Breve, sexy e dolce: 2- Un'esplosione di passione

1.2KReport
Breve, sexy e dolce: 2- Un'esplosione di passione

Lascia di nuovo commenti!! Spero ti diverta

Capitolo 2:

“Cazzo... mi ero dimenticato che oggi sarebbe venuta Gloria. A volte fa schifo avere amici” gemette Beth, mettendo le mani sulle spalle di Jericho e vedendo i suoi occhi andare al suo petto. Amava le attenzioni e sapeva di essere bella per una persona piccola.
"Sbarazzati di lei, voglio giocare" implorò Jericho, mettendole la mano sotto la camicia da notte e sfregandole la figa attraverso le mutandine, che sentiva bagnate, facendolo sorridere da un orecchio all'altro.
“Credimi... lo faccio anch'io. Vestiti, ma dentro... qualcosa di sciolto, non credo che resterà a lungo” Beth ha lottato per uscire, le dita del figlio la lavoravano davvero bene, solo dall'esterno, non vedeva l'ora di sentirle dentro di lei.
"Ok" Jericho fece il broncio, Beth roteò gli occhi, baciò profondamente suo figlio e poi uscì dalla sua stanza, non prima di aver guardato il suo cazzo, ed era ancora duro come una roccia.

“HO BISOGNO DI PARLARTI, Sbrigati e APRI LA PORTA” gridò Gloria, sembrava più sconvolta che arrabbiata, ma era difficile dirlo, comunque per Jericho, perché Beth conosceva abbastanza bene la sua amica.
"Calmati, sto arrivando" gridò Beth di rimando, passando davanti alla stanza di suo figlio, strillando mentre lui le pizzicava il culo.
"verrai più tardi" le sussurrò all'orecchio, facendola ridere e baciare Jericho.
"Comportati bene" sibilò scherzosamente. Beth scese le scale, Jerchio lo seguì, guardando il suo culo oscillare nel vestito e andò in cucina, mentre sua madre apriva la porta.
“Era ora del cazzo. Non ce la faccio più a trattenermi” sbottò Gloria, entrando dalla porta, quasi facendo cadere Beth.
Sfortunatamente Beth non aveva amici piccoli, l'unica altra piccola come lei era sua sorella maggiore Nadine.
"Calmati, che succede?" Beth chiuse la porta e guardò la sua amica, che sembrava stesse piangendo.
“Ho appena scoperto che mio marito sta vedendo qualcun altro. Non solo chiunque altro, un maschio qualcun altro. Mio marito mi lascia per un altro uomo. FANCULO. Non mi interessano i gay, ma NON POSSO PERDERE MIO MARITO PER LORO!!” Gloria urlò, battendo i piedi mentre parlava. Jericho cercò di non ridere dalla cucina, poiché sapeva che Gloria era un coglione, ora che era sconvolta, sarebbe stato dieci volte peggio.
“Tesoro, io... non so cosa dire. Io..” Beth parlò lentamente, cercando di pensare a qualcosa per confortare la sua amica.
“Credimi, non devi dire niente. Vado a scopare, mio ​​marito non mi tocca da anni, ora vado a farmi scopare. Ma prima che lo faccia... Jericho, vieni qui per un secondo” gli gridò Gloria, Jericho posò la sua tazza e andò alla porta d'ingresso.
"Ehi Gloria, mi dispiace sentire di..."
"Basta, cosa ne pensi di questi?" Gloria lo interruppe e si tirò su la maglietta, scoprendo i suoi seni, che erano sodi e di un rosa chiaro e lui notò che le sue areole erano un po' marroni.
Jericho era senza parole, i suoi seni erano incredibili e la sua mascella cadde sul pavimento, facendo sorridere Gloria.
"Beh, ho la mia risposta" ridacchiò Gloria.
“Hai perso la testa, mettili via” Beth diede uno schiaffo allo stomaco dei suoi amici, si sentiva un po' gelosa della reazione dei suoi figli.
“Avevo solo bisogno dell'opinione di un'adolescente arrapata, tutto qui. Ora che l'ho fatto, me ne vado, ti chiamo quando ho fatto il pieno di cazzo” le disse Gloria con calma, le diede un bacio amichevole sulla guancia, e poi uscì dalla porta, non prima di strizzare l'occhio a Gerico.

“Mi dispiace così tanto per questo. Immagino che si stia sciogliendo” disse Beth a Jericho, chiudendo a chiave la porta e girandosi per vederlo giocare con il rigonfiamento nei pantaloni.
"Beh, immagino che tu abbia visto delle tette, quindi non è male per te" Beth fece il broncio, fingendo di essere arrabbiata per questo.
"Voglio vedere le tue tette più di ogni altra cosa... posso saperlo per favore?" chiese Jericho gentilmente, Beth ridacchiò alle buone maniere di suo figlio e lo guardò, mentre si toglieva il vestito ed era in piedi nel suo reggiseno e mutandine, che erano di un arancione brillante.
"Wow" esclamò Jericho, i suoi pantaloni sfoggiavano una tenda e sua madre si divertiva a vedere la sua reazione.
"Seguimi" sussurrò Beth, salendo le scale, dimenando il culo in modo seducente, Jericho quasi sbavava alla vista.

Beth salì sul letto e vi si fermò in mezzo, Jericho lo seguì e si sedette sul letto, sua madre lo aiutò a togliersi la camicia e fece un respiro profondo, annusando il suo profumo muschiato.
"Ora spero che tu sia pronto per il tuo mondo da scuotere" Beth ha fatto le fusa, togliendosi il reggiseno e giocando con le sue tette per suo figlio.
Jericho sorrise e riuscì a sentire il suo profumo, una leggera sfumatura di miele e vaniglia, il suo shampoo che aveva preso una settimana prima.
"sono sorprendenti." le disse Jericho, toccandola scherzosamente, godendosi la morbidezza dei suoi seni, le pizzicò leggermente i capezzoli.
"Grazie, ora togliti i pantaloni, bello" lo stuzzicò Beth, baciando suo figlio sulle labbra e togliendosi le mutandine nel frattempo.
Jericho si tolse i pantaloni e si spostò di più sul letto, mise la testa sul cuscino e sua madre si abbassò e si mise il suo cazzo duro in bocca e riprese a succhiare. Jericho le strofinò scherzosamente le spalle, costringendola a fermarsi.
"Mio male, sono sicuro che ti piacerebbe un po' di figa. Ecco” gli disse Beth, si sedette sulla sua pancia e si voltò, così da potergli succhiare il cazzo e avere la figa in faccia. Jericho lo vide gocciolare, la sua figa perfettamente rasata per lui aveva un odore più simile al miele, facendolo sbavare.
Beth strillò mentre Jericho faceva scivolare due dita sulle sue labbra e le toccava giocosamente per alcuni secondi, poi le mise le mani sui fianchi e la tirò più vicino, e mise la sua lingua dentro la sua figa.
Jericho chiuse gli occhi e continuò a leccare la sua figa, per lui sapeva di un succoso mango, fresco e grondante di sapore, sua madre gemeva mentre lui e lei continuavano a succhiare, essendo in sintonia l'uno con l'altro.
"Oh... piccola, sto per sborrare, non... non fermarti" gemette Beth, spostando la figa per lui, praticamente scopando in faccia suo figlio. Jericho la tenne stretta e continuò a immergere la sua lingua più a fondo in lei, leccando i suoi succhi, amando quanto fosse liscia la sua figa e quanto fosse sessualmente affamata.
"CAZZO... OH S... OH DIO.... STO CUMMMMING" gridò Beth, schizzando in faccia al figlio, cercando di tenergli le ginocchia come se fosse un potente orgasmo.
"Hai un sapore fantastico mamma" le disse Jericho, leccando i succhi che ancora gocciolavano dal suo viso.
"Non ne ho mai avuto uno così, sei sicuro di essere vergine?" chiese Beth, alzandosi e in piedi sopra il suo cazzo, notò il pre-cum sulla punta del suo cazzo da 8 pollici.
"Lo sono e non voglio più esserlo." Jericho implorò, allungando una mano e strizzando le sue tette sode.
"Piacere mio" annunciò Beth, si abbassò sul suo cazzo e non poteva credere quanto bene si adattasse. Suo marito non era così grande o soddisfacente, ma suo figlio era fantastico, il suo cazzo grosso e venoso le stava pompando nella figa e la faceva sgorgare ancora di più.
"Wow...oh cazzo, questo è....così fantastico" sussurrò Jericho, mettendole le mani sui fianchi e aiutando sua madre con il suo cazzo.
"Oh fu... uuuck, sì sì sì" gemette Beth, spingendo le mani sul petto di suo figlio e spingendo più forte e più a fondo nel processo.
"Ti piace quello? Ami questo cazzo?" chiese Jericho ad ogni spinta, sentendo la pressione crescere nel suo cazzo e sentendo la figa di sua madre stringersi.
“Cazzo..sì. La mamma ama... questo cazzo fantastico. Non fermarti. Ci sono quasi” gridò Beth
"Sì?"
"Sì. Quasi"
"Sì!"
"oh Dio"
"Sto per..."
“Baby anche io, solo....un po'....di più”
"Mamma"
“ORA, OH BAMBINO” gridò Beth, afferrò le mani del figlio e strinse la presa attorno alle sue dita e si guardarono negli occhi mentre si avvicinavano. Sentì il suo sperma caldo riempirle la figa e Jericho la sentì zampillare sul suo cazzo.

Questo durò alcuni minuti, entrambi cercarono di non muoversi o di parlare. Beth alla fine si fermò e baciò profondamente suo figlio, quasi piangendo nel mentre, Jericho fece scivolare la lingua nella bocca di sua madre quando finalmente si fermò, i suoi fianchi dolevano, ma non si lamentava, era in pura beatitudine.
Jericho dovette sbattere le palpebre un paio di volte, i suoi occhi quasi rotearono nella parte posteriore della sua testa e poteva vedere macchie bianche nella sua vista, succedeva ogni volta che faceva una sega enorme, ma ora succedeva, perché era speso per sua madre.
Le braccia di Beth erano strette e le sue gambe non riuscivano a smettere di tremare, appoggiò la testa sul petto di suo figlio e inspirò ed espirò lentamente.
"Wow" sospirò Beth.
"Io... lo so, non riesco a sentire le mie braccia, o il mio cazzo, ma so che ti ha riempito" ridacchiò Jericho, baciando sua madre sulla fronte.
Beth stava per dire qualcosa, quando il telefono squillò e qualcuno bussò alla porta d'ingresso.
“Cazzo, voglio solo rilassarmi con te oggi. Rispondi alla porta e vedrò chi sta chiamando” ringhiò Beth, baciando profondamente suo figlio sulle labbra, prima di allontanarsi da lui e prendere il telefono dalla sua parte del letto.
Jericho si diresse nella sua stanza, indossò una maglietta a caso e dei pantaloni e scese a vedere chi c'era alla porta. Prima di aprirlo, spostò rapidamente il vestito di sua madre dal vialetto e lo infilò nel cesto della biancheria.
“Amico, che cazzo ti ci vuole così tanto tempo. Apri amico” chiamò il suo amico Eddie, bussando più forte alla porta.


Anche essere continuato

Storie simili

Erotismo vampiro

Sono solo e impotente, mentre torno a casa dall'allenamento di softball una sera tardi. Sento dei passi che mi seguono, ma quando mi giro non c'è niente. Spaventato comincio a muovermi più velocemente. Sentendo ancora dei passi prendo una scorciatoia, percorrendo una strada laterale. Questa strada laterale non ha lampioni, è molto buia. Sento i passi avvicinarsi. Sono così spaventato. comincio a correre. Mi sento come se ci fosse qualcuno che mi segue. Mi sento come se si stessero avvicinando a me. Sono così spaventato, e dato che è così buio inciampo nella radice di un albero. A terra, sento qualcuno...

96 I più visti

Likes 0

In famiglia (parte 5)_(1)

Vuoi un po' di compagnia? Cam fece capolino nella doccia. La guardai con gli occhi socchiusi mentre mi tiravo indietro i capelli bagnati dagli occhi. La bella addormentata è finalmente in piedi. ho preso in giro. Fece una risatina e aprì la porta a vetri. Devi sciogliere l'asciugamano, lo sai. dissi, guardando l'asciugamano che stringeva così forte al suo corpo. Entrò e gettò l'asciugamano per terra. Era tutto pieno di vapore nella doccia, quindi non potevo vederla chiaramente, ma potevo vederla. Mamma e papà non si sono ancora alzati? Non credo. Disse e prese una bottiglia di shampoo. Perché non ti...

1.1K I più visti

Likes 0

Mother's Submission - Capitolo 12

Alex Morgan si guardò intorno nella sua stanza del dormitorio, la stanza in cui aveva trascorso gli ultimi anni. Aveva alcuni bei ricordi qui, ma ce n'era uno eccezionale. Quando il suo amico, George, lo aveva spinto a creare un profilo per l'app di appuntamenti. Era lì che aveva incontrato la donna che ora amava, che per caso era sua madre. Quando si era presentato oggi, George era stato felice di vederlo. George è stato molto meno felice di scoprire che Alex si sarebbe trasferito a casa e avrebbe completato i suoi studi online. Chi mi aiuterà quando avrò problemi con...

1.1K I più visti

Likes 0

Tocca - Capitolo 2

Tocca - Capitolo 2 Le cose sono diventate imbarazzanti rapidamente, Kelly e io avevamo appena fatto del sesso bollente insieme senza sapere davvero perché l'avessimo fatto. È stato perché sono venuto su di lei e lei non voleva fermarmi? Ma poi stava partecipando altrettanto... non riuscivo a metterlo insieme. Abbiamo provato a parlarci subito dopo, ma entrambi ci sentivamo strani l'uno con l'altro, ecco perché non ci ho mai provato prima, sapevo che questo avrebbe rovinato la nostra amicizia. Ho cercato di uscire da lì il più velocemente possibile senza cercare di sembrare un completo idiota. Non ero il tipo da...

1K I più visti

Likes 0

Prima volta_(3)

Era la primavera del '99 e frequentavo l'ultimo anno delle superiori, avevo appena compiuto diciotto anni. Ero nella squadra di pallavolo, fisicamente in forma e pronto a sfidare il mondo. Avevamo appena vinto la nostra prima partita e dopo un discorso di incoraggiamento di coach Azzerelli, ci ha mandato alle docce. Mi ero spesso eccitato quando ero sotto la doccia dopo l'allenamento mentre guardavo gli altri fare la doccia. Li fissavo mentre tenevo la testa sotto il getto d'acqua, quindi non era ovvio. O così ho pensato. Uno degli chic della mia squadra era piuttosto figo, ma non sembrava mai avere...

649 I più visti

Likes 0

Fare da mentore a Brandon 2

MENTRE BRANDON Di Bob Capitolo 2: Il mio sogno diventa realtà! Bussano alla porta: FINALMENTE! Il mio cuore batteva da un po' di tempo e ora non c'era niente di diverso. Ho iniziato a camminare per aprire la porta quando Dave è saltato fuori dalla sua cuccetta ed è corso verso di me. Quando ha aperto la porta, ho visto Brandon in piedi nel corridoio. Ehi Dave. Che c'è? risuonò la voce che stavo aspettando. Non molto ragazzo, sto solo facendo un po' di cazzate per la storia, fu la risposta di Dave. Sì, senti. In realtà ho bisogno di parlare...

195 I più visti

Likes 0

La vita di un playboy capitolo 10

CAPITOLO 10 Non sono durato a lungo sul mercato aperto una volta che la scuola è ricominciata. Letteralmente, il mio primo giorno di ritorno nell'area accademica sono stato proposto cinque volte da diverse ragazze molto carine. Ero un uomo grande nel campus, con una buona reputazione dopo essere andato a letto più della mia giusta quota di belle donne. Mentre molti erano rimasti lontani da me per paura della mia ragazza Ice Queen, ora che Kaia se n'era andata ero di nuovo un gioco leale. Ma anche il mio tempo con Kaia mi aveva viziato. Avevo una splendida ragazza bisessuale che...

165 I più visti

Likes 0

Non più una fantasia

La spogliarellista ha aperto le gambe proprio davanti alla mia faccia e nel bagliore del club squallido ho potuto distinguere un po' di succo all'ingresso della sua figa. Avrei voluto che si stesse diffondendo per me, ma stava guardando il grande tipo di operaio edile accanto a me. Era una serata amatoriale allo strip club locale e il ragazzo che le faceva gocciolare la figa era uno dei giudici del pubblico. Sono rimasto in giro per la ragazza successiva ma ero così eccitato che non ce la facevo più. Mi diressi verso il bar con la mano in tasca cercando di...

147 I più visti

Likes 0

Cottage 13 – Parte 1

Questa storia parla di una moglie che sceglie di vivere la sua fantasia sessuale per il sesso forzato anonimo, all'insaputa del marito. Se non ti piace questo tipo di storia, o qualcuno a cui piace fare commenti anonimi denigratori, salta questa storia. Apprezzo i messaggi privati ​​che forniscono feedback e/o idee costruttive... NOTE: Ai fini di questa storia, il Geosexing è definito come una variante del geocaching, in cui uomini e donne utilizzano il Global Positioning System (GPS) per designare o cercare luoghi in cui fare sesso con un individuo consenziente. Questo non è in alcun modo un tentativo di ridefinire...

888 I più visti

Likes 1

Scoprire che sono gay parte 3

Quindi pochi giorni dopo, dopo aver rotto con Lizzy, mi stavo abituando all'idea di essere di nuovo single. Quando ero al college a lezione con McKenzie, ha iniziato a sedersi accanto a me e ha detto Tu e Lizzy vi siete lasciati perché vi ho baciato? Ho guardato McKenzie e ho detto No, il motivo per cui io e Lizzy ci siamo lasciati è perché mi piaceva baciarti. Dopo aver detto che mi sono alzato dal mio posto, ho preso la borsa e sono andato a uscire dalla lezione mentre camminavo, il mio insegnante mi ha detto E dove pensi di...

981 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.