Il compagno del campione 12

43Report
Il compagno del campione 12

La tarda estate al Menthino è stata un periodo intenso. Kaarthen si ritrovò nella gigantesca stanza della mappa del palazzo. L'intero piano era un'immagine in movimento in tempo reale di Menthino, scale su rulli e tavoli cartografici su ruote erano lungo le pareti. Marcos era vestito in modo quasi casual con una camicia di seta verde scuro e pantaloni neri Safi.

La regina e due principesse, Saliss la più anziana e Ruegin, ascoltavano con lei i piani annuali di migrazione dalle vaste pianure alluvionali a Cardin. Tre Hjordis in nero Safi con i capelli raccolti in chignon stretti stavano lungo il muro con Kaarthen. Marcos aveva anche presentato un signore più anziano di nome Generale Creighton. Il generale aveva con sé un ufficiale senza nome che prendeva appunti diligenti.

Il principe Carthin, lo strano ragazzo malaticcio, era l'unico seduto. In realtà sembrava piuttosto annoiato. Indossava ancora gli stivali ei pantaloni da equitazione e indossava un tabarro a strisce di nero, viola, bianco e oro. Kaarthen lo riconobbe dagli scudieri che lavoravano attorno alle mura della Cittadella.

Non pensava nemmeno che potesse vedere l'area di cui Marcos aveva parlato nell'ultima ora seduto in fondo alla stanza. Nessuno si è preso la briga di correggerlo, poiché la decisione su chi o se si sarebbe sposato era ancora indecisa. Dopo un'altra ora, decise di aggiungere le sue opinioni all'irritazione di Marcos.

“Perché evacuiamo prima dell'inverno? L'alluvione arriva in primavera». Ha sottolineato abbastanza improvvisamente come Marcos ha spiegato le rotte di pattuglia spostate per dopo il raccolto.

Marcos si fermò e si contrasse alcune volte mentre l'attenzione della stanza si rivolgeva all'adolescente malaticcio.

“L'inverno è abbastanza rigido, il terreno gela rapidamente. Se qualche gruppo ha problemi durante il viaggio, si troverà in un ambiente molto più duro. Inoltre, quando si recano a Cardin o nelle altre nostre città, portano il loro raccolto per essere pagati per il loro mandato. Non devono portare pasti al sacco o cacciare lungo il percorso, quindi di solito viaggiano più velocemente". Il generale rispose per Marcos. Era una risposta da manuale sana e corretta. A Kaarthen era stato insegnato lo stesso durante il periodo trascorso con Marcos in biblioteca.

Il principe Carthin ci pensò. Le due principesse si voltarono e iniziarono a sussurrare commenti poco lusinghieri tra di loro. Marcos riprese a parlare e si volse all'offensiva annuale di primavera.

È stato in grado di spostare la mappa verso l'alto per guardare l'area nord-orientale del confine. Come una croce gigante, l'Ort è entrato da ovest, quindi ha arcuato dolcemente verso nord prima di svoltare ed uscire da sud. Il Moxle arrivava da nord a sud e raccoglieva una mezza dozzina di piccoli ruscelli e fiumi che scorrevano a est prima di unirsi all'Ort. Uno stretto fiume minore, che alcuni chiamavano "il pigro", scorreva a ovest di Alcanton e si univa al flusso dell'Ort a sud. La vista si estendeva dalla loro spaccatura sulla spiaggia fino al centro di Alcanton a est, e dal centro di Astrokos fino alle pianure alluvionali settentrionali di Menthino.

“Voglio attraversare presto quest'anno con un gruppo veloce di cavalleria. Le barche attraverseranno il varco nell'Ort e ci sposteremo a nord e poi direttamente a est. Quest'anno sono stati lenti nelle basi di pattuglia fortificate. Se sono lenti o no, taglieremo a est quando si saranno sistemati, lasceremo i cavalli e cavalcheremo il Moxle a sud fino all'Ort. Sarà estremamente importante per lo meno raggiungere un ruscello con un flusso est al Moxle. In effetti probabilmente ci sposteremo lungo il primo che troviamo distruggendo i ponti e facendo pagare un pedaggio”. Marcos ridacchiò, il generale e il suo ufficiale sorrisero con lui, e Kaarthen sospirò roteando gli occhi.

"Cosa c'è di così divertente?" chiese il principe. "Quanto vuoi addebitare?"

"L'equilibrio tra la vita e la morte." disse criptico Marcos. Kaarthen non sapeva cosa significasse, ma pensava che avesse qualcosa a che fare con il sesso.

"Non è divertente. Che cosa significa?" chiese il principe irritandosi.

“Forse dovremmo interrompere questo e prendere il tè. Sembra vicino all'ora di pranzo.» La regina si offrì diplomaticamente. Tutti erano inclini ad essere d'accordo con lei.

Uscirono in una grande sala riunioni adiacente con pareti rivestite di legno inciso accentate in oro. Gli è stato servito il tè mentre aspettavano che venisse servito un pranzo freddo.

Il principe dettava la conversazione con la sua politica soft.

“In Sellis, osserviamo da vicino Menthino e Astrokos. Comprendiamo che, a differenza delle grandi guerre del passato, il tuo paese è bloccato in una costante guerra di logoramento. Come puoi sperare di vincere?" Chiese mentre i servitori si muovevano intorno a loro con tè e caffè.

Marcos ha risposto con tono diplomatico forzato. “Astrokos ha una storia che tutti condividiamo dai tempi in cui erano un vero Impero. Il loro patto che l'imperatore giura sulla sua incoronazione promette un ritorno alla gloria e richiede espansione. Menthino è il blocco più grande per raggiungere questo obiettivo". Scrollò le spalle. “Potrebbero tentare di prendere prima altre terre. Sellis o Munklin si trovano dall'altra parte delle montagne a ovest, ma non possono permettersi niente di meno che una campagna tranquilla. Potevano attraversare le montagne a est del Moxle e rivendicare le Città-stato sulla sponda orientale. Di nuovo, avrebbero dovuto avere successo o il loro esercito sarebbe morto di fame. Hanno bisogno di entrambi i lati del fertile Ort per finanziare e nutrire un esercito". ha spiegato Marco.

"Come mai?" Il principe chiese interessato mentre la stanza gemeva.

Il generale intervenne permettendo a Marcos di essere servito. “Vivono in terre aride ghiacciate e su entrambi i lati hanno le montagne e i ghiacciai delle terre del caos o il Moxle e le grandi montagne orientali. Non ottengono molta neve o pioggia intrappolate dove sono e l'aria secca congela tutto. Il fertile Ort dà loro il cibo necessario per sopravvivere lassù. Le persone intorno alla capitale vivono nel sottosuolo. Solo sui fiumi e torrenti che vanno al Moxle a est qualcuno sarà fuori terra. Possono anche coltivare un po' in quella zona, ma non abbastanza per nutrire un esercito in più. È lì che vivono anche i loro contadini dell'Ort durante la stagione delle inondazioni”.

"Allora perché litigare?" Chiese. La maggior parte della stanza bevve tè e ascoltò il byplay.

Marco si voltò verso di lui. “Non lo sanno a Sellis? Controllo della popolazione”. disse Marcos seccamente.

"Che cos'è?" chiese il principe.

Marcs posò il tè e incrociò le mani. “Le terre ghiacciate non supportano molta popolazione. Poche persone possono coltivare la terra in modo permanente. È difficile convincere le persone a non fare bambini”. Le sedie delle principesse scricchiolarono mentre si spostavano. "Quindi, hanno bisogno di un sistema, o più sistemi, per controllare la popolazione in modo che non tutti muoiano di fame". Marcos smise di sperare di aver detto abbastanza.

Il principe ha chiarito l'ovvio: "Quindi mandano le persone a morire?"

“Sì, anche loro. Non dimenticare che hanno l'obiettivo di fondo del dominio del mondo. Possono alleviare la pressione demografica e forse fare un colpo fortunato”. disse Marcos appoggiandosi allo schienale.

I servitori portarono un pranzo leggero e si spostarono servendo il tavolo. Kaarthen vide che era una porzione di pesce azzurro con salsa rossa su un'insalata. Si meravigliò della presentazione dell'elegante piatto.

"Sembra duro." disse il principe cercando di dire un'ultima parola.

Marcos sorrise appena. “La vita è dura. La gente sogna sempre la pace. Il sogno è condiviso da tutti. Tuttavia, il "come" è ciò che fa uccidere le persone. Il risultato è duro quanto la vita normale. Di solito non tutti pensano che la pace sia favorevole alla loro situazione. Più probabilmente, sentono che questa o quella persona è un ostacolo alla pace "ideale" che potrebbero avere. Il risultato è sempre la morte della persona che non combatterà per l'illusione”.

"Combattere per uccidere in quel modo non è onorevole". Il principe ha dichiarato come un dato di fatto.

La regina ha parlato difendendo la sua politica. “Forse, ma Menthino deve proteggersi. È un'enorme interruzione avere nemici che corrono in giro quando le persone hanno bisogno di piantare o raccogliere. Le carestie iniziano così».

Il principe rimase poco convinto. “Potresti vendere il tuo cibo ad Astrokos, e poi potresti avere pace. L'interruzione per loro sembra ingiusta, più persone moriranno". Ha affermato ad alta voce. Sembrava pensare che alzare la voce avrebbe fatto capire il punto.

«Principe Carthin, abbiamo preso in considerazione la tua proposta. Troppi aspetti negativi sono sulla bilancia. Menthino non ha trovato motivo di scambio. Astrokos non fa nulla che valga la pena scambiare a Menthino. Credo che anche Sellis non possa fare grandi scambi con Astrokos. La base di questa disputa è sul territorio strategico”. Marcos ha detto diplomaticamente: "In secondo luogo, se sentono che la guerra è gravosa, sono i benvenuti alla negoziazione". Disse picchiettando sul tavolo. “Prima che tu lo chieda, non daremo loro semplicemente del cibo. La loro popolazione aumenterà e in futuro avranno bisogno di più cibo. Molti paesi e città-stato si affidano ai nostri cereali, vino, vestiti, carne, olio, medicine e verdure. Facciamo anche un commercio redditizio per i magnifici cavalli per cui Sellis è noto con i nostri eccessi, tra le altre cose”. Finì pensieroso.

“Eppure quelle persone muoiono di fame? Potrebbero arrendersi se gli dessi qualcosa". Il principe supplicò.

“Potrebbero, ma lo farebbero? Non l'hanno fatto prima e niente li ferma ora". Marco si fermò. «Principe Carthin sembra che tu sappia molto di Menthino dall'esterno. Penso che prendersi del tempo con la principessa Ruegin e il tutor di Nossin ti aiuterà a capire i pensieri che abbiamo quando prendiamo le nostre decisioni. disse Marcos cercando di concludere.

“Il giovane principe ha già iniziato a studiare con i suoi coetanei le vie di questa regione. Tra qualche mese capirà di più il dilemma politico”. disse la Regina con disinvolta grazia diplomatica.

"Penso che ci siano molte grandi idee di Sellis che dovrebbero essere provate qui". disse infine il principe cambiando discorso.

“Menthino si trova in una regione e in un insieme di circostanze completamente diverse dalla tua città. Sono sicuro che entrambi stiamo facendo del nostro meglio". disse Marcos con lieve esasperazione.

La tensione stava iniziando a riempire la stanza e solo la Regina sembrava intatta. Il generale sembrava molto diffidente e osservava Marcos da vicino. Gli Hjordis si erano avvicinati per stare un passo dietro le loro cariche. Il loro movimento attirò più attenzione sul principe che non aveva guardie del corpo. Gli Hjordi rimasero rilassati con le mani dietro la schiena. Kaarthen aveva visto Remy fare lo stesso per un rapido pareggio.

Le principesse guardavano il principe ragazzo come se fosse una specie di sgradevole insetto parlante. La principessa Saliss, che non aveva la preoccupazione di essere costretta a sposarlo, sembrava sorridere un po' divertita. La principessa Ruegin guardava con nauseato fastidio.

Nessuno pensava che questo principe ragazzo senza casa avrebbe spinto Marcos inutilmente. Non avrebbe avuto nulla da guadagnare se non l'imbarazzo. Ma poi, il ragazzo non ha mostrato finora alcun tratto a conferma di ciò.

"Ti dico una cosa", iniziò Marcos, il suo accento che iniziava a scivolare. “So che hai voglia di condividere i tuoi pensieri. Devi essere a casa malato. Tuttavia, sono stato a Sellis e ne so delle cose. Che tu ci creda o no, una volta dovevo fare quello di cui parli. Dovevo capire cosa potevamo fare per rendere Menthino più competitivo. Ci sedevamo e prendevamo in prestito idee da altri paesi intorno a noi e dal passato. Sei abbastanza giovane da non vedere le evoluzioni dei paesi politici. Posso dirvi onestamente che non c'è molto che possa essere favorevolmente cambiato a Menthino".

Il principe batté sul tavolo e si chinò. «Eppure, se fossi nato a Menthino non sarei re perché non posso combattere. È sciocco perché posso aiutare in altri modi. La guerra è stupida, io sono intelligente e potrei trovare la pace". esclamò il principe Carthin. L'intera stanza di sedie e vestiti frusciava.

Kaarthen non è cresciuto vicino ai nobili, ma ha capito l'idea del linguaggio dei movimenti e dell'autopresentazione strettamente controllata. Anche le sorelle tra di loro osservavano movimenti estranei o contrazioni facciali che parlavano più forte delle parole

La regina parlò per prima. “Ci sono cose che un re deve fare che richiedono difficoltà. Solo in questo paese l'onere è organizzato in modo così ordinato. La maggior parte dei re non muore in battaglia, ma lo stress infinito erode la mente. Nonostante ciò, la storia mostra che, senza che chi detiene il potere si senta a rischio, di solito si prendono decisioni pericolose e imprudenti. Ecco perché il nostro paese richiede al re di accamparsi almeno con l'esercito. Non devono rischiare la prima linea, ma vedere i morti intorno a loro mantiene la bilancia in equilibrio. La morte non è stravagante per noi mortali. Vedere il volto di coloro che potrebbero non tornare impedisce a un buon leader di mandarli. I buoni generali sono quelli che rendono costosa al nemico ogni morte dei loro soldati”. Il suo tono era più duro e catturava l'attenzione di tutti. "Hai parlato di lotta e pace, voglio che combatti e provi paura." Si alzò.

La stanza la seguì attraverso il palazzo fino alle mura della Cittadella. Si trovavano sul lato opposto del cancello rivolto a sud verso la Cittadella. Sotto l'ombra del muro, le numerose fosse quadrate con porte a sbarre di metallo erano allineate lungo il muro. Uno aveva un uomo con una camicia pulita e pantaloni da solo in catene. Un altro aveva quattro uomini sporchi che sembravano essere stati nel buco per un po'. Le altre fosse erano vuote. Pochi metri alla loro sinistra, nell'angolo, c'era una forca. L'area a destra era sgombra ed erbosa; Kaarthen poteva vedere facilmente la torre nell'angolo a destra. Si rese conto che la passerella con la sua magia era la barriera che rinchiudeva quelle povere anime. Kaarthen poteva vedere un punto migliore lungo l'interno del muro per assistere alle esecuzioni. Tutti sembravano anche curiosi di sapere cosa stesse succedendo.

“Una guardia cittadina è stata sorpresa a vendere proprietà reali. Doveva essere giustiziato, ma vediamo se educherà. Giovane principe, quell'uomo combatterà per la sua vita. Come te, non ha un paese solo la sua vita che deve difendere". Si voltò e fece un cenno verso l'uomo single in catene.

«Quei quattro giù sono lì dalla primavera. Ce n'erano cinque, ma la vita era dura per uno di loro. Per te sono gli altri popoli del mondo, perché sinceramente giovane principe non siamo soli». Disse salutando i quattro uomini che iniziarono a notarli.

Si voltò e guardò il suo Hjordis "Draw", il Hjordis estrasse la sua sciabola in modo pulito.

Arrossì e sembrava molto imbarazzata per avere così tanta attenzione su di lei. Teneva la spada con la mano destra e teneva la punta in basso sul corpo. La sua mano sinistra era alzata per proteggere la lama. Remy portava lo stesso tipo. Stocco dritto a doppio taglio con impugnatura a sciabola, la lama era spessa un pollice e mezzo con una scanalatura per il peso. Kaarthen aveva scoperto che erano per lo più armi difensive e che erano costruite per essere molto robuste.

“Forse questo ti insegnerà a combattere. Giovane principe, se quell'uomo muore, perderai la vita. Lui è la tua forza, ciò che ti mantiene libero e vivo, e la sua vita è il tuo esercito". La lama degli Hjordis si spezzò sul suo collo. Si girò per fissarlo e impallidì. La regina strizzò l'occhio all'Hjordis mentre era distratto.

"Non sto bene." Disse tornando indietro.

“Naturalmente nessuno si sente bene alla prospettiva della propria morte. Nonostante quello che dicono le storie, la paura e il disagio sono normali”. Disse la Regina quasi distrattamente cercando un ufficiale di sotto.

“NNnnoo… io io posso… non posso” balbettò. Cercò di voltarsi e guardare la regina. "Non posso farlo, ho una condizione" Kaarthen era sorpresa di quanto suonasse impegnativo. La regina lo ignorò.

Dietro di lei, le principesse esitavano se venire alla ringhiera per lo spettacolo, o mostrare il giusto riserbo signorile.

La regina fece cenno a un servitore e lo scacciò per far armare e liberare i prigionieri. Pochi istanti dopo, un ufficiale si avvicinò per sentire il suo intento e prendere una firma mentre venivano rilasciati.

"Ora, per renderla equa, discutiamo dei trattati". Disse lei voltandosi verso di lui. Non stava sorridendo male come Marcos. "Chi sarà il tuo alleato?"

Sotto, le guardie stavano piazzando delle scale nei buchi. L'ufficiale urlava istruzioni ai prigionieri. Dopo aver finito, gettò dentro quelle che dovevano essere le chiavi di entrambi i fori. Un'altra guardia sparse spade che spuntavano dal terreno. Molti altri chiusero e chiusero a chiave le porte intorno al muro.

La regina lo pungolava. “Farai meglio a sbrigarti, ne avrai solo uno. Nonostante l'attacco a sorpresa, il tuo esercito è relativamente ben addestrato e ha riposato notti tranquille.

"Io... Ahhh." Il principe si bloccò mentre tutto accadeva.

La parte più lunga del combattimento era che tutti si alzassero per le scale di tre metri e prendessero una spada. Hanno ritardato l'inevitabile sapendo che dovevano rischiare se stessi per salvare le loro vite.

La Regina rifletté mentre guardavano gli uomini avvicinarsi e fissarsi l'un l'altro. “Ci sono molti pacifisti sul campo di battaglia in ogni guerra. Nessuno vuole farsi male. Ma, una volta iniziato l'omicidio, le uniche suppliche sono quando la morte viene smascherata. Se alcuni avessero le spade e altri no, i risultati sarebbero simili. Tuttavia, alcuni direbbero meno equo. Inizieranno uguali ma non si può mantenere l'uguaglianza tra gli uomini".

Uno dei quattro fu il primo a colpire. Era un uomo gobbo sporco con la barba e stracci marroni strappati. Era in piedi dietro un uomo che indossava una sacca grigia legata con una corda e un altro uomo a sinistra che indossava stracci neri che lasciavano scoperta una spalla. Quelli in grigio e nero erano squadrati all'ex guardia.

L'uomo in marrone che balzò in avanti non collegò il suo selvaggio fendente ma iniziò la frenesia. La guardia schivò a destra e fece il suo stesso fendente. Si levò un grido quando l'uomo in nero prese la lama sul braccio. Si ritrasse quando l'uomo in marrone e l'altro in grigio arrivarono alla carica. Dietro a quei due, e in movimento con la lotta, c'era un uomo abbronzato in topless con pantaloni a righe sporchi.

Le posizioni erano le stesse in tutti e tre. Entrambe le mani alzate a pugno, mentre avanzavano furtivamente. Si accucciarono leggermente e tenevano la spada nella mano destra. L'uomo solitario si accucciò molto in basso, la sua spada era tenuta al fianco destro. Il piede sinistro e il braccio erano alzati per proteggersi il viso. Ha cercato di indietreggiare e girare intorno ai suoi aggressori.

Il gruppo si è chiuso con cautela ora. Avevano una visione a tunnel e stavano in piedi sempre più eretti mentre si fissavano. La guardia saltò dentro con un rapido affondo al loro fianco ei tre caddero all'indietro su se stessi. Il marrone e l'uomo in grigio si aggrovigliarono mentre cercavano di indietreggiare. L'uomo in pantaloni balzò in avanti e afferrò la gamba della guardia con un taglio superficiale mentre si estendeva in avanti. L'uomo in grigio si liberò dopo il suo inciampo, colpì l'ex guardia e gli tagliò il petto.

Quello in nero che è stato tagliato per primo si è lanciato nella mischia. È entrato di corsa alla destra della guardia. Fece una profonda fetta sul lato destro dell'ex guardia e a sua volta prese il taglio selvaggio attraverso l'intestino. Quello in mutande volò dentro con un'altra spinta.

La guardia indietreggiò agilmente evitando la spinta. Si scagliò di nuovo contro l'uomo in nero, che poi cadde aggrappandosi a se stesso. L'uomo in mutande ha preso una pausa vedendo questo e ha aspettato che i suoi due amici si mettessero a combattere.

L'ufficiale della prigione che era appoggiato al muro ora indossava un'armatura toracica e gridava qualcosa. La reazione è stata una lotta tra gli uomini in marrone e grigio. Si scontrarono l'uno con l'altro spade dimenticate. L'ex guardia e l'uomo in mutande si guardarono. Si picchiarono l'un l'altro nello stesso momento.

Hanno incrociato le spade e l'ex guardia ha scambiato fette lungo il braccio e la spalla mentre si separavano. L'uomo in mutande sembrava desideroso di evitare di nuovo quel commercio. Ha ballato e finto in giro. Alla fine, entrambi saltarono insieme e l'uomo in pantaloni lo pugnalò profondamente. Si aggrapparono l'uno all'altro e per un momento fu difficile vedere quanti danni si fossero inflitti l'un l'altro.

Il principe sospirò rumorosamente e cominciò a diventare irrequieto.

"Non puoi farlo per favore." Cercò di indietreggiare ulteriormente e gli Hjordis gli si fecero dietro. Si fermò di lato con il fianco contro la sua schiena spingendolo contro la ringhiera facendolo piegare leggermente su di essa.

I due uomini si erano separati e il principe sussultò quando vide il suo uomo impalato. Non è stata una ferita immediatamente letale. La spada è entrata alla sua destra appena sopra il suo fianco. I muscoli spessi lì tenevano la lama bloccata e l'uomo in mutande si era lasciato andare indietreggiando. Il principe iniziò a piangere pensando che la lotta fosse finita.

I due in marrone e grigio avevano appianato le loro divergenze. Si erano riarmati e ora quello in marrone giaceva ammucchiato.

"Due meno tre alla fine" disse Marcos seccamente.

"Forse una piccola scommessa?" L'ufficiale del generale si offrì speranzoso.

"Se il principe perde, lo manderesti da Lafaust?" chiese Marcos alla regina.

"È ridicolo; le persone perdono la testa con il loro paese”. Ha detto al gioco.

“Anche i nobili vengono presi come schiavi, ma cosa farebbe un nobile che non sa combattere a Lafaust? Il nostro esercito e i suoi nuovi ufficiali non possono addestrarsi con un nobile indebolito in mezzo a loro”. disse il generale Creighton con disprezzo. "Il re avrebbe il diritto di ucciderlo per finzione, quella legge è ancora nei libri".

L'uomo in pantaloni era bloccato mentre si girava per correre verso un'altra spada dal maniaco in grigio.

"Forse dovrebbe andare da Cardin e contare il raccolto, sicuramente può scrivere e contare." Il generale aggiunse ora. Hanno guardato come l'ex guardia è stata massacrata dopo essere rotolata freneticamente in avanti e aver colpito l'uomo con le gambe grigie.

Il principe pianse e urlò mentre gli Hjordi lo tiravano in ginocchio.

"Che ne dici, principe, di nessuna terra o uomo?" chiese la Regina facendosi avanti con le mani sui fianchi. “Tu e il tuo esercito avete subito una sconfitta. Direi che si potrebbero imparare moltissime lezioni dalla storia di quella grande battaglia”.

Lo fissò ancora per un minuto, poi alzò lo sguardo verso l'Hjordis e le fece cenno di mettersi al suo fianco. Il principe sospirò rumorosamente quando l'Hjordis rinfoderò la sua spada e si mise in piedi dietro la regina.

"Spero che anche voi ragazze abbiate imparato qualcosa." Disse la Regina guardando le sue figlie. Entrambi annuirono con grazia.

La principessa Saliss, la sorella maggiore, sorrise leggermente. “È stata una battaglia unica che ha insegnato molto a molti livelli. Mi sono chiesto chi sposerebbe il principe di Sellis.» La principessa Ruegin la guardò di traverso in segno di avvertimento. "Dato che lui e le mie care sorelle hanno solo diciotto anni", Diciotto era l'età legale per il matrimonio. “Abbiamo anni per decidere. Spero, nonostante la sua salute cagionevole, che diventi un uomo più degno nei prossimi anni. Forse può essere utile nella difesa delle leggi del nostro grande Paese». Guardò e offrì a sua sorella un sorriso.

"Ben detto. Che ne dici, seconda principessa Ruegin?» chiese la Regina, catturando intenzionalmente Ruegin mentre si rilassava.

“Ho fratelli non ancora nati molto più degni della corona di lui. Sarebbe davvero una macchia sulla corona se la indossasse. Tuttavia, sento che non è stato spinto abbastanza forte. Forse il suo corpo è debole, ma il prozio Marnio quinto era un eccellente tiro con l'arco, anche da cavallo. Le storie dicono che non poteva nemmeno camminare da solo, ma batteva comunque King Vellon il Cartier ogni volta nel tiro con l'arco e nelle corse. Ho sentito che l'ha persino battuto in un wrestling". Marcos annuì pensieroso.

La principessa Ruegin continuò. “Forse dovrebbe imparare un'arte diversa per concentrarsi e concentrare la mente. Qualcosa che sarebbe meno impegnativo e costantemente impegnativo del combattimento con la spada corazzata. Non deve essere un tiro con l'arco, ma tutto ciò che fa è cavalcare tutto il giorno e affermare che non sappiamo nulla. Gli indicò i pantaloni. “Lui litiga costantemente con il tutor. Afferma sempre di conoscere la verità su questo mondo. Sembra pensare che Menthino sia imperfetto perché il suo commercio, i raccolti, le leggi, la struttura sociale e l'esercito non sono identici a Sellis. Non vuole mai sentire delle differenze nei vicini regionali, nella storia e nel clima. Forse dovrebbe imparare dalla biblioteca dove i libri rendono chiari, semplici e... silenziosi dibattiti.

"Sono così felice di avere due figlie così ben parlate, aggraziate, intelligenti, gentili e belle." La Regina sgorgò mentre si avvicinava e li abbracciava.

L'uomo in grigio crollò in ginocchio mentre stavano parlando e sembrò piangere la perdita dei suoi "nemici". Fu condotto fuori nel castello dagli ufficiali.

Marcos e Kaarthen se ne sono andati dopo la dimostrazione.

“Quello era in realtà un eccellente esempio di una guerra di quattro uomini. Le alleanze sono crollate, le nazioni sono state ferite”. Marcos rifletté.

"Pensi che lo aiuterà?" chiese infine Kaarthen mentre camminavano per i corridoi.

“Ha bisogno di qualcosa, la politica è sempre in movimento, e forse un giorno potrà tornare a casa. Non sarà in grado di tenere la corona, e nemmeno la sua casa, con la sua debole padronanza delle cose". ha detto Marco.

"È anche malato, secondo te?" chiese Kaarthen.

Marco si fermò. "Chissà che potrebbe apportare dei cambiamenti seri", ha detto Marcos. “Si rifiuta di essere visto. La principessa Ruegin ha fatto una petizione affinché venga addestrato fino a quando non sarà dimostrato in che condizioni è. Questo potrebbe ucciderlo, ma sembra che lei stia comunque mirando a questo.”

"Oh?" Kaarthen ha detto scherzando. Chiunque nel castello ha sentito parlare di un reale senza nome che ha fatto una silenziosa inchiesta per un "evento" che coinvolge un nobile in alcuni appartamenti degli ospiti. Il principe è l'unico nobile che vive in quei particolari appartamenti al momento, e solo la principessa Ruegin sarebbe abbastanza motivata da tirare le fila.

Arrivarono alla torre dopo cena e si trasferirono in biblioteca. Mara vagò nuda per la torre e li trovò attraverso Kaarthen, usando la sua volontà come fa a volte ora. Marcos si sedette di traverso alla scrivania. Mara si inginocchiò tra le sue gambe ed entrò per il suo cazzo. Gli sbottonò silenziosamente i pantaloni e sollevò il suo cazzo con le sue palle calde e pesanti. Ha succhiato ogni palla il più possibile poiché erano diventate troppo grandi per la sua bocca. Dopo averli bagnati e stimolati, si rivolse all'asta. Lei lo succhiò in lunghe leccate e succhiate mentre parlava.

"Dopo la dimostrazione del Queens, è diventato chiaro che il giovane principe ha bisogno di un addestramento alla leadership".
disse piano Marcos.

“Ha bisogno di molte cose. Lo ucciderei se fossi fuori a caccia. Ha bisogno di essere "abbattuto". L'ex Cacciatrice ha osservato.

Guardò e sentì Mara prenderlo nella sua gola senza fondo addestrata. La testa di Marcos traballò leggermente e i suoi piedi iniziarono a ballare.

"Beh, a quanto pare, ora sta andando da Cardin e lo faremo anche noi." Marcos borbottò piano cercando di controllarsi. Mara stava scopando la sua faccia su di lui e facendo rumori forti mentre beveva.

"Sarà come una corsa a secco mentre prendo un seguito nei miei viaggi". disse Marcos e si lasciò cadere sulla sedia. Kaarthen lo guardò felice e si leccò le labbra. Marcos era vicino alla fine.

Mara ha davvero cercato di fargli lavorare velocemente e Marcos è stato significativamente più duro di chiunque altro abbia servito prima. In un modo strano, l'ex schiava del sesso ammirava la sua capacità di farla funzionare sempre. Il suo status le era stato dimostrato dalla sua lunga resistenza.

Tuttavia, alla fine, come sempre, espirò rumorosamente e spinse dentro di lei sparando il suo enorme carico nella sua gola in attesa mentre lei gli serrava la bocca su di lui e lo ingoiava. Marcos parlò dopo e Mara tenne il suo cazzo in bocca facendo roteare la testa cercando di tenerlo duro.

“Con la fine dell'estate, i doveri delle principesse le portano a Cardin per la festa del raccolto e l'ispezione del magazzino e la valutazione dell'inventario. La decisione di quest'anno è stata complicata solo dall'insistenza che tutte le principesse se ne vadano. Per motivi di sicurezza, la Principessa Ereditaria e tutti gli altri eredi viaggiano separatamente. Non è necessario sulla chiatta, ma nella confusione dell'enorme e tentacolare città di Cardin durante il raccolto, è piuttosto importante". Lui ha spiegato. “La soluzione più semplice era lasciare Saliss. Era stato concordato poiché aveva fatto questo lavoro cinque volte prima che avrebbe fatto la cerimonia del festival solo negli ultimi due giorni".

"Tra due giorni partiremo e per due settimane conteremo e faremo un inventario della più grande migrazione di persone mai avvenuta ogni anno". Disse infine. "Mara, saliamo le scale." Aggiunse sorridendole. Kaarthen era contento di essere affettuoso con il suo fottuto animale domestico. Le cose per le ragazze erano piacevoli e la routine confortante.

Rinis, in situazioni come questa discussione, potrebbe stendere i suoi vestiti e fare un bagno nelle stanze di Marcos mentre tornavano dalla biblioteca. Ein aveva scoperto di recente la biblioteca delle arti proibite al piano di sopra. Ha trascorso ore a riversarsi sulle scienze di cose come le stelle nel cielo e il movimento delle energie. Aveva aiutato la comprensione di Kaarthen del mondo naturale e, a sua volta, Kaarthen l'aveva aiutata con il linguaggio degli dei. Entrambi hanno imparato molto sui dettagli del mondo che li circonda.

Per il prossimo viaggio pianificato da Marcos, a Kaarthen è stato fatto indossare la sua Safi e l'abito. Aveva provato solo la vestaglia e gli stivali, ma Marcos non la voleva così esposta durante la visita di alto profilo. Tuttavia, era d'accordo sull'aspetto degli stivali e solo una veste andava bene per qualsiasi altro posto, a patto che le principesse non fossero scortate.

I tre angeli erano tutti progrediti all'estrema abilità con le loro armi. Marcos aveva confessato molto tempo prima che erano davvero degni di accompagnarlo.

Oltre a portare Lourndai, Kaarthen ora portava un lungo pugnale ricurvo a doppio taglio e due dozzine di piccoli coltelli da lancio. Marssel aveva immerso il lungo pugnale nella resina velenosa che aveva preparato per lei. Fu sorpresa di dimenticare che tutte queste donne spumeggianti e sessualmente preoccupate avrebbero potuto uccidere l'intera città se avessero avuto il tempo.

I "tre angioletti" di Kaarthen indossavano tutti Safi aderente. Oltre a ciò, indossavano abiti simili a lei e quelli di Marcos tagliati in modo che la parte posteriore arrivasse ai lati della parte anteriore. I lati che prima erano aperti sono diventati delle fessure frontali. Le vesti erano appese a terra come era appropriato per lo stile che volevano imitare. I tre erano contenti che l'imbottitura dell'armatura non si estendesse così lontano.

Marcos aveva suggerito di rendere le loro vesti reversibili nere con eleganti rifiniture all'esterno. Alla fine il materiale è diventato troppo pesante per i bisogni che Marcos stava prevedendo. Sono stati realizzati due abiti per ciascuno. Un nero con tutto ciò di cui una ragazza avrebbe bisogno per la fine del mondo e leggermente più corto. Un altro viola per Mara, verde scuro per Ein e blu scuro per Rinis. Gli abiti avevano anche maniche finte, lunghi risvolti eleganti con passanti sciolti per il polso e il gomito. Lo stile le faceva sembrare delle vere e proprie giovani donne nobili timide e informi. Kaarthen aveva quasi tenuto Rinis vestita di nero per fare da fanciulla o da serva.

Portavano tutti una spada ricurva speciale e due pugnali simili a quelli di Kaarthen nelle loro vesti. Sotto o dietro l'ascella, la spada a tutta lunghezza era appesa a testa in giù. Un twist lock teneva la lama dentro. Marcos ha aggiunto una piccola tasca per prendere la maniglia, ma ha reso intenzionalmente difficile l'uso poiché non voleva che nessuno scherzasse con la loro veste quando fosse arrivato il momento. Ein e Mara portavano anche due dozzine di piccoli coltelli da lancio. Ein preferiva i piccoli stiletti come le freccette mentre Mara preferiva i piccoli coltelli con manico. Le armi sono diventate armature da sole.

Erano tutti vestiti e preparati il ​​giorno in cui incontrarono le due principesse e il principe ragazzo.

Le principesse sembravano simili, ma Ruegin era più alto e aveva i capelli più scuri. Indossava abiti da equitazione color oro e marrone che arrivavano fino al collo. Insieme sembravano più vecchi dei loro diciotto anni.

Nossin era più leggero con i capelli biondi e mossi come Saliss. Her skin was also very pale unlike Ruegin and Saliss who had decent tans. Nossin was noticeably airy and frivolous. She wore riding skirts with a comfortable linen top that badly needed a modesty panel. The front was made of stiff coarse linen the wrapped in from the back over the sides of her shoulders and met in front loosely. She wore a white shawl with a pretty design over her shoulders.

Her bosoms didn’t come near the size of Kaarthen or Mara’s. Nevertheless, she had the cleavage the other two in robes didn’t. She seemed unconcerned with Marcos who stood next to her breaking his neck trying to catch a pink nipple. He leered and grinned insipidly the whole time as the section officer in charge of the barge was introduced and a reported the planned schedule.

The Hjordis stepped in front of her eventually, blocking Marcos who was about to fall in to the princess’ blouse. The two wore metal plate armor. It protected the neck, chest, waist, shoulders, and arms. They both wore buns as always, and had dyed their hair black. Their armor was cleverly covered by a tight padded wool blouse of brown and gold that buttoned over their armor. Only a black steel gorget around their necks was naked. It had an etched design to appear like a silvery necklace. The blouse covered down past their hips. They also wore black Safi pants and thigh high brown riding boots.

Kaarthen noticed that Princess Nossin’s Hjordis carried a long straight dagger on the left hip with her rapier. Princess Ruegin’s carried a small dagger on her left hip and two rapiers on the back of her right side. Both Hjordis’ had several long, thin, pen-like, stilettos around their sleeves that appeared part of the striped design. From a distance, they appeared to simply be noble women in riding dress.

The prince rated his own bodyguard for the trip. He hadn’t become able to defend himself yet. For discretion, they didn’t assign a Hjordis. Rather than give him a detail from the Palace guard that was inconspicuous, the shift officer had saw the word prince in the title and sent them a walking stone tower. The officer had tried to dress him inconspicuously. After failing that, he then tried to make the two-legged tree into a warm rich uncle. The look he gave off was a well-heeled slaver. The giant would have to be guarded or the city guard would put a detail on him.

Marcos sent back the tall imposing Palace guard with the iron chin. He instead detailed Ein to protect the boy over his vehement and emasculating protests of fairness.

“Ein, you now rate to carry a rapier. Give the card the man had to the quartermaster and draw one.” Marcos said.

The palace guard, who looked like a retired pirate captain, gave her his signed letter of authority over the boy making it official. The two princesses giggled at the spectacle. At nearly five feet Ein could kiss the shiny belt buckle the well to do barbarian wore. The palace guard, turned shady brothel proprietor, grew a new bulge as he looked down at her cute blonde head. She blushed and quickly ran off to get the sword.

The prince started tugging on Marcos to get attention. "Hey! How can she guard me? I demand to have a real guard! You’re not treating my security fairly!”

Marcos swatted the idiot back. “No young prince, you’re not treating your security fairly. The men of this kingdom do not travel with bodyguards they have squires and aide de camps. They do not dandy about in light riding gear across the kingdom, they are tasked in armor and tabards. I will not pull off a Palace guard for a post he isn’t completely prepared to fill. You should be the one with a sword not the girl.” Said Marcos, mimicking him with a well-bred accent. “If you continue to protest I’ll have you ride in a convalescence carriage for the remainder of the assignment.”

The pale prince shut up as Ein returned. Marcos knew he thought she was only his age. Not a six hundred year old former vampire trained to the razors edge of lethality. He considered taking away the poison dagger she had, but figured it would only help.

They walked quickly to the canal. The palace had its own barge that had been prepared for the journey. The shape was a rectangle with a shallow draft. The sides had lowered walkways for crew. The barge sat on them like pontoons and giving it an elevated center. The center platform was a squared and was hip height to the men standing in the lowered aisles. The front area was enclosed for rain with a lowered room for service preparation. A sunshade of light purple linen had been rolled out connected to it. The luggage lined the back end creating a low wall. Between the luggage and the enclosed area, heaps of pillows made the journey comfortable. They were able to feel the cool breeze coming off the water.

They were able to sit in the shade and eat a light lunch. The tide had not yet turned and they rested comfortably. The young prince quickly became seasick and tried to get off the vessel. Marcos told Ein to restrain him.

“We don’t leave the vessel until Cardin young prince, show some poise and self control.” Marcos sneered.

He purposely sat in back near Princess Nossin on the right side of the ship. In the shade, her pink nipples were quite visible in the light linen she wore. He was blocked by her Hjordis who nearly sat on his lap to give her lady some privacy. Princess Nossin seemed untroubled by the events and reclined into her pillows for a nap.

Marcos eventually turned away and looked at the remaining people around him. Near the front, Ein sat with the prince who tried to keep his eyes closed and leaned back on the enclosure. Along the left side of the barge, the Hjordis sat next to Princess Ruegin. Kaarthen sat near them but faced more towards Marcos with mirth in her eyes. Rinis sat to Kaarthen's left looking back at the palace and over the water. She had pulled her knees up and looked like a shapeless ball with a head poking out. Mara sat looking directly at him, her legs were spread with her left knee up. If not for her pants and a pillow corner, he would have seen what she offered. He felt suddenly sensitive to how exposed they were. Motivating people to sex in this situation was hard with all the attention and the lack of privacy.

The tide, that came in all the way from Pessilberg drove the barge. In several hours, four liveried oars men would have to hook the low iron sawtooths along the sides of the canal to pull the barge. They had long poles with C shaped hooks to help push and pull. Working together, the barge would move at quick speed gathering momentum along the wall. The canal was fifty yards wide and the opposite side was walled and lined with the temples and warehouses that depended on the waterway.

The barge cast off as the prince moaned. Princess Ruegin spoke to Kaarthen and her Hjordis about the art of warehouse inventory, various crops yields expected, the problems of rats, other pests like thieves, and different styles of index. Behind Marcos, the Hjordis laid on her side to create a wall for her lady. Princess Nossin slept comfortably and untroubled.

Marcos scooted down and over, laid his head on the Hjordis’ thigh, and snuggled up to her ass. The barge was very still and quiet as they glided north along with the tide. A slow tempo of soft clanks was heard as the boatmen kept the barge along the wall.

Hours later, the sun was setting and the clanking had picked up. The southbound traffic flowed along riding the tide out. The boatmen worked in unison now keeping the craft moving upstream now. The barge’s pontoon design controlled drag and pitch, as the craft kept momentum against the current. The four boatmen worked with practiced ease mostly working to keep the speed up as they glided.

Princess Nossin was still asleep. Under Marcos, the Hjordis was so tense she seemed about to explode. He eased back, caught Mara’s eye, and gestured for Rinis. He had them sit next to him at the Hjordis’ feet.

Kaarthen watched through Rinis, as Mara leaned in, exposed his cock, and sucked it into her mouth. Their bodies made a wall blocking her, the prince, and the princess’s vision. The Hjordis lying down was extremely aware of Marcos through all this. The sounds she heard were obscene. Kaarthen didn’t even realize she had slipped into the woman’s mind until she realized the Hjordis was a virgin. She also rarely engaged in Sapphic play.

Marcos’ hands had moved up and cupped her ass. She wasn’t allowed to stab him, but she pulled a stiletto and did it anyway. Marcos merely hissed and shifted lower and lay across her legs. The look he made over to the princess must have been pretty raw. The Hjordis leaned in and embraced the young princess for security. He wasn’t as aware as the Hjordis or Kaarthen that for her to move would mean the debasement of the sleeping princess. Princess Nossin dreamed peacefully and rolled into the Hjordis, unwitting of the battle over her.

As Mara continued to work him with her bottomless mouth, Marcos got braver. He leaned up on the Hjordis’ legs and groped her ass. They both stared at each other. The Hjordis looked on in trepidation and shock as he eased his hand around and boldly untied her pants. With sharp tugs, he exposed her ass and hairy pussy.

She pulled the supple princess tightly to her bosom as Marcos crawled over them and settled behind her. He laid back and allowed Mara to lean in and furtively wet his cock. Rinis could see the stupefied Hjordis was wide eyed as he rolled in and found her center with his fingers. She jerked and gasped when he found her maiden head. He actually stopped and thought about it watching her.

She lowered her head over the princess and rubbed her for reassurance.

“You owe me for that little prick earlier. You aren’t fit to guard a heir.” He whispered gruffly.

She turned her head to him looking shocked and whispered. “Milord, don’t do this to me. I’ve served well. I can’t leave in disgrace.” Lei pianse. Marcos rolled back taking pressure off her.

“You’ll have to serve me. It won’t always be like this, but, don’t ever forget yourself.” Egli ha detto.

She cringed and shut her eyes tightly before nodding tightly after a moment. “Yes Milord, I will serve.”

“Good, by the time we return to Mavvus you will be released. I want you to continue your duties. Remember the covenant we agreed too is inviolate. I won’t have you running and whining about something you clumsily started.” He said leaning back into her. He groped her as and dipped a finger into her. “Your body is warm.” She flinched and blushed

“Are you ready to serve?” He breathed into her ear.

She answered by reaching back for his cock slowly. He grabbed her hand before it reached him.

"Come ti chiami?" he asked looking down at her ass.

“You are kind Milord. I am Jilleta from a hamlet outside Leethon.”

“Good women come from there,” Marcos said rolling into her. He clamped her wrist to her hip as he breached her. Mara pulled her bottom leg back so she rolled under him as he leaned over.

To her credit, she didn’t cry out as he fell into her. No tears came down. She blushed so hard her head had white veins. As he thrust into her, he let go of her arm and reached down for her clit.

Kaarthen could see this fulfilled several fantasies of the young woman. Despite her lack of experience, she had a strong feeling she was exclusively interested in men. She always wanted to be apart of some palace intrigue, and Marcos offered something both dramatically dangerous and straightforward. She felt she could get through it, even enjoy it, and no one would know or get hurt. She was also having sex in public, outdoors, on the job, holding her charge.

Jilleta quickly found she like sex so far. She seemed lost in thought as she reached back and rubbed him as if she expected him not to be there. She felt his heavy swollen balls on her thighs as he stirred himself within her. She worried about pregnancy but idly wondered if that is what the North tower is for. She tried to stay quiet but after a several steamy minutes a few explosive gasps burst out.

Princess Nossin came awake as Jilleta choked, grunted, and gasped through an intense orgasm. Jilleta in her climax had squeezed her head to her armored breast a little too tightly. Her small hands came up to the arms around her as she tried to puzzle out what was happening.

Princess Nossin had turned around to see her Hjordis breathing hard and moaning with her eyes clenched. She looked oddly at her pants lowered to her knees and Marcos’ arm wiggling between her legs.

Kaarthen wished her robe covered her body like Rinis’. She wanted the privacy to masturbate from this in the worst way. She been patting and rubbing the pillows around her for several minutes as she watched. Kaarthen got an idea from looking at the princess who was studying harvest reports of the last decade and put a pillow on in her lap. She wriggled her pants around her wide hips trying to look up stream in feigned nonchalance. Her twitching pussy was drooling hungrily as she dived in. She felt it work her digits with a mind of its own.

Rinis watched passively as Princess Nossin leaned in and kissed the suddenly surprised Hjordis. Marcos felt her clamp up and looked over. He grunted and came as he saw the princess on hands and knees, nipples exposed, kissing her bodyguard mid-coitus.

Kaarthen had Mara clean Jilleta up when Marcos sat back. Jilleta gasped as Mara created a vacuum in her gooey hole before licking clean the hair and inner lips. Princess Nossin crouched over her and watched Marcos’ strange and fascinating cock. She climbed onto Jilleta’s back and grabbed him. He flinched and softly pulled her head in once he saw her wide eyed face. With little urging she sniffed it and started sucking it like a natural.

Marcos’ ten inch cock grew hard as iron from the royal treatment. He laid back and was surprised when the princess swung around to mount him. They wrestled for a moment, Marcos knew he didn’t want to scandalized the girl. Finally, he fingered her and offered his cock for her to suck again. She threw herself into it and he came roughly humping and gagging her face. After he was done, she laid back diddling herself and trying to get him hard with her hand.

Jilleta didn’t realize the ironic situation taking place on top of her. She was discovering what a six-hundred year old sex slave that fed off cum could do with her tongue in a creamed hole.

Across the barge, Kaarthen rode a stealth orgasm. Upriver they were approaching Tilin where they would sleep for the night. Overhead the sun was setting.

I hope people enjoy this. People who post these stories are looking for many things. I just enjoy comments, and knowing people enjoy the story.

I would like to know, if you do Jack/Jill off that the stories help. If, as you are enjoying yourself, you peal another layer of the dark onion and think to yourself "wow, if only they....".

Leave a comment. You're likely not alone.

It may not be in every segment, but you will certainly see your fetish. I write because I haven't seen non-consent, rape, impregnation, with large/ muscular women in enough stories.

So please enjoy and comment freely.

Storie simili

Nutrire i giovani

Norm aveva la sensazione che sapesse che la stava perseguitando e questo lo rendeva cauto. Voleva essere violentata? Non sembrava la tipica esca della polizia per il modo in cui era vestita. La cagna si è vestita in modo strano in realtà; un trench ampio, ampio cappello floscio e occhiali da sole oversize. No, non un poliziotto ma... beh, Norm sperava che non fosse una travestita. L'uomo di mezza età sarebbe dovuto tornare in ufficio per un incontro importante e non voleva arrivare in ritardo. Ma a volte questi impulsi prendevano il controllo e lui doveva agire di conseguenza. La cagna...

26 I più visti

Likes 1

Famiglia adottiva Capitolo 9

Ehi ragazzi, scusate per quanto tempo è passato. Spero vi piaccia ^_^ Si applicano le stesse note. Questo è un lavoro di FICTION qualsiasi parvenza di eventi reali è del tutto una coincidenza. Se hai meno di 18 anni (o 21 a seconda di dove ti trovi) o se è illegale per te leggere questo per qualsiasi motivo, o se il sesso tra ragazzi/uomini ti offende comunque, per favore non leggere. altrimenti buon divertimento! ________________________________________________________________________________ Capitolo 9 Positivo. Quell'unica parola rimase nella testa dei ragazzi per il resto della notte. Nessuno dei due ragazzi riuscì a dormire quella notte, con loro...

37 I più visti

Likes 0

L'amore è tutto ciò che conta pt2 - Nuovo dipendente, vecchie abitudini

Ero a casa ad aprire la porta, entrando nel mio appartamento quando il mio cellulare ha ronzato, mi infilo in tasca per prenderlo e controllare chi fosse a quest'ora, Jessy. Il messaggio diceva: Scusa :( te lo devo, la prossima volta puoi scegliere un film. Forse scegline uno con più azione, così non mi addormento Ho sorriso al messaggio e mi sono spogliato preparandomi per andare a letto, mi sono lavato i denti e sono andato in toillete tirando fuori il mio cazzo e mirando con i miei occhi assonnati, una mano che scriveva a Jess l'altra che mi teneva il...

41 I più visti

Likes 0

Così com'è - Parte 3

La mattina dopo Stuie si svegliò dal rumore di sua madre che si preparava per la giornata. Stava ancora pensando a cosa indossare per attirare l'attenzione di una sorella di cui non era ancora sicuro. Ha scelto di indossare la sua canotta aderente rosso vivo e un paio di pantaloncini triathalon aderenti, spesso indossati per gli allenamenti di wrestling, che avrebbero accentuato il suo pacco e i panini. Non riusciva a trovare un paio completo di sandali o infradito prontamente disponibili, quindi i piedi nudi sarebbero andati benissimo. Passò tra le stanze della casa in cucina per aiutare sua sorella a...

41 I più visti

Likes 0

Breve, sexy e dolce: 2- Un'esplosione di passione

Lascia di nuovo commenti!! Spero ti diverta :) Capitolo 2: “Cazzo... mi ero dimenticato che oggi sarebbe venuta Gloria. A volte fa schifo avere amici” gemette Beth, mettendo le mani sulle spalle di Jericho e vedendo i suoi occhi andare al suo petto. Amava le attenzioni e sapeva di essere bella per una persona piccola. Sbarazzati di lei, voglio giocare implorò Jericho, mettendole la mano sotto la camicia da notte e sfregandole la figa attraverso le mutandine, che sentiva bagnate, facendolo sorridere da un orecchio all'altro. “Credimi... lo faccio anch'io. Vestiti, ma dentro... qualcosa di sciolto, non credo che resterà a...

51 I più visti

Likes 0

Il papà del mio amico 8

Il giorno dopo era normale come al solito. Sono andato a scuola con Jeanette e abbiamo studiato nella sua stanza dopo i reparti, ma ovviamente entrambi avevamo qualcos'altro in mente che sarebbe stato archiviato sotto Cattivo se capisci cosa intendo. Ti sei davvero masturbato mentre ci guardavi? Ho chiesto. Sì, era davvero fottutamente caldo. Voglio dire, ti stava arando come un matto. Sono sorpreso che i vicini non si stiano lamentando con noi in questo momento. Voglio dire, guardandoti, non avrei idea che ti lamentassi così molto quando hai fatto sesso. Voglio dire, dannazione mia signora, se non ti conoscessi meglio...

40 I più visti

Likes 0

diario di una casalinga. prima parte.

Sposarsi ha causato molto stress nelle nostre vite. Rick si rifiuta di lasciarmi lavorare, e anche con una nuova casa in città (in una zona a basso reddito) e le bollette che accumulano si rifiuta di muoversi. Smorza la nostra relazione e ci mette a dura prova emotivamente e sessualmente. È costantemente al lavoro. Lo stress gli rende difficile essere affettuoso. Vedi dove sta andando. Sono una brava ragazza. E una buona moglie. Ho cercato per settimane di soddisfarlo. Ogni mattina lo succhiavo a secco. Quando è tornato a casa tardi, ho messo da parte i miei bisogni e l'ho succhiato...

48 I più visti

Likes 1

Lussuria 3

Ancora una volta, stavo terminando la notte masturbandomi dopo essere stato estremamente eccitato a causa delle avventure di mia figlia. Oggi è stata una giornata pazzesca e non potevo credere a quello che era successo dopo aver calmato i miei pensieri arrapati con un orgasmo. Mi sono addormentato come un angelo dopo. Al mattino mi sono svegliato presto e ho preparato la colazione. Quando i bambini sono scesi, ho servito loro dei cereali e ho preso la banana che mia figlia aveva messo nel culo la sera prima e l'ho data a mio figlio. Ho guardato il viso di mia figlia...

38 I più visti

Likes 0

Che cosa hai fatto a Jessica?

Ho aperto lentamente gli occhi e ho visto una bella ragazza che dormiva accanto a me. La sua pelle morbida e pallida, gli occhi adorabili, le labbra succose, i capezzoli morbidi, i capezzoli succosi mi stavano facendo sentire quanto sono fortunato ad averla. Ricordo ancora la nostra relazione di allora prima che lei lasciata la casa. Non abbiamo mai avuto un rapporto fratello-sorella. Non parlavamo mai molto. Lei era impegnata nel suo mondo e io nel mio mondo. Aveva 8 anni più di me. Quindi non mi piaceva l'idea di stare a casa di mia sorella quando mia madre decise di...

39 I più visti

Likes 0

Broken Birds, Parte 37, Uno spazio nel tempo / Epilogo

Parte 37 Uno spazio nel tempo Epilogo L'elicottero di emergenza ha urlato per tutta la notte. Michael, Jennifer, Beth e Kat erano a bordo. Il dottore che Jennifer aveva di guardia non era potuto venire. Era ubriaco. La consegna è iniziata normalmente. Poi Kat ha cominciato a sanguinare gravemente. Barbara l'aveva già visto. Ha dato suggerimenti che Jennifer ha immediatamente implementato, scoprendo quanto preziosa fosse diventata l'esperienza ginecologica e neonatale di Barbara. Barbara è rimasta indietro a causa delle condizioni e dello stress di Jan. Il terrore attanagliò l'harem. Si sedettero intorno all'enorme soggiorno principale. Cercavano in Barbara consolazione e informazioni...

91 I più visti

Likes 1

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.