mi tirava indietro. Voltandomi a guardare, vidi una Kelly terrorizzata che mi trascinava di nuovo nella stanza. La mia amante delle apparizioni mi ha trascinato nello specchio. “Vieni, amante! Posso offrirti tutto il sesso che desideri. Qualcosa che non farà MAI!”

Mi sono sentito andare alla deriva nel mondo dello specchio. Kelly tirò forte, dicendo: “Ti amo! Vuole solo che tu giochi! Ritorno! Per favore? Non voglio perderti!”

Avevo due donne che litigavano per me! Cosa devo fare?

Storie simili

Divertimento per il pigiama party_(0)

Se non credi nel materiale dei ragazzi questa non è una storia per te. Per favore, dammi un feedback perché questa è la mia prima storia. Ciao, sono Charlie. Sono un ragazzo di 14 anni con i capelli castani. Sono alto 1,70 e ragionevolmente magro. Ho gli occhi verde-blu e mi sono sempre considerata etero, ma ogni tanto fantastico sui ragazzi. Quindi vi racconterò una piccola storia di quello che è successo non molto tempo fa..... Erano le vacanze e finora mi ero rilassato, ma mi stavo annoiando, così ho chiamato due dei miei amici e ho chiesto loro se volevano...

426 I più visti

Likes 0

La prima volta che condivido mia moglie

Beh, davvero non so come iniziare questa storia, quindi entriamoci subito dentro. Questa è una vera storia vera che è accaduta e ora la condivido con tutti voi ragazzi. Dopo aver finito di leggere questa storia e sei interessato a foto o video, inviami un'e-mail a [email protected]. Quindi la mia storia è iniziata circa 2 anni dopo essermi sposata. Ma prima di entrare nei dettagli pesanti, lascia che ti spieghi di noi. Mi chiamo Ethan e sono un maschio ispanico di 25 anni e mia moglie Angelina è una femmina ispanica di 22 anni. Siamo usciti insieme dai tempi del liceo...

796 I più visti

Likes 0

Festa dello sguardo

Londra è una bella città in cui vivere, soprattutto se sei uno studente che va all'università e ama le feste Non è una novità e lo sanno tutti. Così fanno tutti i proprietari. Con i loro prezzi folli, chiedono una stanza, a volte è difficile per gli studenti tenere il mento fuori dall'acqua, soprattutto se i loro genitori non sono di Knightsbridge, ad esempio. Ma come sempre ci sono alcune eccezioni. Fuori dal centro città, a poche miglia a nord di Westminster, dove in realtà ci sono diverse case che, diciamo, “fuori dall’ordinario”. Perché? Ebbene, dalle testimonianze di alcune delle cosiddette...

450 I più visti

Likes 0

Andare a letto con la babysitter Capitolo 01

LETTO DELLA BABYSITTER Trama: Una vicina lesbica usa Internet per sedurre la sua innocente babysitter. Nota: anche se pubblicata nel settembre del 2010, questa storia è stata completamente riscritta nell'ottobre del 2012. Nota 2: Grazie a MAB7991 e LaRacasse per l'editing. LETTO DELLA BABYSITTER Mi chiamo Megan. Sono una donna single di 35 anni con un bambino di due anni. Jenny era la perfetta babysitter. Frequenta una scuola privata e indossa sempre la gonna scozzese e calze di nylon alte fino al ginocchio (ho trovato interessante che indossasse calze di nylon alte fino al ginocchio e non calzini come la maggior...

1.2K I più visti

Likes 0

Ma tesoro, era solo un ballo, la storia di Linda

Sequel di; Ma tesoro, era solo un ballo. Linda racconta la sua storia a un amico. Nota: non c'è sesso in questa storia A tutti i lettori che hanno chiesto di rispondere alle domande, grazie. Ma tesoro, era solo un ballo Il seguito Un altro inverno di Chicago era storia. Oggi è stato il primo vero giorno di primavera. Quando Linda uscì, sentì l'odore dell'aria fresca e pulita del mattino. Ricorda il suono della pioggia primaverile sul tetto mentre lei e suo marito facevano l'amore la sera prima e come si aggiungeva alla sensazione calda e sicura che provava tra le...

855 I più visti

Likes 0

Segreti a porte chiuse

Ho sempre avuto un debole per gli uomini più anziani. Mi è sempre piaciuto l'idea di averne uno per me, ma non sono mai riuscito a trovare qualcuno che uscisse con una donna più giovane. Questo fino a quando non ho incontrato Jonathon. Jon ha lavorato in un negozio di violini, producendo e vendendo il suo lavoro. Non era alto, né basso. Aveva una bella corporatura e un bel viso. Jon stava lavorando il giorno in cui sono entrato nel suo negozio. Gli ho chiesto di farmi fare un giro del posto. Ha interrotto il suo lavoro e mi ha portato...

854 I più visti

Likes 0

Non più una fantasia

La spogliarellista ha aperto le gambe proprio davanti alla mia faccia e nel bagliore del club squallido ho potuto distinguere un po' di succo all'ingresso della sua figa. Avrei voluto che si stesse diffondendo per me, ma stava guardando il grande tipo di operaio edile accanto a me. Era una serata amatoriale allo strip club locale e il ragazzo che le faceva gocciolare la figa era uno dei giudici del pubblico. Sono rimasto in giro per la ragazza successiva ma ero così eccitato che non ce la facevo più. Mi diressi verso il bar con la mano in tasca cercando di...

1.1K I più visti

Likes 0

La nostra vacanza liberatoria - parte 1

Alice e io andavamo in vacanza insieme per diversi anni, due volte all'anno andavamo da qualche parte in Europa per una settimana a prendere il sole poiché nessuno dei nostri partner amava il caldo. Entrambi avevamo un lavoro frenetico e apprezzavamo il relax che una vacanza tra ragazze poteva offrire. Ero una bruna alta, buone ossa, un grande seno, immagino che mi chiameresti amazzonica nella struttura corporea. Alice era minuta, molto bionda, con un bel paio di tette ma molto bella e delicata. Ridevamo sempre insieme, rilassati nella nostra pelle e a nostro agio nello stare insieme, spesso dormivamo nella stessa...

430 I più visti

Likes 0

...

318 I più visti

Likes 0

Adoratore di cazzi - Parte 8

Adoratore di cazzi – Parte 8 Così, nell'estate del 1994, decisi di trasferirmi in una piccola città chiamata Alcolu, nella Carolina del Sud, dove viveva un uomo sulla quarantina e sembrava tutto ciò che avrei mai potuto desiderare. Ha detto che aveva un lavoro in programma per me, il che era fantastico. Era molto romantico nelle sue lettere e nelle conversazioni telefoniche e il mio cuore era in subbuglio. I miei genitori erano preoccupati se fosse stata la decisione giusta, ma nonostante ciò, mi hanno organizzato una festa d'addio con tutta la mia famiglia e i miei amici per celebrare la...

2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.