Il mondo di un uomo ricco

292Report
Il mondo di un uomo ricco

Questa è la storia di un uomo ricco e della sua brama per le giovani donne e di tutto ciò che farà per soddisfare i suoi bisogni, inclusa la violenza.

Sentitevi liberi di commentare le mie storie. Tutti i commenti sia positivi che negativi sono benvenuti o sentiti libero di inviarmi un'e-mail con i tuoi commenti o idee per storie su [email protected].

Il mondo di un uomo ricco

C'è qualcosa di davvero speciale nell'essere ricchi! L'ho scoperto più tardi di quanto avrei voluto, quando mi è capitato di comprare un biglietto della lotteria con le ultime 2 sterline che avevo al mondo. Mia moglie era a casa e vivevamo di ingegno, preoccupati per le bollette che entravano dalla porta e facevamo del nostro meglio per mantenerci fuori dall'acqua. Per questo motivo in casa c'era molto risentimento e quindi le discussioni erano all'ordine del giorno.

Pertanto non è stato sorprendente che quando il biglietto della lotteria è uscito come un unico vincitore del jackpot con una somma pari a poco meno di 10 milioni di sterline, non sono rimasto a lungo con lei. Non fraintendetemi, non eravamo così infelici, ma conoscevo il nostro matrimonio e avevo fatto il suo corso ed era ora di cercare nuovi pascoli insieme a metà delle mie vincite. Le ho dato l'altra metà e lei e io ci siamo separati.

Ma ora, essendo single ed essendo ricco, ho scoperto che non è necessario sforzarsi troppo e le donne (e alcuni uomini) si affolleranno intorno a te come i cercatori d'oro che sono! Ma non vale la pena preoccuparsi di loro, a meno che non sia solo una scopata veloce quello che vuoi, e questo con o senza il loro consenso. Ma un abito Armani dice sempre qualcosa indipendentemente dall'aspetto di chi lo indossa. Questo dimostra solo che la maggior parte delle donne sono schiaffeggiatrici accaparratrici di soldi che farebbero qualsiasi cosa per qualche sterlina in banca!

Martedì

E oggi chiaramente non è diverso quando entro nel bar. Vedo che il bancone del cibo è nel retro del negozio. Mi dirigo verso di esso e non posso fare a meno di notare la ragazza dietro il bancone. L'ho vista prima, in molte occasioni! In mancanza di una parola migliore, l'ho perseguitata, come un leone farebbe con una gazzella aspettando pazientemente il momento giusto per balzare!

Ha gli occhi azzurri, è bionda e formosa e dimostra circa 18 anni. Come la maggior parte delle ragazze della sua età è vestita come una puttana e so da quello sguardo che sarà perfetta per ciò di cui ho bisogno mentre sono in città. E perfetto per quello che intendo fare stasera.

C'è un'altra ragazza che sembra avere circa venticinque anni e sta riordinando sullo sfondo. Mi lancia uno sguardo superficiale e un sorriso. È anche bionda, una bionda sporca e questo è "sporco" nel suo aspetto altrettanto troia piuttosto che nel tono dei capelli. Ma purtroppo, per lei, non ha grandi brocche come la ragazza al bancone, quindi non si qualifica né per la mia attenzione né per il mio interesse. Ma la dolce "ragazza da banco" ha attirato la mia attenzione ora con le sue cosce nude in minigonna e la scollatura troppo esposta infilata nella stretta camicetta rossa attorno alle sue grandi tette grasse. Mmmmm. Riesco a malapena a trattenere l'eccitazione mentre i miei occhi esaminano ogni centimetro del suo giovane corpo voluttuoso.

Le chiedo come si chiama mentre ordino un panino.
«Trish!» Lei ricambia il sorriso e noto le sue giovani labbra carnose dipinte di rosso che saranno perfette per quello che ho pianificato.
"Quanto vecchio? Sembri troppo giovane per lavorare!" Esploro diabolicamente.
"Sbalorditivo, grazie Signore!" Lei sorride. “In realtà ho appena compiuto 18 anni! Ho un lavoro, ma è solo per guadagnare un po’ di soldi in tasca!” Spiega con un sorriso mentre torna a prendere il mio caffè e io guardo le sue gambe nude che si avvicinano alla gonna corta scozzese. Chiacchiera tranquillamente con me mentre prepara il mio panino. Vedo che mi sta controllando.
"E tu? Cosa ti porta in città?" Sorride mentre finisce di prepararmi il pranzo.
"Sto solo andando in giro!" Sorrido. "Cerco qualcosa che potrebbe interessarmi!"
"Freddo!" Lei sorride prendendo i miei soldi e dandomi il resto. "E hai già trovato qualcosa che ti interessa?"
"Qualcosa o qualcuno?" Sorrido gentilmente. “Certamente penso che avrei potuto trovare qualcuno adesso!” Vedo le sue guance arrossire mentre sorride e torna al bancone.

So di avere almeno 30 anni più di lei e di avere un colore diverso con la mia pelle olivastra italiana, ma vedo che sembrava affascinata dal mio aspetto e senza dubbio dai miei soldi. Come tutti gli altri allora! Sono abbastanza grande per essere il suo fottuto padre, per l'amor di Dio! O è così oppure è solo una fottuta schiaffeggiatrice, che vuole un cazzo duro e una scopata davvero dura! Bene, questo può essere organizzato!

Si avvicina e inizia a pulire alcuni tavoli.
"Fidanzato?" Indago ulteriormente mentre l'altra donna pulisce il pavimento.
"No, ha fatto un casino, quindi l'ho scaricato!" Mi sorride dolcemente con uno scintillio evidente nei suoi occhi.
"A che ora finisci?" chiedo apertamente.
“7!”
Controllo l'orologio. “Ci vediamo alle 7 allora? Un drink prima di andare a casa?"
"Oh giusto! Freddo!" Dice e sorride con un cenno del suo bel viso.

La vedo in piedi davanti al bar alle 7. La gonna corta scozzese, il top rosso attillato e i tacchi la fanno sembrare una prostituta mentre arrivo in Mercedes! Non me ne frega un cazzo! Ma ecco la triste verità, so che deve avere una fantasia su una notte meravigliosamente romantica con un ragazzo italiano più anziano e ricco, ma non sarà così stasera.

Una volta in macchina posso dire che è abituata a molto meno in termini di uomini e appuntamenti.
"Pensavo che saremmo andati al mio hotel!" Sorrido mentre mi allontano dolcemente dal bar? "Va bene!" Lei sorride.
Comincio a riportarla al mio hotel e dopo un drink veloce in un bar che passiamo, non sembra lamentarsi. In effetti alza la gonna più in alto mentre si siede e parla di cose schifose da adolescenti. Come se mi importasse cosa dice! È qui per una ragione e una sola ragione. Non la guardo da anni e non mi masturbo pensando a cosa farò con lei per preoccuparmi di ciò che ha da dirmi adesso. Ora è il momento di agire e posso dire che vuole una bella scopata da un uomo ricco!

Entro in Great Victoria Street, mi fermo davanti all'Europa Hotel e un portiere mi apre la porta. Gli lancio la mia chiave e la accompagno nell'ampio atrio.
"Buona sera signore!" Sorride la bella receptionist. Ancora una volta tette non abbastanza grandi! Io annuisco.
"Dov'è il bar?" Chiede timidamente.
"Ho alcol nella mia stanza!" dico afferrandola con fermezza per un braccio e accompagnandola direttamente nell'ascensore. Lei mi guarda mentre l'ascensore sale. Abbasso lo sguardo e sorrido.
"Cosa faremo?" Mi chiede mentre alza lo sguardo. "Nella tua stanza... voglio dire?"
La guardo con uno sguardo sornione e la spingo in fondo all'ascensore, appoggiandomi a lei e vedendo i suoi seni carnosi schiacciati contro il mio corpo.
“Sai già cosa farò! Darò il cazzo della tua vita Trish!" Faccio le fusa. "Ed è troppo tardi per tirarsi indietro!" Osservo con crescente eccitazione mentre uno sguardo di shock e trepidazione attraversa il suo viso.

L'ascensore si ferma e la porta si apre direttamente nel mio attico. Entro nella stanza e la guardo. "Beh, lo vuoi o no?" Chiedo e la guardo uscire dall'ascensore verso di me.

La porta dell'ascensore si chiude e lei non sembra lamentarsi troppo della mancanza di romanticismo quando la afferro e inizio a succhiarle la lingua in un bacio profondo e duro. Ciò che la fa fermare, però, solo per un momento, è la sua reazione quando forzo la sua mano sul rigonfiamento dei miei pantaloni e lei finalmente riesce a sentire il contorno del mio enorme cazzo italiano. Il mio cazzo eretto è lungo quasi 10 pollici e grosso quasi quanto il mio polso. Anche se flaccido è così grande che devo avere dei pantaloni su misura per evitare che sia così evidente.

E so che questa piccola puttana non avrà mai visto niente di così grande, ma chi se ne frega comunque di quello che sente!

L'unica donna che abbia mai amato veramente, la mia prima ragazza non era in grado di accontentarmi. Nel momento più doloroso del nostro matrimonio mi ha dato del mostro. Un mostro? Un fottuto mostro? Ne seguì un forte schiaffo e se lo meritò per la sua insolenza. Non mi ha mai più chiamato mostro o con qualsiasi altro nome!

Ma da allora ho avuto una forte associazione con il sesso e il dolore e non me ne frega un cazzo di chi scopo perché lei sta per scoprirlo!

In realtà provo piacere nello strapparle la camicetta nonostante le sue miti proteste e poi stringere le sue giovani tette grasse così forte da farle male prima di spingerla sulla sedia e mettermi sopra di lei. Posso vedere un misto di paura ed eccitazione nei suoi occhi mentre la costringo a maneggiare la mia asta e poi la infilo nella sua giovane bocca un po' riluttante.
"Prendilo, stronza!" ringhio.
I suoi occhi azzurri sono acquosi mentre cerca di impedirmi di farla ingoiare mentre lei imbavaglia e soffoca con il mio cazzo enorme. Non mi interessa mentre glielo infilo in gola. Penso che probabilmente sia un sollievo per lei quando lo tiro fuori e le allargo le cosce. Potrebbe aver già succhiato il cazzo prima, ma certamente niente come il mio!

Nonostante il dolore che le ho già procurato, la sua figa è bagnata e pronta per una vera scopata. Chiaramente non è vergine! Le ho infilato il mio grosso cazzo duro e lei sussulta. Afferro le sue tette grasse con le mani e spingendo i fianchi in avanti lo spingo più forte e più velocemente dentro e fuori dal suo buco stretto. La sento urlare dal dolore ma i suoi fianchi si spingono indietro per incontrare i miei, quindi è chiaramente godendo! Ottenere un riempimento da un vero uomo, e ricco per giunta. È meglio di quanto sperassi, normalmente la resistenza è eccessiva e devo usare più forza. Ma le sue unghie mi affondano nella schiena mentre viene e poi viene ancora. Ho infilato il mio grosso cazzo duro dentro di lei e alla fine ho sparato diversi getti di sperma dentro di lei. Crollo sopra di lei e rimango lì per un po'. Alla fine, mentre il mio cuore rallenta, rotoli via. Il mio cazzo morbido scivola fuori dalla sua fica fradicia e lei sospira.

“Ci sono soldi nel mio portafoglio. Prendi quanto vuoi e vai a fanculo!" Dico.
La guardo mentre si veste e prende una manciata di banconote dal mio portafoglio.
"Bye allora." Dice mentre esce dalla mia camera d'albergo ed entra nell'ascensore.

Mercoledì

Trish è al bancone del bar. Aspetto in macchina finché non la vedo uscire e attraversare la strada al suo fianco.
"Entra!" Ordino e lei obbedisce senza esitazione. Sa cosa è bene per lei o almeno pensa che verrà pagata di nuovo.

Questa volta non parliamo durante il viaggio e abbiamo appena varcato la porta dell'hotel 10 minuti prima che le tolgo i jeans attillati mettendo in mostra un perizoma rosa scintillante. Il suo top impiega un po' più di tempo ma si scioglie al mio fascino mentre le dico quanto sono grandi e succulente le sue tette. È buffo che ieri non ho prestato loro molta attenzione, ma ora lo faccio e in realtà sono fottutamente enormi e grassi con grandi capezzoli rosa. Sono perfetti ai miei occhi. Una mucca grassa con grandi mammelle pronte per la mungitura.

La tengo saldamente per i capelli, la mia troia bionda adolescente nuda e dai grossi seni e le infilo di nuovo il mio grosso cazzo duro in gola. Si contorce e si contorce cercando di allontanarsi da me con le lacrime che le rigano le guance mentre ha i conati di vomito, ma io le ficco il cazzo ancora più in profondità nella gola. "Smettila di piangere e succhialo, troia arrapata!"

Non è una scusa. Doveva sapere cosa aspettarsi prima di salire di nuovo in macchina! Stufo dei suoi piagnucolii, le do uno schiaffo forte in faccia per darle qualcosa su cui piangere!

Dopo diversi minuti tiro fuori dalla sua bocca la mia enorme erezione. Ansima rumorosamente in cerca d'aria. La spingo sul letto e le apro le gambe. I suoi occhi sono aperti e guarda il mio grosso cazzo.
"Oh no!" Improvvisamente implora. "Fa male!"
"Oh sì, stronza!" La correggo! "È destinato a far male, cazzo!" Spingo di nuovo il mio cazzo nella sua piccola fica stretta. Piange ancora e si sente il palmo della mia mano sul viso con un altro schiaffo. Sta ancora piangendo e le sue grandi tette rimbalzano come gelatina mentre la scopo duramente. Perfetto!

Ciò che quel piccolo idiota non capisce è che i suoi singhiozzi mi fanno solo arrapare di più. Lei continua a provare a spingermi via ma io sono molto più forte e una volta che ho allargato la sua giovane fica oltre ogni immaginazione, finalmente le ho sparato nel profondo.

Lei è praticamente priva di sensi quando faccio scivolare fuori il mio lungo arnese dalla sua povera fica maltrattata. Lei è sdraiata sul letto con gli occhi chiusi e le gambe divaricate. Un misto del mio sperma e del suo esce dal suo buco e approfitto di quel momento per scattare qualche foto. Altro per l'album! Negli ultimi due c'è uno spesso strato bianco di sperma che fuoriesce da lei e gocciola sul letto, il che rende questo momento ancora più speciale.

Penso di tenerla qui abbastanza a lungo per un'altra scopata, ma lei non reagisce e ho la sensazione che sarà come scopare con un ubriaco. E questo non piace, nonostante il suo bel corpo sinuoso e paffuto. Quindi la infilo nella mia macchina e ti riporto al bar, dopo averle lanciato 500 sterline. Le luci sono spente e la città sembra addormentata.

Ma la cosa patetica è che lei mi chiede addirittura se la rivedrò! Oh, cazzo, giusto, lo farò, piccola puttana del cazzo, ti rimprovero!


Giovedì

Solo per il gusto perverso di farlo, faccio un salto al bar proprio verso le 19:00. La ragazza più grande non si vede da nessuna parte. Solo la piccola sgualdrina Trish che pulisce prima di chiudere. C'è una donna di mezza età che beve caffè e sembra incazzata con la vita. Indosso jeans che mettono in risalto il mio mostro. Trish sorride e ordino un caffè. Resto a guardare la donna. Probabilmente sulla trentina ed è magra. Non ha un aspetto terribile e posso letteralmente leccarsi le labbra mentre fissa il serpente nei miei jeans. Guardo di nuovo il tuo miserabile boccale e comincio ad eccitarmi.

Ignorando Trish, mi avvicino a lei e faccio una chiacchierata. Ho capito che Liz, mi dà il suo nome quasi troppo velocemente, è la moglie del proprietario del negozio.
Non perdo tempo. "Allora Liz, ho notato che mi stai fissando!"
La vedo arrossire leggermente ma mi fa un sorriso sfrontato.
"Vorresti fare qualcosa di più che fissare?"
Sembra un po' sorpresa dalla sfida, ma non si lascia turbare.
«Trish, ora puoi finire. Ti chiudi mentre esci!
Con aria ferita, lancia una breve occhiata a me e al suo capo. Le faccio un piccolo cenno con la mano mentre Liz mi conduce nella stanza sul retro. Trish cerca di sorridere spingendo in fuori il suo piccolo petto grassoccio come se questo potesse fare la differenza rispetto a quello che sto per fare.

Liz, la vecchia mucca arrapata mi viene addosso non appena la porta si chiude dietro di noi. Immagino che suo marito non stia facendo un gran lavoro nel prendersi cura di lei. La sua bocca è premuta contro la mia e il suo corpo ossuto si struscia contro di me mentre mi afferra l'inguine.
“Dovremo stare attenti a non fare troppo rumore!” Sussurra. Poi esclama mentre tira fuori il mio cazzo. "Porca miseria!"
Sono sicuro che Trish possa sentirlo dall'altra parte della porta e ho la netta sensazione che probabilmente sia tornata per ascoltare. Ma questa vecchia scoria di Liz non perde tempo. Si mette immediatamente in ginocchio e prende quanto più cazzo possibile in bocca. Devo darle credito; sta andando molto meglio di molti altri. Ma man mano che divento più grande e più duro, anche lei inizia ad avere conati di vomito.

Non sto pensando a Liz però. I miei pensieri e i pensieri che mi rendono così duro sono rivolti alla mia piccola troia tettona Trish e alle sue tette eccessivamente gonfiate. Scommetto che riesce a sentire i rumori di risucchio e soffocamento provenienti dall'esterno della porta.

E a mia insaputa lei può e sta ascoltando. E i suoi capezzoli sono duri e le dita si fanno strada sotto la gonna corta e dentro il perizoma.

Liz improvvisamente si interrompe e annaspa in cerca d'aria. "Voglio che mi scopi!"
"Non scopo su ordinazione, stronza!" Mi sono scottato rumorosamente trascinandola in piedi sapendo benissimo che Trish l'avrebbe sentito!

Le slaccio i jeans e cadono dai suoi fianchi magri fino al pavimento. Lei ne esce mentre si allontana da me e allo stesso tempo si toglie le mutandine. Ho iniziato a pensare che Liz lo avesse già fatto prima. Presto le mostrerò che non ha mai fatto niente del genere prima! Si china sulla scrivania, con il sedere rivolto verso di me e le gambe divaricate. Guardandomi da sopra la spalla, sibila.
“Fanculo a me! Dammi quel grosso cazzo!

Sente la mia mano schiaffeggiarla forte, prima su un lato del suo viso e poi sulle sue guance magre. "Ho detto che non scopo un cazzo su ordinazione!" Io ripeto.
"Prego Signore?" Si corregge.
Il mio cazzo è duro come la roccia ora grazie al suo succhiare esperto e sono determinato a darle quello che voglio! Spingo la punta grande come una prugna del mio cazzo duro nella fica scivolosa da dietro. Non sono sorpreso da quanto sia bagnata né dalla sua capacità di accogliermi. Tutte queste vecchie scorie sono le stesse. Immagino che abbia avuto un paio di figli lungo la strada e scommetto anche che per suo marito deve sentirsi piuttosto rilassata e sciatta. Ma per me è una buona scopata, ma non così tesa e timida come lo è Trish!

Liz urla mentre la spingo a metà con una spinta. Si sta chiaramente divertendo e strilla come un maiale.
"Oh Dio! Dammi quel grosso cazzo! Dammelo per favore!"
Cristo, adesso mi sta implorando di dire le sporche scorie.
Geme e ansima così forte che sono sicuro che la mia piccola troia Trish riceverà una bella notizia.
Entro in un buon ritmo con lei e sento le sue gambe tremare mentre viene.

Ho pensato di tirarlo fuori e infilarle il cazzo nel culo, ma sono sicuro che se lo facessi farei a pezzi questa cagna magra. Ma voglio un ricordo. Quindi, mentre mi scopo la vecchia strega, tiro fuori la mia piccola macchina fotografica digitale dal taschino della camicia. Faccio diverse riprese del mio grosso cazzo che scivola dentro e fuori da lei e poi, per buona misura, un breve video clip, con audio. E il suono, a parte il rumore del mio cazzo che schiaffeggia, è tutto quello di Liz che strilla come un cane in calore. Mentre lo faccio lei viene di nuovo. Mi rendo conto che, sebbene sia stato divertente, prima o poi dovrà finire. Quindi accelero il ritmo e comincio davvero a spingerlo dentro di lei.

Liz ha perso il controllo e viene di nuovo, ma questa volta quando sento il canale della sua figa stringersi attorno al mio albero, vengo con lei. E giusto per il gusto di farlo scivolo fuori mentre sparo il mio ultimo getto coprendole il culo con il mio sperma. Ne ho una foto con una parte che le scorre lungo la gamba. Un altro per l'album!

Liz si riprende abbastanza rapidamente. Prende dei fazzoletti di carta e si asciuga. Poi comincia a vestirsi quasi con la stessa rapidità con cui si è spogliata. È pronta a partire prima che io riesca a rimettere il cazzo nei pantaloni. Mi dà un rapido bacio sulla guancia e poi apre la porta.

Trish sta cercando di sembrare come se stesse riempiendo uno scaffale mentre usciamo dal bar.

Venerdì

"Entra!" Ordino mentre cammina per strada.
Tu obbedisci.
"Chi cazzo era quello con cui stavi parlando?" Chiedo di sapere mentre entro in una piazzola e le afferro con forza i capelli, girando il suo viso verso il mio. Il mio cazzo si indurisce immediatamente per la rabbia e soprattutto quando vedo i suoi capezzoli indurirsi nel suo gilet bianco attillato senza reggiseno.
"Oh bene!" sorrido. "È ora di divertirci di più, allora!"

Ci fermiamo fuori dall'hotel e lei sa dov'è la mia stanza! Le lacrime scendono lungo le sue guance mentre la spingo nella stanza e lei nota un uomo ancora più anziano seduto nell'angolo.
"È questa la troia di cui mi parlavi?" Chiede senza distogliere lo sguardo dai seni sporgenti di Trish che lottano per cercare di uscire dal top.
Annuisco.
"E si comporta bene?"
"A volte!" Rispondo.
"Allora legala alla sedia!" Lui ordina e io faccio esattamente quello che chiede!

Lui sta sopra di lei e lei lo guarda con paura. Le sue mani sono legate dietro la schiena e alla sedia. La sua gonna corta mostra di nuovo le sue cosce nude e il suo top attillato è gonfio con il seno nudo e pieno sotto che aspetta solo di essere usato e abusato.
"Brava ragazza!" Fa le fusa.
Lei guarda il vecchio italiano e abbassa lo sguardo sul suo inguine vedendo crescere il rigonfiamento nei suoi pantaloni. Lui si inginocchia davanti a lei e le sue vecchie mani avvizzite salgono lungo la sua corta gonna nera e lei sente le sue dita tirarle le mutandine mentre le abbassa con attenzione. Lui li toglie contemporaneamente togliendole i talloni e allargandole le cosce.

Mi siedo in un angolo della stanza e guardo lo svolgersi dell'azione, senza dire nulla.

Mettendo il ginocchio tra le sue, guarda la sua figa stretta e allunga due dita sulla sua fessura. "Bello!" Lui dice. “Giovane, fresco e perfetto!”
La tira in avanti sul sedile finché il suo sedere non è sul bordo. Alzandosi abbassa i jeans e i boxer rivelando il suo cazzo già duro come la roccia. È più piccolo del mio ma è comunque duro come la roccia. Avvicinandolo al viso, glielo avvicina alle labbra. Mi lancia un'occhiata mentre tiene la bocca ben chiusa e cerca di muovere la testa. Uno schiaffo deciso sul viso da parte dell'uomo incoraggia Trish ad aprire le labbra.

Sente la testa del suo cazzo scivolare sulle sue labbra e nella sua bocca calda e bagnata. Lui si appoggia a lei e inizia a muovere i fianchi mentre le scopa la bocca. Lei vomita e soffoca ma riesce a succhiarlo come da istruzioni.
"Sì, leccalo come un lecca-lecca!" Dice tra gemiti e gemiti.

Sentendosi più sicura, passa la lingua attorno al suo cazzo prendendone sempre di più in bocca. Può sentirlo spingersi dentro di lei trattenendo i suoi capelli biondi in modo che possa vedere cosa sta facendo. L'adrenalina nel vecchio, che non si è divertito così arrapatamente da molto tempo, sta crescendo ora mentre pompa letteralmente il suo lungo cazzo duro dentro e fuori dalla bocca della troia. Spingendola indietro, sale sulla sedia e le afferra la testa.
“Per favore, non farlo, per favore! Non posso sopportarne di più!” Lei implora.
Lui la ignora mettendole una mano tra le gambe per separarle ma lei lo sta combattendo di nuovo. Sta perdendo la pazienza con lei adesso e abbassando entrambe le mani le separa le gambe. Rapidamente si riposiziona in ginocchio tra le sue cosce e spinge il suo cazzo dentro di lei facendola gridare. Spingendo avanti e indietro contro le sue proteste e più eccitato sapendo che lei non lo vuole, e che io la sto guardando, inizia a scoparla forte e profondo.

Le sue inutili proteste iniziano a diminuire ora e il suo corpo prende il sopravvento e ama questa invasione mentre inarca la schiena spingendo in avanti i suoi seni ansanti, ancora all'interno del top attillato. All'improvviso emette un orgasmo sconvolgente e può sentire i suoi succhi liberarsi soffocando il vecchio cazzo dentro di lei. Anche lui può sentirlo mentre lei sta davvero entrando in questa situazione e il suo corpo legato sta iniziando a muoversi con il suo. Tirandosi fuori, mette all'improvviso la testa tra le sue gambe leccando tutti i suoi succhi. Lei si dimena letteralmente di nuovo, ma questa volta con piacere cercando di strofinare e strofinare la sua figa sul suo viso.

Lui si avvicina, le scioglie la mano e la spinge sul letto.
"Mettiti in ginocchio, puttana!" Lui esige e con un misto di paura ed eccitazione lei obbedisce. Sollevando la gonna sopra le guance, si allunga con la mano contro la sua gamba, incoraggiandolo a proseguire. Lui scivola di nuovo dentro di lei e inizia a pomparla più forte che può, mentre i suoi gemiti lo fanno scopare ancora più forte. All'improvviso lui viene con forza nella sua giovane figa già scintillante, ma il suo cazzo è ancora duro dopo aver sognato per anni di scopare una giovane troia tettona. Muove il cazzo verso l'ingresso del suo stretto buco del culo. Da dove sono seduto vedo che a lei non piace e cerca di sollevarti il ​​sedere in modo che il suo cazzo scivoli di nuovo nella sua figa. Dopo un paio di spinte torna verso il suo culo spingendo dolcemente la punta. Lei emette un piccolo grido mentre lui si spinge dentro ancora un po'.

"No, per favore, non questo!" Lei implora.
"Beh, o io, o Franco, e sai quanto è grosso il suo cazzo!" Lui ringhia e lei sente la sua mano schiaffeggiarle forte le natiche!
Il suo cazzo ora le brucia nel culo ed è molto più dolore che piacere almeno per lei, ma a lui non importa mentre lo guardo violare il suo tenero e giovane buco del culo. I suoi muscoli vogliono spingerlo fuori di nuovo ma lui lotta contro di loro spingendo il suo cazzo sempre di più dentro di lei. Presto potrà sentire le sue palle che schiaffeggiano la sua figa. Lui mantiene la sua posizione prima che lei lo senta tirare fuori di nuovo il cazzo. Il dolore è ancora lì e inizia a chiedersi se imparerà mai a goderselo quando sembra una tortura. E lei lo sente spingere dentro il cazzo mentre lei grida di nuovo. Le vengono le lacrime agli occhi. Alla fine le tira fuori il cazzo dal culo e lo rimette nella sua figa.

Ora sono incredibilmente eccitato e so che, nonostante le sue proteste, si sta divertendo. Il suo giovane corpo voluttuoso nel top attillato e nudo fino in fondo sembra incredibile e posso vedere che sta cercando di dare tutto quello che le viene dato. Ma la vista del suo culo teso per combattere il cazzo di questo ragazzo è quasi troppo per me e quasi mi vengo nei pantaloni.

Lui viene di nuovo e le spara in profondità prima di spingerla a letto. Senza esitazione si alza, mi ringrazia e si veste prima di uscire dalla stanza.

Butto i soldi sul letto. "Prendi un taxi per tornare a casa e torna qui domani alle 20:00!" Ordino.

Sembra esausta mentre giace a faccia in giù sul letto. Il suo trucco è incasinato dalle lacrime sulle sue guance e si chiede come sia mai finita in questo pasticcio. Poi, una volta che me ne sono andato, si siede e conta i soldi con un sorriso sul viso.

Sabato

Alle 6 bussano delicatamente alla porta e la apro per vederla lì in piedi con una borsa in mano.
Le permetto di entrare. "A cosa serve la borsa?" Esigo di sapere.
"BENE!" Mi guarda nervosamente. "Ho pensato……………..um……………..ho detto ai miei genitori che stasera dovrò dormire a casa di un amico!" Mi guarda timidamente mentre aggrotto la fronte. "Va tutto bene?"

Mi tengo lontano da lei guardando il modo in cui è vestita, con un vestito bianco attillato allacciato al collo, calze bianche e tacchi bianchi. Sorrido mentre apro la vestaglia per esporre il mio cazzo pulsante, duro come la roccia. "Perfetto!" sorrido. "Sai cosa fare!"

Storie simili

Harry Potter Adventures: Capitolo 5 - Doppio problema

Questa storia non riflette gli atteggiamenti o i personaggi della serie Harry Potter, né ha alcuna affiliazione con l'autore. Capitolo 5 Novembre scese su Hogwarts e con esso arrivò anche la pioggia e perfino qualche fiocco di neve. Era l'ultima settimana di novembre e mancavano solo due settimane all'inizio delle vacanze di Natale. Ron cominciò a sentire tornare di nuovo il suo malumore. Era passato un mese dal suo divertimento con Lavanda e da allora si frequentavano. Sebbene il sesso fosse incredibile, non avevano molto in comune e Ron aveva iniziato a desiderare il suo vero amore; Hermione ancora una volta...

361 I più visti

Likes 0

Mia mamma e la mia ragazza dei sogni

Introduzione Mi chiamo Will Chapman. Sono uno studente universitario di 19 anni, 5'8 e 160 libbre con capelli castani corti e occhi castano scuro. Ho sempre avuto problemi con le ragazze della mia età. Non è che non fossi di bell'aspetto; era perché, nonostante avessi 19 anni, sembrava che ne avessi 14. Ogni volta che uscivo con i miei amici, le persone che incontravamo spesso mi chiedevano se ero il fratellino di qualcuno. Le ragazze dicevano sempre che ero carino, il che mi farebbe assolutamente impazzire. Inutile dire che ho avuto problemi a soddisfare i miei bisogni sessuali. Stavo andando in...

2K I più visti

Likes 0

LA DIGA

Oh mio Dio, è bello, gemette Lauren, mentre Alexandra affondava la bocca nella sua figa calda e bianca, lo fai così bene, ti amo così tanto!!! Mmmmmmm, rispose Alex, non volendo distogliere la bocca dal muffy bagnato del suo amante!!! Lauren e Alexandra, amanti da un anno e coinquiline da sei mesi sei mesi, entrambe a ventidue anni, innamorate per la prima volta nella loro vita e affamate l'una dell'altra come solo i giovani amanti sanno essere! Lauren ha inarcato la schiena mentre spingeva forte il suo inguine nella bocca del suo amante, godendosi l'incredibile sensazione di farsi succhiare la vagina...

893 I più visti

Likes 0

Solo a Tokyo con due cuccioli

Mi chiamo Junjio. Ho 34 anni e vivo da solo in un piccolo appartamento di Tokyo. Molte giornate passano veloci, lavorative, e poi le serate lente e noiose. Sono stato solo per molto tempo, senza una vera famiglia nelle vicinanze, o contatti con amici o un ragazzo da un paio d'anni. È così per molti abitanti delle città nel Giappone moderno. È andato così male per me, che mi sono ritrovato a impazzire, a pensare ogni sorta di strani pensieri, a perdermi nel mio spazio per anni, e alla fine ho comprato un animale domestico. Non mi piacevano molto gli animali...

866 I più visti

Likes 0

L'inizio della fine_(0)

Fece un respiro lento e profondo e si morse le sue deliziose labbra rosso ciliegia. Come sono finito in questo? lei ha pensato. I suoi morbidi capelli biondo sporco pendevano sui suoi angelici occhi verdi. Julia prese il telefono e lo aprì. Ha letto il messaggio più e più volte. Incontriamoci al parco a meno che tu non voglia essere conosciuto come la puttana della città - Chris Adesso il suo cuore batteva forte. Proprio in quel momento arrivò un altro messaggio. Julia, se non esci di casa entro cinque minuti, mamma e papà si arrabbieranno molto con te... ovviamente sono...

775 I più visti

Likes 0

Lezioni dall'aia, parte IV

Bobby entrò per primo nella doccia con il suo nuovo marito proprio dietro di lei. Junior si rannicchiò accanto a lei da dietro e le mise le braccia intorno alle spalle, abbracciandola nel modo più amorevole. Si erano sposati da meno di un giorno e lui le aveva dichiarato il suo amore tante volte e in tanti modi. Adorava assolutamente la sua giovane moglie e ora più che mai si sarebbe assicurato che non le accadesse mai nulla perché, dopo tutto, stava aspettando suo figlio. Si sono sposati quella mattina a casa sua in modo che il loro bambino avesse il...

399 I più visti

Likes 0

Lascia che piova - 4

Per la prima volta in una settimana, quando mi sono svegliato, mi sembrava di avere avuto la stessa sensazione delle donne a letto della sera prima. Quando li ho scossi leggermente, si sono accoccolati un po’ più vicini e non si sono svegliati. Ho pensato che finché avessero voluto premere la loro calda carne da ragazza contro di me avrei potuto anche godermelo e ho chiuso gli occhi. Quando mi sono svegliato di nuovo è stato con un paio di labbra sul mio cazzo e un altro paio sui miei testicoli. Stavano facendo un ottimo lavoro e in pochi minuti ho...

423 I più visti

Likes 0

Il mio primo fidanzato 3

Tornato di sotto, Sam ha messo un po' di musica sullo stereo in soggiorno e mi ha detto di ballare per lui. Si sedette sul divano con le gambe divaricate e le mani sull'inguine mentre io barcollavo, cercando di ballare. Non è stato facile sui tacchi a spillo, sulla moquette e più volte ho quasi perso l’equilibrio e sono caduta. Ogni volta che stavo per inciampare, il sorriso del mio fratellastro si alzava leggermente. Ogni tanto mi diceva di fare qualcosa del tipo: Strofinati le tette e fammi vedere che puttana sei oppure Girati e piegati, così posso dare un'occhiata a...

322 I più visti

Likes 0

Broken Birds, Parte 37, Uno spazio nel tempo / Epilogo

Parte 37 Uno spazio nel tempo Epilogo L'elicottero di emergenza ha urlato per tutta la notte. Michael, Jennifer, Beth e Kat erano a bordo. Il dottore che Jennifer aveva di guardia non era potuto venire. Era ubriaco. La consegna è iniziata normalmente. Poi Kat ha cominciato a sanguinare gravemente. Barbara l'aveva già visto. Ha dato suggerimenti che Jennifer ha immediatamente implementato, scoprendo quanto preziosa fosse diventata l'esperienza ginecologica e neonatale di Barbara. Barbara è rimasta indietro a causa delle condizioni e dello stress di Jan. Il terrore attanagliò l'harem. Si sedettero intorno all'enorme soggiorno principale. Cercavano in Barbara consolazione e informazioni...

2K I più visti

Likes 1

L'amore è tutto ciò che conta pt2 - Nuovo dipendente, vecchie abitudini

Ero a casa ad aprire la porta, entrando nel mio appartamento quando il mio cellulare ha ronzato, mi infilo in tasca per prenderlo e controllare chi fosse a quest'ora, Jessy. Il messaggio diceva: Scusa :( te lo devo, la prossima volta puoi scegliere un film. Forse scegline uno con più azione, così non mi addormento Ho sorriso al messaggio e mi sono spogliato preparandomi per andare a letto, mi sono lavato i denti e sono andato in toillete tirando fuori il mio cazzo e mirando con i miei occhi assonnati, una mano che scriveva a Jess l'altra che mi teneva il...

1.9K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.