L'ultima speranza bianca (Capitolo 1)

1.1KReport
L'ultima speranza bianca (Capitolo 1)

Questa è una storia di fantasia sul diventare presidente del nostro paese. È una sorta di parallelo con la nostra storia e la nostra linea temporale.

Il primo capitolo riguarda lo sviluppo del personaggio principale

Alcune informazioni di base su di me prima di entrare troppo nella storia.

Mi chiamo Stewart Thomas Whitteman. Faccio il mio secondo nome e tutti mi chiamano Tom. Odio il nome Stewart. Era il nome preferito dello zio di mia madre. Sono nato il 5 maggio 1955. Sono alto un metro e ottanta, peso 210 libbre, ho i capelli e gli occhi castani. Mi alleno regolarmente, mi tengo in buona forma. Ho vissuto a Kalamazoo Michigan. Sono andato a scuola lì, e al college al Western Michigan, che si trova a Kalamazoo. Ho una laurea in gestione aziendale. La nostra famiglia ha una piccola azienda di appalti generali. Lavoriamo molto al college, lavoriamo per i grandi appaltatori generali, lavoriamo per ristrutturare interni di edifici. Ho intenzione di lavorare per l'azienda. Vorrei fare di me la terza generazione ad essere coinvolta nell'attività.

Non c'è stata molta eccitazione nella mia vita. Era abbastanza di routine e noioso. Ho sposato la mia fidanzata del liceo e abbiamo avuto una figlia. Ha divorziato nel giro di un paio d'anni e circa un anno dopo il divorzio è stata uccisa in un incidente d'auto. Poi ho avuto l'affidamento di mia figlia. Pochi anni dopo la morte della mia prima moglie, ho sposato Joyce, aveva sei anni più di me. Aveva tre figli e ne abbiamo avuto uno insieme, per un totale di cinque figli. Il nostro più giovane era un ragazzo di nome Thomas Stewart Whitteman. Stavo vivendo la vita di un cittadino americano medio della classe media.

Era giovedì, l'ultimo giorno di marzo. Correva l'anno 2005. Tra un paio di mesi avrei compiuto 50 anni. Il nostro anno finanziario finisce oggi, ed ero seduto nel mio ufficio a chiacchierare con papà su come è andato l'anno, quando un uomo entra in ufficio vestito in giacca e cravatta.

"Sono qui per vedere Stewart Thomas Whitteman." Ha affermato.

"Io sono Stewart, ma per favore chiamami Tom, vuoi sederti." Gli ho risposto, mentre gli presentavo mio padre, mentre papà si stava alzando per andarsene.

"Perché non resti signor Whitteman, e ascolti quello che ho da dire, così non dovrò ripetermi due volte?" Ha detto a papà.

"Sono Jordan Johnson, dello studio legale di Johnson, Meyers e Johnson." Si presentò, mentre porgeva a me e papà il suo biglietto da visita.

“Sembrava di essere tornato nella depressione. Tuo nonno ha prestato una considerevole somma di denaro a un giovane per aiutarlo a portare avanti i suoi affari in Florida. Quell'uomo è morto e suo figlio ha preso il sopravvento. Il figlio è morto da poco e non lascia eredi immediati alla proprietà. Tu Stewart sei menzionato nel testamento. La lettura del testamento è lunedì 4 aprile”, ha detto, terminando il suo racconto.


Merda, mi chiedevo se questo fosse una specie di scherzo di pesce d'aprile, giocato su di me.

"Dov'è letto il testamento, e a che ora?" Gli ho chiesto.

"Nel nostro studio legale, a Miami in Florida, alle 10:00." Ha risposto alla mia domanda.

“Perché non dai un'occhiata alla mia storia? Ho alcune cose da fare oggi e alloggerò all'Holiday Inn Hotel. Chiamami sul cellulare, è sul mio biglietto da visita, prima che parta domani in tarda mattinata". Ha detto a entrambi.

Dopo che se ne fu andato, io e papà abbiamo discusso a lungo di ciò che ha detto. Ho deciso di chiamare l'avvocato della società e di fargli controllare questa storia.

"Ya Rich, questo è Tom, hai qualche minuto?" Gli ho chiesto. Ho spiegato cosa era successo e ho inviato via fax il biglietto da visita del signor Johnson.

"Verificherò subito per te e ti farò sapere quello che ho scoperto." Mi ha risposto.

Poche ore dopo Rich mi richiama.

“Tutto sembra quello che è, lo studio legale del signor Johnson è di prim'ordine, e anche lui, hanno quel cliente a cui si è riferito. Se fossi in te, scenderei per la lettura. Cosa avete da perdere?" Lui mi disse. Ne abbiamo parlato ancora un po' e ci siamo salutati.

Ho chiamato le compagnie aeree e ho prenotato per domenica pomeriggio. Porterò il puddle jumper a O'hare e lo United a Miami. Lo stesso per il ritorno martedì pomeriggio.

Ho chiamato il signor Johnson sul cellulare. “Salve signor Johnson, sono Tom Whitteman. Ho preso accordi per volare a Miami domenica pomeriggio”. Gliel'ho detto.

“Bene Bene, ti prendo una stanza d'albergo. Ti farò incontrare da qualcuno all'aeroporto e ti accompagnerò nella tua stanza. Faremo venire a prenderti la stessa persona lunedì mattina e portarti nel nostro ufficio legale. Egli ha detto. Abbiamo parlato ancora un po' e ci siamo salutati.

I voli erano buoni e puntuale, sono arrivato a Miami intorno alle 17:00. C'era una ragazza molto carina lì per incontrarmi. "Ciao, mi chiamo Lynn e lavoro per il signor Johnson presso lo studio legale." Mi ha detto. Quando siamo usciti dall'aeroporto e l'hotel era vicino alle 18:00.

Mi ha lasciato al mio hotel. "Ci vediamo qui davanti all'hotel alle 9:30 di lunedì mattina." Mi disse con un sorriso molto abbagliante.

"Grazie per il passaggio. Mi servirebbe un po' di compagnia per cena, se ti interessa?" le chiesi con un sorriso stampato in faccia.

"Grazie, ma devo tornare a casa, ho alcune cose di cui devo occuparmi". Lei mi ha risposto.

"Ok allora ci vediamo domattina, e ancora grazie per il passaggio." le ho risposto.

Salii in camera mia e mi feci una doccia per lavarmi via il viaggio. Mentre ero sotto la doccia, mi sono masturbato pensando a Lynn che mi succhiava il cazzo. Mi sono cambiata e ho preso l'ascensore fino all'atrio. Sono entrato nel bar per prendere un drink e forse un panino. Stavo guardando intorno al bar, e poi verso la TV per vedere cosa c'era in onda, quando qualcuno mi ha toccato la spalla. Mi sono girato e ho guardato dritto nel volto sorridente di Lynn, la ragazza che mi ha portato qui.

"Ti dispiace se mi unisco a te per un drink?" Mi ha chiesto con quello stesso sorriso smagliante, che sembra illuminare il bar.

Sono balzato in piedi e ho afferrato una sedia tenendola per lei e ho semplicemente annuito. Ho provato a parlare, ma avevo la lingua bloccata in gola. Lasciami provare a spiegare quanto è bella. Indossava un tailleur da donna color navy. La giacca era aperta esponendo una camicetta bianca, con i primi due bottoni slacciati, che mostravano parte della sua scollatura. Aveva occhi azzurri luminosi e capelli biondo miele. È alta circa 5'3", forse 100-110 libbre, con una bella figura, probabilmente 34C-24-34. Tutto ciò che mancava erano le sue ali d'angelo.

La cameriera è venuta e le abbiamo dato i nostri ordini. Lynn ordina un bicchiere di vino, un'insalata della casa e un club sandwich. Ho ordinato una birra, per accompagnare l'hamburger speciale della casa, e patatine fritte. Le bevande sono arrivate e abbiamo brindato a vicenda e abbiamo bevuto qualcosa. Abbiamo parlato delle nostre vite, mentre aspettavamo che arrivasse il nostro cibo.

Mi ha parlato di se stessa. Aveva 25 anni ed era appena uscita dal college. Lavora presso lo studio legale, come impiegata/assistente legale. Non ha una relazione seria in questo momento, perché vuole concentrarsi sul prendere la laurea in legge. Le ho parlato del mio lavoro e della mia famiglia, le ho mostrato alcune foto dei bambini. Abbiamo chiacchierato ancora un po', e presto è arrivato il nostro cibo, e abbiamo scavato con gusto. Aveva due bicchieri di vino per la mia una bottiglia di birra. Stava ridacchiando molto di più, e sembra che un terzo bottone sia stato slacciato sulla sua camicetta, quando è tornata dal bagno.

Anche se non ho mai tradito mia moglie, ho fatto sesso con altre donne, poiché mia moglie è bisessuale e le piace avere una terza donna che si unisca a noi di tanto in tanto. Di solito lo organizza in un hotel con diversi amici. Poi mi dice di presentarmi a una certa ora, assicurandomi di avere la chiave della stanza.

Mentre aiutavo Lynn ad alzarsi dalla sedia, mi suggerì di salire in camera mia. Tutto quello che potevo vedere erano i due terzi delle sue tette, e la mia mente era annebbiata. Siamo entrati in ascensore. Ci siamo baciati e ho giocato con le sue tette mentre l'ascensore saliva al mio piano. Quando siamo arrivati ​​al mio piano, avevo le tette che penzolavano dal reggiseno. Si è coperta con la sua giacca, mentre entravamo nella mia stanza.

Non appena ho chiuso e bloccato la porta, i vestiti volavano dappertutto. Strappammo le coperte dal letto e salimmo a bordo, con le labbra serrate. Era una selvaggia, che ama il dolore con il suo sesso. Per essere una donna professionista, è una cattiva chiacchierona durante il sesso.

Non ero sicuro, ma aveva la lingua così profondamente nella mia bocca, penso che potrebbe aver colpito il mio pomo d'Adamo. Mentre eravamo in un bacio profondo e appassionato, le mie mani stavano massaggiando le sue tette. Le pizzicai delicatamente i capezzoli. Ha le tette più belle, le sue areole erano della misura perfetta e i suoi capezzoli risaltavano orgogliosi e carnosi.

"Fallo fottutamente più forte." Lei tubò nel mio orecchio.

Ho stretto le sue tette così forte che potevi vedere i segni delle mie dita sul suo seno. Ho attorcigliato i suoi capezzoli così gravemente. Ero sicuro che avrebbe gridato dal dolore.

"OOOohhhh merda, è così fottutamente bello." Lei gemette nella mia bocca mentre mi baciava di nuovo.

Ho abbassato la testa sulle sue tette e ho banchettato con quei deliziosi capezzoli. La mia mano si sposta direttamente sulla sua figa e ho inserito un dito nella sua fica bagnata e gocciolante.

"Oh sì, strofina proprio lì, fallo più forte, succhiami le tette, succhia il latte da tutte le fottute, mordile, strofina più forte, fammi venire, cazzo." Mi ha urlato.

Le ho dato dei morsi d'amore su entrambi i seni e qualche segno di succhiotto. Ho leccato i suoi capezzoli e le protuberanze sulle sue areole, ho morso il suo capezzolo così forte, ho pensato per un secondo di averlo morso subito. L'ho fatta urlare e lamentarsi per il dolore e il piacere.

L'ho fatta girare e mi sono inginocchiato sul pavimento vicino al bordo del letto e ho infilato la faccia nella sua figa gocciolante e ho iniziato a mangiarla.

"Sì, lecca la mia figa calda, leccala proprio lì, facendomi venire, fottuto bastardo." Mi gridò, mentre il suo corpo iniziava a tremare per l'orgasmo.

Sono saltato fuori e l'ho girata. "Sei pronta per il mio cazzo ora puttana?" le ho chiesto con un ringhio nella voce.

"OHHH sì scopami la figa, con il tuo grosso cazzo di cazzo." Lei gemette con me.

Ho sbattuto il mio cazzo in profondità nella sua fica bagnata fradicia. Ho picchiato selvaggiamente nel suo buco del cazzo. L'ho scopata velocemente e forte per alcuni minuti, mentre i suoi succhi d'amore scorrevano su tutta la mia asta.

"Che ne dici puttana, vuoi sentire questo cazzo nel culo?" Le ho abbaiato.

Mi ha solo risposto con un grugnito.


Ho preso il mio cazzo dalla sua figa e l'ho strofinato sul suo buco della stella, per lubrificarlo con i suoi succhi di sperma. Lentamente ho iniziato a infilare il mio cazzo nel suo buco anale. Ha combattuto con me per un po', ma presto si è rilassata e io sono scivolato dentro di lei fino alle palle.

Mi sono fermato per un momento, per farla abituare all'invasione del mio cazzo nel suo buco del culo. Poi ho iniziato a fotterle il culo. Mentre le sbattevo il cazzo in profondità nel culo, le davo un paio di schiaffi sulle guance del culo. Potevi vedere le impronte delle mie mani sulle sue guance dai duri schiaffi che le ho dato.

L'ho fatta piangere e imprecare nel cuscino.

"Fottimi il culo, schiaffeggiami le guance, oh dannazione sto per venire, merda fottimi più forte figlio di puttana." Lei mi ha urlato.

Potevo sentire il suo intero corpo irrigidirsi e ha iniziato a tremare mentre un enorme orgasmo la attraversava, mentre le riempivo il buco del culo con un carico del mio succo di sperma bianco caldo. È crollata a terra sul letto. Mentre il mio cazzo scivola fuori dal suo culo, lei posa il loro fremito con il mio sperma che fuoriesce dal suo buco anale. L'ho afferrata e mi sono messa a letto con me.

“Tu puttana di puttana, le mie tette fanno male da dove le hai morse, e la mia figa è fottutamente dolorante per il martellamento, e il mio buco del culo violentato fa male a un intero fottuto gruppo, sei un fottuto bastardo maledetto. Mio Dio, non sono mai venuto così forte in vita mia. Che bravo fottuto amante che sei." Mi disse con voce stridula, mentre si rannicchiava tra le mie braccia e si addormentava.

L'ho sognata tutta la notte e al mattino ho sognato che mi stava facendo un pompino.
Ho aperto gli occhi e ho capito che non era un sogno, lei era in fondo al letto e mi stava succhiando. Mi sono rilassato e mi sono goduto il pompino, dato che mi aveva seppellito profondamente nella sua gola. Potevo sentire i miei dadi iniziare a bollire e il mio sperma stava sparando il mio pozzo del vulcano nella sua bocca in attesa. Mi ha succhiato a secco. Poi si è avvicinata a me e mi ha dato un bacio, condividendo un po' del mio sperma con me.

Si è rotolata via da me e si è vestita mentre ero sdraiato a guardarla. Wow, quanto è erotico guardare una donna nuda che si veste.

"Grazie, ne avevo bisogno, sei una buona stronza e hai un bel cazzo (è lungo 7 pollici, spesso 2 ½ pollici)." Mi disse mentre finiva di vestirsi.

“Vado a casa a farmi una doccia e a cambiarmi, torno qui alle 9:30 per venirti a prendere per la lettura del testamento”. Mi ha detto, mentre mi dava un bacio veloce e volava fuori dalla porta.

Storie simili

Erotismo vampiro

Sono solo e impotente, mentre torno a casa dall'allenamento di softball una sera tardi. Sento dei passi che mi seguono, ma quando mi giro non c'è niente. Spaventato comincio a muovermi più velocemente. Sentendo ancora dei passi prendo una scorciatoia, percorrendo una strada laterale. Questa strada laterale non ha lampioni, è molto buia. Sento i passi avvicinarsi. Sono così spaventato. comincio a correre. Mi sento come se ci fosse qualcuno che mi segue. Mi sento come se si stessero avvicinando a me. Sono così spaventato, e dato che è così buio inciampo nella radice di un albero. A terra, sento qualcuno...

96 I più visti

Likes 0

In famiglia (parte 5)_(1)

Vuoi un po' di compagnia? Cam fece capolino nella doccia. La guardai con gli occhi socchiusi mentre mi tiravo indietro i capelli bagnati dagli occhi. La bella addormentata è finalmente in piedi. ho preso in giro. Fece una risatina e aprì la porta a vetri. Devi sciogliere l'asciugamano, lo sai. dissi, guardando l'asciugamano che stringeva così forte al suo corpo. Entrò e gettò l'asciugamano per terra. Era tutto pieno di vapore nella doccia, quindi non potevo vederla chiaramente, ma potevo vederla. Mamma e papà non si sono ancora alzati? Non credo. Disse e prese una bottiglia di shampoo. Perché non ti...

1.1K I più visti

Likes 0

Mother's Submission - Capitolo 12

Alex Morgan si guardò intorno nella sua stanza del dormitorio, la stanza in cui aveva trascorso gli ultimi anni. Aveva alcuni bei ricordi qui, ma ce n'era uno eccezionale. Quando il suo amico, George, lo aveva spinto a creare un profilo per l'app di appuntamenti. Era lì che aveva incontrato la donna che ora amava, che per caso era sua madre. Quando si era presentato oggi, George era stato felice di vederlo. George è stato molto meno felice di scoprire che Alex si sarebbe trasferito a casa e avrebbe completato i suoi studi online. Chi mi aiuterà quando avrò problemi con...

1.1K I più visti

Likes 0

Cottage 13 – Parte 1

Questa storia parla di una moglie che sceglie di vivere la sua fantasia sessuale per il sesso forzato anonimo, all'insaputa del marito. Se non ti piace questo tipo di storia, o qualcuno a cui piace fare commenti anonimi denigratori, salta questa storia. Apprezzo i messaggi privati ​​che forniscono feedback e/o idee costruttive... NOTE: Ai fini di questa storia, il Geosexing è definito come una variante del geocaching, in cui uomini e donne utilizzano il Global Positioning System (GPS) per designare o cercare luoghi in cui fare sesso con un individuo consenziente. Questo non è in alcun modo un tentativo di ridefinire...

887 I più visti

Likes 1

Tocca - Capitolo 2

Tocca - Capitolo 2 Le cose sono diventate imbarazzanti rapidamente, Kelly e io avevamo appena fatto del sesso bollente insieme senza sapere davvero perché l'avessimo fatto. È stato perché sono venuto su di lei e lei non voleva fermarmi? Ma poi stava partecipando altrettanto... non riuscivo a metterlo insieme. Abbiamo provato a parlarci subito dopo, ma entrambi ci sentivamo strani l'uno con l'altro, ecco perché non ci ho mai provato prima, sapevo che questo avrebbe rovinato la nostra amicizia. Ho cercato di uscire da lì il più velocemente possibile senza cercare di sembrare un completo idiota. Non ero il tipo da...

1K I più visti

Likes 0

Prima volta_(3)

Era la primavera del '99 e frequentavo l'ultimo anno delle superiori, avevo appena compiuto diciotto anni. Ero nella squadra di pallavolo, fisicamente in forma e pronto a sfidare il mondo. Avevamo appena vinto la nostra prima partita e dopo un discorso di incoraggiamento di coach Azzerelli, ci ha mandato alle docce. Mi ero spesso eccitato quando ero sotto la doccia dopo l'allenamento mentre guardavo gli altri fare la doccia. Li fissavo mentre tenevo la testa sotto il getto d'acqua, quindi non era ovvio. O così ho pensato. Uno degli chic della mia squadra era piuttosto figo, ma non sembrava mai avere...

649 I più visti

Likes 0

Fare da mentore a Brandon 2

MENTRE BRANDON Di Bob Capitolo 2: Il mio sogno diventa realtà! Bussano alla porta: FINALMENTE! Il mio cuore batteva da un po' di tempo e ora non c'era niente di diverso. Ho iniziato a camminare per aprire la porta quando Dave è saltato fuori dalla sua cuccetta ed è corso verso di me. Quando ha aperto la porta, ho visto Brandon in piedi nel corridoio. Ehi Dave. Che c'è? risuonò la voce che stavo aspettando. Non molto ragazzo, sto solo facendo un po' di cazzate per la storia, fu la risposta di Dave. Sì, senti. In realtà ho bisogno di parlare...

195 I più visti

Likes 0

La vita di un playboy capitolo 10

CAPITOLO 10 Non sono durato a lungo sul mercato aperto una volta che la scuola è ricominciata. Letteralmente, il mio primo giorno di ritorno nell'area accademica sono stato proposto cinque volte da diverse ragazze molto carine. Ero un uomo grande nel campus, con una buona reputazione dopo essere andato a letto più della mia giusta quota di belle donne. Mentre molti erano rimasti lontani da me per paura della mia ragazza Ice Queen, ora che Kaia se n'era andata ero di nuovo un gioco leale. Ma anche il mio tempo con Kaia mi aveva viziato. Avevo una splendida ragazza bisessuale che...

165 I più visti

Likes 0

Non più una fantasia

La spogliarellista ha aperto le gambe proprio davanti alla mia faccia e nel bagliore del club squallido ho potuto distinguere un po' di succo all'ingresso della sua figa. Avrei voluto che si stesse diffondendo per me, ma stava guardando il grande tipo di operaio edile accanto a me. Era una serata amatoriale allo strip club locale e il ragazzo che le faceva gocciolare la figa era uno dei giudici del pubblico. Sono rimasto in giro per la ragazza successiva ma ero così eccitato che non ce la facevo più. Mi diressi verso il bar con la mano in tasca cercando di...

147 I più visti

Likes 0

Scoprire che sono gay parte 3

Quindi pochi giorni dopo, dopo aver rotto con Lizzy, mi stavo abituando all'idea di essere di nuovo single. Quando ero al college a lezione con McKenzie, ha iniziato a sedersi accanto a me e ha detto Tu e Lizzy vi siete lasciati perché vi ho baciato? Ho guardato McKenzie e ho detto No, il motivo per cui io e Lizzy ci siamo lasciati è perché mi piaceva baciarti. Dopo aver detto che mi sono alzato dal mio posto, ho preso la borsa e sono andato a uscire dalla lezione mentre camminavo, il mio insegnante mi ha detto E dove pensi di...

981 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.