5 Le due case Van

428Report
5 Le due case Van

Fuori nel furgone, Sarah si è seduta sul sedile del passeggero e Brian si è tolto la giacca prima di salire. Ha fatto passare a Sarah le pistole e lui ha messo entrambe le fondine sulle spalle, poi le ha coperte con la giacca. Una volta nel furgone, si esercitò a disegnarli un paio di volte, poi annuì tra sé e lo accese.

Pensò di passarci davanti una volta, solo per capirne lo scopo, ma poi decise di no. Non voleva rinunciare al vantaggio della sorpresa quando qualcuno che non fosse Brad veniva visto al volante.

Davanti c'era un posto libero, così si fermò e spense il furgone.

"Resta qui fuori per due minuti, poi rientra come se fosse tutto normale." le disse Brian. Risalì il vialetto ed entrò senza bussare, usando una delle chiavi in ​​più dell'anello che Brad gli aveva regalato con il furgone.

"Chi cazzo sei?" chiese un uomo seduto su una sedia, con la lussuria dentro.

«Brad mi ha venduto il suo furgone.» ha detto Brian. "Stiamo per avere un problema?"

"Ehi, non ho nessun problema." disse l'uomo, squadrando Brian. Poteva facilmente individuare le pistole nascoste sotto la giacca della tuta. Conosceva bene quelle pistole. "Non è la mia scala salariale."

Proprio in quel momento entrò Sarah.

«Ciao, Joe.» disse allegramente. "Sono a casa."

“Ciao Sarah, bentornata!” Joe sorrise. "La tua stanza è proprio come l'hai lasciata."

«Grazie, Joe.» disse Sarah, abbracciandolo. “È davvero bello essere tornati; Mi sono mancati tutti così tanto!

"Sarah, le regole sono cambiate, ricordi?" Brian ha detto, dolcemente. «Adesso puoi visitare tua sorella.»

"Che cazzo?" chiese Joe.

Brian si rivoltò contro di lui e la rabbia era tornata. Immediatamente e con tutta la forza. Deglutì a fatica, poi decise di abbassare la guardia per un solo secondo e dare il controllo al furgone, solo per vedere cosa avrebbe fatto.

Un decimo di quel secondo fu impiegato per estrarre la pistola dalla fondina sinistra. Due decimi furono spesi per puntare l'arma sul viso di Joe, e il resto fu speso mentre Joe sbatteva le palpebre un paio di volte, rimanendo immobile come sapeva.

«Brad si è ritirato in Europa.» disse il cervello. «Mi ha venduto il suo furgone stamattina prima di partire. Le chiavi di queste case erano sull'anello, quindi mi assumo la responsabilità anche per quelle. C'è un problema?"

"No, nemmeno uno". disse Joe, sudando. "Eddie potrebbe avere un problema, ma non io."

"Giusto." disse Brian, disarmando la pistola e rimettendola via. «Ti suggerisco di non interrogarmi più.»

"Sì signore, lo ricorderò, signore." disse Joe, con nuovo rispetto negli occhi. Quel pareggio era stato più veloce di qualsiasi cosa avesse mai visto.

"Joe, fammi un favore e chiama tutte le ragazze in soggiorno, per favore." ha detto Brian. Joe si avvicinò a un citofono ed esitò prima di premere un pulsante.

"Entrambe le case, signore?" chiese. Brian annuì, quindi premette il pulsante e la spola.

“Attenzione, signore. Per favore, vieni in soggiorno al 418. Egli ha detto. “Hai un minuto. Vieni come sei."

Ci fu un'improvvisa raffica di movimenti e uno sciame di ragazze scese insieme al piano di sotto, ammassandosi nel soggiorno e chiacchierando eccitate. Tre secondi dopo, la porta d'ingresso si è spalancata ed è entrata un altro gruppo di ragazze, praticamente tutte in accappatoio e abito da sera. Il frastuono nel soggiorno triplicò.

Brian andò e si fermò sulla soglia, le braccia incrociate sul petto e uno sguardo severo sul volto. Sarah era in piedi docilmente dietro di lui.

"Vai a prendere il tuo posto, Sarah." le disse, e lei si precipitò in un posto vuoto sul divano con un grande sorriso sul viso. Al suono della sua voce, un silenzio improvviso calò nella stanza e tutti gli occhi si voltarono verso di lui.

Fece un rapido conteggio delle persone e vide che c'erano un totale di sedici ragazze lì dentro. La più anziana sembrava avere poco più di vent'anni, e la più giovane la riconobbe come una ragazza della sua stessa classe che si era ritirata inaspettatamente nella terza settimana dell'anno e di cui non aveva più avuto notizie.

“Ciao, Marissa.” disse piano. Lei sobbalzò, sorpresa che lui conoscesse il suo nome, e poi lo riconobbe, più o meno. Il suo aspetto era cambiato così tanto!

“Brian? Brian Matthews?» chiese, stupita.

"Sono io." disse sorridendo. "Sei sicuro di non voler venire al Ballo di Primavera con me?"

"Dio mio!" lei sussurrò. La sua vecchia vita sembrava un ricordo così lontano, ed erano passati solo pochi mesi da... da quando era vergine.

"Non preoccuparti, sono il tuo nuovo Maestro." lui le ha detto. "Tutti voi avete un nuovo Maestro adesso." disse alla stanza. Si levò un piccolo ronzio, ma un suo sguardo fu tutto quello che ci volle per farlo tacere.

"Sto guidando il furgone." ha detto loro. “Ha provato a guidarmi, ma sono molto più forte del furgone. Anch'io sono più forte di te; tutti soli e tutti insieme, io sono più forte di te. Mettimi alla prova e fallirai. Prometto. E se c'è una cosa che ho in comune con Brad, è che mantengo le mie promesse".

"Con un nuovo Maestro arrivano nuove regole." ha detto loro. «Ciò significa che le vecchie regole non si applicano più, e puoi rispettosamente farmi domande rispettose. Tutte le pene in sospeso sono annullate”.

Sarah ha alzato la mano e ha fatto una domanda di cui conosceva già la risposta, in modo da poter mostrare alle altre ragazze come si dovrebbe fare correttamente. Brian annuì e le sorrise, indicando che poteva parlare.

"Se le punizioni vengono annullate, significa che posso visitare mia sorella?" lei chiese.

Brian sorrise di più. 'È corretto. Puoi sederti accanto a Heather in questo momento, se lo desideri.

Sarah praticamente si precipitò sull'altro divano e si sedette accanto alla sua identica sorella gemella, che aveva lacrime di gioia sul viso.

Heather aveva paura di staccare gli occhi da Brian, paura di dispiacergli in qualche modo e che questa fragile bolla di felicità in cui viveva sarebbe esplosa. La sua voce era come musica per le sue orecchie, comunque, e non smetteva di suonare.

"In effetti", disse, "dal momento che voi due non vi vedete da così tanto tempo, siete entrambi licenziati per il resto della giornata e potreste stare insieme."

Le due sorelle non erano le uniche a piangere lacrime di felicità. Non c'era quasi un occhio secco nella stanza.

"Ora, passiamo alla spiacevolezza." Lui continuò. “So per certo che ognuno di voi ha i soldi della punizione a causa di Brad. Ognuno di voi, e so quanto sono. Con la presente ti ordino di portarmene metà, in una borsa anonima. Hai quindici minuti per tornare in questa stanza con esso.

In meno di un minuto l'intera stanza era vuota, tranne Sarah. In meno di cinque minuti, tutti erano tornati e c'erano 15 borsoni e zaini al centro della stanza.

"L'altra metà del denaro della punizione è tua da tenere." ha detto loro. “Vai a fare shopping con esso. Comprate cose per voi stessi, cose che volete. Niente macchine, e solo un terzo del denaro può essere speso in lingerie da far guardare agli uomini”.

“Andrea, verresti qui per favore?” chiese Brian a una delle ragazze. Aveva circa vent'anni, lunghi capelli scuri e brillanti occhi verdi. Indossava anche i vestiti più modesti. Invece di reggiseni push up o mezze coppe, indossava un kimono rosso opaco, completamente chiuso. Niente poteva nascondere la clessidra della sua figura, e qualsiasi cosa indossasse sarebbe stata sexy, anche i sudori grigi. Non c'è da stupirsi che fosse qui.

"Andrea, sei stato ingannato nel furgone, vero?" chiese gentilmente. «Non ci sei andato da solo, vero? Brad ti ha portato al suo furgone e non ti ha detto cosa sarebbe successo una volta salito.»

"Sì è vero." disse, con gli occhi lucidi. "È stata la cosa peggiore che mi sia mai capitata".

“Vuoi essere libero?” chiese. Lei lo guardò speranzosa. "Vuoi prendere i soldi della tua punizione e andartene da questa vita per sempre?"

"È possibile?" lei chiese.

"Credo di si." Egli ha detto. «Per il tuo bene, lo spero davvero. So quanto non vuoi essere qui. So quanto prendermi mi rafforzerebbe, e non sono disposto a pagare quel prezzo, anche se Brad lo fosse.

Brian la condusse alla porta e fuori al furgone. Dentro, la fece inginocchiare davanti a lui, mentre lui sedeva sulla sedia del Capitano. Tirò fuori dalla tasca un collare e un guinzaglio per cani, qualcosa che aveva portato con sé dalla casa di Rebecca. Il loro terrier potrebbe averne di nuovi, se non ne avesse già uno di riserva.

Le tolse il kimono, esponendo la sua nudità mentre si inginocchiava, poi si allacciò il colletto intorno al collo. Ero blu e tempestato di gemme finte.

"Brad ti ha preso, ma ora ti possiedo." lui le ha detto. "Dillo, se è vero."

"Brad mi ha preso e ora mi possiedi." ripeté. Attaccò la catena di metallo lucido al collare all'altezza della gola, poi fece scorrere la mano lungo la catena per trovare il manico di pelle, facendole sentire lo strattone.

"Possiedo la tua bocca, la tua figa e il tuo culo." le sorrise. "Possiedo anche il tuo cuore, la tua mente e la tua anima."

"Si signore." disse, poi lui si alzò e la condusse fuori dal furgone e di nuovo in casa.

"Inginocchiarsi." le ordinò, indicando un punto in mezzo al pavimento. Fece finta di metterle il guinzaglio sul pavimento davanti a lei, poi si avvicinò al borsone più grande e lo aprì. Tirò fuori dalla pila il suo zainetto, lo mise nel borsone e glielo portò.

Le prese il guinzaglio e le mostrò il manico. "Ho intenzione di rimuovere quel collare per sempre, se lo desideri."

Lei lo guardò, implorante. "No, ne ho bisogno." lei disse. "Per favore, non toglierlo".

"Se ne hai bisogno, allora non lo farò." Egli ha detto. "Quello che farò è questo."

Le porse il manico di pelle. “Puoi dare questo a chi vuoi. Puoi anche riprenderlo e darlo a qualcun altro, se il primo non è stato un buon Maestro. Sali in camera tua e fai i bagagli, e se non riesci a trovare un buon Maestro, puoi tornare qui e presentarti a me. Vai in camera tua e fai le valigie. Tra una settimana, se non torni, un'altra ragazza vivrà nella tua stanza e non ci sarà posto per te qui".

Con sua grande sorpresa, quando uscì al furgone con il suo primo carico di sacchi di denaro, fu sorpreso di vedere una ragazza seduta sul sedile del passeggero, con aria ansiosa. Brian spalancò la porta laterale, facendola trasalire.

"Ciao posso aiutarti?" le sorrise. Era giovane, forse diciassette anni al massimo, ancora al liceo di sicuro. Questa città aveva nove scuole superiori, quindi non era una sorpresa che non l'avesse riconosciuta.

"Lo spero proprio." disse, leccandosi le labbra. “Ho visto questo furgone dall'altra parte della strada mentre tornavo a casa da scuola e non ho potuto trattenermi. Mi dispiace, so che non dovrei essere qui, mia mamma me l'ha detto un milione di volte, e mi ha sempre spaventato prima, ma oggi... ero davvero spaventato, e la sensazione che avevo dentro io ... dovevo solo venire qui e sedermi dentro.

Le sue parole arrivarono tutte in un fiotto e lei sembrava incapace di arginare il flusso.

“So che è... cattivo sedersi nel furgone di uno sconosciuto, signore, ma non ho potuto trattenermi. Farò tutto ciò che vuoi per rimediare. I suoi occhi guizzarono verso la parte posteriore, dove c'era il letto.

"Quanti anni hai e come ti chiami?" chiese, mettendo in moto il furgone.

"Sono Morgan Miller e avrò diciassette anni il prossimo luglio." lei disse.

“Il prossimo luglio? Sai che è settembre, vero? Significa che hai appena compiuto sedici anni.»

"Si signore." disse, chinando la testa per la vergogna. "Mi dispiace di aver mentito."

"EHI!" disse bruscamente, costringendola a guardarlo. "Non sei un bugiardo, specialmente con me, capito?"

"Si signore." disse, rabbrividendo.

"Dove vivi?" le chiese. Indicò la casa in fondo a quella strada, l'unica dall'altra parte. Un incendio aveva divampato nel quartiere una decina di anni fa, e non era mai stato ricostruito, solo i proiettili anneriti abbattuti.

Storie simili

Skyrim: Le avventure di Carthalo Parte 1

Carthalo le accarezzò la guancia, sentendo la sua pelle liscia e fredda e scostandole i capelli nerissimi dagli occhi. Lydia, disse, la sua voce roca si trasformò in un sussurro nel suo orecchio rilassati. Questo non è un altro fardello per te da portare. le slacciò la maglietta e lei rabbrividì leggermente al tocco. Questo non è un comando del tuo Thane. le sue mani forti la presero per la vita e la portò al letto. Le assi del pavimento scricchiolarono mentre la trasportava su per le scale di Breezehome. La adagiò dolcemente sul letto e cominciò a baciarle il collo...

1.7K I più visti

Likes 0

Charles aiuta sua madre a provare di nuovo piacere Capitolo 7

Parole dell'Autore: Ciao a tutti grazie per aver letto la mia storia fino ad ora, è venuto alla mia attenzione da un lettore molto onesto che la mia storia è diventata molto noiosa, mi dispiace se la pensate così, sull'altro mio forum non ho mai avuto nessuno che lo dicesse me questo quindi non l'ho mai considerato. Inoltre, alcuni di voi potrebbero notare errori di grammatica e ortografia, altri sono semplicemente per errore, non sono uno scrittore professionista e la scrittura non è nella mia descrizione del lavoro, quindi non vedrai molto in termini di tecnologia di battitura avanzata con me...

529 I più visti

Likes 0

Sesso telefonico con Patricia

Mentre di recente guidavo verso la mia prossima destinazione per un viaggio di lavoro, ho pensato alla calda lettera che la mia bellissima moglie aveva inviato alla mia ultima posizione. Mia moglie Patricia è una splendida mora con bellissimi seni 35D, un culo caldo e cosce da abbinare! La lettera diceva: Mio carissimo amante, Sto pensando così tanto a te in questo momento... Mi fanno male i lombi. Ho appena fatto qualcosa di cattivo e sexy... spero ti piaccia! Mi sono rasato TUTTI i peli dalla figa. Oh, piccola! Poi sono andato sotto la doccia e mi sono insaponato. Faceva caldo!!...

411 I più visti

Likes 0

Nuovi inizi - Parte 4 Cap 03

Accidenti! Niente sesso in questo! Solo un mucchio di gente che parla! capitolo 3 «Qualcuno è passato attraverso il wormhole nella Grotta di Lisa?» chiese Alicia, con gli occhi spalancati per la sorpresa. Chi era? Qualcuno che conosciamo? «No», rispose Jake. “Una ragazza canadese incinta e il suo ragazzo. La ragazza ha affermato di aver incontrato Beth una volta, evidentemente. E Beth l'ha iniziata.» «Beth è stato tanto tempo fa, Jake», disse Frank. «Vuoi dire che è una longeva? Come noi? Sì! Sia lei che il suo ragazzo», rispose Jake. Com'è il suo ragazzo? chiese Tanya, sorridendo maliziosamente. «Dev'essere piuttosto virile...

307 I più visti

Likes 0

Lezioni dall'aia, parte IV

Bobby entrò per primo nella doccia con il suo nuovo marito proprio dietro di lei. Junior si rannicchiò accanto a lei da dietro e le mise le braccia intorno alle spalle, abbracciandola nel modo più amorevole. Si erano sposati da meno di un giorno e lui le aveva dichiarato il suo amore tante volte e in tanti modi. Adorava assolutamente la sua giovane moglie e ora più che mai si sarebbe assicurato che non le accadesse mai nulla perché, dopo tutto, stava aspettando suo figlio. Si sono sposati quella mattina a casa sua in modo che il loro bambino avesse il...

307 I più visti

Likes 0

Primo timer_(0)

**questa è una fantasia. Sì. una fantasia. Uh Huh.** sono andato al Walmart e stavo dando un'occhiata ai nuovi DVD e ai giochi. mentre ero lì un bambino si avvicinò e iniziò a giocare. aveva circa 11 o 12 anni. Non sono sempre attratto dai ragazzi molto più giovani di me, ma questo ragazzo era dannatamente sexy. sembrava un ragazzino skater con i suoi pantaloncini larghi. era un po' più basso di me, biondo con gli occhi castani. mentre lo guardavo continuava ad aggiustarsi l'inguine. stavo diventando duro. Volevo avvicinarmi a lui, ma avevo paura perché era così giovane. guardò oltre...

160 I più visti

Likes 0

Qualcosa in più Parte 2_(1)

Questo è il secondo capitolo di una serie. Assicurati di leggere prima la prima parte! Dopo il disastro con Matt ero indeciso su chi uscire dopo. Volevo ancora un vero uomo dentro di me nonostante quanto fosse brava Tina con il vibratore. D'altra parte, avevo superato la fase passiva e volevo inculare qualcuno. Non mi importava a chi appartenesse... La settimana è volata e ho pensato che sabato sera sarei andato all'Eric's, uno dei miei club preferiti, e avrei incontrato chiunque potessi. A questo punto semplicemente non mi importava. Ero arrapato, i miei ormoni erano in tempesta e non vedevo l'ora...

140 I più visti

Likes 0

La nostra vacanza liberatoria - parte 1

Alice e io andavamo in vacanza insieme per diversi anni, due volte all'anno andavamo da qualche parte in Europa per una settimana a prendere il sole poiché nessuno dei nostri partner amava il caldo. Entrambi avevamo un lavoro frenetico e apprezzavamo il relax che una vacanza tra ragazze poteva offrire. Ero una bruna alta, buone ossa, un grande seno, immagino che mi chiameresti amazzonica nella struttura corporea. Alice era minuta, molto bionda, con un bel paio di tette ma molto bella e delicata. Ridevamo sempre insieme, rilassati nella nostra pelle e a nostro agio nello stare insieme, spesso dormivamo nella stessa...

137 I più visti

Likes 0

Casa stregata: parte III

Kelly era andata a trovare sua madre per la settimana, lasciandomi a preparare la casa per i nostri primi ospiti paganti. Per fortuna, la locanda sarebbe stata piena questo fine settimana. Una prenotazione last minute di tutte e cinque le camere da letto al secondo piano garantita da una riunione di famiglia. Mercoledì sera ero riuscito a pulire a fondo la casa, ricordando qualcosa che Kelly e io avevamo lasciato in soffitta. Entrando nella stanza verso il tramonto, ho sentito quel formicolio fin troppo familiare nei miei lombi. Guardando in basso, ho visto il mio pene sollevarsi e irrigidirsi nei boxer...

134 I più visti

Likes 0

Il compagno del campione 12

La tarda estate al Menthino è stata un periodo intenso. Kaarthen si ritrovò nella gigantesca stanza della mappa del palazzo. L'intero piano era un'immagine in movimento in tempo reale di Menthino, scale su rulli e tavoli cartografici su ruote erano lungo le pareti. Marcos era vestito in modo quasi casual con una camicia di seta verde scuro e pantaloni neri Safi. La regina e due principesse, Saliss la più anziana e Ruegin, ascoltavano con lei i piani annuali di migrazione dalle vaste pianure alluvionali a Cardin. Tre Hjordis in nero Safi con i capelli raccolti in chignon stretti stavano lungo il...

1.9K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.