Doccia riluttante

401Report
Doccia riluttante

Veronica aveva avuto una lunga giornata di lavoro. La riunione era durata a lungo e, come al solito, i progetti dell'ultimo minuto rientravano nella sua responsabilità. Se non avesse goduto così tanto del potere, avrebbe lasciato il lavoro molto tempo fa, ma nessuno può negare i vantaggi del suo impiego.

Apre il suo attico, completo di pavimenti in legno originali, finestre dal pavimento al soffitto e una vista che vale il prezzo dell'immobile. Ha pochissimi mobili, più un design degli interni moderno e pulito che riflette la sua mentalità concreta, quasi anale. Chiudendo la porta dietro di sé, Veronica inizia ad attraversare il soggiorno, i tacchi dei suoi tacchi a spillo rossi da 5 pollici che ticchettano sul pavimento di legno. Lascia cadere la borsa Coach e si toglie la giacca, abbinata alla gonna a tubino gessata che abbraccia le sue curve sensuali. I due bottoni superiori della camicetta di seta rossa si slacciano con il movimento, come se le chiusure fossero stanche quanto chi indossa la camicia.

A sua insaputa, viene osservata. Dante, l'equivalente di Veronica di un'azienda rivale, solleva il binocolo dall'interno del suo lussuoso appartamento. La conosce bene, per quanto lo consentano i privilegi della rivalità e del voyeurismo. Nonostante la sua vigilanza, non l'ha mai sorpresa spogliata, imperfetta. Lo è se presume che il mondo la guardi costantemente.

Il suo binocolo è abbastanza potente da individuare i bottoni aperti che mostrano la seducente scollatura sotto la seta rossa. Questo semplice incidente è sufficiente per far sì che il suo cazzo inizi a contrarsi, desiderando che quella scollatura sia completamente nuda. La mano di Dante si fa strada nei suoi pantaloni e inizia ad accarezzare lentamente il suo cazzo indurito. Come se percepisse e godesse di essere osservata, Veronica apre il resto della camicia, rivelando un reggiseno di pizzo nero sotto il tessuto di seta rossa. Lo spettacolo è troppo per Dante, che posa immediatamente il binocolo, si dirige verso l'ascensore e attraversa la strada.

Deve averla, e deve averla adesso.

Avendo inconsapevolmente dato a Dante l'ispirazione per visitare il suo appartamento, Veronica entra nella sua camera da letto, una stanza di evidente cura e intenzione. Le pareti sono rosso scuro, quasi il colore della sua camicia, con un letto a baldacchino al centro della stanza. Lenzuola di seta color vino adornano il letto, il luogo in cui Veronica cerca di ritirarsi velocemente dopo essersi preparata per dormire. Si dirige verso un bar situato sul lato sinistro della stanza e si prepara velocemente un dessert con champagne caraibico: rum, champagne e un tocco di creme de banana per allentare la tensione della giornata e cullarla.

Tenendo stretto il suo cocktail, attraversa la stanza fino al suo armadio. Veronica beve un sorso del suo drink e inizia a frugare tra la lingerie e le camicie da notte in cerca di qualcosa da indossare per andare a letto. Mentre gioca con la seta e il pizzo, Dante apre la porta d'ingresso, entrando nel suo appartamento. Grazie ai suoi "collegamenti" nel suo lavoro, nulla è vietato, comprese abilità quasi illegali come lo scassinamento.

Dante sospetta che sia in camera da letto, quindi si fa strada silenziosamente e velocemente nella stanza. Il suo lussuoso tappeto addolcisce i suoi passi quando entra, in grado di muoversi comodamente nonostante indossi una camicia blu scuro abbottonata e pantaloni grigio scuro.

Alla fine fa la sua scelta ed esce dall'armadio, posando il drink sul comodino. Si nasconde dall'altra parte del letto, con il cuore che batte forte, mentre lei entra nel bagno. Dante si avvicina al comodino e finisce il suo drink per un po' di coraggio. Mentre posa il bicchiere, sente il ticchettio dei tacchi di lei sulla piastrella mentre si gira per uscire dal bagno. Salta oltre il letto, torna nel suo nascondiglio, quasi catturato.

Dopo aver sistemato la camicia da notte di seta color crema nel bagno, Veronica torna a prendere il suo drink. È sorpresa di trovarlo vuoto e ignora l'istinto viscerale di non aver finito il suo drink così velocemente. Invece, si gira e apre la cerniera della gonna a tubino. Il cuore di Dante è ora in gola mentre lei rivela un paio di pantaloncini neri in rete e pizzo, che contrastano magnificamente con la camicia di seta rossa, che poi rimuove. Poi entra in bagno, la luce splende sui suoi capelli scuri e sulla pelle abbronzata e si toglie il reggiseno, la sua schiena nuda coperta dai suoi lunghi capelli castano scuro e il sedere appena coperto è l'unica cosa che Dante può vedere.

Il rigonfiamento nei pantaloni di Dante ha cominciato a pulsare con impazienza, pronto ad accogliere l'inconsapevole tentatrice. Nota un cordone di seta che trattiene le tende del letto. Prendendo la corda, si sposta vicino alla porta mentre lei si china per togliersi le mutandine. Dante quasi viene mentre fissa la sua figa rosa e completamente liscia. Poi apre la doccia, praticamente un grande armadio in granito con ante in vetro, e finalmente si alza.

Quando Veronica entra nella doccia, Dante fa la sua mossa. Lei è distolta da lui, ignara del suo ammiratore. La guarda mentre inizia lentamente a lavarsi il corpo, accarezzandosi il seno, gli addominali e persino il culo. Lei sta sotto l'acqua, permettendole di lavare via lo stress e la tensione mentre lui si spoglia velocemente ed entra nella doccia con la corda di seta del suo letto.

Grazie all'acqua, Veronica viene colta completamente di sorpresa. Dante le fa scivolare la corda, sorprendentemente delicatamente, intorno al collo e spinge il suo corpo contro quello di lei e contro il freddo muro di granito di fronte a lei. Lei sussulta, sentendo il suo cazzo duro premere sulle sue chiappe, sapendo che prenderà quello che vuole. Usando la corda come se fossero le redini di un cavallo selvaggio, Dante fa scivolare il suo cazzo tra le natiche, amando la pelle liscia che circonda la sua erezione. Le sue unghie cercano di mordere il granito mentre Veronica cerca di ignorare il piacere che cresce nel suo corpo. Invece, il suo corpo la tradisce e lei si sporge leggermente in avanti, permettendo alla punta del suo cazzo di scivolare lungo le labbra della sua figa.

Dante fa scivolare la sua asta avanti e indietro tra le sue gambe, stuzzicando la fica gocciolante di Veronica. Usando la corda, la tira a terra in ginocchio, il suo cazzo all'altezza delle sue labbra rosse.

"Succhiami," chiede.

Veronica esita, guadagnandosi una tirata al guinzaglio improvvisato. Lei stuzzica la sua testa di cazzo, baciandola dolcemente, permettendo solo alla punta della lingua di toccare il suo cazzo dolorante. Lui diventa impaziente e spinge la bocca di lei sul suo cazzo. Lei quasi ha dei conati di vomito, incoraggiandolo solo a spingere più forte, cercando di scoparle la faccia. Dovrebbe essere disgustata, invece inizia a giocare con se stessa, godendosi il trattamento rude. I gemiti che ne derivano fanno vibrare il suo cazzo, mandandolo vicino al limite. I suoi capezzoli duri sfiorano le sue gambe mentre le sue labbra e la sua lingua lo succhiano fino all'orgasmo. Lei si allontana per un momento, solo per leccare e succhiare delicatamente ogni pallina prima che lui spinga di nuovo il suo cazzo duro nelle calde profondità della sua bocca. Lui non può più resistere al suo talento e alla fine viene, versandole il suo carico in gola. Lei deglutisce e poi cerca di allontanarsi, come se l'orgasmo di lui le facesse capire cosa sta succedendo.

Dante la aiuta ad alzarsi, legandole le mani al soffione della doccia. Mentre l'acqua gli cade sulla testa, lui le succhia i capezzoli duri, come per punirli per averlo aiutato a spingerlo verso l'orgasmo. Lei geme, incapace di resistere a ciò che lui sta facendo al suo corpo. I gemiti di Veronica diventano più forti e disperati mentre Dante si fa strada lungo il suo corpo, piantando baci bagnati sulla sua pelle umida, leccando e pizzicando un percorso verso la sua figa.

Lei allarga le gambe, desiderosa che la sua lingua trovi la sua fica; lui la stuzzica, baciando solo la piega tra l'interno della coscia e la figa, leccando e soffiando aria fresca per guadagnarsi un piagnucolio che da solo ravvivò il suo cazzo. La sua lingua si fa strada lentamente dal basso verso l'alto della fessura, facendo guadagnare a Dante un profondo gemito da parte di Veronica.

Lo fa di nuovo, questa volta ancora più lentamente. Sta lottando contro il cordone di seta, spingendo i fianchi in avanti nella speranza di raggiungere meglio la sua lingua. Lui fa scivolare la lingua nella sua figa, un urlo di piacere risuona nelle sue orecchie. Lei comincia a implorarlo - la sua lingua rimane semplicemente nella sua figa - affinché lui la scopi con la lingua. Si tira fuori lentamente e Veronica gli avvolge le gambe attorno al collo per tenerlo vicino. Decide di averla torturata abbastanza, quindi inizia a leccarle le labbra della figa, ognuna dal basso verso l'alto, poi una bella leccata lenta al centro della fessura. Sta ansimando, incapace perfino di formulare parole per incoraggiarlo. Ritrova il buco della sua figa e inizia a scoparla lentamente con la lingua. Lei inarca la schiena, disperata per venire. Comincia a leccarle e succhiarle il clitoride, mentre le tocca la fica succosa. È troppo per Veronica. Lei viene forte, con le dita dei piedi e delle mani che si arricciano mentre il suo succo gli ricopre le labbra e la lingua.

Lui le prende le gambe, la tiene legata al soffione della doccia e la infila nella figa. Lei è stretta, molto più stretta di quanto immaginasse e lui deve aspettare un momento per evitare di venire velocemente. Lei gli avvolge le gambe intorno alla vita, mentre lui sostiene il suo peso afferrandole il bellissimo culo. Lui la scopa forte e veloce, sbattendo i loro corpi sul granito. Il suo clitoride sensibile la tradisce e lei viene di nuovo, le contrazioni della sua figa pulsano attorno al suo cazzo.

La fa girare e la penetra di nuovo, scopandola da dietro. Geme più forte, ovviamente apprezzando la nuova posizione. Lui riesce a malapena a trattenere lo sperma mentre lei geme, piagnucola e si artiglia.

Con un colpo si tira fuori un po' troppo. Lei emette un gemito di protesta e a lui viene un'idea. Lui le infila due dita nella figa, con suo grande piacere, e le fa un ditalino velocemente per ricoprirle. Dante inizia quindi a farli girare attorno al suo buco del culo increspato. Sente il corpo di Veronica teso, sapendo che lei non vuole che lui faccia quello a cui sta pensando. Lo alimenta ancora di più e spinge le dita dentro di lei. Lei urla, stringendosi i legami, cercando di allontanarsi da lui. Lei lo implora di non farlo, quindi lui le bacia il collo, rendendosi conto che non si arrenderà facilmente.

Per soddisfarla, comincia a scoparle di nuovo la figa, mentre le lavora delicatamente il culo con le dita. Lei comincia a sciogliersi, gemendo al ritmo delle sue dita. Comincia a pompare più forte, il suo cazzo e le dita si muovono all'unisono. Veronica ansima, piagnucola, implorandolo di andare più veloce. Lui obbedisce, il suo cazzo ama la pressione della sua fica stretta. Mentre lei sta per venire, lui la tira fuori e la spinge una volta nel suo culo stretto. Veronica urla, ma Dante le copre la bocca con la mano sinistra, la destra ora è concentrata a toccarle il clitoride e la fica. Lui spinge velocemente, l'idea del suo culo stretto che gli stringe il cazzo alimenta la sua scopata frenetica. Lei comincia a venire, gemendo e urlando contro il suo palmo mentre i muscoli della sua figa gli stringono le dita. Anche lui viene, riempiendola mentre spinge per l'ultima volta.

Il piacere è troppo per Veronica, e lei sviene, le sue braccia strette sul cordone di seta. Dante la scioglie delicatamente e la tira fuori dalla doccia. Asciugandole il corpo, poi la mette a letto. Ritorna in bagno per recuperare i suoi vestiti e il cordone di seta.

Poi prende in prestito una penna e un pezzo di carta e scrive rapidamente un biglietto. Poi lascia il suo attico, completamente sazio.

Veronica si sveglia la mattina dopo, leggermente dolorante grazie alla sua scopata approfondita, ma completamente eccitata al pensiero di rifarlo.

La nota di Dante serve solo ad accenderla ancora di più, pronta per un altro giorno:

"Spero che l'esperienza vi sia piaciuta nonostante le sorprese. Ho portato il cavo a casa con me. Penso che tornerò presto per usarlo di nuovo. -D"

Storie simili

Circostanze diverse parte 2

Disclaimer: non possiedo Pokemon, nessun personaggio e Pokemon lì dentro. Sai, solo per coprirmi il culo in caso. Meglio prevenire che curare. Nota dell'autore: grazie a tutte le persone che hanno letto il primo capitolo. Questo capitolo è stato molto più lungo di quanto mi aspettassi. Divertiti! –––––––– 'Caro Nicola, È tua sorella, Julian! Ho inviato questa lettera di Taillow perché era più veloce e per congratularmi con te per aver superato l'Accademia Pokemon! Papà dice che hai fatto degli esami orribili...' “Non ho fatto così male. Almeno sono passato..” borbotta Nicholas, continuando a leggere la lettera che gli era stata...

1.9K I più visti

Likes 0

I sogni di Ashley

Tutti i nomi e la posizione sono stati modificati Fatemi sapere come vi piace la storia. Questa è la mia prima storia qui. ================================= Quando ho posato gli occhi su Ashley per la prima volta ero in seconda media. Eravamo giovani. I miei primi veri sentimenti sono iniziati in prima media. Il suo compleanno è stato 2 settimane prima del mio. Quando ho compiuto 16 anni ho organizzato una grande festa. E, naturalmente, Ashley era lì. Negli anni in cui sono stata una delle sue migliori amiche, lei non era della nostra città, si è trasferita dalla Florida al suo settimo...

2K I più visti

Likes 1

La mia prima volta con Cindy

La storia: Sulla via del ritorno dall'ospedale, dopo aver lasciato mia moglie per un'operazione alla schiena molto seria, Cindy, mi stava dicendo come avrebbe fatto tutte le cose che faceva la mamma in casa, come lavare i piatti e fare il bucato e che si prenderà cura di suo padre come fa la mamma. Fu detto in una specie di sussurro sommesso e lei aveva la sua mano sul mio braccio, toccandomi dolcemente e guardandomi negli occhi. Ho sentito un brivido nei pantaloni e ho guardato le gambe formose di Cindy e la minigonna che indossava, ho subito costretto il mio...

1.9K I più visti

Likes 0

DOLCE SOFIA!!

Sophie è la figlia unica dei miei vicini, è una dolce ragazzina di 13 anni, ma c'è sempre stato qualcosa in lei che mi ha fatto guardare in modo diverso dalle altre bambine. Forse sono i capelli biondi ricci, il suo bel visino, le sue gambe lisce o il fatto che ha un bel paio di tette in erba. Bene, tutto è iniziato un sabato, mi sono seduto nel mio giardino a godermi il sole e anche i miei vicini erano fuori. Non ho l'abitudine di ascoltare le conversazioni di altre persone, ma non ho potuto fare a meno di sentire...

1.8K I più visti

Likes 0

Stephanie - Proprio quando le cose si sono girate Pt. 2

Mentre mi avvicinavo al maniero, la scorsa notte continuava a rimuginare nella mia mente. Volevo solo incontrare il cane, e così sono entrato nel canile. Poi, prima che me ne rendessi conto, mi aveva buttato a terra e mi stava annusando. Poi mi ha strappato le mutandine e ha iniziato a leccarmi la figa, portandomi all'orgasmo contro la mia volontà. Quando pensavo che avesse finito, mi è saltato sulla schiena e mi ha violentata. Ma la parte peggiore è stata quando mi sono lasciato andare e ho iniziato a godermelo. Mi sono svegliato stamattina e ho trovato questo biglietto e il...

1.8K I più visti

Likes 0

Skyrim: Le avventure di Carthalo Parte 1

Carthalo le accarezzò la guancia, sentendo la sua pelle liscia e fredda e scostandole i capelli nerissimi dagli occhi. Lydia, disse, la sua voce roca si trasformò in un sussurro nel suo orecchio rilassati. Questo non è un altro fardello per te da portare. le slacciò la maglietta e lei rabbrividì leggermente al tocco. Questo non è un comando del tuo Thane. le sue mani forti la presero per la vita e la portò al letto. Le assi del pavimento scricchiolarono mentre la trasportava su per le scale di Breezehome. La adagiò dolcemente sul letto e cominciò a baciarle il collo...

1.8K I più visti

Likes 0

Scoprire che sono gay parte 3

Quindi pochi giorni dopo, dopo aver rotto con Lizzy, mi stavo abituando all'idea di essere di nuovo single. Quando ero al college a lezione con McKenzie, ha iniziato a sedersi accanto a me e ha detto Tu e Lizzy vi siete lasciati perché vi ho baciato? Ho guardato McKenzie e ho detto No, il motivo per cui io e Lizzy ci siamo lasciati è perché mi piaceva baciarti. Dopo aver detto che mi sono alzato dal mio posto, ho preso la borsa e sono andato a uscire dalla lezione mentre camminavo, il mio insegnante mi ha detto E dove pensi di...

1.8K I più visti

Likes 0

Il miglior giro in quad di sempre

Avevo 14 anni quando ho avuto la mia prima esperienza. Non ero interessato alle ragazze fino a quando non sono entrato in terza media. Ho avuto alcuni amici che qui ragazze ma nessuno serio. La mia migliore amica era una ragazza di nome Emily con la quale ero amico da molto tempo. Più crescevo, più mi interessavo alle ragazze e più pensavo che Emily fosse la ragazza più bella che avessi mai incontrato. Con i suoi lunghi capelli biondi e morbidi e i suoi splendidi occhi azzurri luminosi. Ogni volta che mi parlava dimenticavo tutto e la mia bocca si seccava...

1.7K I più visti

Likes 0

La mia vita amorosa Capitolo 3 Janice

La mia vita amorosa Capitolo 3 Janice Capitolo 3 Janice: Poche settimane dopo che io e Carrie ci siamo separati, Carrie e i suoi amici, Tim e io, stavamo girovagando per la scuola e Carrie mi ha presentato Janice. Janice era minuta, capelli castano chiaro lunghi fino alle spalle, quasi biondo sabbia. Aveva una figura che faceva girare la testa quando entrava in una stanza. Era sotto i 100 libbre, con molte curve. Un set di tette 34C. Questa ragazza è stata fantastica. Aveva anche un grande senso dell'umorismo. Janice stava cominciando a frequentare l'appartamento di Carrie. Carrie mi ha invitato...

1.7K I più visti

Likes 0

SS Shotguneagle (parte terza)

Patetico! urlò Kenny. Le strappò la frusta dal collo, lasciando Leah senza fiato. Leah si contorse per la disperazione mentre accoglieva più aria nei suoi polmoni. Era difficile lenire il suo collo dolorante. Tutto quello che poteva fare era aspettare che il dolore andasse via e singhiozzare. Kenny gettò la frusta a terra e si avvicinò al suo carrello degli attrezzi. Dopo aver afferrato ciò che voleva, è tornato da Leah, in piedi di fronte a lei. Stava ancora singhiozzando, cercando di abituarsi al disagio che cresceva costantemente. Kenny pensava che fosse incredibilmente sexy. Pensava che potesse farla sembrare più sexy...

1.5K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.