L'inizio della fine_(0)

783Report
L'inizio della fine_(0)

Fece un respiro lento e profondo e si morse le sue deliziose labbra rosso ciliegia. "Come sono finito in questo?" lei ha pensato. I suoi morbidi capelli biondo sporco pendevano sui suoi angelici occhi verdi. Julia prese il telefono e lo aprì. Ha letto il messaggio più e più volte.

"Incontriamoci al parco a meno che tu non voglia essere conosciuto come la puttana della città" - Chris

Adesso il suo cuore batteva forte. Proprio in quel momento arrivò un altro messaggio.

"Julia, se non esci di casa entro cinque minuti, mamma e papà si arrabbieranno molto con te... ovviamente sono sicuro che i ragazzi a scuola saranno entusiasti." - Chris

I suoi occhi si spalancarono per lo spavento. “Non lo farebbe, sta bluffando” pensò. Poi la sua mente cominciò a correre. “E se mostra i miei genitori?? E se lo mostrasse a tutti!!?? Non sarei mai più in grado di mostrare la mia faccia... i miei stessi genitori non sarebbero nemmeno in grado di sopportare la vista della mia faccia. Fanculo!! Cosa devo fare??"

Diede un'occhiata all'orologio. Erano passati due minuti. Ha raccolto i capelli in una coda di cavallo e ha afferrato il telefono. Incerta su cosa sarebbe successo, uscì barcollando dalla porta. Il vento era furioso e pungente. Si fece strada lungo la strada e arrivò all'ingresso del parco. Mentre il sole tramontava, trovò una panchina e si mise comoda. Il vento le mordicchiava il viso, arrossandole le guance e facendo lacrimare i suoi occhi vibranti.

"E adesso?" si chiese tra sé. Ormai era quasi buio e le sue gambe tremavano per il freddo. "Avrei davvero dovuto cambiarmi i vestiti prima di venire qui" pensò. Una figura scura apparve in lontananza. Avvicinandosi a lei, sussurrò "Ciao Julia".

Sedette in silenzio sulla panchina cercando nella sua mente una risposta. C'erano un milione di cose che voleva dire, ma la paura sostituì rapidamente la sua rabbia. "Ciao Chris" mormorò cautamente. "Aww, qual è il problema tesoro?" ha preso in giro. Lui sorrise e spostò di lato i suoi capelli castano scuro. Aveva le mani affondate nella felpa. “Ti rendi conto che è davvero colpa tua, Julia. Fece una pausa. “Mi sono davvero piaciute quelle foto. Chi sapeva che eri una ragazzina così sporca.

Julia si sentiva il viso avvampare. “Sei fortunato che li ho trovati e non qualcun altro. Sono curioso, per chi erano? chiese.

“Non sono davvero affari tuoi, Chris. Per favore, restituiscimeli e lasciami andare a casa” piagnucolò.

"Se fosse qualcun altro lo farei ma, considerando il fatto che mi hai rifiutato pubblicamente, penso che tu stia ottenendo ciò che meriti." Ridacchiò. Il suo viso si fece serio. “È così che funzionerà d'ora in poi. Fai quello che dico ogni volta che lo dico e queste immagini rimarranno il nostro piccolo segreto. Giulia si sentiva a disagio. Il suo stomaco si rivoltò e cercò di pensare. "Questo è un ricatto, non possiamo semplicemente dimenticare che è mai successo??" supplicò.

Chris ridacchiò tra sé al pensiero. “No mia cara, ho intenzione di metterti in imbarazzo proprio come hai fatto con me, ma se stai bene forse ci andrò piano con te. Julia lo fissò cercando di trovare qualche segno di compassione. I suoi occhi erano seri e sembrava che si stesse divertendo. “Allora cosa devo fare per far sparire tutto questo? Ha chiesto. “Vuoi che ti faccia i compiti, pulisca la tua casa, vada ad un appuntamento?? Dimmelo solo così posso farlo e andare avanti con la mia vita. Rimase seduta in silenzio aspettando la sua risposta. Alzò la mano e la colpì forte in faccia.

Julia gemette e si alzò. "Non prendere quel tono con me." disse severamente. La sua faccia sembrava in fiamme. Era scioccata dal fatto che l'avesse schiaffeggiata. Julia iniziò ad allontanarsi. "Non lo farei se fossi in te." mormorò. Si fermò e si strofinò il viso. La sua guancia era insensibile. Chris si avvicinò a lei. “A meno che tu non voglia essere grossolano, stai peggio di come sei adesso. Come si sentirebbe il tuo ragazzo, mi chiedo se gli mettessi alcune di queste foto nella sua cassetta della posta. Sarebbe un peccato se i suoi genitori li trovassero prima.»

Si morse il labbro e abbassò la testa. "Cosa vuole da me?" lei chiese. "È davvero molto semplice, fai anche quello che ti dico e andrà tutto bene." Lui ha spiegato. "Ora perché non andiamo in fondo alla strada, ho un amico che vorrebbe davvero conoscerti."

Lo seguì con riluttanza. L'aria gelida sferzava i suoi vestiti tagliati. Indossava una canotta attillata che ora rivelava i suoi capezzoli duri. Il vento le tirava la gonna scozzese avanti e indietro. Chris si fermò e la analizzò. "Perché non togli quella felpa, ovviamente non aiuta." ha concluso. Se lo tolse e se lo legò intorno alla vita, incerta se si trattasse di una richiesta o di un comando.

Continuarono a camminare lungo la strada inquietante finché un'altra figura non apparve in lontananza. "Ehi Chris!" egli gridò. "Ciao Tony!" ha risposto. Mentre si avvicinavano per incontrare Julia si rese conto che conosceva questo ragazzo a scuola. La guardò negli occhi e sorrise. “Beh, guarda chi è..” mormorò Tony. Julia si sentì improvvisamente nervosa. Il suo stomaco si rivoltò. "I tuoi genitori se ne sono già andati, fratello?" chiese Chris. "Sono stati via per un po' amico, ti stavo solo aspettando." Lui ha risposto.

"Bene, allora finalmente possiamo divertirci un po'." Chris rise. Julia ci pensò un minuto e decise che non andava bene. Si voltò e decise di scappare, ma Chris e Tony corsero velocemente dietro di lei. “Dove pensi di andare?” chiese Tony. “Vado a casa, è pazzesco! Non so cosa stiate facendo anche voi ragazzi, ma non lo farò! gridò. Si voltò di nuovo solo per essere fermata da Chris che le afferrò la coda di cavallo e le tirò indietro la testa. È inciampata. "Ascolta cagna, non hai scelta in merito." Lui ha sussurrato. L'altra mano di lui si mosse sulla sua bocca e prima che se ne rendesse conto Julia era in una lotta che non poteva vincere. Chris l'ha trascinata a casa. Tony lo seguì da vicino rendendo impossibile qualsiasi fuga.

Cercò di urlare ma la mano di Chris lo fece un lieve gemito. Ha lottato per liberarsi. Tony si è messo davanti a loro e ha schiaffeggiato forte Julia. Le lacrime le rigarono le guance. "Ora ascolta! La prossima volta che cercherai di scappare sarà molto peggio di così, capito!?" ha spiegato Tonino. Julia si sentiva debole per la sua fuga fallita. Lei alzò la testa e annuì. Entrarono in casa sua e chiusero la porta. Chris spinse Julia a terra. "Sulle mani e sulle ginocchia cagna" urlò. Adesso Julia piangeva. Era scioccata e terrorizzata. Stava tremando ora mentre giaceva sul pavimento.

Tony si inginocchiò accanto a lei e le afferrò la coda di cavallo tirandola su. "In ginocchio ha detto!" Tony ripeté. "Per favore fermati! Lasciami andare!" implorò. Teneva gli occhi chiusi desiderando di essere al sicuro a casa. Chris scomparve in cucina e Tony la tenne finché non obbedì ai loro comandi. Si mise in ginocchio ancora piangendo e rimase immobile. Chris è apparso ora con una pagaia. Gli occhi di Giulia si spalancarono. Lei gemette e strinse i pugni. “Ora, per essere una troia così disobbediente dovremo punirti. Forse la prossima volta farai quello che ti è stato detto. disse Chris freddamente.

"Trattienila." ordinò Chris. Lui si tirò indietro e le sferrò un doloroso colpo al sedere. Ha gridato e quasi è saltata fuori dalla sua pelle. Il culo le pulsava e ora si rendeva conto che non se la sarebbe cavata. Tony ha continuato a tenerla mentre Chris rilasciava un altro duro schiaffo. Tony si avvicinò al suo orecchio.

"Non comportarti come se non volessi, sappiamo entrambi che schifosa troia sei." Julia teneva gli occhi chiusi preparandosi per il prossimo colpo. Quando non è arrivato pensava che fosse finita poco sapeva che questo era solo l'inizio. Le mani di Tony le corsero lungo la vita. Giulia arrossì. Aveva avuto un solo ragazzo nella sua vita e non avevano ancora fatto sesso! Si erano solo baciati. Chris si strofinò il suo tenero culo. "Forse ci penserai due volte prima di provare a scappare di nuovo." Si appoggiò allo schienale e le schioccò di nuovo il culo. Julia lanciò un urlo.

Tony la tirò in piedi. “Va bene, piccola puttana, per ora è tutto. C'è un vestito per te di sopra, perché non vai a cambiarti? Julia, non metterci troppo tempo, non vuoi che dobbiamo venire a prenderti.»
Si voltò per camminare quando sentì qualcosa sulla sua gamba. Tony premette le dita contro la sua pelle e asciugò il liquido trasparente.

Tony ridacchiò e guardò Chris. "Sembra che dopo tutto non sia stata una gran punizione." Tony ha dichiarato. Chris esaminò la sua mano e sorrise. "Capisco cosa intendi. Il viso di Julia si accese. Sapeva esattamente di cosa stavano parlando. Poteva sentire i suoi succhi caldi gocciolarle lungo la gamba. Imbarazzata e dolorante, corse su per le scale il più velocemente possibile. Chris e Tony si sono limitati a ridere. "Allora i ragazzi si divertiranno un po' stasera, eh?" chiese Tony. “Sì, non abbiamo mai avuto una serva per gioco chiedendosi come le sarebbe piaciuto il vestito. Dopo stasera avremo più influenza di quelle foto hah! Aspetta solo di vedere cosa ho pianificato per quella puttanella.

Julia era in cima ai gradini. Non voleva vedere nessuno, non così. Si guardò i piedi esaminando i tacchi scelti per lei. Indossava un paio di calze autoreggenti color ebano che erano sottili e taglienti. La sua gonna corta di onice le copriva a malapena il sedere e le aderiva alle cosce. La parte superiore le copriva solo i seni e anche loro erano sul punto di spuntare fuori. Pregò che il filo che legava insieme la parte superiore reggesse. Una figura scura le si avvicinò sui gradini.

"Ti ho detto cosa sarebbe successo se fossi venuto a prenderti Julia." lo avvertì Tony. La spinse a terra e le tirò indietro i capelli. Giulia ha cercato di scappare ma senza successo. “Non avresti dovuto farlo” le ricordò. La riportò a sé e le gettò un braccio intorno al collo. Julia ha lottato ma era una mansueta di 130 libbre. Cominciò a stringerle il collo. Si dimenò quando la sua riserva d'aria si esaurì.
È diventata molto stordita fino a quando con sua sorpresa ha lasciato andare. È crollata sul pavimento. Tony si aprì la cerniera dei pantaloni esponendo il gigantesco rigonfiamento dei suoi boxer. Poi si slacciò la cintura e tirò le braccia di Julia dietro la schiena. Julia, ancora stordita, cominciò a piangere.

"Per favore fermati!!! Non voglio che questa sia la mia prima volta!! Per favore, non farlo!!” supplicò. Tony continuò a tirarle la cintura intorno alle braccia. Eccola lì in fondo al corridoio, mezzo vestita e urlante impotente. La sua gonna essendo succinta e corta metteva in mostra il suo tenero culo. Tony fece scorrere la mano su e giù per la sua figa. "Se non smetti di urlare, ti darò qualcosa per cui urlare." Ha minacciato. Non riusciva a muovere altro che le gambe e questo non era di grande aiuto. Anche se fosse riuscita ad allontanarsi di un paio di piedi, l'avrebbe semplicemente tirata indietro.

È diventata senza speranza. "Guarda questo culetto stretto!" Lo strinse e lo schiaffeggiò. “Quindi sei vergine eh? Veramente? Non sono sicuro di crederti, immagino che ci sia solo un modo per scoprirlo, eh? Si tolse il cazzo palpitante dai boxer e lo strofinò sulla sua figa facendo attenzione a non metterlo ancora. “Dimmi che lo vuoi cagna! Dimmi che vuoi il mio cazzo dentro di te! Ha comandato.

È rimasta zitta. Tony la sollevò di nuovo per i capelli e la schiaffeggiò forte. “Dimmi cosa vuoi, sporca piccola troia. La figa di Julia pulsava, non voleva perdere la verginità in questo modo, ma l'eccitazione di essere legata e legata la rendeva così bagnata. Le infilò le mani sotto la camicia e giocò con i suoi capezzoli. Questo le faceva formicolare tutto il corpo. "Sai che lo vuoi Julia, quindi dimmi che lo vuoi o dovrò continuare a prenderti in giro." Lui ha sussurrato. Le morse il collo facendole perdere il controllo. Respirava pesantemente ora piagnucolava di tanto in tanto finché alla fine lui le infilò le due dita nella fessura pulsante. Si è morsa le labbra rosso ciliegia e le parole sono scivolate fuori... "Dio, fottimi, per favore!!"



.........continua

Storie simili

Famiglia adottiva Capitolo 9

Ehi ragazzi, scusate per quanto tempo è passato. Spero vi piaccia ^_^ Si applicano le stesse note. Questo è un lavoro di FICTION qualsiasi parvenza di eventi reali è del tutto una coincidenza. Se hai meno di 18 anni (o 21 a seconda di dove ti trovi) o se è illegale per te leggere questo per qualsiasi motivo, o se il sesso tra ragazzi/uomini ti offende comunque, per favore non leggere. altrimenti buon divertimento! ________________________________________________________________________________ Capitolo 9 Positivo. Quell'unica parola rimase nella testa dei ragazzi per il resto della notte. Nessuno dei due ragazzi riuscì a dormire quella notte, con loro...

2K I più visti

Likes 0

Il compagno del campione 12

La tarda estate al Menthino è stata un periodo intenso. Kaarthen si ritrovò nella gigantesca stanza della mappa del palazzo. L'intero piano era un'immagine in movimento in tempo reale di Menthino, scale su rulli e tavoli cartografici su ruote erano lungo le pareti. Marcos era vestito in modo quasi casual con una camicia di seta verde scuro e pantaloni neri Safi. La regina e due principesse, Saliss la più anziana e Ruegin, ascoltavano con lei i piani annuali di migrazione dalle vaste pianure alluvionali a Cardin. Tre Hjordis in nero Safi con i capelli raccolti in chignon stretti stavano lungo il...

2K I più visti

Likes 0

diario di una casalinga. prima parte.

Sposarsi ha causato molto stress nelle nostre vite. Rick si rifiuta di lasciarmi lavorare, e anche con una nuova casa in città (in una zona a basso reddito) e le bollette che accumulano si rifiuta di muoversi. Smorza la nostra relazione e ci mette a dura prova emotivamente e sessualmente. È costantemente al lavoro. Lo stress gli rende difficile essere affettuoso. Vedi dove sta andando. Sono una brava ragazza. E una buona moglie. Ho cercato per settimane di soddisfarlo. Ogni mattina lo succhiavo a secco. Quando è tornato a casa tardi, ho messo da parte i miei bisogni e l'ho succhiato...

1.9K I più visti

Likes 1

Divertimento con Steve II

A casa da solo Sono passati circa quattro mesi da quando io e Mark ci divertivamo negli spogliatoi, e abbiamo deciso che sarebbe stato meglio se nessuno avesse scoperto le nostre attività, quindi eccoci qui, a cogliere ogni occasione possibile per stare insieme. Questo fine settimana in particolare mia madre e mio padre saranno fuori per tutto il sabato, quindi ho chiesto a Mark di venire, i miei genitori non hanno problemi con Mark che viene a trovarci ma ci controllano sempre ogni dieci minuti, quindi è impossibile diventiamo un po 'selvaggi con lui, normalmente ci sediamo sul mio letto di...

2K I più visti

Likes 0

Circostanze diverse parte 2

Disclaimer: non possiedo Pokemon, nessun personaggio e Pokemon lì dentro. Sai, solo per coprirmi il culo in caso. Meglio prevenire che curare. Nota dell'autore: grazie a tutte le persone che hanno letto il primo capitolo. Questo capitolo è stato molto più lungo di quanto mi aspettassi. Divertiti! –––––––– 'Caro Nicola, È tua sorella, Julian! Ho inviato questa lettera di Taillow perché era più veloce e per congratularmi con te per aver superato l'Accademia Pokemon! Papà dice che hai fatto degli esami orribili...' “Non ho fatto così male. Almeno sono passato..” borbotta Nicholas, continuando a leggere la lettera che gli era stata...

1.9K I più visti

Likes 0

Ragazzone 1

BigBoy 1 modifica 2 ​Alla fine degli anni settanta, dopo aver divorziato dalla mia seconda moglie, ho iniziato a picchiare di nuovo la scena della festa.. Ho incontrato questa donna in un bar una notte, mi sono fatta abbastanza ubriaca e arrapata, quindi noi deciso di andare a casa mia.. Lungo la strada passammo davanti a un negozio di libri per adulti, Mi ha chiesto se ero mai stato lì e ovviamente ho detto di sì perché il il proprietario era un cliente e un amico.. Ha detto che non era mai stata perché era troppo timida per andare da sola...

2K I più visti

Likes 0

I sogni di Ashley

Tutti i nomi e la posizione sono stati modificati Fatemi sapere come vi piace la storia. Questa è la mia prima storia qui. ================================= Quando ho posato gli occhi su Ashley per la prima volta ero in seconda media. Eravamo giovani. I miei primi veri sentimenti sono iniziati in prima media. Il suo compleanno è stato 2 settimane prima del mio. Quando ho compiuto 16 anni ho organizzato una grande festa. E, naturalmente, Ashley era lì. Negli anni in cui sono stata una delle sue migliori amiche, lei non era della nostra città, si è trasferita dalla Florida al suo settimo...

2K I più visti

Likes 1

La mia prima volta con Cindy

La storia: Sulla via del ritorno dall'ospedale, dopo aver lasciato mia moglie per un'operazione alla schiena molto seria, Cindy, mi stava dicendo come avrebbe fatto tutte le cose che faceva la mamma in casa, come lavare i piatti e fare il bucato e che si prenderà cura di suo padre come fa la mamma. Fu detto in una specie di sussurro sommesso e lei aveva la sua mano sul mio braccio, toccandomi dolcemente e guardandomi negli occhi. Ho sentito un brivido nei pantaloni e ho guardato le gambe formose di Cindy e la minigonna che indossava, ho subito costretto il mio...

1.9K I più visti

Likes 0

Mother's Submission - Capitolo 12

Alex Morgan si guardò intorno nella sua stanza del dormitorio, la stanza in cui aveva trascorso gli ultimi anni. Aveva alcuni bei ricordi qui, ma ce n'era uno eccezionale. Quando il suo amico, George, lo aveva spinto a creare un profilo per l'app di appuntamenti. Era lì che aveva incontrato la donna che ora amava, che per caso era sua madre. Quando si era presentato oggi, George era stato felice di vederlo. George è stato molto meno felice di scoprire che Alex si sarebbe trasferito a casa e avrebbe completato i suoi studi online. Chi mi aiuterà quando avrò problemi con...

1.9K I più visti

Likes 0

The Runaway Club - Capitolo 1

Il club in fuga Katlin si sedette al suo comò fissando il viso rugoso e sospirò, erano questi i momenti in cui le piaceva pensare alla sua vita, voglio dire qui aveva settantaquattro anni, vedova con figli, anche nipoti, e tutto è iniziato al età di quattordici anni. 60 anni prima Katlin ha aperto gli occhi qui e ha ascoltato, le ci sono voluti alcuni minuti per connettersi con il resto di lei e si è seduta, era ora, è scivolata fuori dal letto e ha tirato fuori la sua valigia preconfezionata dal suo nascondiglio sul retro del suo guardaroba, sorrise...

1.8K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.