Storia della neve

281Report
Storia della neve

Capitolo 1

Voltandosi, sbatté la porta e si allontanò, segnalando al pilota che era sicuro decollare. Mentre il ronzio dei rotori si perdeva in lontananza si rivolse alla sua compagna, la splendida bionda che aveva conosciuto il giorno prima al bar dello chalet. Si voltò verso di lui, sfoggiando il suo sorriso smagliante e partì giù dalla montagna, lasciandolo in una nuvola di neve e ghiaccio.

Indossando lo zaino, Ky saltò giù dalla sporgenza su cui era atterrato l'elicottero e, senza pensare alla propria sicurezza, inseguì in lontananza l'attraente didietro di Kat.



A Kat non importava se si fosse fatta male, voleva solo che lui la inseguisse, la inseguisse per sempre finché non avesse ceduto a ciò che stava veramente provando e lo avesse gettato sulla polvere morbida e fresca e avesse avuto il suo modo malvagio con lui. Non poteva credere di pensare in questo modo a lui, avendolo incontrato solo la sera prima, ma da allora non era riuscita a smettere di pensare a lui.

La sera prima era tornata al suo lodge così eccitata ed arrapata che aveva dovuto masturbarsi diverse volte, fino ad orgasmi da brivido, riguardo al solido tronco che immaginava avesse nascosto in quei larghi pantaloni da snowboard.

"Perché non mi sta ancora cavalcando il culo?" lei ha pensato. Non si era nemmeno accorta del gioco di parole involontario che aveva accidentalmente pensato e che l'aveva rallentata durante la discesa dalla montagna, sperando che lui la raggiungesse abbastanza in fretta da iniziare qualche bella azione di "apr?ski".



Ky scese dalla montagna dietro di lei, lanciando grandi quantità di spruzzi ogni volta che lanciava la sua tavola in un altro carving perfetto. Non gli importava della velocità, del pericolo in cui si trovava in quel momento o del fatto che non aveva mangiato correttamente. L'unica cosa che aveva in mente era raggiungere Kat e farcela.

Da quando si erano incontrati al bar non riusciva a smettere di pensare a lei: il sorriso smagliante, i denti perfetti, il seno fantastico, quella risata mozzafiato e il culo da sogno che aveva nascosto nei suoi pantaloni da sci attillati. Il solo pensiero gli fece venire di nuovo un'erezione e aumentò la velocità, raggiungendo lentamente la visione di bellezza che stava seguendo lungo la vasta vetta su cui si trovavano.



Alla fine si incontrarono leggermente più in basso lungo la montagna quando Kat dovette rallentare per recuperare un bastoncino da sci e Ky lo oltrepassò a tutta velocità, afferrandolo con la sua mano forte e scivolando fino a fermarsi a pochi centimetri dal suo sci di testa. Passandole il palo, si avvicinò per un bacio e fu accolto dalla sua bocca in attesa. Le sue labbra si aprirono e la sua lingua scivolò dentro. Sentì la sua bocca iniziare a chiudersi così ritirò la lingua e cominciò a baciarla velocemente, le sue labbra toccando appena le sue, e attirandola più vicino a lui.

Sentì le sue mani iniziare a risalire la sua schiena e mettere le sue intorno alle sue, stringendo a coppa quel culo perfetto e poi scivolando lungo la sua schiena, la sua mano sinistra che andava dietro la sua testa, la sua destra che scendeva di nuovo sul suo culo. Entrambi si staccarono, respirando profondamente, e uno sguardo di perfetta comprensione passò tra loro: dovevano trovare un posto dove abbandonare l'attrezzatura e mettersi "a proprio agio" l'uno con l'altro, condividendo il calore con ogni mezzo a loro disposizione.

Fine del primo capitolo!!!!

capitolo 2

Raccolsero tutto ciò che era stato buttato qua e là nella loro passione e partirono, mano nella mano, alla ricerca di un posto dove abbandonare l'attrezzatura e i vestiti e conoscersi un po' meglio.

Il barlume di luce sul ghiaccio attirò l'attenzione di Ky mentre superavano un piccolo dirupo e si dirigevano verso di esso. Ciò che hanno trovato ha lasciato senza fiato entrambi: una grotta di ghiaccio perfettamente formata con un soffitto fatto di corti ghiaccioli che luccicavano come diamanti puri. Irruppe attraverso la bocca ghiacciata con la sua tavola e fece cenno a Kat di seguirlo dentro. Il livello di luce diminuì significativamente e Kat "accidentalmente" andò a sbattere contro Ky, facendo scorrere la mano lungo la sua gamba e sentendo il grande rigonfiamento nella bocca. davanti ai suoi pantaloni da neve. I loro occhi si incontrarono e si abbracciarono in un altro bacio appassionato. Con la lingua che guizzava tra loro, iniziarono il duro compito di spogliarsi dei vestiti, degli zaini e degli attrezzi mentre cercavano di mantenere vivo il bacio.

Alla fine si staccarono e si tolsero rapidamente tutti gli strati rimanenti finché lui rimase solo con boxer e stivali da neve e lei con un paio di mutandine francesi di pizzo rosa brillante e un reggiseno abbinato. Entrambi rimasero in soggezione, osservando la vista del corpo dell'altro. Si meravigliò del suo stomaco da bucato mentre lui fissava il suo perfetto petto da 32C. A causa della straordinaria formazione della grotta di ghiaccio, essa intrappolava tutto il calore corporeo e nessuno dei due sentiva il freddo, sembrava semplicemente trattenere e riscaldare ciò che era stato espulso, riscaldandoli.

Entrambi stesero sul pavimento gli indumenti asciutti e piatti che avevano per avere qualcosa su cui sdraiarsi prima di abbracciarsi di nuovo e sciogliersi su questo tappeto piuttosto povero. Le scostò i capelli dal viso e la baciò dolcemente, meravigliandosi della morbidezza delle sue labbra. Si spostò sul suo collo, accarezzando la sua pelle morbida con ancora più baci, facendola gemere di piacere e frustrazione sessuale. Si spostò sulle sue spalle e poi sul suo petto, facendo scorrere leggermente la lingua sui suoi capezzoli eretti, prima il sinistro e poi spostando la testa verso destra mentre faceva scorrere le dita intorno al sinistro e lo pizzicava e tirava dolcemente. Lei gemette il suo nome nella neve e ciò echeggiò nella grotta, come se più donne gemessero il suo nome. si spostò lentamente lungo il suo corpo, sfiorandole l'ombelico e notando che mancava un piercing, qualcosa che trovava molto più attraente di un'orribile barra conficcata nella pelle. Si fece strada fino alla parte superiore delle sue mutandine e le posò un bacio morbido proprio sopra la bocca, assorbendo il profumo del suo sesso e meravigliandosi.

Si spostò dalle mutandine al piede sinistro dove iniziò un massaggio sensuale che corse rapidamente lungo la gamba, dalla caviglia alla parte posteriore delle ginocchia poi fino all'interno della coscia e terminando con un altro bacio sul sesso. Poi tornò al suo piede destro e fece lo stesso, sentendola contorcersi sotto le sue labbra mentre la sua frustrazione sessuale cresceva e lei gli gridò di scoparla già ma lui aveva altri piani.

Finì il suo lavoro sulle sue gambe e tornò all'elastico in vita delle sue mutandine, tirandole dolcemente lungo le gambe lunghe e lisce. Guardò il suo corpo, tra i suoi seni e nei suoi profondi occhi verdi, vedendo in essi il bisogno di liberazione e prese questo come il suo segno per portarla, si spera, a uno dei migliori orgasmi della sua vita.

Iniziò a succhiare dolcemente i petali esterni del suo fiore. Si diresse verso l'alto e cominciò a leccare e mordicchiare il piccolo nocciolo che trovò. La sentì dimenarsi sotto di lui quindi pensò che si stesse divertendo. Lui si spostò lentamente verso il basso, continuando a massaggiarle il clitoride con l'indice della mano sinistra. Con la destra le aprì le labbra esterne e iniziò a leccare quella interna, portandola in un orgasmo da arricciare le dita dei piedi. Si staccò momentaneamente, senza fiato e prese una profonda boccata d'aria. Lo sentì ritirarsi e tirarlo su per un bacio profondo, assaporando se stessa sulle sue labbra, poi spingendolo bruscamente giù. Lui affondò di nuovo dentro, massaggiandole il clitoride con la mano sinistra e spingendo dolcemente una, poi due delle dita della mano destra dentro. Iniziò lentamente a strofinare e pompare le dita dentro e fuori finché non sentì le sue dita allentarsi e consentire l'ingresso di più dita. al suo canale d'amore bollente, fino a un totale di tutti loro. A questo punto aveva avuto altri 2 orgasmi e respirava profondamente; il sudore luccicava sulla sua pelle come se fosse fatta di oro puro. Si tirò fuori e lentamente risalì sul suo corpo, baciandola e mordicchiandola leggermente fino a raggiungere il suo viso, vedendo lo sguardo di pura felicità e il caldo splendore post-orgasmo di una donna felice del suo posto e della sua compagnia attuali. Le mordicchiò dolcemente il lobo dell'orecchio e la sentì gemere di nuovo, poi si sdraiò accanto a lei, prendendola tra le braccia mentre entrambi scivolavano in un sonno profondo e ristoratore.

capitolo 3

Ky si svegliò quando una goccia d'acqua gelida cadde sul suo petto nudo mentre giaceva sul pavimento della grotta di ghiaccio. Si voltò verso il corpo caldo accanto a lui e gli piantò un dolce bacio sul collo, ottenendo in cambio un lieve gemito dalla bellezza sveglia. Lei si girò per affrontarlo, baciandolo dolcemente prima di staccarsi e sorridergli ampiamente.

"Portiamolo in un posto più comodo." Kat fece le fusa prima di alzarsi e vestirsi velocemente. La loro passione aveva creato così tanto calore che la grotta si stava sciogliendo e i loro vestiti erano diventati leggermente umidi. Si vestirono velocemente e raccolsero tutti i loro averi, Ky prese le mutandine di pizzo di Kat e le mise drammaticamente nella tasca superiore della sua giacca da sci, sembrando un fazzoletto nella tasca di un abito da sera formale, provocando quella risatina cadenzata da parte della gola di Kat e facendolo diventare di nuovo duro rapidamente.

Lasciarono la grotta per trovare il sole che tramontava e partirono verso il tramonto viola e rosso, cercando di raggiungere la base prima che cadesse l'oscurità. Ky permise a Kat di prendere l'iniziativa e la seguì giù per la montagna finché, alla fine, si imbatterono nella sua casetta ai margini del fondovalle boscoso. Dopo diverse ore di sci e snowboard erano accaldati, stanchi e sudati. Si diressero verso la sua stanza umida, spogliandosi mentre camminavano, aiutandosi di tanto in tanto a vicenda quando le membra stanche non riuscivano a fare il lavoro. Arrivarono alla doccia e ci saltarono dentro insieme. L'acqua si riscaldò rapidamente fino a raggiungere una temperatura confortevole e cominciò ad insaponarsi a vicenda. Cominciò dai capelli, dallo shampoo e iniziò un semplice massaggio alla testa. Poi si fece strada sul collo e sulle spalle, baciandole, leccandole e mordicchiandole mentre procedeva. Poi, con le sue morbide mani da mordicchiare, le corse lungo la schiena mentre la insaponava. Si fece strada davanti a lei, insaponandole le spalle e scendendo fino ai seni, succhiandole leggermente i capezzoli e facendovi scorrere dolcemente la lingua attorno. Scendendo lungo il suo corpo, sopra i fianchi e lungo l'esterno delle gambe fino ai piedi, poi risalendo lentamente verso l'interno, lungo l'interno delle cosce e finendo con le sue labbra che baciano e leccano proprio sulla parte superiore delle cosce. Poi ha posato un bacio profondo sul suo vasetto di miele e ha immerso la lingua nelle morbide pieghe della pelle, assorbendo il profumo seducente della sua figa calda e bagnata e il sapore del suo lubrificante naturale. Fece scorrere la lingua su e giù per la fessura, facendola scorrere regolarmente sulla parte superiore del clitoride e facendola gemere di piacere. Sentì crescere l'orgasmo e cercò di controllarlo. Strinse i denti e spinse la testa più in profondità nella fessura. Sentì le sue mani sulla testa e spinse la lingua più in profondità, leccando bene il canale dell'amore. Lei gridò di piacere quando il più grande orgasmo della sua vita la colpì. Continuò a leccare e succhiare, bevendo il succo che lei gli lasciava scorrere in bocca. Il suo orgasmo continuava ad arrivare, risultando nell'orgasmo multiplo più potente della sua vita. Il suo corpo non ce la faceva più e le sue ginocchia diventavano gelatina.

Si alzò velocemente e l'afferrò tra le sue forti braccia, attirandola contro il suo ampio petto mentre lei riprendeva fiato e scendeva dall'estasi che aveva appena vissuto. Rimasero così per diversi minuti prima che lei lo lasciasse per raccogliere asciugamani caldi e soffici per entrambi. Finì col lavarsi, prestando particolare attenzione al legno duro come la roccia che stava sperimentando, tirando indietro il prepuzio per assicurarsi che fosse completamente fresco nel caso in cui stasera ne avesse ricevuto qualcosa da Kat.

Fine del capitolo 3

Storie simili

Harry Potter Adventures: Capitolo 5 - Doppio problema

Questa storia non riflette gli atteggiamenti o i personaggi della serie Harry Potter, né ha alcuna affiliazione con l'autore. Capitolo 5 Novembre scese su Hogwarts e con esso arrivò anche la pioggia e perfino qualche fiocco di neve. Era l'ultima settimana di novembre e mancavano solo due settimane all'inizio delle vacanze di Natale. Ron cominciò a sentire tornare di nuovo il suo malumore. Era passato un mese dal suo divertimento con Lavanda e da allora si frequentavano. Sebbene il sesso fosse incredibile, non avevano molto in comune e Ron aveva iniziato a desiderare il suo vero amore; Hermione ancora una volta...

361 I più visti

Likes 0

Mia mamma e la mia ragazza dei sogni

Introduzione Mi chiamo Will Chapman. Sono uno studente universitario di 19 anni, 5'8 e 160 libbre con capelli castani corti e occhi castano scuro. Ho sempre avuto problemi con le ragazze della mia età. Non è che non fossi di bell'aspetto; era perché, nonostante avessi 19 anni, sembrava che ne avessi 14. Ogni volta che uscivo con i miei amici, le persone che incontravamo spesso mi chiedevano se ero il fratellino di qualcuno. Le ragazze dicevano sempre che ero carino, il che mi farebbe assolutamente impazzire. Inutile dire che ho avuto problemi a soddisfare i miei bisogni sessuali. Stavo andando in...

2K I più visti

Likes 0

LA DIGA

Oh mio Dio, è bello, gemette Lauren, mentre Alexandra affondava la bocca nella sua figa calda e bianca, lo fai così bene, ti amo così tanto!!! Mmmmmmm, rispose Alex, non volendo distogliere la bocca dal muffy bagnato del suo amante!!! Lauren e Alexandra, amanti da un anno e coinquiline da sei mesi sei mesi, entrambe a ventidue anni, innamorate per la prima volta nella loro vita e affamate l'una dell'altra come solo i giovani amanti sanno essere! Lauren ha inarcato la schiena mentre spingeva forte il suo inguine nella bocca del suo amante, godendosi l'incredibile sensazione di farsi succhiare la vagina...

893 I più visti

Likes 0

Solo a Tokyo con due cuccioli

Mi chiamo Junjio. Ho 34 anni e vivo da solo in un piccolo appartamento di Tokyo. Molte giornate passano veloci, lavorative, e poi le serate lente e noiose. Sono stato solo per molto tempo, senza una vera famiglia nelle vicinanze, o contatti con amici o un ragazzo da un paio d'anni. È così per molti abitanti delle città nel Giappone moderno. È andato così male per me, che mi sono ritrovato a impazzire, a pensare ogni sorta di strani pensieri, a perdermi nel mio spazio per anni, e alla fine ho comprato un animale domestico. Non mi piacevano molto gli animali...

866 I più visti

Likes 0

L'inizio della fine_(0)

Fece un respiro lento e profondo e si morse le sue deliziose labbra rosso ciliegia. Come sono finito in questo? lei ha pensato. I suoi morbidi capelli biondo sporco pendevano sui suoi angelici occhi verdi. Julia prese il telefono e lo aprì. Ha letto il messaggio più e più volte. Incontriamoci al parco a meno che tu non voglia essere conosciuto come la puttana della città - Chris Adesso il suo cuore batteva forte. Proprio in quel momento arrivò un altro messaggio. Julia, se non esci di casa entro cinque minuti, mamma e papà si arrabbieranno molto con te... ovviamente sono...

775 I più visti

Likes 0

Lezioni dall'aia, parte IV

Bobby entrò per primo nella doccia con il suo nuovo marito proprio dietro di lei. Junior si rannicchiò accanto a lei da dietro e le mise le braccia intorno alle spalle, abbracciandola nel modo più amorevole. Si erano sposati da meno di un giorno e lui le aveva dichiarato il suo amore tante volte e in tanti modi. Adorava assolutamente la sua giovane moglie e ora più che mai si sarebbe assicurato che non le accadesse mai nulla perché, dopo tutto, stava aspettando suo figlio. Si sono sposati quella mattina a casa sua in modo che il loro bambino avesse il...

399 I più visti

Likes 0

Lascia che piova - 4

Per la prima volta in una settimana, quando mi sono svegliato, mi sembrava di avere avuto la stessa sensazione delle donne a letto della sera prima. Quando li ho scossi leggermente, si sono accoccolati un po’ più vicini e non si sono svegliati. Ho pensato che finché avessero voluto premere la loro calda carne da ragazza contro di me avrei potuto anche godermelo e ho chiuso gli occhi. Quando mi sono svegliato di nuovo è stato con un paio di labbra sul mio cazzo e un altro paio sui miei testicoli. Stavano facendo un ottimo lavoro e in pochi minuti ho...

423 I più visti

Likes 0

Il mio primo fidanzato 3

Tornato di sotto, Sam ha messo un po' di musica sullo stereo in soggiorno e mi ha detto di ballare per lui. Si sedette sul divano con le gambe divaricate e le mani sull'inguine mentre io barcollavo, cercando di ballare. Non è stato facile sui tacchi a spillo, sulla moquette e più volte ho quasi perso l’equilibrio e sono caduta. Ogni volta che stavo per inciampare, il sorriso del mio fratellastro si alzava leggermente. Ogni tanto mi diceva di fare qualcosa del tipo: Strofinati le tette e fammi vedere che puttana sei oppure Girati e piegati, così posso dare un'occhiata a...

322 I più visti

Likes 0

Broken Birds, Parte 37, Uno spazio nel tempo / Epilogo

Parte 37 Uno spazio nel tempo Epilogo L'elicottero di emergenza ha urlato per tutta la notte. Michael, Jennifer, Beth e Kat erano a bordo. Il dottore che Jennifer aveva di guardia non era potuto venire. Era ubriaco. La consegna è iniziata normalmente. Poi Kat ha cominciato a sanguinare gravemente. Barbara l'aveva già visto. Ha dato suggerimenti che Jennifer ha immediatamente implementato, scoprendo quanto preziosa fosse diventata l'esperienza ginecologica e neonatale di Barbara. Barbara è rimasta indietro a causa delle condizioni e dello stress di Jan. Il terrore attanagliò l'harem. Si sedettero intorno all'enorme soggiorno principale. Cercavano in Barbara consolazione e informazioni...

2K I più visti

Likes 1

L'amore è tutto ciò che conta pt2 - Nuovo dipendente, vecchie abitudini

Ero a casa ad aprire la porta, entrando nel mio appartamento quando il mio cellulare ha ronzato, mi infilo in tasca per prenderlo e controllare chi fosse a quest'ora, Jessy. Il messaggio diceva: Scusa :( te lo devo, la prossima volta puoi scegliere un film. Forse scegline uno con più azione, così non mi addormento Ho sorriso al messaggio e mi sono spogliato preparandomi per andare a letto, mi sono lavato i denti e sono andato in toillete tirando fuori il mio cazzo e mirando con i miei occhi assonnati, una mano che scriveva a Jess l'altra che mi teneva il...

1.9K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.