Impero perduto 39

900Report
Impero perduto 39

0001 - Tempo                                    0403 - Johnathon               in crescita
0003 - Conner                                   0667 - Marco                        --------
0097 - Ace                                            0778 - Jan                         0098 (Lucy)
0101 - Shelby (nave madre)        0798 - Celeste
0125 - Lars                                           0908 - Tara
0200 - Ellen                                         0999 - Zan
0301 - Rodrick                                    1000 - Sherry



Derrick alzò lo sguardo dal pavimento verso Shelby che si strofinava il lato del viso che sembrava reale! Non come un solido ologramma ma vera carne e sangue! Rimettendosi in piedi, indietreggiò lentamente da Shelby che fino a quel momento non si era mosso.

"Non so chi o cosa tu sia, ma non c'è modo che tu possa essere Shelby." Derrick dichiarato.

Con un enorme sospiro Shelby avanzò verso Derrick che si stava ancora lentamente allontanando da lei. "Se devo colpirti di nuovo, Derrick, temo di poterti ferire!"

"Ferire me? Tu, e quale esercito? Penso che..." iniziò Derrick.

"Derrick stai zitto e ascoltami. Sono reale, reale come te. Sono umano proprio come la mia controparte Shelby è un'intelligenza artificiale vivente. Davvero Derrick brillante come te, a volte puoi essere davvero stupido! " Shelby ha detto di aver smesso di vedere che Derrick stava cercando una via di fuga.

"Un umano? Non vedo come, i progetti di clonazione e trasferimento sono stati abbandonati secoli fa. Non c'è stato nessuno abbastanza intelligente da..." Schioccando le dita, gli occhi di Derrick si spalancarono. "Kimison e Rayburn! Ecco perché! Che io sia dannato!" Camminando verso Shelby, le toccò lentamente e delicatamente il braccio. "Morbido e caldo, reazioni al tocco eccellenti. Ora l'unica domanda è perché?"

Scuotendo la testa con un sorrisetto, Shelby riuscì solo a fissarlo per un momento. "Uh ciao? Non vivrai per sempre, e un erede o più andrà a beneficio sia di te che dell'impero." Con un sorriso ironico continuò, "Inoltre ti trovo molto più che attraente."
Gli occhi di Derrick si spalancarono mentre fissava Shelby. "Un erede? Cosa!? Ma tu... ed io... un bambino? Io..." fu tutto ciò che Derrick riuscì a tirar fuori.

"Mi sembra di ricordare che tu abbia detto all'ammiraglio Hartwell, Derrick chiudi la bocca, non è dignitoso." gli disse Shelby mentre si allungava gentilmente e chiudeva la bocca aperta di Derrick con una risatina.

Derrick annuì mentre poteva solo fissare l'umano Shelby di fronte a lui. Di nuovo allungò la mano per toccarle il viso e le braccia, incerto. Poi improvvisamente, inaspettatamente Derrick l'afferrò e la strinse a sé mentre la baciava a lungo e profondamente. Riprendendo aria un minuto dopo, quando qualcuno si schiarì la gola, Shelby stava vacillando così come Derrick.

"Ho voluto farlo di nuovo dall'ultima volta che ho baciato Shelby nel neuro-link." disse Derrick mentre una risatina sommessa proveniva da dietro di loro.

"Sono contento che ti sia piaciuto tanto quanto sembra che tu abbia fatto", è arrivata l'olografica Shelby. "Sono anche contento che tu sia tornato alla normalità."

"Non so come abbiano fatto a tenermelo nascosto, ma dovrò ringraziarli quando li rivedrò". Derrick l'ha detto a entrambi gli Shelby.

"In realtà sei il benvenuto." disse Kimison mentre lui e le forme olografiche di Rayburn apparivano accanto a Shelby.

Derrick annuì, poi si rianimò un po' quando sembrò che Kimison stesse aspettando qualcosa. "Va bene, cosa avete fatto voi due adesso?"

Un ampio sorriso apparve sul volto di Rayburn mentre quello di Kimison rimaneva scioccato.

"Beh... ehm." iniziò Kimison, "Beh, in realtà l'ho fatto... uh."

"Buon Dio, tiralo fuori!" Derrick quasi urlò.

"Mi sono ricordato che avevi accennato al ritrovamento di pezzi di metallo di cui erano fatte le scatole cerebrali." Derrick annuì mentre Kimison continuava. "Ho pensato all'altro gruppo che fa il recupero come quello per cui hai lavorato. E se ne avessero trovato uno o più e se ne fossero semplicemente seduti lì nei loro cortili."

Derrick stava ancora annuendo quando i suoi occhi si spalancarono, "Ne hai trovato uno?!"

Kimison annuì anche se quando la sua faccia cadde, Derrick si aspettava il peggio. "Sì, l'ho fatto, sono riuscito a uh... ad acquistarlo?"

Derrick iniziò a sorridere, "Quindi l'hai rubato. Presumo che Mary abbia aiutato?"

Mary apparve un attimo dopo, "Sì, signore, l'ho fatto. Ho pensato che fosse fondamentale riacquistarlo."

L'euforia di Derrick si sentì improvvisamente quando vide che i volti di Kimison e Mary erano caduti. "Cos'è successo? La scatola è stata distrutta?"

"No signore." disse Kimison a labbra serrate. "La scatola stessa era intatta. Temo che..." Kimison si fermò mentre si allontanava da tutto ciò che c'era. "Non c'era attività cerebrale dalla scatola. Quel figlio di puttana ha fatto morire di fame la nave! Le scatole sopravvivono grazie all'energia solare; questa era chiusa in una camera d'aria a tenuta d'aria, completamente priva di luce!" Alla fine, voltandosi indietro, Derrick poté vedere le lacrime che scendevano dagli occhi di Kimison.

Rayburn assunse un'espressione di estrema rabbia sul suo volto. "Abbiamo provato tutto il possibile signore, niente ha funzionato. È stato un peccato; era il compagno di ala di Shelby!"

All'improvviso da dietro di loro tutti sentirono un sussulto poi un singhiozzo quando videro che Shelby stava iniziando a piangere. "Gregor non ce l'ha fatta? È davvero un giorno triste, senza il creatore della personalità della madre se n'è andato per sempre!"

Sia Kimison che Rayburn annuirono, poi Kimison parlò. "Rayburn e io abbiamo studiato la scatola del cervello. Crediamo di aver escogitato un modo per riportarla indietro. Anche se con una personalità diversa che è stata scelta. Ci torneremo, se avremo successo contatteremo così Shelby può ri-generarlo."

Derrick annuì mentre entrambi si chiudevano. Derrick si stava strofinando il mento ed era sorpreso di aver dimenticato tutta la meravigliosa attrezzatura che aveva Tempro. L'A.I. il programma di trasferimento della personalità è uno di questi. Guardando sia l'ologramma di Mary che quello di Shelby, annuì.

"Quindi lo sapevate entrambi per tutto questo tempo?" chiese Derrick.

"No, non ho Derrick. Mia madre me l'ha appena rivelato qualche giorno fa." Shelby ha risposto.

Voltandosi a guardare direttamente Mary, un lento sorriso si insinuò sui suoi lineamenti. "Sì sire, lo sapevo. Il piano è sempre stato quello di procurare una compagna e un'Imperatrice per te e l'impero. Come ho affermato prima, sono qui per rispettare le leggi e farle rispettare, proteggendo te e l'Impero."

Un ampio sorriso si insinuò anche sui lineamenti di Derrick, "Devo dire che questo è il più lontano dal giro in cui sono stato da molto tempo." All'improvviso la faccia di Derrick si fece seria, "Mi aspetto che questa sarà l'ultima volta!" Poi Derrick sorrise a Mary e all'ologramma di Shelby. "Grazie ad entrambi."

Entrambi sorrisero e poi si inchinarono a Derrick mentre scomparivano, Derrick e la sua Imperatrice avevano molto di cui discutere dopo tutto.

Derrick e Shelby stavano parlando da un'ora quando bussarono alla porta. Scuotendo la testa, Derrick l'aprì sorpreso di vedere Lucie Hartwell lì in piedi con un'espressione preoccupata sul volto.

"Cosa c'è, Lucie? Sembravi molto perplessa." chiese Derrick, ora preoccupato.

All'improvviso le lacrime scorrevano dai suoi occhi, "È la voce, ed è così triste, suona così solitaria. Sento che sta quasi implorando qualcuno con cui parlare. Ho provato a rispondere ma sembra che non riesca a sentirmi . Sembra così debole che mi sento così impotente ad aiutarlo! Per favore aiutami signore! Non ne posso più a lungo!"

Gli occhi di Derrick si spalancarono; lei era molto più sensibile alle IA della nave di lui! "Shelby!" Derrick stava urlando.

L'ologramma di Shelby è apparso immediatamente. "Va tutto bene Derrick?" Disse una Shelby dal tono preoccupato.

"Lucie sta sentendo una nave che io non posso. Ha provato a rispondere ma ovviamente non ha ancora sviluppato abbastanza la sua forza mentale. C'è un modo per potenziarla in quella zona fino a quando può da sola ?" chiese Derrick.

Shelby rimase in silenzio per un momento, poi Mary apparve accanto a lei. "C'è un modo, sire, anche se temo che ci sia un po' di dolore." Maria ha affermato.

Gli occhi di Lucie si spalancarono quando Mary accennò al dolore, poi i suoi lineamenti si irrigidirono. "Io... io sono disposto a sopportare il dolore; non può essere peggio che ascoltare ancora la voce che supplica."

Derrick annuì, poi guardò verso la porta un preoccupato Johnathon Hartwell. "Quando dici dolore Mary quanto intensamente stai parlando?" chiese Johnathon.

Mary rimase in silenzio per alcuni istanti, poi affermò. "Ho cercato nei registri. C'è un vecchio dolore
indice di valutazione da uno a quattro. Stimando la quantità di stress mentale e fisico, direi che è di circa 2,5." Quando Lucie mostrò solo confusione, Mary sospirò. "In confronto è un po' come avere diverse piccole fiamme che ti sfiorano appena la pelle dappertutto. Un dolore strano, angosciante, istantaneo e straziante."

Per un momento Derrick pensò che Lucie stesse per uscire di corsa dalla stanza quando il suo labbro inferiore iniziò a tremare. Silenzio ancora qualche istante Lucie alla fine si fece avanti, "Lo farò. Non può essere peggio di quello che quel bastardo malato di Duca ha cercato di farmi. Se posso resistere, non sarà niente!"

Johnathon Hartwell iniziò a ringhiare: "Se è l'ultima cosa che faccio, ucciderò quel figlio di puttana!"

Gli occhi di Derrick erano socchiusi mentre guardava Johnathon. "Finché lo so e tu non hai intenzione di andarci da solo allora sono d'accordo con te."

Johnathon sorrise mentre guardava Derrick. "Finché mi lascerai ammazzare il culo, allora non avremo problemi. Gli devo un sacco di morte per quello che ha fatto alla mia famiglia!"

Derrick sorrise mentre diceva a Johnathon: "Ora che non ho problemi!" Avvicinandosi a una consolle, Derrick rimase lì per un momento a leggere qualcosa sullo schermo. Poi, con velocità quasi disumana, stava digitando i miglioramenti. "Penso che questo ridurrà un po' il dolore. Niente di grave come quello che stava descrivendo Mary."

"Non ci vorranno più di pochi minuti per preparare l'apparato", disse Holo-Shelby a tutti loro.

Pochi istanti dopo Mary alzò lo sguardo facendo cenno a Lucie. "Per favore, siediti qui, non dovrebbero volerci più di due minuti."

Lucie annuì mentre si sedeva esitante sulla sedia che Mary le aveva indicato. Un tubo sottile usciva dal muro che aveva un'estremità appiattita. Muovendosi avanti e indietro vicino alla sua testa emetteva una strana luce verde. Lucie si è seduta lì con una smorfia sul viso all'inizio, anche se dopo che è iniziata ha iniziato a sorridere e a ridacchiare un po'. Alla fine, quando finì e si spense, Lucie stava per cadere dalla sedia, stava ridendo così forte.

Johnathon, in piedi accanto a Derrick, indicò Lucie con un cenno del capo verso di lei, disse: "Grazie per questo. Per quanto ne so che ha passato, se lo meritava".

"Se è così sensibile come penso che sia, meriterà molto di più di questo." disse Derrick mentre dava una pacca sulla spalla a Johnathon.

Finalmente sopra il suo scoppio di risate, gli occhi di Lucie si spalancarono all'improvviso mentre ancora una volta inclinava la testa di lato.

"Ciao? Sì, ti sento. Sembri così lontano! Sei quello che ho sentito prima? Sì, sono con lui, glielo dirò, ok." Sorpresa Lucie si voltò verso Derrick con la bocca spalancata. "È così lontana! È stata sola per così tanto tempo. Anche lei si sente debole, ma molto più debole di quella che ho sentito dire prima..." Lucie si fermò mentre inclinava la testa nella direzione opposta. "Sì, ti sento! Sì, è qui. Glielo dirò appena posso!"

Gli occhi di Derrick erano spalancati per l'incredulità, non aveva sentito né sentito nulla! Qui aveva sentito due navi che erano nelle loro scatole cerebrali! Dannazione Shelby era l'unica che avesse mai sentito ancora nel suo palco! Lucie si avvicinò a Derrick, poi si inchinò davanti a lui con gli occhi un po' vitrei per lo strano sguardo sul suo viso.

"Sire, ti porto due messaggi. Il primo è di un'intelligenza artificiale vicino a dove si è svolta la tua recente battaglia. Ha detto che l'energia della battaglia le ha permesso di ricaricarsi molto più dell'energia solare. La sua rigenerazione è iniziata per alcuni minuti poi si è spento. I pochi metri in più della nave le hanno permesso di allungare la mano. È debole però e questo esercizio non ha aiutato. Ha detto che mi ha sentito o non ci avrebbe provato. disse Lucie ancora in trance.

Derrick annuì accettando qualsiasi cosa ora, sembrava che fosse possibile molto di più di quanto avesse pensato. "Ci imbarcheremo al più presto per trovarla. Il secondo messaggio?"

Voltandosi verso Derrick, le lacrime iniziarono a sgorgare dagli occhi di Lucie. "Ha detto che dovevo dirti che si vergognava così tanto per averti deluso, sire. Dice che l'hai resa così orgogliosa di servirti. Ha anche detto che sa che gli altri la prenderanno in giro per il suo fallimento." Ora le lacrime stavano scendendo più forte mentre si girava verso l'olo-Shelby. "Ha detto di dirti che le dispiace di essere stata la vergogna dei tuoi figli. Dice che dovresti lasciarla andare, ha accettato che morirà da sola, un fallimento."

Gli occhi di Derrick si spalancarono mentre sussurrava: "Lucy!" Andando verso Lucie, Derrick iniziò a sussurrarle all'orecchio. Anche Holo-Shelby aveva le lacrime agli occhi. Come poteva sua figlia arrendersi? Dopo tutte le cose meravigliose che aveva fatto. NO! Non l'avrebbe mai rilasciata!

Lucie stava annuendo per tutto il tempo in cui Derrick le sussurrava all'orecchio. Derrick si era chiesto perché ci fosse voluto così tanto tempo per la rigenerazione di Lucy, ora lo sapeva. "Sì Sire," disse Lucie. "Sto trasmettendo il tuo messaggio ora. Sì! Lo ha detto. Puoi vedere tutto quello che sono; sai che non mento! Solo se prometti, no! Devi prometterlo e mantenerlo! Bene, ricorda cosa ha detto, adesso sbrigati!"

Voltandosi verso Derrick si asciugò gli occhi, gli fece cenno di sì mentre lo sguardo simile alla trance passava, poi svenne con un profondo sospiro tra le sue braccia!

Shelby andò da Derrick e lo aiutò a mettere la giovane donna priva di sensi su un divano. "Sento un forte polso, sorella Shelby? Stai rilevando effetti negativi del raggio di onde cerebrali?"

Holo-Shelby scrutò Lucie, "No, anche se sto leggendo che è molto debole. Da quello che sto leggendo non mangia da quasi due giorni!"

Shelby guardò Johnathon e quasi gli ringhiò: "Due giorni! È stata con te quasi uno di quei giorni e non hai pensato di darle da mangiare?! Dovrei farti punire per questo! Anche se le farebbe male, quindi, sei stato fortunato. Johnathon Joseph Hartwell! Se fai di nuovo qualcosa del genere, potrei dimenticare chi è tua sorella e farti portare nel cortile reale delle esecuzioni/punizioni. Allora ti farò punire! Considerati avvertito." Johnathon stava indietreggiando mentre gli occhi di Shelby lampeggiavano.

Abbassando la testa, Shelby lo sentì mormorare, "Forse dovresti comunque io non sono il miglior fratello..." Più veloce di chiunque tranne Derrick potesse seguirlo, Shelby si alzò, attraversò la stanza e poi cominciò a picchiare Johnathon sul culo!

I suoi occhi ancora lampeggianti Shelby gli puntò un dito contro. "Se mai sentirò di nuovo sciocchezze del genere dalla tua bocca." Qui guardò la giovane donna sul divano, poi si voltò di nuovo verso di lui. "Farò molto peggio di quello che ti ha fatto Derrick. Posso essere l'Imperatrice, ma non sono una donna indifesa, come spero tu abbia appena imparato!"

Derrick aveva un enorme sorriso stampato in faccia mentre guardava Hartwell massaggiarsi il lato del viso. Santo cielo pensò Hartwell!
Con cosa diavolo l'aveva colpito? Sembrava che fosse appena stato investito. Dopo essersi rimesso in piedi, Hartwell le fece un inchino.

"Non lo sentirai più da me, non mentre sei in tua presenza, Imperatrice." Johnaton ha detto.

Gli occhi di Shelby si strinsero mentre fissava Johnathon. C'era qualcosa di sospetto nel modo in cui l'aveva detto.

Derrick annuì alle parole di Johnathon, poi si rivolse a Holo-Shelby. "Per quanto..."

"Almeno altri quattro giorni, Derrick. Sembra che qualunque cosa sia appena successa abbia aiutato." Glielo disse Holo-Shelby.

Derrick stava annuendo: "Trasferisci Lucie all'infermeria uno, iniziala con le sostanze nutritive finché non si sveglia, quindi assicurati che mangi. Se non chiederà a Shelby di convincerla. Penso che la ascolterà molto meglio di Me."

"Non credo, Derrick," disse la voce di Shelby. "Ha molto più rispetto per te che per me. Credo che farà più per te che per me. Dopotutto ti conosce da molto più tempo di me. A proposito, com'è la tua faccia?"

"Vivrò; dopotutto ne avevo bisogno, per farmi tornare un po' di buon senso. Anche se penso che ci vorrà molto più tempo per Johnathon per riprendersi." Quest'ultima parte sussurrò all'orecchio di Shelby facendola ridere.

"Non pensi che sia stato troppo duro, vero Derrick?" sussurrò Shelby.

«No», sussurrò Derrick in risposta. Semmai, dopo che si sarà ripreso, potrebbe essere un ufficiale molto migliore".

_________________________________________________

Kimison imprecava e si infuriava sul ponte all'interno di Tempro. Perché diavolo lui e Rayburn stavano facendo così fatica a decodificare il processo di trasferimento? Sbattendo la mano contro il muro, ha urlato e poi ha urlato quando ha sentito diverse ossa nella sua mano spezzarsi!

"Davvero ottimo!" Tempro disse non appena Kimison fu al sicuro nel letto biologico situato nell'infermeria. "Se continui a farti del male in questo modo potresti non concludere mai niente! Questo è il quinto caso in cui ti sei rotto la parte scheletrica interna di una mano. Per favore, se continua così dovrò riferirlo all'Imperatore! "

La testa di Kimison si girò di scatto per fissare Tempro. "Fai così e lui potrebbe allontanarmi definitivamente da te. Allora davvero non riuscirò a fare niente!"

Sospirando Tempro ha risposto: "Mi dispiace primo ma sono le regole che ha stabilito. Ora per favore stai fermo, ci vorranno alcuni giorni prima che il letto biologico sia finito".

Rayburn ha potuto solo scuotere la testa dopo lo scambio che Tempro e Kimison hanno avuto. Era stato tentato di fare quasi la stessa cosa. Scuotendo la testa, i suoi occhi si spalancarono per un momento mentre pensava, o era Kimison? Avevano ancora quel dannato legame, era del tutto possibile.

Esaminando ciò su cui Kimison stava lavorando, Rayburn notò che l'uomo aveva scoperto qualcosa. "Tempro?" Rayburn ha chiamato dopo alcuni minuti di lettura.

"Sì primo?" disse Tempro appena comparso.

"Pensavo di averti chiesto di non chiamarmi così. Non sono stato elevato a quello status né dalla valutazione né dall'imperatore. Inoltre né Kimison né io abbiamo un vero legame mentale con te." Rayburn ha detto all'ologramma.

Sospirando, Tempro annuì, gli era sfuggito il numero primo. Entrambi questi brillanti umani erano vicini a un numero primo come pensava di ottenere. "Chiedo scusa al sergente Rayburn; anch'io sono stato solo per molto tempo. Entrambi siete molto stimolanti per i miei circuiti. Mi manchereste moltissimo se uno o entrambi mi lasciaste."

Rayburn stava annuendo senza prestare molta attenzione a Tempro. Aveva continuato a leggere e stava iniziando a immergersi in quello che aveva fatto Kimison. Da quello che poteva vedere Kimison aveva risolto quasi tutti i problemi che avevano incontrato con il reverse engineering. Il programma di trasferimento aveva impiegato un bel po' di tempo per essere riscritto poiché il vecchio programma aveva una miriade di problemi.

Esaminando di nuovo tutto, Kimison iniziò a cambiare alcune righe controllando con Tempro ogni pochi minuti. Fermandosi qualche ora dopo Rayburn andò a vedere come stava Kimison. "Sono venuto a vedere come stai." disse Rayburn con un sorriso.

Gemendo Kimison gli puntò contro un dito. "Non trattarmi con condiscendenza! So che hai lavorato su quello che ero io. Bene?" sbottò Kimison.

"Capisco dove stavi andando. Considerando che hai eliminato quasi tutti i blocchi che ci stavano fermando, non male." disse Rayburn.

"Non male?! Se potessi alzarmi ti prenderei a calci in culo! Ci ho passato settimane! Anche molto prima che avessimo finito con l'Imperatrice!" Kimison ringhiò.

"Credo sia per questo che alla fine hai fatto qualche errore. Cercavi di fare tutto in una volta. Anche da intelligenti come noi capita quando uno è stanco." rispose Rayburn

"Stanco!? Dovrei... aspettare un attimo!" Kimison ha detto shock evidente nella sua voce. "Hai detto che ho eliminato quasi TUTTI i blocchi? Era davvero un complimento?"

Rayburn poté solo annuire, aveva scoperto di essere stanco di litigare. Lui e Kimison ci lavoravano da anni, ora con l'intelligenza aggiunta ha scoperto che solo questo si metteva in mezzo. "Ho aggiunto a quello che hai fatto, per chiarire meglio l'effetto. Ce ne sono almeno altri quattro che dobbiamo superare, e poi penso che possiamo eseguire simulazioni."

La bocca di Kimison era spalancata, questo era quanto di più civile che Rayburn fosse mai stato. Pensandoci un momento, Kimison ha pensato che fosse meglio guardarlo anche se questo Rayburn mi piace molto di più.

Rayburn notò l'espressione di shock, preoccupazione e poi sospetto sul volto di Kimison. "Senti, sono stanco dei litigi verbali. Tu ed io siamo stati così per molto tempo. Quando eravamo più giovani sì, era divertente discutere con te, non ora. Davvero non voglio più. sembra una perdita di tempo quando potremmo risolvere problemi più grandi. Pensaci se è troppo poi me ne andrò, alla fine. Come ho detto sono stanco." Detto questo, Rayburn se ne andò lasciando dietro di sé uno spaventato Kimison.

Dopo di che ci fu una pace inquieta all'interno di Tempro. Nessuno dei due voleva davvero parlare di quello che era successo, né era stato detto in infermeria. Lo stesso Tempro aveva quasi paura di attirare l'attenzione su qualsiasi cosa, sconvolgendo la fragile pace.

__________________________________________


Sono passati diversi giorni mentre Derrick e Shelby stavano lavorando a tutto l'arretrato di decreti. Erano finalmente a pochi anni dal presente. Derrick era più che impressionato dalla conoscenza di Shelby. Doveva ammettere che era veloce e intelligente quanto lui, beh, fino a un certo punto. Era sicuro però che avrebbe imparato in fretta, come sembrava.

Entrambi si erano appena presi una pausa e stavano camminando discutendo di piani futuri quando suonò un allarme ormai familiare. Shelby apparve un attimo dopo davanti a loro.

"Derrick, Shelby?" ha dichiarato Holo-Shelby.

Un ampio sorriso apparve sui volti sia di Derrick che di Shelby. "Finalmente è ora!" Un estatico Derrick quasi gridò. Annuendo a Holo-Shelby entrambi strizzarono l'occhio, apparendo nel centro di comando.

C'era dell'elettricità statica che usciva dagli altoparlanti, poi Derrick sorrise enormemente quando la voce di Lucy, che si stava lentamente sviluppando, uscì dagli altoparlanti. "Mamma? Ti sento, mi senti?"

"Sì, posso mia figlia!" Dichiarò un eccitato Holo-Shelby.

"C'è l'imperatore? Desidero ringraziarlo per il messaggio che mi ha dato." Lucia ha risposto.

"Sì, è qui, così come l'Imperatrice!" ha dichiarato Holo-Shelby.

"La... l'Imperatrice?" Hanno sentito Lucy balbettare. "Sembra che sia stato via per un bel po'."

"Qualsiasi periodo di tempo in cui uno di voi non c'è, è troppo lungo." quasi sussurrò Holo-Shelby.

Derrick fece cenno a Holo-Shelby che annuì e poi disse. "Derrick desidera parlarti, ti suggerisco di lasciarlo finire prima di parlare."

"Sì mamma, proverò a farlo." Una voce tremante disse Lucy.

Qualcuno bussò alla porta aperta quando Derrick fece cenno a Lucie di entrare. ." iniziò Derrick.

Dietro di lui apparvero tutti gli ologrammi delle altre tredici astronavi che ascoltavano intensamente quanto veniva detto. Holo-Shelby così come Shelby avevano le lacrime agli occhi come sembrava il resto degli ologrammi della nave. Un enorme senso di orgoglio che scorre nella stanza.

"Il coraggio che hai mostrato è stato a dir poco eroico." Qui Derrick chinò la testa, "Io... mi dispiace di averti deluso Lucy, no. Ti ho deluso come ho fatto con tutte le navi. Avevo troppa fretta; siete in quindici
Ora; che non accadrà più. Siete l'orgoglio dell'impero e io non sono più orgoglioso di tutte voi navi di quanto lo sia oggi. Oggi è tornato un eroe; un eroe che onoreremo per sempre!"

Ci fu un sussulto dagli altoparlanti, poi un leggero singhiozzo. "Non sono un eroe Sire; ho fatto quello che dovevo, per proteggerti. Ero orgoglioso che tu mi avessi scelto per la missione, che potessi fare il mio dovere nei tuoi confronti. Ero distrutto ma ero orgoglioso di sacrificarmi per te ." Disse Lucy, che suonava traballante.

"Penso di parlare per tutti i miei figli e mio fratello." ha dichiarato Holo-Shelby. "Siamo tutti orgogliosi di te. Per fare quello che hai fatto da solo, ci vuole più del coraggio e della dedizione. Sono così orgoglioso di chiamarti mia figlia!"

Di nuovo ci fu un sussulto dagli altoparlanti. "Sono stato un tale fallimento prima? Come?"

Sia Conner che Zan hanno parlato. "Sorella, stai zitta e tranne per il fatto che hai fatto una cosa semplicemente eroica. Siamo TUTTI orgogliosi che tu sia nostra sorella!" Zan ha dichiarato.

"Sì guarisci, sbrigati e unisciti a noi! Non è la stessa cosa senza di te!" disse Conner.

Tra sussulti felici le dissero tutti che erano fieri di lei; Alla fine Lucy rispose. "Mi sbrigherò."

"Sono anche orgoglioso di te Lucy come tua imperatrice, voglio anche che ti sbrighi e torni, abbiamo bisogno di te." Shelby ha detto.

"Madre?" chiese una sorpresa Lucy.

"Sì e no, vedrai. Riposati e parleremo più tardi", disse Shelby con un sorriso.

Storie simili

Divertimento per il pigiama party_(0)

Se non credi nel materiale dei ragazzi questa non è una storia per te. Per favore, dammi un feedback perché questa è la mia prima storia. Ciao, sono Charlie. Sono un ragazzo di 14 anni con i capelli castani. Sono alto 1,70 e ragionevolmente magro. Ho gli occhi verde-blu e mi sono sempre considerata etero, ma ogni tanto fantastico sui ragazzi. Quindi vi racconterò una piccola storia di quello che è successo non molto tempo fa..... Erano le vacanze e finora mi ero rilassato, ma mi stavo annoiando, così ho chiamato due dei miei amici e ho chiesto loro se volevano...

436 I più visti

Likes 0

Andare a letto con la babysitter Capitolo 01

LETTO DELLA BABYSITTER Trama: Una vicina lesbica usa Internet per sedurre la sua innocente babysitter. Nota: anche se pubblicata nel settembre del 2010, questa storia è stata completamente riscritta nell'ottobre del 2012. Nota 2: Grazie a MAB7991 e LaRacasse per l'editing. LETTO DELLA BABYSITTER Mi chiamo Megan. Sono una donna single di 35 anni con un bambino di due anni. Jenny era la perfetta babysitter. Frequenta una scuola privata e indossa sempre la gonna scozzese e calze di nylon alte fino al ginocchio (ho trovato interessante che indossasse calze di nylon alte fino al ginocchio e non calzini come la maggior...

1.2K I più visti

Likes 0

Ma tesoro, era solo un ballo, la storia di Linda

Sequel di; Ma tesoro, era solo un ballo. Linda racconta la sua storia a un amico. Nota: non c'è sesso in questa storia A tutti i lettori che hanno chiesto di rispondere alle domande, grazie. Ma tesoro, era solo un ballo Il seguito Un altro inverno di Chicago era storia. Oggi è stato il primo vero giorno di primavera. Quando Linda uscì, sentì l'odore dell'aria fresca e pulita del mattino. Ricorda il suono della pioggia primaverile sul tetto mentre lei e suo marito facevano l'amore la sera prima e come si aggiungeva alla sensazione calda e sicura che provava tra le...

865 I più visti

Likes 0

La prima volta che condivido mia moglie

Beh, davvero non so come iniziare questa storia, quindi entriamoci subito dentro. Questa è una vera storia vera che è accaduta e ora la condivido con tutti voi ragazzi. Dopo aver finito di leggere questa storia e sei interessato a foto o video, inviami un'e-mail a [email protected]. Quindi la mia storia è iniziata circa 2 anni dopo essermi sposata. Ma prima di entrare nei dettagli pesanti, lascia che ti spieghi di noi. Mi chiamo Ethan e sono un maschio ispanico di 25 anni e mia moglie Angelina è una femmina ispanica di 22 anni. Siamo usciti insieme dai tempi del liceo...

807 I più visti

Likes 0

La mia giornata con James

James e io ci siamo incontrati tramite un annuncio craigslist che avevo pubblicato alcune settimane prima, ma non ci siamo mai incontrati. Abbiamo inviato un'e-mail di risposta e di quarto per circa una settimana prima che decidessi finalmente che ero pronto per incontrarci. Il mio cuore batteva forte e le mie mani tremavano mentre ho digitato il messaggio che avrebbe cambiato tutto. Ehi, penso di essere pronto per farlo. James ha risposto in pochi minuti, Perfetto ho domani libero. Prenderò una stanza d'albergo e ti verrò a prendere domattina, in questo modo possiamo passare l'intera giornata insieme. Il mio cuore ha...

1.9K I più visti

Likes 0

Adoratore di cazzi - Parte 8

Adoratore di cazzi – Parte 8 Così, nell'estate del 1994, decisi di trasferirmi in una piccola città chiamata Alcolu, nella Carolina del Sud, dove viveva un uomo sulla quarantina e sembrava tutto ciò che avrei mai potuto desiderare. Ha detto che aveva un lavoro in programma per me, il che era fantastico. Era molto romantico nelle sue lettere e nelle conversazioni telefoniche e il mio cuore era in subbuglio. I miei genitori erano preoccupati se fosse stata la decisione giusta, ma nonostante ciò, mi hanno organizzato una festa d'addio con tutta la mia famiglia e i miei amici per celebrare la...

2K I più visti

Likes 0

LA DIGA

Oh mio Dio, è bello, gemette Lauren, mentre Alexandra affondava la bocca nella sua figa calda e bianca, lo fai così bene, ti amo così tanto!!! Mmmmmmm, rispose Alex, non volendo distogliere la bocca dal muffy bagnato del suo amante!!! Lauren e Alexandra, amanti da un anno e coinquiline da sei mesi sei mesi, entrambe a ventidue anni, innamorate per la prima volta nella loro vita e affamate l'una dell'altra come solo i giovani amanti sanno essere! Lauren ha inarcato la schiena mentre spingeva forte il suo inguine nella bocca del suo amante, godendosi l'incredibile sensazione di farsi succhiare la vagina...

1.1K I più visti

Likes 0

La nostra vacanza liberatoria - parte 1

Alice e io andavamo in vacanza insieme per diversi anni, due volte all'anno andavamo da qualche parte in Europa per una settimana a prendere il sole poiché nessuno dei nostri partner amava il caldo. Entrambi avevamo un lavoro frenetico e apprezzavamo il relax che una vacanza tra ragazze poteva offrire. Ero una bruna alta, buone ossa, un grande seno, immagino che mi chiameresti amazzonica nella struttura corporea. Alice era minuta, molto bionda, con un bel paio di tette ma molto bella e delicata. Ridevamo sempre insieme, rilassati nella nostra pelle e a nostro agio nello stare insieme, spesso dormivamo nella stessa...

442 I più visti

Likes 0

Circostanze diverse parte 2

Disclaimer: non possiedo Pokemon, nessun personaggio e Pokemon lì dentro. Sai, solo per coprirmi il culo in caso. Meglio prevenire che curare. Nota dell'autore: grazie a tutte le persone che hanno letto il primo capitolo. Questo capitolo è stato molto più lungo di quanto mi aspettassi. Divertiti! –––––––– 'Caro Nicola, È tua sorella, Julian! Ho inviato questa lettera di Taillow perché era più veloce e per congratularmi con te per aver superato l'Accademia Pokemon! Papà dice che hai fatto degli esami orribili...' “Non ho fatto così male. Almeno sono passato..” borbotta Nicholas, continuando a leggere la lettera che gli era stata...

2.1K I più visti

Likes 0

Infermiera gentile/Infermiera cattiva

Nota dell'autore: ho dovuto ritirare la storia di Pizza Boy perché alla fine l'ho rimpolpata e l'ho venduta a un editore. Volevano una pubblicazione esclusiva per la storia, quindi doveva essere rimossa da qui. Questa sarà probabilmente l'ultima volta che trarrò una storia per un editore, ma questa volta non ho avuto scelta. Cercalo presto su Amazon. Nel frattempo: sto scrivendo qui i miei pensieri iniziali per una storia di Nurse Nasty per vedere che tipo di risposta ottengo dai meravigliosi lettori di questo sito. Se ricevo buoni commenti, finirò la storia e la pubblicherò in un secondo momento. Anche la...

939 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.