La mia sorellina: Prologo

1.7KReport
La mia sorellina: Prologo

Questo è un prologo a una serie di storie piene di speranza che scriverò in futuro.
Se vuoi solo Jack off, questo prologo probabilmente non fa per te, ma se sei interessato a una trama, leggi e commenta/rivedi.
Grazie.









La mia sorellina: il prologo



Mi sono svegliato al suono familiare della mia sorellina, Stacy, ridendo mentre si arrampicava sul mio letto, aveva dieci anni ed era carina da morire, aveva un bel naso a bottone, un viso minuscolo e dolce e capelli ramati che gli incorniciavano il viso magnificamente .

L'ho afferrata per la vita e l'ho capovolta, ho giocato con lei facilmente a causa della sua statura molto piccola e del suo peso negligente.
Mi alleno regolarmente e ho sviluppato una massa muscolare impressionante all'età di 16 anni.
Ero alto 6 piedi e 2 pollici ed ero molto più grande di qualsiasi membro della mia famiglia.
Avevo ottenuto la mia altezza da mio padre che è scappato prima della mia nascita ed è tornato solo per scopare mia madre e mettere la mia sorellina nella sua pancia.

"Stai attento con lei." mia madre ha detto dalla porta, "Vado a lavorare adesso, Jack", "prenditi cura di lei, preparale un pranzo e una cena, sarò a casa tardi stasera".
"va bene mamma." dissi prima di riprendere a solleticare mia sorella con quello che può essere descritto solo come un attacco di risatina.

L'ho afferrata e l'ho appoggiata sopra di me, era seduta dritta, con entrambe le gambe accanto a me, cavalcandomi in posizione da cowgirl se non fosse stato per le coperte che erano tirate su fino alla mia vita.
Indossava una mia vecchia maglietta bianca carina e delle mutandine bianche di cotone. L'ho esaminata mentre sento mia madre sbattere la porta mentre se ne va. Si sedette su di me senza una preoccupazione al mondo, tracciando silenziosamente il contorno del mio pacco da sei e dell'ombelico.

Ha colpito il mio ombelico più forte che poteva con le sue piccole dita, emettendo un piccolo "boop" mentre lo faceva.
Ho reagito afferrandola e gettandola al mio fianco, le ho strappato la maglietta per rivelare il suo piccolo corpo prepuberale.
Era molto magra e aveva piccoli capezzoli gonfi, nessun seno da cui ricavare qualcosa.

Era completamente nuda a parte un piccolo paio di mutandine.
Ho preceduto di toccarle più volte l'ombelico e di farle il solletico incessantemente. Lottò per scappare ridendo senza pensare. Ci stava riuscendo perché non avevo leva dalla posizione in cui mi trovavo, quindi l'ho scavalcato tra le sue piccole gambe per impedirle di scappare,

Il mio cazzo semi-eretto era appoggiato sulle sue mutandine attraverso il mio, misurava 8 pollici a pieno albero e 8 e mezzo in una buona giornata.
Devo essermi spostato su e giù leggermente mentre il mio cazzo le schiaffeggiava lo stomaco e l'inguine.
Ha smesso di ridere e mi ha chiesto cosa fosse, io ho detto che non era niente e mi sono mossa da sopra di lei sdraiata accanto a lei.
Era una bambina curiosa e non accettava un no come risposta,
"Jack? Cos'era quello? Era dove dovrebbe essere la tua figa!"
"Gli uomini non hanno i fanny Stace! Abbiamo i willy." Ho poi spiegato.

Non ho detto cazzo per salvare la sua innocenza, il che era strano visto quello che alla fine le avrei fatto.

"Un pisello?" ha chiesto.
"Sì, abbiamo piccole cose dove c'è la tua figa e questo è tutto ciò che ti ha schiaffeggiato quando mi sono trasferito."
"Non era piccolo, era grande e faceva male" mi ha fatto i complimenti.
"Mi dispiace Stace, cercherò di stare attento."

L'abbiamo lasciato lì, mi sono alzato, mi sono fatto la doccia, ho fatto il bagno a Stacy e l'ho vestita anche lei.
Abbiamo fatto colazione, pranzo e cena facendo piccole cose per passare il tempo in mezzo.

Mia madre era tornata a casa e si è fatta subito la doccia e si è agghindata.
"Esco stasera e resto con un'amica" disse mentre entrava nel soggiorno infilandosi degli orecchini a cerchio.
Uscire e stare con un'amica era il modo in cui mia madre diceva che aveva in programma di bere molto e di prostituirsi con qualsiasi ragazzo a caso.

La mia sorellina dormiva rannicchiata tra le mie braccia e lo era da tempo.
"Prenditi cura di tua sorella, chiudi a chiave la porta e io tornerò domani." lei se ne andò subito dopo.

Ho portato la mia sorellina nella sua cameretta rosa e l'ho sdraiata sul letto.
Ho iniziato a spogliarla e ho continuato finché non indossava di nuovo nient'altro che le mutandine, la mia mente è tornata indietro a lei stamattina quando le ho schiaffeggiato l'inguine con il mio cazzo e ho iniziato a tracciare le sue mutandine lì e poi.
Potevo sentire il contorno delle sue piccole labbra della figa e il culo pronunciato attraverso le sue gambe.
Mi sono fermato, rendendomi conto di quello che stavo facendo, le ho tirato addosso le coperte e sono andato a letto.

Sono stato svegliato dalla mia sorellina inginocchiata sul mio letto spingendomi leggermente e sussurrando il mio nome.
"Jack, Jack!"
"...u.. Eh? Cosa?"
"Ho avuto un incubo... ho davvero paura"
Mi sono seduto e ho capito subito che era pietrificata, tremava.
"Oh dio; ok... vuoi dormire ascoltandomi con me?" Ho chiesto.
"Mi terrai al sicuro?" non aveva bisogno di una risposta perché prima che potessi, era sotto le mie coperte annidata nel mio petto.
Siamo sdraiati così per un po', poi si è girata con la schiena verso di me.
Rimanemmo normalmente sdraiati lì per alcuni istanti, poi lei iniziò a infilare il suo culo nel mio cazzo e ad afferrare la mia mano forte al suo petto, o più specificamente alle sue tette inesistenti.
Ho iniziato a diventare duro mentre ogni paio di momenti lei muoveva il culo da un lato all'altro, facendo tremare il mio cazzo.
"mmm..." emise un debole gemito.
Il mio pene si è ingrandito e ha iniziato a scivolare tra le sue gambe, molto presto il mio cazzo si è appoggiato orizzontalmente contro la sua figa.
"Che cos'è!" disse allarmata mentre strinse le cosce e si allontanò improvvisamente, facendomi una mezza sega.
"Va bene!" L'ho presa e l'ho fermata a dimenarsi.
"È il mio coc.. voglio dire Willy."
"Non è la tua volontà!" disse suonando molto confusa.
"Cosa vuoi dire!? Certo che lo è!" Ho detto con forza.
"Ma è davvero difficile, stamattina mi è sembrato un po' morbido!"
"Cambia Stazione."
"Cosa intendi?" chiese, confusa.

Adesso era seduta appoggiata sulle braccia.
Mi sono seduto anch'io; Ho acceso la mia lampada da comodino, anche se c'era una piccola quantità di luce emessa dalla scarsa lampada, abbiamo entrambi sussultato per la nuova introduzione della luce nella stanza.
"Cosa vuoi dire che cambia? e perché prima lo chiamavi coc?"

"Per cominciare, è Cock, ok? Ed è quello che gli adulti chiamano pisello."
"C'è un nome da adulto anche per la mia figa?" chiese eccitante
"Sì", sospiro, "la chiamiamo Figa"
"Wow, Micia..." disse con un'espressione sessuale involontaria.
"Sì"
"Allora, come fa il tuo... cazzo... a diventare più grande"
"Beh... Quando un uomo esce con una donna che gli piace, il suo cazzo diventa grosso." Cerco di spiegarlo meglio che posso.
"Perché?" mi chiede, mettendomi in una posizione scomoda.

So che è troppo piccola per far parlare gli uccelli e le api, ma se non glielo dico, lo chiederà a mamma, e questo potrebbe causarmi tutti i tipi di problemi.

"Beh.. Ehm... Quando a un uomo piace una donna, il suo cazzo diventa duro.. Così può metterlo.. Dentro la sua figa."
"Vuoi dire dentro la mia tana!?" disse scioccata.
"è pazzesco! Non entrerebbe mai dentro di me!"
"Conosco Stace, è perché sei troppo giovane, diventerà più grande quando sarai più grande, quindi sarai in grado di adattarlo."
"Ok, quindi metti il ​​tuo cazzo nella figa di mamma?" ha chiesto, cosa che mi ha scioccato.
"Cosa!? No! Certo che no, perché me lo chiedi?"
"Beh, hai detto che lo metti dentro una ragazza che ti piace, ti piace la mamma, vero?" chiese innocentemente.
"Non allo stesso modo stace. Quando ho detto che l'hai messo dentro una ragazza che ti piace, intendevo una ragazza di cui ti sei innamorato."
"non mi ami!?"
"beh, certo, stazio, bu..."
"Quindi me lo metteresti tu?"

Stavo per dire di no, non l'avrei mai fatto, ma poi ho guardato la mia sorellina, sembrava così dolce nella penombra.
I suoi capelli ramati le scompigliavano il viso dopo il lungo sonno che aveva avuto.
Il suo naso abbottonato e gli occhi azzurri puri, pozze di temprata bellezza.
Piccole lentiggini che le punteggiano il viso e le labbra, un perfetto rosa rossastro che sembrava dire che voglio baciarti così tanto.
Ed è allora che mi sono reso conto che stavo guardando mia sorella mentre esaminava la sua bellezza per un po' di tempo e mi sono reso conto che era più bella di qualsiasi altra ragazza che abbia mai visto.
Il mio cazzo era duro come una roccia, palpitante che voleva, no, aveva bisogno di essere dentro di lei.
Ma non potevo, almeno non ora, è troppo giovane per capire.
Ne parlerebbe a qualcuno e, peggio ancora, l'avrei ferita terribilmente.

Ora dovrei dire per la cronaca, amo mia sorella più di quanto chiunque legga questo potrebbe capire, e non le farebbe mai del male, non importa quale sia la causa.

"Stace ascolta, fratelli e sorelle non possono farlo, è cattivo."
"Ma ti amo Jack!"
"e ti amo stace, dio, non puoi capire!"
"Non sono un ragazzino! Non riesco a capire perché non me lo dici!" lei mi urla.
Incrocia le braccia sbuffando e si allontana da me.
Afferro una delle sue braccia dolci e morbide e la tiro leggermente verso di me, lei apre le braccia istintivamente e mi abbraccia forte.
"Ascolta Stace, quando un uomo e un uomo si amano in un modo diverso dall'amore di famiglia, fanno sesso, ed è così che nascono i bambini."
"ma cosa succede se ti amo più dell'amore di famiglia?" lei disse

Non ho risposto, ci siamo semplicemente sdraiati abbracciati, alla fine ci siamo sdraiati e ci siamo addormentati.
Mi sono svegliato e ho trovato qualcosa che mi ha scioccato, mia sorella era completamente nuda e si era tolta i boxer per rivelare il mio cazzo indurito mattutino.
Stava spingendo la sua vagina sul mio cazzo nel tentativo di fare sesso con me, fallendo miseramente perché il mio cazzo mostruoso era troppo grande per il suo corpo molto prepuberale.

Non ero arrabbiato, ora sapevo che volevo che accadesse, ma dovevo porre fine a tutto questo.

"Cosa stai facendo Stace?" Dissi piano per non ferire i suoi sentimenti
Era scioccata e sconvolta dal mio risveglio.
Si staccò rapidamente, si girò e iniziò a piangere.
L'ho girata e l'ho abbracciata di nuovo vicino a me.
La testa del mio cazzo era appoggiata nel suo ombelico e il suo tumulo morbido, minuscolo e senza peli era spinto contro la mia parte interna della coscia.

"Stace, perché lo stavi facendo?"
Rimase in silenzio, a parte qualche grido soffocato.
"Comeon Stace, ti prometto che non mi arrabbierò con te"
"E'... beh... io davvero... ti amo."
"pensi di farlo ora Stace, ma non lo penserai più avanti nella tua vita"
"Lo farò, ti amerò per sempre Jack, voglio che tu e io facciamo... sesso e abbiamo bambini."
"Stato...!"
"So che hai detto che non possiamo perché è cattivo...
"Non è solo cattivo Stace, potrei essere portato via da te per sempre e rinchiuso se qualcuno lo vedesse o lo sentisse parlare!"
... Quindi non lo diremo a nessuno!"
"Quando sarai più grande capirai." L'ho baciata sulla guancia come volevo finire lì, ma mentre mi allontanavo lei mi ha afferrato il collo e mi ha baciato in pieno.

Le sue labbra morbide e vellutate si intrecciarono con le mie e la sua bocca si aprì leggermente rivelando il tesoro della sua bocca, la sua lingua calda entrò nella mia bocca con un'esperienza sorprendente.
Mi allontanai e la guardai, i suoi occhi innocenti fissarono i miei con senso di colpa e speranza.
Senza pensare l'ho baciata di nuovo, questa volta avvolgendole un braccio intorno al petto, tirandola verso di me mentre l'altra mia mano le afferrava il culo grassoccio e lo spostava verso il mio cazzo, strofinando la figa contro la mia gamba nel processo.
I nostri corpi nudi che si fondono insieme abbiamo condiviso il bacio più appassionato che abbia mai provato con una ragazza.

Ho rotto il nostro bacio dopo un minuto in cui ci siamo baciati e ho iniziato a parlarle mentre strofinavo lentamente il suo corpo su e giù con la mia mano.
"Questa è Stacy sbagliata!" Ho discusso con lei.
"Perché!? Mi ami e io amo te, perché è sbagliato? È così bello e così giusto."

Ho cercato di trovare una ragione plausibile per non baciarla di nuovo, ma senza successo. Amavo davvero mia sorella e aveva ragione, perché non dovremmo stare insieme?

"Ti dirò cosa Stace, quando avrai il primo ciclo, ti chiederò come ti senti ancora per me, se mi ami ancora... Staremo insieme..."

Storie simili

Divertimento per il pigiama party_(0)

Se non credi nel materiale dei ragazzi questa non è una storia per te. Per favore, dammi un feedback perché questa è la mia prima storia. Ciao, sono Charlie. Sono un ragazzo di 14 anni con i capelli castani. Sono alto 1,70 e ragionevolmente magro. Ho gli occhi verde-blu e mi sono sempre considerata etero, ma ogni tanto fantastico sui ragazzi. Quindi vi racconterò una piccola storia di quello che è successo non molto tempo fa..... Erano le vacanze e finora mi ero rilassato, ma mi stavo annoiando, così ho chiamato due dei miei amici e ho chiesto loro se volevano...

426 I più visti

Likes 0

Ma tesoro, era solo un ballo, la storia di Linda

Sequel di; Ma tesoro, era solo un ballo. Linda racconta la sua storia a un amico. Nota: non c'è sesso in questa storia A tutti i lettori che hanno chiesto di rispondere alle domande, grazie. Ma tesoro, era solo un ballo Il seguito Un altro inverno di Chicago era storia. Oggi è stato il primo vero giorno di primavera. Quando Linda uscì, sentì l'odore dell'aria fresca e pulita del mattino. Ricorda il suono della pioggia primaverile sul tetto mentre lei e suo marito facevano l'amore la sera prima e come si aggiungeva alla sensazione calda e sicura che provava tra le...

854 I più visti

Likes 0

La prima volta che condivido mia moglie

Beh, davvero non so come iniziare questa storia, quindi entriamoci subito dentro. Questa è una vera storia vera che è accaduta e ora la condivido con tutti voi ragazzi. Dopo aver finito di leggere questa storia e sei interessato a foto o video, inviami un'e-mail a [email protected]. Quindi la mia storia è iniziata circa 2 anni dopo essermi sposata. Ma prima di entrare nei dettagli pesanti, lascia che ti spieghi di noi. Mi chiamo Ethan e sono un maschio ispanico di 25 anni e mia moglie Angelina è una femmina ispanica di 22 anni. Siamo usciti insieme dai tempi del liceo...

796 I più visti

Likes 0

Festa dello sguardo

Londra è una bella città in cui vivere, soprattutto se sei uno studente che va all'università e ama le feste Non è una novità e lo sanno tutti. Così fanno tutti i proprietari. Con i loro prezzi folli, chiedono una stanza, a volte è difficile per gli studenti tenere il mento fuori dall'acqua, soprattutto se i loro genitori non sono di Knightsbridge, ad esempio. Ma come sempre ci sono alcune eccezioni. Fuori dal centro città, a poche miglia a nord di Westminster, dove in realtà ci sono diverse case che, diciamo, “fuori dall’ordinario”. Perché? Ebbene, dalle testimonianze di alcune delle cosiddette...

450 I più visti

Likes 0

Andare a letto con la babysitter Capitolo 01

LETTO DELLA BABYSITTER Trama: Una vicina lesbica usa Internet per sedurre la sua innocente babysitter. Nota: anche se pubblicata nel settembre del 2010, questa storia è stata completamente riscritta nell'ottobre del 2012. Nota 2: Grazie a MAB7991 e LaRacasse per l'editing. LETTO DELLA BABYSITTER Mi chiamo Megan. Sono una donna single di 35 anni con un bambino di due anni. Jenny era la perfetta babysitter. Frequenta una scuola privata e indossa sempre la gonna scozzese e calze di nylon alte fino al ginocchio (ho trovato interessante che indossasse calze di nylon alte fino al ginocchio e non calzini come la maggior...

1.2K I più visti

Likes 0

Segreti a porte chiuse

Ho sempre avuto un debole per gli uomini più anziani. Mi è sempre piaciuto l'idea di averne uno per me, ma non sono mai riuscito a trovare qualcuno che uscisse con una donna più giovane. Questo fino a quando non ho incontrato Jonathon. Jon ha lavorato in un negozio di violini, producendo e vendendo il suo lavoro. Non era alto, né basso. Aveva una bella corporatura e un bel viso. Jon stava lavorando il giorno in cui sono entrato nel suo negozio. Gli ho chiesto di farmi fare un giro del posto. Ha interrotto il suo lavoro e mi ha portato...

854 I più visti

Likes 0

Adoratore di cazzi - Parte 8

Adoratore di cazzi – Parte 8 Così, nell'estate del 1994, decisi di trasferirmi in una piccola città chiamata Alcolu, nella Carolina del Sud, dove viveva un uomo sulla quarantina e sembrava tutto ciò che avrei mai potuto desiderare. Ha detto che aveva un lavoro in programma per me, il che era fantastico. Era molto romantico nelle sue lettere e nelle conversazioni telefoniche e il mio cuore era in subbuglio. I miei genitori erano preoccupati se fosse stata la decisione giusta, ma nonostante ciò, mi hanno organizzato una festa d'addio con tutta la mia famiglia e i miei amici per celebrare la...

2K I più visti

Likes 0

Non più una fantasia

La spogliarellista ha aperto le gambe proprio davanti alla mia faccia e nel bagliore del club squallido ho potuto distinguere un po' di succo all'ingresso della sua figa. Avrei voluto che si stesse diffondendo per me, ma stava guardando il grande tipo di operaio edile accanto a me. Era una serata amatoriale allo strip club locale e il ragazzo che le faceva gocciolare la figa era uno dei giudici del pubblico. Sono rimasto in giro per la ragazza successiva ma ero così eccitato che non ce la facevo più. Mi diressi verso il bar con la mano in tasca cercando di...

1.1K I più visti

Likes 0

La nostra vacanza liberatoria - parte 1

Alice e io andavamo in vacanza insieme per diversi anni, due volte all'anno andavamo da qualche parte in Europa per una settimana a prendere il sole poiché nessuno dei nostri partner amava il caldo. Entrambi avevamo un lavoro frenetico e apprezzavamo il relax che una vacanza tra ragazze poteva offrire. Ero una bruna alta, buone ossa, un grande seno, immagino che mi chiameresti amazzonica nella struttura corporea. Alice era minuta, molto bionda, con un bel paio di tette ma molto bella e delicata. Ridevamo sempre insieme, rilassati nella nostra pelle e a nostro agio nello stare insieme, spesso dormivamo nella stessa...

430 I più visti

Likes 0

...

318 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.