Montagne Nebbiose cap. 7 L'Arkenstone

304Report
Montagne Nebbiose cap. 7 L'Arkenstone

Mentre il re era impegnato a dare la caccia agli orchi e agli scaffali, una delle altre spose designate era stata al lavoro, conosceva il modo per togliere la vittoria agli elfi. Sapeva come impadronirsi del trono e assicurarsi di essere la regina sotto la montagna, non l'elfo. Le sarebbe bastato cercare nei sotterranei della città il gioiello scomparso che tutti i nani pensavano di aver messo al sicuro.

L'Arkenstone, il gioiello del re, il cuore della montagna. L'unica cosa che avrebbe significato di più per il popolo dei nani, avrebbe costretto il re a sposarla anche se avesse davvero voluto sposare l'elfo. Gli altri regni dei nani avrebbero esercitato pressioni su di lui affinché scegliesse una donna nana a prescindere e quando lei gli avesse presentato l'Arkenstone ciò avrebbe segnato il loro destino.

Dithinia sapeva dove avrebbe dovuto guardare nelle profondità della montagna dove un tempo si era nascosto il drago. Sapeva che la pietra era stata presumibilmente persa durante la battaglia per la montagna, ma sapeva meglio di molti che non era vero. Suo padre, uno dei guerrieri che avevano combattuto sulla montagna, aveva trovato la pietra nella mischia e con l'idea di assicurare a sua figlia una posizione migliore, nascose la pietra all'interno della montagna. Dopo la sua scelta per diventare la sposa scelta da casa sua, le aveva dato una mappa per localizzare la pietra nelle profondità dei tunnel della montagna.

Dithinia sorrise tra sé e sé, avrebbe preso il suo tempo e avrebbe aspettato il momento giusto per presentargli la pietra e si sarebbe assicurata che fosse il momento perfetto per disonorare l'elfo così sarebbe stata costretta ad andarsene e non tornare.

*******

Bilbo era in piedi con Thorin sul balcone che dava sul campo che si estendeva tra Dale ed Erebor, il suo volto era una maschera di preoccupazione per il fatto che Arnial non fosse ancora tornato. Bilbo sapeva che anche lui era di umore cupo, l'annuncio al suo consiglio non era andato molto bene, anche se non era stato nemmeno accolto con puro ridicolo.

Dane ovviamente era un po' risentito, così come lo erano alcuni degli altri nani presenti. Fili, Kili, Dwalin e Balin non furono sorpresi o delusi dalla sua scelta, sembrava chiaro che ne beneficiassero tutti.

"Tuo cugino sembrava un po' accaldato per tutto, vero?" chiese Bilbo.

"Dane è preoccupato per la mescolanza della linea. Io, Fili e Kili abbiamo tutti scelto gli elfi per le spose e credono che abbiamo mescolato troppo la linea di Durin con il sangue degli elfi." Thorin sospirò.

"Cosa importa?" chiese Bilbo scuotendo la testa. "Siamo tutti uguali in fondo."

Thorin guardò Bilbo e sorrise dolcemente "Non tutti credono come voi Hobbit. Il mondo sarebbe stato un posto migliore se anche pochi altri lo credessero."

Bilbo ridacchiò e si voltò a guardare oltre il campo, poi indicò "Vedo qualcuno che cammina sulla vecchia strada per Erebor."

Thorin si voltò e guardò di nuovo la strada. Riuscì anche a vedere la figura camminare lungo la strada, di sicuro non era un nano. Stava strizzando gli occhi per cercare di capire se potesse essere Arnial che tornava indietro.

"Perché è sola?" chiese Thorin soprattutto a se stesso ma ad alta voce.

"Gli altri elfi non avrebbero viaggiato con lei?" Bilbo chiese "E se qualcosa non andasse?"

Thorin si voltò per guardare indietro nei corridoi e vide Dwalin fare la guardia come sempre e lo chiamò. Gli ordinò di rimandare alcuni esploratori sulla strada per scortare chiunque stesse percorrendo la strada per Erebor. Dwalin annuì e cominciò a scomparire in fondo al corridoio per ricevere gli ordini.

*******

Una volta che i nani che aveva inviato recuperarono Arnial e la riportarono a Erebor, la incontrò nella sala del trono. Sembrava di buon umore quando Thorin arrivò ma poteva vedere una tristezza nei suoi occhi mentre si girava a guardarlo.

Arnial si inchinò "Saluti a Re Thorin."

"Arnial, perché sei tornato da solo? Supponevo che Thranduil ti avrebbe almeno rivisto qui sano e salvo."

"Ho i miei dubbi che avremo sue notizie per un po', temo che non ci siamo lasciati in buoni rapporti." disse con un sospiro "Ma onorerà ogni trattato che ha sottoscritto senza fare domande con i nani."

"Dovrai dirmi cosa è successo, ma prima abbiamo cose da discutere con il consiglio riguardo al matrimonio imminente." disse Thorin dandole una pacca sul braccio.

Lei gli sorrise e posò la mano sopra la sua. Arniall lo seguì nella sala del consiglio e iniziarono a fare i preparativi per il matrimonio. Era più che contenta dei piani preparati per i festeggiamenti e aveva ben poco da aggiungere, a parte il fatto che avrebbe dovuto fare un viaggio prima del matrimonio.

"Perché sarebbe necessario?" chiese Thorin accigliato "Con tutti gli orchi in giro sta diventando troppo pericoloso viaggiare per le strade."

"Ho un amico a cui ho affidato qualcosa di cui ho bisogno che mi venga restituito. Un regalo per lo sposo." disse con un sorriso a Thorin.

Thorin fece un sorriso sottile e spalancò le mani "Se insisti che è necessario allora così sia, ma non andrai da solo."

"Ecco perché viaggerò con lei." disse Gandalf da dove era seduto. "Vorrei rimettermi in viaggio, sono rimasto a lungo in un posto per i miei gusti, temo."

"Darei il benvenuto alla compagnia." Arnial gli assicurò. "Beh sicuramente non puoi obiettare adesso Thorin, dopotutto viaggerò con un mago."

Thorin sospirò e annuì dicendo "Bene, io e le tue ancelle Seraph e Laurel finiremo di pianificare la cerimonia."

Arnial annuì poi si alzò lentamente "Allora parto, prima parto prima tornerò."

Arnial si voltò e si avviò verso la porta seguito da Gandalf che fece un grande sorriso alle sue spalle. Nel giro di pochi istanti furono fuori dalla sala del consiglio e stavano uscendo da Erebor.

*******

Dithinia guardò l'elfa e il mago scomparire lungo la strada fuori da Erebor, sapeva che era giunto il momento di fare la sua mossa. Voltandosi, si avviò lungo i corridoi di pietra fino alla sala del consiglio, con la mano sulla borsa che portava sul fianco. Sapeva che all'interno della borsa c'era la sua garanzia di diventare la nuova regina di Erebor.

Con un sorriso malvagio entrò nella sala del trono e vide il consiglio arrivare dall'altra stanza seguito da due donne elfe. Lei riconobbe che erano le cameriere dell'altra e la schernì. Erano aggrappati alle braccia di Fili lo storpio nipote del re, lei si scherniva al pensiero che si sarebbero abbassati ad allearsi con uno storpio per cercare di influenzare il trono. Non sarebbe mai stato nella prospettiva di diventare re, per lei ormai non era altro che uno spreco di spazio.

Dithinia vide il consiglio voltarsi per osservare il suo approccio.

"Saluti a te, Re sotto la Montagna, ho sentito che hai scelto una sposa. Spero che i pettegolezzi siano semplicemente male informati," disse Dithinia con un sorrisetto. "Perché tu stesso non me lo hai chiesto."

Balin le lanciò uno sguardo acido ma lei lo ignorò per fissare gli occhi tempestosi del Re che aveva una faccia come pietra.

"Questo perché non sei la sposa." disse Thorin senza emozione.

"Beh, allora è imbarazzante. Immagino che non ti interesserebbe quello che so." Disse Dithinia accigliandosi, voltandosi verso la porta. "Ma allora suppongo che tu non sia più interessato all'Arkenstone dato che l'elfa ti procurerà tutti i gioielli che desideri."

Ci fu silenzio per alcuni istanti prima che le venisse detto di fermarsi.

"Cosa intendi con l'Arkenstone?" Balin pretese la sua voce come il ghiaccio.

"Faresti meglio a parlare ad alta voce, ragazza." Dwalin sputò.

Dithinia volse lo sguardo fissandolo sul re. I suoi occhi si erano socchiusi alla menzione della pietra e lei poteva già vedere quel luccichio nei suoi occhi. Aveva sentito cosa provocava la malattia del drago a coloro che la possedevano, la fame nei loro occhi mentre il desiderio di possedere l'oggetto li consumava. Avrebbero fatto qualsiasi cosa per l'oggetto e il punto debole del re era l'Arkenstone. Sapeva che l'avrebbe sposata se gli avesse regalato la pietra, non ci avrebbe nemmeno pensato due volte.

"Puoi produrre la pietra o no?" chiese Thorin guardando il pavimento.

I suoi occhi erano spalancati, le sue narici sembravano dilatarsi e le sue labbra erano socchiuse come se respirasse attraverso la bocca. Stava già diventando un uomo posseduto dalla sola idea di trovare la pietra.

"Naturalmente a un prezzo." Dithinia fece le fusa.

"Nominalo?" chiese Thorin.

"Sposami, nominami tua regina, se vuoi andare a letto con gli elfi non è un mio problema, ma a loro non sarà mai permesso di darti un erede."

"Come osi!" Balin ringhiò battendo il bastone a terra. "Non provi vergogna?"

"Stai zitto vecchio mio. Io sarei la regina, non è che avrei il potere del re, tutto ciò di cui hai bisogno da una moglie è che ti dia dei figli. Sono la più giovane e la più sana delle donne nane che tu dobbiamo scegliere. L'elfo non avrebbe dovuto nemmeno contare."

Seraph e Laurel si scambiarono uno sguardo prima di lanciare un'occhiata a Thorin, lei sorrise quando impallidirono allontanandosi da Fili.

"Hai un patto," ringhiò Thorin "Ma solo se riesci a produrre la pietra."

"Thorin, non puoi dire sul serio!" Fili esplose "Hai dato la tua parola ad Arnial, non significa niente per te?"

Dithinia fece una risata aspra e infilò la mano nella borsa e tirò fuori un oggetto avvolto. Tolse lentamente l'involucro dall'oggetto per rivelare la gemma più bella che sia mai stata estratta dalle miniere naniche. La pietra era un ovale perfetto, senza segni di utensili o bordi, sembrava brillare di una vita tutta sua. Il suo bagliore era bianco con sfumature chiare di viola finché non arrivò a un centro più scuro, quando la luce lo colpì sembrava far roteare la luce bianca al centro.

Gli occhi di Thorin si illuminarono quando la vide e lei poté vedere i suoi occhi socchiusi davanti alla pietra stessa.

Dithinia sorrise vedendo i suoi amici più cari e gli sguardi di assoluto orrore del nipote alla vista della pietra. Sapeva che erano terrorizzati da ciò che sarebbe successo dopo. Sarebbe come prima.

Aveva sentito storie sul suo egocentrismo, sulla sua improvvisa paranoia e sul suo intenso odio verso coloro che andavano contro qualsiasi cosa desiderasse. Il suo odio per gli elfi.

Questo le potrebbe servire.

"Allora quando ci sposeremo?"

Thorin si accigliò ma i suoi occhi si fissarono sulla pietra che tanto desiderava e fece un piccolo cenno del capo "Tre giorni dovrebbero essere un tempo sufficiente per sistemare tutto."

*******

Arnial e Gandalf viaggiarono facendo poche fermate poiché era qualcosa con cui si sentivano a loro agio, rimasero in silenzio per gran parte del viaggio ma non fu imbarazzante. Viaggiarono indietro attraverso il Bosco Atro finché arrivarono a un bivio che si biforcava in due percorsi diversi e ognuno di loro progettava di dirigersi in due direzioni diverse.

"Apprezzo la tua compagnia durante questo viaggio Gandalf." Arnial disse con un sorriso.

"Il piacere è stato mio, Lady Arnial, stai al sicuro per il resto del tuo viaggio, malattia." disse con un sorriso gentile.

"Dove intendi andare da qui?"

"Desidero continuare a visitare Lady Galadriel: sono passati alcuni anni dall'ultima volta che l'ho vista." disse Gandalf sospirando. "Non bisogna passare così tanto tempo tra una visita e l'altra con gli amici, non si sa mai quando sarà l'ultima volta che ci si vedrà."

"Molto vero. Stai al sicuro durante il resto del tuo viaggio Gandalf, possiamo incontrarci di nuovo."

"Possiamo incontrarci di nuovo."

Arnial e Gandalf diedero la tradizionale stretta di mano degli elfi, poi si separarono lungo i sentieri opposti. Gandalf va a trovare Lady Galadriel e Arnial va a trovare la sua amica.

Conosceva l'elfo da molti anni e si era sempre fidata del suo giudizio in materia, quindi gli aveva lasciato un amuleto magico che gli aveva assicurato che sarebbe tornata a recuperare in tempo. Aveva prestato servizio con lei nel suo incarico di soldato e avevano trascorso molti anni l'uno in compagnia dell'altro.

L'amuleto era incantato che un vecchio fabbro elfo aveva realizzato nelle acque magiche in una profonda caverna sotto le terre degli elfi. Il fabbro lo aveva realizzato con argento puro sottile come una corda, per il pendente dell'amuleto aveva preso l'argento in corde per cullare un singolo diamante a forma di lacrima. L'incantesimo permetterebbe a chi lo indossasse di concedere una vita più lunga e sana quasi come quella di un elfo ma nulla potrebbe garantire la vita eterna.

Ad Arnial era stato regalato l'amuleto da Thranduil che aveva detto che sua madre voleva che lei lo avesse quando fosse maggiorenne. Le era stato dato l'amuleto al momento stabilito e quando era stata mandata a combattere contro gli orchi alla periferia delle loro terre lo aveva affidato alla sua amica.

Arnial viaggiò in silenzio per le poche ore necessarie per raggiungerlo.

Il luogo in cui era arrivata era un boschetto di alberi con una casa di legno costruita tra i rami. La casa era l'elegante vortice di design elfico a cui era sempre stata abituata quando era cresciuta. Le finestre erano aperte e non c'era una vera porta, solo un bellissimo panno blu teso sopra l'ingresso.

"Thrimdal, sei qui?" Arnial chiamò a casa.

Ci fu un movimento alla porta e poi la sua amica apparve sulla porta.

Thrimdal era come la maggior parte degli elfi. Alto, magro ed elegante anche solo stando lì. I suoi capelli erano lunghi e setosi, biondi, occhi blu mare, zigomi affilati e lineamenti pallidi. Indossava una veste bianca con una fascia blu legata intorno alla vita.

"Arnial, mi fa piacere vederti. Avevo sentito che saresti stato nella zona di Erebor e stavo facendo le valigie per venire a trovarti." disse abbracciandola dolcemente.

Lei sorrise "Vederti mi dà gioia. Speravo di vederti."

"Avevo sentito che forse ti saresti sposato con il Re sotto la Montagna."

"È vero, ha accettato di organizzare il matrimonio mentre io andavo da te per recuperare la pietra." disse sorridendo. "Sono così grato che tu l'abbia tenuto per me per tutto questo tempo."

Thrimdal sorrise e le fece cenno di seguirlo nella bellissima casa di legno. Andò in un'altra stanza mentre lei aspettava nella stanza più grande guardando le incisioni nel legno.

"Eccola qui", disse porgendogli una piccola scatola di legno. "Vi auguro ogni bene e non vedo l'ora di partecipare alla celebrazione."

"Grazie Thrimdal."

Arnial rimase per un attimo a guardare la scatola e poi di nuovo verso la sua amica.

"Faresti meglio ad andare. Il tuo sposo ti sta aspettando." disse Thrimdal con un sorriso gentile. "Ci rivedremo presto."

*******

Erano passati due giorni da quando Arnial aveva lasciato Erebor e Dithinia aveva stretto un patto con Thorin, ne rimaneva solo uno prima che si sposassero.

Fili e Kili avevano già preparato il resto delle loro cose quando durante i due giorni non avevano avuto fortuna nel far ragionare Thorin. Avevano mandato un messaggio alla moglie di Kili, Tauriel, e stavano progettando di tornare a casa.

Con loro avrebbero viaggiato gli elfi Seraph e Laurel, avrebbero guidato il carro su cui avrebbe dovuto viaggiare per la maggior parte del viaggio. Bilbo aveva anche accettato di viaggiare con loro in modo da poter tornare a casa nella Contea. Quello che aveva scioccato di più era stato Balin che aveva accettato di lasciare Erebor con loro, non si sentiva più il benvenuto nel consiglio di Thorin.

I Nani li interrogarono sul motivo per cui se ne sarebbero andati prima del matrimonio dei loro zii e loro dissero la verità, non più disposti a vedere il buono in Thorin. Era un trasgressore, un bugiardo e sembrava interessarsi solo di una cosa. L'Arkenstone.

"Spero che incontreremo Arnial per strada, non è necessario che ritorni qui." Laurel ha detto che i suoi occhi erano pieni di preoccupazione.

"Non so se sarà arrabbiata o rattristata dalla notizia però." sussurrò tristemente Seraph.

"Faremo meglio a metterci in viaggio se speriamo di prenderla prima di lasciare il territorio, allora." disse Kili conducendo tutti al cancello.

"Pensi che si riprenderà prima delle nozze maledette?" chiese Fili mentre i cancelli si aprivano.

"Prima di domani?" chiese Balin accigliato. "Sappiamo tutti che Thorin è troppo testardo per cambiare idea adesso. Ha già reso pubblico l'annuncio, anche se desiderasse sposare Arnial al suo ritorno, è un re e dovrà convivere con le scelte che ha fatto."

Balin sospirò e spronò il suo cavallo salutando educatamente il guardiano mentre passava. Il guardiano e le guardie armate salutarono tutti mentre la loro piccola carovana lasciava la città di Erebor e li superava.

*******

In piedi sul balcone che guardava i campi tra Erebor e Dale mentre la carovana si allontanava dalla città c'erano Thorin e Dithinia. Il volto di Thorin era una maschera priva di emozioni ma i suoi occhi erano pieni di dolore.

Dithinia aveva lo stesso sorriso malvagio che aveva indossato negli ultimi giorni, sarebbe diventata regina e non sarebbe rimasto nessuno a cui importasse di Thorin per impedirle di controllare il re.

Storie simili

Harry Potter Adventures: Capitolo 5 - Doppio problema

Questa storia non riflette gli atteggiamenti o i personaggi della serie Harry Potter, né ha alcuna affiliazione con l'autore. Capitolo 5 Novembre scese su Hogwarts e con esso arrivò anche la pioggia e perfino qualche fiocco di neve. Era l'ultima settimana di novembre e mancavano solo due settimane all'inizio delle vacanze di Natale. Ron cominciò a sentire tornare di nuovo il suo malumore. Era passato un mese dal suo divertimento con Lavanda e da allora si frequentavano. Sebbene il sesso fosse incredibile, non avevano molto in comune e Ron aveva iniziato a desiderare il suo vero amore; Hermione ancora una volta...

361 I più visti

Likes 0

Mia mamma e la mia ragazza dei sogni

Introduzione Mi chiamo Will Chapman. Sono uno studente universitario di 19 anni, 5'8 e 160 libbre con capelli castani corti e occhi castano scuro. Ho sempre avuto problemi con le ragazze della mia età. Non è che non fossi di bell'aspetto; era perché, nonostante avessi 19 anni, sembrava che ne avessi 14. Ogni volta che uscivo con i miei amici, le persone che incontravamo spesso mi chiedevano se ero il fratellino di qualcuno. Le ragazze dicevano sempre che ero carino, il che mi farebbe assolutamente impazzire. Inutile dire che ho avuto problemi a soddisfare i miei bisogni sessuali. Stavo andando in...

2K I più visti

Likes 0

LA DIGA

Oh mio Dio, è bello, gemette Lauren, mentre Alexandra affondava la bocca nella sua figa calda e bianca, lo fai così bene, ti amo così tanto!!! Mmmmmmm, rispose Alex, non volendo distogliere la bocca dal muffy bagnato del suo amante!!! Lauren e Alexandra, amanti da un anno e coinquiline da sei mesi sei mesi, entrambe a ventidue anni, innamorate per la prima volta nella loro vita e affamate l'una dell'altra come solo i giovani amanti sanno essere! Lauren ha inarcato la schiena mentre spingeva forte il suo inguine nella bocca del suo amante, godendosi l'incredibile sensazione di farsi succhiare la vagina...

893 I più visti

Likes 0

Solo a Tokyo con due cuccioli

Mi chiamo Junjio. Ho 34 anni e vivo da solo in un piccolo appartamento di Tokyo. Molte giornate passano veloci, lavorative, e poi le serate lente e noiose. Sono stato solo per molto tempo, senza una vera famiglia nelle vicinanze, o contatti con amici o un ragazzo da un paio d'anni. È così per molti abitanti delle città nel Giappone moderno. È andato così male per me, che mi sono ritrovato a impazzire, a pensare ogni sorta di strani pensieri, a perdermi nel mio spazio per anni, e alla fine ho comprato un animale domestico. Non mi piacevano molto gli animali...

866 I più visti

Likes 0

L'inizio della fine_(0)

Fece un respiro lento e profondo e si morse le sue deliziose labbra rosso ciliegia. Come sono finito in questo? lei ha pensato. I suoi morbidi capelli biondo sporco pendevano sui suoi angelici occhi verdi. Julia prese il telefono e lo aprì. Ha letto il messaggio più e più volte. Incontriamoci al parco a meno che tu non voglia essere conosciuto come la puttana della città - Chris Adesso il suo cuore batteva forte. Proprio in quel momento arrivò un altro messaggio. Julia, se non esci di casa entro cinque minuti, mamma e papà si arrabbieranno molto con te... ovviamente sono...

775 I più visti

Likes 0

Lezioni dall'aia, parte IV

Bobby entrò per primo nella doccia con il suo nuovo marito proprio dietro di lei. Junior si rannicchiò accanto a lei da dietro e le mise le braccia intorno alle spalle, abbracciandola nel modo più amorevole. Si erano sposati da meno di un giorno e lui le aveva dichiarato il suo amore tante volte e in tanti modi. Adorava assolutamente la sua giovane moglie e ora più che mai si sarebbe assicurato che non le accadesse mai nulla perché, dopo tutto, stava aspettando suo figlio. Si sono sposati quella mattina a casa sua in modo che il loro bambino avesse il...

399 I più visti

Likes 0

Lascia che piova - 4

Per la prima volta in una settimana, quando mi sono svegliato, mi sembrava di avere avuto la stessa sensazione delle donne a letto della sera prima. Quando li ho scossi leggermente, si sono accoccolati un po’ più vicini e non si sono svegliati. Ho pensato che finché avessero voluto premere la loro calda carne da ragazza contro di me avrei potuto anche godermelo e ho chiuso gli occhi. Quando mi sono svegliato di nuovo è stato con un paio di labbra sul mio cazzo e un altro paio sui miei testicoli. Stavano facendo un ottimo lavoro e in pochi minuti ho...

423 I più visti

Likes 0

Il mio primo fidanzato 3

Tornato di sotto, Sam ha messo un po' di musica sullo stereo in soggiorno e mi ha detto di ballare per lui. Si sedette sul divano con le gambe divaricate e le mani sull'inguine mentre io barcollavo, cercando di ballare. Non è stato facile sui tacchi a spillo, sulla moquette e più volte ho quasi perso l’equilibrio e sono caduta. Ogni volta che stavo per inciampare, il sorriso del mio fratellastro si alzava leggermente. Ogni tanto mi diceva di fare qualcosa del tipo: Strofinati le tette e fammi vedere che puttana sei oppure Girati e piegati, così posso dare un'occhiata a...

322 I più visti

Likes 0

Broken Birds, Parte 37, Uno spazio nel tempo / Epilogo

Parte 37 Uno spazio nel tempo Epilogo L'elicottero di emergenza ha urlato per tutta la notte. Michael, Jennifer, Beth e Kat erano a bordo. Il dottore che Jennifer aveva di guardia non era potuto venire. Era ubriaco. La consegna è iniziata normalmente. Poi Kat ha cominciato a sanguinare gravemente. Barbara l'aveva già visto. Ha dato suggerimenti che Jennifer ha immediatamente implementato, scoprendo quanto preziosa fosse diventata l'esperienza ginecologica e neonatale di Barbara. Barbara è rimasta indietro a causa delle condizioni e dello stress di Jan. Il terrore attanagliò l'harem. Si sedettero intorno all'enorme soggiorno principale. Cercavano in Barbara consolazione e informazioni...

2K I più visti

Likes 1

L'amore è tutto ciò che conta pt2 - Nuovo dipendente, vecchie abitudini

Ero a casa ad aprire la porta, entrando nel mio appartamento quando il mio cellulare ha ronzato, mi infilo in tasca per prenderlo e controllare chi fosse a quest'ora, Jessy. Il messaggio diceva: Scusa :( te lo devo, la prossima volta puoi scegliere un film. Forse scegline uno con più azione, così non mi addormento Ho sorriso al messaggio e mi sono spogliato preparandomi per andare a letto, mi sono lavato i denti e sono andato in toillete tirando fuori il mio cazzo e mirando con i miei occhi assonnati, una mano che scriveva a Jess l'altra che mi teneva il...

1.9K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.