I miei anni universitari - Parte 1

752Report
I miei anni universitari - Parte 1

Immagino che dovrei iniziare con il mio primo giorno di college così posso gettare le basi.

Ho fatto domanda a cinque diversi college e ho ricevuto cinque lettere di accettazione. I miei voti erano molto buoni e anche i miei punteggi SAT. Avrei potuto frequentare una scuola molto migliore della mia, ma la tasca di mio padre era la mia preoccupazione principale.

Ho scelto una nota università statale che rimarrà anonima. Inutile dire che era una grande scuola che allora era ben nota per le feste. Che tu ci creda o no, ero l'unico a non saperlo in quel momento.

I miei genitori mi hanno seguito all'università con il camion di mio padre. Grazie a Dio quel giorno non ha piovuto perché la maggior parte della mia roba era nel retro.

All'arrivo siamo stati accolti dai soliti compagni di classe superiore e ci hanno mostrato la mia stanza del dormitorio. Papà si è subito arrabbiato perché era studente. La ragazza che ci ha mostrato in giro ha spiegato che siamo segregati.

"Le ragazze sono su un piano e i ragazzi sull'altro. Non impediamo ai ragazzi di visitare le ragazze o viceversa, ma almeno non facciamo la doccia insieme", ha riso.

Questo non ha davvero fatto sentire mio padre tutto caldo e confuso dentro. Fortunatamente notare che alcuni dei giocatori di football si stavano trasferendo lo distrasse; mio padre è un maniaco dello sport.

I miei genitori sono rimasti fino a dopo pranzo; poi ho detto loro "probabilmente dovrei disfare i bagagli e andare in giro per il campus per scoprire dove sono le cose".

Ho ricevuto una lezione severa da papà che "Sei qui per un'istruzione; e devi tenere gli occhi sulla palla". Mio padre dice sempre cose come "Devi tenere gli occhi sulla palla", come se sapessi davvero cosa cazzo significa.

"Lo farò" sorrisi.

La mamma ha iniziato a piangere e poi ho iniziato a piangere, mio ​​​​papà sospirava perché stavamo piangendo; è andato tutto a puttane. Alla fine ci siamo dati abbracci e baci e ho visto dell'acqua zampillare negli occhi di papà.

"Chiamerò tutte le sere e tornerò a casa il più possibile nei fine settimana".

Non avevo intenzione di tornare a casa nei fine settimana; bastavano le vacanze. Non avevo bisogno di dirglielo però.

"Voglio dire merda; papà è un dittatore; ora sono libero".

I miei genitori se ne sono andati così ho iniziato a disfare i bagagli. Sapevo che il nome della mia compagna di stanza era Sandy, anche se non si vedeva da nessuna parte. Apparentemente era venuta il giorno prima perché il suo lato della stanza era già formale e appropriato.

"Dall'aspetto delle cose potrebbe essere un po' troppo ordinata per i miei gusti". Ho pensato.

In qualche modo ero stato messo nel dormitorio degli atleti. Penso che sia stato perché ho accettato così tardi l'offerta della scuola. Avevo chiuso con la corsa su pista; i miei tempi non mi avrebbero comunque guadagnato un posto in questa squadra. Correvo ancora ogni mattina anche se non per competizione; era così che potevo mangiare la pizza e non sentirmi in colpa.

La stanza era più grande di quanto pensassi che avrebbe avuto due letti, un lavandino e un posto per un forno a microonde e stoviglie.

"Bene, posso riscaldare la mia scorta di una gran quantità di noodles e non dovrò nemmeno lasciare la stanza".

Però c'era solo un armadio e speravo che la mia coinquilina mi avesse lasciato un po' di spazio. Ho raccolto circa quattro cose insieme per riattaccare e stavo lottando per tenerle; quando l'ho visto.

"Oh cazzo, questo non può essere!"

Lì nel mio armadio; nel MIO armadio, c'era un nuovo vestito da cheerleader perfettamente stirato e lucente.

"Cosa ho fatto a Dio per meritarmi questo"?

"Fantastico, vado in camera con una cheerleader snob, troia, puttana". Ti ho mai detto che odio le cheerleader? Dopo un'attenta riflessione ho considerato che potevo sbagliarmi.

"Potrebbe essere una brava ragazza; non una snob che cercherà di rubare qualsiasi ragazzo con cui mi vede. Sì e forse vincerò anche la fottuta lotteria".

Ho disfatto le mie cose, ho rifatto il letto e ho tirato fuori le mie necessità femminili prima di partire per esplorare il campus. In ogni posto in cui andavo c'era un liceale che mi salutava e mi diceva dov'ero; e perché avevo bisogno di sapere dov'ero.

Speravo di incontrare qualcuno che conoscesse le corde e mi mostrasse in giro, ma non l'ho mai fatto; e ho dovuto dibattermi da solo. Mi diressi verso la biblioteca e il superiore sembrava piuttosto popolare.

Le ragazze si affollavano intorno a questo ragazzo; Ho cercato di superarlo ed entrare nell'edificio quando mi ha afferrato per un braccio.

"Ciao, mi chiamo Bill."

All'epoca non lo sapevo, ma stavo stringendo la mano dell'uomo che avrebbe cambiato la mia vita per sempre. Avrebbe infranto tutte le fondamenta che i miei genitori hanno cercato di instillarmi per diciotto anni.

All'istante non mi è piaciuto; un ragazzo che ha così tante donne che lo adulano deve essere falso o un maiale pretenzioso. Gli sorrisi mentre gli stringevo la mano; poi lo allontanò rapidamente dalla mia mente.

Dopo aver passato l'intero pomeriggio a passeggiare per il campus, avevo fame, quindi sono andato in mensa. Sono rimasto molto colpito; c'era di tutto e soprattutto facevano una bella fetta.

Ho comprato una fetta di pizza e mi sono seduto da solo. Una ragazza ha chiesto se poteva unirsi a me. Ci siamo presentati e abbiamo avuto una di quelle chat in cui in realtà non dici niente. L'unica cosa che ho trovato degno di nota è stato il nome di un simpatico professore seduto sulla parete di fondo.

Ero piuttosto eccitato quando ho scoperto che sarebbe stato uno dei miei insegnanti. Non ci volle molto prima che si facesse buio e dissi gentilmente che avrei dovuto tornare al dormitorio.

Mentre camminavo pensavo al simpatico professore. Era giovane e mi chiedevo se ce ne fossero molti come lui. Prima che me ne rendessi conto ero di nuovo al dormitorio.

La mia mente è tornata di nuovo al fatto "Ora sono un compagno di stanza di una cheerleader".

Speravo davvero che fosse brutta, ma una persona molto simpatica. Quando sono entrato nella mia stanza lei era lì a piegare dei vestiti; il mio spirito è affondato. Questa ragazza era una delle ragazze più belle che avessi mai visto. Mi sono subito sentito inferiore e un po 'brutto. Era una bionda alta con un petto molto più grande del mio.

Quando sono entrato nella stanza si è girata e ha sorriso "Megan".

"Sì, e tu devi essere Sandy".

Ci siamo stretti la mano e lei ha fatto una tirata su quanto fosse bello qui; e com'era felice che io fossi la sua compagna di stanza.

Ho pensato che fosse nervosa; "Voglio dire, perché dovrebbe essere felice che io sia la sua coinquilina; a parte il fatto che non rappresento una minaccia per lei?"

Come si è scoperto, Sandy è stato davvero gentile; una chiacchierona costante però e mi ha raccontato tutta la sua storia di vita. Ero felice che fosse lei a parlare; ha tolto l'imbarazzo dal nostro primo incontro.

"Sono stata una cheerleader per tutto il liceo. La nostra squadra ha vinto il torneo elite. Sono davvero orgogliosa di essere stata selezionata per far parte della squadra qui".

Non le ho detto come mi sentivo per l'intera faccenda delle cheerleader; Ho solo sorriso. Ha parlato fino a dopo mezzanotte, ma non avevo nessun altro posto dove andare, quindi non mi importava.

È passata circa una settimana e ho incontrato alcune persone con cui chiacchierare a pranzo e nei momenti liberi. Non venivo invitato alle numerose feste che si tenevano nel campus; quindi stavo iniziando a sentirmi un po' giù.

"Sto venendo fuori come uno snob, sembro inavvicinabile, cazzo sono brutto?

Questo è quello che mi è passato per la mente quando mi sono fermato nella mia stanza per prendere un libro di algebra. Ho aperto la porta e Sandy era lì con un amico.

Mi sono bloccato per un secondo; "Sto interrompendo qualcosa"?

"Niente affatto" sorrise.

Il suo amico era il ragazzo della biblioteca, quello che sembrava così popolare. Ho pensato che capisse che questo ragazzo esce con Sandy; è bellissima dopotutto. Andai al mio armadietto e presi il libro di algebra.

"Megan, giusto" ha allungato la mano e io l'ho presa.

"Sì e tu?

Sembrava un po' sorpreso dal fatto che non ricordassi il suo nome.

"Conto".

"Oh sì, ora ricordo che ti ho incontrato fuori dalla biblioteca".

"Vai al corso di algebra"?

"Non ancora la lezione manca tra due ore. Speravo di poter trovare un bel posticino comodo in mezzo al verde per studiare; preferibilmente con un caffelatte".

"Fantastico, mi unisco a te, le mie lezioni sono finite per oggi".

Ho pensato tra me e me che questo ragazzo è pretenzioso; Non l'ho invitato. Ho guardato Sandy. "Vorresti venire anche tu"?

"Devo andare in classe voi due andate avanti".

Siamo usciti dal campus diretti al bar locale e ho ordinato il mio latte macchiato; ordinò una normale tazza di caffè. Mi ha raccontato delle feste a cui era stato e mi ha chiesto se ero stato a qualcuna.

"Sono nuovo qui e, beh, non sono stato invitato."

Ha riso dicendo "Aspetterai molto tempo se vuoi gli inviti; presentati a nessuno importa. A meno che non sia solo una confraternita di inviti; tutte le feste sono aperte a tutti".

Ci siamo seduti sotto un grande olmo; mi ha detto che era al secondo anno in un programma di 5 anni. Non era sicuro se avrebbe trascorso tutto il suo tempo qui; o trasferimento ad altra scuola.

"Sandy si arrabbierà se andrai in un'altra scuola"?

Ha riso "Stai pescando per vedere se io e Sandy abbiamo una relazione"?

Ho risposto un po' troppo in fretta; "No, no, ho solo pensato a quanto eri vicino seduto accanto a lei sul letto".

Rise di nuovo; Mi piaceva la sua risata, era genuina.

"No, sono troppo giovane per avere qualsiasi tipo di relazione seria; ho solo amici. Alcuni amici sono più vicini di altri" disse con un sorriso malizioso. "Allora gli altri sono solo amici come Sandy. Io sono amico di suo fratello; lui è un anziano qui.

Annuii in segno di riconoscimento.

"Ti dico una cosa; ti darò il tuo primo invito anche se non ne hai davvero bisogno".

"Andremo come amici o amici intimi? Ho chiesto con il mio sorriso malizioso.

Rise ancora una volta; "Perché non iniziamo come amici. Poi, se decidi di essere mio caro amico, attraverseremo quel ponte.

Si è organizzato per venirmi a prendere in camera mia alle sette; e come ogni ragazzina mi stavo stressando su cosa indossare.

"Sandy cosa pensi che dovrei indossare"?

"Vestiti bene; stai andando con Bill e dovrai tenere lontani gli avvoltoi. L'unico modo per farlo è vestirti bene".

Ha iniziato a frugare nel mio armadio e ha scelto un vestito nero corto. L'avevo etichettato come "Fai girare la testa ai ragazzi". "Pensi che questo vestito possa dire più di quanto dovrei dire in questo momento"?

Lei ha risposto gettando il mio vestito sul letto insieme a un paio di tacchi aperti. Sul mio cassetto delle prelibatezze; tirò fuori un paio di calze autoreggenti nere e un perizoma nero. Muovendosi molto velocemente ora aprì il suo baule e afferrò un grosso fermaglio di rame; tutto è andato sul letto con il vestito.

"Adesso vestiti, così posso pettinarti".

Feci come mi era stato detto e lei mi fece sedere per spazzolarmi i capelli. Lo tirò indietro e vi inserì il fermaglio di rame.

Guardandosi allo specchio disse "Ecco che dovrebbe tenere lontani gli avvoltoi".

Mi è sembrato che diventa piuttosto seria quando è il momento di scegliere qualcosa da indossare. "Forse dovrei astenermi dal chiedere la sua opinione la prossima volta" pensai.

Bill si presentò con mezz'ora di ritardo; è stata una fortuna che non ci frequentassimo o sarebbe stato nei guai.

"Sono le sette e mezza adesso Bill non le sette".

"Vedi, è per questo che non ho una ragazza" ha riso.

"Da quello che ho sentito hai molte amiche ragazze"

"Sì, immagino che potresti dirlo" sorrise.

Stavamo andando alla festa parlando, ridendo e divertendoci quando all'improvviso ha detto "Fanculo".

Gli ho dato uno sguardo interrogativo prima che dicesse "Andiamo in un posto e conosciamoci".

Gli ho lanciato uno sguardo "non credo".

"Non così voglio entrare nella tua testa; conoscerti. Entrare nelle tue mutandine può venire dopo" aggiunse con una risata.

"Dove vuoi andare"?

"Conosco bene il posto" mi assicurò.

Mi ha portato in un bar e presto ho capito che in nessun modo sarei stato servito.

"Ho solo diciotto anni e ne dimostro una quindicina; non funzionerà".

"Cosa ha detto?

"Potresti essere in grado di essere servito; ma non è possibile che mi servano".

"Non siamo qui per l'alcol; ti ho portato qui perché è tranquillo e hanno un ragazzo al piano".

"Siamo passati dall'andare a una festa e ballare dove tutti sono sicuri di ubriacarsi; a bere soda e ascoltare un pianoforte"?

Questa non era la mia idea di divertimento, ma l'ho assecondata.

La nostra conversazione è iniziata piuttosto bene. Mi ha raccontato della sua infanzia e di alcune delle cose più folli che aveva fatto al liceo.

È diventato un po' strano quando ha chiesto "Cosa fai per divertirti"?

"Non lo so; non molto credo".

"Dai, puoi fare di meglio. Ti piace ballare"?

"Sì, mi piace ballare".

"Bene, non è così difficile; ti piace fare festa"?

"Mi piace festeggiare".

"Va bene ora sii perfettamente onesto con me; cosa ti piace fare più di ogni altra cosa al mondo"?

Mi sono imbattuto in quella domanda; Non riuscivo davvero a trovare una risposta.

"A meno che tu non sia stato abusato o non sia stato con un buon amante; la tua risposta deve essere il sesso".

"Err va bene" dissi.

"Bene ora che siamo entrambi d'accordo sul fatto che il sesso è la cosa più piacevole che puoi fare, parlami della tua vita sessuale".

"Vaffanculo che è personale"

"Dai ti racconto il mio".

Dopo molte persuasioni ho iniziato a raccontargli le mie esperienze sessuali. Aveva un modo di fare che lo rendeva eccitante piuttosto che imbarazzante.

Si illuminava quando gli raccontavo di ogni nuova esperienza; e sonda per tutti i dettagli.

"È così strano che sto dicendo a un ragazzo che conosco a malapena; tutte le cose che dovrei tenere segrete".
Mi fece un sorriso confortante.


Quando gli ho raccontato di una relazione lesbica con un caro amico, mi ha abbracciato amorevolmente. mi sono sentito piangere; ma riuscì a trattenere l'acquedotto.

Cominciarono allora i suoi incontri e meno male che era sera presto; perché i suoi erano molto più estesi dei miei. Li assaporò tutti come se fossero caramelle.

Quando alla fine fu tardi; Ho fatto tutto lo sbadiglio e ho alzato le braccia in aria. Poi mi ha fatto un'offerta che ho quasi accettato. Tuttavia, mi sono sentito un po' intimidito da tutta la sua esperienza, quindi ho rifiutato.

Mi riaccompagnò al dormitorio e mi baciò leggermente sulle labbra. "La tua offerta sta diventando sempre più allettante in questo momento" Riuscii in qualche modo a forzarmi nella mia stanza del dormitorio.

Sandy era lì e sembrava piuttosto ubriaca.

"È fantastico, sarei potuto andare con Bill per una notte piena di sesso fantastico. Invece farò da babysitter a un ubriaco".

Armeggiò per spogliarsi; e armeggiò ancora di più cercando di mettersi il pigiama.

"Avete bisogno di aiuto?"

Mi ha detto più e più volte come può gestirlo; e non aveva bisogno del mio aiuto. Dopo quella che sembrava un'eternità cercando di dirmi quanto fosse bella la sua notte, si addormentò sul mio letto. Era piuttosto dura e sapevo che non l'avrei alzata di nuovo.

"Cazzo è sul mio cuscino preferito". Sono andato a letto e mi sono addormentato pensando a Bill.

Bill sembrava essere in grado di trovarmi ovunque andassi. Mi ha incontrato uscendo dall'aula; mentre andavo in biblioteca e andavo in sala da pranzo.

"Fai qualcosa stasera"? mi ha chiesto a pranzo.

"Non puoi tenermi fuori fino a tardi, ho un laboratorio alle otto del mattino".

"Prometto che ti riporterò a casa presto; ehm, voglio dire a letto presto.

"Bill non mi toglierai le mutandine così facilmente" sorrisi.

"Puoi tenerti le mutandine finché sei nel mio letto" sorrise di rimando.

È arrivato puntuale a prendermi. Ho pensato "Bene, è meglio allenarli presto".

"Ti porto a fare un giro della città con stile".

Era orgoglioso della sua Saab decappottabile nera e mi ha detto il modello, la potenza, le dimensioni del motore, il tipo di ruote e dove l'ha presa. Ho sentito bla, bla bla, bla

"Hai intenzione di guidare o annoiarmi a morte".

Ha riso e ha chiesto "Cosa guidi"?

"Toyota Corolla non chiedetemi altro perché non lo so".

Stavamo guidando per la città e continuava a indicarmi donne sexy.

"Le mie mutandine rimarranno decisamente stanotte".

"Dai non dirmi che non puoi apprezzare una bella donna".

"Apprezzo le donne e non devono necessariamente apparire belle per essere belle".

"Non sto parlando di passare la tua vita con questa donna, sto parlando di essere attratto da lei a scopo sessuale. Puoi onestamente dirmi che quando trolli per i ragazzi, cerchi quelli brutti che sono belli dentro" ?

"Va bene, va bene, capisco il tuo punto".

Ci siamo fermati in un fast food e la ragazza in vetrina era carina; "Cosa pensi di lei"?

Ha sorriso e ha detto "Non importa, volevo solo che tu stessi al gioco".

Si stava avvicinando il buio quando ha detto "Ho una sfida per te".

"Davvero che tipo di osare"?

"Ti sfido a mostrare il prossimo camion che vediamo".

"Sei pazzo perché non fai lampeggiare il prossimo camion"?

Con una risata ha detto "Se flasho qualcuno dovrai tirarmi fuori di prigione. Tu invece puoi flashare chiunque tu voglia e probabilmente fare la sua giornata".

"E se provoco un incidente"?

"Ok, che ne dici di qualcuno che è parcheggiato, ti farebbe sentire meglio? Andiamo, farà venire i brividi a qualcuno e scommetto che ne trarrai un brivido".

Non riesco davvero a spiegare perché ho accettato che lo facesse sembrare così brutto e tabù. Ci siamo fermati e lui si è fermato accanto a un camion fermo. Alzai lo sguardo e vidi che il camionista mi stava guardando; ha persino sorriso.

Non ce l'avrei fatta; ma Bill mi ha pizzicato la gamba. "Andare avanti".

Sorrisi di rimando al camionista e mi alzai la maglietta. I suoi occhi si ingrandirono e fece un sorriso davvero ampio mentre Bill si allontanava.

Mi sentivo euforico; "Come mi hai convinto a farlo"?

È stata una tale eccitazione però e Bill ha trovato altri tre ragazzi per farmi esibire. Quando ho finito di lampeggiare ero super eccitato.

Bill poteva dirlo mentre mi tirava a sé e iniziavamo a baciarci. "Senti la fretta"?

"Mi sta davvero eccitando".

"Dai ho qualcosa di meglio".

Mi ha portato al cinema e abbiamo parcheggiato in fondo al parcheggio. "Ora togliti tutti i vestiti".

"Cosa" ho chiesto?

"Togliteli tutti; pensavate che esibirvi fosse una fretta, pensate solo alla possibilità di essere beccati nudi".

Ero spaventato; ma Bill era così eccitato che mi ha davvero eccitato. Si aprì la cerniera dei pantaloni e tirò fuori il suo cazzo già eretto. "Vuoi spogliarti?". Ho chiesto.

"No solo tu".

Stavo guardando il suo cazzo e lo desideravo così fottutamente. Mi sono tolto il top e poi i jeans. Ho esitato con il mio perizoma così mi ha tirato a sé e mi ha baciato. Era tutto ciò di cui avevo bisogno e anche quello è venuto fuori.

Era buio adesso sotto le luci al neon a una buona distanza dal teatro. Mentre lo guardavo mi ha tirato sopra di lui e abbiamo iniziato a baciarci.

Mi sono alzato e ho abbassato la mia figa bagnata sul suo cazzo. Rimasi senza fiato quando entrò in me, mi sentivo così bene. L'eccitazione, la paura e il mio desiderio mi stavano caricando. Ho iniziato a dondolarmi su di lui e lui gemeva. Mi stava baciando le labbra, il collo e il seno. Ho alzato lo sguardo nervoso; Non ho visto nessuno, ma il mio cuore batteva per la paura.

Mi afferrò per la vita e iniziò a muovermi a ritmo lento. Mi stava succhiando i capezzoli e guidando i miei fianchi. La mia figa era così calda che sembrava in fiamme. Volevo così tanto che lui scendesse dentro di me. Le sue mani e le sue braccia erano davvero forti e il suo cazzo era così duro che era meraviglioso.

Cominciava a spingere ogni volta che mi abbassavo; e il suo gemito si faceva più forte. Il pensiero di fargli piacere mi stava portando al limite. Sapevo che presto sarebbe esploso a causa del suo ritmo crescente.

La paura se n'era andata, quindi ora era solo il mio desiderio. Mi morsi il labbro inferiore mentre la mia schiena si inarcava. Sapevo che stava succedendo qualcosa; ma non riuscivo a concentrarmi su di esso. Lo stavo cavalcando più veloce che potevo quando mi sono messo il pugno in bocca e ho urlato.

Continuava a spingere; muovendomi su e giù spingendomi dentro di me. Lui sobbalzò e mi strinse forte a sé mentre io stringevo i miei muscoli interni più forte che potevo. Potevo sentire il suo cazzo spasmo "Mmm questo è così fottutamente caldo".

Ero sdraiato inerte tra le sue braccia quando ho notato che il tettuccio era abbassato sulla Saab. Qualche volta durante il nostro fare l'amore l'aveva aperto.

"Oh mio Dio" Rotolai via da lui, raccolsi la maglietta e cercai di coprirmi il corpo con essa. Ha messo la retromarcia e siamo partiti; Non potevo sopportare di guardarmi indietro.

Qualcuno mi aveva osservato? Molte persone mi hanno visto? Gli ho dato un pugno sul braccio "Sei uno stronzo".

Ha appena riso e ha detto "Un intero gruppo di persone potrebbe aver lasciato il teatro; giusto in tempo per vedere il climax in uno spettacolo diverso".

Poi tornando a casa mi ha chiesto seriamente; "Hai passato una buona nottata"?

"Non so che in realtà non sia ancora affondato".

"Dai sei bellissima, so che se ti vedessi cavalcare il cazzo di un ragazzo nel parcheggio mi considererei molto fortunato".

Non sapevo ancora come mi sentivo al riguardo mentre mi lasciava e mi dava il bacio della buonanotte.

"Posso vederti domani"?

"Ho scelta"?

"Immagino di no" fu la sua risposta ridente mentre se ne andava.

Ero sdraiato a letto pensando alla notte. "Questo non sono io; non mostro le persone e non faccio sesso in un parcheggio".

Non sapevo cosa ci fosse in lui; perché era così convincente. Era perché era così spontaneo? Era come un ragazzino nella sua eccitazione. Poteva darti uno sguardo così malizioso da farti venire voglia di giocare con lui. Stare con lui quella sera era stato snervante, eppure molto eccitante. Alla fine ho concluso che mi sono divertito con lui; ma avrei dovuto tenerlo a freno; questo era pazzesco.

Il giorno dopo ero in classe e il mio professore preferito è entrato nella stanza sbuffando, sbuffando e tutto sudato. Ovviamente aveva appena finito un allenamento.

"Buongiorno classe" disse mentre si cambiava la camicia in mezzo all'aula. Ha lavorato seriamente su base regolare perché stava molto bene. I suoi addominali erano quindici su una scala da uno a dieci.

Ovviamente questo mi ha fatto pensare di mostrare quei camionisti la sera prima. Stavo pensando se Bill avesse ragione "Sono diventati duri solo guardandomi il seno"?

Mi chiedevo se al professore sarebbe piaciuto se gli avessi mostrato un flash. Sicuramente mi è piaciuto quando ha mostrato la classe. Ho iniziato a pensare di essere nudo in macchina e arrampicarmi sopra Bill. Stavo cominciando a sentire quelle agitazioni; stava diventando più caldo qui.

"Megan"?

Le mani di Bill erano così forti che ho pensato.

"Megan"?

Merda, il professore sta pronunciando il mio nome.

"Ah sì professore" sono riuscito a inciampare. Non avevo nemmeno il mio libro fuori.

"Ti piacerebbe unirti a noi?"

Tutti si erano spostati in prima fila; la mia faccia era così rossa che potevo sentire il fottuto calore. Qualcuno rise mentre mi precipitavo verso di loro.

"Sembra che tu sia profondamente pensieroso; qualcosa che vorresti condividere?"

Tutti gli insegnanti usano quella linea, ho pensato. Gli viene insegnato nella scuola degli insegnanti?

"No signore, non ho niente da condividere mi dispiace". Era tutta colpa di Bill, pensavo.

Sono tornato nel mio dormitorio e riuscivo a malapena a entrare dalla porta. Dovevano esserci undici o dodici donne nella mia stanza. Sandy era lì e stavano parlando tutti insieme.

Probabilmente non lo sai a meno che tu non abbia avuto esperienza personale; ma c'è un certo odore che permea dall'avere più di una cheerleader nella stessa stanza.

Per il naso inesperto potrebbe avere un buon profumo come una raffinata miscela di profumo dolce. A quelli di noi che sanno meglio comunque; puzza di puttana. Averne una dozzina nella stessa stanza puzzava come un bordello.

Mi sono fatto strada fino all'armadietto e ho scambiato un libro di storia con un libro di fisica. Poi ho dovuto spingere la mia via di ritorno. Quelle puttane egoiste egocentriche non mi avevano nemmeno notato; Avevo bisogno di un caffè.

Bill mi ha raggiunto al bar, penso che stesse controllando. Ero in fila quando si è avvicinato di soppiatto dietro di me e mi ha pizzicato sul sedere.

Ho saltato spingendo il mio bacino proprio nel ragazzo di fronte a me. Il ragazzo si voltò per vedere cosa stava succedendo. Mi voltai per urlare a Bill e lui era saltato su una sedia a un tavolo vicino. Era seduto lì con uno sguardo annoiato sul viso; come se non fosse lui la causa di tutta questa scena. Mi voltai indietro con la mia faccia rossa e mi scusai con il ragazzo a cui avevo appena schiaffeggiato la figa. Questa giornata può peggiorare, ho pensato?

Il ragazzo ha pensato che fosse comunque un grande scherzo; ha detto "Non mi dispiaceva affatto; anche se di solito funziona meglio quando vi trovate uno di fronte all'altro".

Mi sono seduto al tavolo con Bill e lui aveva questo sorriso mangiamerda stampato in faccia.

"Sono arrabbiato con te" gli ho detto.

"No, non puoi essere arrabbiato con me, è venerdì."

L'ho guardato come se avesse due teste. "Cosa vuoi dire che è venerdì?"

"Venerdì significa festa; se ce l'hai con me allora non vorrai andarci con me stasera. Megan mia cara; questa è una festa a cui vorrai andare".

"Davvero cosa c'è di così bello in questa festa?"

"Questo è un toga party; niente vestiti, molto bere, ballare e chissà"?

"Sembra interessante."

"Ti danno un lenzuolo quando arrivi e il lenzuolo non dura mai la notte" disse con un sorriso.

Bill era così eccitato che i suoi occhi brillavano di malizia. Ha iniziato a correre fuori dalla porta e ha detto che avrebbe chiamato alle otto per chiamarmi. "Dovrebbero davvero chiudere meglio il manicomio" ho pensato.

La festa era in una confraternita del campus; Bill ha pagato il coperto per noi due. Avevano un cesto della biancheria commerciale dove distribuivano le lenzuola. Bill si è spogliato dei suoi boxer e io mi sono spogliato in reggiseno e perizoma.

Il ragazzo alla porta amava il suo lavoro; lui mi ha guardato e ha detto "Tesoro hai un culo fumante". Questo non ha mai infastidito minimamente Bill; ha appena sorriso e ha detto "Divertiamoci un po'". Bill mi ha aiutato a rilegare correttamente il lenzuolo; questo è il mio primo toga party dopo tutto.

Ci trasferimmo in una grande stanza che aveva tavoli per cibo e bevande allineati su un lato. C'era da mangiare in abbondanza; di tutto, dalla pizza ai broccoli. Al centro del tavolo c'era questa grande ciotola piena di preservativi. Sono arrossita quando l'ho vista.

Un ragazzo carino stava mescolando da bere a un altro tavolo. Dietro di lui gli scaffali erano pieni di bottiglie di alcol in abbondanza. C'erano enormi vasche traboccanti di ghiaccio; e fusti di birra. Avevano un D.J. completo di tutte le apparecchiature e diffusori extra large".

"Wow, questi ragazzi sanno come fare festa".

Era presto e la musica era leggera mentre la gente beveva e chiacchierava. Sembrava uno stato d'animo facile in cui conoscersi.

Bill mi ha portato al bar "Cosa vuoi bere?"

Ho guardato il simpatico barista "Puoi prepararmi un tè freddo di Long Island, per favore? Non ne ho mai avuto uno e ho sempre voluto provarlo".

"Certo, qualsiasi cosa per la bella signora".

Bill mi stava presentando alla gente quando ho iniziato a tossire e sputare. "Questa bevanda sa di gasolio; penso che vomiterò"

Ha riso e ha detto "Resta qui ti prenderò qualcosa che ti piacerà".

La nuova bevanda che mi diede non sapeva affatto di alcol; era dolce e aspro allo stesso tempo.

"Cosa c'è Bill?"

"Non so se è un pugno che fanno per le ragazze che non riescono a sopportare il tè freddo di Long Island".

Gli ho dato un pugno sul braccio. Abbiamo mangiato una fetta di pizza e qualche altro drink. La festa stava procedendo; con la musica sempre più veloce e il parlare più forte.

La gente ballava e si passavano i bong. Quando ci è arrivato il bong, Bill mi ha mostrato come usarlo. Ho avuto un attacco di tosse; mi diede una pacca sulla schiena e me la passò.

Non avevo davvero una testa per l'erba, ma era difficile dire che passasse. Il bong risuonava ancora e ancora; Continuavo ad avere attacchi di tosse; ma stava facendo effetto.

"Okay, mi sento abbastanza bene".

Ho afferrato la mano di Bill e l'ho trascinato sulla pista da ballo. "Potrei essere un pesce fuor d'acqua, ma non qui sulla pista da ballo".

Bill era piuttosto bravo e aveva resistenza. Preferisco ballare a ritmo veloce; non che la danza lenta sia cattiva.

È arrivata una melodia più lenta e abbiamo ballato in modo davvero provocatorio. Bill mi stava macinando il culo e io stavo facendo lo stesso con la sua gamba.

"Questo mi sta davvero eccitando".

Mi sono guardato intorno e nessuno ci ha nemmeno dato una seconda occhiata. Non eravamo gli unici a ballare in modo seducente.

Bill mi ha lasciato sulla pista da ballo durante una pausa per ricaricarmi. Poi la musica è ricominciata; e ho appena iniziato a ballare. Non avevo bisogno di Bill come partner. Due ragazzi hanno soddisfatto il bisogno e abbiamo iniziato a ballare in modo davvero provocatorio.

Bill è tornato e si è appena unito, non c'era gelosia. Prima che me ne rendessi conto avevamo tre ragazze che ballavano con noi. Tutti si stavano macinando l'un l'altro; tenere, guidare i fianchi e un sacco di fissarsi negli occhi.

Ho buttato giù il drink che mi aveva portato Bill e ho bevuto un altro tiro dal bong. Questa volta ho avuto successo senza tossire.

"Fa così fottutamente caldo qui dentro" pensai.

Ho tolto il lenzuolo e ho ballato in perizoma e mutandine. Rendendomi conto di ciò che avevo fatto, mi guardai intorno; c'è stata una reazione a catena con tutti che hanno perso le lenzuola.

Ad un certo punto mi sono ritrovato a ballare con una ragazza che si strofinava la fica sulla mia gamba; così le ho baciato il collo per scherzo. Ho cercato Bill; Non riuscivo a vederlo ma non mi importava.

Questa ragazza mi stava facendo eccitare così ho allungato la mano e le ho afferrato la parte posteriore dei capelli. L'ho tirata a me e l'ho baciata forte. La mia lingua guizzava nella sua bocca cercando la sua lingua calda. Ho sentito qualcuno macinare il mio culo; Mi voltai e un'altra ragazza mi afferrò e mi baciò forte. Ero come un panino schiacciato da queste ragazze; e i loro corpi si sentivano così bene contro il mio.

Ho sentito qualcuno passare la mano dalla mia figa fino alla fessura del mio sedere tracciando la linea del mio perizoma. Non sapevo chi fosse né mi importava. La ragazza di fronte a me stava spingendo la mia faccia nel suo reggiseno; e i suoi seni sulla mia faccia. Oscillando avanti e indietro potevo sentire le mie cosce interne diventare umide. La musica si fermò e il ragazzo annunciò che si sarebbe preso una pausa di cinque minuti.

Tutti si sono allontanati dalla pista da ballo, quindi sono andato con la folla. Ero davvero fottutamente eccitato; e la mia testa era così annebbiata da farmi rabbrividire.

"Rallenta tigre è ancora presto".

"È così difficile calmare Bill che sono pronto a scopare, succhiare, leccare e mordere."

Il mio corpo era così infiammato che ogni minimo tocco mi faceva tremare. Non ero mai stato così pronto; Bill ha visto questo e mi ha indirizzato verso una porta laterale per prendere una boccata d'aria.

Ero in piedi fuori nell'aria fresca di ottobre con indosso solo mutandine e perizoma.

"Megan va tutto bene"

La nebbia stava iniziando a diradarsi nella mia testa "Gesù, Bill, siamo fuori in mutande".

Sbatté le palpebre "L'hai appena notato?

"Sì, credo di essermi lasciato un po' trasportare".

"Portato via?" Disse incredulo. "Se non fossi venuto, penso che saresti sulla pista da ballo a fare sesso in questo momento."

Siamo tornati dentro e la musica era di nuovo in pieno svolgimento. La gente era là fuori a ballare con quasi niente addosso. Alcune ragazze si erano tolte il reggiseno e ballavano in topless. Molti ragazzi stavano guardando; e il loro desiderio era evidente.

Bill ha detto "Aspetta qui, vado a procurarci una ricarica".

Il bong è arrivato di nuovo, quindi ho preso un altro tiro e ho visto le ragazze ballare in topless tra loro. Ho iniziato a sentirmi arrossire e la mia pelle formicolava dappertutto.

"Voglio essere là fuori, voglio essere nel mezzo di tutto quel desiderio."

Bill è tornato con i nostri drink; Ho afferrato il mio e l'ho buttato giù velocemente. I miei fianchi ondeggiavano come se fossero sul pilota automatico.

Gli ho afferrato la mano "Ho bisogno di ballare".

Rise mentre lo trascinavo sulla pista da ballo. Mentre ballavo continuavo ad avvicinarmi sempre di più alle ragazze in topless. La folla di ragazzi li incitava.

Ho guardato Bill negli occhi e ho detto "mi dispiace"; Lo lasciai e mi feci strada tra la folla.

Allungandomi intorno, armeggiai con il fermaglio del reggiseno e lo strappai. L'ho lanciato tra la folla ei ragazzi hanno applaudito mentre mi univo alle altre ragazze e iniziavo a ballare.

Passando alla musica la mia testa stava girando; e l'erotismo era travolgente. Stavo macinando una ragazza e baciando un'altra. Uno dei miei seni veniva accarezzato da una ragazza; e la mia mano stringeva il culo di un altro. O ci siamo baciati a lungo e con passione; o tendevamo la lingua per toccare gli altri in brevi scoppi caldi. Potevo sentire le mie cosce umide; e sapevo che se non mi fossi fermato presto avrei raggiunto l'orgasmo.

Bill mi ha afferrato da dietro; mi ha girato e mi ha baciato. Poi mi ha trascinato in una camera da letto non occupata.

"Voglio che mi scopi così forte da farmi male!" Io ho supplicato.

"Hold on I will fuck you hard; you will feel it for a week, but hold on".

I started to pull his boxers off and he backed away. "WHAT THE FUCK IS YOUR PROBLEM, I YELLED?” While pushing him in the chest.

I was burning with desire and he is fucking backing away. "What the fuck?”

He peeked out the door and then opened it; a girl came in wearing only bra and panties.

"Megan this is Carrie do you mind if she joins us?”

"The way I feel right now!!!" "I don't care if you invite the entire football team.”

I smiled at Carrie I could still hear the music and my hips started to sway. Bill brought Carrie over and she kissed me. That was the only introduction I needed; and I kissed her back very hard.

Bill took her bra off as she was kissing my breasts. He smiled "I am going to watch for a few minutes if you don’t mind.”

"There might not be much left of her when I am done." I purred.

"I’ll take my chances" he replied.

Carrie was so soft and her smell was a delight. I didn’t want to stop kissing or feeling her smooth skin. She laid me down on the bed and pulled off my thong.

She looked over at Bill and said "This is quite wet would you like to feel?”

She threw it at his grinning face; he caught it and brought it to his nose. "Mmm smells fresh". She then pulled her panties off; and threw them at him.

I pulled her down on top of me and kissed her; caressing her soft tongue with mine. I was beyond turned on at this point; I felt like a volcano ready to erupt. Putting one knee on either side of my head she pushed her hot pussy on my mouth. It was so very wet and tasted really sweet. I licked her lips and opening; she started to moan and push her pussy harder on to my tongue.

I felt her hands on my pussy and her fingers were probing my insides. I squeezed my legs together trapping her hand and flicked her clit. She moaned and balled her hand into a semi fist. I thought I was being split in half. I screamed and she started to rotate her hips; getting juices all over my face. She pulled her hand out of my pussy and squeezed my clit.

"Good god!" I screamed.

I started to cum; It was not just a wave of pleasure. It started deep inside and exploded; I completely lost what I was doing. She was rubbing my nub with her fingers and I couldn’t think. I couldn’t focus as I felt my face getting wetter; she moaned out really loud.

Carrie then moved off my face before kissing me softly on the lips; she whispered in my ear "Thank you".

To be honest I do not really know what I did but my face was soaked and she was smiling. We both turned and looked at Bill.

"Come here" I taunted.

He smiled and dropped his boxers revealing a rock hard cock. The veins were so pronounced it looked almost purple. He started kissing Carrie and I took him in my mouth with vigour. I licked his bald balls and up his shaft. When I got to the tip there was a pool waiting for me to lick clean.

Moving back to his balls I noticed Carrie was now sharing with me. Both our tongues started licking up his shaft until they touched at the top. We would pause for a short kiss then resume. Bill was making loud moaning noises and swearing in lust.

"Let me sit down or I am going to fall down"

We told him to lie down and he obeyed; allowing Carrie to climb on his cock. I turned and put one knee on either side of his head facing Carrie. She started riding his cock and I pushed my pussy against his face.

As I leaned over and kissed Carrie I felt Bill’s tongue probe my asshole. It sent shivers up my spine. Carrie was kissing me and riding his cock; while Bill’s strong tongue was pushing into my ass.

When Carrie began to pinch both of my nipples it was too much. I screamed out and climaxed again; I could feel lots of my wetness on Bill’s chin.

Bill was matching her every move with strong thrusts. Carrie was moaning and holding on tight to my nipples; I was over the edge with that pleasure; and the hot tongue in my asshole. Bill pulled his tongue out as he stiffened and moaned; I almost fell off him when he shuddered.

Carrie hopped off his cock to try and prevent him from getting off inside her. I took her place with my mouth and tongue licking up his sticky cum. It was so erotic tasting both him and her at the same time.

"I am spent; the dancing; sex, holy fuck.”

It took what seemed like hours to gather up our clothes. Bill thanked Carrie and I kissed her passionately.

"I hope to see you again" she smiled back at me.

As Bill walked me to my dorm my head cleared enough to recall everything I had done. I was not ashamed of anything; but worried what Bill would think of me.

"I am sorry; I just lost control I never expected to dance like that".

"Megan we are going to have so much fun".”

He kissed me and I said "Hey, you still owe me that hard fuck you promised me.” I then turned and ran up to my room.

I hope you enjoyed my college years part 1.


Love Megan

Storie simili

Harry Potter Adventures: Capitolo 5 - Doppio problema

Questa storia non riflette gli atteggiamenti o i personaggi della serie Harry Potter, né ha alcuna affiliazione con l'autore. Capitolo 5 Novembre scese su Hogwarts e con esso arrivò anche la pioggia e perfino qualche fiocco di neve. Era l'ultima settimana di novembre e mancavano solo due settimane all'inizio delle vacanze di Natale. Ron cominciò a sentire tornare di nuovo il suo malumore. Era passato un mese dal suo divertimento con Lavanda e da allora si frequentavano. Sebbene il sesso fosse incredibile, non avevano molto in comune e Ron aveva iniziato a desiderare il suo vero amore; Hermione ancora una volta...

361 I più visti

Likes 0

Mia mamma e la mia ragazza dei sogni

Introduzione Mi chiamo Will Chapman. Sono uno studente universitario di 19 anni, 5'8 e 160 libbre con capelli castani corti e occhi castano scuro. Ho sempre avuto problemi con le ragazze della mia età. Non è che non fossi di bell'aspetto; era perché, nonostante avessi 19 anni, sembrava che ne avessi 14. Ogni volta che uscivo con i miei amici, le persone che incontravamo spesso mi chiedevano se ero il fratellino di qualcuno. Le ragazze dicevano sempre che ero carino, il che mi farebbe assolutamente impazzire. Inutile dire che ho avuto problemi a soddisfare i miei bisogni sessuali. Stavo andando in...

2K I più visti

Likes 0

LA DIGA

Oh mio Dio, è bello, gemette Lauren, mentre Alexandra affondava la bocca nella sua figa calda e bianca, lo fai così bene, ti amo così tanto!!! Mmmmmmm, rispose Alex, non volendo distogliere la bocca dal muffy bagnato del suo amante!!! Lauren e Alexandra, amanti da un anno e coinquiline da sei mesi sei mesi, entrambe a ventidue anni, innamorate per la prima volta nella loro vita e affamate l'una dell'altra come solo i giovani amanti sanno essere! Lauren ha inarcato la schiena mentre spingeva forte il suo inguine nella bocca del suo amante, godendosi l'incredibile sensazione di farsi succhiare la vagina...

893 I più visti

Likes 0

Solo a Tokyo con due cuccioli

Mi chiamo Junjio. Ho 34 anni e vivo da solo in un piccolo appartamento di Tokyo. Molte giornate passano veloci, lavorative, e poi le serate lente e noiose. Sono stato solo per molto tempo, senza una vera famiglia nelle vicinanze, o contatti con amici o un ragazzo da un paio d'anni. È così per molti abitanti delle città nel Giappone moderno. È andato così male per me, che mi sono ritrovato a impazzire, a pensare ogni sorta di strani pensieri, a perdermi nel mio spazio per anni, e alla fine ho comprato un animale domestico. Non mi piacevano molto gli animali...

866 I più visti

Likes 0

L'inizio della fine_(0)

Fece un respiro lento e profondo e si morse le sue deliziose labbra rosso ciliegia. Come sono finito in questo? lei ha pensato. I suoi morbidi capelli biondo sporco pendevano sui suoi angelici occhi verdi. Julia prese il telefono e lo aprì. Ha letto il messaggio più e più volte. Incontriamoci al parco a meno che tu non voglia essere conosciuto come la puttana della città - Chris Adesso il suo cuore batteva forte. Proprio in quel momento arrivò un altro messaggio. Julia, se non esci di casa entro cinque minuti, mamma e papà si arrabbieranno molto con te... ovviamente sono...

775 I più visti

Likes 0

Lezioni dall'aia, parte IV

Bobby entrò per primo nella doccia con il suo nuovo marito proprio dietro di lei. Junior si rannicchiò accanto a lei da dietro e le mise le braccia intorno alle spalle, abbracciandola nel modo più amorevole. Si erano sposati da meno di un giorno e lui le aveva dichiarato il suo amore tante volte e in tanti modi. Adorava assolutamente la sua giovane moglie e ora più che mai si sarebbe assicurato che non le accadesse mai nulla perché, dopo tutto, stava aspettando suo figlio. Si sono sposati quella mattina a casa sua in modo che il loro bambino avesse il...

399 I più visti

Likes 0

Lascia che piova - 4

Per la prima volta in una settimana, quando mi sono svegliato, mi sembrava di avere avuto la stessa sensazione delle donne a letto della sera prima. Quando li ho scossi leggermente, si sono accoccolati un po’ più vicini e non si sono svegliati. Ho pensato che finché avessero voluto premere la loro calda carne da ragazza contro di me avrei potuto anche godermelo e ho chiuso gli occhi. Quando mi sono svegliato di nuovo è stato con un paio di labbra sul mio cazzo e un altro paio sui miei testicoli. Stavano facendo un ottimo lavoro e in pochi minuti ho...

423 I più visti

Likes 0

Il mio primo fidanzato 3

Tornato di sotto, Sam ha messo un po' di musica sullo stereo in soggiorno e mi ha detto di ballare per lui. Si sedette sul divano con le gambe divaricate e le mani sull'inguine mentre io barcollavo, cercando di ballare. Non è stato facile sui tacchi a spillo, sulla moquette e più volte ho quasi perso l’equilibrio e sono caduta. Ogni volta che stavo per inciampare, il sorriso del mio fratellastro si alzava leggermente. Ogni tanto mi diceva di fare qualcosa del tipo: Strofinati le tette e fammi vedere che puttana sei oppure Girati e piegati, così posso dare un'occhiata a...

322 I più visti

Likes 0

Broken Birds, Parte 37, Uno spazio nel tempo / Epilogo

Parte 37 Uno spazio nel tempo Epilogo L'elicottero di emergenza ha urlato per tutta la notte. Michael, Jennifer, Beth e Kat erano a bordo. Il dottore che Jennifer aveva di guardia non era potuto venire. Era ubriaco. La consegna è iniziata normalmente. Poi Kat ha cominciato a sanguinare gravemente. Barbara l'aveva già visto. Ha dato suggerimenti che Jennifer ha immediatamente implementato, scoprendo quanto preziosa fosse diventata l'esperienza ginecologica e neonatale di Barbara. Barbara è rimasta indietro a causa delle condizioni e dello stress di Jan. Il terrore attanagliò l'harem. Si sedettero intorno all'enorme soggiorno principale. Cercavano in Barbara consolazione e informazioni...

2K I più visti

Likes 1

L'amore è tutto ciò che conta pt2 - Nuovo dipendente, vecchie abitudini

Ero a casa ad aprire la porta, entrando nel mio appartamento quando il mio cellulare ha ronzato, mi infilo in tasca per prenderlo e controllare chi fosse a quest'ora, Jessy. Il messaggio diceva: Scusa :( te lo devo, la prossima volta puoi scegliere un film. Forse scegline uno con più azione, così non mi addormento Ho sorriso al messaggio e mi sono spogliato preparandomi per andare a letto, mi sono lavato i denti e sono andato in toillete tirando fuori il mio cazzo e mirando con i miei occhi assonnati, una mano che scriveva a Jess l'altra che mi teneva il...

1.9K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.