SS Shotguneagle (parte terza)

126Report
SS Shotguneagle (parte terza)

"Patetico!" urlò Kenny.

Le strappò la frusta dal collo, lasciando Leah senza fiato. Leah si contorse per la disperazione mentre accoglieva più aria nei suoi polmoni. Era difficile lenire il suo collo dolorante. Tutto quello che poteva fare era aspettare che il dolore andasse via e singhiozzare.

Kenny gettò la frusta a terra e si avvicinò al suo carrello degli attrezzi. Dopo aver afferrato ciò che voleva, è tornato da Leah, in piedi di fronte a lei. Stava ancora singhiozzando, cercando di abituarsi al disagio che cresceva costantemente. Kenny pensava che fosse incredibilmente sexy. Pensava che potesse farla sembrare più sexy.

Le afferrò brutalmente la bocca con una mano. Stava per dirle di aprire la bocca, ma quando le strinse la bocca, si aprì leggermente. Questo è bastato a Kenny per inserire nella sua bocca il ring gag che ha afferrato dal carrello. Prima che Leah si rendesse conto di quello che aveva fatto, Kenny glielo mise in bocca in modo corretto e le legò la cinghia dietro la testa.

"Se non riesci nemmeno a svolgere un compito semplice, allora forse non c'è speranza per te. Ma ti farò imparare. Tutte voi puttane imparate, alla fine."

I suoi capelli neri erano impigliati nella cinghia, ma a Kenny non importava. Leah ha provato a espellere l'oggetto dalla sua bocca. Quando non ha funzionato, ha poi cercato di chiudere la bocca. Era impossibile. Leah realizzò con orrore che la sua bocca era spalancata e vulnerabile a Kenny.

"Che cazzo! Et aww! Et it aww!" urlò Lia. La sua lingua stava agitando rapidamente, sperando di spingere l'anello fuori dalla sua bocca. Ma con la cinghia assicurata intorno alla testa, non sarebbe successo.

Kenny sorrise con quel maledetto sorriso che Leah imparò rapidamente a odiare. Fece un passo indietro per ammirare il suo corpo indifeso. Era sicuramente un premio. Kenny preferiva quelle che sembravano la "ragazza della porta accanto". Erano molto più divertenti da rompere. Lo sguardo innocente che hanno fatto impazzire Kenny. Più le ragazze apparivano "angeliche", più medievale era il suo metodo.

Leah pensava che se avesse mosso la testa abbastanza forte, il bavaglio sarebbe caduto. L'unica cosa che è riuscita è stata causare più dolore alle braccia, che le tenevano ancora il corpo sollevato.

Kenny si avvicinò di nuovo al suo corpo vulnerabile. Anche appeso alla punta dei piedi, Kenny l'ha dominata. Le strattonò i capelli da dietro, costringendola a sollevare la testa. Leah emise un forte gemito dal tirarsi i capelli.

"Sembri così fottutamente sexy, cagna. Il tuo tormento mi sta facendo venire duro. So come puoi aiutarmi a renderlo solido come una roccia. Mi aiuterai?"

Kenny la costrinse ad annuire.

"CAZZO YUU!"

"Perché grazie, mia cara. Sei troppo gentile."

Leah ha cercato di prenderlo a calci, ma le sue gambe sembravano diventare più pesanti ogni secondo che passava. Non riusciva nemmeno a sollevare le ginocchia.

"La prima cosa che uno schiavo come te ha bisogno di imparare, è accettare il suo Padrone. Un modo per uno schiavo di dimostrare che per il suo Padrone è accettare una parte di lui."

Dopo aver sentito questo, Leah iniziò a dimenarsi. Ha subito pensato che il suo "dono" fosse il suo sperma. Mentre Kenny amava vederla in questo modo, le diede uno schiaffo in faccia con la mano libera.

"Calmati puttana! Non meriti il ​​mio sperma!" disse Kenny come se stesse leggendo nella mente di Leah. "Non ti sei guadagnato il piacere di avere il mio sperma. Non ci sono angoli taglienti qui!"

Leah era stordita dallo schiaffo. Credeva di non aver sentito quello che aveva appena detto Kenny. Che cazzo devo fare, pensò Leah. Questo ragazzo continua a peggiorare. Non voglio essere qui quando raggiunge la sua definizione di "peggio".

Leah chiuse gli occhi, non potendo sopportare di vedere cosa succede dopo con la sua bocca così vulnerabile. A Kenny questo non piaceva. Con la mano libera, le strinse forte il collo, soffocandola ancora una volta. I suoi occhi si spalancarono con uno sguardo di paura in essi. Leah si imbavagliava rumorosamente.

"Non osare chiudere gli occhi, cazzo, troia ingrata. Gli schiavi accolgono sempre con favore qualsiasi dono che il loro padrone fa loro. Come può uno schiavo essere così scortese? Sei davvero così ingrato?" Kenny stava aspettando una risposta. Quando Leah capì cosa stava aspettando, cercò di rispondere, ma non ne uscì alcun suono.

Kenny posò l'orecchio verso la bocca aperta di Leah. "Cos'è stato? Non ti sento."

Leah raschiò tutto lo sforzo rimasto sul fondo della canna e disse piano: "Ohh..."

"'No' cosa!? Come chiama uno schiavo il suo padrone?" La presa di Kenny sul collo di Leah si fece un po' più stretta. Non aveva idea di come fosse in grado di dire qualcos'altro, per non parlare di emettere qualsiasi tipo di suono.

"Ohh... Ehm..." Leah cercò di dire "No, signore", ma era incoerente a causa del ring gag e del soffocamento. Kenny sapeva cosa aveva detto e sorrise con il suo sorriso malvagio.

"Così va meglio, schiavo." Detto questo, Kenny accumulò la propria saliva prima di sputare nella bocca aperta e forzata di Leah. Le lasciò il collo, questa volta chiudendole il naso mentre continuava a forzarle la testa tirandole i capelli.

Gli occhi di Leah si allargarono dopo aver realizzato cosa aveva appena fatto Kenny. Kenny adorava l'espressione di orrore sul suo viso. Sapeva che Leah l'avrebbe odiato. Lo divertiva che pensasse che quel piccolo atto di violazione la disgustasse immensamente. Se pensava che fosse un male, Kenny non vedeva l'ora di farle cose che avrebbero potuto farla entrare in uno stato catatonico. Ma Kenny non voleva farle questo. Non subito comunque. Faceva sempre piccoli passi di degrado con i suoi "schiavi". È come pugnalare qualcuno con un coltello. Se vuoi che lo sentano davvero, devi farlo lentamente e finirlo con una rotazione più lenta della lama.

Leah ha cercato di sputarlo ma Kenny aveva una presa salda sulla sua testa. Non riusciva a respirare attraverso il naso grazie a lui. Leah non ha inalato abbastanza ossigeno prima che Kenny le chiudesse il naso. Quando non riuscì più a resistere, Leah, con terrore, ingoiò lo sputo di Kenny. Ha mantenuto la presa su di lei finché non ha visto che ha ingoiato tutto.

"EW UHHER UCKA! AAARRRGGHHH!!!" gridò ad alta voce Leah.

"Era un ringraziamento? Aw, sei il benvenuto, schiavo. Dato che sei così grato, eccone un altro." Kenny ha accumulato più saliva questa volta. Leah cercò di liberarsi dalla sua presa, non credendo che l'avrebbe fatto di nuovo.

"Oh mio Dio, lo farà di nuovo! NO!" pensò Lia.

Questa volta Kenny lasciò cadere lentamente lo sputo nella bocca di Leah. Leah non poteva fare altro che accettarlo, che le piacesse o no. Chiuse gli occhi, senza curarsi delle conseguenze. Dopo aver sputato l'ultima goccia, Kenny aspettò che lei la ingoiasse.

"Come mai voi puttane siete sempre così desiderose di disobbedire? Va bene. Imparerai. Proprio come il resto di loro, imparerai cosa significa disobbedire al suo padrone. E non è niente come le storie che senti !"

Leah resistette ancora un po' questa volta prima di ingoiare inevitabilmente il suo sputo ancora una volta. Kenny alla fine le sciolse i capelli, lasciando che la sua testa cadesse in avanti. Leah poteva solo provare a raschiare con la lingua qualsiasi residuo del suo sputo fosse nella sua bocca. Cominciò a piangere di nuovo, facendo ancora fatica a credere alla situazione in cui si trovava. Mai in un milione di anni avrebbe pensato che le sarebbe successo. Nessuno merita questo tipo di trattamento. Questi animali devono essere messi via. Non meritano di essere liberi. Leah potrebbe essersi sentita come se fosse stata sconfitta, ma era comunque determinata a fermare questi mostri.

Kenny si avvicinò al luogo in cui era riposto il whisky e si versò un bicchiere. Lo portò insieme ad alcuni altri oggetti per il prossimo atto.

Posò il bicchiere su un tavolo vicino. Kenny ha afferrato una delle catene inutilizzate che aveva tirato giù prima e l'ha tirata giù ulteriormente. Lo tirò fino in fondo lungo il lato destro di Leah. All'estremità della catena vi collegò una cinghia spessa e imbottita. Kenny ha usato quella cinghia per circondare il ginocchio destro di Leah. Dopo averlo assicurato, ha tirato l'altra estremità della catena, il che ha portato il suo ginocchio destro a sollevarsi fino a quando non è stato vicino alla sua tetta destra. Kenny ha assicurato la catena, lasciando la sua gamba destra appoggiata.

Ha ripetuto lo stesso processo con l'altra gamba usando una catena e un cinturino diversi. Alla fine, le sue gambe erano spalancate con le ginocchia piegate. Al rialzo, le sue ginocchia la stavano aiutando a prendere parte della tensione dalle sue braccia che reggevano il suo corpo. Non ci vorrà molto prima che le ginocchia di Leah inizino a dolere di nuovo.

Kenny adorava l'aspetto delle sue gambe. Solo la quantità perfetta di carne su di loro, pensò. Ha ricordato da alcuni dei suoi video, ha affermato che si allena raramente. Sembra che sia solo fortunata ad avere un corpo da urlo. Male per Lia. Ottimo per Kenny.

E proprio come il resto del suo corpo, la figa di Leah era altrettanto carina e dall'aspetto innocente. Kenny si chinò per affrontarlo faccia a faccia. Non gli importava della piccola macchia che aveva lasciato con la barba lunga. Ma conosceva Buddy e gli piacciono le sue donne glabre laggiù. Quindi se ne andrà non appena sarà il suo turno di divertirsi con Leah.

Senza alcun preavviso, Kenny ha inserito due dita nella figa di Leah. Leah ululò molto forte, tremando per il tentativo di tirar fuori Kenny da lei. Abbassò lo sguardo per vedere cosa stava facendo e si limitò a ululare di più. Leah iniziò immediatamente a piangere per il suo tormento. Sapeva che era inevitabile, ma non significava che fosse pronta.

Kenny non poteva muoversi tanto all'interno a causa di quanto fosse asciutta Leah. Tirò fuori le dita prima di alzarsi per affrontare Leah.

"Questo non ti eccita, cagna? Eh? Non riesci a trovare alcun piacere nei miei giochi malati? Va bene. Preferisco che i miei schiavi lo odino. Lo rende molto più piacevole per me. Il tuo dolore è il mio piacere."

Kenny ha inserito le sue dita che erano solo nella figa di Leah nella sua bocca. Usò la sua lingua per bagnarsi le dita. Leah non poteva evitarli. Era disgustata dal fatto che le stesse facendo assaggiare le sue dita. Leah non ha mai fatto niente del genere prima. Todd, il suo ragazzo, scherzava dopo averla scopata con le dita, cercando di convincerla a leccargli le dita. Sapeva che non l'avrebbe mai fatto, quindi pensava che fosse divertente quando si sarebbe avvicinato alla sua bocca con le dita coperte dai suoi succhi. Lei rideva e gli diceva di smetterla. Leah non era in vena di ridere questa volta.

Kenny tenne le sue dita nella sua bocca finché Leah non le fornì abbastanza saliva per ricoprirle. Quando fu soddisfatto, Kenny tornò giù e rimise le dita nella figa di Leah. Lo odiava ancora di più ora che Kenny poteva entrare con facilità grazie al suo sputo. Kenny è stato felice di scoprire che era stretta! Ancora una volta, ricordando da alcuni dei suoi video che ha visto, ha detto che il suo attuale ragazzo è l'unico ragazzo con cui ha avuto una relazione seria. Il suo cazzo doveva essere una scusa per essere virile, pensò Kenny.

Oh bene. È stata una piacevolissima sorpresa.

Ha lavorato le sue dita dentro di lei, assicurandosi di coprire ogni centimetro di lei. Inserì a malapena un altro dito lì dentro, testando quanto poteva sopportare. Un quarto dito era fuori questione.

"Hai una figa stretta. Lo adoro! È molto più divertente allungarlo. Non ti piacerà, ma va bene. Perché amerò ogni secondo."

Kenny ha lavorato con le dita su di lei mentre piangeva. Il suo pianto lo ha solo eccitato di più e lo ha motivato a continuare. Anche Leah non riusciva a smettere di sbavare a causa della sua bocca aperta forzata. Cercò di immaginarsi altrove, tranne dove fosse in quel momento. Sfortunatamente, con suo grande sgomento, si stava eccitando per il dito di Kenny. Solo il suo ragazzo, Todd, sapeva quanto si eccita e si bagna facilmente quando sono intimi. Questo sicuramente non era un momento intimo, ma il suo corpo non sapeva niente di meglio.

Kenny è stato felicissimo quando la figa di Leah è stata inzuppata con i suoi succhi.

"Oh, sì, sei decisamente una troia. Dovevi esserlo dal giorno in cui sei nata. Sai come posso dirlo? Perché ti stai divertendo in questo momento. Guarda come ti stai bagnando, cazzo! Che puttana del cazzo!"

Leah riusciva a malapena a sentire Kenny. Il suo corpo ha continuato a tradirla mentre il piacere aumentava nei suoi lombi grazie a Kenny. I suoi singhiozzi si intrecciarono lentamente con gemiti che non poteva fare a meno di esprimere. Hanno superato il punto di non ritorno. Leah doveva scendere. Il suo corpo lo stava urlando. Se avesse potuto, avrebbe aiutato Kenny ondeggiando i fianchi per far combaciare il suo attacco con le dita. Probabilmente era una buona cosa. Leah non voleva che Kenny sapesse che voleva aiutare. Ma Kenny lo sapeva.

"Potresti anche non combatterlo. So che sei una troia arrapata. Sei proprio come le altre donne che passano di qui. E pensano di poter prendere la strada più facile, ma non con me. Devi farlo impara la disciplina. Trovo che la via più difficile sia più efficace. Vedrai.

Leah ignorò Kenny e si concentrò sul raggiungimento dell'orgasmo. Si stava avvicinando. Poteva sentirlo. A questo punto Leah non si degnò di nascondere i suoi gemiti di piacere. Era troppo opprimente. Proprio quando stava per oltrepassare il limite, Kenny si fermò di colpo e tirò fuori le dita da lei. Gli occhi di Leah si spalancarono per la confusione. Guardò Kenny per vedere cosa stesse facendo. Si alzò di nuovo in piedi.

"Come ho detto puttana: non sarà così facile." Kenny le sputò in faccia. Non gli importava se le fosse finito in bocca. "Voi puttane mi fate star male". Il suo sputo le cadde sugli occhi e sul naso. Leah sbatté le palpebre rapidamente per asciugarsi la saliva dall'occhio. Era contenta che Kenny si fosse fermato, ma era più delusa. Leah voleva venire. Pensava che avrebbe potuto anche finire da quando ha iniziato.

"Aspetta, cosa sto pensando?" pensò Lia. "Non posso cedere a questo cazzo malato! Non posso dargli la soddisfazione."

Kenny è scomparso ancora una volta dietro Leah. Stava iniziando a perdere la sensibilità tra le sue braccia. Presto saranno le sue gambe. Leah non ha idea per quanto tempo Kenny ha intenzione di tenerla così. Voleva scendere così tanto.

"Hease... et ee oun... eeease..." Leah implorò il suo rapitore di deluderla. Kenny la ignorò. Si inginocchiò dietro il culo esposto di Leah, allargandole le guance per ispezionarle il buco del culo. È saltata dal tocco di Kenny. Era qualcosa a cui Leah non si sarebbe mai abituata.

"Ti sei mai ficcato qualcosa su per il culo, schiavo?" Kenny ha chiesto anche se aveva una buona idea di quale fosse la risposta. Leah era in crisi isterica. Ogni volta che Kenny la informava di ciò che aveva pianificato dopo, lei riusciva a trovare la forza per riprendere a dimenarsi, sperando che le avrebbe allentato i legami. Leah non sarebbe stata così fortunata.

"Questo è quello che pensavo" Kenny usò le altre due dita dell'altra mano per spingerle dentro la figa. "Non ti dispiace se uso i tuoi succhi per aiutarmi a entrare più facilmente nel tuo culo, vero? No? Perché grazie." Kenny seppellì ancora una volta le sue dita in profondità nella figa bagnata di Leah. "Devo assicurarmi di essere ben lubrificato, altrimenti non ti divertirai sicuramente. Probabilmente ti starai chiedendo perché sono stato così gentile all'improvviso."

"Bello!?" pensò Lia. Odiava il modo in cui non riusciva a formare parole a causa del ring gag. La stava tormentando altrettanto che perse la capacità di urlare contro il suo rapitore. Voleva che lui sapesse cosa stava pensando, ma non c'era modo che sarebbe successo. Tutto ciò che poteva fare ora è combattere. Ebbene, non è esattamente esatto. "Resistere" sarebbe una parola migliore.

"Beh, finora sono più che soddisfatto di te. Alpha ha portato molti premi in passato ma tu sei, di gran lunga, il più promettente di tutti. Stavolta l'ha fatto davvero. E si è fatto avanti con un piano geniale! Non vedo l'ora di iniziare. Quel figlio di puttana sa come divertirsi. "

Leah si è ricordata di aver incontrato Alpha ieri. Non l'ha preso sul serio. Come potrebbe? Non avrebbe mai immaginato di trovarsi in una posizione del genere. Soprattutto, Leah pensava che ormai sarebbe scappata. C'è ancora speranza.

"Quindi ho pensato di prendermi questo momento per prenderti le cose con calma. Ma non ti ci abitui, hai capito? Ehi! Ti ho fatto una domanda!" urlò Kenny. Leah sapeva cosa voleva che le dicesse. Voleva davvero continuare a essere provocatoria e combattere, ma, allo stesso tempo, Leah voleva davvero che finisse. Aveva bisogno di recuperare le forze. Vivi per combattere un altro giorno.

"Ehs... Astuh..." Era il meglio che Leah poteva fare. Non suonava come "Sì, maestro", pensò Kenny, ma andrà bene.

"Va meglio."

Dopo che le dita di Kenny sono state ben lubrificate grazie alla figa bagnata di Leah, l'ha tirata fuori, solo per inserirle nel culo di Leah questa volta. Era molto più stretta nel culo. Kenny ne era molto felice. Ha concluso che non aveva mai fatto sesso anale o bloccato alcun oggetto lì prima. La storia gli ha insegnato che le ragazze, come Leah, hanno fatto il miglior tipo di schiavo che un padrone potesse mai immaginare.

Lia voleva morire. Detestava l'idea che qualcuno o qualcosa le ficcasse qualcosa su per il culo. Per lei è stato l'atto sessuale più disgustoso di sempre. Leah non si considerava una puritana, ma questo stava superando il limite. L'unica cosa che poteva fare era continuare a dimenarsi, pregando che Kenny trovasse Dio nei prossimi secondi e realizzasse il suo atto orribile. La fortuna di Leah non è ancora cambiata.

Kenny ha dovuto fotterle lentamente il culo con le dita per entrare più a fondo. Era naturalmente tesa, ma Leah si stava stringendo da morire per impedire a Kenny di andare oltre. Ma non serviva. Kenny aveva il sopravvento. Nessun gioco di parole.

Ci sono voluti alcuni minuti prima che Kenny arrivasse al minimo. Anche quando le sue dita erano completamente dentro, non poteva muoversi di un centimetro! A Leah, tuttavia, sembrava che le stesse prendendo a pugni l'interno. Ascoltare Leah gemere e piangere era musica per le orecchie di Kenny. Non vedeva l'ora di fare un lavoro serio su di lei. Non dimenticherà mai l'esperienza qui.

"Farai meglio a troncare quella merda. Non abbiamo nemmeno scalfito la superficie. Se pensi che sia brutto, non sopravviverai a ciò che ti aspetta. Potremmo dover fare dei piccoli passi. Dannazione, tu sono una cagna stretta!" Kenny riuscì a muovere lentamente le dita dentro di lei. Voleva che fosse preparata per il prossimo. Kenny amava torturare le donne, ma ci giocava sempre con sufficiente attenzione per prevenire qualsiasi tipo di danno permanente a loro. Altrimenti, il gioco è finito. Ha ammesso ad Alpha e Buddy, più di una volta, che ci sono stati momenti in cui si è spinto troppo oltre ed è rimasto sorpreso quando gli schiavi non hanno incontrato la loro prematura scomparsa.

Leah non ha mai smesso di ululare. Pensò che se avesse urlato forte e abbastanza a lungo, Kenny si sarebbe fermato, senza rendersi conto che lo stava solo istigando. Pozze di saliva continuavano a gocciolare dalla sua bocca aperta sul terreno. Ha perso ogni sensibilità alle braccia. Le sue gambe sarebbero andate dopo. Leah sperava che il suo culo sarebbe stato il prossimo in modo da non dover sentire la violazione di Kenny.

Sembrava che fosse passata un'eternità per Leah quando finalmente Kenny le tolse le dita dal culo. Lo ha fatto lentamente, evitando qualsiasi grave infortunio. Leah era grata e non pensava di poterlo sopportare per un altro minuto. Il suo cuore batteva veloce, costringendola a prendere respiri profondi e superficiali. Il corpo di Leah luccicava per il sudore.

"Questo dovrebbe andare." disse Kenny alzandosi per recuperare un oggetto. Ha preso questo momento per sgranchirsi le gambe dopo essersi inginocchiato a lungo. Leah sperava che il calvario fosse finito e ha cercato di dire a Kenny di deluderla. Il ring gag continuava a farla sembrare incoerente. Aveva una buona idea di cosa volesse, però.

"Abbiamo quasi finito per oggi. So che deve essere triste per una troia arrapata come te, ma tutte le cose belle devono finire."

"Questo cazzo di ragazzo..." pensò Leah.

"Tutto quello che devi fare, per terminare questa sessione di oggi, è sperma. Cum e hai finito. Semplice, giusto?" Kenny era ancora dietro Leah, mentre preparava l'oggetto che aveva in mano. Leah temeva l'idea. Questo sarebbe sicuramente il momento più imbarazzante e tortuoso di sempre. L'ultima cosa che voleva fare davanti a lui era avere un orgasmo. Ma ha detto che sarebbero finiti per oggi. Dopo tutto quello che è successo a Leah, ha pensato che fosse la migliore notizia che ha sentito oggi.

Leah annuì furiosamente, accettando l'accordo di Kenny.

"Bene."

Leah sentì una pressione immediata dal suo culo. Lanciò un forte guaito per lo shock. Pensava che Kenny stesse reinserindo di nuovo le dita per continuare la tortura. Qualcosa era diverso, però. Qualunque cosa stesse succedendo dentro di lei, era enorme. Non erano le sue dita. Era qualcos'altro. L'oggetto la stava allungando lentamente e dolorosamente. L'unico sollievo che ha provato è stato quanto fosse scivoloso l'oggetto quando è entrato. Kenny ha usato il suo lubrificante in bottiglia questa volta.

"Ci siamo quasi..." lo lusingò Kenny. "Probabilmente sei felice che ti abbia scaldato il culo prima di questo, eh?"

Leah gemette solo di dispiacere mentre l'oggetto misterioso affondava più in profondità. Era come se le stesse spingendo un palo dentro. I diversi suoni emanati da Leah diedero a Kenny un'erezione. Chiuse gli occhi, perdendosi nel momento.

Alla fine, Kenny si fermò. Si alzò di nuovo, lasciando l'oggetto nel suo culo. Prese una sedia di fronte a lei per avere una visuale perfetta. Sembrava sbalorditiva. La paura nei suoi occhi ha reso il suo cazzo solido come una roccia. Si sedette e spiegò cosa sarebbe dovuto succedere dopo.

"Ho inserito un oggetto speciale dentro quel tuo bel culo. Una volta era un normale vibratore da 7 pollici, ma grazie al nostro buon amico Alpha, è riuscito a modificarlo con qualche ritocco. Tra un minuto lo cambio il vibratore sull'utilizzo di questo telecomando wireless. Funzionerà normalmente, vibrando dentro di te, il che sono sicuro di per sé sarebbe abbastanza scomodo. Ma ogni 2 minuti riceverai una scarica a bassa tensione che durerà solo per un secondo. me quando dico che un secondo di shock è sufficiente per causare un dolore estremo".

Kenny stava anticipando i piaceri a venire. Le lacrime rigarono il viso di Leah quando si rese conto che sarebbe stato un vero inferno. Leah implorò con i suoi occhi e geme a Kenny di deluderla. Ha anche provato a dirgli che l'avrebbe fatto saltare in aria se l'avesse liberata. Ancora una volta, grazie al bavaglio, niente di ciò che ha detto aveva senso. Kenny ha accolto tutta la miseria di Leah.

"Sta a te decidere quanto tempo vuoi rimanere così. Non appena vieni, hai finito. È una promessa."

Per quanto Leah fosse inorridita, capiva cosa doveva fare per porre fine a questa agonia. La sua preoccupazione era che non sarebbe mai stata in grado di avere un orgasmo poiché non ha mai usato il culo per averne uno. Leah ha sentito che è possibile, ma era diverso per tutti. Sperava di essere il tipo che li avrebbe presi facilmente. Leah stava per scoprirlo.

"Ora, che i giochi abbiano inizio!"

Con la semplice pressione di un pulsante dal telecomando wireless, il vibratore nel culo di Leah si è acceso. Il corpo di Leah si tese immediatamente. È stata la sensazione più innaturale di sempre. Odiava tutto. Il vibratore nel suo culo era già abbastanza brutto. Il movimento da esso, ha peggiorato di dieci volte. L'oggetto le ha fatto scoprire parti del suo corpo di cui non sapeva nemmeno l'esistenza. Alcune cose era meglio lasciare un mistero.

Leah ora voleva più di ogni altra cosa tirare fuori il vibratore o, per lo meno, scappare da esso. Le sue restrizioni continuavano a fare il suo lavoro nel tenerla contenuta e immobile. Questo era ingiusto. Questo era sbagliato. Leah pensava di non meritare questo. Nessuno merita questo. E se non è scappata, il suo tempo qui non potrà che peggiorare. Per ora, doveva concentrarsi per superare questa prova.

All'improvviso uno shock doloroso esplose nel suo culo, intensificando immensamente il suo dolore. Leah si sentiva come se qualcuno le avesse appena pugnalato le viscere. Mai in vita sua ha mai provato una tale angoscia. Kenny aveva ragione. Lo shock di un secondo è stato oltre il doloroso. Kenny stava semplicemente seduto lì a guardare affascinato. Vide Leah fare facce diverse di dolore e orrore. Non poté fare a meno di iniziare a strofinarsi l'erezione attraverso i pantaloni. Leah sperava di poter continuare a supplicare Kenny, ma fu (mentalmente) scioccata nel vedere Kenny strofinarsi i pantaloni.

"Oh mio Dio," pensò Leah, "se ne sta andando!" Leah chiuse gli occhi e pianse. Niente e nessuno l'avrebbe salvata. Sarebbe rimasta bloccata così per tutto il giorno! Leah era ben lontana dal raggiungere l'orgasmo. Sperava che per lo meno sarebbe svenuta per questo. Come se il destino la stesse prendendo in giro, un altro shock le esplose nel culo, riportandola in allerta.

Kenny non poteva trattenersi. Si aprì la cerniera dei pantaloni e fece uscire il suo cazzo duro e furioso. Leah era terrorizzata nel vederlo. Era grande. 8 pollici e di spessore. Sembrava giusto in base al tipo di corpo che aveva. Chiuse gli occhi quando lui iniziò a masturbarsi proprio di fronte a lei.

Leah odiava l'idea, ma doveva scavare in profondità, dentro di sé, proprio come il vibratore penetrante e scioccante, e concentrarsi per avere un orgasmo. Senza perdere altro tempo, Leah si concentrò sull'orgasmo. Kenny ha notato quello che stava facendo. Lo trovava divertente.

"Ecco fatto, piccola. Concentrati a lungo e duramente per avere un orgasmo solo per me." Kenny intensificò i suoi colpi. Leah perse la concentrazione per un momento quando Kenny parlò. Era l'ultima persona a cui stava pensando per aiutarla a venire. Perse di nuovo la concentrazione quando arrivò un terzo shock.

Con sua sorpresa, gli shock mescolati alle vibrazioni e alla concentrazione, l'hanno aiutata a trarne un po' di piacere. Non molto, ma un inizio. Con la speranza di Leah in aumento, tornò a concentrarsi. Immaginò il suo ragazzo Todd e quanto lo trovasse attraente. Leah ha pensato alle sue attuali cotte e a cosa la rende molto sexy. Essendo la nerd del gioco che è, molte delle sue cotte erano personaggi di fantasia. Hanno spaziato da personaggi di videogiochi, personaggi di anime, personaggi di fumetti, ecc.

Stava funzionando. Leah immaginava anche di essere sola nella sua stanza, a masturbarsi in pace e privacy. L'unico momento in cui la sua concentrazione si è interrotta è stato quando sono tornati gli shock di un secondo. Eppure aiutava ancora ad aumentare il piacere dentro di lei. Se solo Kenny fosse rimasto in silenzio durante l'intero calvario.

"Esatto, troia. Fottuta sborra, come la puttana di sborra che sei! Sai che lo vuoi. Questo è stato qualcosa che volevi da sempre. Siete tutti uguali. Ogni donna è una puttana ingoiata di sborra. Hai solo bisogno qualsiasi scusa per esserlo!" Kenny ha mantenuto i suoi colpi ritmici.

Anche con Kenny che parla, Leah ha mantenuto la mente sul punto. Ha perso da quanto tempo è rimasta in questo scenario, ma si stava avvicinando sempre di più. Gli shock, per quanto dolorosi fossero ancora, la stavano aiutando ad aumentare il suo piacere. Il respiro di Leah è diventato più veloce. Il suo gemito era forte e, innegabilmente, emanava gratificazione. Lia era molto vicino. Le basse vibrazioni ora erano solo una presa in giro. Aveva bisogno di una spinta per mandarla oltre il limite. Neanche gli shock di un secondo lo stavano facendo. Leah si sentiva sconfitta quando Kenny parlò di nuovo.

"Posso dire che ci sei vicino. Mi piacerebbe prolungare i tuoi sforzi, ma ho delle cose da fare prima che la giornata finisca. Dato che hai fatto la maggior parte del lavoro, ti porterò al traguardo". Con il telecomando a portata di mano, Kenny ha aumentato le vibrazioni al massimo. Non appena l'ha fatto, Leah ha sperimentato l'orgasmo più grande che abbia mai avuto. Quando le vibrazioni si sono intensificate, è diventata dura. I suoi occhi si spalancarono, presi alla sprovvista dall'improvvisa sensazione potente. Anche con gli occhi aperti, Leah vedeva stelle e colori. Tutto intorno a lei scomparve e l'unica cosa che sapeva esistere era il suo potente orgasmo.

Sembrava un'eternità che il suo climax si placasse. Kenny è venuto nello stesso momento in cui è arrivata Leah. La sua espressione di eccitazione è stata sufficiente per farlo venire. Il suo carico è esploso atterrando sul pavimento freddo. Un po' si è rovesciato sulla mano con cui si stava masturbando, mungendo fino all'ultima goccia. Kenny non si stancava mai dei propri orgasmi. Inutile dire che i migliori sono sempre stati la tortura di una bella donna.

Kenny era molto soddisfatto della sessione di oggi. Ha scoperto molto su Leah. Soprattutto i suoi limiti. Sarebbe stato elettrizzato dal superamento dei suoi limiti e confini in futuro. Kenny ha abbassato la vibrazione al minimo, oltre a spegnere gli shock, lasciando che Leah si ricomponesse meglio che poteva. Si alzò in piedi, il suo cazzo ora sgonfio e ancora appeso. Si avvicinò alla molto esausta Leah.

"Molto bene, schiavo. Mi divertirò a romperti lentamente. Non vedo l'ora di rivederti molto presto. Ecco qualcosa per cui ricordarmi prima di allora. Te lo sei guadagnato." Kenny ha spalmato lo sperma che si è versato nella sua mano nella sua bocca aperta. Leah era più che stanca di preoccuparsene. Era ancora disgustata e ha tentato di toglierne un po', ma Kenny si è assicurato che fosse profondamente nella sua bocca.

"Divertiti con Buddy. So che anche lui ti amerà." Kenny si chiuse la cerniera dei pantaloni prima di dirigersi verso la porta di uscita. Leah capì dove stava andando, facendola dimenare come un animale selvatico. Leah pensava che non ce l'avrebbe fatta se fosse rimasta così per il resto della giornata. Aveva la gola dolorante ma riuscì a gemere e ululare forte, facendo tutto il possibile per attirare la sua attenzione.

Kenny se lo aspettava. Avrebbe voluto non dover andare così presto. Altrimenti, avrebbe fatto durare più a lungo la sua sessione con Leah.

"Cosa? Una promessa è una promessa. Te l'avevo promesso, saresti finito se potessi venire come la puttana che sei, e l'hai fatto. Ora abbiamo finito. Sto per partire e puoi fare quello che vuoi volere."

Leah ha continuato la sua protesta. Non poteva credere che l'avrebbe lasciata così. Aveva bisogno di essere delusa. Non ce la faceva più. Kenny sorrise mentre tornava indietro, cambiando la sua espressione in una seria quando la affrontò ancora una volta.

"Vuoi che io ti deludi? È così?"

Leah annuì, supplichevole.

"Anche tu sei una puttana bisognosa, vero?" chiese Kenny con tono serio.

Leah chiuse gli occhi e produsse altre lacrime, annuendo alla sua domanda.

"Ricordi quello che ho detto sul tagliare gli angoli qui? Non lo facciamo. Quindi, se vuoi andartene così tanto da qui, dovrai farlo da solo."

"Cosa intendi con 'fai da me'?", pensò Leah. "Come posso? Sono fottutamente legato con un fottuto vibratore nel culo! FAMMI FUORI DA QUI ORA!" Kenny poteva dire cosa stava pensando grazie alle sue espressioni.

"Credo di poter capire il tuo punto. Sarebbe difficile per te scendere in questa posizione. Ti dico una cosa, ci vediamo a metà strada. Se riesci a toglierti quel tappo dal culo da solo, io' ti deluderò. Affare?"

Leah ha risposto allo stesso modo in cui ha risposto.

"Bene! Tornerò quando sarai in grado di fare la tua parte. Non preoccuparti. Vedi quella telecamera lì?" Leah guardò dove stava indicando Kenny. Al soffitto d'angolo, Leah poteva vedere una piccola telecamera puntata su di loro. Il punto rosso diceva loro che stava registrando ogni minuto della loro sessione. Leah era in un nuovo mondo di imbarazzo. L'ultima cosa che voleva era che qualcuno la vedesse così. "Guarderò dentro per vedere i tuoi progressi. Nel momento in cui sbarazzerai del vibratore, tornerò. Un'altra promessa che ho intenzione di mantenere."

Kenny estrasse dalla tasca il telecomando del vibratore speciale. "Ecco una piccola motivazione per iniziare." Kenny ha aumentato la vibrazione nel suo culo insieme agli intervalli di shock di 2 minuti. Leah è stata riportata al suo stesso inferno che pensava di aver lasciato per sempre. O almeno per oggi.

Kenny ha lasciato l'assediata Leah al suo destino. Ha lasciato la stanza per sempre chiudendosi la porta alle spalle. Leah pensava di poter espellere l'oggetto da lei prima che Kenny lasciasse la stanza, ma con sua grande delusione era impossibile. Non sapeva, Kenny non ha mai menzionato la base del vibratore. Apha ha anche aggiunto un piccolo palloncino gonfiato che si è sgonfiato lentamente nel tempo. Al ritmo della sua deflazione, Leah sarebbe in grado di espellere il vibratore dal suo culo in poco più di un'ora.

Leah non lo sapeva e sarebbe stata in un altro mondo di dolore fisico e mentale. Tutto questo faceva parte del piano di Kenny di torturare non solo il corpo perfetto di Leah, ma anche la sua mente. Sapeva che era una combattente, quindi ci sarebbe voluto del tempo prima che si rompesse completamente. A quel punto il divertimento sarebbe finito. È stato il processo che è valso la pena per i tre amici. La giornata di Kenny stava andando molto bene per lui. Non poteva dire lo stesso per Leah però. E Kenny non l'avrebbe fatto in nessun altro modo.

Storie simili

In famiglia (parte 5)_(1)

Vuoi un po' di compagnia? Cam fece capolino nella doccia. La guardai con gli occhi socchiusi mentre mi tiravo indietro i capelli bagnati dagli occhi. La bella addormentata è finalmente in piedi. ho preso in giro. Fece una risatina e aprì la porta a vetri. Devi sciogliere l'asciugamano, lo sai. dissi, guardando l'asciugamano che stringeva così forte al suo corpo. Entrò e gettò l'asciugamano per terra. Era tutto pieno di vapore nella doccia, quindi non potevo vederla chiaramente, ma potevo vederla. Mamma e papà non si sono ancora alzati? Non credo. Disse e prese una bottiglia di shampoo. Perché non ti...

433 I più visti

Likes 0

Mother's Submission - Capitolo 12

Alex Morgan si guardò intorno nella sua stanza del dormitorio, la stanza in cui aveva trascorso gli ultimi anni. Aveva alcuni bei ricordi qui, ma ce n'era uno eccezionale. Quando il suo amico, George, lo aveva spinto a creare un profilo per l'app di appuntamenti. Era lì che aveva incontrato la donna che ora amava, che per caso era sua madre. Quando si era presentato oggi, George era stato felice di vederlo. George è stato molto meno felice di scoprire che Alex si sarebbe trasferito a casa e avrebbe completato i suoi studi online. Chi mi aiuterà quando avrò problemi con...

462 I più visti

Likes 0

Skyrim: Le avventure di Carthalo Parte 1

Carthalo le accarezzò la guancia, sentendo la sua pelle liscia e fredda e scostandole i capelli nerissimi dagli occhi. Lydia, disse, la sua voce roca si trasformò in un sussurro nel suo orecchio rilassati. Questo non è un altro fardello per te da portare. le slacciò la maglietta e lei rabbrividì leggermente al tocco. Questo non è un comando del tuo Thane. le sue mani forti la presero per la vita e la portò al letto. Le assi del pavimento scricchiolarono mentre la trasportava su per le scale di Breezehome. La adagiò dolcemente sul letto e cominciò a baciarle il collo...

405 I più visti

Likes 0

I sogni di Ashley

Tutti i nomi e la posizione sono stati modificati Fatemi sapere come vi piace la storia. Questa è la mia prima storia qui. ================================= Quando ho posato gli occhi su Ashley per la prima volta ero in seconda media. Eravamo giovani. I miei primi veri sentimenti sono iniziati in prima media. Il suo compleanno è stato 2 settimane prima del mio. Quando ho compiuto 16 anni ho organizzato una grande festa. E, naturalmente, Ashley era lì. Negli anni in cui sono stata una delle sue migliori amiche, lei non era della nostra città, si è trasferita dalla Florida al suo settimo...

485 I più visti

Likes 0

La mia prima volta con Cindy

La storia: Sulla via del ritorno dall'ospedale, dopo aver lasciato mia moglie per un'operazione alla schiena molto seria, Cindy, mi stava dicendo come avrebbe fatto tutte le cose che faceva la mamma in casa, come lavare i piatti e fare il bucato e che si prenderà cura di suo padre come fa la mamma. Fu detto in una specie di sussurro sommesso e lei aveva la sua mano sul mio braccio, toccandomi dolcemente e guardandomi negli occhi. Ho sentito un brivido nei pantaloni e ho guardato le gambe formose di Cindy e la minigonna che indossava, ho subito costretto il mio...

471 I più visti

Likes 0

Cottage 13 – Parte 1

Questa storia parla di una moglie che sceglie di vivere la sua fantasia sessuale per il sesso forzato anonimo, all'insaputa del marito. Se non ti piace questo tipo di storia, o qualcuno a cui piace fare commenti anonimi denigratori, salta questa storia. Apprezzo i messaggi privati ​​che forniscono feedback e/o idee costruttive... NOTE: Ai fini di questa storia, il Geosexing è definito come una variante del geocaching, in cui uomini e donne utilizzano il Global Positioning System (GPS) per designare o cercare luoghi in cui fare sesso con un individuo consenziente. Questo non è in alcun modo un tentativo di ridefinire...

318 I più visti

Likes 1

Un tranquillo interludio

Sto ai piedi del tavolo e ti guardo intensamente. Il silenzio sta provocando il caos sui tuoi sensi già sovraeccitati. I miei occhi viaggiano sul tuo viso prendendo nota della leggera apertura delle tue labbra, del solco tra le tue sopracciglia e del dilatarsi delle tue narici, tutti segni della tua consapevolezza accresciuta. Il mio sguardo si interroga sui muscoli della parte superiore delle tue braccia, serrati e tesi, sui polsini di pelle attorno a ciascun polso, collegati tra loro e tenuti sopra la tua testa con un unico laccio. Anche se posso seguire il cavo solo fino al bordo del...

384 I più visti

Likes 0

La mia giornata con James

James e io ci siamo incontrati tramite un annuncio craigslist che avevo pubblicato alcune settimane prima, ma non ci siamo mai incontrati. Abbiamo inviato un'e-mail di risposta e di quarto per circa una settimana prima che decidessi finalmente che ero pronto per incontrarci. Il mio cuore batteva forte e le mie mani tremavano mentre ho digitato il messaggio che avrebbe cambiato tutto. Ehi, penso di essere pronto per farlo. James ha risposto in pochi minuti, Perfetto ho domani libero. Prenderò una stanza d'albergo e ti verrò a prendere domattina, in questo modo possiamo passare l'intera giornata insieme. Il mio cuore ha...

349 I più visti

Likes 0

Quid pro quo

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>PARTE 1: L'intervista >>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>> Luke si trova nell'ascensore e si dirige verso l'ultimo piano della Salesforce Tower. Ha il caffè in mano portando lo zaino su una spalla. Fissa il suo riflesso sulla porta dell'ascensore. Sta a 6'0 vestito nel suo solito look casual da lavoro. Ha pantaloni argentati su misura per la sua corporatura con una camicia blu abbottonata e un paio di scarpe nere. L'ascensore suona e la porta si apre. Si fa strada lungo un corridoio e si dirige verso la suite dell'azienda per cui lavora. Luke apre la porta e si dirige verso l'area della reception...

164 I più visti

Likes 0

Circostanze diverse parte 2

Disclaimer: non possiedo Pokemon, nessun personaggio e Pokemon lì dentro. Sai, solo per coprirmi il culo in caso. Meglio prevenire che curare. Nota dell'autore: grazie a tutte le persone che hanno letto il primo capitolo. Questo capitolo è stato molto più lungo di quanto mi aspettassi. Divertiti! –––––––– 'Caro Nicola, È tua sorella, Julian! Ho inviato questa lettera di Taillow perché era più veloce e per congratularmi con te per aver superato l'Accademia Pokemon! Papà dice che hai fatto degli esami orribili...' “Non ho fatto così male. Almeno sono passato..” borbotta Nicholas, continuando a leggere la lettera che gli era stata...

511 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.