Risveglio eterno: capitolo sei

873Report
Risveglio eterno: capitolo sei

***Disclaimer*** Come al solito, questa non è la mia storia. Non ho creato, modificato o modificato nessuna parte di questa storia. È opera di Captius.
__________________________________________________________________________________


Come sempre non dimenticare di votare e commentare. E grazie a chi ha commentato l'ultimo capitolo che questo era meglio della sfida. Ciò rendeva Mishikail insopportabile e quasi impossibile da affrontare ahah. No, ma davvero, l'hai fatta per tutto l'anno finora (anche se pensavamo che ci fossero trascorse un paio di settimane).





Capitolo sei:
Retribuzione e coinvolgimento

Nel corso delle quattro settimane successive le cose sono andate abbastanza lisce, il più lisce possibile considerando tutto. Richard era ormai abituato a tutte le sue lezioni e aveva persino fatto un piccolo balzo in avanti in Advance Arcane Magic. Non era così grande che avesse raggiunto tutti gli altri, ma era abbastanza per poter partecipare attivamente alle attività che facevano ogni giorno. Per lo più doveva ringraziare Daiya per questa piccola vittoria mentre trascorreva la maggior parte del suo tempo in classe aiutandolo ad abituarsi a usare correttamente gli incantesimi e a separare il potere arcano dalla sua Magia della Luce. In realtà stavano diventando amici abbastanza rispettabili e lui era felice per questo.

Lisbeth era stata sospesa dalle lezioni per tre settimane per quello che aveva cercato di fare e Richard era felice di sentirlo. La volta successiva che le parlò, che non era proprio una conversazione perché era ancora più ombrosa con lui ora, apprese che si era tagliata fuori dalla sua famiglia e si sarebbe concentrata sull'essere la propria persona ora. Suo padre aveva effettivamente provato a venire all'accademia per trascinarla con la forza a casa per aver disobbedito ai suoi ordini, ma il consiglio studentesco gli ha rifiutato l'ingresso e lui è stato mandato a casa senza nemmeno un saluto.

Richard era ancora seguito da branchi di ragazze, ognuna delle quali cercava di ottenere il suo favore, ma fece del suo meglio per ignorarle e si affidava ad Aura e Daiya per aiutarle a respingerle. Scoprì che ogni volta che stava con una di queste donne potenti, le ragazze si tiravano indietro per un po' e lui poteva finalmente respirare. C'erano lunghi periodi della giornata in cui entrambe le donne erano occupate e lui era lasciato a se stesso. In quei momenti andava a fare una passeggiata vicino al fiume, si nascondeva in biblioteca o restava nella sua stanza per evitare di essere sorpreso da solo all'aperto da uno di questi branchi.

Non aveva mai avuto a che fare con niente del genere prima ed era sicuro che non molti uomini l'avessero effettivamente fatto. Il fatto era che non si sentiva lusingato da tutte le attenzioni che stava ricevendo, per niente. In effetti lo odiava parecchio perché sapeva il vero motivo per cui era diventato così popolare tra le signore ultimamente, ed era che a loro importava solo che lui fosse presumibilmente un re e il secondo mago classificato nella scuola. Non lo cercavano, cercavano il suo status e il suo potere. Gli era già stato detto abbastanza chiaramente che se avesse concepito un bambino con una delle maghe qui presenti, quel bambino sarebbe stato piuttosto potente.

Richard non voleva avere niente a che fare con le donne che lo inseguivano solo per il proprio tornaconto. Questo pensiero in realtà lo sorprese una notte mentre giaceva a letto poiché sembrava aver dimenticato che niente di tutto questo avrebbe dovuto importargli. Si era così abituato alla sua vita quotidiana ora, un mese intero trascorsi lì a scuola, che aveva quasi dimenticato che non aveva intenzione di rimanere bloccato in quel mondo per sempre. Non importava con chi si fidanzasse perché aveva quattro anni prima che doveva iniziare davvero a preoccuparsi, dal momento che non erano consentite gravidanze o matrimoni mentre a scuola. Per il momento in cui uno qualsiasi di questi argomenti sarebbe venuto fuori, dovrebbe essere sparito da tempo. Almeno sperava.

La prima nevicata dell'anno è arrivata il lunedì che ha segnato l'inizio della sua quinta settimana all'accademia e Richard è stato sorpreso di svegliarsi e scoprire che tre pollici di neve si erano già raccolti sul terreno. Il freddo era arrivato così velocemente e duramente che il personale della scuola non ha avuto il tempo di uscire e liberare i camminamenti prima che iniziassero le prime lezioni della giornata, e la maggior parte degli studenti ha dovuto arrancare attraverso la neve fredda sulla strada per le loro classi. Non era un'esperienza piacevole, ma Richard era abituato. A casa il suo quartiere era uno degli ultimi posti dove veniva arato durante l'inverno e spesso doveva arrancare nella neve e nelle pozzanghere di fanghiglia mentre andava a scuola.

Mentre camminava per i corridoi della torre del primo anno, scoprì che tutto quello di cui si poteva parlare era il torneo invernale che si sarebbe svolto tra altri due mesi. La prima nevicata aveva fatto sentire l'evento più vicino e i nuovi studenti che non avevano mai partecipato prima erano molto eccitati alla prospettiva. Tuttavia, Richard non riusciva a capire quella sensazione. La maggior parte degli studenti di cui aveva sentito parlare probabilmente non aveva mai partecipato a un duello prima e non sapeva quanto fossero duri e dolorosi in realtà. Lo ha fatto però, e onestamente non voleva affrontarlo di nuovo se poteva evitarlo.

Il problema era che l'evento era obbligatorio per tutti gli studenti dell'accademia e lui sarebbe stato costretto a partecipare. Aura gli ha detto che tutti i combattenti sono stati estratti casualmente a sorte in modo da poter essere piazzati contro qualcuno nel tuo anno o negli anni a venire. Ciò significava che la maggior parte dei primi anni probabilmente non sarebbe riuscita a superare il primo o il secondo round. Se riuscivano a passare, come ci si aspettava, dovevano combattere, combattere e combattere ogni giorno fino a quando non si decideva la finale. Con la quantità di studenti che hanno frequentato l'accademia, stavi cercando di combattere in un totale di dieci partite nel corso di un evento di tre giorni solo per arrivare alla finale. Dall'altra parte della medaglia c'era il fatto che il secondo e il primo classificato dell'evento dell'anno scorso hanno avuto un bye direttamente in semifinale e avrebbero dovuto vincere solo due partite per vincere il titolo. Non mi sembrava esattamente giusto se lo chiedessi a lui oa qualsiasi altro studente.

Mentre le lezioni mattutine sono rimaste invariate nel curriculum, le lezioni pomeridiane sono diventate improvvisamente più orientate al combattimento per aiutare a preparare gli studenti all'imminente torneo. Aura ha insegnato gli incantesimi della classe Advanced Arcane Magic che erano esclusivamente per attaccare e confondere il tuo nemico, mentre Magical Theory ha insegnato come usare la tua concentrazione per deviare gli incantesimi in arrivo e creare anche una difesa contro di loro. Erano tutte cose piuttosto interessanti, ma nessuna di queste aveva avuto alcun effetto su Richard. La sua forza nell'arcano era misera e tutto ciò che riguardava la creazione di una difesa contro un attacco con il suo elemento era ridondante poiché sapeva già come farlo.

La maggior parte dei giorni dopo la sua ultima lezione trovava un posto caldo e studiava o si dirigeva in un luogo sicuro e appartato dove poteva lavorare per controllare la sua Magia della Luce al meglio delle sue capacità, il che non era molto efficiente. Aveva chiesto a Daiya e Aura qualsiasi consiglio che avrebbero potuto dargli, ma aveva scoperto che Aura aveva bisogno di studiare di più la sua magia e Daiya si rifiutava apertamente di aiutarlo. Lei, come suo padre, per qualche motivo si aspettava di vederlo nella finale dell'evento e non voleva dargli un vantaggio aiutandolo e allo stesso tempo non voleva ottenere alcuna intuizione vedendolo allenarsi di persona. Ha detto che non sarebbe stato giusto per nessuno dei due. Richard non pensava che sarebbe importato perché non si aspettava di superare il primo giorno in tutta onestà.

Lythia stava lavorando molto duramente e Richard era leggermente impressionato. Ogni volta che saliva nella stanza che condividevano ancora, la trovava di solito con il naso affondato in un libro e i pasti intatti. Aveva preso lezioni private con sua sorella Aura ed era più concentrata sui suoi poteri arcani sulla sua Magia della Terra. Con due mesi prima dell'inizio del primo duello, Richard era sicuro che Lythia sarebbe diventata abbastanza abile da sorprendere tutti ed era sicuro che sarebbe stata effettivamente più avanti di lui in classifica. Stava solo lavorando così duramente e proveniva da una linea molto lunga di potenti maghi. Tutto ciò di cui aveva bisogno era un po' di confidenza e avrebbe dovuto cavarsela bene.

I due coinquilini si parlavano raramente e per la prima settimana circa l'atmosfera era piuttosto imbarazzante e fredda. Quando entrambi si sono abituati l'uno all'altro, le cose si sono un po' calmate e hanno scoperto che potevano tollerare la presenza l'uno dell'altro giusto il tempo necessario per dormire e fare colazione prima di partire per le lezioni. Tuttavia, più a lungo di quello, di solito si risolveva in una discussione che veniva spesso iniziata e terminata da Lythia. Ogni volta che Richard chiedeva ad Aura quanto sarebbe durato questo accordo, lei gli diceva semplicemente che la lista dei suoi potenziali fidanzati si stava riducendo e di essere paziente. Era più facile a dirsi che a farsi quando dovevi essere rinchiuso sempre con la progenie del diavolo.

Essendo sempre lontano dalla sua stanza e dal suo piano privato al piano superiore dei dormitori del primo/secondo anno, Richard aveva conosciuto alcuni degli altri uomini che occupavano i pochi livelli sotto di lui che erano esclusivamente per loro. Uno di loro in particolare, un giovane di nome Karo Justice, gli aveva effettivamente offerto un invito a utilizzare l'area comune al piano in cui viveva secondo il desiderio del suo cuore quando non voleva essere nella sua stanza. Richard ha accettato l'offerta e i due si sono conosciuti e Karo era probabilmente l'unico amico maschio che aveva all'accademia.

Si scoprì che la maggior parte dei maghi aveva poteri magici prima del loro quinto compleanno e quindi i maschi venivano spesso trattati come tesori preziosi fin dalla tenera età. Questo rendeva la maggior parte di loro degli stronzi snob e titolati che non sembravano andare d'accordo con molte persone. Sebbene Karo fosse stato trattato allo stesso modo degli altri crescendo, aveva un atteggiamento piuttosto rilassato e non sembrava considerarsi altro che un altro studente normale. Così lui e Richard riuscivano a cavarsela abbastanza bene e spesso passavano la maggior parte delle notti nella sala comune a studiare insieme ea discutere di varie cose.

Come ogni altro mago maschio della scuola oltre a Richard, Karo aveva già un fidanzato che avrebbe sposato nel momento in cui si fosse laureato. Richard aveva saputo che Karo si era fidanzato quando aveva sei anni e aveva incontrato la ragazza che doveva sposare solo quando era arrivato a scuola un mese prima. Era una ragazza abbastanza carina al terzo anno, ma i due si parlavano a malapena e si vedevano solo occasionalmente. Apparentemente questo era un evento abbastanza comune per questo tipo di coppie e Richard non poteva fare a meno di arrabbiarsi per questo. Una cosa era essere costretti a sposare qualcuno che non si conosceva, ma un'altra era vivere a stretto contatto con la persona e non fare alcun tentativo gentile per conoscerla meglio.

In alcune occasioni Richard aveva cercato di convincere Karo ad andare a parlare con lei nei fine settimana o tra una lezione e l'altra, ma non ne era uscito nulla. Karo gli avrebbe semplicemente detto che a lungo termine non avrebbe avuto importanza dato che non avevano altra scelta che sposarsi e non sarebbe successo fino a quando non si fosse laureato. Richard riusciva a pensare a un sacco di ragioni per cui sarebbe stato importante, ma tenne la bocca chiusa come meglio poteva e lasciò che il suo amico vivesse la sua vita nel modo che aveva scelto. La ragione principale per farlo era il fatto che Richard si sarebbe trovato in una situazione simile da un giorno all'altro e non sapeva come avrebbe finito per gestirla. Avrebbe seguito il suo stesso consiglio e avrebbe tentato di conoscere la donna, o non si sarebbe preoccupato e avrebbe vissuto la sua vita come era stato fino a quel momento? Almeno quando è arrivato il momento di scoprire che aveva un amico che stava passando la stessa cosa e che avrebbe capito. Comunque, faceva schifo.

Tuttavia, gli altri studenti maschi con cui Richard aveva a che fare quotidianamente non erano così gentili con lui. Entrambi erano nelle sue classi di magia e uno di loro era in realtà il fratello gemello di Agnes, quindi non c'era possibilità che andassero d'accordo anche se lo volessero. Dawkins o fingeva di non esistere o gli lanciava occhiate sporche ogni tanto. In realtà erano stati accoppiati su un progetto di classe in Advanced Arcane Magic e nessuno di loro ha fatto il lavoro necessario perché non potevano andare d'accordo. Entrambi hanno fallito e Richard ha avuto una conversazione piuttosto severa con Aura.

Non ci si poteva fare niente però. Agnes era ancora estremamente sconvolta per aver perso contro di lui in un duello e sembrava che Dawkins non fosse altro che un animale domestico per sua sorella, qualcuno che faceva tutto ciò che diceva e odiava chiunque odiasse. Tuttavia, Richard non si lasciò disturbare. Non gli importava davvero se andava d'accordo con loro o no e sembrava che non fosse l'unico. A molti studenti non piaceva Agnes e dopo quella clamorosa sconfitta di un mese fa la sua credibilità era calata parecchio. Se avesse avuto la sfortuna di disegnare il suo nome nel torneo in arrivo, sarebbe stato sicuramente in un mondo di dolore dato che probabilmente stava formulando un piano solo per combattere contro di lui.

Un freddo pomeriggio Richard e Karo si trovarono fuori dalle mura dell'accademia vicino a un fiume ora innevato mentre la neve bagnata e pesante cadeva intorno a loro. Nessuno dei due voleva essere là fuori, ma era proibito usare la magia nei dormitori. Karo aveva detto che avrebbe aiutato Richard a migliorare nell'uso dei suoi poteri arcani e pensava che sarebbe stata una buona pratica per entrambi. Karo era piuttosto debole rispetto a Richard e per lo più si dilettavano con incantesimi protettivi, prendendosela con calma il più possibile in modo che nessuno si facesse male. Quella era l'ultima cosa di cui avevano bisogno perché anche quello che stavano facendo era contrario alle regole della scuola. Per tenere un finto duello era necessaria la supervisione di un insegnante e il consenso del consiglio studentesco. Doveva anche svolgersi nell'arena e nessuno dei due voleva un pubblico per qualcosa di così banale come questo.

Dopo quaranta minuti passati a deviare gli attacchi deboli con i loro obiettivi, decisero di fermarsi mentre il sole stava iniziando a tramontare e si ripararono dalla neve fredda sotto un grande albero vicino al bordo del fiume mentre riprendevano fiato. Anche se Karo era più debole in un certo senso, Richard scoprì di essere stanco quanto il suo amico perché gli ci voleva ancora molto per separare i suoi poteri l'uno dall'altro.

"Cavolo, quanto fa freddo di solito da queste parti?" chiese Richard e si avvolse intorno al corpo il suo pesante mantello.

«Non ne ho idea», ammise Karo, «vengo dal sud del paese, dove di solito fa caldo. Questo è brutale però, non è vero?'

'Sì, ​​non scherzo. Sono tre giorni che non nevica nemmeno per terra e sembra già pieno inverno. Non riesco a immaginare in che condizioni dovremo combattere durante il torneo.'

'Ho sentito alcune persone dire che è una delle cose più difficili che dovrai fare in questa scuola, specialmente se ti imbatti in un mago dell'acqua/ghiaccio. A quanto pare uno studente dell'anno scorso è rimasto congelato in un blocco di ghiaccio per mezz'ora e ha dovuto saltare le lezioni per un mese dopo».

Richard gemette alla prospettiva che gli fosse fatta la stessa cosa. Si appoggiò dolcemente al corpo dell'albero e cercò di non muoversi troppo per il freddo, nel caso avesse fatto cadere la neve dai rami e cadesse su di essi. Karo si rannicchiò più vicino a Richard di quanto avrebbe fatto normalmente e sembrava che le sue labbra stessero iniziando a diventare di un debole blu mentre parlavano. Non riusciva proprio a sopportare il freddo.

"Vuoi tornare nei dormitori e riscaldarti davanti al fuoco?" chiese al suo amico e Karo annuì violentemente.

Non avevano fatto più di una dozzina di passi indietro verso il cortile della scuola quando videro tre ombre che si muovevano attraverso la fitta neve che cadeva, lunghi mantelli che ondeggiavano nel vento gelido. All'inizio Richard non pensò a loro, pensando che fossero solo un paio di studenti fuori a fare una passeggiata prima di cena. Ma mentre si avvicinavano si rese conto esattamente chi fossero due degli studenti e improvvisamente si fermò di colpo. Dawkins e altri due studenti maschi apparvero dall'oscurità oscurata con indosso stupidi sorrisi come se non stessero facendo nulla di buono.

«Ah, eccoti peone», disse Dawkins con voce strascicata e si fermò a tre metri da dove si trovavano Richard e Karo. "Speravo di non dover camminare troppo lontano per trovarti."

'Cosa sta succedendo?' chiese Karo.

"Stavo parlando con te, deficiente?" Dawkins ringhiò ei suoi due amici ridacchiarono come scimmie. "Questo non ti riguarda, quindi perché non torni di corsa in camera tua!"

Karo guardò verso Richard, un'espressione sul viso che chiedeva quale fosse il problema di questo ragazzo. "Voi due amici?"

"Difficilmente," rispose Richard con la gola serrata.

"Pensavo di averti detto di andartene!" Dawkins urlò e attirò di nuovo l'attenzione di Karo. 'Vattene da qui o ci occuperemo anche di te!'

"Vai avanti, Karo," annuì Richard, "Ho già avuto a che fare con bulli in questo modo, quindi starò bene".

'Non ho intenzione di lasciarti solo!'

'Va tutto bene. Ci sentiamo domani, ok?'

Karo rimase immobile dov'era per un momento, guardando Richard con un'espressione dura. Quando si voltò a guardare i tre uomini che avevano cominciato ad allargarsi ea bloccargli l'uscita, sembrò tenere conto del fatto che erano tutti studenti del quarto anno. Sospirò rumorosamente e poi iniziò ad andarsene, tenendo Dawkins e i suoi scagnozzi alla larga nel caso avessero provato qualcosa di divertente. In pochi istanti il ​​primo anno era scomparso nella neve pesante e Dawkins sorrise trionfante a Richard.

'Cosa vuoi?' chiese.

"Per fare un'offerta amichevole," sogghignò l'uomo e Richard sentì un po' di rabbia ribollire in lui.

'Cosa sarebbe quello? Se non puoi dirlo, fa piuttosto freddo oggi, quindi vorrei tornare presto al mio dormitorio.'

"Lascia l'accademia", disse Dawkins senza mezzi termini e il suo ghigno non lasciò mai il suo volto. 'Tu non appartieni a questo posto. Lo sai. Lo so. Lo sanno tutti. Allora perché non torni in qualunque fattoria sporchi chiami casa e vivi come la gente comune che sei veramente!'

«Starei attento a chi chiami un cittadino comune», osservò Richard e fece un passo avanti, «per quanto ne so tu non hai un titolo. Sei solo un nobile con poco potere sugli altri.'

'Che cosa hai appena detto?' Dawkins ruggì e tirò fuori una bacchetta storta e la tenne verso di lui. 'Ti suggerisco di accettare l'offerta e di andartene subito! Non è che a qualcuno mancherà il figlio abbandonato di un professore!'

Altra rabbia crebbe dentro di lui per il colpo basso che Dawkins aveva appena sferrato. Fece per fare un altro passo avanti, ma all'improvviso trovò altre due bacchette puntate direttamente sul suo viso e dovette sforzarsi di non alzare la concentrazione. Non sarebbe stato bello iniziare una rissa che non era sicuro di poter vincere senza uccidere qualcuno. Ma poteva davvero lasciare che questo stronzo parlasse male dell'Aura?

"Questo è un buon cane," rise il suo aguzzino e anche i suoi amici risero, "adesso perché non ti rigiri o fai il morto?"

"Se tua sorella non è riuscita a battermi, cosa ti fa pensare di poterlo fare?"

'Oh, non essere così pieno di te stesso. Non è che l'hai picchiata perché sei più forte di lei, è stata colta alla sprovvista quando all'improvviso hai tirato fuori un po' di magia dal tuo culo. Non hai la possibilità di batterla in un duello leale, ma non sai cos'è un duello leale, vero?'

"E cosa intendi con questo?" Richard ringhiò e la sua mano sinistra si contrasse leggermente mentre iniziava a raccogliere un po' della sua magia nel bracciale, per ogni evenienza.

'Penso che tu sappia esattamente cosa intendo! Sto parlando di quella parodia di duello con la principessa Daiya! È così facile dire che è stato messo in scena. Non c'è modo che qualcuno come te possa mai stare faccia a faccia contro di lei e vivere per raccontarlo! Vi ho visto parlare dentro e fuori la classe come buoni amici e se dovessi indovinare, direi che ti ha aiutato a farti fare bella figura!'

"Penso che tu ti stia dimenticando delle altre quattro persone con cui ho combattuto in quello stesso duello!"

"Lo sono?" Dawkins rifletté e portò la punta della sua bacchetta nodosa a toccarsi il mento in una posa pensierosa. «Allora lascia che ti chieda una cosa: è stata solo una coincidenza che tutti e quattro gli altri maghi fossero suoi subordinati nel comitato disciplinare? Non sei nient'altro che un falso e non credo che tu possa prendere nemmeno uno di noi da solo! Vedi, ho anche scoperto il segreto della tua magia!'

'Che cos'è?' chiese il più grande dei suoi amici e la sua voce risuonò come chiodi su una lavagna. Aveva una grande faccia simile a una roccia con capelli corti e tagliati corti e orecchie molto grandi.

'Come la mia Magia della Terra, non può creare qualcosa dal nulla. Manipola la luce intorno a lui e la usa come suo potere, proprio come la Magia della Terra manipola il terreno sotto i nostri piedi. Togli la luce e lui è impotente! Che ne dici di testare la mia teoria? Che ne dici?'

Prima che Richard potesse anche solo sollevare il suo bracciale per formare una sorta di attacco o difesa, sentì il terreno sobbalzare improvvisamente sotto di lui e perse l'equilibrio quando grandi rocce scoppiarono. In meno di due secondi il terreno si era sollevato intorno a lui e aveva formato spesse pareti di roccia pura, chiudendosi sopra di lui per creare una cella di prigione improvvisata. Tutta la luce fu spenta e Richard si ritrovò immerso nell'oscurità assoluta. Non riusciva nemmeno a vedere la sua mano proprio davanti al viso.

"Non ti ho preso a pugni per sbaglio, vero?" sentì Dawkins urlare dall'altra parte della parete rocciosa. "Perché sarebbe un'orribile vergogna."

La rabbia di Richard divampò come un fuoco ruggente ora e si allungò in profondità per raccogliere più potere magico che poteva. Tuttavia non riuscì a trovarne. Non era che la sua magia fosse sparita, era solo così debole che ogni volta che tentava mentalmente di afferrarla scopriva che era come un flusso di vapore piuttosto che un torrente impetuoso come era normalmente. Persino il suo potere arcano si sentiva più debole e tutto ciò che riusciva a fare era far apparire uno sfarfallio per una frazione di secondo.

"Come stai lì dentro?" Dawkins chiamò ancora una volta e Richard sentì tutti ridere di lui. «Credo di avere ragione, visto che non hai ancora frantumato la tua gabbietta! Quindi ecco cosa ho intenzione di fare. Ti lascerò pensare all'offerta che ti ho fatto in pace, ti farò mettere la testa a posto, e poi tornerò domattina per controllarti. Fino ad allora, cerca di stare al caldo, vero?'

La voce di Dawkins si spense e il silenzio calò su di lui quando Richard si rese conto che il bullo aveva fatto proprio come aveva minacciato; aveva lasciato Richard intrappolato lì tutto solo. In un impeto di puro panico e rabbia iniziò a sbattere i pugni contro le solide pareti di roccia che lo circondavano, cercando di abbatterli più forte che poteva. L'unica cosa che questa azione ha portato a termine è stata ferirsi gravemente le mani e avvolgerlo. Era come se fosse intrappolato in una roccia cava e niente di quello che faceva poteva liberarlo dal suo inferno.

Richard perse la cognizione del tempo mentre si inginocchiava nella sua prigione e si accartocciava contro il freddo che permeava le pareti di roccia. Non riusciva ancora ad afferrare la sua Magia della Luce e la sua Magia Arcana non era abbastanza forte per fare nulla. Cercò di mantenere la mente lucida e calmarsi, ma anche quello non funzionava. Sembrava soffocare e doveva sforzarsi di respirare normalmente per non iperventilare. Da che aveva memoria aveva sempre avuto paura degli spazi ristretti e li aveva evitati a tutti i costi. Essere intrappolato in quella roccia era la cosa peggiore che potesse immaginare e non riusciva a smettere di piangere.

Aveva avuto a che fare con migliaia di bulli nella sua vita, ma Dawkins era di gran lunga il peggiore. I suoi tipi erano sempre i peggiori però. Si consideravano dei re di merda e se l'attenzione non era su di loro facevano il prepotente con la persona che ce l'aveva. Erano implacabili e sadici. Richard aveva una teoria secondo cui la maggior parte di loro era cresciuta fino a diventare perdenti o serial killer, e pensava che Dawkins sarebbe caduto in quest'ultima categoria. Non sarebbe affatto scioccato se ciò accadesse. Non erano altro che dei coglioni e tutti meritavano di essere cacciati di merda. E se Richard fosse uscito di lì, sarebbe stato lui a farlo. Si sarebbe opposto al suo aguzzino per la prima volta nella sua vita e avrebbe fatto pagare a Dawkins l'orrore che gli aveva fatto passare.

Per mantenersi sano di mente Richard iniziò a contare, tenendo traccia di quanto tempo era stato lì dentro. I secondi si trasformarono in minuti e i minuti in ore, e quando si stancò di contare aveva capito che la cena era già stata servita e la maggior parte degli studenti era già andata a dormire nei loro letti caldi e comodi. Richard si inginocchiò lì nella sua fetta d'inferno, incapace di sdraiarsi e il suo stomaco che brontolava furiosamente. Non si era mai sentito così infelice in tutta la sua vita, nemmeno quando May si era lamentata del nome di un altro ragazzo durante il sesso. Questo è stato onestamente il momento peggiore della sua vita e non era qualcosa che avrebbe semplicemente dimenticato.

Passarono ancora alcune ore prima che qualcosa cambiasse. Si inginocchiò lì, con i crampi alle gambe, e madido di sudore anche se aveva così freddo. Ogni respiro che prendeva alimentava la rabbia che lo bruciava dall'interno e tutto ciò a cui riusciva a pensare era ferire Dawkins il più possibile. Improvvisamente la prigione rocciosa tremò violentemente e un secondo dopo un'apertura delle dimensioni di una porta si aprì e la luce della luna bianca e bluastra inondò l'interno buio.

Sbattendo le palpebre all'improvviso splendore, Richard si alzò e uscì, strizzando gli occhi per vedere chi l'avesse lasciato andare. In piedi nella neve fino alle caviglie, trovò Lythia di fronte a lui, vestita con la sua camicia da notte bianca e coperta da un pesante mantello invernale. La sua bacchetta che era stata sollevata un momento prima si stava abbassando al suo fianco.

"Sembra che tu abbia dormito nella grondaia", osservò freddamente.

"Come sapevi che ero bloccato qui?" chiese e la sua voce tremò un po'.

'Non sei tornato nella stanza così ho cercato Karo, pensando che saresti stato con lui a studiare. Però mi ha detto che hai fatto qualche quarto anno e mi ha detto dove eravate stati voi due».

Richard fece un respiro profondo e si voltò a guardare la roccia che era stata la cella della prigione per la maggior parte della notte. Qualche centimetro di neve si era depositato sopra e intorno ad esso ed era una testimonianza di quanto tempo fosse stato lì. Il solo guardare la cosa lo fece arrabbiare e in un impeto di rabbia alzò la mano sinistra verso di essa e gli lanciò una sfera di luce, disintegrando l'oggetto in un istante. Tornò a Lythia e alla direzione della scuola, solo una cosa nella sua mente.

'Dove stai andando?' gli chiese Lythia mentre lui la superava con rabbia e tornava verso la scuola.

'Vado a vendicarmi' ringhiò, ma all'improvviso sentì una piccola mano intorno al suo polso, che lo fermò dov'era.

'Cosa hai intenzione di fare? Attaccarli mentre dormono? Verrai espulso per questo e come pensi che si rifletterà su Aura?'

"Non mi interessa!" ruggì e strappò rudemente il braccio dalla ragazza più piccola.

'Io non ci credo e nemmeno tu! Ti fermeresti ad ascoltare per un secondo! Lascialo andare per ora! Inseguirlo ti metterà solo nei guai!'

'Ti aspetti che lasci andare questo?! Quel bastardo deve pagare per quello che mi ha fatto!'

'Hai ragione, deve pagare per questo! Se pensa di poter attaccare un membro della nostra famiglia e farla franca, allora si sbaglia di grosso! Ma devi conoscere il momento e il luogo giusti per ottenere la tua vendetta! Non attaccarlo semplicemente come un delinquente! Fallo dove tutti stanno guardando e dove proverà più vergogna!'

"E dov'è, eh?"

'Il torneo! L'intero regno segue ciò che accade lì e tutti sapranno quando lo prenderai a calci in culo! Quando perde contro di te, gli farai molto più male che se lo facessi in qualche combattimento casuale che nessuno vede!'

'Sì, ​​e quante sono le probabilità che lo vedrò anche al torneo? Se non l'hai notato, ci sono molti studenti che frequentano questa stupida scuola!'

Lythia sospirò e rimise la bacchetta in una tasca del mantello, guardandolo come se fosse una specie di bambino idiota che semplicemente non voleva ascoltare. Era una sensazione piuttosto strana considerando che assomigliava allo sguardo che di solito le rivolgeva quando era in uno dei suoi stati d'animo.

'Gli uomini sono trattati in modo diverso quando si tratta delle partite. Vengono messe l'una contro l'altra fino a quando ne rimangono solo poche e poi vengono portate nella fascia femminile. Dawkins è stato il maschio più forte di questa scuola negli ultimi quattro anni, quindi avrai molte opportunità di combatterlo uno contro uno. Quello che devi fare ora è concentrarti sul diventare più forte, così quando lo incontri al torneo puoi umiliarlo, male.'

Richard fissò Lythia a lungo, la sua rabbia che lentamente svanì finché tutto ciò che sentì fu freddo. "In realtà hai molto senso in questo momento", ha ammesso.

"Sono tua zia, ricordi?" sorrise leggermente ed entrambi ridacchiarono alla sua affermazione. "Ora torna nei dormitori prima che ti denunci al Coni per essere uscito dopo il coprifuoco."



Il giorno dopo, durante la sua parte magica delle lezioni, si sedette al suo solito posto tra Daiya e Coni, chiedendosi dove sarebbe finito dopo il torneo. Lui e Coni erano in rapporti abbastanza decenti ora che aveva dimenticato come si erano conosciuti e aveva accettato che fossero una famiglia (anche se in realtà non lo erano), e anche lui e Daiya stavano andando d'accordo. Probabilmente sarebbe stato in prima linea nella classe tra due mesi e raramente avrebbe avuto il tempo di parlare con lo studente numero uno super impegnato. La classe era piena di alcuni degli studenti più forti che hanno partecipato e non pensava di essere ancora al loro livello.

Daiya entrò in classe un po' più tardi del solito e si sedette tranquillamente, guardando Richard come se avesse qualcosa in faccia. La guardò aspettandosi di trovare il solito sorriso che lei gli rivolgeva ogni giorno, ma scoprì che le sue labbra erano in una linea dura sul suo bel viso, un bordo freddo intorno ai suoi occhi mentre lo fissava intensamente.

'Qualcosa non va?' chiese in un sussurro in modo che solo lei potesse sentire.

"Vuoi dirmi cosa è successo ieri sera?" lei chiese. La sua voce era dura quanto il suo aspetto e incrociò ordinatamente le mani sulla scrivania, sembrando più un professore che uno studente in quel momento.

'Cosa intendi?' chiese e cercò di sembrare innocente.

"So che ieri sera sei stato attaccato da alcuni altri studenti."

"Ugh, Lythia te l'ha detto o qualcosa del genere?" gemette e ancora una volta desiderò che il piccolo fastidio nella sua stanza scomparisse.

«No, ma non mi sorprende sapere che era coinvolta. Ho sentito uno di loro vantarsene a colazione, di come ti hanno catturato fuori dalle mura della scuola e hanno usato la loro magia contro di te. Sentire chiacchiere come queste non è abbastanza per inseguirli, quindi dimmi solo cosa è successo e mi assicurerò che si faccia qualcosa per coloro che ti hanno attaccato.'

'Non preoccuparti', rispose velocemente e si voltò di nuovo verso la parte anteriore della classe, aspettando che arrivasse Aura. Di solito era lì ormai, quindi era un po' strano.

'E perché esattamente non dovrei preoccuparmene? Io sono il capo della commissione disciplinare e tuo amico!».

'Non devi preoccuparti perché ho tutto sotto controllo. Non parlerò di quello che è successo perché non voglio che si metta nei guai».

Come se avesse un super udito, Dawkins si voltò sulla sedia e lo guardò con un sorriso ampio e stupido. Fece l'occhiolino a Richard brevemente e poi si voltò di nuovo. Daiya sembrava aver visto cosa era successo perché aveva iniziato ad alzarsi in piedi ma Richard le posò delicatamente una mano sul polso e scosse la testa.

'Why don't you want them to get into trouble? It's against the rules to use your magic on another student unless it's in a duel! You could have been hurt!' she glowered at him but he just smiled up at her. He had spent most of the previous night going over what he wanted to do to Dawkins in his mind so he was pretty calm about what had happened now.

'I don't want him to get into trouble because I want to meet him in the tournament,' he answered smoothly and suddenly Daiya looked at him differently. She sat back down in her chair and peered at him thoughtfully for a few minutes. 'I know it's your job to keep peace in the school and that you're also just trying to help me, but I can honestly handle this on my own. He'll pay for what he did but he'll do it on a large stage in front of everyone. You probably think that's stupid huh?'

Daiya was silent for a minute and Richard grimaced at her, expecting that he had made her mad by not going through the proper steps when something against the rules happened. 'No,' she answered after a minute and her smile was back, 'I don't think it's stupid. I think it's admirable actually. Sometimes you have to stand up for yourself and do what needs to be done and I'm glad you see it that way too. Besides, from what I overheard they, were pretty nasty to you. Don't hold back on him like you did me though. The protective barrier can handle anything you throw at it so crush him.'

Richard looked at her in puzzlement. This was someone who was supposed to stand for justice and morals, yet here she was telling him to lay a beat down on another student. Even if it was in a duel it was still a pretty strange stance for her to take. 'I never expected you to say that.'

'He's an entitled little prick,' she answered with a smile, 'and has never once shown proper respect to people above his station. I think it's about time someone taught him a lesson, so destroy him for everyone he's looked down on.'

Richard smiled at his friend and nodded, glad that the powerful Princess Daiya was in his corner and not against him. Then again, if she was against his plan there wasn't much she could do about it. The student council and disciplinary committee had been told that any matters regarding him were to be handled by the faculty instead of them, because some members from both sides were his potential fiancé's and the professors thought that would influence matters pertaining to him. So the best she could do was tell one of the teachers and hope something was done with no evidence.

The class continued to wait for their teacher in relative silence, but as the bell toll that signaled the start of class rang through the grounds Aura still hadn't shown up. It was a full five minutes after that when the door opened and an unfamiliar professor walked into the room. She looked a little older than Aura did and had shoulder length black hair with thick glasses covering her eyes. She walked up to Aura's desk on the bottom level and placed her bag on top of it before turning to the class.

'Professor Proud was called to the capital at the last minute and will be unable to teach this class today. I am Professor Middles and I will fill in for her. Because this was so sudden I haven't had the chance to find out what you are all working on at the moment so instead we will go over some review. If you have any questions then please don't hesitate to ask.'

'Did you know anything about this?' Coni leaned in and asked.

'No, I haven't seen her since yesterday. I wonder if the Queen asked to see her or something,' he answered and saw the same baffled expression in the older girls face that was sure to be on his.

'Before we begin I was asked to pass on a message to a few students. When classes are finished for the day, Lady Proud and Princess Daiya are asked to report to the headmaster immediately. Now, let's begin by going over the transference properties of a channeled arcane spell. Can anyone tell me what this means?'

Richard tuned out the professors questions and instead turned back and forth to look at both Daiya and Coni. Each of them were looking at one another, quizzical looks on their faces as they didn't seem to know why they were being called out by the headmaster as well. They were both part of the student government so maybe it had to do with something like that. But still, for them to be called out by name was a little strange as the student government was a separate entity and ran under their own power.

When classes ended for him Richard returned to his room to rest a while before Lythia got back from her last class of the day. This was the only time he got his room all to himself and he cherished it. Being able to change without warning anyone, slouch all he wanted, and take care of whatever other needs his body had made him feel more human and he didn't have to worry about someone looking at him like he was strange. Sadly it didn't last nearly as long as he would have liked it to, but at least he got some alone time. A little was better than none at all.

When Lythia did arrive back at the room he planned on going to the library or maybe down to the dining hall so he could get a light snack before dinner, but it seemed his 'aunt' had other ideas. She tossed her bag on the floor near the door and told him they were going out for a bit and to dress warmly. At first he refused to go anywhere with her but once she started getting bitchy he gave in and did whatever she wanted, just so she would shut the hell up. He really didn't want to deal with that crap right now.

Ten minutes later they found themselves in a small clearing just inside the forest outside of school grounds and both Karo and Lisbeth were standing there waiting for them. They were both huddled behind a tree trying to stay out of the freezing wind and Karo's lips were already a nasty shade of blue. Richard didn't think he would last much longer, even if he was wearing two heavy cloaks.

'Cosa sta succedendo qui?' he asked and it was Lythia who answered.

'Practice,' she answered and moved further into the clearing and pulled out her wand. 'We're all going to practice for the tournament together. We can get used to actual combat and the cold at the same time.'

'Sul serio?' he asked and looked at the small blonde girl skeptically. 'You just decided out of the goodness of your heart to hold a training session for us for no other reason than helping out?'

'Not at all. I thought this would be good for me to practice some new things I have been working on. It also doesn't hurt that the rest of you get some experience too. There's only so much you can read, the rest you need to figure out in a real situation.'

'Umm... isn't this against the rules?' Lisbeth asked and shook from head to toe in the cold.

'Nah, don't worry about it. Richard and I have done this a few times and have never been caught,' Karo smiled but his teeth were chattering so badly that Richard could hear it from a few feet away.

'Alright, we'll break into two groups and practice parrying spells. Lisbeth and Karo will be one pair and Richard and I will be the other,' Lythia explained and for a moment she almost sounded like her older sister Aura. 'Use the weakest attack spells you know. If someone gets hurt we'll all get in trouble.'

They broke into their assigned pairs and began to hurl weak spells back and forth. Richard stuck with using his arcane magic for attacks, sending a small ball of energy at Lythia while she flicked it away over and over again. Whenever it was her turn to attack him he simply pulled up a shield and defended against it easily. He hadn't quite mastered the ability to use his focus to deflect the attack and it was counter intuitive to him, as his focus was attached directly to his arm and he was always afraid of missing the attack and getting hit in the face.

They continued to do this for an hour before they took their first break and Karo was even nice enough to use his Fire Magic to light them a toasty fire they could huddle by. It was a strange experience for most of the members standing there in such a close proximity, mostly so for Richard. To one side he had Lythia whom he hardly got along with and was usually the bane of his existence. On the other side was Lisbeth who had once tried to take his seed forcefully when her parents ordered her to. They had both moved on from that time and got along decently in class but she never came around after school hours to see him anymore. Even now she looked like she would rather be somewhere else, far away from him, and he couldn't blame her. At least they weren't alone; those were the most awkward times.

After their short rest they decided to get back to their training and continued with the same stuff they were doing before, working on their defending. Another twenty minutes later they heard the crunching of snow under someone's shoes and Coni appeared at the edge of the clearing a second later, her face red from the cold and a relieved look in her eyes. The moment they saw the student council president they immediately stopped what they were doing and didn't even bother trying to hide the fact they had been caught red handed.

'How about this, four students breaking the school rules,' she said and smirked happily, 'you do realize that illegal duels will get you a suspension, and one more for the first year girl will get her expelled because she's still on probation.'

'Coni! Look, you can let this go just once, can't you?' Lythia asked in concern and put her wand away, rushing over to her older sister. 'We're just trying to get ready for the tournament.'

'Don't worry, that's not why I'm here. I've been looking all over for you and Richard for the last half hour.'

Now it was Richard's turn to move closer to Coni as he fell into confusion. It wasn't like Coni to go out of her way to track him or Lythia down like that, so something must be going on. First Aura gets called away and then Coni and Daiya are asked to meet with the headmaster, and now this.

'What's up?' he asked not really sure he wanted to know the answer.

'You're excused from all classes tomorrow,' she said to him and then turned to her sister, 'and you will get your afternoon classes off.'

'What?' Lythia asked skeptically, 'Why? What's going on?'

'To give you enough time to get prepared for the party that's being held at the palace. Richard is getting the whole day off so a tailor can come in and make him look presentable enough, which I'm not sure is possible.'

'Party? Why is this the first time I am hearing about it? Is that why Aura disappeared so suddenly?'

'Look, it's freezing out here and I want to get back to my room before dinner is served. But yes, there is a party and yes that is why our sister left school early today. If you want to know more come find me in my room and ask. Oh, bring your little friends if you want as well.'

Not wanting to be out in the cold anymore, Coni turned and went back the way she had come, leaving four very bewildered people behind. Before Richard could stop her, Lythia ran off after her sister and abandoned the practice session she had actually set up. All Richard and the others could do was shrug and head back together as they fought against the cold.

'Did we seriously just get invited to a royal party?' Karo asked as they approached the first/second year dorms.

'Sounds like it,' Richard answered with a shrug. Going to some big fancy party wasn't what he would call a fun evening, but then again it did get him out of all his classes tomorrow.

'This is a big deal,' Lisbeth added and there was no mistaking the excitement in her voice. She had been raised in a tiny village as the daughter of a poor farmer and his wife, so getting to see and go inside the palace would be a big deal for her. 'I need to go pick out something to wear!'

With that the eighteen year old girl rushed into the tower and disappeared up the stairs before Richard and Karo had even entered the front door. The warmth swaddled them and they both released a long and loud sigh, letting the heat warm their cold bodies.

'Want to eat dinner in front of the fire?' Karo asked and Richard nodded quickly.

'You read my mind!'

Richard and Karo spent most of the night in front of the fire in an attempt to warm them up enough so they would stop shivering. The temperature had plummeted outside and a chill air permeated the marble tower that even the roaring fires in every room on every floor had trouble fighting against. By the time they both decided to call it a night there was a heavy layer of frost on the outside of the windows and the torches that hung on the walls had a noticeably smaller flame than they usually did.

One good thing about the school and his title was that when he climbed into his bed that night he found that it had already been warmed for him and a few logs thrown onto the fire. Throughout the night the fire would be tended to so he never had to worry about it going out at any point nor did he have to get up and build it up himself. The staff were so good and so quiet that he never even heard them when they entered the room. The only way he knew they were doing their job was when he woke up and found the fire as large as it had been when he had gone to sleep.

When he did wake up that morning the sun was shining through the portion of a window that wasn't split in half by the heavy red curtain that separated Lythia's half of the room from his. The room was still cold but nothing he couldn't handle and he spent a few minutes in front of the fire just trying to warm his clothes up after putting them on. To him there was just nothing worse than wearing cold clothes right after he woke up. It was always such a shock to his system that he shivered for at least twenty minutes after doing it.

His breakfast had been brought up to him as usual and Richard was confused when there was only one tray instead of the usual two; there were two people living in that room after all. His confusion was answered quickly when he went over to Lythia's portion of the room to wake her up and found that she wasn't there and her bed looked like it hadn't been slept in. Then again he didn't remember seeing her come back to the room last night. Maybe she had spent the night with her sister, but even that was strange. The whole reason she was living in his room was because Aura said it was necessary just in case another person tried to sneak in on him in the middle of the night.

Out of habit Richard began to get ready for his first class of the day only to remember after he was finished that he had been excused from them. He was basically getting a three day weekend which was very nice. He could use some time to wind down and recharge. He was quickly reminded about the fact that he was going to be attending some big royal shindig when there was a loud knock on his door and a whole team of people let themselves in. Most of them were well dressed men with frilly facial hair but a few women also brought in material for clothing and sewing, turning his room into a virtual sweat shop in a matter of seconds.

'What' going on?' Richard asked a more well dressed man he pegged as the leader of the group.

'We're here to make your dress suit for this evening,' he answered matter-of-factly and before Richard could say anything else he was swept up in a whirlwind of motion and fabrics.

For the better part of the next six hours he was measured, re-measured, pricked by pins and needles, measured some more, told to stand for unbearable amounts of time, pricked some more, told his posture was horrible, and measured and pricked some more. The men and women around him made him an elegant and expensive looking dinner suit out of thin air and everything was done on sight. It was amazing to watch them work actually and before then Richard had no idea how much work and effort went into making a high class tailored suit.

Sometime after lunch, which was eaten standing up, Karo came up to his room and watched in interest as Richard was repeatedly turned into a pin cushion, a big grin on his face the whole time. His friend already had a suit so he didn't need to go through this, which was kind of a bummer. It wouldn't have been so bad if Richard knew he wasn't the only one going through all this torment for some stupid party he couldn't care less about. By the time the suit was finished and he did the final fitting it felt like he was more holes than anything else and his body ached horribly.

The suit and labor had already been paid for so once they were done the tailors quickly packed up and bowed to him before leaving. Richard thought he was going to get some time to relax then and was keen to get to dinner which would be served in a few hours time, but according to Karo who, suddenly seemed to know more than him, the party was soon and they would have to go down and get in a carriage before dinner was served. This did not sit well with him as his lunch had been nothing more than a bread roll and some vegetables that wouldn't stain if he dropped them onto his suit. He was starving and now he was staring down a long journey to the capital with no chance of getting any food.

Lythia, Coni, and Lisbeth had already left the school grounds ten minutes ahead of them so Richard and Karo had a large and very luxurious carriage all to themselves. Even though it was a lavish carriage the ride was still miserable as the large and thin wheels travelled over the snow and ice covered roads that led to the capital. If Richard hadn't been injured enough having his suit made then the trip made up for that and only half an hour into it he felt more bruised then he ever had before. Even Karo seemed to have problems with the journey as he braced himself as best he could against the wall to stop himself from bouncing up and down. Over a rather large bump he actually ended up hitting his head on the ornate roof of the carriage and swore loudly.

They arrived at the palace an hour later than the trip would normally take and the sun had already hidden behind the horizon, swathing the capital city in inky darkness that was blotted out by torch fire everywhere you looked. The carriage door was opened by regal looking guards at the palace's entrance and Richard and Karo disembarked quickly and shook out their legs that had grown sore from no use in over two hours.

'Wow,' Karo breathed as he looked upon the palace for the first time and Richard wondered if he had sounded that surprised when he had first seen the academy.

'Wait until you see the inside,' he laughed gently and the two men walked up the white marble steps to the massive double doors.

Once inside they were quickly greeted by a man dressed in butler attire and lead to a small room deep inside the palace where they would be able to get a small snack and something to drink. Richard had expected to find the girls there waiting for them to arrive but he found the room empty save for a few maids who moved back and forth between a few tables with food. In fact, it seemed pretty strange that for a royal party they were the only people who seemed to have arrived so far. They couldn't be early, could they?

'Where is everyone?' Karo asked as he seemed to have noticed the same thing.

'I have no idea. It's kind of creepy...'

They both stood there and waited for a few minutes, but when no one came into the room they decided to at least get something to eat and began to peruse through the spread that had been put out. There were quite a few items that Richard had never seen before and he tried a few, but nothing seemed to sit right with him. The longer they were in that room alone the more it seemed to him that it was for a reason. It almost felt like they had been separated from the rest of the party.

This was confirmed when Aura entered the room ten minutes later and closed the doors tightly behind her, a small smile on her face and dressed in a long powder blue dress that hung and clung to her body perfectly. Her hair was done up in a very elegant style he could never hope to understand, he only knew that it looked amazing and she was the picture of beauty.

'How was the trip?' she asked happily and moved into the room, pulling him into a quick hug before greeting Karo with a nod of the head. 'Your suit looks good. The Queen picked the perfect tailors it seems.'

'Cosa sta succedendo qui?' Richard asked as his curiosity was getting the better of him. 'Where is everyone else? Lythia, Coni, Lisbeth? Hell, where is Reiea, I never would have expected to make a trip to the palace and not have her trying to tackle hug me.'

'You'll see them soon enough,' Aura assured him and then looked towards Karo, 'we should get this young man to the party first though.'

'Aura...' he began to say but then remembered the company around him, 'mother, what is this all about? Why am I being kept away from everyone else?'

'I think this is a Presentation Party,' Karo mused, 'where you'll be presented to the royal court and nobles officially.'

Aura sighed and took a step away from Richard, her smile faltering for a second. 'Not quite. This is an engagement party. Queen Lystia wanted to keep this a secret until we brought you out for some reason, but I guess it's alright you know now. The final decision on who you will marry was made and this is the party to celebrate when you two first meet as an engaged couple.'

'W... who is it?' Richard asked and his voice cracked slightly. He knew this day was coming but it appeared he wasn't quite prepared for it. The most pressing question on his mind was that he wondered if he knew who the girl was. He had met quite a few interesting women at the academy but he had never been given any of the names that were on the list. Well, besides Lisbeth who had been cut on the first day.

'That I cannot tell you. Now come, Karo, I'll take you to join the rest of the party.'

Karo looked at his friend for a moment and then followed Aura towards the door, their steps echoing off the marble floors. 'Wait!' Richard called out when they had reached the doors leading back to the main hall, 'Can... can Karo stay? I could use someone my age around while we wait.'

Aura looked at him thoughtfully for a moment but then nodded, a small smile creeping back on to her beautiful face once more. 'Ottimo. As long as he agrees to enter a few minutes ahead of us. You and I are the meant to be one of the last two groups to enter, the other being your fiancé.'

'I can manage that,' the dirty blonde noble beamed and then went back to picking at the spread of food that had now been confirmed to have been put out just for them.

'Thanks, mother. Anyways, why can't I know who it is? Aren't I going to meet her in a few minutes anyways? Is this how things are normally done?'

'Pretty much,' Karo answered before Aura could, 'I didn't even know the name of my fiancé until three years ago and I didn't meet her until I went to the academy.'

'One thing you must keep in mind, Richard, is that you are from a royal family and as such things will be a little different from now on. There are rules and traditions that must be observed and this is one of them. You won't get to see who your fiancé is until the ceremony has begun.'

'Ceremony?! I thought this was just an engagement party!' Richard shrieked before he could stop himself and take a moment to think things over.

'Not a marriage ceremony, you're both still at the academy after all,' Aura laughed and Karo guffawed through a mouth full of food. For someone who was a noble and had been for his entire life, Karo sure could act like an idiot. 'The ceremony is just to officially announce the intent of both families involved and seal the pact. There is nothing to worry about.'

Richard sighed heavily and pressed up against a table full of strange looking foods. He tried to calm his racing heart and get control of his warring emotions as everything was being thrown on top of him all at once. It would have been nice if he could have learned about the real reason behind this party before hand, but it seemed the Queen was up to her usual antics. He was a little glad that he wasn't actually related to her by blood. That would be just too much for him to handle.

He had been starving before but now that he had all this food in front of him he couldn't bring himself to eat any of it. He had lost his appetite. All he could do was busy himself with a drink of some cool mint flavored juice that helped to cool down his overheating body. Aura had found a seat at a couch and was resting comfortably while the two younger men stood there in silence, this big weight hanging over the room.

Feeling that his legs would give out any moment and wanting to talk with Aura for a minute in quiet, Richard walked over and sat down next to her, close enough so that if he whispered she would be able to hear him. He opened his mouth to say something but his words were lost as he was overcome with a small fit of panic. Thankfully Aura spoke up.

'Is it odd that I feel like a real nervous mother?' she asked in a low voice and Richard couldn't help but chuckle softly.

'Well at least you won't have to fake it,' he replied with a tentative smile.

'We may not be related by blood but I have come to think of you as a member of my family, Richard. So I just want you to know that I will be with you every step of the way when we get to the ballroom, right at your side. I'm proud of you.'

'Thanks... I think. I still can't help but feel this is mean to the girl. I mean what if I get sent home next week?'

'You let me and Lystia worry about that, okay? All you have to do is keep holding your head high and having fun at the academy. Everything else will be taken care of for you. I promise.'

Richard smiled at the woman and hugged her gently for a moment. He almost let himself imagine that she really was his mother and the feeling of pleasure he got from sharing a hug with a mother figure was something he had never experienced before. His real mother hated his guts and the only time she would ever touch him was when she hit him in anger. Aura was right though, they may not be related by blood but it felt like they were family and he liked that.

'Okay,' Aura said after the hug ended and she stood up and smoothed out her gorgeous dress, 'It's time. Just take a deep breath and follow my lead. You'll do fine.'

Realizing this was his cue to leave ahead of them, Karo came over and patted Richard on the shoulder for a second before saying: 'I'll see you out there. And once you see how beautiful I am sure she will be we'll celebrate your engagement with a glass of wine.'

With that his friend moved to the door and left, leaving it open for them. Richard took as deep of a breath as he could and then began to walk towards the open door. Aura walked to his side and thread her arm with his, giving him both support and pulling him along as he was walking slower than was normal. He couldn't believe he was getting so worked up about all of this. It's not like he would actually be marrying this woman, so what was the big deal?

The long walk through the sparkling white halls of the palace was quiet and lonely. Just Richard and Aura walked the halls and they didn't see so much as a maid or attendant. It was an eerie feeling and one Richard wasn't comfortable with. He was led through a maze of similar halls, his dress shoes and her heels clacking noisily off the smooth hard floor that shined in the brilliant torch light. After what felt like an hour they came to a corridor that lead to a set of large doors at the very end, chandeliers hanging from the ceiling high above them.

As they approached the massive gilded double doors opened inwards, seemingly on their own. As soon as it cracked open even slightly the sound of soft live music being played on stringed instruments filled the hall and a dazzling light crept out, almost blinding Richard who had to hold a hand over his eyes just to see where he was walking. Aura simply smiled at him and nudged him forward until they were walking through the still opening doors.

'Presenting, Daughter of Arcane and Honorable Professor at the Majou Academy for Magic, Lady Aura Proud!' a loud voice called out as someone banged a heavy stick into the hard floor. 'Presenting, Wielder of Light Magic and First Year Student at the Majou Academy, Lord Richard Proud!'

There was a round of applause as he and Aura stepped into the large and well lit room. Well dressed men and women stood as far as the eye could see and Richard could see his friends Karo and Lisbeth standing off to one side with Coni and Lythia. Both of his 'aunts' looked absolutely stunning but that was something he would never say out loud in front of them. There were a few other faces he recognized from the school but most of them were fourth years and from his two magic classes. Standing off to one corner and away from most of the party were two people he hadn't wanted to see; Agnes and her twin brother Dawkins.

'Just tell me it's not Agnes,' he whispered under his breath when their eyes met. Aura just chuckled silently and continued to lead him further into the room as people began to crowd in around them with smiling faces.

Richard thought they were going to mingle with the guests for a little bit but Aura continued to keep him moving as the crowd parted in front of them. When they came to the other end of the room Richard found a raised dais gilded in gold with an older man standing on top of it. He was dressed in long flowing white robes trimmed in gold and held a large golden staff with a star on top of it. Richard assumed he was the head of this worlds church and he seemed to ooze power and confidence. Standing in front of the man in a frilly red dress was a small girl with her back to him, her long cinnamon brown hair flowing down her small back. For a moment Richard thought it was Princess Reiea but this girl looked too young to be her. That's when a sickening thought struck him.

'Oh god!' he hissed into Aura's ear harshly, 'She is way too young!'

'That's her younger sister!' she hissed back but there was a soft laugh on her lips. 'But I'm glad that you reacted that way to a nine year old girl. Remember, deep breaths.'

They stepped onto the platform and Aura retrieved her arm from Richard, holding it out and bowing slightly as she greeted the religious looking man who smil

Storie simili

Fare da mentore a Brandon 2

MENTRE BRANDON Di Bob Capitolo 2: Il mio sogno diventa realtà! Bussano alla porta: FINALMENTE! Il mio cuore batteva da un po' di tempo e ora non c'era niente di diverso. Ho iniziato a camminare per aprire la porta quando Dave è saltato fuori dalla sua cuccetta ed è corso verso di me. Quando ha aperto la porta, ho visto Brandon in piedi nel corridoio. Ehi Dave. Che c'è? risuonò la voce che stavo aspettando. Non molto ragazzo, sto solo facendo un po' di cazzate per la storia, fu la risposta di Dave. Sì, senti. In realtà ho bisogno di parlare...

10 I più visti

Likes 0

L'amore è tutto ciò che conta pt2 - Nuovo dipendente, vecchie abitudini

Ero a casa ad aprire la porta, entrando nel mio appartamento quando il mio cellulare ha ronzato, mi infilo in tasca per prenderlo e controllare chi fosse a quest'ora, Jessy. Il messaggio diceva: Scusa :( te lo devo, la prossima volta puoi scegliere un film. Forse scegline uno con più azione, così non mi addormento Ho sorriso al messaggio e mi sono spogliato preparandomi per andare a letto, mi sono lavato i denti e sono andato in toillete tirando fuori il mio cazzo e mirando con i miei occhi assonnati, una mano che scriveva a Jess l'altra che mi teneva il...

1K I più visti

Likes 0

Lussuria 3

Ancora una volta, stavo terminando la notte masturbandomi dopo essere stato estremamente eccitato a causa delle avventure di mia figlia. Oggi è stata una giornata pazzesca e non potevo credere a quello che era successo dopo aver calmato i miei pensieri arrapati con un orgasmo. Mi sono addormentato come un angelo dopo. Al mattino mi sono svegliato presto e ho preparato la colazione. Quando i bambini sono scesi, ho servito loro dei cereali e ho preso la banana che mia figlia aveva messo nel culo la sera prima e l'ho data a mio figlio. Ho guardato il viso di mia figlia...

1K I più visti

Likes 0

Cottage 13 – Parte 1

Questa storia parla di una moglie che sceglie di vivere la sua fantasia sessuale per il sesso forzato anonimo, all'insaputa del marito. Se non ti piace questo tipo di storia, o qualcuno a cui piace fare commenti anonimi denigratori, salta questa storia. Apprezzo i messaggi privati ​​che forniscono feedback e/o idee costruttive... NOTE: Ai fini di questa storia, il Geosexing è definito come una variante del geocaching, in cui uomini e donne utilizzano il Global Positioning System (GPS) per designare o cercare luoghi in cui fare sesso con un individuo consenziente. Questo non è in alcun modo un tentativo di ridefinire...

767 I più visti

Likes 1

Un tranquillo interludio

Sto ai piedi del tavolo e ti guardo intensamente. Il silenzio sta provocando il caos sui tuoi sensi già sovraeccitati. I miei occhi viaggiano sul tuo viso prendendo nota della leggera apertura delle tue labbra, del solco tra le tue sopracciglia e del dilatarsi delle tue narici, tutti segni della tua consapevolezza accresciuta. Il mio sguardo si interroga sui muscoli della parte superiore delle tue braccia, serrati e tesi, sui polsini di pelle attorno a ciascun polso, collegati tra loro e tenuti sopra la tua testa con un unico laccio. Anche se posso seguire il cavo solo fino al bordo del...

843 I più visti

Likes 0

Scoprire che sono gay parte 3

Quindi pochi giorni dopo, dopo aver rotto con Lizzy, mi stavo abituando all'idea di essere di nuovo single. Quando ero al college a lezione con McKenzie, ha iniziato a sedersi accanto a me e ha detto Tu e Lizzy vi siete lasciati perché vi ho baciato? Ho guardato McKenzie e ho detto No, il motivo per cui io e Lizzy ci siamo lasciati è perché mi piaceva baciarti. Dopo aver detto che mi sono alzato dal mio posto, ho preso la borsa e sono andato a uscire dalla lezione mentre camminavo, il mio insegnante mi ha detto E dove pensi di...

850 I più visti

Likes 0

Broken Birds, Parte 37, Uno spazio nel tempo / Epilogo

Parte 37 Uno spazio nel tempo Epilogo L'elicottero di emergenza ha urlato per tutta la notte. Michael, Jennifer, Beth e Kat erano a bordo. Il dottore che Jennifer aveva di guardia non era potuto venire. Era ubriaco. La consegna è iniziata normalmente. Poi Kat ha cominciato a sanguinare gravemente. Barbara l'aveva già visto. Ha dato suggerimenti che Jennifer ha immediatamente implementato, scoprendo quanto preziosa fosse diventata l'esperienza ginecologica e neonatale di Barbara. Barbara è rimasta indietro a causa delle condizioni e dello stress di Jan. Il terrore attanagliò l'harem. Si sedettero intorno all'enorme soggiorno principale. Cercavano in Barbara consolazione e informazioni...

1.1K I più visti

Likes 1

L'ultima speranza bianca (Capitolo 1)

Questa è una storia di fantasia sul diventare presidente del nostro paese. È una sorta di parallelo con la nostra storia e la nostra linea temporale. Il primo capitolo riguarda lo sviluppo del personaggio principale Alcune informazioni di base su di me prima di entrare troppo nella storia. Mi chiamo Stewart Thomas Whitteman. Faccio il mio secondo nome e tutti mi chiamano Tom. Odio il nome Stewart. Era il nome preferito dello zio di mia madre. Sono nato il 5 maggio 1955. Sono alto un metro e ottanta, peso 210 libbre, ho i capelli e gli occhi castani. Mi alleno regolarmente...

990 I più visti

Likes 0

Skyrim: Le avventure di Carthalo Parte 1

Carthalo le accarezzò la guancia, sentendo la sua pelle liscia e fredda e scostandole i capelli nerissimi dagli occhi. Lydia, disse, la sua voce roca si trasformò in un sussurro nel suo orecchio rilassati. Questo non è un altro fardello per te da portare. le slacciò la maglietta e lei rabbrividì leggermente al tocco. Questo non è un comando del tuo Thane. le sue mani forti la presero per la vita e la portò al letto. Le assi del pavimento scricchiolarono mentre la trasportava su per le scale di Breezehome. La adagiò dolcemente sul letto e cominciò a baciarle il collo...

887 I più visti

Likes 0

Mamma torna in forma

Possiamo parlare un secondo? mi chiese mia madre mentre guardavo la partita di football. Ho bisogno di un favore da te. I miei occhi erano ancora incollati alla TV. Certo, ma può aspettare fino a tardi? Questo gioco è quasi finito. Prese il telecomando e spense la tv. Ehi! Lo stavo guardando! Puoi leggere i risultati online o vedere il replay al telegiornale, comunque non vedo davvero quale sia la differenza, ha risposto severamente. Bene, cosa posso fare per te mamma? Sollevò il fondo della sua maglietta per rivelare uno stomaco morbido e sinuoso. Aveva partorito un anno prima che l'aveva...

900 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.