Caduta celeste - Capitolo 5-6

1.6KReport
Caduta celeste - Capitolo 5-6

Capitolo Cinque

Estratti dal passato

Immortalità: idea abbagliante! Chi ti ha immaginato per primo! Era forse qualche allegro borghese di Norimberga, che con il berretto da notte in testa e la pipa di terracotta in bocca, sedeva in una piacevole sera d'estate davanti alla sua porta, e rifletteva in tutta la sua comodità che sarebbe stato piacevole se, con pipa inestinguibile, e respiro infinito, poteva così vegetare innanzi per una beata eternità? O era un amante, che tra le braccia della sua amata, pensava il pensiero dell'immortalità, e questo perché non poteva pensare e sentire nulla accanto!... Amore! Immortalità!

Heinrich Heine, "The Hartz Journey" (1824 Terra Standard)

Entro all'Hanging Horse Inn. Il silenzio che segue mi fa sapere che loro sanno perché sono qui. Mi avvicino all'angolo più lontano e mi fermo davanti ai due bracconieri.

“Guarda chi è qui Joebe, il nostro piccolo amico dei boschi” dice Trag asciugandosi dolcemente la bocca “tu teppista ci devi dei soldi, ci è voluto un bel po' perché il guaritore rimettesse insieme me e Joebe. Ho dovuto dargli la tua spada e inchinarti con la faretra solo per ripagarla.

Mentre li guardo sento una mano che mi schiaffeggia sulla schiena e mi giro a guardare il nano in piedi accanto a me. "Questo è il ragazzo che voi due avete combattuto nel bosco?"

Joebe si sporge in avanti con un sogghigno. "E allora cosa, Beornze?"

“Pensavo che foste degli idioti quando vi ho incontrati, ora mi avete appena dimostrato che avevo ragione. Lascia che ti presenti correttamente questo qui è Jair ser Marwoleth. È il miglior cacciatore umano in questa zona. È anche il figlio della strega del bosco profondo. Ha imparato a combattere da ogni razza in questa città. Gli anziani Luy'cain lo hanno inserito nel loro branco. I Kaire mandano i loro piccoli da lui ad allenarsi nei boschi poiché conosce quei boschi meglio di loro. Ha salvato molte vite in questa città e almeno 3 di loro sono in questo bar, incluso me". Quella spada che hai scambiato è l'unica del suo genere. Sono andato a Darkholme con i materiali che ha impiegato un anno a trovare. 13 maestri artigiani al mese per completare. Se avessi cercato di venderla a qualche nano, ti avrebbero respinto perché conoscono il vero prezzo di quella spada.


Mentre Beornze parla sento la porta aprirsi e vedo una signora con un mantello che si infila dentro, si guarda intorno e si avvia verso di me. Lo spingo dolcemente. Il nano mi guarda e poi si gira mentre si avvicina e poi si gira verso i due. "Questo è quanto è conosciuto."

Si ferma davanti a me e tira indietro il cappuccio. I suoi lineamenti delicati in mostra per tutti. La Signora Sidhe china il capo verso di me e dice piano nella sua lingua madre. "Maestro Marwoleth questi oggetti sono entrati in mio possesso e ho pensato che avresti avuto bisogno di loro indietro. Spero che in futuro lo ricorderai e guarderai favorevolmente a qualsiasi aiuto di cui potrei aver bisogno in futuro."

Annuisco la testa in cambio sussurrando in elfico "Riedesh me ne ricorderò e farò in modo di farlo sapere a mia madre in modo che se tu e qualcuno di voi avete bisogno del nostro aiuto noi saremo lì".

Recupero la mia spada e la infilo sulla cintura, quindi lego la faretra alla gamba e aggancia l'arco alla parte posteriore della cintura. Inchinandomi a Riedesh, mi rivolgo a Beornze e gli faccio un cenno del capo. "Suggerirei di lasciare la città non appena possono, vado a prendermi cura di Lasret per il suo tradimento e non accetterò di vederli di nuovo."

Mi guarda con uno sguardo serio negli occhi “Lo stai inseguendo? Che cosa ti ho detto sulla stupidità e sulla lotta per la vendetta?»

Lo guardo e con voce morta gli dico “Ha tradito me, un amico, e il suo clan. Ha riportato indietro le corna dalla mia preda e poi ha rivendicato la figlia di Primes”

Beornze sembra scioccata "Rena non lo farebbe a te ragazzo, ho visto il modo in cui ti guarda e ti segue, per favore dimmi che stai mentendo."

Scuoto la testa e lo guardo tristemente "si è mosso mentre ero privo di sensi e in un modo che non sarei in grado di dire nulla di ciò che è già passato attraverso le affermazioni che suo padre probabilmente l'ha spinta dentro pensando che fosse un grande cacciatore . Ma ora l'ho chiamato fuori, ora vado nell'arena per affrontarlo se è onorevole, o camminerò attraverso l'Antro uccidendo qualsiasi cosa sul mio cammino verso di lui.

Beornze mi guarda triste e annuisce prima di allontanarsi. Riedesh mi guarda e scuote la testa prima di dire "Ci vediamo lì, mi stai portando un sacco di lavoro".

Annuisco e mi giro verso i due bracconieri e dico "sei fortunato questa volta se ti incontro di nuovo potrei non essere così gentile". Voltandomi mi allontano.

Fuori dalla locanda mi fermo e mi guardo intorno. Comincio a camminare sapendo che mi seguiranno e aspetto di agire fino a quando non arrivo dove sto andando o cerco di attirarmi in un alleato lungo la strada. Continuo a muovermi lentamente per arrivare all'arena. Appena fuori dalla porta dell'arena, lei esce dall'oscurità e io mi fermo a guardare la mia amica d'infanzia. Darklis le Grave era alta 1,5 metri, odiava guardare sempre le persone, ma le avevo sempre detto che era carino e che sarebbe arrossita. Incarnava la bellezza ai miei occhi, la sua figura a clessidra non era grande come alcune donne ma aveva le curve nei posti giusti. I suoi capelli erano in netto contrasto con i miei dove i miei erano bianchi come il chiaro di luna, i suoi erano neri come la notte in cui li indossava in molte mode nel corso degli anni che l'ho conosciuta ma in questo momento era semplicemente meravigliosa. I suoi capelli erano raccolti in due opposti l'uno rispetto all'altro leggermente di lato e dietro la testa i suoi lunghi capelli le stavano intorno alla vita. Riusciva sempre a catturare il mio sguardo, ma essendo amica d'infanzia pensavo a lei come a mia sorella.
Guardandola da capo a piedi le rivolgo un dolce sorriso. "Mia madre non mi ha detto che eri in città, Dari."

Mi guarda accigliata “Immagina la mia sorpresa quando Modura ed io siamo stati mandati davanti alla roulotte per dire a tua madre che veniamo a trovarmi e quando arriviamo lì te ne sei andato e tua madre è preoccupata che tu possa finire nei guai. Quindi ci precipitiamo qui solo per scoprire da Rena che hai combinato un bel pasticcio nella Tana. Cosa sta succedendo?"

"Scusa Dari, ma potresti voler sapere la storia da Rena, devo entrare e iniziare" le dico piano mentre sento il mio viso indurirsi al pensiero di Rena.
Comincio a superarla lentamente e lei si allunga e mi ferma. “Quello che sta succedendo non è da te. In tutto il tempo che ho saputo che non hai mai sfidato nessuno a duello. Cosa ha fatto Lasret? Dannazione, Jair parla con me!!”

La guardo negli occhi "Ti racconterò tutto dopo il Duello oppure puoi andare lassù e chiedere a Rena e avere la storia mentre guardi."

La oltrepasso nell'arena e vedo il Primo e gli anziani in piedi nel mezzo mentre Lasret si allontana di lato. Salendo verso di loro, mi inchino lentamente al Primo. “Scusa per l'attesa che ho dovuto recuperare le mie armi. Ha scelto le sue armi?"

Il Primo guarda oltre le sue spalle a Lasret. “Pensa di poterti battere in mano a mano. Se vince, vuole che rinunci alle tue pretese e lasci in pace lui e il suo nuovo compagno. Non è il pastello più brillante della scatola come dite voi umani, ma è il vostro e il suo duello. Qual è il tuo prezzo se vinci?"

Guardo Lasret “Se vinco dite a tutti qui la verità. Quindi accetta l'esilio volontario. Te ne vai e non ritorni mai più".

Lasret ride e annuisce “Perderai Jair. Ho imparato molto dall'ultima volta che abbiamo combattuto da cuccioli. E io sono più forte, non mi batterai mai".

Annuisco lentamente prima di voltarmi e avvicinarmi a Darklis tra il pubblico e chiederle di tenere le mie cose mentre litighiamo. Lei annuisce e osserva mentre mi tolgo le armi. "Jair cosa hai intenzione di fare?" chiede piano

"Gli spezzerò le braccia, poi le gambe e poi le costole finché non mi implora di ucciderlo e poi romperò ogni altro osso del suo corpo finché non potrà funzionare, poi me ne andrò e me ne andrò". Guardando Rena, poi guardo Darklis “dopo questo non avrò molte ragioni per tornare in questa città. Se hanno bisogno dei miei servizi, possono venire da me".

Mi tolgo la maglietta senza pensare e sento un paio di sussulti. Alzando lo sguardo vedo Mon'ta, Rena e Darklis che mi guardano. "Che cosa?" chiedo confuso

Darklis mi guarda e dice "Il tuo petto dove hai preso tutte quelle cicatrici?"

Arrossisco e guardo in basso “Dimenticavo Dari che non mi vedi senza maglietta da molto tempo. Bene, l'ho ricevuto mentre mi allenavo nella foresta. Corro nella foresta, combatto nella foresta, mi alleno nella foresta. Ho combattuto contro gli Spider Bears, i Kagel e persino uno Screamshaw.

Vedo la maggior parte delle persone intorno a noi che guardano adesso. È allora che noto che la folla è diventata più numerosa. L'Elemental Consortium, il Sidhe Prince e persino il Branco sono qui. Consegno le mie cose a Darklis prima di farle un cenno con il capo e tornare al centro. Il Primo ci guarda entrambi e dice "Ultima possibilità?" scuotendo la testa, annuisce e si allontana verso gli spalti prima di urlare "INIZIA".

Vedo Lasret che scopre gli artigli e si precipita verso di me con un bagliore malvagio negli occhi. Chiudo gli occhi e sento l'oscurità risvegliarsi e guardare come reagirò. Le voci che implorano di nutrire il sangue. Mi schiarisco la testa e mi muovo. La quiete che segna il mio umore. Mi strofina mentre mi muovo sotto il suo braccio. Afferrando il suo braccio con entrambi i miei, giro e usando sia il mio che il suo slancio lo lancio dritto a terra, sento lo schianto attraverso di lui mentre gli tengo il braccio. Inverto la presa e mi siedo sulla sua schiena, sento il suo braccio spezzarsi mentre urla di dolore. Rotolo via e mi alzo lentamente in piedi.

Sta urlando di dolore prima che i suoi occhi si focalizzino "Indossi qualcosa sulle gambe cosa stai tradendo?" lentamente si rimette in piedi con il braccio sinistro che gli penzola lungo il fianco.

Ho scrollato le spalle "Pensavo che avresti voluto che li indossassi, mantengono questo combattimento leale. Se vuoi li rimuovo?" Alzo le gambe dei pantaloni mostrando i pesi lì.

"Indossi dei pesi per colpirmi più forte, toglili." Lasret ringhia.

Guardo il Primo che sta lentamente scuotendo la testa. Mi inginocchio e comincio a togliere i pesi. Coglie l'occasione per precipitarsi e si mette in fila per prendermi a calci. Sento Darklis urlare contro di me. Poi sto rotolando attraverso lo sporco fino al lato opposto dell'arena e Lasret mi sta calpestando entro un secondo dopo alcuni buoni calci e calpesta, fa un passo indietro ridendo. «Chiamalo vecchio. Gli ho detto che non poteva battermi". Ride tra sé e sé mentre si gira e si allontana.

Gemo sentendo il danno. Poi sorridi per quanto poco danno abbia effettivamente fatto. Mi siedo lentamente e rimuovo i pesi prima di metterli da parte. Alzandomi in piedi sento dei mormorii tra la folla mentre mi vedono in piedi. Un anziano Kaire seduto nelle vicinanze sussurra "Stai giù ragazzo, troppi danni in più e potresti non farcela tutto intero". Sorrido e scuoto la testa.
“Lasret è il meglio che puoi fare? Colpire qualcuno mentre sta rispettando le tue regole in ginocchio senza guardarti? Dov'è l'onore in questo? Non devi essere migliore di un gatto senza onore, conosci quelli... Quelli che sono traditori e assassini”. Lo chiamo sorridendo mentre si gira.

Si precipita di nuovo verso di me questa volta che gli passo sotto il braccio destro e mentre mi accingo a prenderlo a calci nello stomaco, noto che tira il braccio verso il basso per coprirsi lo stomaco. Entro in contatto con il suo braccio e viene scagliato indietro dal calcio e rotola sul pavimento.

Guardo nella sua direzione mentre giace a terra il suo braccio destro va in frantumi per la forza del mio calcio. «Avresti dovuto farmi tenere i pesi. Non sono lì per colpirti più forte, sono lì per aiutarmi ad allenarmi. Senza di loro mi muovo troppo velocemente e salto in alto. Comunque è bello rilassare un po' i muscoli. Grazie per avermelo fatto togliere. Sorrido mentre l'oscurità assapora il dolore che me lo porta via. Lo guardo guardandolo alzarsi tremante in piedi.
All'improvviso sento una sensazione di bruciore alla schiena. Mi guardo alle spalle quando vedo l'impennata che sporge dalla mia spalla. Rotolo di lato mentre un'altra freccia vola nell'aria dove ero appena stato. Correndo verso Darklis sono sorpreso quando Lasret all'improvviso si mette sul mio cammino con un coltello tra i denti mentre si lancia verso di me prima che io abbia la possibilità di cambiare il mio percorso. Alzo il ginocchio mentre il suo coltello si conficca nella mia spalla sinistra. Tutta la forza del mio ginocchio sbatte contro di lui e lo sbatte attraverso l'arena contro il muro più lontano. Arrivo a Darklis mentre tutti si stanno muovendo alla ricerca dell'arciere. Grugnisco per il dolore mentre alzo le braccia e afferro la mia spada. “Dari, porta tutti fuori di qui, l'arena è circondata. Assicurati che i VIP siano al sicuro".

Mi guarda con un'espressione addolorata e annuisce. "Stai attento." Sussurra

Mi giro e corro al centro dell'arena tirando fuori il coltello dalla mia spalla e tirando fuori la freccia dalla mia schiena. In piedi al centro dell'arena mi guardo intorno. Lasret sta ridendo con il sangue che gli gocciola dagli angoli della bocca. Tossisce e dice lentamente “Ti ho preso, quei due bracconieri mi hanno procurato quello che volevo portarti nella foresta da solo. Poi sei stato fortunato e abbiamo dovuto riportarti indietro, ma questa volta ti uccideranno e sarai dimenticato che avrò ancora il mio onore e la mia posizione. E il visconte si libererà di te con me e Sage che prenderà il controllo del clan, il visconte e il clan prenderanno il controllo di questa zona. Tossisce di nuovo e mi sorride "muori già"

'Uccidilo' il pensiero viene dall'oscurità che risuona dentro di me come una campana. ‘Uccidilo e prendi la sua fine, accetta i miei doni’ i pensieri tornano di nuovo. Sfilo la mia spada camminando lentamente verso Lasret. I piedi tempestano intorno al pavimento dell'arena. Sento l'energia correre dentro di me mentre cammino. Il freddo nell'aria diventa un vento gelido. In piedi da Lasret, lo vedo rabbrividire di paura. Comincio ad alzare la spada ma vengo fermato "No, non così, ucciderlo in quel modo non ti servirà a niente" le immagini appaiono nella mia testa e annuisco. Rinfodera la spada e raggiungo Lasret. Chiudendo gli occhi, sento la sua ciocca e lo raggiungo. L'urlo di puro terrore erompe da dentro di lui mentre dico "Guarda Lasret la tua corda. Il filo che ti tiene in questa vita”. Tirandolo fuori dal petto in modo che possa vederlo. I suoi occhi si spalancano per il terrore mentre apro gli occhi il rosso che avvolge il nero nei miei occhi. Lo guardo negli occhi mentre stringo la presa e strappo la corda fuori dal suo corpo. Urla prima di crollare a terra morto.

Guardo il filo luminoso nella mia mano. Inizia a dimenarsi prima di avvolgersi attorno al mio mignolo creando un tatuaggio di una tigre avvolta in un anello attorno al dito.

Una risata inquietante riempie l'arena prima che mi renda conto che sono io a ridere. Guardandomi intorno vedo una dozzina di uomini che mi guardano con gli occhi sbarrati, tutti gli altri erano fuggiti dall'arena. Sfilo la mia spada e uno degli uomini si precipita su di me che mette in moto tutti gli altri. Le mie spade incontrano le loro mentre mi muovo attraverso schemi insegnatimi dai Sidhe. La forza che ho imparato sia dagli Earthen che dai Kaire, aiuta i miei movimenti delicati a diventare potenti colpi. Nel giro di pochi minuti gli uomini appena addestrati sono sdraiati sul pavimento dell'arena morenti. Vedo Joebe e Trag in piedi al piano superiore dell'Arena a guardare. Si girano e scompaiono prima che io possa muovermi.


Capitolo sei

Estratti dal passato

Puoi essere un re o uno spazzino, ma tutti ballano con il Grim Reaper.

~Robert Alton Harris (Umano)

Modura e Darklis si precipitarono nell'arena con un gruppo di guerrieri assortiti. Il Prime ei suoi Guerrieri li seguirono rapidamente alle calcagna. Mentre stavo fissando il cielo notturno tutt'intorno a me i cadaveri, decapitati e fatti a pezzi. La vista davanti a loro li stordì. Dalla scomparsa di Eternal Deaths ci è voluto molto per uccidere qualcuno ed eccomi qui in piedi in mezzo a un sanguinoso pasticcio di corpi. Guardo il Prime mentre si avvicinano. "Mi dispiace My Prime." Guardo Lasret "mi ha detto qualcosa di inquietante prima di morire e non mi crederai quando te lo dirò".

All'improvviso un Kaire maschio grigio con macchie bianche che riconosco come Loken ser Gras, il padre di Lasrets, si precipita da suo figlio. Guarda il figlio e sussurra “E' morto... Com'è possibile? Il suo corpo è integro e intatto?» Si gira a guardarmi.

'Non dirlo a nessuno di cui non ti fidi della tua vita.' Il sussurro mi viene in mente. Alzo lentamente le spalle. “Era troppo frenetico. Non posso dire cosa sia successo durante i combattimenti. Stavo solo cercando di sopravvivere". Mi rivolgo al Primo Ministro “Lasret ha coinvolto suo figlio e lui stesso in un complotto organizzato dal visconte. Per rovesciare te e gli anziani e prendere il comando in modo che potessero schierarsi con il visconte e guidare il clan a seguirlo. Con il Clan con lui avrebbero potuto rovesciare facilmente il Branco e l'Elemental Consortium. I Sidhe non si sarebbero schierati e il visconte potrebbe nominarsi re.

Guardo mentre la faccia dei Primes si indurisce. Si gira e dice “Torniamo alla Tana, lasciamo il corpo dei traditori ai corvi. Alpha trova mio figlio e portamelo davanti alla matriarca. Gira leggermente la testa verso di me e annuisce lentamente prima di allontanarsi.

Comincio a rivolgermi a Darklis e sono sorpresa quando Loken si avvicina a me ringhiando. “Ci riparleremo più tardi in privato su mio figlio, hai molte risposte da dare.” Se ne va dopo il primo.

Darklis mi guarda e vedo la paura lì. Girandomi mi allontano. Lentamente raccolgo le mie cose da dove erano. Scomparendo nella foresta, comincio a tornare a casa mia. Venire a patti con ciò che ho appena perso. Lo sguardo negli occhi di Darklis era troppo per me, ora deve odiarmi.

Storie simili

Ma tesoro, era solo un ballo, la storia di Linda

Sequel di; Ma tesoro, era solo un ballo. Linda racconta la sua storia a un amico. Nota: non c'è sesso in questa storia A tutti i lettori che hanno chiesto di rispondere alle domande, grazie. Ma tesoro, era solo un ballo Il seguito Un altro inverno di Chicago era storia. Oggi è stato il primo vero giorno di primavera. Quando Linda uscì, sentì l'odore dell'aria fresca e pulita del mattino. Ricorda il suono della pioggia primaverile sul tetto mentre lei e suo marito facevano l'amore la sera prima e come si aggiungeva alla sensazione calda e sicura che provava tra le...

763 I più visti

Likes 0

Scoprire che sono gay parte 3

Quindi pochi giorni dopo, dopo aver rotto con Lizzy, mi stavo abituando all'idea di essere di nuovo single. Quando ero al college a lezione con McKenzie, ha iniziato a sedersi accanto a me e ha detto Tu e Lizzy vi siete lasciati perché vi ho baciato? Ho guardato McKenzie e ho detto No, il motivo per cui io e Lizzy ci siamo lasciati è perché mi piaceva baciarti. Dopo aver detto che mi sono alzato dal mio posto, ho preso la borsa e sono andato a uscire dalla lezione mentre camminavo, il mio insegnante mi ha detto E dove pensi di...

1.9K I più visti

Likes 0

La mia giornata con James

James e io ci siamo incontrati tramite un annuncio craigslist che avevo pubblicato alcune settimane prima, ma non ci siamo mai incontrati. Abbiamo inviato un'e-mail di risposta e di quarto per circa una settimana prima che decidessi finalmente che ero pronto per incontrarci. Il mio cuore batteva forte e le mie mani tremavano mentre ho digitato il messaggio che avrebbe cambiato tutto. Ehi, penso di essere pronto per farlo. James ha risposto in pochi minuti, Perfetto ho domani libero. Prenderò una stanza d'albergo e ti verrò a prendere domattina, in questo modo possiamo passare l'intera giornata insieme. Il mio cuore ha...

1.8K I più visti

Likes 0

Cottage 13 – Parte 1

Questa storia parla di una moglie che sceglie di vivere la sua fantasia sessuale per il sesso forzato anonimo, all'insaputa del marito. Se non ti piace questo tipo di storia, o qualcuno a cui piace fare commenti anonimi denigratori, salta questa storia. Apprezzo i messaggi privati ​​che forniscono feedback e/o idee costruttive... NOTE: Ai fini di questa storia, il Geosexing è definito come una variante del geocaching, in cui uomini e donne utilizzano il Global Positioning System (GPS) per designare o cercare luoghi in cui fare sesso con un individuo consenziente. Questo non è in alcun modo un tentativo di ridefinire...

1.7K I più visti

Likes 1

Prima volta_(3)

Era la primavera del '99 e frequentavo l'ultimo anno delle superiori, avevo appena compiuto diciotto anni. Ero nella squadra di pallavolo, fisicamente in forma e pronto a sfidare il mondo. Avevamo appena vinto la nostra prima partita e dopo un discorso di incoraggiamento di coach Azzerelli, ci ha mandato alle docce. Mi ero spesso eccitato quando ero sotto la doccia dopo l'allenamento mentre guardavo gli altri fare la doccia. Li fissavo mentre tenevo la testa sotto il getto d'acqua, quindi non era ovvio. O così ho pensato. Uno degli chic della mia squadra era piuttosto figo, ma non sembrava mai avere...

1.5K I più visti

Likes 0

Joan va a Las Vegas #6

Mia moglie Joan ha viaggiato con me per viaggi di lavoro. Mentre lavoro, Joan cerca possibili avventure sessuali. Il prossimo viaggio di lavoro fu a Las Vegas. Las Vegas è un paese delle meraviglie del divertimento per adulti: casinò, showgirl, artisti famosi e meravigliosi hotel e resort. L'hotel in cui alloggiavamo era il Cosmopolitan. Avevamo una suite Lanai. Era una suite su due livelli con piscina privata e accesso diretto alla piscina Bamboo dell'hotel. Joan aveva comprato dei vestiti nuovi per il viaggio. Ha comprato eleganti abiti da sera e un nuovo micro bikini. Il lavoro mi consumava sempre durante il...

952 I più visti

Likes 0

Impero perduto 39

0001 - Tempo                                    0403 - Johnathon               in crescita 0003 - Conner                                   0667 - Marco                        -------- 0097 - Ace                                            0778 - Jan                         0098 (Lucy) 0101 - Shelby (nave madre)        0798 - Celeste 0125 - Lars                                           0908 - Tara 0200 - Ellen                                         0999 - Zan 0301 - Rodrick                                    1000 - Sherry Derrick alzò lo sguardo dal pavimento verso Shelby che si strofinava il lato del viso che sembrava reale! Non come un solido ologramma ma vera carne e sangue! Rimettendosi in piedi, indietreggiò lentamente da Shelby che fino a quel momento non si era mosso. Non so chi o cosa tu sia, ma...

792 I più visti

Likes 0

Il vaso cinese

Il vaso cinese di Signorina Irene Clearmont 1 Preparazione. ---------------------------------- Questo è il problema del furto con scasso, puoi entrare in una culla, ad esempio una casa di periferia e mettere in rete un televisore e un lettore DVD e per tutti i tuoi problemi guadagnerai forse cento sterline o anche meno. Ogni giorno corri lo stesso rischio di un professionista ma la matematica del caso ti vedrà rispondere dei tuoi crimini davanti ai magistrati in breve tempo. L'alternativa è dedicare del tempo alla ricerca e alla ricerca dell'obiettivo perfetto e accumulare qualche centinaio di migliaia. Due volte all'anno mi metto...

509 I più visti

Likes 0

Divertimento per il pigiama party_(0)

Se non credi nel materiale dei ragazzi questa non è una storia per te. Per favore, dammi un feedback perché questa è la mia prima storia. Ciao, sono Charlie. Sono un ragazzo di 14 anni con i capelli castani. Sono alto 1,70 e ragionevolmente magro. Ho gli occhi verde-blu e mi sono sempre considerata etero, ma ogni tanto fantastico sui ragazzi. Quindi vi racconterò una piccola storia di quello che è successo non molto tempo fa..... Erano le vacanze e finora mi ero rilassato, ma mi stavo annoiando, così ho chiamato due dei miei amici e ho chiesto loro se volevano...

338 I più visti

Likes 0

Ragazzone 1

BigBoy 1 modifica 2 ​Alla fine degli anni settanta, dopo aver divorziato dalla mia seconda moglie, ho iniziato a picchiare di nuovo la scena della festa.. Ho incontrato questa donna in un bar una notte, mi sono fatta abbastanza ubriaca e arrapata, quindi noi deciso di andare a casa mia.. Lungo la strada passammo davanti a un negozio di libri per adulti, Mi ha chiesto se ero mai stato lì e ovviamente ho detto di sì perché il il proprietario era un cliente e un amico.. Ha detto che non era mai stata perché era troppo timida per andare da sola...

2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.