Fare da mentore a Brandon 2

195Report
Fare da mentore a Brandon 2

MENTRE BRANDON
Di Bob

Capitolo 2: Il mio sogno diventa realtà!

Bussano alla porta: FINALMENTE!

Il mio cuore batteva da un po' di tempo e ora non c'era niente di diverso. Ho iniziato a camminare per aprire la porta quando Dave è saltato fuori dalla sua cuccetta ed è corso verso di me. Quando ha aperto la porta, ho visto Brandon in piedi nel corridoio.

"Ehi Dave. Che c'è?" risuonò la voce che stavo aspettando.

"Non molto ragazzo, sto solo facendo un po' di cazzate per la storia", fu la risposta di Dave.

"Sì, senti. In realtà ho bisogno di parlare con Bob della mia scienza. Ha il signor Knop e so che può darmi qualche dritta." Wow, che battuta ho pensato tra me e me.

Dave aprì di più la porta e mi indicò in piedi vicino alla finestra. Mi chiedevo se potesse vedere l'attesa nella mia voce, tanto meno il cazzo duro che era molto evidente nei miei pantaloni. Fece entrare Brandon e tornò alla sua scrivania.

"Ciao Bob. Ehi, puoi aiutarmi con questa merda che ho per la scienza. Knop mi sta uccidendo con questo incarico."

"Certo, Brandon," risposi cercando di mantenere l'eccitazione fuori dalla mia voce.

Come lo stava facendo o non era così eccitato quanto me per quello che POTREBBE accadere a breve. "Vieni qui e vedrò cosa posso fare per te," dissi con un sorriso malizioso che so che lui vide.

"Ehi, potresti venire nella mia stanza. Ho lasciato la mia roba lì. Non sapevo se saresti stato qui," disse senza esitazione. Amico, era bravo.

Raccolsi i miei libri (per quello che NON ne ho idea) e andai verso di lui. La sua stanza era un angolo per bambini rispetto alla mia stanza, quindi ci sono voluti 5 secondi per arrivare alla sua porta. Per qualche motivo aveva chiuso a chiave la porta e frugando in tasca alla ricerca della chiave. ORA sembrava un po' nervoso mentre la mia pressione sanguigna stava aumentando pensando di essere solo con lui, nella sua stanza, vicino al suo letto.

Quando la porta si aprì, Brandon fece un passo indietro e mi fece entrare per primo. Ha seguito con la mano destra la maniglia della porta e l'ha chiusa bruscamente mentre entrava. Con la mano sinistra, mi ha afferrato il braccio e mi ha fatto girare quando ho sentito la porta chiudersi sbattendo. All'improvviso, entrambe le braccia mi circondarono tenendomi stretta mentre le sue labbra toccavano le mie in un bacio. Un piccolo bacio - molto gentile - che mi ha fatto venire i brividi lungo la schiena.

Lascio cadere il taccuino e metto le braccia intorno al suo. Non avrei lasciato che fosse l'unico in grado di tenere qualcuno vicino. Il mio bacio per lui fu molto più profondo, molto più appassionato. Non ha mai resistito un po' e di nuovo la sua lingua e la mia hanno cominciato ad esplorarsi a vicenda.

"Non so perché ci hai messo così tanto a venire, Bran. Stavo impazzendo pensando che non mi avresti voluto qui."

"Oh, Bob, questo non mi è mai passato per la mente", ribatté. "Ho dovuto leggere una lettera di mia madre e poi chiamarla. Le cose stanno impazzendo a casa".

"Oh, scusami. Non volevo pensare solo al mio..."

Mi interruppe con un bacio così dolce che non ho mai dimenticato quel momento.

"Non riesci a pensare a te stesso più di quanto io abbia pensato a te nelle ultime 2 ore", ha esclamato. "In realtà più di quanto ho pensato a te negli ultimi 2 mesi, a dire il vero."

"Gli ultimi due mesi", ho pensato tra me e me. Ha pensato a ME per così tanto tempo. Dannazione! Che perdita di tempo che condividiamo in questo.

"Sono contento che l'abbiamo fatto anch'io", è tutto quello che ho potuto dire.

Abbiamo smesso di abbracciarci per un po' mentre lui mi teneva la mano e mi conduceva più avanti nella stanza. Dato che il suo compagno di stanza era via per il semestre a causa di alcuni problemi familiari, Brandon si era occupato dell'intera stanza. Era come me, lo vedevo. Non la persona più ordinata, ma sembrava avere una parvenza di ordine per le sue cose.

Il suo letto era fatto in modo semi-ordinato, mentre l'altro letto veniva usato come cassettiera extra. Tutti i suoi vestiti, puliti suppongo, erano piegati sul letto. Molto più facile da raggiungere quando si corre per andare a lezione dopo essersi svegliati tardi, pensai. Sopra la sua scrivania c'era un poster di una lotta in stile greco-romano. Non avevo idea di chi fosse, ma devo ammettere che erano molto sexy.

Mentre i miei occhi si spostavano verso l'angolo della stanza, potevo vedere che aveva una serie di pesi liberi sul pavimento. Mi sono avvicinato e li ho raccolti.

"Hmm, dovremmo vedere se possiamo continuare quello che abbiamo iniziato in sala pesi," ho offerto con un sorriso molto ampio sul mio volto.

Mi guardò con un sorriso ancora più grande del mio e si mosse verso di me. "Certo," disse mentre la sua mano afferrava saldamente il mio inguine.

Ho abbassato i pesi e, dato che ero proprio accanto al suo letto, l'ho afferrato per le spalle e mi sono chinato finché non sono stato semiseduto sul materasso, l'anca destra e la spalla sostenevano il NOSTRO peso mentre cadevamo l'uno nelle braccia dell'altro. Eccomi qui, con il ragazzo su cui ho fantasticato, tenendolo sopra di me mentre mi massaggiava il pene ei testicoli così delicatamente da portarmi sull'orlo del baratro.

Quando ci siamo sistemati sul letto, ho iniziato a girarmi e gli ho inchiodato la mano all'inguine mentre mi sdraiavo sopra di lui. Non ero mai stato così rilassato eppure così eccitato. Ho mosso la sua mano in modo da poter sentire la mia virilità contro la sua. Le nostre braccia vagavano l'una sul corpo dell'altra come una tempesta di vento che scorre tra gli alberi. Siamo stati coinvolti in un momento molto sensuale che nessuno di noi voleva finire.

Mi guardò profondamente negli occhi con quegli splendidi occhi azzurri che mi trafiggevano ad ogni battito di ciglia. "Bob, non lo so. Non ho mai fatto altro che masturbarmi pensando a un altro ragazzo", sussurrò. "So quello che voglio, ma...." si arrampicò. "Ma so che voglio stare con te in un modo molto speciale."

Questo è tutto ciò che avevo davvero bisogno di sentire. Lo baciai di nuovo profondamente. La mia mano ora accarezzava i suoi capelli biondi con tanta delicatezza. La mia lingua, essendo immersa nella sua bocca, mi fece capire cosa voleva.

«Brandon», dissi. "Lascia che io ti ami."

Non avevo bisogno di una sua risposta. Il suo corpo mi ha detto tutto. Si è presentato a me come se avesse gridato "PRENDIMI! ORA E PER SEMPRE". Ecco l'aggressore negli spogliatoi, ora si stava sottomettendo a me. Chiedendomi con ogni centimetro del suo essere di amarlo.

Non avevo mai avuto bisogno che qualcuno mi chiedesse qualcosa due volte, e di certo non l'avrei fatto in questo frangente. Mi sono messo a cavalcioni sui fianchi di Brandon mentre mi alzavo dal nostro piacere prono. Mentre lo facevo, cominciai a sollevargli la maglietta sopra la testa. Non ha resistito --- come ero certo che non avrebbe fatto - e mi ha aiutato a prenderlo e toglierlo. Gettò la camicia sul pavimento mentre si sforzava di alzarsi per baciarmi. Essendo molto più pesante di lui e collocato in un punto molto strategico, trovò difficile, ma per un momento ci riuscì.

Quando finì il suo piccolo bacio sulle labbra, gli misi una mano sul petto e lo spinsi di nuovo sul letto. Le mie mani, che ancora gli accarezzavano il lato della testa, rassicurandolo che le cose andavano bene. Lì giaceva, a torso nudo. Mi chinai e diedi di nuovo un bacio a Brandon. Il mio cazzo teso ero sicuro che potesse sentirlo sulla sua coscia perché stava scoppiando per uscire dai miei pantaloncini. Dopo che ci siamo baciati, ho preso la lingua e l'ho fatta scivolare sul suo capezzolo destro.

Oh, è saltato! Non era tanto per la sorpresa quanto per il tocco morbido che stava ricevendo. Feci roteare la lingua intorno al suo capezzolo destro mentre lentamente spostavo le gambe indietro verso le sue caviglie. Ho tracciato una linea retta tra i suoi capezzoli con la lingua avanti e indietro, vortice dopo vortice. I suoi occhi erano ora chiusi, quindi sapevo che qualcosa stava andando per il verso giusto.

Mi sono spostato lentamente lungo il suo stomaco fino all'ombelico. Potrei dire dalla reazione iniziale di Brandon che non soffriva il solletico, ma estremamente sensibile. Mentre giocavo con i suoi capezzoli e il petto, le mie mani erano scivolate nell'elastico dei suoi pantaloncini. Erano stati quasi strappati dai suoi fianchi e stavano solo coprendo il corso principale di tutta questa azione. Potevo sentire dalla pressione del suo cazzo sul mio petto che era pronto a tutto ciò che poteva succedere.

Ero in paradiso. Ero qui con un ragazzo... no, UOMO... quello era l'oggetto del mio amore. O era lussuria? Credevo davvero che non fossero solo i pensieri lussuriosi che avevo sognato ad occhi aperti nelle ultime settimane. Mi sono sentito veramente vicino a Brandon. Più vicino di qualsiasi altra persona con cui fossi mai stato. Anche se ci eravamo appena incontrati davvero lo scorso pomeriggio, sentivo di averlo conosciuto e che faceva parte della mia vita da sempre.

Le sue mani ora erano sulla mia nuca, massaggiandola mentre mi passava le dita tra i capelli. La mia lingua stava viaggiando lungo il suo corpo, volendo inghiottire la sua virilità. Potevo sentire l'odore del muschio che stava emettendo e mi resi conto che era così dolce, così reale.

Alla fine, eccomi lì. Ho provato ad alzare la testa per guardare negli occhi di Brandon, ma ha mantenuto la pressione, rendendolo molto difficile. Fu allora che capii cosa voleva e non avevo intenzione di rifiutare. Sapevo che era anche quello che volevo --- OH così tanto! Potevo sentire il pulsare del suo cazzo mentre la mia guancia premeva contro di esso.

Sposto lentamente la bocca dal suo basso addome e non sono stato sorpreso di vedere un glande luccicante mentre trasudava pre-cum così generosamente. Presi la lingua e ne leccai una o due gocce. La mia prima esposizione al sesso con questo splendido ragazzo è stata assaggiare i suoi succhi che erano così dolci che sapevano di miele direttamente dall'alveare.

Presi la mia lingua e lentamente leccai la punta del suo cazzo. Questo è stato il mio primo vero sguardo a lui ed è stato fantastico. Era semi-grosso e ora avevo davanti a me 7 pollici di acciaio duro. Ho leccato su e giù l'asta facendola brillare con la miscela di saliva e pre-cum.

Quando sono arrivato alle sue palle, non ho potuto fare a meno di prenderle in bocca e farle rotolare. Era così perfetto, ANCHE in questo campo. Ogni testicolo era fermo e la sua reazione era atipica rispetto a qualsiasi cosa avessi mai sperimentato. Mentre li mettevo in bocca, lui ridacchiava --- SÌ, ridacchia. Sarebbe stato un suono sommesso, ma che da quel momento in poi, quando l'ho sentito, mi ha fatto capire
che traeva piacere da quello che stavo facendo,

Ho risalito di nuovo il pozzo fino alla testa di questa meravigliosa creatura. Ho fatto rotolare la testa del suo cazzo nella mia bocca solo per pochi secondi, desiderando che fosse per sempre. Per tutto questo tempo, Brandon mi ha tenuto le mani sulla testa, ma ora, invece di accarezzarmi, mi tirava i capelli. È stata una sensazione molto piacevole per me, anche se ha fatto male ad alcuni.

Alla fine, era giunto il momento di prenderlo TUTTO. Feci scivolare la testa del suo cazzo sul mio giaciglio mentre la mia lingua leccava la "V" sul lato inferiore. Mi alzai sui gomiti, con la lingua che guidava la parte inferiore del suo cazzo in profondità nella mia bocca. Potevo sentire il sangue scorrergli nelle vene mentre questo cazzo già rubato diventava ancora più duro. Lentamente si è spostato nella parte posteriore della mia gola e poi giù leggermente nell'esofago.

Adesso era profondo, abbastanza profondo perché i muscoli della mia gola iniziassero a massaggiare la testa del suo cazzo. L'ho tenuto lì per un po' lavorandogli la testa poiché la mia mano ora aveva il controllo completo dei suoi globi maschili. Gli ho massaggiato le palle mentre gli facevo entrare e uscire il cazzo dalla parte posteriore della gola. Potevo sentire il suo respiro diventare pesante e veloce. Sapevo, per esperienza, che stava per farlo
scaricare. Ho pensato di fermarmi e farlo durare per entrambi, ma sapevo che sarebbe stato crudele. Inoltre, avevamo tutto il tempo del mondo ed ero sicuro di poterlo riportare a quel punto.

Poiché lavoravo più velocemente e con maggiore stabilità, sapevo che era una questione di tempo. Volevo che venisse dentro di me --- fammi bere i suoi succhi. Le sue palle si stavano sollevando e sapevo che erano pronte a presentarmi il nettare che cercavo.

All'improvviso, un dolore mi attraversò la testa. Mi sentivo come se avessi infilato il dito in una presa elettrica e i miei capelli fossero ritti. Brandon mi stava strappando i capelli. Mi stava costringendo a staccarmi da lui prima che potessi portarlo a un orgasmo elettrizzante.

"Cosa? Perché mi hai tirato i capelli," gridai, rendendomi improvvisamente conto di quello che stava succedendo.

Era senza fiato e ha detto: "No, non ancora! Voglio che noi diamo una sbirciatina al nostro amore insieme".

Improvvisamente ho capito che questo era decisamente più che lussuria. Che quello che io e Brandon abbiamo avuto forse non era ancora amore, ma più di un semplice incontro sessuale. Era un sentimento che avevamo entrambi l'uno verso l'altro che voleva assicurarsi che ognuno di noi piacesse all'altro.

Si sedette sul letto portando il suo bellissimo strumento d'amore lontano da dove era stato --- nella mia bocca. Mi ha salutato con un gesto dicendo: "Vieni quassù caro. Lascia che ti prenda totalmente".

Mentre mi avvicinavo a lui, la sua mano prese i miei pantaloncini, che erano ancora appiccicati al mio corpo per il sudore, tranne quelli che puntavano dritti verso il suo corpo. Prese la cintura e li tirò giù, facendo un cenno con la testa in un movimento verso l'alto dicendomi di alzarmi in modo da poterli togliere completamente.

Mentre si muovevano verso le mie caviglie, ho preso ogni piede e sono uscito dai miei pantaloncini. Il mio cazzo era così duro che non pensavo di poterlo sopportare ancora per molto. Si tolse i pantaloncini, che erano ancora intorno alle caviglie, e spalancò le braccia. Mi sdraio su di lui, i nostri cazzi premono l'uno contro l'altro mentre ci abbracciamo. I nostri fianchi iniziarono a muoversi all'unisono mentre ci baciavamo di nuovo.

Brandon mi ha spinto su e giù al suo fianco. Si voltò, mantenendo il contatto con il mio petto, lo stomaco e l'inguine con la bocca. Ha guardato il mio cazzo duro per la seconda volta e ha detto: "Oh, amico, sei stupendo!" Abbiamo riso per un breve momento poi ha iniziato a leccarmi mentre lo facevo. Oh, era così bello!

Siamo passati istintivamente alla tradizionale posizione "69". Ha iniziato a succhiare lentamente mentre facevo lo stesso. Le mie palle stavano per esplodere, ma sapevo che volevo che durasse. La mia bocca e la sua si muovevano in sincronia sui nostri genitali corrispondenti. Quando abbiamo iniziato ad avvicinarci a un doppio climax, il nostro movimento ha cominciato a diventare sempre più veloce.

Come se potessimo leggere l'uno nella mente dell'altro, abbiamo rallentato. Mi girai in modo da trovarmi sopra Brandon che gli fotteva la bocca mentre lo succhiavo sempre più forte. Il suono era assordante era così silenzioso. Entrambi abbiamo apprezzato il gusto e l'azione che ci stavamo unendo l'uno con l'altro. Potevo sentire il battito del suo cuore, anche se sono sicuro che fosse il pulsare delle grosse vene del suo cazzo.

Improvvisamente ho sentito i muscoli delle gambe di Brandon tendersi. Potevo sentire i suoi fianchi sollevarsi sotto la mia bocca. Anche se non fossimo mai stati insieme, sapevo che poteva significare solo una cosa. Avevo trattenuto il mio orgasmo e ora ho capito che potevo lasciarmi andare e condividere me stesso con lui.

"Bob, Oh, Bob! Ti voglio così tanto," potevo sentire con voce borbottante. Non è mai facile parlare con la bocca piena di carne calda e dura. Potevo sentire le sue palle sollevarsi come le mie. Non sarebbe passato molto tempo prima che condividessimo le nostre emozioni represse e veniamo. Oh, come avevo sognato questo momento. Quanto volevo essere parte di lui come lui voleva essere parte di me. No, non eravamo ancora UNO, ma sapevo che era una questione di tempo. Fino a quando non è successo, sarei stato di più
che felice di aver preso il suo seme in me.

"Sto venendo," sentii debolmente. Ma di certo non avevo bisogno che me lo dicesse. Potevo sentire gli spruzzi caldi colpire la parte posteriore della mia gola. Dopo il primo colpo non sono riuscito a trattenermi e mi sono lasciato andare. Entrambi ora stavamo prosciugando le nostre palle l'uno nell'altro. Il suo sperma denso e dolce scorreva così tanto nella mia bocca che non riuscivo a ingoiarlo tutto come avrei voluto. Alcuni sgorgarono dalla mia bocca sui suoi peli pubici biondi e sentii freddo l'odore "maschio" che tanto mi piaceva.

Potevo sentirmi pompare in profondità nella sua gola, e potevo dire che stava deglutendo febbrilmente per tenere il passo con il fiotto che si era accumulato in me. Ho iniziato a rotolare di lato, esausto. Ho lasciato cadere il suo cazzo sulla sua pancia, mezzo duro ora e ho semplicemente guardato con stupore la sua bellezza.

Mentre giacevo lì in uno stato di beatitudine, mi sono reso conto che Brandon ha ancora il mio cazzo in bocca. Stava succhiando tutto così delicatamente. Non potevo credere che stesse cercando di prendere fino all'ultima goccia. O? Era lui?

La sua suzione divenne più intensa, più rapida. Stava cercando di farmi venire duro di nuovo! NON aveva finito di voler essere parte di me! Si stava assicurando che rimanessi eccitato per un altro round!

Come poteva questo adorabile ragazzo sdraiato accanto a me con il mio cazzo in bocca non essere MAI stato con un altro maschio prima? La sua tecnica era quella di un maestro. Mi aveva totalmente sotto il suo controllo, sia fisicamente che mentalmente. Non stava affatto giocando, si divertiva solo a stare con me e ad amarmi.

"Oh, Brandon, fermati!" borbottai. "Non posso continuare, non ancora."

Realizzai il mio debole tentativo di porre fine a questa sessione. Davvero non volevo, ma sentivo che le cose si stavano muovendo troppo velocemente. Mentre giacevo lì, potevo vedere che si stava rialzando. Mi stava fisicamente chiedendo di continuare a compiacerlo mentre lui piaceva a me.

"Che diamine!" Ho pensato. "Non posso resistere a questa opportunità di stare con l'uomo dei miei sogni." Mentre queste parole mi attraversavano la mente, mi chinai e presi di nuovo Brandon in bocca. Questa volta gli ho messo le mani attorno al sedere e l'ho avvicinato a me. Improvvisamente ho scoperto che le mie dita correvano su e giù per la sua fessura. Uno trovando il suo tombino che sembrava attirarmi più vicino e
più vicino. Era come se volesse che giocassi con il suo buco. Istintivamente ho strofinato e ho iniziato a inserirlo in lui.

Non potevo credere che 3 ore prima non avessimo MAI trascorso del tempo insieme fuori dal campo di calcio. Che eravamo tutt'al più conoscenti, ma adesso sapevo che eravamo amanti a distanza da parecchio tempo. So che desideravo Brandon ed era evidente che provava la stessa cosa nei miei confronti.

Mentre giacevamo lì a succhiarci l'un l'altro eccitati, non potevo fare a meno di pensare che presto, molto presto, saremmo stati alle prese con un altro episodio appassionato della nostra nuova relazione.

Storie simili

Erotismo vampiro

Sono solo e impotente, mentre torno a casa dall'allenamento di softball una sera tardi. Sento dei passi che mi seguono, ma quando mi giro non c'è niente. Spaventato comincio a muovermi più velocemente. Sentendo ancora dei passi prendo una scorciatoia, percorrendo una strada laterale. Questa strada laterale non ha lampioni, è molto buia. Sento i passi avvicinarsi. Sono così spaventato. comincio a correre. Mi sento come se ci fosse qualcuno che mi segue. Mi sento come se si stessero avvicinando a me. Sono così spaventato, e dato che è così buio inciampo nella radice di un albero. A terra, sento qualcuno...

96 I più visti

Likes 0

In famiglia (parte 5)_(1)

Vuoi un po' di compagnia? Cam fece capolino nella doccia. La guardai con gli occhi socchiusi mentre mi tiravo indietro i capelli bagnati dagli occhi. La bella addormentata è finalmente in piedi. ho preso in giro. Fece una risatina e aprì la porta a vetri. Devi sciogliere l'asciugamano, lo sai. dissi, guardando l'asciugamano che stringeva così forte al suo corpo. Entrò e gettò l'asciugamano per terra. Era tutto pieno di vapore nella doccia, quindi non potevo vederla chiaramente, ma potevo vederla. Mamma e papà non si sono ancora alzati? Non credo. Disse e prese una bottiglia di shampoo. Perché non ti...

1.1K I più visti

Likes 0

Mother's Submission - Capitolo 12

Alex Morgan si guardò intorno nella sua stanza del dormitorio, la stanza in cui aveva trascorso gli ultimi anni. Aveva alcuni bei ricordi qui, ma ce n'era uno eccezionale. Quando il suo amico, George, lo aveva spinto a creare un profilo per l'app di appuntamenti. Era lì che aveva incontrato la donna che ora amava, che per caso era sua madre. Quando si era presentato oggi, George era stato felice di vederlo. George è stato molto meno felice di scoprire che Alex si sarebbe trasferito a casa e avrebbe completato i suoi studi online. Chi mi aiuterà quando avrò problemi con...

1.1K I più visti

Likes 0

Tocca - Capitolo 2

Tocca - Capitolo 2 Le cose sono diventate imbarazzanti rapidamente, Kelly e io avevamo appena fatto del sesso bollente insieme senza sapere davvero perché l'avessimo fatto. È stato perché sono venuto su di lei e lei non voleva fermarmi? Ma poi stava partecipando altrettanto... non riuscivo a metterlo insieme. Abbiamo provato a parlarci subito dopo, ma entrambi ci sentivamo strani l'uno con l'altro, ecco perché non ci ho mai provato prima, sapevo che questo avrebbe rovinato la nostra amicizia. Ho cercato di uscire da lì il più velocemente possibile senza cercare di sembrare un completo idiota. Non ero il tipo da...

1K I più visti

Likes 0

Prima volta_(3)

Era la primavera del '99 e frequentavo l'ultimo anno delle superiori, avevo appena compiuto diciotto anni. Ero nella squadra di pallavolo, fisicamente in forma e pronto a sfidare il mondo. Avevamo appena vinto la nostra prima partita e dopo un discorso di incoraggiamento di coach Azzerelli, ci ha mandato alle docce. Mi ero spesso eccitato quando ero sotto la doccia dopo l'allenamento mentre guardavo gli altri fare la doccia. Li fissavo mentre tenevo la testa sotto il getto d'acqua, quindi non era ovvio. O così ho pensato. Uno degli chic della mia squadra era piuttosto figo, ma non sembrava mai avere...

649 I più visti

Likes 0

Non più una fantasia

La spogliarellista ha aperto le gambe proprio davanti alla mia faccia e nel bagliore del club squallido ho potuto distinguere un po' di succo all'ingresso della sua figa. Avrei voluto che si stesse diffondendo per me, ma stava guardando il grande tipo di operaio edile accanto a me. Era una serata amatoriale allo strip club locale e il ragazzo che le faceva gocciolare la figa era uno dei giudici del pubblico. Sono rimasto in giro per la ragazza successiva ma ero così eccitato che non ce la facevo più. Mi diressi verso il bar con la mano in tasca cercando di...

147 I più visti

Likes 0

LA RAGAZZA VAMPIRO 2

Angelina corse con tutte le sue forze dopo essere atterrata a terra. Erano le 3:30 del mattino. Il sole sorgerà alle 5 e lei dovrà raggiungere la sua casa il più velocemente possibile. Guardò Michelle. Aveva desiderato questa ragazza sin da quando l'aveva vista sbirciare su Abilene. L'odore della sua dolce fica fluttuava insieme a lei, facendola arrapare da morire. Dopo mezz'ora di schivate tra edifici, incroci e viuzze, Angelina ha finalmente raggiunto la sua casa. Si avvicinò in fretta al cancello, che si aprì da solo, sapendo che era arrivata la padrona di casa. Ha tenuto Michelle sul suo letto...

213 I più visti

Likes 0

Cottage 13 – Parte 1

Questa storia parla di una moglie che sceglie di vivere la sua fantasia sessuale per il sesso forzato anonimo, all'insaputa del marito. Se non ti piace questo tipo di storia, o qualcuno a cui piace fare commenti anonimi denigratori, salta questa storia. Apprezzo i messaggi privati ​​che forniscono feedback e/o idee costruttive... NOTE: Ai fini di questa storia, il Geosexing è definito come una variante del geocaching, in cui uomini e donne utilizzano il Global Positioning System (GPS) per designare o cercare luoghi in cui fare sesso con un individuo consenziente. Questo non è in alcun modo un tentativo di ridefinire...

889 I più visti

Likes 1

Stephanie - Proprio quando le cose si sono girate Pt. 2

Mentre mi avvicinavo al maniero, la scorsa notte continuava a rimuginare nella mia mente. Volevo solo incontrare il cane, e così sono entrato nel canile. Poi, prima che me ne rendessi conto, mi aveva buttato a terra e mi stava annusando. Poi mi ha strappato le mutandine e ha iniziato a leccarmi la figa, portandomi all'orgasmo contro la mia volontà. Quando pensavo che avesse finito, mi è saltato sulla schiena e mi ha violentata. Ma la parte peggiore è stata quando mi sono lasciato andare e ho iniziato a godermelo. Mi sono svegliato stamattina e ho trovato questo biglietto e il...

1K I più visti

Likes 0

Scoprire che sono gay parte 3

Quindi pochi giorni dopo, dopo aver rotto con Lizzy, mi stavo abituando all'idea di essere di nuovo single. Quando ero al college a lezione con McKenzie, ha iniziato a sedersi accanto a me e ha detto Tu e Lizzy vi siete lasciati perché vi ho baciato? Ho guardato McKenzie e ho detto No, il motivo per cui io e Lizzy ci siamo lasciati è perché mi piaceva baciarti. Dopo aver detto che mi sono alzato dal mio posto, ho preso la borsa e sono andato a uscire dalla lezione mentre camminavo, il mio insegnante mi ha detto E dove pensi di...

982 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.