Circostanze diverse parte 2

92Report
Circostanze diverse parte 2

Disclaimer: non possiedo Pokemon, nessun personaggio e Pokemon lì dentro. Sai, solo per coprirmi il culo in caso. Meglio prevenire che curare.

Nota dell'autore: grazie a tutte le persone che hanno letto il primo capitolo.

Questo capitolo è stato molto più lungo di quanto mi aspettassi. Divertiti!

––––––––

'Caro Nicola,

È tua sorella, Julian! Ho inviato questa lettera di Taillow perché era più veloce e per congratularmi con te per aver superato l'Accademia Pokemon! Papà dice che hai fatto degli esami orribili...'

“Non ho fatto così male. Almeno sono passato..” borbotta Nicholas, continuando a leggere la lettera che gli era stata consegnata non appena è uscito alla luce del sole dalla Foresta di Viridian, Aisha alle calcagna.

“Papà mi ha anche detto che ti ha dato quell'Absol che aveva allevato. Bello. Ho sentito che gli Absol sono ottimi per gli allenatori di Pokemon itineranti grazie alla loro capacità di percepire i disastri naturali. Ti suggerisco di tenere il tuo Absol fuori dalla sua Pokeball a meno che non sia una terribile emergenza, specialmente quando attraversi caverne e cose del genere! Bene, scrivimi di nuovo quando ne avrai l'opportunità!

Amore, Giuliano.

P.S. Domani sera c'è la luna piena. Ti suggerisco di cercare un Clefairy sul Monte Luna, dal momento che probabilmente sei vicino a quell'area. So quanto ami i Pokemon rari. Buona fortuna!'

La sorella maggiore di Nicholas, Julian, aveva facilmente quattro anni più di lui, ed era nel pieno del suo viaggio. Avendo conquistato sia Kanto che Johto in soli quattro anni, non è stata una sorpresa che fosse al vertice degli allenatori di Pokemon in lizza per lo status di campionato a Hoenn ora. Bene, a parte gli Elite Four e gli attuali campioni, Julian era probabilmente tra i primi cinquanta. Lei era certamente piuttosto la contendente.

Era sempre stata competitiva, ricordò Nicholas. Portava sempre i suoi capelli castani lunghi e lisci, lasciandoli scorrere lungo il didietro. Amava i suoi capelli e probabilmente li avrebbe lasciati crescere fino ai suoi piedi se il padre non le avesse suggerito di tenere i capelli lunghi fino alla vita. Proprio come Nicholas, anche Julian condivideva gli occhi nocciola tramandati attraverso la famiglia per molte generazioni.

Tirando fuori una penna dallo zaino, Nicholas annota una breve nota sul retro della lettera:

«Grazie per la dritta, Julian. Mi recherò al Monte Luna dopo aver colpito la palestra di Plumbeopoli, proverò sicuramente a raccogliere un Clefairy mentre sono in zona. Come va il tuo viaggio?'

Una volta legata la lettera al Taillow, Nicholas la rilascia, lasciandola volare indietro attraverso i cieli nella direzione da cui è venuta. Fu allora che si rese conto che era Taillow di Julian, e lancia un'occhiata ad Aisha con un'alzata di spalle. "Immagino che non abbia ancora avuto il tempo di evolverlo."

––––––––

Pewter City era viva con il trambusto delle persone che si dedicavano alla loro routine quotidiana. Il Museo, riaperto solo di recente negli ultimi mesi dopo i lavori di ristrutturazione, è occupato da pochi visitatori, molti dei quali solo viaggiatori. La Palestra e il Museo sono i pochi edifici che sono relativamente poco visitati, e la costruzione può essere ascoltata in lontananza.

«Condomini e cose del genere. Pewter City ha iniziato ad espandersi rapidamente e le persone si stabiliscono qui più velocemente di quanto possiamo costruire". Un ingegnere parla con una coppia, che Nicholas può solo supporre abbia intenzione di stabilirsi qui a Plumbeopoli. L'intercettazione è un male, ma almeno gli risparmia la fatica di chiedere. "Ci vorrà ancora un po' di tempo prima di aver finito."

Ma la vera attrazione per Nicholas viene dalla palestra di Plumbeopoli, lasciata aperta a tutti gli allenatori abbastanza sicuri da sfidare il suo unico occupante. È lì che si dirige per primo, spalancando le porte ed entrando, Aisha che lo segue da vicino, guardando curiosamente a destra e a sinistra. L'arena, a differenza del resto dell'edificio, è realizzata quasi appositamente in roccia. Sembra più che abbiano costruito l'arena attorno a un grande pezzo quadrato di roccia che non l'abbiano costruita.

“Solo qui un giorno dopo essere arrivato a Viridian? Tuo padre non mentiva quando ha detto che saresti arrivato così presto". Risuona una voce dall'altra parte dell'arena. Il Brock dai capelli castani e appuntiti si fa strada nell'area, incrociando le braccia sul petto. "Pensi di avere abbastanza esperienza con i tuoi Pokemon per battermi?"

"Beh, solo un modo per scoprirlo." Nicholas sorride, strappandosi una normale Pokeball dalla vita.

"Bene allora. Accetto la tua sfida. Due Pokemon ciascuno, l'ultimo Pokemon in piedi è il vincitore. Geodude, vai!” Brock chiama il suo primo Pokemon, la roccia galleggiante e armata che appare in un bagliore di luce rossa dalla Pokeball, fluttuando sul terreno, sfidando la fisica convenzionale.

"Weedle, andiamo!" Nicholas evoca il suo primo Pokemon, il suo tipo Coleottero molto più piccolo che appare in un simile lampo di luce rossa. Il Weedle guarda da una parte, dall'altra, poi guarda attraverso l'arena verso il suo avversario. Quindi, si gira e torna verso il suo allenatore.

Nicholas si strofina la nuca. “Andiamo, Weedle. Abbiamo già fatto un po' di pratica nella foresta, quindi almeno provaci, ok?"

Con uno sguardo di apprensione, il Weedle si volta e torna indietro. “Va bene, Weedle. Iniziamo prima le cose. Pungiglione velenoso!"

Un'esplosione di pungiglioni viola spara dall'unico grande pungiglione in cima alla testa del Weedle, anche se il Geodude sussulta a malapena. “Finiamo velocemente il suo primo Pokemon. Attrezzatura!" Brock comanda, il Geodude si muove a velocità sorprendente per una roccia.

“Scorri tra le fessure della roccia ed evitalo!” Nicholas comanda, il Weedle preferisce questa linea d'azione poiché non esita a farlo, infilandosi nelle fessure della roccia e scomparendo. Il Geodude sbatte a terra dove un tempo si trovava il Weedle, rotola e si spinge su un galleggiante, guardandosi intorno nell'arena.

“Sgattai sotto il Geodude e mettilo a terra con String Shot! Se non possiamo batterlo con la forza, lo batteremo fermandolo sui suoi passi!”

Un'esplosione di materiale simile a una ragnatela esplode dalle crepe nel pavimento roccioso, facendo trasalire il Geodude, ma quel momento di esitazione costringe il Geodude a terra. All'inizio, il Geodude non ha problemi a strappare la ragnatela, ma ne arriva di più, più velocemente di quanto il Pokemon possa strapparla. Presto, il Geodude è poco ma una palla di tela sul pavimento, che si muove leggermente.

"Degno di nota! Rendi davvero orgoglioso tuo padre sconfiggendo il mio Geodude con un solo Weedle. Vinci il primo turno per tecnicismo". Brock chiama, restituendo il suo Geodude. La luce di lettura della palla perfora la fettuccia e richiama il Geodude, costringendo la fettuccia a cadere su se stessa quando il suo occupante non c'è più. Rendendosi conto di ciò, il Weedle fa capolino dalla roccia e striscia di nuovo verso Nicholas.

"Bel lavoro. Sei più forte di quanto sembri, Weedle. Ritorno!" In un lampo di luce rossa, il Weedle scompare nella Pokeball. “Aisha. Vai a incontrare il suo prossimo Pokemon." Sorride, l'Absol non perde tempo e salta nell'arena, pronta per la sua prima grande battaglia.

“Onice! Andare!"

Il gigantesco serpente di roccia appare in un grande bagliore di luce rossa, fissando il suo avversario più piccolo, anche se sembra che Aisha non sia troppo scoraggiata dalla differenza di dimensioni. “Colpisci per primo, Aisha! Attacco debole!”

Aisha scompare, solo per avvicinarsi, rilasciando un'esplosione di oscurità mentre si avvicina per un attacco feroce, sorprendentemente forte per uno molto più piccolo. Anche l'Onix sembra avere difficoltà a credere al feroce attacco mentre cade a terra, gli occhi spalancati. “Hai preso colpi più duri di questo, Onix. Terremoto, adesso!”

“Non lasciarlo! Usa me per primo, Absol!”

Quei piccoli trucchi introdotti in Aisha si rivelano utili, poiché l'Absol salta in aria, solo per atterrare e rilasciare onde d'urto da un atterraggio così delicato. Il terreno sembra incresparsi, e la pietra intorno all'Onix si solleva, costringendo l'Onix incredibilmente pesante in aria, solo per tornare giù, vorticosamente nei suoi occhi.

Anche Nicholas fa fatica a stare in piedi.

––––––––

“Immagino che tuo padre avesse ragione a non sottovalutarti, ma non pensare che ti divertirai con Misty. Ti suggerisco di passare molto tempo ad allenarti sul Monte Luna.” si offre Brock, guardando Nicholas mettere via il suo primo distintivo nel trasportino progettato per tenerlo al sicuro.

"Avevo intenzione di restare lì per qualche giorno, comunque." Nicola annuisce. "Stai attento."

Con il primo badge in mano, la tappa successiva è stata il Centro Pokémon residente. Lasciando la palestra, Nicholas si prende un momento per guardare Aisha, che gli rivolge uno sguardo soddisfatto. "Sei solo pieno di sorprese, vero?" chiede, sorridendo mentre strofina la testa di Absol. Il Centro Pokemon è solo moderatamente occupato, gli allenatori di Pokemon hanno appena iniziato i loro viaggi parlando dei loro sogni, delle loro aspettative. Molti Pokémon iniziali erano in mostra, da Piplups a Bulbasaurs e Cyndaquil, molti allenatori di molte regioni diverse sembrano venire a Kanto per iniziare il loro viaggio.

Il che infastidisce Nicholas. Sapeva che c'erano molte persone che si sono diplomate all'Accademia, ma è facile dimenticare che molti di più si diplomano nelle molte scuole in tutto il mondo, e altri ancora scelgono di non rimanere nelle rispettive isole. Dirigendosi al bancone, richiama Aisha nella sua Pokeball, prima di consegnarli all'infermiera.

"Allora, che livello di licenza hai?" Una voce chiede.

Nicholas lancia un'occhiata al suono della voce. Una donna dai capelli rossi e dagli occhi verdi lo fissa. "Stai parlando con me?"

“No, il ragazzo dietro di te. Si tu! Sono curioso. Sembri diverso dagli allenatori più giovani qui". E, dopo una breve pausa.. “Oh, non volevo essere scortese. Sono Cristina. Con una K."

“Piacere di conoscerti, immagino. Ho una patente di livello bronzo". Nicola offre. “Ho ottenuto punteggi bassi agli esami finali, quindi ho preso quello che potevo ottenere. L'Accademia è esagerata-“

"Sei andato in un'Accademia?" Gli occhi di Kristina si allargano, fissandolo. “Devi essere davvero intelligente! Hai già la tua Medaglia Boulder?"

"Sì."

"Sorprendente! Sono ancora al terzo tentativo. Il mio Torchic ha difficoltà a superare l'Onix di Brock, è solo che non so cosa fare.." Sospira, sembrando un po' delusa. "E l'hai battuto sul tuo..?"

"Primo tentativo." Nicholas ha quasi paura di parlarne.

"... Insegnami."

"Che cosa?"

“Insegnami. Voglio conoscere i tuoi segreti!” Kristina insiste, avvicinandosi a lui.

“Fai sembrare che io sia una specie di maestro addestratore. Ho appena iniziato il mio viaggio". mormora Nicola. "Inoltre, non è che la mia educazione mi metta avanti o cose del genere-"

"Per favore?"

Nicholas scuote la testa, girandosi quando sente un movimento nelle vicinanze, solo per scoprire l'infermiera con entrambe le sue Pokeball al seguito. “Non ho niente da insegnarti. Hai una brutta partita in primo luogo, comunque. Che altro hai?"

“Solo Torchic..”

“Perché non vai a pescare un tipo Acqua? Dovrebbe esserci un sacco di Magikarp o Goldeen in queste acque..” Consiglia Nicholas, mettendo una Pokeball sulla cintura e liberando Aisha dall'altra. L'Absol si allunga, molto più felice fuori dalla Pokeball che dentro, guardando incuriosito Kristina.

Gli occhi di Kristina si spalancano ancora una volta alla vista di Absol. “Ora so che sei qualcosa di speciale. Hai un Absol! Sono così… rari!”

"Andiamo, Aisha." Nicholas fa cenno all'Absol, uscendo dalla porta. Kristina alza lo sguardo solo quando la coppia se ne va, e sospira. “La mia fortuna deve girare presto..”

––––––––

Con il Monte Luna che incombe in lontananza, sembrava che la sua destinazione più recente fosse solo a breve distanza. Con il sole che tramonta rapidamente, Nicholas lavora a un ritmo veloce per alzare la tenda prima che diventi troppo buio per vedere. Aisha giace sull'erba a lato del sentiero che porta in montagna, guardando il suo padrone con un certo divertimento e curiosità, specialmente con quanto sembra frenetico.

La tenda è fissata al suolo e pronta appena in tempo, Nicholas tira fuori la torcia e l'accende, controllando due volte la tenda per assicurarsi che sia stata montata correttamente, ma proprio mentre spegne la luce, una forma pesante lo affronta al terreno. “Uff..! Un po' presto per questo, non credi, Aisha...?” chiede, sapendo che è lei semplicemente leccandogli il collo e il viso.

Sapendo che è meglio non litigare con il Pokemon molto più forte, Nicholas la spinge delicatamente via da lui e gli tira via la maglietta. Una leggera brezza che passa gli dà un odore che ormai gli è familiare, il suo calore di Absol. Anche se riesce a malapena a distinguere Aisha al chiaro di luna, si toglie comunque i pantaloni. "Siamo nel bel mezzo di un percorso, Aisha, quindi proviamo a fare questo qui-ahh..!"

Aisha sembra non perdere tempo. Se ha funzionato una volta sul suo padrone, è improbabile che fallisca una seconda volta. Quella lingua leggermente ruvida lambisce l'asta che si indurisce costantemente e, una volta abbastanza dura, la prende nella sua bocca. Rabbrividisce, chiudendo gli occhi e lentamente si fa strada fino a sedersi, appoggiandosi alle mani. Lascia che il suo Absol faccia la sua magia, ansimando dolcemente. "Ancora non riesco a credere che l'abbiamo fatto anche la prima volta, e ho altre quattro notti di questo .."

Eppure, quella notte era appena iniziata.

Quando quella bocca calda e umida smette di succhiare, Nicholas sa che è pronta per essere presa. L'odore, normalmente opprimente, è solo un po' più forte perché la brezza lo porta via. Si mette in ginocchio, e Aisha muove lentamente il sedere in aria, offrendo tutto al suo padrone. Quando non esita a scivolare in profondità dentro di lei, Aisha piange di piacere. “Assolutamente..!”

––––––––

“Oh, è così buio. Perché non ho portato una torcia?" Kristina chiede solo al suo Torchic, che produce a malapena abbastanza fiamma da farle vedere i suoi immediati dintorni, e anche allora solo per brevi periodi di tempo. Anche se, mentre passa la brezza, può sentire qualcosa di diverso. Non riesce a metterci il dito sopra, ma ha un odore simile al miele annacquato.

Il Torchic di Kristina sembra prendere subito in simpatia, deviando dalla loro camminata dritta e verso la direzione dell'odore. Kristina sbatte le palpebre e, umilmente, parla al suo Torchic. "Cosa stai.." Riesce a vedere la tenda in lontananza, e mentre raggiunge il suo Torchic, lo prende tra le braccia, anche se si dibatte leggermente. La luce della luna rende le cose un po' più facili da vedere, ma riesce a distinguere solo due forme che si muovono vicino alla tenda.

Poi.. "Assolutamente..!"

All'improvviso, Kristina capisce. Quell'allenatore che aveva incontrato prima quel giorno, quello che non si era mai preso la briga di darle il suo nome, quello con l'Absol... si stavano accoppiando. Questo spiega lo strano odore, lo strano comportamento di Torchic e i richiami al piacere. Voltando le spalle alla vista, riporta Torchic alla sua Pokeball e si muove lentamente tra gli alberi lungo il bordo del percorso. Sarebbe stato un posto perfetto per avere un punto di osservazione e vedere cosa stava succedendo esattamente.

––––––––

Sentendo le pareti strette e bagnate della fica di Aisha che afferrano il suo cazzo così forte, Nicholas deve tirarsi fuori da lei quando lei viene per evitare di farlo lui stesso. Si sposta lentamente di nuovo in ginocchio, ma è solo questione di tempo prima che Aisha si riprenda, girandosi per leccare e succhiare gli stessi succhi che aveva usato per lubrificare l'intruso rigido. Nicholas geme dolcemente alla sensazione della lingua ruvida, ma presto Aisha si gira e si offre di nuovo a lui.

"Sei... insaziabile, lo sai?" Nicholas pantaloni, a cui Aisha risponde con un morbido, quasi seducente, "Absoolll.."

Nicholas si muove di nuovo in avanti e la attira a sé, immergendo il suo cazzo in profondità dentro di lei ancora una volta.

––––––––

Ottenendo una visione così ravvicinata dell'azione, Kristina si ritrova meno disgustata dall'atto e più eccitata. L'idea di Nicholas che accoppiava il suo Absol in modo così sfacciato la fece bagnare, e si adeguò per sedersi, ma riuscì comunque a vederli almeno. Alzandosi la gonna, si mette da parte le mutandine e va dritta al punto. Lunghe dita iniziano ad accarezzare le sue pieghe, facendole scorrere fino a quella piccola perla sensibile, strofinando le dita in cerchio lungo di essa, proprio come amava farlo.

Non poteva fare a meno di sentirsi un po' gelosa, vedendo l'allenatore più anziano picchiare contro il suo Absol, facendo del suo meglio per non gemere troppo forte. Ogni gemito che gli sfugge fa contrarre la sua figa, inviandole una scossa di piacere attraverso il suo corpo come non avrebbe mai pensato possibile. Sapeva che se avesse continuato così, avrebbe raggiunto un orgasmo di dimensioni folli. Non importava cosa, però, i suoi occhi erano puntati su Nicholas, o dove Absol e l'allenatore si erano uniti l'uno all'altro.

'Vorrei che fossi io a scopare...'

––––––––

Sia i Pokemon che l'allenatore ignari della femmina che si masturba per il loro atto proibito, Nicholas si stacca da Aisha una seconda volta, tornando a sedersi. Con un grugnito di delusione, Aisha si alza e sposta indietro il sedere. Sapendo che non si sarebbe arresa finché non fosse arrivato, Nicholas si è semplicemente arreso al suo Pokemon, afferrando la base della sua asta abbastanza a lungo da permetterle di impalarsi su di lui. Appoggiandosi ancora una volta sulle sue mani, lascia che Aisha si spinga contro di lui con un'angolazione che sembra farla tremare di lussuria, rilasciando incontrollabili grida di piacere.

"Oh, Dio .." Nicholas piange di piacere, rilasciando raffica dopo esplosione di seme denso e caldo in profondità nel grembo di Aisha. Grida ancora una volta il suo nome di piacere, prima di crollare, mantenendo il suo padrone sepolto dentro di lei a tutti i costi. Non uno di cui lamentarsi, Nicholas si sdraia lentamente sulla schiena, chiudendo gli occhi e cercando di riprendere fiato, il cazzo che si contrae in profondità dentro di lei mentre le sue pareti scivolose lo mungono istintivamente per ogni goccia di sperma che ha da offrire.

–––––––-

Sentire Nicholas sborrare in quel modo accende un fuoco dentro Kristina, e lei deve mordersi il labbro inferiore per non piangere di piacere mentre viene, rilasciando succhi nell'erba, il corpo tremante mentre continua a strofinarsi, lanciandosi in un orgasmo multiplo, che la fa ansimare pesantemente. Quasi crolla quando tutto è finito, però, facendosi strada tremante verso una postazione e allontanandosi dall'area prima che il suo Absol si svegli, che probabilmente la annuserebbe e allerterebbe Nicholas della sua presenza.

Meglio prevenire che curare.

Tornando da dove è venuta, Kristina si aggiusta le mutandine e la gonna, tornando a Pewter City. "Io... ahh... troverò un Pokemon da catturare nella Foresta di Smeraldo..."

––––––––

"Merda." Nicholas ringhia, essendo svenuto nell'erba. Il sole stava appena cominciando a fare capolino all'orizzonte e il suo orologio naturale lo aveva svegliato prima che le cose diventassero imbarazzanti. Sfortunatamente, è stato tutto inutile, costruire la sua tenda, ma almeno non aveva freddo. Aisha si era rannicchiata accanto a lui tutta la notte, tenendolo al caldo. “Almeno non ha piovuto. Immagino che mi sarei svegliato se l'avesse fatto." Ragiona, alzandosi in piedi e muovendosi per rivestirsi. “Domani, ho /davvero/ bisogno di lavare questi vestiti prima che finiscano i pezzi di ricambio..”

Aisha gode quando si rende conto che il suo padrone si è svegliato, ma non si muove finché non ha fatto le valigie e pronto a partire. Lasciare? Beh, ovviamente no. Gli stomaci brontolanti richiedono cibo, e così, il cibo è stato procurato: normale cibo per Pokemon per Aisha e un panino che aveva accumulato dal pranzo a Plumbeopoli il giorno precedente.

Era un giorno nuovo di zecca, e non avevano fretta, Nicholas si ricordava della lettera che Julian gli aveva inviato il giorno prima. Luna piena significa un sacco di Clefairy, quindi era ora di catturarne uno. Auspicabilmente..

Storie simili

Famiglia adottiva Capitolo 9

Ehi ragazzi, scusate per quanto tempo è passato. Spero vi piaccia ^_^ Si applicano le stesse note. Questo è un lavoro di FICTION qualsiasi parvenza di eventi reali è del tutto una coincidenza. Se hai meno di 18 anni (o 21 a seconda di dove ti trovi) o se è illegale per te leggere questo per qualsiasi motivo, o se il sesso tra ragazzi/uomini ti offende comunque, per favore non leggere. altrimenti buon divertimento! ________________________________________________________________________________ Capitolo 9 Positivo. Quell'unica parola rimase nella testa dei ragazzi per il resto della notte. Nessuno dei due ragazzi riuscì a dormire quella notte, con loro...

132 I più visti

Likes 0

Nutrire i giovani

Norm aveva la sensazione che sapesse che la stava perseguitando e questo lo rendeva cauto. Voleva essere violentata? Non sembrava la tipica esca della polizia per il modo in cui era vestita. La cagna si è vestita in modo strano in realtà; un trench ampio, ampio cappello floscio e occhiali da sole oversize. No, non un poliziotto ma... beh, Norm sperava che non fosse una travestita. L'uomo di mezza età sarebbe dovuto tornare in ufficio per un incontro importante e non voleva arrivare in ritardo. Ma a volte questi impulsi prendevano il controllo e lui doveva agire di conseguenza. La cagna...

97 I più visti

Likes 1

Che cosa hai fatto a Jessica?

Ho aperto lentamente gli occhi e ho visto una bella ragazza che dormiva accanto a me. La sua pelle morbida e pallida, gli occhi adorabili, le labbra succose, i capezzoli morbidi, i capezzoli succosi mi stavano facendo sentire quanto sono fortunato ad averla. Ricordo ancora la nostra relazione di allora prima che lei lasciata la casa. Non abbiamo mai avuto un rapporto fratello-sorella. Non parlavamo mai molto. Lei era impegnata nel suo mondo e io nel mio mondo. Aveva 8 anni più di me. Quindi non mi piaceva l'idea di stare a casa di mia sorella quando mia madre decise di...

125 I più visti

Likes 0

Il papà del mio amico 8

Il giorno dopo era normale come al solito. Sono andato a scuola con Jeanette e abbiamo studiato nella sua stanza dopo i reparti, ma ovviamente entrambi avevamo qualcos'altro in mente che sarebbe stato archiviato sotto Cattivo se capisci cosa intendo. Ti sei davvero masturbato mentre ci guardavi? Ho chiesto. Sì, era davvero fottutamente caldo. Voglio dire, ti stava arando come un matto. Sono sorpreso che i vicini non si stiano lamentando con noi in questo momento. Voglio dire, guardandoti, non avrei idea che ti lamentassi così molto quando hai fatto sesso. Voglio dire, dannazione mia signora, se non ti conoscessi meglio...

123 I più visti

Likes 0

Il compagno del campione 12

La tarda estate al Menthino è stata un periodo intenso. Kaarthen si ritrovò nella gigantesca stanza della mappa del palazzo. L'intero piano era un'immagine in movimento in tempo reale di Menthino, scale su rulli e tavoli cartografici su ruote erano lungo le pareti. Marcos era vestito in modo quasi casual con una camicia di seta verde scuro e pantaloni neri Safi. La regina e due principesse, Saliss la più anziana e Ruegin, ascoltavano con lei i piani annuali di migrazione dalle vaste pianure alluvionali a Cardin. Tre Hjordis in nero Safi con i capelli raccolti in chignon stretti stavano lungo il...

135 I più visti

Likes 0

Breve, sexy e dolce: 2- Un'esplosione di passione

Lascia di nuovo commenti!! Spero ti diverta :) Capitolo 2: “Cazzo... mi ero dimenticato che oggi sarebbe venuta Gloria. A volte fa schifo avere amici” gemette Beth, mettendo le mani sulle spalle di Jericho e vedendo i suoi occhi andare al suo petto. Amava le attenzioni e sapeva di essere bella per una persona piccola. Sbarazzati di lei, voglio giocare implorò Jericho, mettendole la mano sotto la camicia da notte e sfregandole la figa attraverso le mutandine, che sentiva bagnate, facendolo sorridere da un orecchio all'altro. “Credimi... lo faccio anch'io. Vestiti, ma dentro... qualcosa di sciolto, non credo che resterà a...

150 I più visti

Likes 0

L'amore è tutto ciò che conta pt2 - Nuovo dipendente, vecchie abitudini

Ero a casa ad aprire la porta, entrando nel mio appartamento quando il mio cellulare ha ronzato, mi infilo in tasca per prenderlo e controllare chi fosse a quest'ora, Jessy. Il messaggio diceva: Scusa :( te lo devo, la prossima volta puoi scegliere un film. Forse scegline uno con più azione, così non mi addormento Ho sorriso al messaggio e mi sono spogliato preparandomi per andare a letto, mi sono lavato i denti e sono andato in toillete tirando fuori il mio cazzo e mirando con i miei occhi assonnati, una mano che scriveva a Jess l'altra che mi teneva il...

122 I più visti

Likes 0

diario di una casalinga. prima parte.

Sposarsi ha causato molto stress nelle nostre vite. Rick si rifiuta di lasciarmi lavorare, e anche con una nuova casa in città (in una zona a basso reddito) e le bollette che accumulano si rifiuta di muoversi. Smorza la nostra relazione e ci mette a dura prova emotivamente e sessualmente. È costantemente al lavoro. Lo stress gli rende difficile essere affettuoso. Vedi dove sta andando. Sono una brava ragazza. E una buona moglie. Ho cercato per settimane di soddisfarlo. Ogni mattina lo succhiavo a secco. Quando è tornato a casa tardi, ho messo da parte i miei bisogni e l'ho succhiato...

126 I più visti

Likes 1

Lussuria 3

Ancora una volta, stavo terminando la notte masturbandomi dopo essere stato estremamente eccitato a causa delle avventure di mia figlia. Oggi è stata una giornata pazzesca e non potevo credere a quello che era successo dopo aver calmato i miei pensieri arrapati con un orgasmo. Mi sono addormentato come un angelo dopo. Al mattino mi sono svegliato presto e ho preparato la colazione. Quando i bambini sono scesi, ho servito loro dei cereali e ho preso la banana che mia figlia aveva messo nel culo la sera prima e l'ho data a mio figlio. Ho guardato il viso di mia figlia...

126 I più visti

Likes 0

Broken Birds, Parte 37, Uno spazio nel tempo / Epilogo

Parte 37 Uno spazio nel tempo Epilogo L'elicottero di emergenza ha urlato per tutta la notte. Michael, Jennifer, Beth e Kat erano a bordo. Il dottore che Jennifer aveva di guardia non era potuto venire. Era ubriaco. La consegna è iniziata normalmente. Poi Kat ha cominciato a sanguinare gravemente. Barbara l'aveva già visto. Ha dato suggerimenti che Jennifer ha immediatamente implementato, scoprendo quanto preziosa fosse diventata l'esperienza ginecologica e neonatale di Barbara. Barbara è rimasta indietro a causa delle condizioni e dello stress di Jan. Il terrore attanagliò l'harem. Si sedettero intorno all'enorme soggiorno principale. Cercavano in Barbara consolazione e informazioni...

169 I più visti

Likes 1

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.