In famiglia (parte 5)_(1)

2KReport
In famiglia (parte 5)_(1)

"Vuoi un po' di compagnia?" Cam fece capolino nella doccia. La guardai con gli occhi socchiusi mentre mi tiravo indietro i capelli bagnati dagli occhi.

"La bella addormentata è finalmente in piedi." ho preso in giro. Fece una risatina e aprì la porta a vetri.

"Devi sciogliere l'asciugamano, lo sai." dissi, guardando l'asciugamano che stringeva così forte al suo corpo. Entrò e gettò l'asciugamano per terra. Era tutto pieno di vapore nella doccia, quindi non potevo vederla chiaramente, ma potevo vederla.

"Mamma e papà non si sono ancora alzati?"

"Non credo." Disse e prese una bottiglia di shampoo. "Perché non ti fai il bagno?"

"Perché avevo voglia di fare una doccia." dissi, e la tirai vicino a me per la vita.

"Puoi lavarmi i capelli?"

"Sicuro." dissi e lei si voltò, voltandomi la schiena. Sono qualche centimetro più alta di lei, quindi è stato facile lavarle i capelli. Ho spruzzato dello shampoo sulla mia mano e ho iniziato ad applicarlo sui suoi capelli. Dopo qualche minuto le stavo massaggiando dolcemente la testa.

Era in piedi con la testa gettata all'indietro, mancando solo il getto della doccia. Ho guardato il suo corpo. Il mio cazzo era leggermente in contatto con il suo culo ma non era niente di sessuale. Ancora.

L'ho tirata un po' indietro per sciacquarle via lo shampoo dai capelli, che ha portato tutto il suo corpo a contatto con il mio. Ha emesso un basso sussulto quando le ho morso il lobo dell'orecchio in modo scherzoso. Lasciai che le mie mani vagassero lungo le sue spalle, poi le sue mani. Era come se la stessi lavando, solo senza il sapone. Lasciai che le mie mani vagassero sulla sua schiena e poi le presi a coppa i seni da dietro. I suoi capezzoli erano eretti e li ho tirati con l'indice e il pollice.

Stavo succhiando il suo collo, quando ho sentito le sue mani sulla mia vita. Ha provato a prendere il mio uccello ma le ho preso entrambe le mani e le ho piantate sul muro. Si è un po' appoggiata al muro, il suo culo adesso premeva contro il mio cazzo. Ho iniziato a spruzzare la doccia, due di loro hanno sparato acqua direttamente sui suoi capezzoli e lei ha emesso un basso gemito. Uno stava sparando acqua sullo stomaco. Alcuni erano dietro di me, sparandomi acqua sulla schiena e sulle spalle. Lasciai che le mie mani vagassero lungo la sua schiena e feci scivolare la mia mano destra tra le sue labbra della figa, massaggiandole e le sue cosce interne contemporaneamente. Ha iniziato a muoversi insieme alla mia mano.

Continuavo a massaggiarle la fica, stuzzicandola. "Mike per favore." Lei gemette e mosse i fianchi contro il mio stomaco. Mi sono reso conto che stava in piedi un po' sulle punte dei piedi, altrimenti il ​​mio cazzo ormai indurito e la sua figa sarebbero stati in contatto diretto. Ho ignorato le sue suppliche e ho continuato a massaggiarle le labbra della figa e l'interno delle cosce.

"Mike. Per favore." Ha lasciato fuori. Adesso era più un comando. L'ho ancora ignorata.

"Mike, dannazione! Smettila di prendermi in giro." Lei si lasciò scappare arrabbiata. Ha messo la sua mano sulla mia e ha messo il mio dito sul suo clitoride.

Ridacchiai e le baciai le spalle, e iniziai a lavorare sul suo clitoride. Era così bagnata che ho fatto scivolare due dita dentro di lei facilmente. Ho iniziato a muovere le dita dentro di lei e quando ha iniziato a gemere ho capito di aver fatto centro. Ho continuato a muovere le dita e a strofinare il suo clitoride, mantenendo un ritmo, muovendomi lentamente.

Questa volta non ho aumentato il ritmo, andando piano. Ha iniziato a muovere i fianchi.

"Mike." Lei mi ha guardato. Mi chinai in avanti e la baciai sulle labbra. Si è girata, tirando su la gamba e incrociando il mio braccio in modo che non dovessi togliere le dita da lei e poi mi ha tirato dentro violentemente, i suoi seni che mi schiacciavano il petto. Ho sentito la sua lingua muoversi nella mia bocca e le sue mani mi hanno tirato i capelli.

"Mi farai venire o cosa?" Disse e mi morse il labbro.

"Wow. Da timido a esigente, mi piace." Sorrisi mentre lei mi lanciava un'occhiata molto seria.

"Mike. Per favore." Ha messo il broncio e mi ha tirato più vicino se era possibile.

"Ehi, cosa! Nessun contatto emotivo, sorella!" dissi e lei fece la sua faccia da cucciolo. ho deglutito.

Fanculo. Sono agganciato. Sono fottutamente agganciato. "Accidenti a te." sussurrai prima di iniziare a baciarla. Ho sfilato le dita da lei e lei mi ha guardato confusa.

L'ho tirata su per la vita, spingendola contro la parete di vetro, e mi sono spinta dentro di lei. Lei ansimò e sentii le sue gambe chiudersi intorno alla mia vita. Ero completamente dentro di lei e ho aspettato un secondo prima di tirarmi fuori quasi completamente e spingere di nuovo dentro di lei.

Questa posizione mi ha permesso di colpire il suo posto ogni volta. Eravamo il più vicino possibile. La sua bocca si aprì e inspirava aria ogni volta che mi spingevo dentro di lei. Chiudo la mia bocca sulla sua e la bacio. Lingue e tutto.

"Ugh, ugh, ughn Mike..ugh" iniziò a gemere più forte quando aumentai il ritmo. "Oh dio Mike sto per..ahh!" Ho colpito più forte e lei ha chiuso gli occhi.

"Vado anch'io!" Presto ho sentito un liquido caldo che mi colava sul cazzo e poi ho iniziato a venire anch'io. Poso il peso sulle mani, premendole sul vetro. Ho sentito la gamba di Cam scivolare lungo il mio sedere e lei si è alzata tenendomi. Rimanemmo così per qualche minuto, in piedi sotto l'acqua che scrosciava.

L'acqua ha iniziato a diventare fredda e ho fatto un passo indietro. Cam mi guardò, le sue guance rosee. Chiusi la doccia e offrii a Cam un asciugamano, prendendone uno anche per me. Si mise l'asciugamano sulla spalla e prese il soffione della doccia, dirigendolo direttamente verso la sua figa. Abbasso lo sguardo per vedere che l'interno delle sue cosce gocciolava di sperma.

Continuo a fissare la sua figa, guardandola lavare via lo sperma. Non so cosa sia successo, non riuscivo proprio a staccare gli occhi di dosso.

"Smettila di fissare!" Ha puntato il soffione della doccia dritto in faccia e lo ha spruzzato con l'acqua.

"Aah!! Scusa scusa!" Sono uscito dalla doccia ridendo.

"Sei un tale idiota!" Disse e uscì, avvolgendosi nell'asciugamano.

"Il coglione che ti piace scopare." dissi con un sorriso malizioso e lei alzò gli occhi al cielo, ma non mi mancava il suo sorriso. Mi sfiorò ed entrò nella stanza. I nostri bagagli erano ancora tenuti in un angolo della stanza, disfatti. Si è chinata per aprire la borsa e ha tirato fuori dei vestiti, e io ho fatto lo stesso.

Era di fronte a me quando lasciò cadere l'asciugamano e si infilò nelle mutandine. Ma ho avuto quella vista spettacolare del suo culo. Poi si è piegata di lato per prendere il reggiseno dal letto e ho avuto una leggera vista del suo seno. Ho continuato a guardarla mentre si allacciava il reggiseno e poi si è girata all'improvviso.

Guardai subito la maglietta che avevo in mano, imbarazzata. "Oh Dio Mike sei un tale idiota!" Ha detto, e mi ha lanciato la sua maglietta. "Ehi! Mi piace guardarti." Ho sorriso. Scosse la testa e fece una risatina. Infilandosi dei pantaloni da yoga che facevano di tutto per esaltare le sue belle gambe lunghe e il suo culo, si è avvicinata a me, ma solo per prendere la maglietta.

"Credi che mamma e papà siano svegli?" mi chiese e io mi infilai velocemente i vestiti, iniziando a sentire un po' di freddo.

"Non lo so. Che ore sono?"

"Tre. Wow, abbiamo dormito molto." Si diresse verso la porta e l'aprì, spalancandola.

"La loro porta è ancora chiusa a chiave." Disse e si lasciò cadere sul divano.

"Ehi, alzati!" dissi e le presi la mano.

"Che cosa?" Mi ha lanciato uno sguardo confuso.

"Facciamo qualcosa. Dio, siete così noiosi. Mamma e papà stanno ancora dormendo e tu sei così noioso."

"Non sono noioso! Abbiamo un'intera settimana qui, cosa faremo? Non è un po' stupido? Voglio dire, perché tutta la settimana?" Disse e arricciò il naso. È stato un po' stupido stare qui in una casa sul lago per una settimana. Ma immagino che tutti avessero bisogno di rilassarsi e questo posto è perfetto. È lontano dalla città, quindi potrebbe sembrare un po' noioso.

"Abbiamo una sala giochi! E tu hai me, così.." Allungai la parola e scrollai le spalle. Ha alzato gli occhi al cielo. "E tu sei così noioso." Lei disse.

"Oh veramente?" dissi, sporgendomi verso di lei, premendo entrambe le mani su entrambi i lati di lei, il mio viso ora a pochi centimetri dal suo. Si morse il labbro inferiore e deglutì. Mi avvicinai e sfiorai le sue labbra con le mie.

Proprio in quel momento si udì il rumore di un lucchetto che scattava e io mi allontanai rapidamente. La porta dell'altra stanza si aprì e ne uscì la mamma, ora vestita con una veste bianca. Sentii il mio cuore perdere un battito quando vidi che la veste era praticamente semiaperta sopra la sua vita, dandomi una buona visuale della sua scollatura. Vedendoci, si è rapidamente tirata su la vestaglia e io ho distolto lo sguardo, imbarazzata che mi avesse beccato o qualcosa del genere.

Ma non stavo fissando, era solo una cosa di un secondo. "Non pensavo che vi sareste svegliati." Lei disse.

"Oh, alzato e fatto la doccia. E affamato." Ho detto. Si diresse verso la cucina. "Sì, stavo per fare qualcosa da mangiare. Vediamo cosa abbiamo qui." Ha detto aprendo il frigo e sbirciando dentro. Ha iniziato a tirare fuori alcune cose e sembrava abbastanza normale, quindi immagino che la cosa a metà seno non fosse nulla di cui preoccuparsi. Mi voltai a guardare Cam.

"C'è mancato poco." Sussurrò e si alzò.

"Lo so." Sospirai.

"Allora, uh, vuoi giocare?" Lei chiese.

"Il gioco dell'uomo di pac." Ho sorriso. Feci un passo indietro, lentamente. "Chi arriva per primo." Non appena l'ho detto, siamo corsi entrambi verso la sala giochi. Era dall'altra parte della casa, e la casa è abbastanza grande. Ho raggiunto per primo e mi sono seduto sulla sedia davanti alla macchina, Cam ha perso solo due secondi.

"La prossima volta sarai più fortunato." dissi e iniziai il gioco.

"Hai barato." Lei sbuffò.

"Non tradisco mai". ho sorriso.

"Questo è quello che dicono gli imbroglioni."

Le ho tirato fuori la lingua e ho iniziato a suonare. Sono davvero brava con Pac Man, quindi dovrebbe aspettare molto per il suo turno. Presto fui assorbito dal gioco e credo di aver giocato solo da cinque minuti quando Cam iniziò a piagnucolare per il suo turno.

In realtà era carino, voglio dire, è sempre carina.

"Oh andiamo!" Disse e batté i piedi. "Mike, lasciami giocare ora."

"Oh no sorellina, devi aspettare." Sorrisi senza staccare gli occhi dallo schermo, non perché stavo cercando di concentrarmi sul gioco, ma perché stavo cercando di evitare di guardarla quando avrebbe fatto la sua faccia da cucciolo. E so che ce l'avrebbe fatta.

Potevo sentire il suo broncio da qui, ma ho continuato a giocare, ignorando il forte bisogno di guardarla e fare qualcosa per il suo broncio.

"Mike." La sua voce era bassa e implorante. "Na aa aa." dissi e scossi la testa, chiudendo gli occhi.

Semplicemente non dovevo guardarla, non guardarla. Prima che potessi aprire gli occhi ho sentito la sua mano sulla mia spalla e poi mi ha tirato. Poi ho sentito il tocco morbido ma forte delle sue labbra contro le mie. Le sue mani mi tirarono a lei per il mio collo, le sue labbra si mossero sulle mie. Ho sentito la sua lingua sul mio labbro inferiore e poi è entrata nella mia bocca. Gemetti e lasciai andare i comandi. Le mie mani si spostarono sulla sua schiena e poi lei mi tirò di nuovo, facendomi alzare.

Ho dovuto piegare la testa per baciarla ora, e lei si è girata, ma non me ne sono accorto. Ho dovuto abbassare molto per continuare a baciarla. Mi morse il labbro e lo tirò, poi mi lasciò andare e sorrise. Uno scaltro.

Mi sono reso conto che ora era seduta sulla sedia e in poco tempo ha iniziato a suonare.

"Non è giusto!" Ho detto.

"È." Lei sorrise.

"Sai che potrei semplicemente tirarti giù dalla sedia?" Ho affermato l'ovvio. "Potresti essere forte quasi quanto me quando lottiamo, ma pesi leggero come una piuma." dissi e scrollai le spalle. Mi ha ignorato e ha continuato a giocare.

"Camera." dissi lentamente e agitai le dita, spostandole lentamente verso di lei.

"Se mi tocchi ti uccido." Disse con un'occhiata a me. Sospirai e andai a mettermi dietro di lei.

"Solo un livello." Ho detto.

"Tre."

"Uno."

"Tre."

"Due."

"Vaffanculo."

"Va bene." L'ho tirata per la vita così velocemente che non ha avuto il tempo di reagire, e le mie labbra sono state premute contro le sue. Era una posizione un po' imbarazzante, la sua schiena era ancora premuta contro il mio petto e io mi stavo piegando per baciarla. Se mi fossi spostato davanti, probabilmente sarebbe caduta.

"Accidenti a te." Ha sussurrato tra i baci e si è girata sulla sedia per affrontarmi.

"Ma io..non mi alzo." Disse mentre io continuavo a baciarla con crescente fame. Proprio in quel momento abbiamo sentito la mamma.

"Bambini! Pranzo!"

Ci siamo subito allontanati e abbiamo guardato la porta, non c'era nessuno.

"Santa merda." sussurrò Cam.

"Dobbiamo stare attenti." dissi e la guardai. Aveva il viso arrossato e le labbra un po' gonfie. Si è passata le dita tra i capelli e ha respirato alcune volte prima di chiedermi: "Sto bene?"

"Uhm, tranne il tuo viso estremamente arrossato e le labbra gonfie? Va tutto bene." Ho detto.

"Vai tu per primo." Ha detto e io ho accettato.

Sono andata in cucina, ma mamma mi ha detto di svegliare papà, così sono andata in camera sua. La prima cosa che ho notato quando sono entrata nella loro stanza è stato un reggiseno dismesso, steso sul divano. Un paio di mutandine cadute proprio accanto ai piedi del divano, e poi qualche altro vestito sparpagliato qua e là. Mi sono guardato intorno e non c'erano segni di vestiti da nessun'altra parte. Tutti i vestiti sul divano sembravano essere tronchi per mamma, quindi speravo che papà non stesse dormendo nudo.

Le lenzuola coprivano il suo corpo sotto l'addome, quindi ho deciso di dargli un colpetto sulla spalla una volta. "Papà. Svegliati."

Ok, imbarazzante. Non ricordo di aver svegliato papà prima. Colpendolo di nuovo, ho chiamato più forte questa volta. "Papà."

I suoi occhi si spalancano e gli piaccio con i suoi occhi socchiusi. "Eh?"

"La mamma ha preparato il pranzo."

"Oh..sì va bene" mormorò, e io annuii e uscii. Non prima di aver dato un'ultima occhiata alle mutande di pizzo di mamma.

---

Gli Hales avevano una collezione di film molto buona e vasta.

Inutile dire che io e Cammi eravamo impegnati a guardare Insidious, dopo circa mezz'ora di discussione su quale film guardare.

Guardiamo sempre film horror e ricordiamo Insidious a memoria. Comunque non invecchia mai.

Era quasi l'una di notte e la testa ha iniziato a pulsare un po'. Abbiamo giocato ai videogiochi tutto il giorno e poi abbiamo guardato film.

Stavo per dire a Cammi che dovremmo smettere di guardare film e andare a letto, quando suonò il campanello.

Cammi ed io ci scambiammo di parole in totale confusione, lanciando contemporaneamente un'occhiata alla porta.

Vivendo in un posto che non è nemmeno il nostro ritmo, non ci aspettavamo nessuno. E sicuramente non all'una di notte. Stavo per andare a bussare alla porta di mamma quando è uscita dalla sua stanza da sola, camminando oltre la porta principale.

"Ragazzi, siete ancora svegli." Ci ha guardato.

"Mamma, chi c'è?" Le ho chiesto.

Andò verso la porta con tutta la facilità del mondo, come se aprire la porta a uno sconosciuto in un luogo strano nel cuore della notte fosse del tutto normale e sicuro.

"Mamma?" La mia voce è quasi morta quando ha aperto la porta e l'ha spalancata, solo per rivelare un volto molto familiare e inaspettato.

"Ashley!" Lucas, il fratello di mia madre esclamò e la tirò a sé per un abbraccio.
"Ah, finalmente!" La voce di mia madre era attutita dal petto di Lucas, che quasi la sollevò da terra, abbracciandola ancora.

Mentre mia madre sembrava completamente felice, abbracciando suo fratello come se stesse per morire il secondo successivo, io e Cammi abbiamo condiviso uno sguardo di preoccupazione reciproco all'arrivo di questo ospite inaspettato.



Quindi, è passato molto tempo, eh? Beh, cosa ne pensi di Lucas? E, commenti positivi e critici apprezzati!

Storie simili

Comprare vestiti con Christy

Ecco, prova questo. Gemendo, alzo con riluttanza le spalle e indosso una canottiera arancione fluorescente che è quanto di più lontano possibile dalla mia idea di moda. Contento? dico, cercando di non pensare alla mia abbronzatura da contadino. È incantevole, dice, sfoggiandomi il suo sorriso vincente, facendomi battere il cuore involontariamente. È stata un'idea di Christy andare a fare shopping. Non stiamo nemmeno uscendo insieme. Normalmente, una richiesta del genere sarebbe motivo di domanda “Cosa stiamo facendo qui?” tipo di conversazione, ma non è proprio lo stile di Christy. Quando decide di fare qualcosa, la fa. Questo, e lei mi ha...

382 I più visti

Likes 0

La prima volta che condivido mia moglie

Beh, davvero non so come iniziare questa storia, quindi entriamoci subito dentro. Questa è una vera storia vera che è accaduta e ora la condivido con tutti voi ragazzi. Dopo aver finito di leggere questa storia e sei interessato a foto o video, inviami un'e-mail a [email protected]. Quindi la mia storia è iniziata circa 2 anni dopo essermi sposata. Ma prima di entrare nei dettagli pesanti, lascia che ti spieghi di noi. Mi chiamo Ethan e sono un maschio ispanico di 25 anni e mia moglie Angelina è una femmina ispanica di 22 anni. Siamo usciti insieme dai tempi del liceo...

751 I più visti

Likes 0

Potrei aiutarti... Parte I

Io e la mia ragazza siamo sdraiati nel suo letto. Aveva 23 anni in quel momento, il suo nome è Tanya. Io ero nudo, lei indossava un top bianco attillato e una sottoveste di seta, anch'essa bianca. Adoravo il modo in cui i suoi grandi seni le riempivano la maglietta, i suoi capezzoli erano duri e spingevano ulteriormente la mia eccitazione. Come molte volte prima che guardassimo un film porno. Ma qualcosa di molto speciale era diverso quel giorno. Non eravamo soli... Mi chiamo Tomas, sono un ragazzo di 27 anni con i capelli biondi e gli occhi blu verdastri. Sono...

690 I più visti

Likes 0

Trappola nella grotta, parte 1

Trappola nella grotta, parte 1 Il viaggio d’affari di Jack Simon a Manila era andato bene. Il nuovo ufficio della sua azienda disponeva di personale adeguato per amministrare gli aspetti di sottoscrizione e riscossione della sua grande compagnia assicurativa. Si ricompensò prendendo un idrovolante per Okinawa per incontrare un vecchio amico della Marina. Craig era un ergastolano che era riuscito a rimanere a Okinawa per tre anni e conosceva bene la zona. Ha portato Jack a fare immersioni in posti che i turisti non hanno mai visto; sistemi di grotte su piccole isole che erano per lo più incontaminate dal mondo...

511 I più visti

Likes 0

Momenti divertenti con Romy

Mi chiamo Matteo, ho 18 anni. Sono solo il tuo ragazzo normale con i capelli biondi e gli occhiali. Alcuni potrebbero definirmi un nerd ma non sono d'accordo. Ho appena terminato l'allenamento in palestra e sono andato velocemente negli spogliatoi per rinfrescarmi. Appena aperta la doccia ho sentito un forte inciampo seguito da un urlo. Mi sono messo dei pantaloni e sono andato alla fonte del suono. Sembrava provenire dallo spogliatoio femminile. C'è qualcuno lì dentro? “Sì, per favore aiutami” Quando sono entrato sono rimasto scioccato nel vedere la mia amica di lunga data e compagna di palestra Romy, nuda e...

444 I più visti

Likes 0

Provare qualcosa di nuovo_(1)

Provare qualcosa di nuovo (terza persona) Toni e Justin sono appena tornati nel nuovo appartamento di lei e di sua sorella, Davina, dopo aver passato l'intera giornata a fare shopping al centro commerciale. Justin ha appena parlato a Toni di alcuni nuovi abiti ma non li aveva ancora visti su di lei. È stata una lunga giornata e sono entrambi stanchi. Beh, sembra che Davina non sia più a casa, dice Justin mentre entrano nell'appartamento. A Justin piace quando sono soli perché Davina è sempre ovunque e non permette loro di entrare in intimità. Capisco, esprime sarcastico Toni con un sorriso...

449 I più visti

Likes 0

Harry Potter Adventures: Capitolo 5 - Doppio problema

Questa storia non riflette gli atteggiamenti o i personaggi della serie Harry Potter, né ha alcuna affiliazione con l'autore. Capitolo 5 Novembre scese su Hogwarts e con esso arrivò anche la pioggia e perfino qualche fiocco di neve. Era l'ultima settimana di novembre e mancavano solo due settimane all'inizio delle vacanze di Natale. Ron cominciò a sentire tornare di nuovo il suo malumore. Era passato un mese dal suo divertimento con Lavanda e da allora si frequentavano. Sebbene il sesso fosse incredibile, non avevano molto in comune e Ron aveva iniziato a desiderare il suo vero amore; Hermione ancora una volta...

505 I più visti

Likes 0

Insegnante - 04 Giorno 1 – Pomeriggio a scuola

5----------Pranzo Finalmente arrivò l'ora di pranzo. Non era previsto che nessuno studente fosse nella sua stanza durante il pranzo. In genere, alcuni pranzavano e poi andavano nella sua stanza per fare i compiti. Laura poteva solo sperare in un pranzo tipico, ma finora tipico non era la parola che avrebbe usato per quella giornata. Si sentì sollevata quando all'inizio del ciclo si ritrovò tutta sola nella sua stanza. Appoggiò il panino sul vassoio del podio e notò il timer. Il timer del periodo mostrava 00:23:55 e il conto alla rovescia e il timer del suo footpad mostrava 00:23:55. Il timer della...

381 I più visti

Likes 0

Fidanzata trofeo parte 5

Fidanzata trofeo di Vanessa Evans Parte 5 VENERDÌ Il venerdì sera Caleb uscì con i suoi amici, presumibilmente a casa di uno dei ragazzi. Cora pensava che avrebbero giocato e che Caleb si sarebbe scopato Emily, Lucy o Willow. Non era preoccupata perché sapeva che sarebbe tornato a casa più tardi e avrebbe voluto scoparla. Cora è uscita con le sue amiche e hanno passato una bella serata tra ragazze. Cora ha ripetuto l'invito al barbecue e Wendy, Carol, Liz e Mary hanno detto che stavano ancora bene per la domenica. Quando Cora e Liz andarono in bagno, Liz chiese a...

446 I più visti

Likes 0

Festa dello sguardo

Londra è una bella città in cui vivere, soprattutto se sei uno studente che va all'università e ama le feste Non è una novità e lo sanno tutti. Così fanno tutti i proprietari. Con i loro prezzi folli, chiedono una stanza, a volte è difficile per gli studenti tenere il mento fuori dall'acqua, soprattutto se i loro genitori non sono di Knightsbridge, ad esempio. Ma come sempre ci sono alcune eccezioni. Fuori dal centro città, a poche miglia a nord di Westminster, dove in realtà ci sono diverse case che, diciamo, “fuori dall’ordinario”. Perché? Ebbene, dalle testimonianze di alcune delle cosiddette...

396 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.