Tocca - Capitolo 2

1.9KReport
Tocca - Capitolo 2

Tocca - Capitolo 2

Le cose sono diventate imbarazzanti rapidamente, Kelly e io avevamo appena fatto del sesso bollente insieme senza sapere davvero perché l'avessimo fatto. È stato perché sono venuto su di lei e lei non voleva fermarmi? Ma poi stava partecipando altrettanto... non riuscivo a metterlo insieme.

Abbiamo provato a parlarci subito dopo, ma entrambi ci sentivamo strani l'uno con l'altro, ecco perché non ci ho mai provato prima, sapevo che questo avrebbe rovinato la nostra amicizia.

Ho cercato di uscire da lì il più velocemente possibile senza cercare di sembrare un completo idiota. Non ero il tipo da fare queste cose e di certo non volevo iniziare con lei.

Sono tornato a casa stordito e sono andato rapidamente nella mia stanza e sono crollato sul letto sentendomi malissimo per l'intera faccenda, tutto questo giorno era stato strano e confuso.

Ci fu un leggero bussare alla mia porta, lo ignorai ma si aprì comunque lentamente. Era Jessica, la mia sorella gemella.

"Ehi John, stai bene?" chiese con la sua voce dolce.

"Sto bene, lasciami in pace" risposi piuttosto schiettamente. Non ero dell'umore giusto per parlare o cose del genere, volevo solo strisciare in un buco per un po'.

Si è avvicinata e si è seduta accanto a me comunque, non è mai stata una che faceva come le avevo detto.

"Dai, che succede? Non può essere così male" disse con un grande sorriso nel tentativo di tirarmi su di morale, di solito quel sorriso carino mi scioglieva come un cubetto di ghiaccio al sole ma non oggi.

"Lascia perdere ok, non ne voglio parlare" ho risposto di nuovo con lo stesso tono schietto, mi odiavo così tanto in questo momento.

Sapevo che non si sarebbe arresa però, ha messo la sua mano sul mio braccio e io mi sono seduto per guardarla. Ho iniziato a cercare di spiegare, ma la mia testa si è girata di lato in un istante e ho sentito una puntura calda sulla guancia, cosa diavolo è successo?

Ho guardato di nuovo Jess e aveva uno sguardo di rabbia chiaramente visibile in lei, mi aveva appena schiaffeggiato in faccia.

"Ti odio" urlò mentre correva fuori dalla stanza, sbattendo la porta dietro di sé. Rimasi completamente stordito, la mia mente non riusciva nemmeno a elaborare i pensieri che la attraversavano. C'era qualcosa che non andava in me?

Sono rimasto seduto in silenzio fino a quando la mamma non mi ha chiamato per cena che era la pizza perché era il nostro compleanno oggi, quando eravamo più piccoli l'abbiamo sempre chiesto per il nostro compleanno ed è diventata una tradizione prima che ce ne rendessimo conto.

La mia mente stava ancora cercando di elaborare la giornata mentre scendevo silenziosamente le scale, quasi spaventata all'idea di incorrere di nuovo nell'ira di mia sorella. Siamo sempre stati vicini, ovviamente ci sono stati alcuni litigi qua e là come hanno fatto tutte le famiglie. Una cosa che nostra madre ci ha insegnato è stata di non picchiarsi mai e molto raramente l'abbiamo fatto. Tornai lentamente in cucina per la cena e mi sedetti a mangiare al grande tavolo vicino alla finestra che lasciava entrare il sole al tramonto.

La conversazione era leggera e poco interessante mentre mangiavamo, Jess continuava a guardarmi e sorridere ma io continuavo a voltarmi. Era dispiaciuta di avermi colpito? O semplicemente mi prendi in giro? non lo sapevo.

Mi ritirai nella mia stanza il più velocemente possibile dopo aver finito di mangiare senza chiedere scusa. Mi sono schiantato di nuovo sul mio letto e devo essermi addormentato, subito dopo mi sono svegliato. La mia lampada da comodino era accesa e qualcuno era seduto accanto a me.

"John, dobbiamo parlare" sussurrò, i miei occhi finalmente concentrati su Jess. Mi misi a sedere e la guardai con meraviglia, "che cos'è?" ho borbottato in risposta.

A quel punto i miei occhi scivolarono lungo il suo corpo, la sua forma succulenta era coperta solo da una stretta camicia da notte bianca. Ho iniziato immediatamente a pensare pensieri impuri, era mia sorella, la mia sorella gemella, ma era così bella e sexy che era come se l'artista più grande del mondo avesse dipinto la sua camicia da notte sulle sue curve. Mi resi conto che mi aveva parlato per tutto questo tempo e che non avevo prestato alcun tipo di attenzione alle sue parole. La sua mano si aggrappò al mio braccio come un modo per farmi notare, questo mi gettò fuori dal mio stordimento alimentato dalla lussuria mentre i suoi occhi si incontravano.

Nel secondo successivo ci stavamo baciando, il tipo di bacio caldo e pesante che condividono gli amanti. Le mie braccia avvolsero il suo corpo e la tirai giù sul letto mentre mi mettevo sopra di lei. Le nostre lingue si sono incontrate e si sono salutate calorosamente, ognuna cercando di superare l'altra.

Le sue mani scivolarono intorno a me proprio come avevano fatto quella mattina e mi strinsero forte. Nel frattempo le mie stesse mani scivolavano sul suo corpo, sentendo ogni pezzetto di carne esposta, sentendo ogni curva perfetta. Si è lamentata quando ha sentito il mio cazzo duro stringersi nella sua figa, anche attraverso i miei pantaloncini ero sicuro che potesse sentirlo per tutta la sua lunghezza contro di lei.

Interrompi il nostro bacio e fissai la sua scollatura, quelle tette morbide ma sode che mi tormentavano ogni giorno mi chiamavano con il loro canto delle sirene. Le mie mani si sono attaccate a loro con forza, schiacciandole insieme, facendole sembrare ancora più belle di prima, non ho resistito. Si sentivano così bene nelle mie mani, così morbidi e belli, che dovevo averli.

Ho abbassato la testa verso di loro e ho baciato ogni parte della loro carne scoperta prima di artigliare il tessuto per liberarli. Mi sono alzato leggermente per ammirare l'intera scena proibita, il suo bel viso con i profondi occhi blu che mi imploravano di fare a modo mio con lei, le sue 34D nude con i morbidi capezzoli rosa che aspettavano di essere succhiati.

Che diavolo stavo facendo?!

Barcollai all'indietro, gettandomi a metà della stanza, cosa avevo fatto?

Ci siamo guardati l'un l'altro per quella che sembrava l'eternità stessa finché lei si è mossa molto lentamente, aprendo le gambe e mostrandomi tutto, non aveva niente sotto. Mi è caduta la mascella.

Qui avevo tutto ciò che avevo sempre desiderato, la mia splendida sorella gemella sul mio letto, il seno in mostra, la figa bagnata per me. Non potevo farlo.

Sono fuggito dalla stanza.

La mattina dopo mi terrorizzava, alla fine ero tornato nella mia stanza vuota la notte per cercare di dormire ma non ne trovavo. Ho continuato a ripassare gli eventi del mio compleanno, ho fatto sesso con Kelly, una delle mie migliori amiche, quel pomeriggio senza dirci una parola per iniziare. Poi quella sera è quasi successo lo stesso con mia sorella gemella Jessica, di nuovo senza nemmeno chiederlo. Cosa stava succedendo da queste parti?

La mamma mi ha chiamato per colazione come faceva sempre, come avrei potuto vivere di nuovo la mia vita normalmente? Come potevo affrontarli dopo quello che avevo fatto? Dopo quello che avevo quasi fatto? Mi diressi in cucina e mi diressi immediatamente al mio cibo, senza perdere tempo per guardarmi intorno. Tenevo la testa bassa e mangiavo velocemente, sentivo Jess entrare nella stanza, non riuscivo nemmeno a guardarla. Sapevo che tutto ciò che avrei mai visto quando l'avessi fatto sarebbe stata l'immagine di lei che allargava le gambe per me sul mio letto.

Mi sono preparato e sono uscito dalla porta senza nemmeno salutare, camminavo così veloce che mi facevano male le gambe ma dovevo solo allontanarmi da quella casa. Ho mantenuto il mio ritmo frettoloso finché non mi sono ricordato esattamente dove stavo andando, fino a Kelly.

Alzai lo sguardo per la prima volta da quando avevo iniziato a camminare, eccola lì, eccola lì. Rivederla mi ha riportato immediatamente alla mente tutti i ricordi di ieri, era tutto ciò che potevo immaginare mentre la guardavo. Mi sono avvicinato a loro mentre il mio ritmo rallentava, continuavo a pormi una domanda dopo l'altra. Si aspettava di più adesso? Cosa avrei dovuto dire? Come avrei dovuto agire? Ian e Ash lo sapevano?

Ho esaurito il tempo e i passi perché ero a meno di pochi metri da loro, mi hanno sorriso e salutato, i miei occhi si sono incrociati con quelli di Kelly che mi hanno dato uno sguardo che non riuscivo a tradurre del tutto. Per quanto ho potuto dire, era insicura di cosa fare quanto me.

Siamo andati al college proprio come ieri, abbiamo chiacchierato tra di noi anche se io e Kelly ci siamo scambiati a malapena una parola. Sapevo che avrebbe rovinato la nostra amicizia, ora non sappiamo cosa fare in compagnia dell'altro. Avevamo bisogno di parlare delle cose in modo chiaro e veloce, ma i nervi stavano prendendo il sopravvento su di me, come avrei potuto iniziare la mia frase?

Le lezioni sono volate via e io a malapena prestavo attenzione, fino all'Arte, di gran lunga la mia parte preferita della giornata. Non solo ero bravo e la mia prima scelta quando ho deciso di venire qui, ma la vista era eccezionale. Il punto di vista è la bellissima donna che ci ha insegnato, la signora Abigail Wilson, che è stata abbastanza in gamba da permetterci di chiamarla Abby.

Abby era l'insegnante più giovane del college e aveva l'aspetto per dimostrarlo, i tratti del viso lentigginosi e da modella con i lunghi capelli rossi che gli ricadevano intorno, gli occhi verdi che ti perforavano il cuore ogni volta che guardava negli occhi. Il suo corpo era quello di una dea assolutamente priva di imperfezioni e aveva tutto, la pelle perfetta, il culo perfetto, una manciata di seni perfetti. Qualsiasi uomo sulla terra si inchinerebbe davanti a lei se lei glielo chiedesse con un sorriso.

La mia mente alla fine ha vagato da Kelly ad Abby, lei era l'unica cosa che avrebbe potuto farlo. Non stavo ancora ascoltando la lezione però, tutto ciò a cui pensavo era farla spogliare e fare a modo mio, stavo diventando piuttosto eccitato quando mi ha strappato dal mio stordimento. Proprio mentre stavo pensando alle cose sporche che potevo sentire da quelle grandi labbra rosse.

"E cosa abbiamo qui, signor Blake?" la sua voce risuonò in tutta la classe mentre mi metteva una mano sulla spalla e mi lanciava un'occhiata alla pagina bianca. Potevo sentire la sua mano tremare leggermente mentre parlava di nuovo "parlami dopo la lezione per favore". Ho iniziato a disegnare il più velocemente possibile.

Il campanello suonò per il pranzo e tutti si precipitarono fuori, io invece mi diressi lentamente verso la scrivania davanti. Abby mi stava fissando negli occhi mentre rimanevamo in silenzio per un momento. Non ho potuto fare a meno di darle un'occhiata un po'. La sua camicetta non faceva nulla per nascondere la forma dei suoi seni, né la sua gonna corta nascondeva quelle lunghe gambe lisce.

"Quindi John, sembra che tu abbia avuto problemi a concentrarti durante la mia lezione di oggi, è un peccato che sia davvero così, sei un ragazzo brillante e non vorrei che tu rimanessi indietro." la sua voce era così pura che ogni sillaba suonava come il canto degli angeli. "Dovrai essere punito".

Si alzò dalla scrivania e si diresse alla porta, potevo vedere le sue mani giocherellare con la maniglia e potevo giurare di averla sentita bloccarsi. È tornata di soppiatto verso di me con i fianchi che dondolavano da un lato all'altro in modo quasi seducente, cosa stava facendo?

"Abby cosa sei..." ho provato a chiederle ma lei mi ha messo un dito sulle labbra e ha sussurrato un 'shhh'. "Ti punirò per non aver prestato attenzione, finché questo rimane tra noi che è" la sua voce ora aveva un tono seducente che non avevo mai sentito prima.

"Ora siediti e prendilo come un uomo, non voglio sentire una parola da te" disse con voce molto più seria mentre si premeva contro il mio petto finché non mi sedetti sul bordo della scrivania.

Ho sentito la sua cruda eccitazione mentre un sorriso sexy attraversava le sue labbra, le sue mani scivolavano lungo il mio corpo, afferrando i miei muscoli. Le sue mani raggiunsero la mia cintura e la slacciò lentamente, stuzzicando il mio membro irrigidito prendendosi il suo tempo. Con la patta sui miei pantaloncini slacciata ha afferrato il mio cazzo che si è indurito all'istante, ha messo la sua bocca sul mio orecchio mentre muoveva la mano su e giù a un ritmo agonizzante.

"Mmm cattivo ragazzo, stai facendo irrigidire il tuo grosso cazzo dal tuo insegnante che ti punisce" mi sussurrò a malapena nell'orecchio prima di leccarlo e mordicchiarmi il lobo dell'orecchio. Mi ha mandato una scossa elettrica alla testa che mi ha solo reso più caldo, volevo sentirla parlare ancora più cattivo con me.

"Ti piace essere punito, vero? Lo ami, cazzo, vero? Bene, ora è il momento della cosa vera piccola" le sue parole mi sussurrano ancora una volta all'orecchio mentre cade in ginocchio davanti a me.

Le sue mani hanno rapidamente tirato fuori il mio cazzo attraverso la patta dei miei boxer, le sue mani morbide si sono sentite tutti e sette pollici. Potevo vedere i suoi occhi esaminarlo per un momento, quasi come se lo stesse valutando. Ho scoperto rapidamente perché, ha ingoiato tutto in gola. E ho pensato che le capacità di gola profonda di Kelly fossero buone.

La bocca e la gola di Abby erano completamente diverse, sembravano assolutamente paradisiache. La sua gola sembrava attaccarsi a me e massaggiare il mio cazzo dappertutto, era caldo, bagnato e sempre più bagnato. Tirò su la testa, ansimando per l'aria che era stata laggiù così a lungo. La saliva ha ricoperto tutta la mia asta che poi ha strofinato usando entrambe le mani mentre mi fissava negli occhi con uno sguardo sporco sul viso.

Ad essere onesti non sapevo molto di lei a livello personale, ma non avrei mai potuto prevedere che l'avrebbe mai fatto e anche con tanto entusiasmo. Ha ripreso a impalare la sua gola sul mio cazzo scivoloso, la sua saliva calda è scesa e ha cominciato a inzupparsi nei miei boxer. Ogni muscolo del mio corpo si tese per impedirmi di venire mentre gemevo forse troppo forte.

La sua passione era scritta su tutto il suo viso, mi ha fatto venire voglia di fissarla sulla scrivania e farle tutto. L'avevo pensato solo mentre si alzava e si sdraiava sulla scrivania mentre si tirava su la gonna e mi mostrava le sue mutandine di pizzo nero. La sua umidità era chiaramente visibile.

Ero completamente pronto a saltarle addosso e devastare il suo corpo, ma la mia mente sembrava doversi fermare e chiedere. Perché Abby stava facendo esattamente come pensavo? Non era il tipo di persona da fare questo, ne ero certo.

Allora perché?

Ho pensato di fermarlo prima che ci beccassero, avrebbe perso tutto se fosse stato scoperto. Toccai leggermente la sua coscia liscia che fece sobbalzare il suo corpo, come se fosse tornata nel mondo reale.

Ha buttato via la mia mano piuttosto velocemente mentre si lisciava di nuovo la gonna, nascondendo ancora una volta le sue mutandine.

"Faresti meglio ad andare John, per favore non dirlo a nessuno, per me ok?" mi supplicò con la faccia più triste che le avessi mai visto tirare. Tutto quello che potevo fare era annuire mentre infilavo il mio cazzo ancora duro e bagnato nei miei boxer. Mi sono allacciato i pantaloncini e sono scappato dalla stanza, dritto al bagno degli uomini solo per trovare uno specchio in modo da potermi guardare.

Mi sono fissata per quelle che sembravano ore e ore, Kelly... Abby... Jessica... li avevo manipolati tutti? E se sì, come?

Continua...

Storie simili

Ma tesoro, era solo un ballo, la storia di Linda

Sequel di; Ma tesoro, era solo un ballo. Linda racconta la sua storia a un amico. Nota: non c'è sesso in questa storia A tutti i lettori che hanno chiesto di rispondere alle domande, grazie. Ma tesoro, era solo un ballo Il seguito Un altro inverno di Chicago era storia. Oggi è stato il primo vero giorno di primavera. Quando Linda uscì, sentì l'odore dell'aria fresca e pulita del mattino. Ricorda il suono della pioggia primaverile sul tetto mentre lei e suo marito facevano l'amore la sera prima e come si aggiungeva alla sensazione calda e sicura che provava tra le...

763 I più visti

Likes 0

Scoprire che sono gay parte 3

Quindi pochi giorni dopo, dopo aver rotto con Lizzy, mi stavo abituando all'idea di essere di nuovo single. Quando ero al college a lezione con McKenzie, ha iniziato a sedersi accanto a me e ha detto Tu e Lizzy vi siete lasciati perché vi ho baciato? Ho guardato McKenzie e ho detto No, il motivo per cui io e Lizzy ci siamo lasciati è perché mi piaceva baciarti. Dopo aver detto che mi sono alzato dal mio posto, ho preso la borsa e sono andato a uscire dalla lezione mentre camminavo, il mio insegnante mi ha detto E dove pensi di...

1.9K I più visti

Likes 0

La mia giornata con James

James e io ci siamo incontrati tramite un annuncio craigslist che avevo pubblicato alcune settimane prima, ma non ci siamo mai incontrati. Abbiamo inviato un'e-mail di risposta e di quarto per circa una settimana prima che decidessi finalmente che ero pronto per incontrarci. Il mio cuore batteva forte e le mie mani tremavano mentre ho digitato il messaggio che avrebbe cambiato tutto. Ehi, penso di essere pronto per farlo. James ha risposto in pochi minuti, Perfetto ho domani libero. Prenderò una stanza d'albergo e ti verrò a prendere domattina, in questo modo possiamo passare l'intera giornata insieme. Il mio cuore ha...

1.8K I più visti

Likes 0

Cottage 13 – Parte 1

Questa storia parla di una moglie che sceglie di vivere la sua fantasia sessuale per il sesso forzato anonimo, all'insaputa del marito. Se non ti piace questo tipo di storia, o qualcuno a cui piace fare commenti anonimi denigratori, salta questa storia. Apprezzo i messaggi privati ​​che forniscono feedback e/o idee costruttive... NOTE: Ai fini di questa storia, il Geosexing è definito come una variante del geocaching, in cui uomini e donne utilizzano il Global Positioning System (GPS) per designare o cercare luoghi in cui fare sesso con un individuo consenziente. Questo non è in alcun modo un tentativo di ridefinire...

1.7K I più visti

Likes 1

Prima volta_(3)

Era la primavera del '99 e frequentavo l'ultimo anno delle superiori, avevo appena compiuto diciotto anni. Ero nella squadra di pallavolo, fisicamente in forma e pronto a sfidare il mondo. Avevamo appena vinto la nostra prima partita e dopo un discorso di incoraggiamento di coach Azzerelli, ci ha mandato alle docce. Mi ero spesso eccitato quando ero sotto la doccia dopo l'allenamento mentre guardavo gli altri fare la doccia. Li fissavo mentre tenevo la testa sotto il getto d'acqua, quindi non era ovvio. O così ho pensato. Uno degli chic della mia squadra era piuttosto figo, ma non sembrava mai avere...

1.5K I più visti

Likes 0

Joan va a Las Vegas #6

Mia moglie Joan ha viaggiato con me per viaggi di lavoro. Mentre lavoro, Joan cerca possibili avventure sessuali. Il prossimo viaggio di lavoro fu a Las Vegas. Las Vegas è un paese delle meraviglie del divertimento per adulti: casinò, showgirl, artisti famosi e meravigliosi hotel e resort. L'hotel in cui alloggiavamo era il Cosmopolitan. Avevamo una suite Lanai. Era una suite su due livelli con piscina privata e accesso diretto alla piscina Bamboo dell'hotel. Joan aveva comprato dei vestiti nuovi per il viaggio. Ha comprato eleganti abiti da sera e un nuovo micro bikini. Il lavoro mi consumava sempre durante il...

952 I più visti

Likes 0

Impero perduto 39

0001 - Tempo                                    0403 - Johnathon               in crescita 0003 - Conner                                   0667 - Marco                        -------- 0097 - Ace                                            0778 - Jan                         0098 (Lucy) 0101 - Shelby (nave madre)        0798 - Celeste 0125 - Lars                                           0908 - Tara 0200 - Ellen                                         0999 - Zan 0301 - Rodrick                                    1000 - Sherry Derrick alzò lo sguardo dal pavimento verso Shelby che si strofinava il lato del viso che sembrava reale! Non come un solido ologramma ma vera carne e sangue! Rimettendosi in piedi, indietreggiò lentamente da Shelby che fino a quel momento non si era mosso. Non so chi o cosa tu sia, ma...

792 I più visti

Likes 0

Condivido Kate

Vuoi un altro drink? No, grazie amico, risposi con un gesto sprezzante della mano. Penso di aver finito per la notte. Oh andiamo! lo pungolò Ryan. Non essere una femminuccia! Ho appena riso e scosso la testa per l'insistenza del mio amico. Va bene, risposi con decisione. Ma solo se anche Kate ne ha uno. Ryan inclinò la testa in direzione della sua ragazza che era seduta sul divano accanto a me, le gambe tirate sotto il corpo. La sua espressione rivelava il suo desiderio che tutti e tre continuassimo la nostra notte di bevute. “Ooooookay,” disse Kate, alzando gli occhi...

628 I più visti

Likes 0

Il vaso cinese

Il vaso cinese di Signorina Irene Clearmont 1 Preparazione. ---------------------------------- Questo è il problema del furto con scasso, puoi entrare in una culla, ad esempio una casa di periferia e mettere in rete un televisore e un lettore DVD e per tutti i tuoi problemi guadagnerai forse cento sterline o anche meno. Ogni giorno corri lo stesso rischio di un professionista ma la matematica del caso ti vedrà rispondere dei tuoi crimini davanti ai magistrati in breve tempo. L'alternativa è dedicare del tempo alla ricerca e alla ricerca dell'obiettivo perfetto e accumulare qualche centinaio di migliaia. Due volte all'anno mi metto...

509 I più visti

Likes 0

Divertimento per il pigiama party_(0)

Se non credi nel materiale dei ragazzi questa non è una storia per te. Per favore, dammi un feedback perché questa è la mia prima storia. Ciao, sono Charlie. Sono un ragazzo di 14 anni con i capelli castani. Sono alto 1,70 e ragionevolmente magro. Ho gli occhi verde-blu e mi sono sempre considerata etero, ma ogni tanto fantastico sui ragazzi. Quindi vi racconterò una piccola storia di quello che è successo non molto tempo fa..... Erano le vacanze e finora mi ero rilassato, ma mi stavo annoiando, così ho chiamato due dei miei amici e ho chiesto loro se volevano...

338 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.