La mia sorellina: Prologo

125Report
La mia sorellina: Prologo

Questo è un prologo a una serie di storie piene di speranza che scriverò in futuro.
Se vuoi solo Jack off, questo prologo probabilmente non fa per te, ma se sei interessato a una trama, leggi e commenta/rivedi.
Grazie.









La mia sorellina: il prologo



Mi sono svegliato al suono familiare della mia sorellina, Stacy, ridendo mentre si arrampicava sul mio letto, aveva dieci anni ed era carina da morire, aveva un bel naso a bottone, un viso minuscolo e dolce e capelli ramati che gli incorniciavano il viso magnificamente .

L'ho afferrata per la vita e l'ho capovolta, ho giocato con lei facilmente a causa della sua statura molto piccola e del suo peso negligente.
Mi alleno regolarmente e ho sviluppato una massa muscolare impressionante all'età di 16 anni.
Ero alto 6 piedi e 2 pollici ed ero molto più grande di qualsiasi membro della mia famiglia.
Avevo ottenuto la mia altezza da mio padre che è scappato prima della mia nascita ed è tornato solo per scopare mia madre e mettere la mia sorellina nella sua pancia.

"Stai attento con lei." mia madre ha detto dalla porta, "Vado a lavorare adesso, Jack", "prenditi cura di lei, preparale un pranzo e una cena, sarò a casa tardi stasera".
"va bene mamma." dissi prima di riprendere a solleticare mia sorella con quello che può essere descritto solo come un attacco di risatina.

L'ho afferrata e l'ho appoggiata sopra di me, era seduta dritta, con entrambe le gambe accanto a me, cavalcandomi in posizione da cowgirl se non fosse stato per le coperte che erano tirate su fino alla mia vita.
Indossava una mia vecchia maglietta bianca carina e delle mutandine bianche di cotone. L'ho esaminata mentre sento mia madre sbattere la porta mentre se ne va. Si sedette su di me senza una preoccupazione al mondo, tracciando silenziosamente il contorno del mio pacco da sei e dell'ombelico.

Ha colpito il mio ombelico più forte che poteva con le sue piccole dita, emettendo un piccolo "boop" mentre lo faceva.
Ho reagito afferrandola e gettandola al mio fianco, le ho strappato la maglietta per rivelare il suo piccolo corpo prepuberale.
Era molto magra e aveva piccoli capezzoli gonfi, nessun seno da cui ricavare qualcosa.

Era completamente nuda a parte un piccolo paio di mutandine.
Ho preceduto di toccarle più volte l'ombelico e di farle il solletico incessantemente. Lottò per scappare ridendo senza pensare. Ci stava riuscendo perché non avevo leva dalla posizione in cui mi trovavo, quindi l'ho scavalcato tra le sue piccole gambe per impedirle di scappare,

Il mio cazzo semi-eretto era appoggiato sulle sue mutandine attraverso il mio, misurava 8 pollici a pieno albero e 8 e mezzo in una buona giornata.
Devo essermi spostato su e giù leggermente mentre il mio cazzo le schiaffeggiava lo stomaco e l'inguine.
Ha smesso di ridere e mi ha chiesto cosa fosse, io ho detto che non era niente e mi sono mossa da sopra di lei sdraiata accanto a lei.
Era una bambina curiosa e non accettava un no come risposta,
"Jack? Cos'era quello? Era dove dovrebbe essere la tua figa!"
"Gli uomini non hanno i fanny Stace! Abbiamo i willy." Ho poi spiegato.

Non ho detto cazzo per salvare la sua innocenza, il che era strano visto quello che alla fine le avrei fatto.

"Un pisello?" ha chiesto.
"Sì, abbiamo piccole cose dove c'è la tua figa e questo è tutto ciò che ti ha schiaffeggiato quando mi sono trasferito."
"Non era piccolo, era grande e faceva male" mi ha fatto i complimenti.
"Mi dispiace Stace, cercherò di stare attento."

L'abbiamo lasciato lì, mi sono alzato, mi sono fatto la doccia, ho fatto il bagno a Stacy e l'ho vestita anche lei.
Abbiamo fatto colazione, pranzo e cena facendo piccole cose per passare il tempo in mezzo.

Mia madre era tornata a casa e si è fatta subito la doccia e si è agghindata.
"Esco stasera e resto con un'amica" disse mentre entrava nel soggiorno infilandosi degli orecchini a cerchio.
Uscire e stare con un'amica era il modo in cui mia madre diceva che aveva in programma di bere molto e di prostituirsi con qualsiasi ragazzo a caso.

La mia sorellina dormiva rannicchiata tra le mie braccia e lo era da tempo.
"Prenditi cura di tua sorella, chiudi a chiave la porta e io tornerò domani." lei se ne andò subito dopo.

Ho portato la mia sorellina nella sua cameretta rosa e l'ho sdraiata sul letto.
Ho iniziato a spogliarla e ho continuato finché non indossava di nuovo nient'altro che le mutandine, la mia mente è tornata indietro a lei stamattina quando le ho schiaffeggiato l'inguine con il mio cazzo e ho iniziato a tracciare le sue mutandine lì e poi.
Potevo sentire il contorno delle sue piccole labbra della figa e il culo pronunciato attraverso le sue gambe.
Mi sono fermato, rendendomi conto di quello che stavo facendo, le ho tirato addosso le coperte e sono andato a letto.

Sono stato svegliato dalla mia sorellina inginocchiata sul mio letto spingendomi leggermente e sussurrando il mio nome.
"Jack, Jack!"
"...u.. Eh? Cosa?"
"Ho avuto un incubo... ho davvero paura"
Mi sono seduto e ho capito subito che era pietrificata, tremava.
"Oh dio; ok... vuoi dormire ascoltandomi con me?" Ho chiesto.
"Mi terrai al sicuro?" non aveva bisogno di una risposta perché prima che potessi, era sotto le mie coperte annidata nel mio petto.
Siamo sdraiati così per un po', poi si è girata con la schiena verso di me.
Rimanemmo normalmente sdraiati lì per alcuni istanti, poi lei iniziò a infilare il suo culo nel mio cazzo e ad afferrare la mia mano forte al suo petto, o più specificamente alle sue tette inesistenti.
Ho iniziato a diventare duro mentre ogni paio di momenti lei muoveva il culo da un lato all'altro, facendo tremare il mio cazzo.
"mmm..." emise un debole gemito.
Il mio pene si è ingrandito e ha iniziato a scivolare tra le sue gambe, molto presto il mio cazzo si è appoggiato orizzontalmente contro la sua figa.
"Che cos'è!" disse allarmata mentre strinse le cosce e si allontanò improvvisamente, facendomi una mezza sega.
"Va bene!" L'ho presa e l'ho fermata a dimenarsi.
"È il mio coc.. voglio dire Willy."
"Non è la tua volontà!" disse suonando molto confusa.
"Cosa vuoi dire!? Certo che lo è!" Ho detto con forza.
"Ma è davvero difficile, stamattina mi è sembrato un po' morbido!"
"Cambia Stazione."
"Cosa intendi?" chiese, confusa.

Adesso era seduta appoggiata sulle braccia.
Mi sono seduto anch'io; Ho acceso la mia lampada da comodino, anche se c'era una piccola quantità di luce emessa dalla scarsa lampada, abbiamo entrambi sussultato per la nuova introduzione della luce nella stanza.
"Cosa vuoi dire che cambia? e perché prima lo chiamavi coc?"

"Per cominciare, è Cock, ok? Ed è quello che gli adulti chiamano pisello."
"C'è un nome da adulto anche per la mia figa?" chiese eccitante
"Sì", sospiro, "la chiamiamo Figa"
"Wow, Micia..." disse con un'espressione sessuale involontaria.
"Sì"
"Allora, come fa il tuo... cazzo... a diventare più grande"
"Beh... Quando un uomo esce con una donna che gli piace, il suo cazzo diventa grosso." Cerco di spiegarlo meglio che posso.
"Perché?" mi chiede, mettendomi in una posizione scomoda.

So che è troppo piccola per far parlare gli uccelli e le api, ma se non glielo dico, lo chiederà a mamma, e questo potrebbe causarmi tutti i tipi di problemi.

"Beh.. Ehm... Quando a un uomo piace una donna, il suo cazzo diventa duro.. Così può metterlo.. Dentro la sua figa."
"Vuoi dire dentro la mia tana!?" disse scioccata.
"è pazzesco! Non entrerebbe mai dentro di me!"
"Conosco Stace, è perché sei troppo giovane, diventerà più grande quando sarai più grande, quindi sarai in grado di adattarlo."
"Ok, quindi metti il ​​tuo cazzo nella figa di mamma?" ha chiesto, cosa che mi ha scioccato.
"Cosa!? No! Certo che no, perché me lo chiedi?"
"Beh, hai detto che lo metti dentro una ragazza che ti piace, ti piace la mamma, vero?" chiese innocentemente.
"Non allo stesso modo stace. Quando ho detto che l'hai messo dentro una ragazza che ti piace, intendevo una ragazza di cui ti sei innamorato."
"non mi ami!?"
"beh, certo, stazio, bu..."
"Quindi me lo metteresti tu?"

Stavo per dire di no, non l'avrei mai fatto, ma poi ho guardato la mia sorellina, sembrava così dolce nella penombra.
I suoi capelli ramati le scompigliavano il viso dopo il lungo sonno che aveva avuto.
Il suo naso abbottonato e gli occhi azzurri puri, pozze di temprata bellezza.
Piccole lentiggini che le punteggiano il viso e le labbra, un perfetto rosa rossastro che sembrava dire che voglio baciarti così tanto.
Ed è allora che mi sono reso conto che stavo guardando mia sorella mentre esaminava la sua bellezza per un po' di tempo e mi sono reso conto che era più bella di qualsiasi altra ragazza che abbia mai visto.
Il mio cazzo era duro come una roccia, palpitante che voleva, no, aveva bisogno di essere dentro di lei.
Ma non potevo, almeno non ora, è troppo giovane per capire.
Ne parlerebbe a qualcuno e, peggio ancora, l'avrei ferita terribilmente.

Ora dovrei dire per la cronaca, amo mia sorella più di quanto chiunque legga questo potrebbe capire, e non le farebbe mai del male, non importa quale sia la causa.

"Stace ascolta, fratelli e sorelle non possono farlo, è cattivo."
"Ma ti amo Jack!"
"e ti amo stace, dio, non puoi capire!"
"Non sono un ragazzino! Non riesco a capire perché non me lo dici!" lei mi urla.
Incrocia le braccia sbuffando e si allontana da me.
Afferro una delle sue braccia dolci e morbide e la tiro leggermente verso di me, lei apre le braccia istintivamente e mi abbraccia forte.
"Ascolta Stace, quando un uomo e un uomo si amano in un modo diverso dall'amore di famiglia, fanno sesso, ed è così che nascono i bambini."
"ma cosa succede se ti amo più dell'amore di famiglia?" lei disse

Non ho risposto, ci siamo semplicemente sdraiati abbracciati, alla fine ci siamo sdraiati e ci siamo addormentati.
Mi sono svegliato e ho trovato qualcosa che mi ha scioccato, mia sorella era completamente nuda e si era tolta i boxer per rivelare il mio cazzo indurito mattutino.
Stava spingendo la sua vagina sul mio cazzo nel tentativo di fare sesso con me, fallendo miseramente perché il mio cazzo mostruoso era troppo grande per il suo corpo molto prepuberale.

Non ero arrabbiato, ora sapevo che volevo che accadesse, ma dovevo porre fine a tutto questo.

"Cosa stai facendo Stace?" Dissi piano per non ferire i suoi sentimenti
Era scioccata e sconvolta dal mio risveglio.
Si staccò rapidamente, si girò e iniziò a piangere.
L'ho girata e l'ho abbracciata di nuovo vicino a me.
La testa del mio cazzo era appoggiata nel suo ombelico e il suo tumulo morbido, minuscolo e senza peli era spinto contro la mia parte interna della coscia.

"Stace, perché lo stavi facendo?"
Rimase in silenzio, a parte qualche grido soffocato.
"Comeon Stace, ti prometto che non mi arrabbierò con te"
"E'... beh... io davvero... ti amo."
"pensi di farlo ora Stace, ma non lo penserai più avanti nella tua vita"
"Lo farò, ti amerò per sempre Jack, voglio che tu e io facciamo... sesso e abbiamo bambini."
"Stato...!"
"So che hai detto che non possiamo perché è cattivo...
"Non è solo cattivo Stace, potrei essere portato via da te per sempre e rinchiuso se qualcuno lo vedesse o lo sentisse parlare!"
... Quindi non lo diremo a nessuno!"
"Quando sarai più grande capirai." L'ho baciata sulla guancia come volevo finire lì, ma mentre mi allontanavo lei mi ha afferrato il collo e mi ha baciato in pieno.

Le sue labbra morbide e vellutate si intrecciarono con le mie e la sua bocca si aprì leggermente rivelando il tesoro della sua bocca, la sua lingua calda entrò nella mia bocca con un'esperienza sorprendente.
Mi allontanai e la guardai, i suoi occhi innocenti fissarono i miei con senso di colpa e speranza.
Senza pensare l'ho baciata di nuovo, questa volta avvolgendole un braccio intorno al petto, tirandola verso di me mentre l'altra mia mano le afferrava il culo grassoccio e lo spostava verso il mio cazzo, strofinando la figa contro la mia gamba nel processo.
I nostri corpi nudi che si fondono insieme abbiamo condiviso il bacio più appassionato che abbia mai provato con una ragazza.

Ho rotto il nostro bacio dopo un minuto in cui ci siamo baciati e ho iniziato a parlarle mentre strofinavo lentamente il suo corpo su e giù con la mia mano.
"Questa è Stacy sbagliata!" Ho discusso con lei.
"Perché!? Mi ami e io amo te, perché è sbagliato? È così bello e così giusto."

Ho cercato di trovare una ragione plausibile per non baciarla di nuovo, ma senza successo. Amavo davvero mia sorella e aveva ragione, perché non dovremmo stare insieme?

"Ti dirò cosa Stace, quando avrai il primo ciclo, ti chiederò come ti senti ancora per me, se mi ami ancora... Staremo insieme..."

Storie simili

Il compagno del campione 12

La tarda estate al Menthino è stata un periodo intenso. Kaarthen si ritrovò nella gigantesca stanza della mappa del palazzo. L'intero piano era un'immagine in movimento in tempo reale di Menthino, scale su rulli e tavoli cartografici su ruote erano lungo le pareti. Marcos era vestito in modo quasi casual con una camicia di seta verde scuro e pantaloni neri Safi. La regina e due principesse, Saliss la più anziana e Ruegin, ascoltavano con lei i piani annuali di migrazione dalle vaste pianure alluvionali a Cardin. Tre Hjordis in nero Safi con i capelli raccolti in chignon stretti stavano lungo il...

1.1K I più visti

Likes 0

Lussuria 3

Ancora una volta, stavo terminando la notte masturbandomi dopo essere stato estremamente eccitato a causa delle avventure di mia figlia. Oggi è stata una giornata pazzesca e non potevo credere a quello che era successo dopo aver calmato i miei pensieri arrapati con un orgasmo. Mi sono addormentato come un angelo dopo. Al mattino mi sono svegliato presto e ho preparato la colazione. Quando i bambini sono scesi, ho servito loro dei cereali e ho preso la banana che mia figlia aveva messo nel culo la sera prima e l'ho data a mio figlio. Ho guardato il viso di mia figlia...

1K I più visti

Likes 0

In famiglia (parte 5)_(1)

Vuoi un po' di compagnia? Cam fece capolino nella doccia. La guardai con gli occhi socchiusi mentre mi tiravo indietro i capelli bagnati dagli occhi. La bella addormentata è finalmente in piedi. ho preso in giro. Fece una risatina e aprì la porta a vetri. Devi sciogliere l'asciugamano, lo sai. dissi, guardando l'asciugamano che stringeva così forte al suo corpo. Entrò e gettò l'asciugamano per terra. Era tutto pieno di vapore nella doccia, quindi non potevo vederla chiaramente, ma potevo vederla. Mamma e papà non si sono ancora alzati? Non credo. Disse e prese una bottiglia di shampoo. Perché non ti...

910 I più visti

Likes 0

Il mio fascino ha portato alla realtà.

Mio marito Daniel ed io (Gina) eravamo sposati da circa cinque anni. Abbiamo avuto una vita sessuale attiva anche prima del matrimonio. Ma si è intensificato dopo il matrimonio. Avevo usato giocattoli sessuali prima di incontrarci e si è eccitato quando l'ha scoperto. Siamo passati alla recitazione in costume. Gli piacevo vestita da infermiera sexy. Mi piaceva travestirmi da Padrona e farmi obbedire. I giochi sono diventati più folli con il passare del tempo. La cosa Dom è diventata più aggressiva. Ho iniziato a chiedermi da dove prendesse tutti questi giochi selvaggi. Ha iniziato a chiedermi di mettermi in ginocchio e...

677 I più visti

Likes 0

Due settimane con Horas - Capitolo 2

Prendo mia moglie con il cane di mio fratello. All'inizio arrabbiato, comincio a capire l'attrazione. Dopo che Horas ha nuovamente servito Cathy e poi ho avuto il mio turno, ci siamo diretti verso la doccia. Cathy era così cablata e si è aggrappata a me, baciandomi e ringraziandomi. Potrei dire che le piaceva davvero Horas. Potevo vedere perché. Era tutta forza bruta, un grosso cazzo grosso e una lingua ben praticata. Brian e Leena lo avevano ovviamente addestrato bene. Ero molto grato che Leena non avesse detto a mio fratello che anche Cathy era una delle puttane di Horas. mi sarei...

722 I più visti

Likes 0

Quid pro quo

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>PARTE 1: L'intervista >>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>> Luke si trova nell'ascensore e si dirige verso l'ultimo piano della Salesforce Tower. Ha il caffè in mano portando lo zaino su una spalla. Fissa il suo riflesso sulla porta dell'ascensore. Sta a 6'0 vestito nel suo solito look casual da lavoro. Ha pantaloni argentati su misura per la sua corporatura con una camicia blu abbottonata e un paio di scarpe nere. L'ascensore suona e la porta si apre. Si fa strada lungo un corridoio e si dirige verso la suite dell'azienda per cui lavora. Luke apre la porta e si dirige verso l'area della reception...

625 I più visti

Likes 0

Riunione arrapata (parte 5)

(Ecco l'ultima parte scritta finora, posterò il resto quando ci arriverò.) Le mie braccia la avvolsero intorno, tenni il suo corpo vicino al mio mentre entrambi i nostri orgasmi si placavano. Potevo sentire il suo cuore battere lentamente contro il mio petto e il suo respiro contro il mio collo prendere gradualmente un ritmo normale. Si strofinò contro l'incavo del mio collo e mi baciò sulla spalla. Con un braccio che le teneva ancora il corpo, mi pettinai con le dita, gettai i suoi lunghi capelli e le baciai la sommità della testa. Poi ha alzato la testa, baciandomi il collo...

599 I più visti

Likes 0

Caduta celeste - Capitolo 5-6

Capitolo Cinque Estratti dal passato Immortalità: idea abbagliante! Chi ti ha immaginato per primo! Era forse qualche allegro borghese di Norimberga, che con il berretto da notte in testa e la pipa di terracotta in bocca, sedeva in una piacevole sera d'estate davanti alla sua porta, e rifletteva in tutta la sua comodità che sarebbe stato piacevole se, con pipa inestinguibile, e respiro infinito, poteva così vegetare innanzi per una beata eternità? O era un amante, che tra le braccia della sua amata, pensava il pensiero dell'immortalità, e questo perché non poteva pensare e sentire nulla accanto!... Amore! Immortalità! Heinrich Heine...

565 I più visti

Likes 0

Agenzia per l'adozione inviata dal cielo

~~Introduzione~~ Questa storia inizia con quattro ragazzi molto belli. Erano intelligenti oltre il loro tempo. Il primo si chiama Michele. Michael proveniva da una famiglia di altissimo livello. Suo padre possiede più della metà delle banche negli Stati Uniti, quindi il suo background era perfetto. Non ha mai avuto nessun tipo di problema per tutta la sua giovane vita, la famiglia sempre in giro (tanto amore), ed è un figlio molto educato. Stava compiendo 25 anni ed era al secondo anno al college (non nominerò il college, per altri motivi, ma era qualcosa come la fascia alta, come Yale), aveva una...

508 I più visti

Likes 0

Giorni di appuntamenti

È stata una bella giornata alla Woodrow Wilson High, situata nel nord della California. (Che posto strano per nominare quella scuola lì). Mi chiamo James Carten. Sono un atleta regolare, ho giocato in quasi tutte le squadre. Ho iniziato il mio primo anno di liceo, gli ormoni al loro apice. Sfortunatamente, non ero il massimo con le donne. Potrei parlare con loro, essere d'accordo con loro, ma non potrei mai chiedere loro di uscire. Ho provato a cambiarlo presto. Sono entrato nel primo ciclo, stanco da morire, ma il lavoro lo faccio lo stesso. Guardo questa ragazza, Chelsy, mentre è seduta...

461 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.