L'amore è tutto ciò che conta pt2 - Nuovo dipendente, vecchie abitudini

1.2KReport
L'amore è tutto ciò che conta pt2 - Nuovo dipendente, vecchie abitudini

Ero a casa ad aprire la porta, entrando nel mio appartamento quando il mio cellulare ha ronzato, mi infilo in tasca per prenderlo e controllare chi fosse a quest'ora, Jessy. Il messaggio diceva: "Scusa te lo devo, la prossima volta puoi scegliere un film. Forse scegline uno con più azione, così non mi addormento"

Ho sorriso al messaggio e mi sono spogliato preparandomi per andare a letto, mi sono lavato i denti e sono andato in toillete tirando fuori il mio cazzo e mirando con i miei occhi assonnati, una mano che scriveva a Jess l'altra che mi teneva il cazzo, le ho scritto:

"Non preoccuparti, mi sono addormentato anch'io, e pensavo che non ti piacessero i film d'azione. Tutto quel sangue e sparatorie..."

"Beh, io no, ma sono così carino per mio fratello maggiore" la sua risposta mi ha fatto sorridere.

"Vai a dormire, sciocco ragazzo" l'ho presa in giro come ai vecchi tempi quando aveva i capelli corti e indossava le mie magliette a scuola e si comportava come se fosse il mio fratellino. Quella era una fase prima che la pubertà la colpisse.

"Buonanotte Mike"

"Buonanotte Jessy"

****

La sveglia mi ha svegliato alle 8.30, ho fatto la mia routine mattutina, fare jogging intorno all'isolato, 10 minuti, dritto alla doccia, colazione leggera, andare al lavoro. Ha aperto la libreria alle 9 del mattino e ha pubblicato un annuncio su alcuni siti Web, alla ricerca di un dipendente. Ho posizionato una versione stampata dell'annuncio sulla mia finestra. Non erano necessarie qualifiche speciali: donna, organizzata, laboriosa, desiderosa di imparare, ecc.

La mia libreria funzionava ormai da un anno intero ed era in una posizione perfetta, con molti turisti, vicino all'aeroporto e alla stazione principale degli autobus, quindi ho potuto guadagnare molto bene. Inoltre, come ho detto prima, amavo i libri; quindi venderli e incontrare spesso persone che la pensano allo stesso modo è stato un lavoro da sogno per me. Ma quello di cui avevo bisogno era il riposo, e siccome guadagnavo molto bene ho deciso di trovare una persona che lavorasse con me, dipendente che lavorerà con me a turni.

La giornata è iniziata bene, ho venduto pochi libri, pochi souvenir, mentre leggevo un libro e amavo la mia vita. Verso le 11 mi sono preso una pausa e sono andato a mangiare qc. Quando sono tornato, mentre mi avvicinavo alla libreria ho notato una donna di fronte ad essa in attesa. Jeans attillati, bel culo, biondo, capelli castano chiaro, tacchi alti, ottima postura, ... mentre mi avvicinavo a lei solo allora mi sono reso conto che era Jessy quando si è girata e ha sorriso dicendo ciao, ho sorriso di rimando ho detto ciao e ha chiesto "cosa ci fai qui? Non dovresti essere a scuola?"

"Ho parlato con mamma e papà stamattina, ed è andata abbastanza bene, in effetti... *si gira su se stessa* cosa ne pensi? Sono abbastanza femmina per la tua piccola compagnia?" Mi guardò da sopra la spalla mentre aspettava una risposta... io le risi per un momento, poi mi avvicinai velocemente e mi abbracciai ridendo e sorridendole. Ho aperto la porta e come un gentiluomo le ho permesso di entrare. Ho tolto l'annuncio dalla finestra e Jessy ha applaudito tra sé e sé e mi è corsa addosso saltando tra le mie braccia abbracciandomi forte con le mani e le gambe mentre ridevo... ci ha reso entrambi felici. L'ho baciata sulla guancia e le ho preso le gambe così non cadiamo. Mi lasciò andare in un minuto e disse "Allora, capo, quale sarà il mio primo incarico?" Risi di nuovo dicendole di mettersi a suo agio. Mi ha dato la sua giacca e l'ho messa sulla sedia. Abbiamo fatto due chiacchiere, le ho chiesto di prepararci un caffè e di guardare mentre servivo alcuni clienti. Ha fatto come le ho detto guardando da un lato mentre vendevo un libro a una vecchia signora. Ha capito subito che non era una scienza e ci siamo divertiti a lavorare insieme.

Verso le 14 ha squillato il telefono, mamma... mi sono ricordata della scorsa notte non riuscivo ancora a crederci che mamma ce l'avesse dentro... : "Ehi piccola, come va il lavoro? Hai licenziato qualcuno oggi?" Ha scherzato sapendo che Jessy l'ha sentita.

"Non ancora, mamma; ma...." mi sono fermato per un momento la mamma ha ridacchiato dall'altra parte mentre sorridevo a Jessy che aspettava di sentire cosa dire "...ho chiesto una femmina sperando di attirare più clienti maschi . Questa è abbottonata al massimo, in realtà penso che non riesca a respirare bene con quella maglietta. Anche se ha un bel culo." Jessy mi ha pugnalato con il suo sguardo tagliente mentre la mamma ha iniziato a ridere ora dall'altra parte realizzando che stavo prendendo in giro Jessy poi ho chiesto a mamma come lei e papà e come fanno affari ancora un po 'paura che jess potesse lanciarmi qualcosa mamma ha detto:

"Va bene come al solito, più che bene, papà ha trovato pochi nuovi lavoratori, si lamenta sempre dicendo che non sono bravi quanto te ma è solo lui. Ha finito di recente un nuovo progetto e per questo sta provando alcune nuove idee ,... "la mamma stava ancora parlando ma sono stato distratto da Jessy che si è mostrata arrabbiata si è avvicinata rapidamente e si è fermata a un metro di distanza di fronte a me.... ... ma lei non ha oscillato, invece si è avvicinata di nuovo a 2 piedi di distanza e mi ha guardato negli occhi con la sua faccia seria... mamma continuava a parlare, il mio sorriso svanì costantemente e i miei occhi seguivano le azioni di mia sorella... le mani fino al collo, sbottonato il primo bottone della camicia, lentamente, guardandomi negli occhi... poi un altro... e un altro ancora... mentre il mio sorriso svanì le mie sorelle scollature lentamente ma sicuramente apparvero davanti a io... mamma stava parlando ma io non stavo ascoltando no... ero praticamente senza parole quando Jessy abbassò le mani e mi chiese, con, per me, ancora sconosciuta fiducia nella sua voce

"Va meglio, capo? Mi sembra abbastanza buono per mantenere il mio lavoro, o..." Jessy mi prese in giro, si fermò brevemente mentre le sue mani raggiungevano il pulsante successivo e il mio cuore pompava il sangue così forte dove non avrebbe dovuto " ...hai bisogno di vedere di più?" Ha aspettato la mia risposta mentre fissavo gli occhi spalancati, la mamma ha smesso di parlare rendendosi conto che non la stavo ascoltando ha sentito Jessy e ha chiesto "Mike? Ci sei? Va tutto bene?" sembrava infastidita mentre fissavo Jessy e iniziavo a balbettare mentre cercavo di far funzionare la mia voce... "S-es... voglio dire..." Jess si slacciò un altro bottone il suo reggiseno stava iniziando a diventare visibile, scollato più aperto mentre dall'altra parte la mamma ha reagito "oh grazie a Dio, non spaventarmi così ...."

Poi scoppiai "No, volevo dire no!! .." Jessy mi sorrise tenendo premuto il pulsante successivo tra le dita e mi chiese "sei sicuro fratellone? Significa che il mio capo è contento delle mie capacità?" Poi ho sentito la mamma dall'altra parte "Cosa? No? C'è qualcosa che non va? State bene? Che sta succedendo Michael?" La mamma stava diventando infastidita e arrabbiata, ragionevole

Jessy mi stuzzicava con un dito che le accarezzava le labbra succhiando il suo medio accarezzandole il collo fino alla clavicola andando sempre più in basso... e più in basso...

"Mamma va tutto bene, è successo qualcosa che ti richiamerà"

ho quasi urlato al telefono, ho riattaccato la mamma e ho guardato Jessy che non sapeva cosa dire o fare, poi ho sentito la sua voce di nuovo molto sicura per i miei gusti...

"Beh, capo? Assunto? Licenziato? Impiegato del mese?"

Un altro bottone si apre quando il suo reggiseno esce, nero e rosso, belle tette grandi abbastanza grandi nascoste sotto quel pezzo di tessuto dall'aspetto caldo... faccio un passo avanti lentamente, guardando Jessy negli occhi, cambiando il mio sguardo dal suo delizioso décolleté a lei gli occhi si avvicinavano ancora di più, vedendo da dove mi trovavo i suoi polmoni che funzionavano perfettamente sotto quelle bellezze, era tesa, ha aspettato la mia reazione e quando ho allungato la mano per prendere la sua mano siamo diventati entrambi verdi quando sb è entrato nella libreria, Jessy è andata rapidamente dietro di me aggiustandosi mentre mi coprivo, salutavo il cliente e gli offriva il mio aiuto, appena lui ha comprato il libro che voleva e ha chiuso la porta Jessy si è messa a ridere a crepapelle...

Ho lasciato cadere forte il culo sulla sedia e l'ho guardata... aveva i bottoni tirati su, non del tutto ma abbastanza da permettermi di pensare con la testa giusta...

"Jessy ragazzo, sei un tale rompicoglioni" ho provato a fare una battuta, e poi il telefono ha squillato di nuovo, ho risposto mentre Jessy chiudeva la porta e mi lasciava cadere il culo stretto in grembo

Ho parlato con la mamma mentre Jessy continuava ad abbracciarmi e baciarmi

"Ciao - Michael mi dici cosa sta succedendo laggiù? - Niente mamma, davvero, va tutto bene. Solo qualche situazione specifica con alcune... persone..." mi interruppi cercando di non fare rumori strani

"...non preoccuparti mamma, alcune persone sono solo rompicoglioni - lo so piccola, dimmelo -mamma, stiamo per finirlo qui e chiudere il negozio, ci vediamo a casa - Tuo o nostro?"

La mamma mi ha preso in giro scherzosamente perché mi sono trasferito di recente come già sai, Jessie mi ha lasciato un succhiotto sul collo mentre cercavo di dare un senso alle mie parole

"Quello che è mio è tuo, mamma, e viceversa, come suona? -Awww, piccola... sembra giusto, ci vediamo a casa, ti amo, dì a Jessy che anch'io la amo" Ho guardato Jessy negli occhi "Ti ha sentito mamma, ci vediamo" ha riattaccato e io ho abbassato il telefono sulla scrivania, l'ho abbracciata intorno alla vita, l'ho sollevata e l'ho messa vicino al telefono, ho fissato direttamente il suo seno assicurandomi che non ci fossero dubbi su cosa stavo pensando... ho iniziato a giocare con i bottoni... sbottonandole la camicia, lei non mi ha fermato, quindi ho continuato... in silenzio li fissavo confezionati perfettamente nel pezzo di tessuto più bello che abbia mai visto nel mio vita... mi sono avvicinato tra le gambe di Jessy lei me le ha chiuse dietro e mentre le guardavo il reggiseno e le tette parzialmente nascoste ho sussurrato come se qualcuno potesse sentirmi "sono bellissime, Jessy" mi ha sorriso "non ti ho capito stanno crescendo... e nel migliore dei modi" aggiunsi poi si limitò a chiedere anche sussurrando "Davvero intendi questo?" Ho annuito mentre fissavo entrambi respirando pesantemente "La mamma è più grande.." ha aggiunto un po' tristemente "Ehi... fidati di me, questi sono meravigliosi" ho detto mentre li toccavo sentendo a malapena solo le sue tazze e li baciavo le sue labbra "grazie per avermele mostrate -in qualsiasi momento, capo, fratello maggiore" ha risposto velocemente sorridendo di nuovo mentre guardavo ancora le sue tette e il suo reggiseno

"quale è, capo o fratello maggiore?" le ho chiesto

"quello che ti si addice, puoi scegliere" risponde lei

"-chi può vederlo quando e dove?" chiesi abbassando la testa sul suo collo baciandole dolcemente la pelle, abbassando le labbra sul suo décolleté e sfiorandole appena la tetta sinistra con le labbra la baciai, le bastava gemere la risposta e molto forte

"BOTHMMM..."

poi mi sono fermato, le ho baciato le labbra di nuovo dicendo con calma "allora posso essere entrambi per te" ho risposto e le ho suggerito di andare a casa. Lei non era più felice di questo, e nemmeno io se devo essere onesto, ma questo gioco di presa in giro è andato un po' troppo lontano e avevo un po' paura di poter perdere o vincere, non sono sicuro di quale sarebbe stato... lo sapevamo anche noi è stata l'idea migliore, la mamma probabilmente si sarebbe preoccupata se fossimo arrivati ​​in ritardo.

Storie simili

Erotismo vampiro

Sono solo e impotente, mentre torno a casa dall'allenamento di softball una sera tardi. Sento dei passi che mi seguono, ma quando mi giro non c'è niente. Spaventato comincio a muovermi più velocemente. Sentendo ancora dei passi prendo una scorciatoia, percorrendo una strada laterale. Questa strada laterale non ha lampioni, è molto buia. Sento i passi avvicinarsi. Sono così spaventato. comincio a correre. Mi sento come se ci fosse qualcuno che mi segue. Mi sento come se si stessero avvicinando a me. Sono così spaventato, e dato che è così buio inciampo nella radice di un albero. A terra, sento qualcuno...

96 I più visti

Likes 0

In famiglia (parte 5)_(1)

Vuoi un po' di compagnia? Cam fece capolino nella doccia. La guardai con gli occhi socchiusi mentre mi tiravo indietro i capelli bagnati dagli occhi. La bella addormentata è finalmente in piedi. ho preso in giro. Fece una risatina e aprì la porta a vetri. Devi sciogliere l'asciugamano, lo sai. dissi, guardando l'asciugamano che stringeva così forte al suo corpo. Entrò e gettò l'asciugamano per terra. Era tutto pieno di vapore nella doccia, quindi non potevo vederla chiaramente, ma potevo vederla. Mamma e papà non si sono ancora alzati? Non credo. Disse e prese una bottiglia di shampoo. Perché non ti...

1.1K I più visti

Likes 0

Mother's Submission - Capitolo 12

Alex Morgan si guardò intorno nella sua stanza del dormitorio, la stanza in cui aveva trascorso gli ultimi anni. Aveva alcuni bei ricordi qui, ma ce n'era uno eccezionale. Quando il suo amico, George, lo aveva spinto a creare un profilo per l'app di appuntamenti. Era lì che aveva incontrato la donna che ora amava, che per caso era sua madre. Quando si era presentato oggi, George era stato felice di vederlo. George è stato molto meno felice di scoprire che Alex si sarebbe trasferito a casa e avrebbe completato i suoi studi online. Chi mi aiuterà quando avrò problemi con...

1.1K I più visti

Likes 0

Tocca - Capitolo 2

Tocca - Capitolo 2 Le cose sono diventate imbarazzanti rapidamente, Kelly e io avevamo appena fatto del sesso bollente insieme senza sapere davvero perché l'avessimo fatto. È stato perché sono venuto su di lei e lei non voleva fermarmi? Ma poi stava partecipando altrettanto... non riuscivo a metterlo insieme. Abbiamo provato a parlarci subito dopo, ma entrambi ci sentivamo strani l'uno con l'altro, ecco perché non ci ho mai provato prima, sapevo che questo avrebbe rovinato la nostra amicizia. Ho cercato di uscire da lì il più velocemente possibile senza cercare di sembrare un completo idiota. Non ero il tipo da...

1K I più visti

Likes 0

Prima volta_(3)

Era la primavera del '99 e frequentavo l'ultimo anno delle superiori, avevo appena compiuto diciotto anni. Ero nella squadra di pallavolo, fisicamente in forma e pronto a sfidare il mondo. Avevamo appena vinto la nostra prima partita e dopo un discorso di incoraggiamento di coach Azzerelli, ci ha mandato alle docce. Mi ero spesso eccitato quando ero sotto la doccia dopo l'allenamento mentre guardavo gli altri fare la doccia. Li fissavo mentre tenevo la testa sotto il getto d'acqua, quindi non era ovvio. O così ho pensato. Uno degli chic della mia squadra era piuttosto figo, ma non sembrava mai avere...

649 I più visti

Likes 0

Fare da mentore a Brandon 2

MENTRE BRANDON Di Bob Capitolo 2: Il mio sogno diventa realtà! Bussano alla porta: FINALMENTE! Il mio cuore batteva da un po' di tempo e ora non c'era niente di diverso. Ho iniziato a camminare per aprire la porta quando Dave è saltato fuori dalla sua cuccetta ed è corso verso di me. Quando ha aperto la porta, ho visto Brandon in piedi nel corridoio. Ehi Dave. Che c'è? risuonò la voce che stavo aspettando. Non molto ragazzo, sto solo facendo un po' di cazzate per la storia, fu la risposta di Dave. Sì, senti. In realtà ho bisogno di parlare...

195 I più visti

Likes 0

La vita di un playboy capitolo 10

CAPITOLO 10 Non sono durato a lungo sul mercato aperto una volta che la scuola è ricominciata. Letteralmente, il mio primo giorno di ritorno nell'area accademica sono stato proposto cinque volte da diverse ragazze molto carine. Ero un uomo grande nel campus, con una buona reputazione dopo essere andato a letto più della mia giusta quota di belle donne. Mentre molti erano rimasti lontani da me per paura della mia ragazza Ice Queen, ora che Kaia se n'era andata ero di nuovo un gioco leale. Ma anche il mio tempo con Kaia mi aveva viziato. Avevo una splendida ragazza bisessuale che...

165 I più visti

Likes 0

Non più una fantasia

La spogliarellista ha aperto le gambe proprio davanti alla mia faccia e nel bagliore del club squallido ho potuto distinguere un po' di succo all'ingresso della sua figa. Avrei voluto che si stesse diffondendo per me, ma stava guardando il grande tipo di operaio edile accanto a me. Era una serata amatoriale allo strip club locale e il ragazzo che le faceva gocciolare la figa era uno dei giudici del pubblico. Sono rimasto in giro per la ragazza successiva ma ero così eccitato che non ce la facevo più. Mi diressi verso il bar con la mano in tasca cercando di...

147 I più visti

Likes 0

Scoprire che sono gay parte 3

Quindi pochi giorni dopo, dopo aver rotto con Lizzy, mi stavo abituando all'idea di essere di nuovo single. Quando ero al college a lezione con McKenzie, ha iniziato a sedersi accanto a me e ha detto Tu e Lizzy vi siete lasciati perché vi ho baciato? Ho guardato McKenzie e ho detto No, il motivo per cui io e Lizzy ci siamo lasciati è perché mi piaceva baciarti. Dopo aver detto che mi sono alzato dal mio posto, ho preso la borsa e sono andato a uscire dalla lezione mentre camminavo, il mio insegnante mi ha detto E dove pensi di...

981 I più visti

Likes 0

Caduta celeste - Capitolo 5-6

Capitolo Cinque Estratti dal passato Immortalità: idea abbagliante! Chi ti ha immaginato per primo! Era forse qualche allegro borghese di Norimberga, che con il berretto da notte in testa e la pipa di terracotta in bocca, sedeva in una piacevole sera d'estate davanti alla sua porta, e rifletteva in tutta la sua comodità che sarebbe stato piacevole se, con pipa inestinguibile, e respiro infinito, poteva così vegetare innanzi per una beata eternità? O era un amante, che tra le braccia della sua amata, pensava il pensiero dell'immortalità, e questo perché non poteva pensare e sentire nulla accanto!... Amore! Immortalità! Heinrich Heine...

714 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.