Andare a letto con la babysitter Capitolo 01

25Report
Andare a letto con la babysitter Capitolo 01

LETTO DELLA BABYSITTER

Trama: Una vicina lesbica usa Internet per sedurre la sua innocente babysitter.

Nota: anche se pubblicata nel settembre del 2010, questa storia è stata completamente riscritta nell'ottobre del 2012.

Nota 2: Grazie a MAB7991 e LaRacasse per l'editing.



LETTO DELLA BABYSITTER
Mi chiamo Megan. Sono una donna single di 35 anni con un bambino di due anni.

Jenny era la perfetta babysitter. Frequenta una scuola privata e indossa sempre la gonna scozzese e calze di nylon alte fino al ginocchio (ho trovato interessante che indossasse calze di nylon alte fino al ginocchio e non calzini come la maggior parte delle ragazze). Porta sempre i suoi capelli castano scuro raccolti in treccine o una treccia e gli occhiali la facevano sembrare una nerd o una secchiona, qualunque termine tu preferisca. Ad ogni modo, Jenny era una delle superiori e aveva compiuto 18 anni un paio di mesi fa quando ho iniziato a notare che controllava spesso le mie gambe lunghe e il seno grande. I suoi continui sguardi mi hanno fatto pensare se potesse essere lesbica o almeno curiosa e ho deciso di scoprirlo.

Ora dovrei notare che sono un tecnico informatico e un piano di seduzione mi è praticamente caduto in grembo. Una sera, mentre faceva da babysitter, Jenny ha detto che il suo computer funzionava lentamente. Jenny mi ha chiesto se volevo guardarlo per lei; Le ho detto che l'avrei fatto, ma ci sarebbero voluti alcuni giorni.

Un paio di giorni dopo, dopo aver effettuato alcune operazioni di manutenzione ordinaria del computer, ho fatto funzionare il suo computer alla stessa velocità di quando era nuovo. Curioso di quello che ha fatto online, ho cercato nella sua cronologia delle ricerche e ho scoperto che adorava un sito chiamato Literotica, un sito di storie erotiche. Andando più a fondo nella sua storia, potrei dire che leggeva principalmente porno lesbico e per lo più seguivano un formato simile di giovani sedotti da anziani, di giovani sottomessi. I miei sospetti erano giusti; era per lo meno curiosa di stare con una donna, ma troppo timida per fare qualcosa al riguardo. Essendo una personalità dominante, dozzine di idee birichine mi rimbalzavano in testa. Ho installato un sistema di tracciamento che mi ha dato accesso a tutta la sua navigazione in Internet prima di restituirle il computer pochi giorni dopo.

Ho chiamato Jenny per dirle che avevo riparato il suo computer. È arrivata vestita con un adorabile prendisole a fiori e io stavo ancora pianificando la sua seduzione. Le ho fatto un paio di domande, ma prima le ho fatto i complimenti.

"Jenny, sei assolutamente adorabile", mi complimentai, mettendo la mia mano sulla sua spalla nuda.

“Grazie,” sussurrò, chiaramente non abituata a farsi notare. Sebbene fosse molto carina, non lo sapeva. Il suo stile, o la sua mancanza, nascondeva la sua vera bellezza naturale.

"Hai un fidanzato?" chiesi allontanando la mano. Una seduzione di successo richiede di leggere la preda e sapere se andare veloce o lento e questo non era sicuramente un tipo di seduzione wham-bam-grazie-signora.

«No», disse, incapace di guardarmi negli occhi.

"Veramente!" dissi fingendomi sorpresa. “Sei una giovane donna così bella, Jenny. Non posso credere che i ragazzi non facciano la fila per uscire con te.»

"Non ho mai avuto nemmeno un appuntamento", ha ammesso.

Non ci posso credere», dissi, «sei troppo carina per aver già avuto tre o quattro fidanzati».

"Beh, non sono nemmeno sicuro di voler uscire con qualcuno."

"Beh, sono estenuanti", ho scherzato.

Lei ridacchiò: "Questo è quello che ho sentito".

“Quindi non hai mai avuto un ragazzo. E una ragazza?" chiesi, aprendo la porta al piano che già si stava formulando nella mia testa.

Il viso di Jenny era rosso fuoco; o non era abituata a tali complimenti o, come speravo. imbarazzata a causa della sua attrazione per le donne. Lei balbettò: “C-c-cosa? N-n-no, io…”

"Stavo solo scherzando, Jenny", la salvai, la mia mano di nuovo fuggevolmente sul suo braccio. "Anche se non c'è niente di sbagliato nel piacere alle ragazze", dopo una lunga pausa, aggiunsi, basandomi di nuovo sulla complessa rete di seduzione che stavo creando, "lo voglio".

"Tu fai cosa?" chiese Jenny, i suoi occhi improvvisamente grandi.

"Adesso esco solo con donne", ho ammesso, aggiungendo, "dopo che quello stronzo di un ex marito ha lasciato me e Max, ho deciso di cambiare direzione ed è stata un'ottima decisione".

"S-s-sei lesbica?" Jenny balbettò, i suoi occhi chiaramente sconcertati da questa informazione.

"Non lo sapevi?" Ho chiesto.

"N-n-no", disse, il viso rosso più scuro possibile.

«Scusa, se questo ti mette a disagio», dissi.

"No, no, va bene", ha risposto.

"Trovo", dissi sperando di aumentare la sua curiosità, "che solo le donne capiscono di cosa hanno bisogno le donne". Dopo una pausa, ho scherzato, mentre le passavo il computer: “Beh, probabilmente sono troppe informazioni per la tua categoria. Ecco il tuo computer, funziona bene come il giorno in cui l'hai comprato.

«Grazie», disse, con la mente chiaramente altrove. "Cosa ti devo?"

"Che ne dici di fare da babysitter gratis un giorno?" Ho chiesto.

«Certo, quando vuoi, signora Cameron», disse.

Una volta che se ne fu andata, sorrisi alla nostra conversazione e al potenziale.

*****

Nei tre giorni successivi ho imparato molto su di lei. Andava sempre su un sito web di musica e suonava brani online mentre navigava. Successivamente controllava sempre la sua posta elettronica e aveva il suo programma di chat MSN attivo. Poi andava su un sito di consigli per adolescenti, leggeva tutte le nuove domande e spesso dava loro consigli o semplicemente commentava. Dopo di che variava la ricerca di siti di autori, ricerche per i compiti, ecc. Ma finiva sempre la serata andando su www.literotica.com e leggendo storie di sesso. Cominciava sempre con le storie più recenti e poi cercava storie di sesso lesbico. A volte cliccava sui titoli, altre volte usava il motore di ricerca cercando parole come: sottomissione, sottomessa, obbedire, scolaretta, ecc. Alcuni dei titoli che leggeva includevano: “Suburban Submission”, “Cynthia's Submission”, “The Il nuovo giocattolo del professore”, “Bashful Betty” e l'interessantissimo “Seducing the Babysitter”. Mi è diventato chiaro che era una sottomessa in cerca di qualcuno che la dominasse. Ho deciso di inviarle un messaggio su alcuni consigli che ha dato sulla questione del rilascio della pressione. La domanda era "Come rilasci lo stress?" Ha risposto “Tutte le ragazze sono diverse. E anche se posso consigliare su quasi tutti gli argomenti accademici, non sono mai stato in grado di liberare il mio stress.

Ho inviato una mail che diceva:
Ciao, mi scuso per averti inviato un'e-mail personalmente. Ma dopo aver letto la tua risposta, ho pensato che avrei dovuto risponderti personalmente. Ho molta esperienza nell'aiutare le persone a rilasciare lo stress. Dovrei avvisarti che il mio trattamento è molto poco ortodosso e devi essere molto onesto con me se vuoi una vera liberazione. Ama Megan.

15 minuti dopo Jenny ha risposto:
Grazie per l'e-mail. Lo apprezzo molto. Sono molto curioso di saperne di più su questo. Cosa devo fare dopo? Adoro Jenny.

La mia e-mail di risposta ha cercato di scavare più a fondo e creare fiducia:
Quali cose ti stressano?

La sua risposta non è tornata per quasi un'ora:
Molte cose. Immagino le solite cose del liceo: essere popolare, ottenere buoni voti, scrivere borse di studio e relazioni, immagino.

Cercando di scavare più a fondo, ho posto una domanda rassicurando che non era diversa dalla maggior parte degli adolescenti:
Questi sono stress adolescenziali molto comuni. Qualcuno di loro causa stress eccessivo?

Passarono solo pochi secondi prima che lei rispondesse:
È difficile essere te stesso al liceo, immagino.

Dopo aver costruito una breve relazione con lei, ho provato a prepararla per il mio piano:
"Se vuoi posso aiutarti, ma ho bisogno di saperne di più su di te."

La sua risposta è stata immediata e chiaramente stava aspettando la sua e-mail:
"Che cosa ti serve sapere?"

Ho risposto con un avvertimento, creando la mia rete di seduzione, sperando che abboccasse:
Ti invierò un questionario, ma tieni presente che pongo alcune domande potenzialmente scomode. Solo attraverso la completa onestà sarò in grado di aiutarti davvero con consigli più che superficiali come quelli che ricevi su quel sito per adolescenti.

Come previsto, ha risposto quasi immediatamente:
Vi prego di inviarmi il sondaggio e prometto di rispondere onestamente.

Le ho detto che presto avrei inviato il questionario e ho passato un'ora a pensare alle cose giuste da chiedere. La potenziale seduzione è una cosa capricciosa e potrebbe attirarla o spaventarla. Alla fine, felice delle mie domande le scrissi:
“Cara dolce Jenny, se sei seriamente interessata, devi rispondere alle seguenti domande. Devi essere completamente onesto perché il mio trattamento funzioni. Se vengo a sapere che mi hai mentito, interromperò immediatamente il trattamento.

Dopo aver ricontrollato le mie domande, ho inviato l'e-mail. Ha risposto in pochi minuti.

Nome: Jenny
Età: 18
Colore degli occhi: marroni
Colore dei capelli: castani
Film preferito: Una passeggiata da ricordare
Gruppo musicale preferito: Tegan & Sara
Tre passioni: leggere, scrivere, film
Qual è il tuo più grande stress: entrare ad Harvard.
Come gestisci lo stress: Musica, lettura
Quanto spesso ti masturbi: almeno una volta al giorno, anche questo rilascia lo stress
Quando ti sei masturbato l'ultima volta: la scorsa notte.
Su cosa ti sei masturbato: è imbarazzante, ma stavo fantasticando di sentirmi dire cosa fare da una cheerleader della mia scuola. Non riconosce nemmeno che esisto ed è una stronza con tutti sotto di lei, eppure non posso fare a meno di pensare di essere dominato da lei.
Qual è la tua fantasia più costante: sogno anche di essere sedotto da una donna anziana che mi insegna come soddisfare completamente una donna.
Descrivi la tua vita sessuale: Le mie dita, sono vergine.
Descrivi il tuo ragazzo e/o ragazza ideale: una donna più grande, potente, comprensiva.
Cosa indossi adesso? Indosso un pigiama rosa.
Ultima domanda: un segreto che nessuno conosce di te: mi piace masturbarmi indossando i collant e senza biancheria intima perché amo la sensazione setosa sulle gambe e sulla vagina. Immagino di avere un feticcio di nylon.


Le risposte di Jenny hanno risposto a tutte le mie domande e sapevo che sarebbe stata una facile preda. La mia successiva e-mail era la seguente:
Caro Jenny:
Grazie per aver risposto a tutte le mie domande in modo così esauriente. Tale onestà porterà a una cura completa per i tuoi problemi di stress. Inizieremo il programma oggi. Il mio tag msn è DrMeg. Per favore, inviami un messaggio non appena ricevi questo.

Pochi minuti dopo ho ricevuto un segnale acustico.
Jen78ph: Ciao. Questa è Jenny.

DrMeg: Ciao Jenny. Come stai?

Jenny78ph: Bene.

DrMeg: Cosa significa 78ph?

Jenny78ph: 78 è un numero casuale. F=collant.

DrMeg: Capisco. Dove vivi? Sono un americano che vive a Boston.

Jenny78ph: Assolutamente no. Anch'io vivo a Boston.

DrMeg: Molto interessante. Forse un giorno ci incontreremo. Ad ogni modo, le tue risposte alle mie domande hanno chiarito che manchi di fiducia in te stesso. Diresti che è vero

Jenny78ph: Suppongo di avere un aspetto mediocre e di essere considerato un secchione dalla maggior parte dei miei compagni di classe.

DrMeg: Capisco. La fiducia inizia amando te stesso. Pertanto, credo che il tuo aspetto e ciò che indossi creino fiducia in se stessi.

Jeny78ph: Davvero???

DrMeg: Sì. Ad esempio, in questo momento indosso giarrettiera e calze, con una gonna e un maglione attillato. Questi rafforzano la mia fiducia mentre ricevo molti sguardi da altri uomini e donne. Cosa indossi?

Jenny78ph: Solo jeans e maglietta.

DrMeg: Eppure ti piace indossare calze di nylon?

Jenny78ph: Sì.

DrMeg: In questo momento, voglio che ti cambi in calze di nylon. Hai delle calze o calze di nylon alte fino alla coscia?

Jenny78ph: Ho solo collant. Cosa sono le calze autoreggenti?

DrMeg: Sono calze con una parte superiore elastica per tenerle su da sole intorno alla coscia.

Jenny78ph: Oh, mia mamma ne ha un po'.

DrMeg: Puoi prenderne un po' dalla sua stanza?

Jenny78ph: Sì, non è a casa.

DrMeg: Vai a mettertene un paio, mia cara.

Jenny78ph: Ehm, ok. Tornerò tra pochi.

Circa 4 minuti dopo.

Jenny78ph: Sono tornata.

DrMeg: Cosa indossi adesso?

Jenny78ph: Calze autoreggenti beige, una gonna lunga e la stessa t-shirt.

DrMeg: Meglio. Ora voglio che tu indossi una gonna abbastanza corta da permettere alle persone di notare le tue cosce se sei seduta.

Jenny78ph: Ora?

DrMeg: Sì, ora, mia cara.

Jenny78ph: Ok...BRB!

Un paio di minuti dopo.

Jenny78ph: Sono tornata e OMG puoi davvero vedere il top di queste cose con questa gonna.

DrMeg: Bene. Riguarda la tua percezione. Diventi per gli altri come ti vedi.

Jenny78ph: Non intendo essere scortese, ma come mi aiuterà ad alleviare lo stress?

DrMeg: Tutto in tempo, tesoro. Ora voglio che ti guardi allo specchio. Cosa vedi?

Jenny78ph: Uhm, sempre io, anche se sembro più sexy.

DrMeg: Ti piace il nuovo look?

Jenny78ph: Sì.

DrMeg: Se ti piaci, tutto il resto si prende cura di se stesso.

Jenny78ph: È così semplice?

DrMeg: Sì, la fiducia si costruisce amando prima te stesso e sentendoti a tuo agio con chi sei.

Jenny78ph: Suppongo di essere sempre stata insicura su come gli altri mi vedono.

DrMeg: Testiamo la mia teoria.

Jenny78ph: Come?

DrMeg: Ti fidi di me?

Jenny78ph: Per qualche motivo sì.

DrMeg: Bene. Quindi vestito esattamente come indossi ora, voglio che tu vada al centro commerciale e ti compri un paio di calze autoreggenti. Se possibile ottenere i seguenti colori: nero, bianco, rosa e moka.

Jenny78ph: Uhm, ok, ma vedranno tutti le mie calze.

DrMeg: Sì, lo faranno. Vedranno la nuova Jenny.

Jenny78ph: Che loro <ridacchiano>

DrMeg: Mentre sei fuori, fai attenzione se qualcuno nota il tuo nuovo te. Poi mandami un messaggio quando torni.

Jenny78ph: Sarai online?

DrMeg: Forse. Ma resta online se sei a casa e siamo obbligati a collegarci.

Jenny78ph: Ok.

Ho guardato fuori dalla finestra e ho guardato; pochi minuti dopo quando uscì, vestita secondo le istruzioni e saltò in macchina. Era obbediente e sottomessa come pensavo che sarebbe stata.

3 ore dopo.

Jenny78ph: Ciao, sono tornata.

Jenny78ph: Ho ricevuto tutti i colori che hai richiesto e ne ho comprato anche un paio rosso. Erano in vendita acquista 6 prendi uno gratis. Quindi ne ho preso un paio nero in più e anche un paio beige.

DrMeg: È bello sapere che hai fatto così bene. Come ti sei sentito ad uscire vestito così?

Jenny78ph: Ottimo davvero. All'inizio ero davvero impacciato, ma dopo aver superato l'ansia originale, ho sentito un'improvvisa corsa. Mi sentivo sexy, qualcosa che di solito non è correlato alla mia percezione di me stesso. Alcuni ragazzi sembravano avermi notato e la commessa è stata molto gentile a farmi i complimenti per il mio acquisto.

DrMeg: Te l'ho detto, come ti vesti è come ti senti.

Jenny78ph: Però mi sentivo un po' troia.

DrMeg: Vestirsi in modo sexy non ti rende troia. Dormire con un gruppo di persone ti rende troia. Quindi deduco dalle tue risposte al questionario che sei lesbica?

Jenny78ph: Ehm... non lo so... le mie fantasie riguardano le ragazze, ma non sono disgustata dai ragazzi.

DrMeg: Perché le donne anziane?

Jenny78ph: Non ne ho idea. Mi emoziono di più per loro. Sembrano così sicuri di sé. Così potente.

DrMeg: Capisco. Le donne anziane hanno esperienza, a differenza dei ragazzi adolescenti.

Jenny78ph: Non saprei.

DrMeg: Questa cheerleader su cui fantasticare. Lei è lesbica?

Jenny78ph: No, sta uscendo con un ragazzo al college.

DrMeg: Capisco. Ho un compito per te stasera.

Jenny78ph: Ok.

DrMeg: Scrivi una breve fantasia su di te e la cheerleader e mandamela via e-mail.

Jenny78ph: Uhm, non sono sicura di poterlo fare.

DrMeg: Non deve essere porno, solo una fantasia dettagliata. Questo mi aiuterà ad aiutarti.

Jenny78ph: Ok, ci proverò.

DrMeg: Devo andare ad aiutare un altro paziente. Ti parlerò domani.

Jenny78ph: Ok.

DrMeg: Buonanotte, mia cara.

Jenny78ph: Buonanotte.

Mi sono disconnesso e ho guardato cosa faceva online. Andò immediatamente su Literotica e cercò storie. Dopo circa 20 minuti si è disconnessa. Ha letto una lunga storia intitolata "The Complete Submission" che ho letto anch'io, che è stata un'incredibile storia di sottomissione.

La mattina dopo ho trovato un'email di Jenny. Era MOLTO più creativa di quanto pensassi:
Stavo uscendo da scuola quando mi sono ricordato di aver lasciato un libro che dovevo finire di leggere nel mio osservatore da palestra. Sono entrato in palestra e ho visto Karen nuda che si stava appena vestendo. Mi ha sorriso e ha detto: "Ehi Jenny, perché non fai una foto che duri di più?".

Ero scioccato che sapesse il mio nome. Mi sono scusato con un balbettio, le mie guance sono diventate immediatamente rosse, "S-s-scusa".

Ha chiesto: "In realtà Jenny, puoi farmi un favore".

"Certo", ho chiesto, solo eccitato dal fatto che stesse conversando con me.

"Vieni qui", disse, facendomi cenno di avvicinarmi con un sorriso che non riuscii a leggere.

Mi sono avvicinato e sono rimasto sbalordito quando ha detto: "Hai controllato il mio corpo per tutto il semestre, vero, Jenny?"

Il mio viso rosso rubino ora, balbettai di nuovo, cercando di nascondere la mia colpa, "N-n-no, non l'ho fatto".

«Non mentire» sorrise, mettendomi una mano sulla spalla. "Stavi letteralmente sbavando per me."

Il suo tocco mi ha scosso e non sono riuscito nemmeno a completare una frase razionale. "Ehm, io, voglio dire, io..."

Lei gentilmente, ma con fermezza, mi ha spinto sulle spalle e le mie gambe hanno ceduto mentre mi abbassavo sulle ginocchia. “Oggi faceva davvero caldo, Jenny e l'allenamento delle cheerleader sono stati estenuanti. Mi sento così diiiiirty”, ha detto, sottolineando la parola sporco.

La mia faccia era direttamente davanti alla sua vagina e la stavo fissando persa nei suoi pensieri.

"Da cosa inizi, Jenny?" chiese, il suo tono implicava che sapesse esattamente cosa stavo fissando.

Mi sono costretto ad allontanarmi dalla sua vagina e ho guardato oltre i suoi grandi seni e nei suoi occhi.

Sorridendo consapevolmente, ha istruito: "La mia vagina ha bisogno di essere pulita, perché non la pulisci per me?"

Ho finto di protestare, "Ehm, io-io-io non sono lesbica".

“Nemmeno io. Adoro i fottuti ragazzi. Ma le ragazze sono molto più brave a leccare la fica,” sorrise, prendendomi la testa e attirandomi nel suo dolce sesso.

Non ho opposto resistenza quando sono stato condotto nel mio primo atto di attività lesbica. Ho allungato la lingua e ho preso contatto con la sua vagina.

Lei gemette: "Alla piccola Jenny piace la mia figa?"

Ho balbettato, già dipendente, "S-s-sì".

Leccai lentamente su e giù le labbra della sua vagina, cercando di compiacerla e assaporare il suo gusto unico e avvincente. Dopo un paio di minuti mi sono concentrato sulla sua clitoride che le ha fatto tremare le gambe e lei ha emesso un forte gemito.

"Ecco il mio animale domestico, leccami bene la fica", ordinò.

Essere chiamato animale domestico mi ha fatto bagnare la vagina e ho continuato con entusiasmo a soddisfare la ragazza più bella che conoscevo a scuola. Ho fatto roteare la mia lingua intorno al suo clitoride, l'ho succhiato nella mia bocca. Ero dipendente dal suo gusto unico e non avrei mai voluto che questo momento finisse.

All'improvviso la sua mano sulla mia testa, ha chiesto: "Vaffanculo troia lesbica, succhiami la fica, fammi venire". Ha tirato la mia testa più in profondità nella sua vagina e ha iniziato a muovere il suo corpo sulla mia faccia. Essendo sempre un piacere per le persone, sono diventato un piacere per la figa, leccando e succhiando avidamente mentre penetravo la sua vagina con la mia lingua.

I suoi gemiti aumentarono e fui presto ricompensato con il gusto più dolce che Dio avesse creato mentre i suoi succhi si riversavano da lei sulla mia lingua, labbra e viso. Ho continuato a placare la mia inestinguibile sete desiderando sempre di più mentre annegavo nella mia sottomissione e nella sua perfezione.

Una volta che il suo orgasmo ebbe fatto il suo corso, mi guardò e ordinò: "Spogliati".

Mi alzai e obbedii, le mani tremanti e cominciai a sbottonarmi la camicetta.

"Sbrigati, sgualdrina", sbottò impaziente.

Obbedii di nuovo, un misto di anticipazione e trepidazione si scontrò nella mia mente. Una volta nudo, non mi sono mai sentito più vulnerabile mentre mi guardava. Ha commentato: "Perché nascondi un corpo così bello con vestiti così poco lusinghieri".

Il mio viso arrossì di nuovo a un complimento della ragazza su cui avevo fantasticato per sempre, la ragazza che mi fece riconsiderare la mia sessualità. "Io-io-non lo so."

"Non sai quanto sei sexy, vero?" chiese, venendo verso di me.

“Ehm, io,” balbettò incapace di completare un pensiero completo, affogando nei complimenti e nel desiderio di essere toccato.

Raggiungendomi, chiese, muovendo lentamente il dito tra i miei seni, "Vuoi che ti mangi la fica?"

«Sì», sussurrai, quasi impercettibile.

“Scusa,” chiese, il dito che scivolava lentamente sul mio capezzolo destro eretto.

«Sì, per favore», piagnucolai al suo tocco.

"Sì cosa?" chiese, le sue dita pizzicando il mio capezzolo.

"Aaaaah, per favore leccami la vagina", gemetti, dandomi a lei.

"Vagina", rise dolcemente, le sue dita che serpeggiavano sull'altro mio capezzolo. "Cos'altro puoi chiamare quella tua scatola di dolci?"

Feci una pausa, non imprecavo quasi mai, ma le sue dita che mi pizzicavano il capezzolo mi avevano distratto e arrapato. "La mia figa", gemetti di nuovo, un misto di piacere e dolore.

"Cos'altro?" chiese, mentre il dito ora viaggiava lentamente verso sud.

Volendo che mi toccasse lì, che mi leccasse, ho risposto: "Figa mia, per favore toccami la fica".

"Brava ragazza," gemette, sporgendosi in avanti e prendendo il mio seno in bocca mentre il suo dito tracciava le mie labbra bagnate.

Rabbrividii ed emisi un gemito incontrollabile.

Mi spinse sulla panca e si mosse tra le mie gambe tremanti. Guardandomi, ha chiesto: "Dimmi cosa vuoi, animaletto mio".

"Mangia la mia fica", ho chiesto. "Devo venire così baaaaaad."

"Dimmi che sei una troia lezzie", chiese in risposta, colpendo il mio clitoride con la lingua.

Tutto il mio corpo ha tremato con un solo tocco e ho dichiarato la mia sessualità senza esitazione. “Sono una troia lesbica. Adoro leccare la tua bellissima figa e sarò la tua schiava lesbica che si inginocchia sempre e ovunque per avere solo un assaggio della tua perfezione.

"Cazzo, che caldo," fece le fusa, seppellendo il viso tra le mie gambe. Mentre la sua lingua faceva lenti colpi di pennello sulla mia figa, il mio respiro si faceva pesante. Di solito ci vuole un po' per arrivare, ma in un paio di minuti ho sentito l'eruzione del vulcano della lussuria ribollire dentro.

"Oh dio, cazzo mi sta bruciando la fica", gemetti, mentre lei faceva scivolare un dito dentro di me.

Ha agganciato il dito nel mio inferno e ha iniziato a picchiettare sul mio punto g.

Ho avuto uno spasmo dopo l'altro come un epilettico mentre il vulcano, dormiente dall'inizio dei tempi, ribolliva. Ho sentito i fuochi d'artificio nella mia testa, brividi in tutto il mio corpo e un'euforia che non sapevo possibile quando il mio orgasmo ha colpito.

"Aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaah, cazzo, cazzo, cazzo, cazzo, cazzo", ho urlato, balbettando incoerentemente mentre il mio cervello si svuotava e l'illuminazione sessuale si riversava attraverso di me.

Tirò fuori le dita da me mentre l'orgasmo senza fine continuava attraverso il mio corpo. Si è avvicinata e mi ha baciato. Potevo assaggiare i miei stessi succhi sulle sue labbra; era così cattivo, così dolce e così naturale.

Purtroppo, tutte le cose belle devono finire e lei ha rotto il bacio. Guardandomi negli occhi, sorrise e disse: “Capisci che ora sei di mia proprietà. Sarai la nostra piccola cheerleader che fa piacere alla figa. Capisci?"

Ho annuito di sì, sapendo che avrei fatto qualsiasi cosa per assaporarla di nuovo, per provare quella sensazione di utopia che ho appena provato.

"Domani diventerai la persona che fa piacere alla fica della squadra di cheerleader", ha promesso.

«Sì, signora Karen», risposi.

Sono rimasto colpito. Aveva scritto una fantasia che era degna di Literotica e mi aveva dato una pletora di informazioni sulla sua mente giovane e sottomessa.

Quella notte era su MSN chiaramente stressata per quello che mi aveva mandato.


Jenny78ph: Ci sei?

Jenny78ph: Quella storia era così imbarazzante; Non posso credere di averlo inviato. Sono stato stressato per tutto il giorno pensando a cosa devi pensare di me.

Ho aspettato qualche minuto prima di rispondere, non volendo sembrare impaziente.

DrMeg: Ciao, mia cara. Non c'è motivo di vergognarsi. La fantasia è naturale e un ottimo modo per alleviare lo stress.

Jenny78ph: Davvero?

DrMeg: Certo. Fantastico anch'io.

Jenny78ph: A proposito?

DrMeg: Molte cose. La tua fantasia mi ha eccitato molto e mi ha parlato tanto di te. Mi è piaciuto quanto fosse reale la fantasia, probabilmente potresti scrivere per Literotica con quella tua mente cattiva.

Jenny78ph: Davvero? OMG, sono così imbarazzato.

DrMeg: Sì davvero. Ma non essere imbarazzato, sii orgoglioso. Scrivendo la tua fantasia, hai permesso alle tue frustrazioni represse di essere rilasciate e al tuo vero desiderio sessuale di prendere vita. Presumo che te ne sia andato ieri sera dopo averlo scritto?

Jenny78ph: Sì... due volte.

DrMeg: A proposito, ho imparato molto dalla tua fantasia.

Jenny78ph: Tipo cosa???

DrMeg: Sei molto intelligente, ma insicura.

Jenny78ph: Vero e vero.

DrMeg: Ti stressi facilmente e non hai uno sbocco reale per liberarti dallo stress, quindi presumo che tu legga o guardi molto porno online.

Jenny78ph: Oddio! <arrossendo>

DrMeg: Mi sbaglio?

Jenny78ph: No, leggo molto online.

DrMeg: Molto di cosa?

Jenny78ph: Porno, principalmente porno lesbico.

DrMeg: E immagino che sia porno lesbico in cui una persona ne seduce un'altra.

Jenny78ph: Sì <arrossendo>

DrMeg: e immagino anche che sia uno in cui una donna domina e controlla un'altra.

Jenny78ph: Sono così trasparente?

DrMeg: E tu sei quello sottomesso, perché dopo essere stato teso e stressato a scuola o al lavoro, vuoi semplicemente lasciarti andare e sentirti dire cosa fare.

Jenny78ph: OMG, sì! <arrossendo mortificato>

DrMeg: Ditalini per me, mia cara.

Jenny78ph: Sì, signora.

DrMeg: Brava ragazza. È giunto il momento per il prossimo passo nel trattamento. Vuoi che una Mistress online ti guidi mentre cerchi di scoprire la tua vera sessualità?

Jenny78ph: Sì!!!!!!!!!

DrMeg: E obbedirai alle mie istruzioni senza esitazione?

Jenny78ph: si, signora.

DrMeg: Non hai chiamato quella cheerleader Padrona?

Jenny78ph: Mi dispiace, sì Padrona, obbedirò a TUTTE le istruzioni.

DrMeg: Ora fai scivolare due dita in quella tua dolce fica e vieni per Mistress Megan.

DrMeg: Vieni ora, il mio animaletto.

DrMeg: Ora!!!

Jenny78ph: Kkkkkkk, Comiiiiiiiiiiii!!!!

In quel preciso momento ho sollevato il telefono chiamato il suo numero di cellulare. Sorprendentemente, lo raccolse al quarto squillo. Aveva il respiro affannoso ed era ovvio che aveva obbedito alle mie istruzioni.

"Salve, signorina Cameron", disse con voce roca.

"Sì ok?" chiesi, anche se sapevo esattamente perché respirava così.

"Scusa, ho appena finito di allenarmi", ha coperto in modo impressionante.

"Odio chiedere all'ultimo minuto, ma ho un disperato bisogno di una babysitter stasera", ho detto, aggiungendo, "qualche possibilità che tu possa essere un caro e venire?" Scossi la testa quando mi resi conto di aver usato la parola "caro". Fortunatamente non ha fatto la correlazione che la sua vicina di casa Megan e l'amante online fossero la stessa cosa.

Dalla sua esitazione, potevo dire che non voleva, voleva continuare a chattare con me cyber. Così ho inviato un messaggio veloce.

DrMeg: Scusa, ma devo andare. Continueremo la nostra conversazione domani, è chiaro, mia cara?

Al telefono, ho supplicato: "Scusa, Jenny, ma sono così disperato, per favore ti pagherò il doppio".

"Certo, certo", ha detto Jenny, il suo solito non può dire di no, le persone si accontentano, sacrificando sempre il suo tempo per aiutare gli altri.

"Sei un sapore di vita", dissi con gratitudine. "Puoi essere qui tra un'ora?"

«Certo, signorina Cameron», concordò.

«Puoi chiamarmi Megan», dissi, lasciando cadere un altro accenno alla mia doppia identità.

Jenny disse: "OK, Megan, sarò lì alle otto".

"Otto è fantastico", ho scherzato, prima di aggiungere: "Ci vediamo allora".

Ho riattaccato e ho visto che Jenny aveva continuato la nostra conversazione informatica.

Jenny78ph: Va bene, devo andare a fare da babysitter per il mio vicino tra un'ora.

DrMeg: Divertente. Esco subito. Ho un appuntamento con la mia ragazza.

Jenny78ph: Come un'amica che è una ragazza o una "fidanzata".

DrMeg: Sinceramente, è una mia schiava. Ho alcune donne che mi servono sessualmente.

Jenny78ph: ???

DrMeg: Sto solo scherzando.

Jenny78ph: Oh.

DrMeg: Veramente, vuoi sapere un mio segreto.

Jenny78ph: Sì.

DrMeg: Non stavo scherzando. Ho una donna che verrà stasera che userò per liberare il mio stress. Quando sarai pronto e più sicuro di te, sarai in grado di liberare lo stress anche attraverso il sesso.

Jenny78ph: Non sono sicura che sarò mai così sicura di me.

DrMeg: Prometto che troveremo il tuo posto felice. Hai già iniziato la transizione.

Jenny78ph: Ok.

DrMeg: Voglio che tu faccia qualcosa per me.

Jenny78ph: Certo.

DrMeg: Quando vai a fare la babysitter, voglio che indossi la gonna più corta che hai e le calze autoreggenti che si abbinano.

Jenny78ph: Fare da babysitter?

DrMeg: Sì. Farai come dico?

Jenny78ph: Sì, scusa per averti interrogato.

DrMeg: Va tutto bene. Devo andare a farmi la barba per stasera. Ti radi il tuo posto speciale?

Jenny78ph: Lo taglio.

DrMeg: Assicurati che sia bello e rifinito prima di uscire stasera.

Jenny78ph: Va bene.

DrMeg: Devo andare. Ti parlerò più tardi domani.

Jenny78ph: Ok, grazie…Ciao.

Mi sono preparato per il mio finto appuntamento. Uscivo per circa un'ora perché il mio piano entrasse in azione. Indossavo una gonna di pelle nera, calze beige e una camicetta rossa. Jenny è arrivata vestita con una delle sue gonne scolastiche scozzesi, calze autoreggenti moka e la sua camicetta bianca da scuola. Si vedeva chiaramente che indossava calze autoreggenti.

"Wow, sei molto adorabile, Jenny", le ho fatto i complimenti. "Hai un appuntamento a tarda notte?"

“Grazie signorina Cameron. Anche tu sei carina e no, stavo solo provando qualcosa di nuovo e non ho avuto il tempo di cambiare.

"Beh, funziona davvero", dissi, stringendole dolcemente la spalla. “Ho un appuntamento caldo. Max sta già dormendo, quindi puoi guardare un DVD se vuoi. Penso che ti piacerà il DVD nella macchina, è un film fantastico.

"Ok, divertiti", disse la sua solita auto frizzante.

"Oh, lo farò", dissi sempre così timidamente.

Dopo che me ne sono andato, sono andato in un negozio per adulti nelle vicinanze e ho preso un nuovo strap-on più piccolo che speravo di usare sulla mia adorabile babysitter più tardi stasera. Dopo aver mangiato un boccone veloce, sono tornato a casa e mi sono intrufolato nella porta sul retro silenzioso come un topo.

Dalla cucina, ho controllato la mia babysitter.

Era sul divano, con le gambe aperte e la sua mano che presumibilmente si dava piacere mentre guardava una scena di me che scopavo la figa di una bella studentessa di 21 anni che ho sedotto tempo fa. La ragazza, una dolce giocatrice di pallavolo sottomessa di nome Allison, stava urlando "Sì padrona, fottimi, sbattimi la figa stretta". Ho lasciato che la scena continuasse per un paio di minuti e abbastanza a lungo da sentire i gemiti sommessi di Jenny prima di decidere che era ora per me di "tornare a casa". Sono sgattaiolata fuori dalla porta sul retro e sono entrata dalla porta principale. L'ho chiuso in silenzio per evitare di spaventare la mia baby sitter in preda all'autoerotismo. I suoni del DVD echeggiavano per la casa: "Sì padrona, picchiami, sto arrivando". Quando sono entrato, Jenny si è affrettata a coprirsi, ma non ci è riuscita in tempo.

Ho guardato la TV, un sorriso malizioso sul viso e ho detto finta sorpresa: "Oops, quello non era il film che avresti dovuto vedere".

Ha balbettato, si è scusata e mi ha implorato “I-I-mi dispiace tanto, signorina Cameron. P-p-p-per favore non dirlo a mia madre.

Le sue guance rosse erano sia un innegabile senso di colpa per quello che stava facendo, sia anche la vergogna che derivava dall'essere sorpresa in una posizione così compromettente. "Va bene, mia cara, la masturbazione è naturale."

"I-I-sono così, così, così dispiaciuta", continuò Jenny, il suo imbarazzo così carino con me.

"In realtà, il fatto che ti stia masturbando davanti a un video di me e della mia sottomessa Allison è piuttosto lusinghiero", riflettei. "Cosa ti ha eccitato?"

"I-I-non lo so", ha risposto, chiaramente sopraffatta dalla conversazione.

"Ero io con uno strap-on?" chiesi, avvicinandomi. "O era Allison che veniva fottuta?" chiesi, imprecando davanti a lei per la prima volta. Quando l'ho raggiunta, la mia mano ha preso la sua nella mia e l'ho tirata su e le ho chiesto: "O vorresti essere tu a quattro zampe a farti scopare dal mio grosso cazzo strap-on?"

La sua bocca si spalancò e rimase senza parole. La sua bocca andò a parlare, ma nessuna parola uscì. In aggiunta alla sua confusione, mi chinai e la baciai. All'inizio è stato gentile e dolce, ma una volta che ha risposto, inizialmente incerta, ho usato la lingua per schiudere le sue labbra. Lei ha risposto di nuovo e le nostre lingue hanno danzato l'una nella bocca dell'altra. L'urgenza del bacio aumentò mentre le mie mani scivolavano lungo la sua vita e sotto la sua gonna. The background noise of Allison coming enhanced the intensity of our kiss.

I finally broke the kiss and asked, “What does my Jenny78ph want?”

“Pardon?” she asked, the words not immediately connecting with the reality.

My hand traced her pussy lips on top of her very wet panties. “Hmmmm, you are very wet, Jenny78 pantyhose.”

She let out a soft moan from my touch. “H-h-how do you know my MSN name?”

“Oh, Jenny, Jenny, Jenny. Have you not figured it out?” I smiled, my finger tapping her protruding clit.

Her breathing increased, and my finger was clearly causing her to be so distracted she could not make the obvious correlation.

Finally, I asked, “What is my first name, Jenny?”

“M-M-Megan,” she moaned. I watched her face and her lips as she moaned with desire. It was so adorably cute as the light bulb came on and her face went to astonishment. She asked, her words came out stunted as my finger continued putting pressure on her clit, “Oh, um, wait, oh my God, are you DrMeg?”

“The one and only,” I purred, as my finger slipped underneath her soiled panties.

“I-I can’t believe it,” she said, still clearly bewildered by my revelation.

“Yes, my dear and I am about to relive all your stress and confirm all your curiosities,” I confirmed, my finger now between, but not in, her wet pussy lips.

“But how?” she asked, clearly overwhelmed by this new knowledge.

“I always thought you were sexy, shy but sexy. When I fixed your computer I searched for clues and saw the sites you usually frequent,” I explained, before adding with a playful smile. “By the way, for future reference you should erase your daily history so people like your Mom or conniving neighbors don’t learn all your secrets.”

“Aaaaaaah,” she gasped as my finger slowly penetrated her fevered pussy.

“Jenny it is all right. You are a lesbian and submissive; I am a lesbian and dominant,” I explained.

Jenny still trying to get the whole ordeal straight in her mind stood there in a sexual trance. Her mind trying to process the bizarre reality that was currently happening while her body begged for the attention it had long craved.

“Jenny, I know exactly what you need.”I said gently, “even if you don’t. You are submissive and a people pleaser, as your naughty story clearly showed. You want to explore your sexuality but don’t know how to even start. I am here to help you, Jenny.”

Jenny looked me directly in my eyes. Ho sorriso. She looked tentative, yet I knew she had already made up her mind.

“If you want Jenny, I will teach you how to be a good submissive pet and how to pleasure a woman properly and in return be pleasured,” I continued, my finger now deep in her just lingering inside her warmth.

“Please,” she whispered.

“Please what?” I asked, my mouth leaning into her ear.

“Please, don’t stop,” she again whispered, such words difficult for her to say.

“Please don’t stop what?” I questioned, pushing her deeper into admitting her desires and needs. I responded by moving my finger ever so slowly in her.

“P-p-please, don’t stop fingering me,” she admitted, her breathing getting heavier.

“Do you want to come?” I asked, nibbling on her ear.

“God, yes,” she moaned.

“I do need to make something very clear, my dear,” I whispered, my tongue darting in and out of her ear.

“Whaaaat?” she asked, clearly distracted by my finger in her pussy and my tongue in her ear.

“If you want we will make love today. I will take you to new levels of euphoria you have only imagined. You will taste your first pussy and I will fuck you,” I explained. Suddenly I wondered if she was a virgin. I asked, “Jenny, are you a virgin?”

“Yes,” she admitted, as if such a declaration was something to be ashamed of.

“It’s ok, Jenny,” I soothed. “It is nothing to be ashamed of. You are confused about your sexuality, and tonight I will help you discover your true sexuality.”

“Kkkkkk,” she whimpered, my finger causing her great pleasure, a constant teasing distraction.

“But if you submit to me tonight, I will expect you to be my submissive. If you agree, you must obey every order I give without hesitation. I do not tolerate disobedience. I know what you need and crave, but I expect unconditional loyalty in return.”I explained, my finger touching, ever so briefly, her g-spot. Her legs trembled and I added, assuming her true submissive nature would take over, “If you do not want to submit to me, if you are not ready to agree to my terms, you may leave. We will pretend this never happened, I will still pay you for the night and you will be free to continue to babysit Max if you are comfortable with knowing what you now know.”

Her mind was clearly processing all my terms, all my words and all the things I was doing to her body. If there was an internal struggle between good girl Jenny and sexually curious Jenny it was a short one.

Going for broke, confident I had read her right, I said, backing up a few feet to admire her, “My sweet dear Jenny, it is time. If you are want me to become your mistress you simply need to undress for me.”

Jenny’s eyes never left mine as she obeyed my order instantly and started to unbutton her blouse. Her hands trembled slightly, but slowly she tossed her blouse on the floor. Her small, perky breasts peaked out from her white lace bra.

“You are very beautiful Jenny,” I encouraged. “Please take off the skirt.”

Jenny obeyed sliding the skirt down her stocking clad legs. She was now in front of me in her bra, white panties and mocha thigh highs. I looked down and saw her toenails were painted purple. She looked so adorable and good enough to eat.

I walked back to her and as my hand touched her skin she shivered. She looked pleadingly into my eyes, secretly begging for me to please her. I moved in for a kiss so soft, just brushing her tender lips. I then moved to her ear. I nibbled on her ear lobe, my hot breath flowing into her ear. She quivered and let out a soft moan. I then whispered, “Jenny.”

She whispered back, almost inaudible, “Yes.”

“Are you ready?”

“Yes.”

I moved down her neck, giving gentle soft kisses. I got to her breasts and unhooked her bra. I licked, nibbled and sucked on her perky firm breasts. I teased her nipples; I splattered her with butterfly kisses. Her breathing again increased in desire. My tongue slid down her belly. I reached her panties and slowly, seductively, slid them off. Without instructions she lifted her foot to allow them to fall to the floor. The ripe young lesbian-to-be stood before me naked, except for a pair of thigh high stockings. I gave her one gentle lick on her newly trimmed pussy and allowed my tongue to roam down her left leg. I lifted her foot to my mouth and took each delicate toe into my mouth. Her breathing got heavier. I moved back up to her delicious pussy and gave her one more long, wide lick, before sliding down her right leg and replicated the toe sucking. I moved up, kissing behind her knee, her mid thigh, her clit, up her belly and then her lips. She eagerly kissed me back, moaning in my mouth with a new determined hunger.

I broke the kiss, reached for her hand and led her to my bedroom. I laid her on my bed and kissed her again. Our tongues twisted and turned, danced and twirled. I moved back down and asked, “Does my dear want her pussy licked?”

“Yes,” she moaned.

“Tell me what you want, my pet,” I purred, my hot breath on her pussy.

“I want you to lick me,” she moaned.

“Where?” I asked, again pushing her to say the words.

“My pussy, please lick my pussy Megan,” she pleaded, an intense desperation in her voice which was adorably sexy.

“Good girl,” I purred and leaned forward to lick her virgin pussy. Her nectar was so sweet and she was already dripping wet. I knew her first orgasm would come quick as her moans implied she was already close to climatic bliss. I licked her with long, wide strokes and her moaning increased. I could tell her orgasm was imminent as I took her swollen clit in my mouth and sucked it in.

She screamed, “Oooooooo myyyyyyyyyy god.”

Her orgasm quaked through her and the shy, reserved babysitter came sexually alive. As she writhed and screamed from her first real sexual orgasm, I continued pleasing her, already attempting to build a second orgasm in my new pet even as the first one had not yet subsided. I continued licking, sucking and nibbling her clit, while I slid a finger inside her warm hole and pumped it in and out. Jenny screamed, “Oh my god, don’t stop, yes, yes, it feels so good.”

I continued to heat her up, get her revved for more and after a few more minutes of licking and fingering, I suddenly stood up.

She whimpered, “Noooooo.”

“Get on all fours,” I ordered, adding, “And don’t you dare touch your cunt, is that understood?”

“Kkkk,” she moaned, obeying the order and clearly desperate to come again.

I went downstairs; pulled out the new strap-on I had bought for this very occasion and returned to a hungry suddenly insatiable teenager.

Once back in the room, I slipped out of my outfit, while my babysitter watched on with bated breath. Like Jenny, I was soon naked except for my stockings. I asked, “Does my pet babysitter want to get fucked?”

“So bad,” she answered, staring at the cock in my hand.

I put the harness on and sauntered over to her. “Has Jenny ever sucked a cock?”

“No,” she said, shaking her head.

“Does she want to suck mine?” I asked, my cock now directly in front of her.

“Yes, ma’am,” she answered.

“When we are alone, I am your Mistress, Jenny. Is that understood? You do want a Mistress, don’t you?” I asked.

The hesitation was brief before she responded as expected, “Yes, I understand, Mistress Megan.”

“Good girl,” I purred, knowing that a true submissive lives and breathes for compliments. “Now suck my cock, my pet.”

She leaned forward and took my plastic cock in her mouth. Watching my cute, shy, sweet teenage babysitter slowly bobbing up and down on my cock was one of the hottest moments of my life. Anytime I have turned a straight girl, or pulled a bi-curious girl into the world of lesbian submission I get a joy and sense of accomplishment I cannot explain. I don’t do it just for the personal pleasure (although that is very rewarding too), I do it to liberate young woman from the sexual expectations that hold them back. Jenny wanted to be a lesbian, Jenny is submissive and I just pushed her over the edge to discover her true nature, to accept her true sexuality. Jenny started slow, but soon was moving faster and I briefly imagined she would be a great cocksucker if she was ever to try to play the straight card.

Finally, I pulled my cock out of her perfect mouth and asked, “Jenny, my pet, are you ready for your mistress to fuck you.”

She looked me straight in the eye and surprised me for the first time. “Please, fuck me mistress. I need your cock in me so fucking bad,” she begged, her foul language so out of character.

I joined her on the bed and moved behind her. I rubbed my cock up and down her pussy lips and was again surprised when she moved back taking my cock inside her.

“You naughty little slut,” I quipped playfully.

“Oh God,” she moaned, “Please fuck me Mistress.”

Never one to deny such a request, I put my hands on her hips and began to slowly slide my cock in and out of her sweet pussy.

She was so drenched, my cock filled her completely and as I started pumping in and out she began to get animated. The shy, reserved nerd, begged, “Fuck me, harder, harder. Fill my pussy completely. Make me your whore.”

Watching her complete transformation was so hot and I again obliged my body thrusting into her. Her body got involved too and she began meeting my thrusts, attempting to get my cock deeper inside her.

As her moans increased, I demanded, “Your pussy is a cunt, my slut. Beg for me to fuck your tight cunt.”

“Oh God, Mistress, pound my cunt with your cock, it feels sooooo good,” she moaned.

We continued fucking for a few more minutes, sweat pouring off of both of us as our bodies collided and became one.

Finally, her breathing was undeniable and she screamed, “I’m coming again, Mistress, oh my God, oh my God, yes, yes, fuuuuuuuuck.”

She collapsed forward and I continued pumping her pussy from a new deeper angle. Her orgasm clearly was giving quiver after quiver of pleasure as I slowed my fucking and watched her, my cock buried deep inside my no longer a virgin babysitter.

Finally, I pulled out of her beautiful cunt, took my shiny with her juice cock off and went and got a couple of glasses of water. I returned and she had not moved an inch. I handed my exhausted pet a glass of water and sitting up she downed the whole glass. She looked me straight in the eye and said, “Let me please you. I want to please you.”

Joining her on my bed, I smiled and promised, “Jenny. You will be pleasing me many, many times. Now crawl between my legs and please your Mistress.”

Eagerly, Jenny repositioned herself and crawled between my stocking-clad legs. She looked at my completely shaved pussy, my pussy lips slightly wet and my swollen clit with the awe of an innocent virgin.

“Go ahead, my pet,” I purred, “Lick Mistress’s cunt.”

She actually smiled and again surprised me. “I have wanted to do this for a long time.”

“Do what, lick pussy?” I asked.

“No, lick your pussy, Mistress,” she answered, admitting, “I have fantasized about you for forever.”

It was my turn to be surprised. “Really?” I asked, suddenly not completely in control.

“Really, really,” she smiled, leaning forward and extending her tongue. I moaned on contact, my pretty babysitter between my legs licking me so sexy. For a pussy licking rookie, she was very good. She licked, she sucked, she probed with her finger. She was like an explorer trying to taste, search and learn about every aspect of my cunt.

After a few minutes of her eager tongue, I was close and moaned, “I’m close, my pet slut, sooooo close.”

She took my clit in her mouth and put intense pressure on it and began shaking her head from left to right. This was something I had never experienced and I began breathing heavy, my own orgasm now imminent. “Oh, yes, Jenny, fuck that is so good, more, more.”

Out of the blue, she surprised me yet again as she slid a finger in my ass. It triggered the explosion of my orgasm and I flooded my juices all over my adorable cute babysitter’s face. “Oh fuck, you nasty sluuuuuuut, I’m comiiiiiing.”

She continued teasing my ass, sucking on my clit and fingering my pussy while my orgasm waved through me. The intensity of the orgasm more powerful than usual, I finally had to push her away. “Fuck, that was amazing, my pet,” I whimpered, as I closed my legs and allowed the last of the orgasm to pulse through.

She moved up and leaned beside me smiling like a kid on Christmas morning. “I read that last move in a story online.”

I laughed. “Well, keep reading that was amazing.”

She asked, her smile fading to serious, “Does it always feel this amazing?”

“It can. Although you should understand, that I was very gentle with you tonight. I won’t always be,“ I warned.

“I understand. I want you to dominate me. I want you to treat me like a slut,” she answered, the words out of her sweet lips seeming so sinfully delicious. “All my fantasies are of being treated like a slut. Being forced to do things I would never do on my own.”

“You are going to make a great slave,” I comforted back, kissing her again. Once the tender kiss was broken, I look at the clock and realize it has been almost two hours. I kiss her again and said, “You understand that I will share you with friends. I will take you to places you have not even imagined.”

Her eyes went big, but she replied like a good submissive. “I understand and eagerly await what you have in store for me.”

I got on all fours and said, deciding to test her utter loyalty, “Lick my asshole.”

“Yes mistress,” she replied, crawling behind my ass. She pulled my ass cheeks apart and after a brief hesitation leaned forward and began licking my dark dime. Such an eager submissive, she worked hard to slip her tongue deep inside my ass. Her eagerness to please was so fucking adorable and sexy.

Her submission keeping me horny, I ordered, “On your back, my pussy pleaser.”

She again obeyed and I straddled her face. Without instruction, she licked my pussy and time stood still as my new pet pleasured me. Finally, a second orgasm was building and I began rubbing my pussy all over her sweet face until I came, flooding her face again with my cum.

Getting off of her, I smiled and said, “You look absolutely adorable with your face shiny with cunt cum.”

“Thanks, Mistress,” she replied, like a good girl.

“Wait here,” I ordered and returned a minute later with my camera. “Let’s take a picture to remember this special day.”

I thought she may balk on this suggestion, but instead sat up and posed. I snapped a few pictures of her cunt cum covered face, her make-up smeared.

Putting the camera down, I came over to the bed and said, “It is getting late.”

She looked at the clock and sighed. “I suppose it is.”

“Are you free tomorrow?” I asked.

Excited, like a girl being asked out by a boy she was crushing on, she said, “Yes, yes.”

“Well, I am going to take you out for a makeover tomorrow,” I smiled.

“Where?” lei chiese.

I just shrugged and said, “You’ll see, but wear the same thing you did today.”

“Yes mistress, “she said, standing up.

She got dressed, I kissed her one last time and she went home.

My head spinning with naughty possibilities, I smiled to myself. ‘Tomorrow was going to be fun’….


THE END…

Storie simili

Il compagno del campione 12

La tarda estate al Menthino è stata un periodo intenso. Kaarthen si ritrovò nella gigantesca stanza della mappa del palazzo. L'intero piano era un'immagine in movimento in tempo reale di Menthino, scale su rulli e tavoli cartografici su ruote erano lungo le pareti. Marcos era vestito in modo quasi casual con una camicia di seta verde scuro e pantaloni neri Safi. La regina e due principesse, Saliss la più anziana e Ruegin, ascoltavano con lei i piani annuali di migrazione dalle vaste pianure alluvionali a Cardin. Tre Hjordis in nero Safi con i capelli raccolti in chignon stretti stavano lungo il...

1.1K I più visti

Likes 0

Lussuria 3

Ancora una volta, stavo terminando la notte masturbandomi dopo essere stato estremamente eccitato a causa delle avventure di mia figlia. Oggi è stata una giornata pazzesca e non potevo credere a quello che era successo dopo aver calmato i miei pensieri arrapati con un orgasmo. Mi sono addormentato come un angelo dopo. Al mattino mi sono svegliato presto e ho preparato la colazione. Quando i bambini sono scesi, ho servito loro dei cereali e ho preso la banana che mia figlia aveva messo nel culo la sera prima e l'ho data a mio figlio. Ho guardato il viso di mia figlia...

1K I più visti

Likes 0

In famiglia (parte 5)_(1)

Vuoi un po' di compagnia? Cam fece capolino nella doccia. La guardai con gli occhi socchiusi mentre mi tiravo indietro i capelli bagnati dagli occhi. La bella addormentata è finalmente in piedi. ho preso in giro. Fece una risatina e aprì la porta a vetri. Devi sciogliere l'asciugamano, lo sai. dissi, guardando l'asciugamano che stringeva così forte al suo corpo. Entrò e gettò l'asciugamano per terra. Era tutto pieno di vapore nella doccia, quindi non potevo vederla chiaramente, ma potevo vederla. Mamma e papà non si sono ancora alzati? Non credo. Disse e prese una bottiglia di shampoo. Perché non ti...

910 I più visti

Likes 0

Il mio fascino ha portato alla realtà.

Mio marito Daniel ed io (Gina) eravamo sposati da circa cinque anni. Abbiamo avuto una vita sessuale attiva anche prima del matrimonio. Ma si è intensificato dopo il matrimonio. Avevo usato giocattoli sessuali prima di incontrarci e si è eccitato quando l'ha scoperto. Siamo passati alla recitazione in costume. Gli piacevo vestita da infermiera sexy. Mi piaceva travestirmi da Padrona e farmi obbedire. I giochi sono diventati più folli con il passare del tempo. La cosa Dom è diventata più aggressiva. Ho iniziato a chiedermi da dove prendesse tutti questi giochi selvaggi. Ha iniziato a chiedermi di mettermi in ginocchio e...

677 I più visti

Likes 0

Due settimane con Horas - Capitolo 2

Prendo mia moglie con il cane di mio fratello. All'inizio arrabbiato, comincio a capire l'attrazione. Dopo che Horas ha nuovamente servito Cathy e poi ho avuto il mio turno, ci siamo diretti verso la doccia. Cathy era così cablata e si è aggrappata a me, baciandomi e ringraziandomi. Potrei dire che le piaceva davvero Horas. Potevo vedere perché. Era tutta forza bruta, un grosso cazzo grosso e una lingua ben praticata. Brian e Leena lo avevano ovviamente addestrato bene. Ero molto grato che Leena non avesse detto a mio fratello che anche Cathy era una delle puttane di Horas. mi sarei...

722 I più visti

Likes 0

Quid pro quo

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>PARTE 1: L'intervista >>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>> Luke si trova nell'ascensore e si dirige verso l'ultimo piano della Salesforce Tower. Ha il caffè in mano portando lo zaino su una spalla. Fissa il suo riflesso sulla porta dell'ascensore. Sta a 6'0 vestito nel suo solito look casual da lavoro. Ha pantaloni argentati su misura per la sua corporatura con una camicia blu abbottonata e un paio di scarpe nere. L'ascensore suona e la porta si apre. Si fa strada lungo un corridoio e si dirige verso la suite dell'azienda per cui lavora. Luke apre la porta e si dirige verso l'area della reception...

625 I più visti

Likes 0

Riunione arrapata (parte 5)

(Ecco l'ultima parte scritta finora, posterò il resto quando ci arriverò.) Le mie braccia la avvolsero intorno, tenni il suo corpo vicino al mio mentre entrambi i nostri orgasmi si placavano. Potevo sentire il suo cuore battere lentamente contro il mio petto e il suo respiro contro il mio collo prendere gradualmente un ritmo normale. Si strofinò contro l'incavo del mio collo e mi baciò sulla spalla. Con un braccio che le teneva ancora il corpo, mi pettinai con le dita, gettai i suoi lunghi capelli e le baciai la sommità della testa. Poi ha alzato la testa, baciandomi il collo...

599 I più visti

Likes 0

Broken Birds, Parte 37, Uno spazio nel tempo / Epilogo

Parte 37 Uno spazio nel tempo Epilogo L'elicottero di emergenza ha urlato per tutta la notte. Michael, Jennifer, Beth e Kat erano a bordo. Il dottore che Jennifer aveva di guardia non era potuto venire. Era ubriaco. La consegna è iniziata normalmente. Poi Kat ha cominciato a sanguinare gravemente. Barbara l'aveva già visto. Ha dato suggerimenti che Jennifer ha immediatamente implementato, scoprendo quanto preziosa fosse diventata l'esperienza ginecologica e neonatale di Barbara. Barbara è rimasta indietro a causa delle condizioni e dello stress di Jan. Il terrore attanagliò l'harem. Si sedettero intorno all'enorme soggiorno principale. Cercavano in Barbara consolazione e informazioni...

1.1K I più visti

Likes 1

L'amore è tutto ciò che conta pt2 - Nuovo dipendente, vecchie abitudini

Ero a casa ad aprire la porta, entrando nel mio appartamento quando il mio cellulare ha ronzato, mi infilo in tasca per prenderlo e controllare chi fosse a quest'ora, Jessy. Il messaggio diceva: Scusa :( te lo devo, la prossima volta puoi scegliere un film. Forse scegline uno con più azione, così non mi addormento Ho sorriso al messaggio e mi sono spogliato preparandomi per andare a letto, mi sono lavato i denti e sono andato in toillete tirando fuori il mio cazzo e mirando con i miei occhi assonnati, una mano che scriveva a Jess l'altra che mi teneva il...

1K I più visti

Likes 0

Divertimento con Steve II

A casa da solo Sono passati circa quattro mesi da quando io e Mark ci divertivamo negli spogliatoi, e abbiamo deciso che sarebbe stato meglio se nessuno avesse scoperto le nostre attività, quindi eccoci qui, a cogliere ogni occasione possibile per stare insieme. Questo fine settimana in particolare mia madre e mio padre saranno fuori per tutto il sabato, quindi ho chiesto a Mark di venire, i miei genitori non hanno problemi con Mark che viene a trovarci ma ci controllano sempre ogni dieci minuti, quindi è impossibile diventiamo un po 'selvaggi con lui, normalmente ci sediamo sul mio letto di...

999 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.