Visita dal dottore

83Report
Visita dal dottore

Nota dell'autore: ciao a tutti, questa è la mia prima storia di sesso, quindi qualsiasi feedback sarebbe molto apprezzato. Grazie per aver letto!

Odiavo andare dal dottore. Non mi sono mai fidato di quei ragazzi. Pensano di sapere tutto, ma il più delle volte non è così! Per anni avevo evitato l’intervento del nostro medico di famiglia. Tuttavia questa infezione al torace non andava via da sola e mi sono reso conto che avrei avuto bisogno di alcuni medicinali su prescrizione.

"Signorina Jones, non la vedo da anni" dà il benvenuto al dottor Adams mentre entro nel suo ambulatorio. "Come sei... cresciuto", aggiunge cautamente, schiarendosi la voce. Ora che ho 21 anni, non andavo a trovare il dottor Adams da quando ero adolescente. All'epoca ero piuttosto magra e da allora la mia figura si è sviluppata in quella di una donna, formosa con un ampio seno 36DD e fianchi torniti, chiaramente visibili attraverso la mia maglietta con scollo rotondo e i miei jeans. Il dottor Adams è sulla quarantina; un uomo alto e attraente, ma non proprio il mio tipo. Per quanto ne so è ancora sposato. Mentre mi siedo, penso di incrociare gli occhi del dottor Adams fissi su ciò che sembra essere molto al di sotto della mia scollatura, ma quando alzo la testa lui prontamente stabilisce il contatto visivo. Voglio andarmene di qui il più velocemente possibile. Senza indugio descrivo i miei sintomi per quella che presumo sia un'infezione al torace.

Il dottor Adams, tuttavia, non è del tutto convinto. Tipico! Dice che vorrebbe visitarmi e mi chiede di sdraiarmi sul letto. Con riluttanza accetto, ritenendo che ciò sia del tutto inutile. Mi sdraio sulla schiena mentre il dottor Adams mi si avvicina. Sembra indugiare accanto a me per un bel po' prima di tirare fuori lo stetoscopio, che mi dice che userà per esaminarmi il petto. Lo posiziona con attenzione sotto la mia scollatura, rimanendo molto silenzioso mentre si libra sopra di me. Sdraiato lì, disteso sul letto, non sento altro che il suono del suo respiro mentre sposta lentamente lo stetoscopio sul mio petto. Mi chiedo se abbia sempre il respiro così pesante.

Comincia a far scivolare la parte del petto sotto la scollatura della mia maglietta, spingendo il tessuto verso l'alto. Gli lancio uno sguardo interrogativo e lui si sposta, schiarendosi la gola. "Dovrò chiederti di toglierti la maglietta, per favore, signorina Jones." Visto che non sono proprio in grado di rifiutare, mi tiro su la maglietta sopra la testa, lasciandomi solo i jeans azzurri e il reggiseno bianco. Mi sdraio e sento il sangue affluirmi alle guance mentre il seno fuoriesce dal reggiseno. Il dottore continua il suo esame, ora spostando lo stetoscopio sulla parte superiore del mio seno. Lo sento premerlo dolcemente nella mia carne, avvicinandosi sempre di più al mio reggiseno. Mette una mano appena sopra il mio seno sinistro e massaggia dolcemente ogni area mentre muove lentamente lo stetoscopio. Raggiungendo finalmente la carne del mio seno, le sue dita sfiorano senza soluzione di continuità il mio reggiseno. Il suo tocco è così morbido...deglutisco. Tutta questa situazione mi sta rendendo piuttosto teso.

"Hmm, se non le dispiace, signorina Jones, dovrò chiederle di togliersi i jeans e la biancheria intima", dice freddamente il dottor Adams, "Ho alcuni risultati molto curiosi qui che mi richiedono di esaminare altre parti del suo corpo" aggiunge, in tono pratico. Non posso crederci! Voglio solo la prescrizione degli antibiotici e me ne vado da qui. "È davvero necessario, dottore?" Chiedo. "Temo di sì, sarebbe estremamente negligente da parte mia ignorare questi sintomi." "Quali sintomi?" Chiedo. “Lasciami solo esaminare la tua metà inferiore e ti potrò dire tutto” Risponde calmo con un sorriso. Mi alzo e apro la cerniera dei jeans tirandoli giù sui fianchi e lasciandoli cadere a terra. Poi mi tolgo le mutandine, rivelando la mia figa rasata. Indossando solo il reggiseno, mi riposiziono goffamente sul letto.
Il dottor Adams osserva spudoratamente il mio corpo e io arrossisco copiosamente. C'era un'aria sinistra in quegli occhi fiammeggianti. Penso davvero che dovrei smetterla adesso, ma come?

Il dottor Adams posa delicatamente le sue mani sulle mie gambe e le allarga. Chiudo gli occhi e spero solo che tutto questo finisca presto. Fa scorrere le dita lungo l'interno della mia coscia finché non raggiungono la mia figa. Infilando delicatamente le dita tra le labbra della mia figa, strofina la carne circostante con movimenti circolari, esaminando attentamente ogni centimetro. Si muove lentamente verso l'alto, massaggiando la carne che circonda il mio clitoride. Le sue dita sono fantastiche e producono il loro effetto sul mio corpo, la mia figa si scalda. Poi mi viene il pensiero: ovviamente noterà l'umidità che si forma tra le mie gambe... Il mio viso si illumina di imbarazzo mentre prego che non si accorga della mia reazione. Ma non riesco a capire cosa stia succedendo esattamente qui. Una parte di me pensa che tutto questo potrebbe essere una procedura standard, eppure non posso fare a meno di pensare che sia tutto molto inappropriato. Prego solo che finisca presto.

Il dottor Adams ora mi sta passando il dito sul clitoride e io faccio fatica a trattenermi in reazione alle sensazioni travolgenti. Fa scivolare due dita verso la mia figa e lo sento strofinare dolcemente l'ingresso, coprendo le sue dita con il succo della mia figa. Strofina le sue dita inzuppate attorno al mio buco, su e giù per la fessura, sfiorando delicatamente il mio clitoride e costringendomi a emettere un leggero gemito. "Oh merda" penso, "spero che non l'abbia sentito." Prima che me ne renda conto, posiziona lo stetoscopio sul mio clitoride, tutto il mio corpo sussulta in reazione alla fresca sensazione dell'acciaio sul mio picco palpitante. Non posso nascondere la mia eccitazione ora mentre ascolta il flusso del mio sangue, che sgorga verso le mie regioni inferiori. Facendo pressione con lo stetoscopio, poi mi infila un dito dentro. Sussulto e gemo mentre ne inserisce un secondo, massaggiando le mie pareti vaginali con la punta delle dita. Mentre sento le sue dita scivolare attraverso la mia umidità, mi viene in mente un pensiero; non dovrebbe indossare i guanti per questo tipo di esame?

Apro gli occhi... il cazzo del dottor Adams è fuori, fa capolino attraverso i suoi pantaloni aperti e si allontana coraggiosamente dal suo corpo. Fisso scioccato il suo cazzo scatenato mentre finalmente faccio i conti con quello che sta succedendo: il dottor Adams si sta approfittando di me! Non resterò a permettergli di abusare del mio corpo in quel modo, ma quando sento il suo cazzo duro sfiorarmi la coscia, il mio morale crolla e non riesco a resistere. Il respiro del dottor Adams si fa più veloce e pesante mentre le sue dita si avventurano più in profondità dentro di me, ascoltando ancora la mia eccitazione interiore. Poi torno alla realtà: non permetterò più a questo pervertito di violentarmi. Getto immediatamente le gambe giù dal letto, togliendo le dita del dottore dalla mia fica bagnata, ma prima che riesca ad alzarmi in piedi lui mi afferra per le spalle e mi spinge di nuovo con forza sul letto.

Gli urlo di lasciarmi andare, lottando sotto la sua presa. Ignorando le mie proteste si arrampica su di me, il suo peso corporeo mi inchioda al letto. Si mette a cavalcioni delle mie gambe e mi afferra i polsi con una mano, tenendoli giù sopra la mia testa. L'altra mano mi afferra saldamente la mascella, costringendomi a guardare nella sua direzione mentre il suo corpo si libra sopra il mio. "Non andrai da nessuna parte finché non avrò finito con te, signorina." Urlo frustrata, ma prima che me ne renda conto lui stringe forte le sue labbra sulle mie, soffocando le mie grida. Sonda la sua lingua in profondità nella mia bocca, succhiando forte le mie labbra mentre spinge la mano sotto la coppa del reggiseno, smontandolo dal seno. La sua grande mano le palpa e le afferra una dopo l'altra prima di spostarla fino alla mia gola e stringerla forte. "Se non la smetti di lamentarti, ho alcune cose in questo ufficio che faranno al caso tuo", mi abbaia. Il mio cuore batte forte per un misto di paura, eccitazione, umiliazione ed eccitazione. Rinuncio con riluttanza alle mie proteste per paura di ciò che potrebbe farmi, mentre le lacrime si formano nei miei occhi per la mia sensazione di impotenza. Mi lascia andare la gola e io sussulto riempiendo d'aria i polmoni. Poi riporta la mano sulla mia fica bagnata fradicia.

"Non fingere di non volerlo, troia" Sorride, avvolgendo le dita nei miei succhi e sollevandole per mostrarmelo. Mi sentivo così disperatamente vulnerabile, incapace di nascondere o negare il mio evidente stato di eccitazione. “Oh ma ha ragione” penso. Lo voglio, voglio che abusi di me, che usi il mio corpo come vuole per soddisfare il suo desiderio perverso. Voglio che mi spinga il cazzo in profondità nella fica e voglio che violenti quella figa, violenti la sua paziente sul lettino con lo stesso rispetto che avrebbe per una bambola di pezza. Ma ecco il nostro medico di famiglia, qualcuno che dovrebbe essere professionale e affidabile, che mi violava nel modo più crudele possibile. Ero disgustato! Ma ero eccitato.

Il dottor Adams mi allarga le gambe e si posiziona in mezzo a loro, con il respiro corto e pesante. Ancora completamente vestito, con il suo arnese duro che spunta fuori dai pantaloni, preme il suo cazzo nudo contro l'ingresso della mia figa e non posso fare a meno di gemere di piacere attraverso i miei singhiozzi silenziosi. Fa scorrere la testa del suo cazzo su e giù per la mia fessura, giocando con le labbra della mia figa prima di spingerle attraverso e con una spinta forte spinge tutti i suoi quindici centimetri nella mia fica stretta. Sollevandosi sulle mani, ruota i fianchi premendo forte il suo inguine contro il mio, grugnendo ad ogni movimento che fa. Si abbassa sopra di me, il suo petto preme pesantemente contro di me mentre la parte inferiore del suo corpo inizia ad assalire il mio. Bloccandomi i polsi con una mano e afferrandomi il collo con l'altra, mi spinge il cazzo dentro e fuori dalla mia figa. Con la testa posizionata sopra la mia spalla, geme rumorosamente nel mio orecchio tra respiri pesanti e irregolari.

Profondamente turbato ma allo stesso tempo molto eccitato, il mio corpo oscilla involontariamente i fianchi per incontrarlo mentre il suo cazzo si schianta contro di me ancora e ancora. All'improvviso si tira fuori e mi afferra il corpo in modo aggressivo, tirandomi su e spingendomi a pancia in giù, ordinandomi fermamente di mettermi a quattro zampe. Mi sculaccia forte il culo e lo solleva in aria. Accovacciato sulla mia schiena, entra nella mia fica da dietro. Mi monta il culo velocemente e con forza, grugnendo e gemendo mentre pompa il suo cazzo dentro e fuori. Le sue mani si insinuano sotto, lacerandomi il seno, il reggiseno ancora sospeso sopra il petto. Fa scorrere rudemente le sue mani su tutto il mio corpo, schiaffeggiandomi la figa con le dita prima di afferrarmi per i fianchi prendendo più controllo, pompandomi più velocemente e più profondamente. Perso nella frenesia sessuale, ho abbandonato la mia vergogna e mi sono arreso al mio stupratore.

Il mio corpo pulsa di desiderio, gemo di piacere mentre il mio dottore mi scopa da dietro. Mi sculaccia il culo, e ancora più forte, e sono sull'orlo dell'estasi. I suoi gemiti diventano più forti, le sue spinte più violente e il mio corpo esplode nell'orgasmo, la mia figa pulsa forte attorno al suo grosso cazzo. Gemo e ansimo pesantemente, riesco a malapena a stare in ginocchio e sono sostenuta solo dalla forte presa del dottor Adams sui miei fianchi. Lui ci sbatte di nuovo dentro più velocemente, i suoi gemiti profondi si trasformano in un piagnucolio e si tira fuori dalla mia figa giusto in tempo per venire. “Aa_aah! Mmmmm!” Grugnisce e ansima in modo incontrollabile mentre mi viene sulla schiena, alcune gocce mi cadono sulle spalle e sui capelli.

Si prende qualche istante per riprendere fiato prima di schiarirsi la gola e riadattarsi. La realtà sprofonda e di nuovo ritornano le montagne russe delle emozioni, questa volta principalmente umiliazione e disgusto. Eppure una parte di me non si pente affatto di quello che è appena successo. Prendo dalla tasca un fazzoletto che assorbe a malapena la pozza di sperma sulla mia schiena e mi rimetto velocemente i vestiti. "Dopotutto è solo un'infezione al torace, signorina Jones", sorride il dottor Adams, porgendomi una ricetta. Oh, come mi fa infuriare. Gli strappo di mano il pezzo di carta e, senza ulteriori indugi, esco. L'addetto alla reception in fondo al corridoio mi rivolge un sorriso d'intesa mentre mi avvicino all'ingresso principale. "Che cosa vuol dire, anche?!" mi chiedo, con il viso che si riscalda per la mortificazione e corro fuori dalla porta, giurando di non visitare mai più il dottore! … O almeno fino al mio prossimo “periodo del mese”…

Storie simili

Harry Potter Adventures: Capitolo 5 - Doppio problema

Questa storia non riflette gli atteggiamenti o i personaggi della serie Harry Potter, né ha alcuna affiliazione con l'autore. Capitolo 5 Novembre scese su Hogwarts e con esso arrivò anche la pioggia e perfino qualche fiocco di neve. Era l'ultima settimana di novembre e mancavano solo due settimane all'inizio delle vacanze di Natale. Ron cominciò a sentire tornare di nuovo il suo malumore. Era passato un mese dal suo divertimento con Lavanda e da allora si frequentavano. Sebbene il sesso fosse incredibile, non avevano molto in comune e Ron aveva iniziato a desiderare il suo vero amore; Hermione ancora una volta...

361 I più visti

Likes 0

Mia mamma e la mia ragazza dei sogni

Introduzione Mi chiamo Will Chapman. Sono uno studente universitario di 19 anni, 5'8 e 160 libbre con capelli castani corti e occhi castano scuro. Ho sempre avuto problemi con le ragazze della mia età. Non è che non fossi di bell'aspetto; era perché, nonostante avessi 19 anni, sembrava che ne avessi 14. Ogni volta che uscivo con i miei amici, le persone che incontravamo spesso mi chiedevano se ero il fratellino di qualcuno. Le ragazze dicevano sempre che ero carino, il che mi farebbe assolutamente impazzire. Inutile dire che ho avuto problemi a soddisfare i miei bisogni sessuali. Stavo andando in...

2K I più visti

Likes 0

LA DIGA

Oh mio Dio, è bello, gemette Lauren, mentre Alexandra affondava la bocca nella sua figa calda e bianca, lo fai così bene, ti amo così tanto!!! Mmmmmmm, rispose Alex, non volendo distogliere la bocca dal muffy bagnato del suo amante!!! Lauren e Alexandra, amanti da un anno e coinquiline da sei mesi sei mesi, entrambe a ventidue anni, innamorate per la prima volta nella loro vita e affamate l'una dell'altra come solo i giovani amanti sanno essere! Lauren ha inarcato la schiena mentre spingeva forte il suo inguine nella bocca del suo amante, godendosi l'incredibile sensazione di farsi succhiare la vagina...

893 I più visti

Likes 0

Solo a Tokyo con due cuccioli

Mi chiamo Junjio. Ho 34 anni e vivo da solo in un piccolo appartamento di Tokyo. Molte giornate passano veloci, lavorative, e poi le serate lente e noiose. Sono stato solo per molto tempo, senza una vera famiglia nelle vicinanze, o contatti con amici o un ragazzo da un paio d'anni. È così per molti abitanti delle città nel Giappone moderno. È andato così male per me, che mi sono ritrovato a impazzire, a pensare ogni sorta di strani pensieri, a perdermi nel mio spazio per anni, e alla fine ho comprato un animale domestico. Non mi piacevano molto gli animali...

866 I più visti

Likes 0

L'inizio della fine_(0)

Fece un respiro lento e profondo e si morse le sue deliziose labbra rosso ciliegia. Come sono finito in questo? lei ha pensato. I suoi morbidi capelli biondo sporco pendevano sui suoi angelici occhi verdi. Julia prese il telefono e lo aprì. Ha letto il messaggio più e più volte. Incontriamoci al parco a meno che tu non voglia essere conosciuto come la puttana della città - Chris Adesso il suo cuore batteva forte. Proprio in quel momento arrivò un altro messaggio. Julia, se non esci di casa entro cinque minuti, mamma e papà si arrabbieranno molto con te... ovviamente sono...

775 I più visti

Likes 0

Lezioni dall'aia, parte IV

Bobby entrò per primo nella doccia con il suo nuovo marito proprio dietro di lei. Junior si rannicchiò accanto a lei da dietro e le mise le braccia intorno alle spalle, abbracciandola nel modo più amorevole. Si erano sposati da meno di un giorno e lui le aveva dichiarato il suo amore tante volte e in tanti modi. Adorava assolutamente la sua giovane moglie e ora più che mai si sarebbe assicurato che non le accadesse mai nulla perché, dopo tutto, stava aspettando suo figlio. Si sono sposati quella mattina a casa sua in modo che il loro bambino avesse il...

399 I più visti

Likes 0

Lascia che piova - 4

Per la prima volta in una settimana, quando mi sono svegliato, mi sembrava di avere avuto la stessa sensazione delle donne a letto della sera prima. Quando li ho scossi leggermente, si sono accoccolati un po’ più vicini e non si sono svegliati. Ho pensato che finché avessero voluto premere la loro calda carne da ragazza contro di me avrei potuto anche godermelo e ho chiuso gli occhi. Quando mi sono svegliato di nuovo è stato con un paio di labbra sul mio cazzo e un altro paio sui miei testicoli. Stavano facendo un ottimo lavoro e in pochi minuti ho...

423 I più visti

Likes 0

Il mio primo fidanzato 3

Tornato di sotto, Sam ha messo un po' di musica sullo stereo in soggiorno e mi ha detto di ballare per lui. Si sedette sul divano con le gambe divaricate e le mani sull'inguine mentre io barcollavo, cercando di ballare. Non è stato facile sui tacchi a spillo, sulla moquette e più volte ho quasi perso l’equilibrio e sono caduta. Ogni volta che stavo per inciampare, il sorriso del mio fratellastro si alzava leggermente. Ogni tanto mi diceva di fare qualcosa del tipo: Strofinati le tette e fammi vedere che puttana sei oppure Girati e piegati, così posso dare un'occhiata a...

322 I più visti

Likes 0

Broken Birds, Parte 37, Uno spazio nel tempo / Epilogo

Parte 37 Uno spazio nel tempo Epilogo L'elicottero di emergenza ha urlato per tutta la notte. Michael, Jennifer, Beth e Kat erano a bordo. Il dottore che Jennifer aveva di guardia non era potuto venire. Era ubriaco. La consegna è iniziata normalmente. Poi Kat ha cominciato a sanguinare gravemente. Barbara l'aveva già visto. Ha dato suggerimenti che Jennifer ha immediatamente implementato, scoprendo quanto preziosa fosse diventata l'esperienza ginecologica e neonatale di Barbara. Barbara è rimasta indietro a causa delle condizioni e dello stress di Jan. Il terrore attanagliò l'harem. Si sedettero intorno all'enorme soggiorno principale. Cercavano in Barbara consolazione e informazioni...

2K I più visti

Likes 1

L'amore è tutto ciò che conta pt2 - Nuovo dipendente, vecchie abitudini

Ero a casa ad aprire la porta, entrando nel mio appartamento quando il mio cellulare ha ronzato, mi infilo in tasca per prenderlo e controllare chi fosse a quest'ora, Jessy. Il messaggio diceva: Scusa :( te lo devo, la prossima volta puoi scegliere un film. Forse scegline uno con più azione, così non mi addormento Ho sorriso al messaggio e mi sono spogliato preparandomi per andare a letto, mi sono lavato i denti e sono andato in toillete tirando fuori il mio cazzo e mirando con i miei occhi assonnati, una mano che scriveva a Jess l'altra che mi teneva il...

1.9K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.