La scala a pioli

1.4KReport
La scala a pioli

Storia di Fbailey numero 187


La scala a pioli


Quando la mamma ci ha chiamato in casa ho capito di essere nei guai. Dopotutto i miei genitori pensavano che quel guaio fosse il mio secondo nome. Di sicuro ne ho avuto abbastanza anche ultimamente. Per lo più era incentrato sulla mia sorellina.

La mamma disse: "Randi cosa stavi facendo su quella scala?"

Randi ha detto: "Ho dovuto tirare fuori il mio aeroplano di carta dall'albero".

La mamma disse: "E hai lasciato che tuo fratello tenesse la scala per te? Te l'ho detto un milione di volte che vuole solo alzare lo sguardo sulla tua gonna per vedere le tue mutandine. Non è vero?"

Randi rise di mamma e disse: "Beh, l'ho preso in giro. Non ne indosso nessuno".

Improvvisamente la mamma è diventata rossa di rabbia e si è girata verso di me. Mi ha urlato contro, mi ha detto che l'avrei davvero presa quando mio padre fosse tornato a casa, e poi mi ha detto di andare nella mia stanza. Ci sono stato sicuramente questa volta.

Il fatto era che avevo sedici anni e avevo l'età per conoscere meglio. Randi aveva solo tredici anni ed era il preferito di mamma. Randi non poteva sbagliare. Almeno questo è quello che pensava la mamma. Randi era la mia sorellina e io cercavo sempre di alzare lo sguardo sulla sua gonna e le piaceva anche lasciarlo fare. Avevo visto la sua figa pelata molte volte. Tuttavia ultimamente Randi deve solo mettere nei guai anche me. A cos'altro servono le sorelline? Sapevo che dopo me l'avrebbe fatta perdonare perché lo fa sempre.

Era quella che la mamma chiamava una "tardiva fioritura". Randi aveva quasi dodici anni quando ha avuto il suo primo ciclo e poi sono passati alcuni mesi prima che le arrivasse il successivo. Ora la mamma lo scrive sul calendario e mette in imbarazzo Randi. Più o meno nello stesso periodo iniziò anche a farsi crescere le tette. Era sicuramente orgogliosa di loro e si alzava la maglietta ogni giorno in modo che potessi vederli. Poi un giorno mi ha detto di alzare la maglietta ogni volta che volevo vederli. Abbastanza sicuro circa una settimana dopo sono stato sorpreso a sollevare la sua maglietta. La mamma mi ha visto farlo e ovviamente Randi non le ha detto che mi lasciava sempre guardare, quindi ho preso la cintura. Dopodiché non solo ho potuto guardare le tette di Randi ogni giorno, ma potevo anche succhiare i suoi capezzoli e toccarli quanto volevo.

Ultimamente Randi mi aveva mostrato i minuscoli peli che stavano iniziando a crescere sulla sua figa. Era così orgogliosa di loro che voleva solo metterli in mostra, quindi ovviamente sembro. La parte migliore è quando si mette sul mio letto, si appoggia allo schienale e apre le gambe molto bene in modo che la sua figa si appiattisca e le sue labbra umide si aprano in modo che io possa vedere fino in fondo al suo buco del cazzo. Ovviamente non mi lascerà toccare la sua figa ma me la aprirà ulteriormente in modo che possa vederla meglio. È così agile che può quasi guardare nel suo buco da sola. A volte sollevo uno specchio in modo che anche lei possa guardarlo.

Poi circa due settimane fa Randi ha iniziato a farmi infilare il dito nel suo buco insieme a una candela che ha rubato dal cassetto della sala da pranzo della mamma. Potrei infilare il mio indice fino in fondo fino al punto in cui le altre mie dita si mettono d'intralcio. Tuttavia posso mettere quella candela nei suoi sei pollici e un quarto perché l'ho segnato con il mio pollice e l'ho misurato in seguito.

Ero seduto nella mia stanza in attesa che papà mi picchiasse quando Randi si è avvicinato per avvertirmi che papà era appena tornato a casa e che la mamma lo stava informando su tutto. Poi si è seduta sul mio letto e si è messa le caviglie dietro la testa in modo che potessi dare un'ultima occhiata alla sua figa pelata prima di essere picchiata con la cintura. Mi disse che potevo infilarle il dito dentro in modo da avere un ricordo piacevole a cui pensare durante la mia punizione. Randi mi ha anche detto quanto fosse dispiaciuta di avermi messo nei guai e che avrei potuto iniziare a scoparla dopo la mia punizione. Fu allora che papà si schiarì la voce e si chiuse la porta alle spalle.

Né Randi né io abbiamo mosso un muscolo, mentre papà esaminava la situazione. C'era Randi con la testa sul mio cuscino, i piedi dietro la testa, che teneva la figa aperta per me e c'ero io con il mio dito indice fino in fondo nella sua figa umida. Inoltre papà aveva sentito tutto, come mi aveva messo nei guai e come avrebbe iniziato a lasciarmi scopare dopo.

Papà si è avvicinato a noi e ha abbassato una delle sue grandi mani per tenerle entrambi i piedi in quella posizione dietro la sua testa. Poi ha lentamente tirato fuori il mio dito dalla sua figa. Mi sono seduto con un'erezione furiosa nei pantaloni mentre papà guardava la mia sorellina. Poi finalmente mi sono reso conto che non ero più nei guai.

Ho guardato Randi in quella posizione con le gambe appena all'esterno del seno. La sua maglietta era tesa strettamente al petto, i suoi piccoli seni formavano piccole colline nella stoffa e i suoi piccoli capezzoli erano duri come gomme da cancellare. La sua gonna era arrotolata intorno alla vita. La sua figa era appiattita, era rosa e il suo buco aperto sbavava. Potevo persino vedere il suo piccolo buco del culo increspare e rilassarsi mentre respirava. Poi ho notato il suo viso mentre passava dalle lacrime che le scorrevano lungo il viso a quasi un sorriso mentre fissava il grande rigonfiamento nei pantaloni di papà. In quel momento ho capito che nemmeno lei era nei guai.

Papà chiese a Randi: "Hai mai avuto un cazzo in quella tua piccola fica?"

Non avevo mai sentito papà parlare così prima.

Randi rispose: “Niente papà. Non ancora."

Papà mi ha chiesto: "Hai mai messo il tuo cazzo in una fica prima?"

Ho risposto: "No papà. Non ancora."

Poi papà mi ha sorpreso da morire quando ha detto: "La terrò. Prima fottila tu."

Tutti i tipi di pensieri mi sono passati per la mente. "Primo!" "Fottila!" "La terrà mentre la scopo!"

Così mi sono tolto i blue jeans e la biancheria intima mentre papà guardava la mia erezione. Tornai sul letto e strisciai più vicino a Randi. Poi ho tenuto il mio cazzo e l'ho inclinato abbastanza da toccarne la testa nel suo buco umido. Mi sono spinto in avanti ed è scivolato dentro senza quasi nessuna resistenza. Papà le teneva i piedi dietro la testa mentre io scopavo mia sorella di tredici anni. Sapevo che era profonda sei pollici e un quarto e sapevo anche che era lungo quanto era lungo il mio cazzo, quindi quando ho toccato il fondo non ero sorpreso quanto Randi. Ho dovuto ammetterlo anche se l'ha presa come una campionessa. Randi non ha mai chiamato la mamma o cercato di allontanarsi da noi. Ho scopato mia sorella con un'urgenza che ho sempre avuto ogni volta che ero eccitato e mi masturbavo di notte. Le ho spinto dentro tutto ciò di cui avevo bisogno e poi ho detto a papà che stavo per venire e lui mi ha detto di sborrarle dentro, dopo che Randi aveva preso la pillola per un anno comunque.

Quando ho finito di sborrare e ho tirato fuori il mio cazzo da suo padre, suo padre mi ha detto di tenerla stretta mentre lui la scopava dopo. Che cosa! Non riuscivo a credere alle mie orecchie. Papà lasciò cadere i pantaloni e le mutande con un movimento fluido, poi costrinse il suo cazzo nella fica di sua figlia. Il cazzo di papà era di dimensioni quasi identiche al mio solo il suo forse un po' più grosso. Papà non aveva affatto la fretta che avevo io. Si stava godendo quella scopata come se l'avesse aspettata da anni. Apparentemente aveva voluto scoparla e questo gli ha dato l'opportunità di cui aveva bisogno.

Mentre papà scopava Randi, le disse che anche lei lo aveva preso in giro abbastanza a lungo. Gli aveva costantemente mostrato la figa anche negli ultimi mesi e lui ne aveva avuto abbastanza. Le ha chiesto se le stava facendo del male, ma non credo che stesse nemmeno prestando attenzione quando lei ha detto solo un po'. Papà era in una sorta di sogno erotico in cui i padri scopano le loro figlie tutto il tempo e che andava bene così. Anche lui ricordava di aver scopato sua sorella quando aveva la mia età. Ricordava persino di aver scopato la migliore amica di sua sorella insieme a lei. Quella migliore amica era mia madre.

Poi papà mi ha mandato di sotto a prendere la mamma. Mi ha detto di non preoccuparmi nemmeno di rimettermi i vestiti. Quindi con il mio cazzo semi eretto sono sceso al piano di sotto e ho detto a mamma che papà voleva che venisse su nella mia camera da letto. Mi ha seguito su per le scale ma penso che abbia controllato il mio culo nudo e le mie palle pelose per tutto il tragitto. Prima sono entrata nella mia camera da letto e poi la mamma è rimasta sulla soglia.

La mamma ha guardato la posizione in cui si trovava Randi e il cazzo di papà ancora nella sua fica e poi ha chiesto: "Cosa diavolo pensi di fare".

Papà le sorrise e disse: "Ricordi quando avevi questa età e io scopavo te e mia sorella insieme proprio così?"

La mamma arrossì e disse: "Sì, mi ricordo".

Papà ha chiesto: "Riesci ancora a mettere i piedi dietro la testa?"

La mamma ha detto: "Non lo so, ma potrei provare se anche tu mi vuoi davvero".

Poi la mamma si è spogliata davanti a me e l'ho vista completamente nuda. La mamma ha delle tette enormi rispetto a Randi. Anche lei ha un'intera foresta di capelli sulla figa. Poi la mamma si è alzata sul letto accanto a Randi e con molti grugniti e sforzi ha detto a papà che non ce la faceva più. Poi gli disse che si sarebbe esercitata per lui se anche lui l'avesse voluta.

Papà mi ha guardato e ha detto solo: "Adesso vaffanculo a tua madre".

La mamma ha visto l'espressione scioccata sul mio viso e ha detto: "Farai meglio a fare come dice tuo padre, a meno che tu non voglia un assaggio di quella cintura".

Così mi sono alzata ai piedi del letto e ho infilato il mio cazzo nella figa di mia madre con il suo aiuto. Le sue ginocchia erano all'altezza del seno e io mi sono semplicemente appoggiato a loro mentre la scopavo.

Papà ha detto: "Dovrebbe durare un po' di più questa volta. Ha appena finito di scopare sua sorella prima che io iniziassi a scoparla anch'io. Sapevi che questa piccola puttana lo stava mettendo nei guai apposta?

La mamma sorrise e rispose: "Certo che l'ho fatto. Chi pensi che l'abbia spinta a farlo. Come si sente?"

Papà ha risposto: “Proprio come anche tu e mia sorella avete usato. Bello e stretto in questa posizione”.

La mamma ha detto: "A proposito di tua sorella, lo sapevi che è tornata in città?"

Papà ha detto: "Sì, l'ho fatto. L'ho scopata nel mio ufficio oggi a mezzogiorno. Dovrebbe venire più tardi stasera.

La mamma disse: "Bene, forse noi cinque possiamo divertirci un po' alla vecchia maniera, allora. Mi chiedo se riuscirà a mettere i piedi dietro la testa.

Proprio in quel momento vengo nella figa di mamma mentre papà viene a Randi. Quando abbiamo tirato fuori le due ragazze si sono raddrizzate sul letto.

Randi mi guardò e disse: "Vuoi vedere cosa mi ha insegnato la mamma?" Poi si è girata, si è seduta sulla faccia della mamma e poi ha seppellito la propria faccia nella figa della mamma. Io e papà li abbiamo guardati finché non siamo diventati duri di nuovo. Voleva davvero scopare Randi una seconda volta e anche io volevo davvero scopare di nuovo la mamma, quindi ha preso in braccio Randi e l'ha portata nella sua camera da letto mentre la mamma si è alzata in ginocchio per me.


La fine
La scala a pioli
187

Storie simili

Ma tesoro, era solo un ballo, la storia di Linda

Sequel di; Ma tesoro, era solo un ballo. Linda racconta la sua storia a un amico. Nota: non c'è sesso in questa storia A tutti i lettori che hanno chiesto di rispondere alle domande, grazie. Ma tesoro, era solo un ballo Il seguito Un altro inverno di Chicago era storia. Oggi è stato il primo vero giorno di primavera. Quando Linda uscì, sentì l'odore dell'aria fresca e pulita del mattino. Ricorda il suono della pioggia primaverile sul tetto mentre lei e suo marito facevano l'amore la sera prima e come si aggiungeva alla sensazione calda e sicura che provava tra le...

763 I più visti

Likes 0

Scoprire che sono gay parte 3

Quindi pochi giorni dopo, dopo aver rotto con Lizzy, mi stavo abituando all'idea di essere di nuovo single. Quando ero al college a lezione con McKenzie, ha iniziato a sedersi accanto a me e ha detto Tu e Lizzy vi siete lasciati perché vi ho baciato? Ho guardato McKenzie e ho detto No, il motivo per cui io e Lizzy ci siamo lasciati è perché mi piaceva baciarti. Dopo aver detto che mi sono alzato dal mio posto, ho preso la borsa e sono andato a uscire dalla lezione mentre camminavo, il mio insegnante mi ha detto E dove pensi di...

1.9K I più visti

Likes 0

La mia giornata con James

James e io ci siamo incontrati tramite un annuncio craigslist che avevo pubblicato alcune settimane prima, ma non ci siamo mai incontrati. Abbiamo inviato un'e-mail di risposta e di quarto per circa una settimana prima che decidessi finalmente che ero pronto per incontrarci. Il mio cuore batteva forte e le mie mani tremavano mentre ho digitato il messaggio che avrebbe cambiato tutto. Ehi, penso di essere pronto per farlo. James ha risposto in pochi minuti, Perfetto ho domani libero. Prenderò una stanza d'albergo e ti verrò a prendere domattina, in questo modo possiamo passare l'intera giornata insieme. Il mio cuore ha...

1.8K I più visti

Likes 0

Cottage 13 – Parte 1

Questa storia parla di una moglie che sceglie di vivere la sua fantasia sessuale per il sesso forzato anonimo, all'insaputa del marito. Se non ti piace questo tipo di storia, o qualcuno a cui piace fare commenti anonimi denigratori, salta questa storia. Apprezzo i messaggi privati ​​che forniscono feedback e/o idee costruttive... NOTE: Ai fini di questa storia, il Geosexing è definito come una variante del geocaching, in cui uomini e donne utilizzano il Global Positioning System (GPS) per designare o cercare luoghi in cui fare sesso con un individuo consenziente. Questo non è in alcun modo un tentativo di ridefinire...

1.7K I più visti

Likes 1

Prima volta_(3)

Era la primavera del '99 e frequentavo l'ultimo anno delle superiori, avevo appena compiuto diciotto anni. Ero nella squadra di pallavolo, fisicamente in forma e pronto a sfidare il mondo. Avevamo appena vinto la nostra prima partita e dopo un discorso di incoraggiamento di coach Azzerelli, ci ha mandato alle docce. Mi ero spesso eccitato quando ero sotto la doccia dopo l'allenamento mentre guardavo gli altri fare la doccia. Li fissavo mentre tenevo la testa sotto il getto d'acqua, quindi non era ovvio. O così ho pensato. Uno degli chic della mia squadra era piuttosto figo, ma non sembrava mai avere...

1.5K I più visti

Likes 0

Joan va a Las Vegas #6

Mia moglie Joan ha viaggiato con me per viaggi di lavoro. Mentre lavoro, Joan cerca possibili avventure sessuali. Il prossimo viaggio di lavoro fu a Las Vegas. Las Vegas è un paese delle meraviglie del divertimento per adulti: casinò, showgirl, artisti famosi e meravigliosi hotel e resort. L'hotel in cui alloggiavamo era il Cosmopolitan. Avevamo una suite Lanai. Era una suite su due livelli con piscina privata e accesso diretto alla piscina Bamboo dell'hotel. Joan aveva comprato dei vestiti nuovi per il viaggio. Ha comprato eleganti abiti da sera e un nuovo micro bikini. Il lavoro mi consumava sempre durante il...

952 I più visti

Likes 0

Impero perduto 39

0001 - Tempo                                    0403 - Johnathon               in crescita 0003 - Conner                                   0667 - Marco                        -------- 0097 - Ace                                            0778 - Jan                         0098 (Lucy) 0101 - Shelby (nave madre)        0798 - Celeste 0125 - Lars                                           0908 - Tara 0200 - Ellen                                         0999 - Zan 0301 - Rodrick                                    1000 - Sherry Derrick alzò lo sguardo dal pavimento verso Shelby che si strofinava il lato del viso che sembrava reale! Non come un solido ologramma ma vera carne e sangue! Rimettendosi in piedi, indietreggiò lentamente da Shelby che fino a quel momento non si era mosso. Non so chi o cosa tu sia, ma...

792 I più visti

Likes 0

Il vaso cinese

Il vaso cinese di Signorina Irene Clearmont 1 Preparazione. ---------------------------------- Questo è il problema del furto con scasso, puoi entrare in una culla, ad esempio una casa di periferia e mettere in rete un televisore e un lettore DVD e per tutti i tuoi problemi guadagnerai forse cento sterline o anche meno. Ogni giorno corri lo stesso rischio di un professionista ma la matematica del caso ti vedrà rispondere dei tuoi crimini davanti ai magistrati in breve tempo. L'alternativa è dedicare del tempo alla ricerca e alla ricerca dell'obiettivo perfetto e accumulare qualche centinaio di migliaia. Due volte all'anno mi metto...

509 I più visti

Likes 0

Divertimento per il pigiama party_(0)

Se non credi nel materiale dei ragazzi questa non è una storia per te. Per favore, dammi un feedback perché questa è la mia prima storia. Ciao, sono Charlie. Sono un ragazzo di 14 anni con i capelli castani. Sono alto 1,70 e ragionevolmente magro. Ho gli occhi verde-blu e mi sono sempre considerata etero, ma ogni tanto fantastico sui ragazzi. Quindi vi racconterò una piccola storia di quello che è successo non molto tempo fa..... Erano le vacanze e finora mi ero rilassato, ma mi stavo annoiando, così ho chiamato due dei miei amici e ho chiesto loro se volevano...

338 I più visti

Likes 0

Nutrire i giovani

Norm aveva la sensazione che sapesse che la stava perseguitando e questo lo rendeva cauto. Voleva essere violentata? Non sembrava la tipica esca della polizia per il modo in cui era vestita. La cagna si è vestita in modo strano in realtà; un trench ampio, ampio cappello floscio e occhiali da sole oversize. No, non un poliziotto ma... beh, Norm sperava che non fosse una travestita. L'uomo di mezza età sarebbe dovuto tornare in ufficio per un incontro importante e non voleva arrivare in ritardo. Ma a volte questi impulsi prendevano il controllo e lui doveva agire di conseguenza. La cagna...

2K I più visti

Likes 1

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.