Quindi quest'uomo mi ha chiesto di uscire Pt. 6

797Report
Quindi quest'uomo mi ha chiesto di uscire Pt. 6

Quindi quest'uomo mi ha chiesto di uscire

di Vanessa Evans

Parte 6

Abbiamo continuato a camminare e siamo arrivati ​​al punto in cui eravamo scesi dal tour bus e abbiamo aspettato il prossimo. Quando arrivò John salì per primo e mi condusse su per le scale. Ci trovavamo di fronte ad alcuni turisti giapponesi e loro ci seguirono su per le scale. Non riuscivo a vedere cosa impedisse a John di uscire dalle scale, ma sono rimasto dietro e sotto di lui per alcuni secondi ed ero sicuro di aver sentito lo scatto di una macchina fotografica un paio di volte e mi sono chiesto se il giapponese dietro di me stesse scattando fotografie del mio sedere e della mia figa da dietro e sotto di me e ho sentito un piccolo flusso umido nella mia figa mentre aspettavo che John si muovesse.

Il resto della giornata è stato occupato scendendo dall'autobus per guardare un'attrazione e poi salire su un altro autobus turistico per proseguire. Sono sicuro che alcune persone devono essere sembrate il mio sedere, la mia figa e le mie tette mentre mi muovevo, ma non prestavo attenzione alle altre persone, solo a John che continuava a tenermi la mano o ad abbracciarmi. Penso che quest'ultima sia stata una dimostrazione d'affetto, ma poteva anche essere che volesse alzare un po' l'orlo del mio vestito.

Quando l'autobus turistico è tornato al punto di partenza, siamo scesi e siamo tornati in hotel dove John mi ha tolto il vestito in ascensore e ho dovuto camminare lungo il corridoio fino alla nostra stanza chiedendomi se qualcuno sarebbe uscito dalla loro stanza e Guardami. Non l'hanno fatto.

John mi ha detto che avevamo un paio d'ore prima di dover uscire la sera, quindi ha ordinato degli snack e del caffè al servizio in camera e io mi sono offerta volontaria per farli entrare quando sono arrivati. Ero nudo, non mi ero preso la briga di mettermi niente quando siamo entrati nella stanza. Stavamo guardando fuori dalla finestra, John era in piedi accanto e dietro di me e mi teneva in mano una delle tette quando suonò il campanello e il ragazzo portò il vassoio comportandosi come se fossi completamente vestito. John in seguito mi ha detto che quei ragazzi devono vedere ragazze nude tutto il tempo, quindi vedermi non è stato un grosso problema per lui.

Quando è arrivato il momento di prepararsi per uscire ho chiesto a John quale vestito avrei dovuto indossare e lui ha scelto uno dei miei alla caviglia.

"Andiamo in un posto elegante, vero?" Ho chiesto.

“Il teatro poi in un ristorante.” Giovanni ha risposto.

"Non sono mai stato a teatro prima."

"Beh, voglio mostrarti a tutti i frequentatori di teatro snob."

"Non sono solo i ficcanaso che vanno a teatro a Londra, vero John?"

"No, ma ce ne saranno alcuni e voglio che ti vedano con quel vestito."

Mi sono preparata, poi ho indossato il vestito e mi è stato subito ricordato che chiunque mi avesse guardato sarebbe stato in grado di dire che non avevo niente sotto. È senza schienale e la parte anteriore va da spalline intorno al collo che si assottigliano a triangoli che mi coprono a malapena le tette, poi continuano a scendere diventando un po' più larghe fino a incontrarsi alla cintura molto stretta. Non indossavo una collana ma indossavo la mia catena più pesante per i capezzoli, era visibile tra le mie tette ed era evidente dove era attaccata.

La parte della gonna è composta da due strisce di stoffa che vanno dalla vita alle caviglie. Il pannello posteriore è di gran lunga il più largo che va da ogni lato proprio davanti ai miei fianchi. Il pannello frontale è abbastanza largo da incontrare il pannello posteriore in vita e ha un enorme spacco nella parte anteriore che va dalle mie caviglie al mio pube. Quando sto sul davanzale sembro quasi coperto, ma quando cammino le mie gambe sono esposte fino al pube.

E per quanto riguarda lo spessore e il peso del tessuto, sono rimasto stupito dalla tecnologia per rendere il tessuto così sottile, leggero e velato. Potevo vedere chiaramente sia la forma che il colore dei miei capezzoli, le areole, i piercing e la catena che univa i miei due capezzoli..

"Sarà divertente." dissi quando mi guardai allo specchio.

Mi voltai e vidi che John si stava mettendo giacca e papillon. Sembrava molto intelligente.

Mentre stavamo camminando lungo il corridoio ho detto,

"John, mi sento come se non avessi niente addosso."

"Bene, stai benissimo Jade, mi fai sentire davvero orgoglioso."

"E ti amo anche io. Pensi che avremo un problema con me in questo modo?

"No, non vedo perché, non è che scopiamo a teatro ma ci sono alcuni posti a Londra dove potremmo scopare su un palco, ti va di andare in uno di quelli?"

"Vuoi dire che io e te scopiamo su un palco con un sacco di gente che ci guarda?"

"Sì. Sarebbe davvero bello, vero?

"Non ne sono così sicuro, una cosa è che le persone mi vedono tutta, ma vedendomi fotterti, dovrò pensarci."

"Potremmo iniziare in piccolo con te che ti masturbi mentre la gente guarda."

"Potrei farlo io."

"Speravo che lo dicessi perché ho dei piani per te dopo che avrai fatto il tuo rimodellamento."

"Sto cercando di non pensarci, voglio dire, voglio che lo faccia ma non voglio tutto il dolore."

"Ehi, non sentirai nulla finché l'anestetico non sarà svanito, poi continueremo a controllarlo con il paracetamolo, starai bene, fidati di me."

"Sì, è per questo che sono qui."

Andare al taxi mi ha fatto davvero sentire nuda, c'era una leggera brezza e il vestito svolazzava dappertutto e nel taxi la mano di John ha giocato con la mia clitoride portandomi al punto in cui sarei felicemente uscito dal taxi completamente nudo.

A teatro ho visto parecchie persone che mi guardavano e John ha detto che tutte le donne che guardavano erano gelose di me e che gli uomini che guardavano si chiedevano come sarebbe stato fottermi il cervello.

Non sono mai stato un grande fan delle produzioni teatrali, ma questo spettacolo andava bene anche se John mi ha aiutato a tenere la sua mano tra le gambe per la maggior parte del tempo, io felice di aver infilato alcuni fazzoletti tra la mia figa e il vestito per assorbire ciò che sapevo sarebbe fuoriuscito da me.

Mi sentivo bene mentre lasciavamo il teatro e se le luci della strada fossero state molto più luminose sono sicuro che chiunque camminasse verso di noi sarebbe stato in grado di vedere la mia fessura mentre i ciuffi di tessuto sottile e leggero fluttuavano dietro di me mentre camminavamo verso un altro ristorante dall'aspetto molto carino.

Un grande portiere ci ha aperto la porta e siamo stati accolti dal maître che ho visto mi stava guardando il petto. Mi chiedevo se la parte superiore del vestito fosse scivolata via da uno dei miei seni e non l'avevo notato perché il tessuto era così leggero e sottile, ma non ho abbassato lo sguardo. Se una tetta mostrava, allora mostrava.

Quando siamo arrivati ​​al nostro tavolo ho fatto due cose, in primo luogo ho chiesto al maître d' un altro tovagliolo senza dirgli che volevo metterlo sotto la mia figa che perdeva, e in secondo luogo ho controllato il mio petto e ho visto che non era scappata nessuna tetta ma il più fresco l'aria fuori aveva reso i miei capezzoli molto duri e le piccole tende erano grandi come non le avevo mai viste.

Il pasto era buono come quello della sera prima, tranne per il fatto che non avevo un vibratore dentro di me con cui John potesse giocare, anche se ho visto il cameriere del vino che guardava il mio pube nudo e la parte anteriore della mia fessura quando era rabboccare il mio drink.

La corsa in taxi per tornare all'hotel è stata tranquilla, ma il portiere dell'hotel deve aver visto la mia fessura mentre entravo in albergo con il vestito che fluttuava dietro di me.

È stata un'altra notte di passione sfrenata con le tende aperte e le luci accese con me che mi chiedevo solo se qualcuno ci stesse guardando.

*****

Ho fatto buon uso del bosco mattutino di John cavalcandolo fino a quando non si è svegliato e lui mi ha fatto facilmente promettere di farglielo ogni volta che mi svegliavo prima di lui. Era un'altra colazione del servizio in camera con me nuda che apriva la porta al ragazzo. Dopo una rapida occhiata il ragazzo ignorò la mia nudità e mentre mangiavamo io e John discutemmo della mancanza di interesse del ragazzo per il mio corpo nudo. Entrambi abbiamo avuto molti suggerimenti, incluso uno in cui John ha suggerito che c'erano telecamere nascoste in ogni stanza e che il personale le stava monitorando tutto il tempo, quindi dovevano aver visto migliaia di donne nude. John rabbrividì al pensiero di vedere una donna ottantenne nuda.

Quella conversazione mi ha fatto ricordare che John aveva detto che avremmo potuto realizzare alcuni film porno fatti in casa da caricare su siti porno. Quando gliel'ho detto, ha detto che procurarsi una buona macchina fotografica era ora in cima alla sua lista di cose da fare quel giorno. Beh, non proprio in cima alla lista, il numero due, ma dato che aveva già fatto il numero uno, fottendomi, si potrebbe dire che era in cima alla lista.

Ho scelto un altro vestito semitrasparente e ultra corto da indossare quel giorno. A parte la macchina fotografica, non c'era nulla di pianificato e sarebbe stata una giornata pigra in cui girovagare e fare qualsiasi cosa ci venisse in mente. Poiché John voleva una macchina fotografica, abbiamo deciso di prendere di nuovo un taxi per Oxford Street. Sapevo che chiunque dietro di me sarebbe stato in grado di vedere il mio sedere nudo quando fossi salito sul taxi, ma non mi importava. John ha di nuovo avuto la sua mano tra le mie gambe stuzzicandomi la clitoride per tutto il breve viaggio e mi sono chiesta di nuovo se i taxi londinesi avessero telecamere sul retro.

Non ci è voluto molto per trovare un negozio di macchine fotografiche e John ha passato anni a guardare diverse fotocamere e discutere i pro e i contro di ognuna con il venditore, sembrava davvero che sapesse di cosa stava parlando. Un paio di volte l'ho visto puntare una telecamera verso di me e ogni volta che l'ho fatto gli ho tirato fuori la lingua dubitando che ci fosse una scheda di memoria nella telecamera.

Quando finalmente abbiamo lasciato il negozio, John era contento della sua nuova macchina fotografica, dicendomi che non vedeva l'ora di iniziare a fotografarmi. Abbiamo vagato per molte strade solo guardando tutto. Entrambi abbiamo deciso che non ci sarebbe piaciuto vivere nel centro di Londra.

Ci siamo imbattuti in un bar e ne abbiamo preso uno ciascuno, per andare, e abbiamo continuato a camminare. Quando siamo arrivati ​​alla National Gallery abbiamo salito i gradini senza l'intenzione di entrare, solo per avere una vista migliore sull'area circostante. Ci siamo seduti in cima ai gradini e stavamo parlando di quello che potevamo vedere quando John ha detto che aveva un'idea. Ha tirato fuori la sua nuova macchina fotografica ed è sceso in fondo ai gradini per scattarmi alcune foto mentre sedevo con i piedi sul gradino sotto di me.

È stato solo dopo che ne ha scattate un paio e ha unito le mani e poi le ha aperte a forma di "V" che ho capito che mi stava scattando delle foto sotto la gonna e quando ho guardato in basso ho capito che tutta la mia figa era addosso display dalla giusta angolazione e anche direttamente sui gradini. Voleva che aprissi un po' di più le gambe, quindi ho deciso di giocare un po' con lui, spostando i piedi in diverse posizioni e aprendo e chiudendo le ginocchia mentre cercava di inquadrare al meglio la mia figa.

Mi ero concentrato a prendere in giro John e a non prestare alcuna attenzione alle altre persone intorno quando mi sono reso conto che c'era un altro uomo con una macchina fotografica in piedi accanto a John e che scattava anche foto di me, e stava parlando con John. Mi chiedevo se stessero parlando di me che mi espongo. All'inizio era stato accidentale, ma una volta capito che in realtà era piuttosto eccitante.

Mentre ancora prendevo in giro John e l'altro uomo, ho guardato le altre persone sedute sui gradini e ho visto che anche un paio di giovani stavano guardando la mia figa. Quel prurito immaginario vicino al mio clitoride è iniziato all'improvviso, quindi ho dovuto solo grattarlo solo per stuzzicare ancora un po' i miei guardoni.

Tutto sommato, ho avuto circa cinque minuti buoni prima che John tornasse e si sedesse accanto a me, lasciando le ginocchia e i piedi leggermente divaricati per dare quel display "accidentale", non consapevole per altri guardoni. Mentre scorrevamo le foto sullo schermo della fotocamera, potevo vedere chiaramente le mie labbra. Anche John stava guardando e quando ha visto la prima inquadratura che mostrava le mie labbra, le ha ingrandite e ha detto:

"Quelli saranno spariti domani a quest'ora, è un buon lavoro che ho preso la fotocamera oggi in modo da poter avere le immagini prima e dopo."

"Sì", risposi, "mi chiedo come sarò".

«Come facevi quando avevi circa dieci anni di meno.» Giovanni ha risposto.

“Penso che mi piacerà, non mi sono mai abituata ai miei lembi e ho sempre pensato che quando la mia figa diventava tutta carnosa era solo grassa e che stavo mangiando troppo”.

"Beh, non che tu abbia bisogno di perdere peso, ma domani ne perderai un po'."

"Spero che guarisca in fretta, avrò veri sintomi di astinenza senza che il tuo cazzo mi scopi."

"Non ci vorrà molto, ma sarò ancora in grado di scoparti la faccia."

"Bene."

Abbiamo finito di guardare le foto che John aveva scattato, e poi i nostri caffè si sono alzati in piedi e sono scesi sul marciapiede. Mentre scendevo, guardavo le persone che avevo visto guardare la mia figa. Uno sorrideva e mi guardava ancora e un altro arrossì davvero quando ci guardammo negli occhi. Gli ho sorriso.

Da lì abbiamo vagato ancora un po' e ci siamo imbattuti nell'Hard Rock Cafe.

"Mi sono sempre chiesto come fossero questi posti." John ha detto, andiamo a vedere e pranziamo.

L'abbiamo fatto e anche se il cibo era buono, John non è rimasto molto colpito,

"Non è all'altezza di tutto il clamore." Egli ha detto.

Da lì siamo scesi un po' lungo la strada fino a Hyde Park per allontanarci da tutto il rumore per un po'. Non mi ero reso conto che fosse così grande. Andammo a fare un giro sul SolarShuttle e nel mio vestito ultra corto con me che non incrociavo le gambe ero sicuro che gli uomini seduti di fronte a me potessero vedere la mia fessura e il mio pube calvo ma non mi importava, mi stavo godendo la relativa quiete mentre scivolammo attraverso il Serpentine Lake con John che mi teneva la mano. Quando ci siamo seduti quasi mi aspettavo che mi mettesse un braccio intorno alle spalle e che la sua mano si abbassasse e mi stringesse una delle tette, ma per qualche motivo non l'ha fatto, forse è stato a causa dei ragazzini che erano in giro. barca.

Dopo la gita in barca John decise che sarebbe stato bello sdraiarsi sull'erba e godersi il sole per un po'. Ha scelto una bella zona erbosa vicino a un sentiero trafficato e mi sono sdraiato con i piedi rivolti verso il sentiero. All'inizio John si è sdraiato accanto a me e abbiamo solo parlato e ci siamo goduti il ​​sole. Dopo un po' John si alzò sui gomiti per guardarsi intorno e un minuto dopo disse:

"Jade, ti rendi conto che con le gambe non incrociate e con quel vestito le persone possono vedere la tua figa?"

“Non ci avevo davvero pensato ma immagino che tu abbia ragione, pensi che molti passanti l'abbiano visto?”

"Non ne ho idea."

"Devo aprire un po' di più le gambe?"

“Se vuoi, ma non troppo lontano, altrimenti la gente si accorgerà che lo stai facendo apposta”.

"Hmm, sì, immagino che in un posto come questo non voglio che sia altro che un incidente, anche se il sole mi fa sentire bene sulla figa."

“Per quanto vorrei che tu fossi completamente nudo in questo momento, sono sicuro che non ce la faremo a farla franca a lungo. Qualche miserabile è tenuto a telefonare alla polizia. Ma pensa, con te che devi prendertela comoda per una settimana o due puoi sdraiarti su un lettino nel retro della casa e goderti il ​​sole lì.

"Questo è se non piove, sai com'è il clima inglese."

“Ho ordinato due settimane di sole splendente solo per te, Jade. Ehi, ti va un gelato? Sono sicuro che li hanno venduti in quel bar laggiù.

"Sarebbe carino, poi potremmo tornare qui e stenderci di nuovo."

“No, tu resta lì Jade, vado a prenderli.”

Mentre giacevo lì da solo ho pensato a quanto fossi fortunato, a come la mia vita fosse cambiata dall'avere solo un lavoro noioso, vivere da solo e masturbarmi ogni pochi giorni, ad avere un lavoro ben pagato che finora ha comportato il non fare nulla , a vivere in una casa fantastica, ad avere un fidanzato che mi scopa in media quattro volte al giorno ea diventare un'esibizionista, una ninfomane nudista che vuole sempre il cazzo di John dentro di me. La vita non potrebbe andare meglio.



Ho sentito quello che sembrava almeno un paio di giovani che parlavano, ma non ho aperto gli occhi per guardare. Le voci si sono fatte più forti e ho iniziato a capire cosa dicevano e parlavano di me. Stavano parlando della mia fica e di cosa avrebbero voluto farne, cioè bagnarmi tutta la fica, qualcosa che uno dei giovani ha commentato.

Poi si sono zittiti così dopo pochi secondi ho aperto gli occhi e mi sono alzato sui gomiti e ho visto i tre giovani allontanarsi velocemente. Poi ho visto John avvicinarsi a me dall'altra parte. Tanto per stuzzicarlo un po' ho spalancato le gambe finché non è arrivato proprio accanto a me.

"Fai affari, piccola sgualdrina." John ha detto: "Quanto fai pagare?"

Lo guardai e risposi.

"Per un solo gelato TU puoi fare quello che vuoi al mio corpo per i prossimi cento anni."

"Questo è un affare signorina, ecco il tuo gelato e quando hai finito ho una stanza d'albergo dove posso portarti e fotterti il ​​cervello."

"Questo è un buon affare signore, avrò finito il mio gelato in circa cinque minuti poi sono tutto tuo per fare quello che vuoi con il mio corpo."

John sorrise e si sedette accanto a me.

"Quindi ti sono piaciuti quei giovanotti che guardano la tua figa Jade?"

“All'inizio non sapevo che lo fossero. È stato solo quando uno di loro ha detto ai suoi amici di guardare la mia figa bagnata che ho capito che mi sono bagnata di più.

"Deve essere bello essere una ragazza e avere la maggior parte del sesso opposto che brama il tuo corpo."

"Beh, di certo non mi lamento."

"Sai che potresti usare il tuo fascino e il tuo corpo nudo per ottenere quello che vuoi, vero?"

"Adesso sì, ma ho già tutto ciò che vorrei seduto proprio accanto a me."

“Lei sa dire bene anche lei signorina, dai, torniamo in albergo a divertirci un po' poi stasera ceniamo al ristorante dell'albergo. Allora sarà notte fonda, dobbiamo essere dal chirurgo alle 9 del mattino.

«Non ricordarmelo. Sono ancora nervoso per questo.

"Tra una settimana ti guarderai allo specchio e amerai ciò che vedi, so che lo farò."

Abbiamo fatto proprio quello che ha detto John e nessuno nel ristorante dell'hotel ha battuto ciglio per il mio vestito semitrasparente, né per l'antenna rosa che spuntava sotto l'orlo. John mi ha preso in giro per tutto il pasto e sono sicuro che i camerieri devono aver pensato che fossi un malato mentale evaso. Ma John mi stava facendo arrabbiare ancora e ancora. Anche quando mi ha portato sopra le righe, ha iniziato a guadagnare. Ho visto parecchie persone entrare nel ristorante dopo di noi e andarsene prima di noi.

Ancora una volta il mio vestito si è tolto non appena siamo saliti in ascensore e ho dimenticato tutto il giorno successivo fino a quando John non mi ha svegliato con il suo cazzo che scivolava dentro e fuori di me e io vengo e poi mi rilasso.

*****

Il piano era di prendere un taxi per Harley Street, portare a termine gli affari, poi un taxi per tornare in albergo per prendere l'auto per tornare a casa.

Quando siamo arrivati, sono arrivate anche altre due donne, una sola e l'altra con un partner maschio e mi sono chiesta a quante procedure facesse il chirurgo ogni giorno, a quante fighe avesse cambiato l'aspetto.

La centralinista è stata la prima a farmi rilassare offrendoci un caffè e dicendomi che il chirurgo aveva fatto migliaia di interventi simili e non aveva mai avuto un disturbo. Ho avuto questa stupida visione di un enorme mucchio di piccole labbra femminili tagliate e uomini che lottano per giocare con loro.

Siamo stati condotti in una piccola sala d'attesa, poi un paio di minuti dopo siamo stati condotti nello studio del chirurgo. Il chirurgo era davvero un ragazzo simpatico e amichevole, abbastanza grande da essere mio padre. Dopo un po' di chiacchiere amichevoli si mise al lavoro,

"Va bene, signora Peterson, ti ho preso per una labioplastica, una hoodectomia e una procedura di monplastica, è corretto?"

Giovanni interruppe e disse:

"Sarebbe possibile inserire anche uno IUD ormonale?"

“È del tutto possibile, ma ho bisogno di sentire il consenso della signora Peterson, ho anche bisogno che lei firmi i moduli di consenso. Sono queste le procedure che vuole che esegua, signora Peterson?"

"Potrebbero esserlo se sapessi cosa sono, potresti spiegarli ognuno nella lingua dei profani per favore?"

"Certo, una labioplastica è un intervento chirurgico per ridurre le dimensioni delle piccole labbra, ho bisogno di sapere quanto vuoi rimuovere."

"Tutto." Ho risposto.

"Va bene, una hoodectomia è un intervento chirurgico di riduzione del cappuccio del clitoride, quanto vorresti rimuovere?"

"Voglio che il mio clitoride sia sempre visibile."

"Questo può essere fatto, ma devo avvertirti che avere il tuo clitoride esposto tutto il tempo può portarti ad essere costantemente eccitato sessualmente."

"Questo è quello che voglio."

"Abbastanza giusto, Monsplasty è una procedura chirurgica che rimuove il tessuto adiposo in eccesso e la pelle cascante dal tuo mons pubis e dalle grandi labbra, è quello che vuoi?"

"Sì, odio essere in grado di afferrare le mani piene di ciccia grassa sul mio pube e sulle mie labbra, le rivoglio dove erano dieci anni fa."

"Questa procedura normalmente non include le grandi labbra ma non c'è motivo per cui non possa essere eseguita, se è quello che vuoi?"

"È."

“Va bene, finalmente uno IUD ormonale è un piccolo dispositivo contraccettivo inserito nel tuo utero. La maggior parte delle donne non lo sente e spesso dimentica che è lì. Il tipo che io consiglierei è un contraccettivo efficace per una decina di anni poi va tolto e se lo si desidera ne viene inserito un altro. C'è tuttavia un probabile effetto collaterale che potrebbe piacerti o meno. La maggior parte delle donne con una montatura smette di avere il ciclo, se ciò dovesse accadere sarebbe un problema per te, Jade?

"Ricomincerebbero e sarei ancora in grado di rimanere incinta quando è stato rimosso?"

"Assolutamente Giada."

Ho guardato verso John e ho detto,

"No, non voglio rimanere incinta, ne discuteremo quando lo IUD dovrà essere sostituito."

Giovanni sorrise.

"Allora, signora Peterson, sono queste le procedure di cui ha bisogno?"

"Sì."

"Bene, solo un'altra cosa da discutere ed è l'anestesia, puoi scegliere tra locale o generale, la maggior parte delle donne opta per quella locale, con il vantaggio che puoi andartene molto più velocemente."

Ho guardato John e poi ho detto:

"Beh, se la maggior parte delle donne opta per il locale, allora lo farò anch'io."

“Eccellente, prima di iniziare ho bisogno di farti una visita ginecologica completa per assicurarmi che tu sia in buona salute e adatta a queste procedure. Posso chiederti di andare dietro lo schermo laggiù, toglierti tutti i vestiti e metterli nel cesto, puoi metterti il ​​camice medico se vuoi poi vieni a salire sul lettino. Vuoi che il tuo partner se ne vada ora, abbiamo una sala d'attesa?"

"John può stare con me per favore?"

«Certo, ma non in sala operatoria.»

Sono andato dietro lo schermo e mi sono tolto il vestito e le scarpe, ma non mi sono preoccupato dell'abito. Non ho capito il punto perché l'uomo avrebbe visto e messo le mani su tutte le parti buone del mio corpo molto presto e pochi secondi dopo stavo aspettando di essere esaminato. Il chirurgo mi ha fatto un esame molto simile a quando sono andato dal mio medico di base per chiedere di prendere la pillola tranne che alla fine il chirurgo ha giocato con il mio clitoride facendomi avere un orgasmo. Mentre lo faceva disse:

"Devo solo assicurarmi che tutto funzioni normalmente prima di iniziare le procedure."

Ho guardato John mentre il mio orgasmo stava diminuendo e ho visto che stava sorridendo e ho pensato,

"A John piace vedere altre persone che mi fanno venire, vero?"

Mentre mi riprendevo dal mio sballo, dissi,

"Quindi funzioni normalmente?"

“Sì, signora Peterson, lo fa. La tua sensibilità è probabilmente un po' più grande della donna media, ma sono sicuro che questo renderà la vita un po' più piacevole per te. Ora, se vuoi andare ad aspettare nella nostra sala d'attesa, verrai chiamato quando saremo pronti per te.

Sono andato a prendere il cesto con dentro il mio vestito, le scarpe e il camice medico e io e John abbiamo lasciato la stanza. John mi ha tolto il cestino in modo che non dovessi portarlo. Mentre percorrevamo la breve distanza dalla sala d'attesa, John disse:

"E non hai nemmeno messo il camice medico su Jade, sei diventato un vero esibizionista."

Ci ho pensato e ho dovuto essere d'accordo con lui. Mentre seguivo John nella sala d'attesa vidi altre tre donne e due uomini. Una delle donne indossava solo un camice medico, ma tutti gli altri erano in abiti civili. Il mio recente orgasmo e quello che John aveva detto mi hanno fatto sentire felice di non essermi preoccupato del vestito e ho sentito la mia figa iniziare a formicolare.

Tutte e cinque le persone in quella stanza mi fissarono mentre mi sedevo su una delle sedie, John seduto accanto a me. Non accavallavo le gambe come fa la maggior parte delle donne, infatti mi sedevo con le ginocchia divaricate senza fare alcuno sforzo cosciente per farlo. Dopo pochi secondi John sussurrò,

«Quelle tre donne si stanno chiedendo se anche loro dovranno aspettare qui nude.»

Ho riso un po' ma non ho detto niente".

Passarono dieci minuti buoni prima che venissi chiamato e in quel momento entrarono altre due giovani donne con uomini al seguito. Stava iniziando a diventare un po' affollato lì dentro e io ero l'unico nudo lì dentro. Prima che venissi chiamata, è stata chiamata un'altra giovane donna e lei ha lasciato il suo partner maschio da sola, ma per tutto il tempo prima che venissi chiamata l'uomo mi fissava.

I miei capezzoli erano duri come la roccia e formicolavano, la mia figa perdeva un po' e il mio clitoride era fuori e formicolava. Quando ho pensato al mio clitoride ho pensato,

"Beh, non sarai in grado di nasconderti ancora per molto, sarai là fuori per essere visto da tutti tutto il tempo."

Mi chiedevo se ci fosse qualche droga o qualcosa che lo rendesse sempre gonfio e duro, qualcosa come il viagra per le donne. Ho preso nota mentalmente di parlarne con John perché ero sicuro che gli sarebbe piaciuta l'idea.

«La signora Jade Peterson.» Ho sentito dire alla giovane receptionist.

Ero un po' sorpreso perché stavo ancora pensando a come mantenere il mio clitoride gonfio e duro tutto il tempo.

"Oh, sì, sono io." dissi e mi alzai.

Mi voltai a guardare John e lui pronunciò le parole,

"Ti amo."

Mi ha stretto la mano e ho iniziato a camminare verso l'addetto alla reception che si è comportato come se fosse un evento quotidiano per le ragazze camminare per il posto completamente nude. Sono stato condotto in una stanza dall'aspetto molto bianco e sterile con un tavolo medico, simile a quello che John ha comprato per me, alcuni tavolini con strumenti sopra, una collezione di piccole macchine con monitor attaccati e tre persone lì dentro. Riconobbi il chirurgo ma non l'altro uomo né la donna.

“Rilassati signora Peterson, non farà male e prima che tu te ne accorga te ne andrai da qui. Posso chiamarti Giada? La signora Peterson sembra così formale, puoi chiamarmi Donald.

"Certo Paperino".

“Va bene Giada. Sali sul tavolo e Mary ti attaccherà un paio di cose alle tue braccia e ti farà un paio di iniezioni intorno alla tua vulva, ti sembreranno solo piccole punture. Puoi sollevare le gambe nelle staffe per me, per favore? Il lavoro di Trevor è facile, tutto ciò che deve fare è monitorare i tuoi parametri vitali che dovrebbero rimanere costanti o forse mostrarci che ti stai rilassando di più non appena ti rendi conto che non puoi sentire nulla.

Ho sollevato le gambe sulle staffe e le ho sentite allargarsi così tanto che ero sicuro che avrebbero potuto vedere che ero bagnato dopo essere stato eccitato nella sala d'attesa. Ho visto Mary passare tra le mie gambe poi ho sentito le dita su una delle mie labbra labbra poi una piccola puntura, poi lo stesso sull'altro labbro labbra poi niente. Sorrisi tra me mentre pensavo che avrebbero potuto convincere cinquanta uomini a farmi una gangbang in quel momento e non avrei sentito niente, poi ho pensato che non sarei stato in grado di venire quindi la gangbang era inutile .

"Allora, da dove vieni Jade?" chiese Donald.

Quello fu l'inizio di una conversazione che andò avanti per quello che sembrò un paio d'ore, ed erano tutte chiacchiere inutili. Mi sono subito reso conto che era tutto per distrarmi da quello che Donald mi stava facendo, niente di cui potevo vedere, il che probabilmente era una buona cosa. Non direi che sono schizzinosa ma una ragazza che si guarda la figa mentre viene tagliata probabilmente non è una buona idea, certamente non per me, non so cosa avrei fatto se avessi potuto vedere. Arrivai rapidamente al punto in cui mi guardavo intorno per la stanza in cerca di qualcosa che mi distraesse, ma tutto quello che c'era erano Mary e Trevor che camminavano facendo chissà cosa.

Poi è stato Donald a dire:

“Ecco a te Jade, tutto finito, ti suggerisco di cercare di evitare di guardarti per qualche giorno perché l'intera zona sarà un grosso livido e sebbene i punti siano il mio lavoro migliore, potrebbero solo allarmarti un po'. Non preoccuparti dei punti, si dissolveranno e cadranno in pochi giorni.

Ho visto Trevor lasciare la stanza e Mary staccare quello che mi aveva messo addosso, poi ha detto:

“Vado a prenderti i vestiti” e anche lei è scomparsa.

“Giusto Jade, dopo la cura, quando fai il bagno o la doccia niente sfregamenti, sapone o asciugamano, solo carezze delicate. L'anestetico comincerà a svanire in circa un'ora, l'addetto alla reception ti darà un po' di paracetamolo per alleviare il dolore, segui le istruzioni sulla scatola poi ti suggerisco che il tuo partner ne compri dell'altro per durare qualche giorno. Se dopo una settimana, per qualche motivo sconosciuto, pensi di non star guarendo come ti aspetteresti, per favore telefonami. E non andare a cavallo o in bicicletta finché non credi di essere guarito al cento per cento, certamente non oggi pomeriggio o domani.

"Ah, non hai niente di cui preoccuparti su questo punto." Ho risposto.

"Sono sicuro che sarai soddisfatta dei risultati Jade, sembravi dieci anni più giovane anche se stesa sul tavolo."

“Grazie Paperino.” Riuscii appena a dire prima che Mary tornasse con i miei vestiti.

Paperino se ne andò e Mary mi porse il mio vestito che mi infilai, poi mi disse di lasciarle mettere le scarpe dicendo:

"Nessun movimento improvviso o allungamento delle gambe, in nessuna direzione, solo una camminata lenta e delicata finché le cose non iniziano a guarire."

“Sì Maria.”

Con le mie scarpe Mary mi guidò lentamente alla reception dove John stava aspettando con un grande sorriso sul volto.

"Va bene?" chiese Giovanni.

"Penso di sì, sono ancora del tutto insensibile laggiù."

"Va bene se stai lì per un paio di minuti mentre mi sistemo?"

“Certo, mi sento bene, bene finché l'anestetico non svanisce. Hai il paracetamolo?"

"Loro sono qui." Disse la receptionist mentre consegnava la scatola e il conto a John.

Un paio di minuti John mi stava lentamente accompagnando fuori dalla porta principale e verso un taxi in attesa.

"Allora com'era?" chiese Giovanni.

"Non lo so, non l'ho mai visto e non ho dato un'occhiata."

"Ti accompagno a casa e poi diamo un'occhiata."

John mi ha tenuto la mano per il breve viaggio, poi mi ha aiutato a scendere dal taxi, non mi importava quanto il mio vestito mi fosse salito su per il sedere quando sono sceso. Una volta uscito sono rimasto lì mentre John parlava con il portiere e pochi minuti dopo è apparsa la macchina di John e il portiere stava spingendo la nostra valigia sul retro della macchina.

John mi ha detto di tenere le gambe unite e di farmi calare in macchina, cosa che ho fatto e ho pensato,

"Beh, questa è la prima volta, entrare nella macchina di John e non fargli vedere la mia figa, ma forse è una buona cosa al momento, scommetto che non è uno spettacolo piacevole."



John mi ha fatto salire le gambe in macchina, poi ha chiuso la portiera mentre allacciavo la cintura di sicurezza.

Pochi minuti dopo eravamo in coda al traffico diretto a casa. Il cofano era sulla macchina e penso che l'anticipazione del dolore che sapevo sarebbe arrivato ha attenuato il mio desiderio di essere visto e volevo solo essere a casa a letto con John che mi coccolava.

John had lowered the back of my seat and before we were out of London I was fast asleep, only waking up when I heard John’s car door shutting after he got out on his drive.

John reversed the process to get me out and as we slowly walked in I told him that I needed some of the paracetamol. Once through the front door John literally scooped me up and carried me upstairs to the bedroom where he took my dress off me and lifted me onto the bed before taking my shoes off.

As he pulled the duvet over me he said,

“You’re going to look good when you’ve healed Jade.”

“Can you get a mirror and let me look please?”

“No, you are staying there for a few days until some of the swelling and bruising goes.”

“That bad eh?” Ho risposto.

“Nothing more that I would expect. You just stay there and relax. I’ll get the paracetamol and leave everything to me, I’ll be you personal servant for a few days getting you everything that you want, I’ll even carry you to the bathroom and wipe you butt for you.”

“I think that I’ll be able to manage that but thank you, but when will you spin me round on this bed so that my head is hanging off the side and you can fuck my throat?”

“Bloody hell Jade, every other woman that had gone through what you have just done wouldn’t even be thinking about sex. I knew I got the right girl, you’re a total nymphomaniac. No Jade, you’re staying exactly where you are for at least forty eight hours.”

“That’s your fault John, you got me started thinking about such things.”

“Are you complaining?”

“Absolutely …………………… NOT.”

“Right, paracetamol, bottle of water, your phone, the TV remote, They’ll all be here in a couple of minutes. Oh, and that TV can now get Netflix so you can watch those soppy, romantic films.”

“Can I invite my friends round?”

“In a couple of days. I’d stuff my cock into your mouth to stop you talking if you weren’t suffering, maybe I should put some handcuffs and a ball gag on you.”

“That sounds fun.”

“Shut up woman, your pain will be getting worse if I don’t get that paracetamol. I’m going.”

John went and came back a few minutes later with everything that he’d promised and I quickly took a couple of paracetamol then closed my eyes.

“Phone me if you need anything. I won’t be far away.”

I didn’t think that I was tired but I started watching a movie and the next thing that I knew was John sitting on the bed next to me and the movie had finished.

“How are you doing girl with a pussy that I don’t recognise.” John said.

“Have you been looking at my pussy while I was asleep?”

“Yes, but I’ve done that before.”

“You’ve fucked me while I was asleep before today and I loved it, when I woke up that is.”

“So did I Jade. Now, how are you, are you hungry, can I get you anything, do you want carrying to the bathroom?”

“Actually nurse, I need a pee and I’m a but hungry.”

“I hope that you’re not expecting me to put on a nurse’s uniform, I don’t think a short skirt would suit me and I haven’t got the boobs for the job.”

“I can just imagine you in a short skirt with your balls hanging below the hem John.”

“Not going to happen Jade, come on, I’ll carry you to the bathroom, do you want me to wipe you as well? Although it had better be just a gentle pat for a few days.”

I didn’t realise just how many and which muscles a girl uses when she sits on the toilet and pees but it was a little painful and I was glad that John was there to help me.

“Can you pass me that little mirror please John?” I said when I finally got to my feet.

“Nope, no mirrors until you start healing.”

“I’ve probably started healing already.”

“I hope so, but it’s still no, I’ll brush your hair for you.”

“Wow John, you really should have become a nurse.”

“It doesn’t pay enough for me. Come on, back to bed.”

John carried me back to bed and asked if pizza would be okay to eat.

“Yes, but don’t let Harry come up here, I don’t want him to see me like this.”

“There’s nothing wrong with the way you look Jade, you look great, but okay, I’ll keep you locked away for a couple of days.”

About forty five minutes later John was sat on the bed beside me as we ate the pizza then later he cuddled up to me with one of his hands on one of my tits as we went to sleep.

*****

The next morning was the first one that I didn’t get fucked either just before or just after I’d woken up. What I did get put inside me was a couple of paracetamol then a drink of water that John had left on the bedside cabinet for me.

As I waited for the paracetamol to kick in I lay there. My legs had been spread ever since John had put me there the previous day and I got curious to know what my new pussy felt like so I gently explored with my fingers. My pubis felt different, not as padded, then my fingers went to my clit and I discovered that where it had been covered by the hood there was nothing covering it. When I touched the end of it I felt it swell and go hard.

“This is going to give me a lot of pleasure very easily.”

I thought as I let my fingers rub the end of it from side to side being careful not to touch my reduced size hood. In spite of the pain, or maybe because of it, it didn’t take long for me to have an orgasm.

“Well that still works just fine.” I thought as I came down from my high.

My fingers gently went lower. Where I had had meaty lips there hardly enough to put in a sandwich and I really wanted to look at them. A little later I gently felt for my flaps but couldn’t find any. Just then John walked into the bedroom carrying a tray.

“Good morning Jade, I heard you cumming, you be careful girl, we don’t want to have to go back to London to get you stitched up again. Pull yourself up and get some of this inside you.”

“Can I give you a blowjob please, you’re missing out at the moment and I don’t like that.”

“Don’t you worry about me Jade, I’m just fine, I can wait until you’re all healed.”

“But I don’t want to wait John, I want you inside me somewhere.”

“Eat your breakfast then we’ll see how much pain you’re in. Phone or text me when your done.”

I did and when John came back I’d put the tray to the side of the bed and shuffled myself round so that my head was hanging over the side of the bed and the duvet was pushed off me so that John could see my whole naked body.

“Jeez Jade, you really are a nymphomaniac.”

John said as he unfastened his trousers. Seconds later his cock was in my throat.

Some of John’s cum went down my throat and the rest of it went over my face and chest. Then he carried me to the shower and we shared the space as we showered, John carefully washing all around my pussy. Then after he dried me John carried me back to bed where I spent the rest of the day.

Thankfully, by the time John cuddled up to me that night I could feel the first signs that I was starting to heal.

The rest of the week followed a similar pattern except that by the Friday afternoon I was able to go to the bathroom on my own, and get a bit more adventurous with my clit. As we ate our delivered evening meal John suggested that I phone my friends and invite them over on the Saturday or the Sunday so I did and on the Sunday morning I put on a dress and slowly went downstairs to wait for Jenny and Rose.

When John opened the door to them he invited them in and led them into the lounge where I was waiting.

“Please forgive Jade for not getting up and coming to the door,” John said, “she’s had some surgery which I’m sure she will tell you all about. Can I get either of you a coffee or something stronger?”

John went off to the kitchen to make some coffee as Jenny said,

“You’ve got him well trained Jade. I half expecting you to be his slave.”

“Far from it Jenny, let me start at the beginning.”

I spent the next hour or so telling Jenny and Rose everything, even why I wasn’t jumping up and down with joy.

“You’ve had your pussy surgically altered?” Rose asked, “I thought that Female genital Mutilation was illegal.”

“It is, but cosmetic surgery isn’t and it’s a long way from FGM, this will enhance my pleasure whilst FGM is to deny girls their pleasure.”

“So can we see what you’ve had done Jade?” Jenny asked.

“Sure, I’m not the shy girl who’d never let even her friends see her naked before, I’ve been reborn. Can you help me get to my feet please, it still hurts when I strain my muscles.”

Both Jenny and Rose jumped to their feet and helped me up. As soon as I was on my feet my hands went to the hem of my dress and seconds later the dress was flying across the room to another chair.

“Wow Jade, you aren’t shy any more are you?”



“No, and you should see me when my personal trainer takes me jogging.”

“You go jogging naked?” Rose asked.

“No, I have my trainers on.”

“On the public roads?”

“Some of it is but it’s mainly through the woods.”



“Wow. I hope the police don’t catch you.” Rose said.

“So what do you think ladies?” I asked as I spread my legs.

“Well for starters your pussy looks sore.” Jenny said.

“It is, but it’s getting better.”

“It’s difficult to say, I never saw your pussy in any detail before and all these stitches don’t help but I would say that you look like you did ten or twelve years ago, except that I doubt that your clit was that big then.”

“I’m not sure that I knew what a clit was ten or twelve years ago but I haven’t had a real good look myself yet, John says that I should wait until it’s a lot better.”

“He’s probably right, I can see what it will look like but it’s not a real pretty sight at the moment.”

“My clit still works, I’ve been rubbing one out for John each day and I think that it’s more sensitive than it was, I don’t know how that is possible but it does.”

“Maybe it’s because it’s out and looking for some action all the time, got nowhere to hide.”

“Maybe, hey, while I’m up can I show you around the house?”

“Can you walk okay?”

“If I take it slow, yes.”

I slowly started walking towards the door and Rose said,

“Aren’t you going to put your dress back on Jade?”

“Not much point, I don’t normally put any clothes on. You guys are honoured that I put a dress on when I knew that you were coming.”

“Wow, who are you girl?” Jenny said, “and what have you done with our friend Jade?”

“Ha, very funny Jenny, I’m still me, and still your friend, I hope, it’s just that I come to realise who the real me is.”

“Well if I was a lezzy I’d be all over you like a rash Jade.” Rose said. “You look good naked Jade.”

“Thank you, I think.” Ho risposto.

I led my friends to the games room first and when Rose saw the medical table and the straps she said,

“You two aren’t into this fifty shaded thing are you, you know, bondage and the likes?”

“We’ve dabbled, it makes me feel so empowered.”

“Empowered? Wow, you really have changed Jade.” Jenny said.

“Yes I have Jenny, but I still want to be friends with you and Rose.”

“And we still want to be friends with you Jade, even if you do leave your clothes in a pub car park.”

“About that, did one of you retrieve my skirt and top?”

“We did,” Jenny said, I took them home and washed them, I was going to bring them today but I forgot. I guess that you’re not in a rush to get them back either.”

“You’re right Jenny. Now this room is John’s personal gym that he lets me use. My trainer makes me work hard in there. Hey, have you ever ridden a bike with the seat too high and with no knickers on? I’d really recommend trying it.”

“Why?” Rose said, “That sounds like hard work.”

“Think about it Rose, your bare pussy on a saddle and having to slide from side to side.”

“Oh yes, maybe I should go and get my old bike from my parents house.”

“Okay ladies, the next room is a lot bigger.”

I opened the door to the swimming pool room.

“Bloody hell Jade, how rich is John?” Jenny said.

“I have no idea. Fancy going for a swim?”

“We didn’t bring our bikinis.” Rose said.

“I don’t have a swimsuit either but I still go for a swim.”

“You mean you go skinny dipping?”

“Yes, and you can too, John won’t mind.”

“But he might come and see us.” Rose said.

“So what, he sees me like this all the time, it’s not like he’s going to rape you or anything, and besides. It’s alright for a man to see a girl naked..”

“What do you think Rose? Jenny asked.

“I’m game if you are Jenny.” Rose replied, “but what about you Jade?”

“A dip might do me good just so long as I have a shower afterwards, get rid of the chlorine. Come girls, get ‘em off.”

I left them to strip as I slowly walked to the pool then literally fell into the water trying to keep my legs straight. I’ve never tried to swim just using my arms and it was slow progress so I turned onto my back and floated as I watched Jenny and Rose finish stripping then come and jump in.

We messed about and talked for about fifteen minutes before Rose screamed, ducked down in the water pointing towards the door. I looked as saw John coming in. He walked to the side of the pool and said,

“Make sure that you get rinsed off properly Jade, the chlorine might not be good on your wounds.”

“Can we use the shower in the main bedroom please John?” Ho chiesto.

“Of course you can, you don’t need to ask Jade.”

John turned and walked out and I turned to look at Jenny and Rose. Rose was up to her neck in the water but Jenny was standing up which meant that her tits were above the water line.

“Rose,” I said, “it’s okay for men to see you naked, you have a great body, you have no reason to be ashamed.”

“So you wouldn’t mind John seeing me naked Jade.” Rose replied.

“Not at all, it’s natural for men to see girls naked, it’s not like we’re threatening or anything.”



“Yeah,” Jenny added, “we haven’t got a big hard cock wanting to fuck girls all the time.”

“True,” I said, “but I wouldn’t mind if John wanted to fuck either if you, you’re both more beautiful than I am.”

“That’s just not true Jade, you are a gorgeous young woman and now that you have that really cute little pussy any man in his right mind would want to fuck you.”

“Well John does and I think that some of his friends want to fuck me as well.”

“And you’d let them Jade?” Rose asked.

“If John wants me to, yes, and I wouldn’t be mad if he fucked either, or both of you. It would be me who he came back to.”

“Wow Jade,” Jenny said, “an exhibitionist, a nymphomaniac and a swinger. You really have changed Jade.”

“It’s the real me that has just come out of the closet. I’m really happy now.”



“Good for you girl,” Rose said, “and you really wouldn’t mind if John saw us naked and fucked us?”

“No, not at all.”

“Well I wouldn’t mind if he wanted to fuck me.” Jenny said.

We messed about in the water for a bit more then Rose asked,

“Can we get out now please?”

“Sure, we can use the shower in the main bedroom, there’s plenty of space and plenty of towels in there.”

“How do we get there?” Rose asked.

“Just follow me.” Ho risposto.

I couldn’t get out the way that I normally do, jump up at the side and swing a leg up onto the side so I had to go to the steps and slowly climb out although I found it easier than I expected, maybe I was getting better quicker than I expected. I led my two naked friends our of the pool area and up the stairs, all three of us dripping water. I was secretly hoping that John would come out of his room and see my two friend in all their glory but he didn’t and we made it to the bathroom without being seen.

We talked as we took it in turns in the shower then got dried. The Jenny said,

“Shit, we left our clothes by the pool.”

“We’ll just have to go and get them then,” I said, “but we’ll have to leave the towels in the hamper here.”

“Are you just trying to get us to walk through the house naked Jade?”

“Yes, are you complaining?”

“I guess not, he is sort of cute.” Jenny said.

I wasn’t at all worried that John would fancy Jenny, or Rose, he had committed himself way too much to me, but as we walked downstairs I thought,

“John has told me that he would like to see me being fucked by other men, so maybe it would be okay for him to fuck Jenny or Rose, or both, but I would like to watch.”

Anyway, we made it back to the pool area and Jenny and Rose got dressed then we went back to the lounge, After talking for a while Rose said that they should be leaving and I got up on my own and it didn’t hurt much.

“I’m getting better.” I thought as I led them to the front door.

As they passed me to get to Jenny’s car I stepped outside. As Rose turned to wave goodbye she shouted,

“Get inside you exhibitionist.”

I smiled, waved back and thought,

“Yes I am.”

I went upstairs, still slowly, and went into John’s work room. He was talking to someone, on his phone I presumed, and when I went up to him he motioned for me to sit on his lap. After a couple of minutes of him talking about something that I didn’t understand, John squeezed my thigh and said,

“Kyle, this is Jade, my new PA.”

“What?” Ho detto.

“Hi there Jade, nice to meet you, you look great.”

“What?! You can see me Kyle? Oh, oh hi Kyle.”

“Yes I can see you Jade and John, you’ve got a real looker there, I’m jealous.”

As Kyle was saying that John clicked on a minimised window and up popped two windows on top of a mass of numbers, one window presumably of Kyle and the other one with the naked me sat on John’s lap. Kyle could see my little tits and me bare down to my thighs but because I saw sat, not my pussy.

“Jade has just had some cosmetic surgery on her pussy Kyle, it’s healing nicely, would you like to see it?”

John didn’t wait for an answer, he pushed with his feet and the chair wheeled back.

“Stand up and show Kyle Jade.”

I looked at John and felt my pussy get wet and tingle. Then I stood up, standing with my feet shoulder width apart.

“Zoom in on that mate. It’s still a bit bruised and sore but you’ll see what it’s going to be like.”

“I am John, I am, and I have to say that I’m impressed. Jade, you are gorgeous. John you are one lucky bastard. I hope that you don’t mind me taking a few screen grabs.”

“Not at all mate, but be quick, I’ve got another call waiting.”

“Turn around for Kyle Jade, let him see that cute little butt of yours.”

I did, and wondered if it was just screen grabs that Kyle was taking and not recording a video, not that I minded. After a minute or so John said,

“Got to go mate, talk soon.”

He clicked a couple of things on the PC then turned and pulled me back onto his lap.

“My friends have gone.”

“Did you tell them that they can come back anytime that they want?”

“Yes, and I told them that it was okay for them to be naked like me when you are around.”

“And what did they say to that?”

“They asked me if it was okay for you to fuck them. I said that it was.”

“Good girl, now more importantly, how’s your pussy, does it still hurt as much?”

“No, I’m down to one paracetamol and I can walk around much easier. Can I have a look at it now?”

“Let’s go to the bedroom and have a good look at it.”

We did, me spreading my legs quite wide and surprisingly not making my pussy hurt. John got down between my legs and had a good look then said,

“Coming along nicely, don’t move.”

John went and got his new camera then took a few photographs of my pussy with me like that, and up on my hands and knees with my knees quite wide apart. Then we went to the huge TV in the lounge where he plugged the camera’s memory card into a slot and up on the screen came my pussy, a good ten times the real life size.

We sat on the sofa and looked at every square millimetre of my pussy.

“Wow,” I said, “I’ve never seen my pussy like that before. Look, that little mark there, is that where a stitch has dissolved?”

“Yes, I’m sure that there was one there when I had a good look yesterday. All the swelling looks to have just about gone so that’s just about what it’s going to look like from now on, are you happy with the results?”

“I will be when you can start fucking me again.”

“Patience my love, it won’t be much longer.”

“I was touching it when I was in the pool earlier and it feels so different, like it did when I first realised that I could have some fun playing down there.”

“What about your clit? It looks bigger than it was but I don’t suppose that it is, it’s probably because it’s out there all the time now, whenever I look at your pussy now I’ve got two things that I see first, your hole and your clit, I don’t know which I like the most, your clit or your hole. The whole lot is so inviting.”

“And in a few days you can do whatever you want with it. I thought the same about my clit as well, it feels bigger but that’s probably for the reason you mentioned. I’m looking forward to having lots of accidental touches that make me cum when I’m not expecting it.”

John turned to look at me and gave me a long passionate kiss. One of his hands went to a tit and played with the nipple then drifted down to my pussy.

“I’ll be gentle.” he said as his fingers found my clit.

And he was, gently toying with my clit and leaving the rest of my pussy alone. He easily played long enough to make me cum and when I returned to normal I said.

“That was amazing, thank you John, I was starting to get withdrawal symptoms.”



“So was I.” John replied as I pushed him onto his back and unfastened his jeans.

“At least I can have you in my mouth.” I said as I gave him his second blowjob of the day, the first one being before we got out of bed.

As we cuddled in bed that night John said,

“Do you really want me to fuck Jenny and Rose Jade?”

“Why not, you’ve said that you want other men to fuck me.”

“Only if I’m watching, but don’t Jenny and Rose have boyfriends?”

“Yes, but what they don’t know about can’t harm them.”

“And they’d be okay with that?”

“Probably. I’d have to ask them again just to make sure but they certainly seemed keen on the idea this afternoon.”

*****

Storie simili

Circostanze diverse parte 2

Disclaimer: non possiedo Pokemon, nessun personaggio e Pokemon lì dentro. Sai, solo per coprirmi il culo in caso. Meglio prevenire che curare. Nota dell'autore: grazie a tutte le persone che hanno letto il primo capitolo. Questo capitolo è stato molto più lungo di quanto mi aspettassi. Divertiti! –––––––– 'Caro Nicola, È tua sorella, Julian! Ho inviato questa lettera di Taillow perché era più veloce e per congratularmi con te per aver superato l'Accademia Pokemon! Papà dice che hai fatto degli esami orribili...' “Non ho fatto così male. Almeno sono passato..” borbotta Nicholas, continuando a leggere la lettera che gli era stata...

1.9K I più visti

Likes 0

I sogni di Ashley

Tutti i nomi e la posizione sono stati modificati Fatemi sapere come vi piace la storia. Questa è la mia prima storia qui. ================================= Quando ho posato gli occhi su Ashley per la prima volta ero in seconda media. Eravamo giovani. I miei primi veri sentimenti sono iniziati in prima media. Il suo compleanno è stato 2 settimane prima del mio. Quando ho compiuto 16 anni ho organizzato una grande festa. E, naturalmente, Ashley era lì. Negli anni in cui sono stata una delle sue migliori amiche, lei non era della nostra città, si è trasferita dalla Florida al suo settimo...

2K I più visti

Likes 1

La mia prima volta con Cindy

La storia: Sulla via del ritorno dall'ospedale, dopo aver lasciato mia moglie per un'operazione alla schiena molto seria, Cindy, mi stava dicendo come avrebbe fatto tutte le cose che faceva la mamma in casa, come lavare i piatti e fare il bucato e che si prenderà cura di suo padre come fa la mamma. Fu detto in una specie di sussurro sommesso e lei aveva la sua mano sul mio braccio, toccandomi dolcemente e guardandomi negli occhi. Ho sentito un brivido nei pantaloni e ho guardato le gambe formose di Cindy e la minigonna che indossava, ho subito costretto il mio...

1.9K I più visti

Likes 0

DOLCE SOFIA!!

Sophie è la figlia unica dei miei vicini, è una dolce ragazzina di 13 anni, ma c'è sempre stato qualcosa in lei che mi ha fatto guardare in modo diverso dalle altre bambine. Forse sono i capelli biondi ricci, il suo bel visino, le sue gambe lisce o il fatto che ha un bel paio di tette in erba. Bene, tutto è iniziato un sabato, mi sono seduto nel mio giardino a godermi il sole e anche i miei vicini erano fuori. Non ho l'abitudine di ascoltare le conversazioni di altre persone, ma non ho potuto fare a meno di sentire...

1.8K I più visti

Likes 0

Stephanie - Proprio quando le cose si sono girate Pt. 2

Mentre mi avvicinavo al maniero, la scorsa notte continuava a rimuginare nella mia mente. Volevo solo incontrare il cane, e così sono entrato nel canile. Poi, prima che me ne rendessi conto, mi aveva buttato a terra e mi stava annusando. Poi mi ha strappato le mutandine e ha iniziato a leccarmi la figa, portandomi all'orgasmo contro la mia volontà. Quando pensavo che avesse finito, mi è saltato sulla schiena e mi ha violentata. Ma la parte peggiore è stata quando mi sono lasciato andare e ho iniziato a godermelo. Mi sono svegliato stamattina e ho trovato questo biglietto e il...

1.8K I più visti

Likes 0

Skyrim: Le avventure di Carthalo Parte 1

Carthalo le accarezzò la guancia, sentendo la sua pelle liscia e fredda e scostandole i capelli nerissimi dagli occhi. Lydia, disse, la sua voce roca si trasformò in un sussurro nel suo orecchio rilassati. Questo non è un altro fardello per te da portare. le slacciò la maglietta e lei rabbrividì leggermente al tocco. Questo non è un comando del tuo Thane. le sue mani forti la presero per la vita e la portò al letto. Le assi del pavimento scricchiolarono mentre la trasportava su per le scale di Breezehome. La adagiò dolcemente sul letto e cominciò a baciarle il collo...

1.8K I più visti

Likes 0

Scoprire che sono gay parte 3

Quindi pochi giorni dopo, dopo aver rotto con Lizzy, mi stavo abituando all'idea di essere di nuovo single. Quando ero al college a lezione con McKenzie, ha iniziato a sedersi accanto a me e ha detto Tu e Lizzy vi siete lasciati perché vi ho baciato? Ho guardato McKenzie e ho detto No, il motivo per cui io e Lizzy ci siamo lasciati è perché mi piaceva baciarti. Dopo aver detto che mi sono alzato dal mio posto, ho preso la borsa e sono andato a uscire dalla lezione mentre camminavo, il mio insegnante mi ha detto E dove pensi di...

1.8K I più visti

Likes 0

Il miglior giro in quad di sempre

Avevo 14 anni quando ho avuto la mia prima esperienza. Non ero interessato alle ragazze fino a quando non sono entrato in terza media. Ho avuto alcuni amici che qui ragazze ma nessuno serio. La mia migliore amica era una ragazza di nome Emily con la quale ero amico da molto tempo. Più crescevo, più mi interessavo alle ragazze e più pensavo che Emily fosse la ragazza più bella che avessi mai incontrato. Con i suoi lunghi capelli biondi e morbidi e i suoi splendidi occhi azzurri luminosi. Ogni volta che mi parlava dimenticavo tutto e la mia bocca si seccava...

1.7K I più visti

Likes 0

La mia vita amorosa Capitolo 3 Janice

La mia vita amorosa Capitolo 3 Janice Capitolo 3 Janice: Poche settimane dopo che io e Carrie ci siamo separati, Carrie e i suoi amici, Tim e io, stavamo girovagando per la scuola e Carrie mi ha presentato Janice. Janice era minuta, capelli castano chiaro lunghi fino alle spalle, quasi biondo sabbia. Aveva una figura che faceva girare la testa quando entrava in una stanza. Era sotto i 100 libbre, con molte curve. Un set di tette 34C. Questa ragazza è stata fantastica. Aveva anche un grande senso dell'umorismo. Janice stava cominciando a frequentare l'appartamento di Carrie. Carrie mi ha invitato...

1.7K I più visti

Likes 0

SS Shotguneagle (parte terza)

Patetico! urlò Kenny. Le strappò la frusta dal collo, lasciando Leah senza fiato. Leah si contorse per la disperazione mentre accoglieva più aria nei suoi polmoni. Era difficile lenire il suo collo dolorante. Tutto quello che poteva fare era aspettare che il dolore andasse via e singhiozzare. Kenny gettò la frusta a terra e si avvicinò al suo carrello degli attrezzi. Dopo aver afferrato ciò che voleva, è tornato da Leah, in piedi di fronte a lei. Stava ancora singhiozzando, cercando di abituarsi al disagio che cresceva costantemente. Kenny pensava che fosse incredibilmente sexy. Pensava che potesse farla sembrare più sexy...

1.5K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.