Tramonto hawaiano

114Report
Tramonto hawaiano

Introduzione: Questa storia contiene pochissimo sesso. È più una storia d'amore. Quindi, se quel pensiero ti sgomenta, sarebbe meglio chiudere e passare a un'altra storia. Ho scritto una serie di storie tipiche di questo sito e volevo scrivere qualcosa di un po' diverso.


Capitolo 1

Ho guardato fuori dalla finestra verso la spiaggia. L'erba verde scendeva dalla casa per una trentina di metri, per essere occupata dalla spiaggia sabbiosa. Era una giornata calma e le onde risalivano dolcemente la sabbia prima di scivolare di nuovo nell'oceano solo per essere spinte di nuovo su dall'onda successiva. Il sole era ancora sopra l'orizzonte. Era quasi ora, sarebbe arrivata presto.

Riempii un bicchiere di acqua ghiacciata e uscii nel patio. Faceva molto caldo stanotte e il cielo era limpido con solo poche nuvole nel cielo lontano. Avevo messo due sedie in mezzo al cortile con vista sulla spiaggia all'inizio della giornata ed era lì che mi stavo dirigendo ora. La prima volta che l'avevo notata era stato quattro giorni fa. Ogni sera faceva jogging sulla spiaggia e poi, circa mezz'ora dopo, tornava indietro fermandosi ogni pochi metri per guardare il tramonto. Avevo sperato che guardasse nella mia direzione e magari si fermasse a parlare per un po', ma fino a quel momento la sua attenzione era tutta per i tramonti.

Mi sono seduto sulla sedia e ho bevuto un sorso di acqua fresca. Indossavo solo un paio di pantaloncini e sandali. Dall'oceano veniva una leggera brezza; appena percettibile sulla mia pelle. Mi ero appena messo comodo quando è apparsa alla mia sinistra, facendo jogging sulla spiaggia. Era asiatica, pensai cinese, anche se da quella distanza non ne ero sicuro. I suoi capelli scuri erano legati in una coda di cavallo mentre correva e li guardai rimbalzare da una parte all'altra mentre correva. Quando è tornata sapevo che sarebbe stato deluso per cadere sulle sue spalle.

Ho guardato mentre il suo passo costante la stava rapidamente portando oltre me. La mia mano era inquieta sul bracciolo della sedia; aspettando che mi desse un'occhiata in modo da poterla salutare. La sua figura era snella ma molto in forma. Ero abbastanza vicino per vedere quanto fosse bella. Le ci vollero solo pochi secondi per superarmi e scomparire; mai guardando la mia strada.

Bevvi un altro sorso d'acqua e aspettai. Sarebbe tornata; il sole sarebbe tramontato presto. Mentre aspettavo mi chiedevo da dove fosse venuta. Vivevo qui da quasi dieci anni e non l'avevo mai vista prima. Era una turista? Stava visitando un amico qui sulla spiaggia? L'amico era un maschio? Era già stata presa prima ancora che avessi la possibilità di incontrarla? Era qui da almeno quattro giorni. Sarebbe partita presto? Era già troppo tardi?

Il sole si è abbassato e si stava preparando un altro bellissimo tramonto hawaiano. Ho guardato mentre il sole si abbassava abbastanza da trasformare il fondo delle poche nuvole nel cielo di un bellissimo viola con sfumature di arancione e rosso mentre iniziava a scendere nell'oceano.

Stavo guardando il tramonto da diversi minuti e non mi ero accorto che fosse tornata. Proprio mentre il sole scompariva nell'oceano, l'ho vista con la coda dell'occhio. Un leggero movimento della sua testa mi ha dato l'impressione che mi stesse guardando, ma quando ho alzato la mano per salutarla stava chiaramente guardando l'oceano e non ha dato segno di vedermi. Ho abbassato la mano al mio fianco; deluso di non aver attirato la sua attenzione.

L'ho guardata mentre se ne stava lì a guardare le onde che si infrangono sulla spiaggia. Le sue gambe sembravano snelle nei suoi pantaloncini bianchi; tagliare dal jogging. Aveva un sedere piccolo e stretto e dalla leggera angolazione in cui si trovava per me ho visto bene il suo profilo. I suoi seni erano piccoli ma sembravano perfetti per la sua figura e statura; sembrava essere di circa un metro e mezzo o tre.

Mi ero fatto coraggio e stavo per chiamarla quando lei fece un passo e uno di nuovo iniziò a correre lontano da me. Aveva fatto solo pochi passi quando cadde sulla sabbia stringendosi il polpaccio. Si stava stirando, cercando di afferrarsi il piede quando ho capito che aveva un crampo. Sono saltato giù dalla sedia e sono corso giù per aiutarla. Mi sono inginocchiato sulla sabbia e ho preso il suo piede tra le mani e ho spinto sulla parte inferiore dei suoi piedi e delle dita dei piedi per riportare il piede nell'angolo a cui apparteneva e allungare il muscolo del polpaccio per alleviare il crampo.

Una volta che il suo piede è stato a posto, ho iniziato a lavorare leggermente sul muscolo del polpaccio cercando di alleviare il dolore; facendo scorrere le mie mani dal suo tallone fino al suo ginocchio e poi di nuovo giù. Alzai lo sguardo per vederla appoggiata sui gomiti, che mi guardava; il suo viso non mi dava idea di cosa stesse pensando. Era la prima volta che la vedevo da vicino. Avevo ragione; era bella. I suoi occhi avevano uno sguardo divertente; uno scintillio che mi è piaciuto. Non stava ridendo di me e nemmeno sorridendo, ma sembrava che fosse divertita dalla situazione.

La sua pelle era così bella sotto le mie dita. Non volevo che il momento passasse. Non aveva ancora detto niente, quindi alla fine le ho chiesto: "Stai bene"? Ha iniziato ad aprire la bocca, ma poi l'ha chiusa e non ha detto niente, ha solo inclinato leggermente la testa di lato. Parlava inglese? "Il mio nome è Paul. Come ti chiami"? Mi ha solo guardato e non ha risposto.

Decidendo di essere coraggioso, ho preso una decisione rapida. Le ho abbassato la gamba sulla sabbia, mi sono spostato al suo fianco e mi sono inginocchiato. Le infilai un braccio sotto le ginocchia e l'altro intorno alla schiena e mi alzai. Si sentiva così leggera tra le mie braccia. Mentre mi alzavo mi mise le braccia al collo. Non ha detto niente, ma ho visto una domanda sul suo viso.

Mi voltai con lei tra le braccia e indicai con il mento la mia casa al mare e le due sedie sul prato. "Ti porterò laggiù così potrai sederti per qualche minuto finché non ti sentirai meglio". Non ha ancora detto niente, quindi ho iniziato a camminare sulla sabbia verso le sedie.

Mentre attraversavo l'erba mi chiedevo come avrei potuto comunicare con lei. Volevo conoscerla meglio. Ma a meno di non assumere un interprete come potevo invitarla a cena? Mentre la portavo lei continuava a guardarmi senza parlare. Mi sentivo perdermi guardandola negli occhi. Ero così preso da lei che sono quasi passato davanti alle sedie.

L'ho abbassata con cura su una delle sedie. Ha preso l'acqua ghiacciata che le ho offerto e ne ha bevuto un sorso. Girai leggermente l'altra sedia verso di lei in modo da poterla vedere e mi sedetti. Ci siamo seduti entrambi lì mentre si oscurava lentamente, guardando le onde e sorseggiando l'acqua ghiacciata. Quando pensavo che non stesse guardando, mi voltavo a guardarla. Non so se fossi mai stato così vicino a qualcuno così bello. Era sposata? Non aveva l'anello al dito, ma questo non significava necessariamente nulla. C'era un fidanzato nella casa da cui proveniva o in Cina, o da dove mai viene?

Alla fine si voltò a guardare la casa. Il lato che dava sull'oceano era tutto di vetro. Ogni pannello era una sezione di vetro scorrevole che poteva essere aperta per far entrare la brezza dell'oceano. Su un lato della casa c'era una piscina coperta. Ridondante con l'oceano proprio lì, ma a volte era bello nuotare senza l'acqua salata. È stato anche bello sedersi nella vasca idromassaggio e guardare i tramonti. Il solo pensiero di questo mi ha portato a pensare di sedermi in acqua con lei al mio fianco.

Poi indicò la casa ma non disse nulla. Perché preoccuparsi ho pensato. Non capirei comunque quello che ha detto. Tornai a guardare la casa. Indicai la casa e poi me stesso. Ho detto: "È casa mia". Dopo averlo detto mi sono reso conto di quanto stavo parlando ad alta voce. Più piano, mi sono ripetuto; “È casa mia”.

Non era così però. Indicò la sedia su cui era seduta e poi indicò la casa. Oh, finalmente ho capito. “No, non c'è nessun altro. Vivo da solo; Solo io". Come faccio a capirlo? In un certo senso ho agitato il dito verso la seconda sedia e ho indicato me stesso, la mia sedia e poi di nuovo la casa. Ho pensato che potesse aver capito. Lei annuì e poi tornò a guardare l'oceano.

Molto prima di quanto mi aspettassi, si è alzata, mi ha fatto un piccolo cenno e poi ha iniziato a correre facilmente sull'erba. Certamente era una guaritrice veloce. Era sulla sabbia prima che mi ricordassi: "Come ti chiami"? Pochi secondi dopo, senza rispondere, si era aggirata tra le rocce all'estremità della spiaggia ed era sparita.


capitolo 2

Il giorno dopo ho guidato per tutto il mio quartiere cercando di vederla di sfuggita; sperando di poter trovare in quale casa alloggiava ma senza successo. Poi ho lavorato tutto il giorno aspettando che arrivasse la sera. Circa un'ora prima dell'orario in cui di solito correva, iniziò a piovere. Di solito quando piove in questo periodo dell'anno facciamo una doccia veloce per pochi minuti, ma questa volta è diventato più duro e ha piovuto costantemente fino a sera. Ho aspettato vicino alla finestra, sperando, ma lei non è apparsa.

Il giorno dopo sono andato di nuovo in giro con gli stessi risultati. Con l'avvicinarsi della sera stavo diventando ansioso. C'erano più delle solite nuvole nel cielo ma non sembrava che avrebbe piovuto di nuovo. Circa trenta minuti prima che passasse di solito riempii una brocca di acqua ghiacciata, presi due bicchieri e uscii e mi sedetti su una delle sedie per essere pronto.

La spiaggia era piuttosto privata, solo il proprietario occasionale di solito la usava e la maggior parte dei miei vicini erano coppie anziane. Li vedevo passare la mattina e la sera, ci salutavamo e basta. Mi sono seduto lì a guardare le onde che si infrangono sulla spiaggia. Le onde erano più alte del normale oggi, probabilmente il risultato della tempesta di passaggio che abbiamo avuto ieri. Mi piaceva guardare l'acqua, ma i miei occhi continuavano a spostarsi a sinistra, verso le rocce che sapevo avrebbe aggirato se fosse venuta oggi.

Poi finalmente, eccola lì. Indossava lo stesso vestito; pantaloncini bianchi e maglietta bianca. Il contrasto tra la sua pelle e il vestito bianco era impressionante. Mentre correva verso la mia parte della spiaggia, ho alzato la mano e l'ho salutata, ma la sua testa non si è girata. In un minuto mi aveva superato e si era allontanata dalla vista. Mi sono sentito schiacciato. Ma allora era sciocco. Non ci conosciamo nemmeno. Tutto quello che ho fatto è stato aiutarla con un crampo. Mi sono seduto sulla sedia per guardare il tramonto in arrivo. Avevo ancora speranza.

Mentre guardavo le onde che si infrangono sulla spiaggia, ogni minuto circa guardavo a destra dove sarebbe dovuta tornare presto. Sembrava presto quando la vidi in lontananza. Stava camminando sulla sabbia proprio sul bordo dell'acqua. Le onde si infrangevano e rotolavano sulla spiaggia e sui suoi piedi. Potevo vedere che rideva e scalciava l'acqua con i piedi. La sua risata era così deliziosa. Sembrava e suonava proprio come una bambina che si diverte un mondo.

Mancavano ancora diversi minuti al tramonto. Probabilmente avrebbe continuato a camminare lungo la spiaggia e si sarebbe fermata da qualche altra parte quando il sole fosse calato nell'oceano. Mi alzai e mi riparai gli occhi dal sole in modo da poterla vedere meglio. Guardando le sue gambe, potevo ancora sentire il tocco della sua pelle sulle mie dita; la levigatezza setosa, la forza sottostante.

Camminava lentamente lungo la spiaggia, continuando a scalciare i piedi nella risacca, ridendo mentre camminava. Quando fu di fianco a me si fermò e guardò verso il sole. Mancavano ancora venti o trenta minuti prima che cominciasse il tramonto. Sarebbe stata lontana da qui quando finalmente avrebbe smesso di camminare per guardarlo. Il mio cuore cominciò ad affondare.

Si voltò a guardarmi e io alzai rapidamente la mano per salutarla. Guardò di nuovo l'acqua e poi di nuovo me per un momento prima di iniziare a camminare lentamente verso di me. Quando si è avvicinata a me ho detto: "So che non capisci quello che sto dicendo, ma ti piacerebbe sederti con me e guardare il tramonto". Indicai le sedie e poi le porsi un bicchiere. Rimase in piedi mentre le versavo da bere e poi si sedette.

Restammo seduti lì per l'ora successiva, senza parlare, sorseggiando l'acqua ghiacciata e guardando il sole tramontare lentamente; un'altra bella giornata in paradiso. Ogni pochi minuti giravo la testa quel tanto che bastava per poter guardare il suo viso, l'esotica inclinazione dei suoi occhi, i capelli scuri che le ricadevano sulle spalle, la gamba che avevo toccato solo il giorno prima. Le nostre sedie erano a pochi centimetri di distanza; le nostre braccia quasi si toccano, appoggiate sui braccioli della sedia.

Avevo rivolto di nuovo la mia attenzione al mare quando sentii una leggera carezza sull'avambraccio. Mi voltai e vidi le sue dita che si toccavano appena appoggiate sul mio braccio. Alzai lo sguardo per vederla in piedi. Quando ho iniziato ad alzarmi, ha spostato la mano sulla mia spalla per fermarmi. Mi sono seduto lì mentre si girava e iniziava a correre lontano da me. Rimasi seduto lì per un'altra ora dopo che era scomparsa, pensando a lei e al tocco delle sue dita sul mio braccio.


capitolo 3

In prima serata il giorno dopo mi sentivo come un bambino di otto anni. Le piacevo? Sarebbe venuta oggi? Si fermerebbe? Se avessi qualcuno potrei passare un biglietto per chiedere di lei lo farei.

Ho preparato della limonata e l'ho portata fuori con me. Quando raggiunsi le sedie, posai la limonata sul tavolo, presi la sedia su cui si era seduta e la avvicinai alla mia. Pochi minuti dopo mi sono alzato, ho guardato le sedie e poi ho riportato la sua dove era stata originariamente. Poi, pochi minuti dopo, ho allungato la mano e ho avvicinato di nuovo la sua sedia.

Ero ancora seduto lì quando è apparsa. Quando ha raggiunto il punto più vicino a me, ha guardato nella mia direzione. Ho alzato il braccio e l'ho salutata. Fece un cenno con la testa verso di me e poi continuò a fare jogging lungo la spiaggia. Sorseggiai la limonata e aspettai il suo ritorno.

Questa volta ci è voluto molto più tempo. Il sole stava già tramontando e lei non era ancora tornata. Non l'aveva mai preso molto prima. Stavo cominciando a pensare che avesse preso una strada diversa e non sarebbe tornata dalla spiaggia quando era lì; camminare lentamente sulla spiaggia invece di fare jogging. Di solito quando passava tutta la sua attenzione era rivolta al tramonto. Questa volta stava camminando verso di me e non prestava attenzione al tramonto dietro di lei; la sua attenzione era su di me.

Mentre continuava a camminare verso di me le versai un bicchiere di limonata e lo misi sul tavolo di fronte a me vicino alla sua sedia. Quando si avvicinò, i nostri occhi si toccarono ma nessuno di noi disse nulla. Si avvicinò, prese la limonata, si sedette accanto a me e ne bevve un sorso. Le nostre braccia sui braccioli delle nostre sedie; così vicino da farmi formicolare la pelle del braccio mentre ricordavo il suo tocco la sera prima.

Nei minuti successivi il tramonto finì ma lei non se ne andò. Abbiamo continuato a sederci lì con solo il suono delle onde che risalivano la spiaggia a farci compagnia, bevendo entrambi di tanto in tanto un sorso del nostro drink.

L'ho visto per primo; un surfista alla nostra destra. Era solo seduto sulla sua tavola, in attesa di un'onda. Ho avvicinato la mia mano alla sua per attirare la sua attenzione e indicarglielo. Deve aver frainteso quello che stavo facendo. Voltò la mano e mi afferrò la mano; le nostre dita che si intrecciano. Mentre girava la testa per guardarmi, mi dimenticai del surfista. Tutto quello che riuscivo a vedere era il suo sorriso.

Non sono sicuro per quanto tempo siamo rimasti seduti tenendoci per mano; il mio avambraccio appoggiato sul suo, le nostre dita che si muovono di tanto in tanto, le punte delle dita che si esplorano a vicenda. La sua mano si sentiva proprio nella mia. Mi è piaciuta la forza in esso; come mi ha trattenuto la mano. Non ha semplicemente lasciato che le sue dita giacessero lì nelle mie.

Si era fatto abbastanza buio e la luna era spenta quando la sentii sospirare e mi voltai a guardarla. I suoi occhi erano chiusi; la testa appoggiata allo schienale della sedia. Mentre la guardavo in faccia, ha avvicinato l'altra mano e l'ha posata sopra la mia mano tenendo la sua. La notte si era un po' raffreddata e la sua mano era calda sulla mia. Mi chiedevo come si sarebbe sentito il suo corpo premuto contro il mio; le mie braccia si avvolsero intorno a lei.

Poi, senza una parola, lasciò andare la mia mano e si alzò. Non volevo che la serata finisse così presto. Cosa potevo fare per convincerla a restare più a lungo? Ho guardato la casa e ho avuto un'idea. Feci un movimento di nuoto con le mani. “Ti va di fare un tuffo in piscina”?

Guardò le mie mani per un momento, poi mi guardò e scosse la testa. Indicò il lato sinistro della spiaggia dove scompariva ogni notte. Alzò una mano e me la mise dietro il collo e mi tirò giù la testa così da potermi baciare sulla guancia. Prima che potessi riprendermi dalla mia sorpresa si era voltata e si stava muovendo rapidamente attraverso l'erba verso la spiaggia. L'ho guardata al chiaro di luna finché non l'ho più vista.


capitolo 4

Ci sono volute ore per addormentarsi quella notte. Rimasi sdraiato a letto pensando alla sensazione della sua mano nella mia, alle sue dita e al tocco delle sue labbra sulla mia guancia. È stato tutto inutile? Sarebbe svanita all'improvviso con la stessa rapidità con cui è arrivata? Da dove viene? Perché era qui? Tutte queste domande e altre ancora, vorticose nella mia mente, nessuna ha risposto, mentre cercavo di addormentarmi.

Il giorno successivo è passato come il giorno prima di Natale a un bambino di dieci anni. Pensavo che la sera non sarebbe mai arrivata. Ero fuori sulla mia sedia con una brocca di limonata un'ora prima dell'orario in cui di solito arrivava. Non volevo correre il rischio che passasse presto.

Ma il suo tempo è venuto e passato senza alcun segno di lei. Potrebbe essere passata prima che io uscissi? Ho iniziato a osservare ogni direzione, un minuto alla volta; la mia testa che gira avanti e indietro. Forse ha deciso di non correre oggi. Forse si è presentato il suo ragazzo.

Il sole era a circa dieci minuti dal tramonto quando apparve alla mia sinistra; camminando, non facendo jogging, attraverso la sabbia verso di me. Rimasi in piedi, aspettandola. Indossava il suo solito completo ma aveva in mano anche un piccolo sacchetto di plastica bianca; il tipo che di solito trovi nei negozi di abbigliamento. Si è avvicinata a pochi centimetri da me e mi ha guardato in faccia. Le sue labbra luccicavano alla luce e io provai l'impulso improvviso di baciarla. Si guardò intorno e indicò la casa. Non ero sicuro di cosa volesse e la domanda deve essersi mostrata sul mio viso. Aprì la borsa e me la sollevò perché vedessi dentro. Sembrava che dentro ci fosse un costume da bagno; un bikini.

Ho annuito e le ho sorriso e sono stato ricompensato con un bellissimo sorriso. Le presi la mano tra le mie e ci avviammo verso casa. Le mostrai dove poteva cambiarsi e mi occupai ad aprire le porte scorrevoli in modo che la brezza dell'oceano potesse entrare e così potessimo sentire le onde. Ho guardato la vasca idromassaggio e la piscina. Quale vorrebbe? Ho deciso la piscina e sono saltato dentro per aspettarla.

Quando uscì rimasi colpito di nuovo da quanto fosse bella. Mi ha visto in piscina, si è avvicinata con un sorriso che le ha appena illuminato il viso. Mi sentivo caldo dappertutto sapendo che quel sorriso era per me. Il suo bikini le stava benissimo. Era nero, un colore insolito ma le stava bene, quasi erotico, come la biancheria intima nera. I fondi erano molto stretti; le calzava bene ma la parte superiore era un po' troppo grande.

Ero all'estremità profonda della piscina; l'acqua mi arrivava al mento. Mi guardò e poi iniziò a spostarsi verso l'estremità opposta della piscina; l'estremità meno profonda. Le ho fatto cenno di unirsi a me, ma lei ha fatto un movimento di nuoto con le mani e ha scosso la testa. Ero sorpreso; non sa nuotare.

Mi sono spostato di qualche metro nell'acqua più bassa per raggiungere la scaletta della piscina. Ora l'acqua è appena arrivata a metà del mio petto. Le feci cenno di venire da me. “So che non capisci, ma vieni qui che ti aiuterò”. Mi ha guardato e ha scosso di nuovo la testa, ma non si è mossa più vicino all'estremità opposta della piscina. Le feci di nuovo cenno con le mani di avvicinarsi.

Alla fine si è spostata verso la scala e io mi sono spostato in fondo e ho teso le mani per mostrarle che l'avrei stretta quando sarebbe scesa. Si voltò e iniziò con cautela a scendere la scala. Quando era circa a metà, le ho messo le mani sui fianchi per farle sapere che l'avevo avuta. Mentre si abbassava, ebbi il tempo di guardarla; la vita sottile, la spina dorsale, il laccio del bikini un po' troppo largo sulla schiena.

Quando fu immersa nell'acqua fino alla cintola, si voltò con una mano ancora aggrappata alla scala e mi saltò incontro; le sue braccia mi afferrano per il collo e le sue gambe mi circondano la vita. Non stava scherzando. Non sapeva nuotare.

Ho sorriso e ho cercato di non ridere; Non volevo che pensasse che mi stavo prendendo gioco della sua paura. Ma poi con le sue braccia e le sue gambe avvolte intorno a me era difficile non sorridere. "Sei al sicuro. Ti ho preso. Non ti lascerò andare”. Ho cercato di mantenere la mia voce calma e rassicurante. Potrebbe non capire, ma volevo sembrare rassicurante. La sua testa era stata premuta contro la mia, ma ora si appoggiò un po' all'indietro per guardarmi e allentò un po' la presa intorno al mio collo. Il suo sorriso era contagioso. Non ho potuto fare a meno di sorridere anch'io.

Ho fatto alcuni piccoli passi nel mezzo della piscina. Quando era quello che stavo facendo, ha stretto la presa e il sorriso è scivolato un po'. "Va bene. Non ti lascerò andare”. Nei minuti successivi ho lavorato per farla sciogliere da me e ho cercato di spiegarle cosa volevo che facesse mostrandole il meglio che potevo con le mie mani. Stavo cercando di farle imparare a galleggiare nell'acqua. Le darebbe un po' di fiducia. Insegnarle a nuotare richiederebbe molto di più, ma aiuterebbe a fare un piccolo passo.

Riuscii finalmente a metterle le mani sotto le cosce e sulla schiena in modo da poterla distendere sull'acqua. Mentre provava ancora una volta, i miei occhi continuavano a spostarsi sulla parte superiore del suo vestito. La parte superiore era troppo grande e ogni tanto potevo vedere i suoi seni. Era così sconcertante. Rideva e si divertiva. Non volevo che mi sorprendesse a guardare e pensassi che fossi una specie di lascivo. Ma i suoi seni sembravano così belli. Fin da piccoli sentivo il desiderio di tenerli tra le mani, accarezzandola. Potevo sentirmi agitare solo a pensarci. Dovevo concentrarmi sull'aiutarla a farlo andare via.

Alla fine ha capito il trucco e stava galleggiando sull'acqua. Chiuse gli occhi e lasciò che la testa si adagiasse all'indietro nell'acqua; i suoi lunghi capelli si aprono a ventaglio lontano da lei. Gradualmente ho allontanato le mie mani dal sostenerla e l'ho lasciata fluttuare lì. Deve aver galleggiato lì nell'acqua da sola per circa un minuto prima che si rendesse finalmente conto che non la stavo sostenendo. Emise un piccolo grido di gioia e prontamente si piegò in vita e affondò sott'acqua. L'ho subito afferrata e sollevata. Temevo che tutti i nostri progressi sarebbero stati rovinati, ma quando l'ho tirata su stava ridendo. L'avevo sollevata in alto per tirarla fuori dall'acqua; la sua vita era all'altezza del mio petto. Quando l'ho guardata mi sono reso conto che la schiacciata o il mio improvviso sollevamento di lei aveva fatto alzare la parte superiore del bikini esponendo entrambi i seni. Lei mi guardò ma non si mosse per aggiustarsi il top.

Ho iniziato ad abbassarla in modo che i suoi seni non fossero sulla mia faccia. Avevo appena iniziato quando lei emise un "ooh" e indicò dietro di me dietro di me. Mi voltai con lei ancora tra le braccia per guardare. Il tramonto era in corso ed è stato bellissimo stasera. L'ho manovrata in modo che la sua schiena fosse rivolta a me e le avevo le braccia intorno alla vita, tenendola stretta a me in modo che non affondasse nell'acqua e ho fatto diversi passi verso l'estremità bassa in modo che potesse stare in piedi da sola. La lasciai andare in modo che potesse stare in piedi ma lei non si mosse e anzi si appoggiò contro di me. Con quell'incoraggiamento le rimisi le braccia intorno alla vita. Siamo rimasti lì a guardare i colori cambiare mentre il sole calava lentamente.

Quando finalmente il tramonto finì, nessuno di noi due si mosse. Le sue mani erano intrecciate sulle mie. Non volevo che il momento finisse. Ero disposto a stare lì con lei tra le mie braccia finché lei era disposta a permettermelo. Potevo sentire le sue dita muoversi pigramente sulle mie; le sue dita tracciano la lunghezza delle mie dita dalla parte superiore dei miei palmi fino alla punta delle dita.

Alla fine la sentii muoversi e le tolsi le braccia dalla vita mentre si girava per guardarmi. La sua parte superiore del bikini era tornata al suo posto. Si avvicinò per affrontarmi; il suo corpo quasi tocca il mio; un centimetro nudo ci separava. Rimanemmo lì per un momento con lei che mi guardava in faccia. Quando le sue labbra si schiusero leggermente non potei trattenermi e mi chinai e la baciai leggermente sulle labbra. Erano freddi contro i miei. Prima che potessi tornare indietro per vedere come avrebbe reagito, mi mise le braccia intorno al collo e mi baciò di nuovo. Adesso le sue labbra erano morbide e calde. Abbiamo continuato per diversi minuti. Un lungo bacio seguito dal fissarsi negli occhi, e poi baciarsi avidamente di nuovo.

Ad un certo punto, non ero sicuro di quando, avevo alzato le braccia dalla sua vita e l'avevo sollevata da terra, stringendola a me. Mentre continuavamo a baciarci, sentii la sua lingua sfiorare il mio labbro superiore. Ho aperto la bocca e abbiamo iniziato a toccarci delicatamente le lingue l'una contro l'altra.

Alla fine tolse le braccia dal mio collo e girò la testa per guardare fuori. Adesso era completamente buio. Non so da quanto tempo eravamo lì in piscina abbracciati e baciati. Mi ha guardato e poi ha indicato se stessa e poi la spiaggia, dicendo "Vai". Odiavo che la serata finisse, ma almeno l'unica parola inglese che conosceva non era "No".

Portandola ancora una volta, mi avvicinai alla scaletta della piscina e poi la guardai uscire. Rimasi dov'ero e la guardai mentre raccoglieva i pochi vestiti con cui era venuta e li indossava sopra il bikini. Poi mi salutò molto lentamente e se ne andò. Sono uscito velocemente dalla piscina ma non riuscivo a vederla allontanarsi nell'oscurità. Ero ancora lì; pensando a lei. Pensando alla sensazione del suo corpo premuto contro il mio, alla forma dei suoi seni e al tocco delle sue labbra sulle mie. Aveva grandi capezzoli che desideravo toccare per vedere come avrebbe reagito; la sua schiena si sarebbe inarcata per il piacere, mi chiedevo. Ancora una volta passarono ore prima che finalmente mi addormentassi.


Capitolo 5

Il giorno dopo sembrava non finire mai. Ho fatto alcune scartoffie e ho controllato l'orologio. Ho riordinato la casa e controllato l'orologio. Ho provato a leggere un libro ma ho continuato a perdere il mio posto mentre guardavo l'orologio e la mia mente vagava. Ho nuotato per un po' nel tentativo di allentare la tensione e gradualmente le ore sono scivolate via.

Quando finalmente si avvicinò la sera, ero fuori con la mia brocca di limonata due ore prima; Non potevo più aspettare in casa. Inoltre, potrebbe venire prima per un'altra lezione di nuoto.

Mi sono seduto lì a sorseggiare limonata cercando di calmare il mio crescente nervosismo visto che lei non si faceva vedere. Dovevo continuamente ricordare a me stesso che ero in anticipo; che non era mai passata fino a molto tempo dopo. Il ghiaccio nella brocca alla fine si è sciolto e sono dovuto tornare in casa e fare un'altra brocca tenendola d'occhio fuori dalla finestra.

Apparve circa un'ora prima del tramonto, presto per lei, camminando tranquillamente intorno agli scogli e attraverso la spiaggia. Non era vestita come al solito, in pantaloncini e maglietta. Indossava un semplice prendisole color pesca, che le cadeva dritto e largo; sostenuta da spalline sottili sulle spalle e sandali ai piedi. I suoi capelli erano raccolti sulla testa lasciandole le spalle e il collo scoperti. Questa volta non portava una borsa, quindi sembrava che non ci sarebbe stata una seconda lezione di nuoto.

Si avvicinò a dove ero seduto e si sedette accanto a me come se lo avesse fatto per tutta la vita. Versai un bicchiere di limonata e glielo porsi. Prese il bicchiere con una mano e poi mi prese la mano con l'altra. Ci siamo seduti lì in silenzio ad aspettare il tramonto, sorseggiando i nostri drink, tenendoci per mano, le nostre dita a volte si esplorano a vicenda senza mai pronunciare una parola. Di tanto in tanto la guardavo e la guardavo finché non si voltava a vedermi e sorrideva.

E ancora una volta mi sono chiesta come ci saremmo trasferiti da qui senza poterci parlare. Ma era qualcosa che non volevo ancora affrontare, quindi l'ho spinto in fondo alla mia mente.

Il tramonto finalmente arrivò e poi passò troppo in fretta. Si fece più buio mentre sedevamo lì tenendoci per mano. Penso che nessuno di noi due volesse che la serata finisse, ma lei è stata la prima a muoversi. Lasciò andare la mia mano e si alzò. Mi alzai rapidamente e la affrontai. Quando non si mosse, mi chinai e le baciai dolcemente le labbra una volta e poi mi raddrizzai. Rimase lì immobile per molto tempo, guardandomi negli occhi. Poi, senza una parola, mi prese la mano tra le sue e cominciò a camminare verso casa.

Abbiamo attraversato il patio e attraverso la sezione aperta del muro fino alla piscina. Ho pensato che doveva avere il bikini sotto il vestito. Resterà per un po' e posso provare a insegnarle a nuotare ancora un po'. Ma poi mi ha sorpreso passando davanti alla piscina ed entrando in soggiorno. Si fermò per un momento e si guardò intorno nella stanza prima di dirigersi verso un corridoio con me ancora al seguito. Ora ero confuso; doveva aver bisogno di usare il bagno e ho cominciato a farglielo notare, ma lei l'ha superata ed è entrata nella mia camera da letto attraverso la porta aperta in fondo al corridoio. Una lampada accanto al letto era accesa e illuminava la stanza. All'improvviso fui felice di aver pulito la casa.

Pensavo di sapere cosa sarebbe successo, ma non ero sicuro di cosa fare al riguardo. Mi piaceva, mi piaceva davvero, forse di più, ma non avevamo ancora avuto nemmeno una conversazione. Volevo questo ma volevo anche di più. Questo aiuterebbe o farebbe male?

Nel momento in cui questi pensieri mi attraversarono la testa si era girata, si era tolta una lunga forcina dai capelli lasciandola ricadere sulle sue spalle e si era spostata tra le mie braccia. Siamo rimasti lì a baciarci; dolcemente all'inizio, esplorando le labbra e il viso dell'altro, poi lentamente diventando più feroci, più affamati. Era in punta di piedi, le sue braccia attorno al mio collo. La strinsi forte contro di me, le mie mani si muovevano dalla parte bassa della sua schiena fino alle sue spalle e poi di nuovo giù; sentendo le sue costole sotto le mie dita, le sue scapole. Mi chinai e le baciai le spalle e mi feci strada lungo il suo collo. Le baciai l'orecchio e la sentii rabbrividire tra le mie braccia.

Quando finalmente ci siamo fermati per prendere aria, ha tolto le mani dal mio collo e ha fatto un passo indietro rispetto a me. Restammo lì a guardarci negli occhi per diversi secondi. Poi allungò una mano e si tolse la spallina dalla spalla e la lasciò ricadere lungo il braccio. Continuò a guardarmi in faccia mentre allungava la mano e tirava l'altra cinghia e la lasciava cadere. Diede una scossa al suo corpo e il prendisole le cadde ai piedi. L'unica cosa che indossava era un paio di mutandine color pesca.

L'ho guardata; lei era perfetta. I suoi seni impertinenti che sporgono verso di me, i suoi grandi capezzoli completamente eretti, l'inclinazione dei suoi fianchi, il suo ventre piatto, le mutandine che scompaiono nello spazio tra le sue gambe.

Ho iniziato a raggiungerla, a toccarla, ma lei ha allungato una mano per fermarmi. Oh giusto. Ho allungato la mano per sbottonarmi la camicia, ma lei mi ha tolto rapidamente la mano e l'ha spinta giù lungo il mio fianco. Mentre guardavo, si avvicinò e mi sbottonò lentamente la camicia, poi me la tolse dalle braccia e la gettò da parte sul pavimento accanto al suo vestito. Quando ha preso i miei pantaloncini per tirarli giù mi sono innervosita. Sapevo di essere già duro e mi chiedevo cosa avrebbe pensato quando l'avesse visto. Ma non ha reagito quando sono stato improvvisamente liberato dai miei pantaloncini; duro e sporgente, toccando il suo stomaco mentre stava vicino a me. Gettò da parte i miei pantaloncini e poi mi prese la mano.

Ci siamo avvicinati e ci siamo spostati al centro del letto e ci siamo sdraiati su un fianco uno di fronte all'altro. All'inizio ci siamo solo guardati negli occhi. I put a hand on her hip and slowly moved it up her side and then gently touched the bottom of one of her breasts. It felt soft and smooth and firm all at the same time. I let my hand run over the top of it and then continued moving up to caress her neck before pulling her head to me so I could kiss her.

We had kissed for just a moment when I felt her hand tug at mine, pulling it back down to her breast. I caressed it softly but then felt her hand push down on mine. She wanted me to use a firmer touch. I squeezed her breast firmly and felt her lean into me and sigh. As I moved to the other breast I felt one of her hands move between us to take me in her grip. Her fingers moved slowly up and down my shaft, squeezing and stroking me; grabbing me tight at the base and pulling my erection against her.

I pulled my lips from hers and moved my head down to kiss to bottom of her breasts, between them, to the sides, but not the nipples. I kept repeating this until finally she took my head in both of her hands and tugged on me until my mouth was against one of her nipples. I open my lips and let the nipple slide into my mouth and began running my tongue around and over it. And then I moved over to the other nipple to do the same.

As her breathing became heavier I slowly began kissing my way down her stomach. I slid down off the bottom of the bed and then came back up between her legs kissing the inside of her thighs, first one side and then the other, slowly getting higher. When I got to the crease at the top of her thigh I felt her thighs tighten against my shoulders. I looked up at her. She had a look of excitement, surprise, even concern on her face as she looked down at me.

I watched her face as I kissed the bottom of her mound and then slowly moved lower until I could gently tug with my lips on one of hers. I watched as the look of surprise and concern became softer and her eyes partially closed. I ran my tongue over the right side and then the left; feeling the texture of her, tasting her. As I slid my tongue between her lips I felt her hips lift up off the bed. I moved an inch higher and let my tongue move along each side of her clitoris without actually touching it. Over and over I repeated that until finally I let my tongue glance against her clitoris, circling it and then move away. I moved back and let my tongue work around it again and then just a little tease of a touch. As I started to move away again she groaned and took my head in her hands and pulled me back. I began slowly, using the broad sweep of my tongue over her clitoris followed by little flicks across it. Her thighs began squeezing against my shoulders then opening wider; her knees up in the air. I moved my arms under her legs and up to her chest; first cupping her breasts in my hands and then running my fingers over her nipples.

It was barely a minute later when I heard her let out a little cry. I kept my tongue on her clitoris and looked up into her face. She was looking down at me with a surprised look on her face, her mouth open. Then suddenly her hips began bucking up against me as her orgasm began. Her thighs squeezed tightly against my shoulders. I could feel her lips move beneath mine as the spasms began deep inside of her.

When she was finished she spread her legs wider once again and reached down to my head and tugged on me to get me to come up to her. I was more than ready. As I moved up on my hands and knees until I could kiss her I felt her arms move down to my waist pulling me against her. I could feel my erection pushing into her stomach. I pulled away from our kiss as I felt her hand move between us to grab me. I looked down between our bodies as she pushed me down between her legs.

As she pulled her hand away I lowered myself onto her. I carefully thrust my hips forward. She was so wet I slipped right inside her. Not knowing if this was her first time or not I stopped just with the head inside of her. I held there just for a moment and then felt her hands on my butt pulling at me, trying to get me deeper in her. It was all the encouragement I needed. I thrust forward. She was so wet I slid into her until our bodies were flush in one stroke. It felt so good in her I couldn’t control myself; I pulled back a bit and thrust hard into her again. With each push into her I could feel her excitement build, her breathing become more ragged. I slipped my hands beneath her hips to pull her tighter to me; thrusting harder and faster into her. I could feel her push up against me as I thrust into her; pulling back until I would almost fall out of her and then push back as deep as I could get in her.

I wanted to slow down, make it last longer but I couldn’t; I was to close. The excitement of our two bodies rubbing against each other was just too much. With one last push into her I felt the tingle begin in me; spreading down to my toes and up to the top of my head. Then a moment later I was cumming in her, filling her; each spurt from me given with a push against her, trying to be as deep in her as I could.

We lay there for a moment, me still on top of her; beads of sweat dripping from our bodies onto the bed, our breathing slowly trying to return to normal. I shifted some of my weight onto my knees and arms. I slipped an arm under her back and then rolled off of her onto my side, pulling her with me. She lay there in my arms, her head on my shoulder, neither of us speaking, both of us still breathing a bit hard.

After several minutes I heard her breathing gradually get slower and steadier. I lay there as she fell asleep on my shoulder, our arms wrapped around each other. At first her body would twitch against me every minute or so as she fell deeper into sleep. I lay there holding her to me, amazed at the evening, but so happy she was lying here in my arms.

I don’t know when I fell asleep. I was trying to stay awake. I wanted to keep holding her; feel her against me. But at some point the strenuous activity took its toll and I drifted off.

It was still in the middle of the night when I woke to find her lying on top of me; her head on my chest. I thought she was asleep but she felt my movement and looked up at me. When she saw I was awake she kissed my chest, then my neck and finally my lips. They were soft kisses, not the frantic, urgent kisses of earlier in the night. I didn’t realize I was already hard until she pushed back against me and I slid into her again.

I lay there while she slowly raised and lowered her hips against me; letting me come almost completely out of her and then pushing herself back against me to get me deep into her again. We did that for several minutes before she put her hands on my chest and rose up into a sitting position on me. She sat there, impaled on me, the two of us not moving, just looking at each other. And then I felt her squeeze me. It felt so good it made me move up against her. She smiled and squeezed me again, and then again.

I reached up and moved my hands across her breasts, cupping them, rubbing her nipples. She stopped squeezing me and began slowly rocking her hips on me, back and forth, never taking her eyes off my face. On one sweep with my hands I rubbed across her stomach and she moaned and pushed down hard against me. I found a spot she likes.

I began alternating, rubbing her breasts and then her stomach. She began rocking harder on me. In just minutes her face tightened, a look of almost pain crossed her face and then she jerked her hips on me, I felt her nails sink into my chest. Her vagina went into spasm around me. It felt so tight, like she had me in her fist. I watched her as she closed her eyes tight and moan, only to open them for a moment, look at me, and then close them again. After about thirty seconds she collapsed on my chest gasping for air.

When she had recovered sufficiently she began moving back against me. I had been on the edge watching her and it took me just a few minutes before I came again. When I had finished we lay there, her head on my chest, my arms wrapped around her.

I don’t know who fell asleep first this time. I only know that when I woke there was light coming in through the window and I was alone in bed. I turned on my side and saw her across the room. She had her panties on and was pulling the sundress down over her head. With a little shake of her hips she had it on and in place. Her hair was a bit disheveled and she began to comb it with her fingers. She was beautiful even in the morning.

She slipped her sandals on her feet and then walked over to the bed and sat on the edge. I reached out to take her hand in mine. What could I say to her that she would understand? How could I tell her I thought I was in love with her? Did she love me or was this just a lark? She reached out with her other hand and brushed my hair back out of my eyes. We sat there for a moment just looking at each other; her other hand against my cheek.

I knew she wouldn’t understand but I needed to tell her anyway. I looked up into her eyes and said, “I love you”.

She looked at me for several seconds and then a big smile appeared on her face. She said, “I love you too. I have to go now but I’ll be back at sunset”.

My mouth fell open. I was speechless. She spoke perfect English. Not even a trace of an accent. Before I could say anything else she got up and was out the door. I flung the sheet aside, got up and quickly put on a pair of shorts. By the time I got to the patio she was halfway across the grass. I watched her walking quickly away just for a moment before I was able to get out a weak sounding “What, how”?

At the edge of the grass she stopped and turned to look back at me. She waved and called back to me, “My name is Sara”. She smiled, turned, and hurried away. I could hear her laugh, the same as the one when she was kicking her feet in the surf, as she walked across the sand.

Once she was out of sight I returned to the house to take a shower and get ready for tonight’s sunset.


Epilogue

As Sara walked across the sand she thought of the things she still needed to accomplish in the next couple of hours. A final cleanup of the house was in order. It was really nice of her friends to loan her their rental house for the week. She still needed to get a couple of presents for her children but she could do that on the way to the airport. And she still needed to get packed.

She followed the path as it turned to the left away from the beach and went up a slight rise to the house where she was staying. She paused and looked back. From here she could just see over the rise and watched as Paul walked back into his house. She wished her husband were more like Don; a bit leaner, a bit taller, a few years younger and better in bed. What a coincidence, their having the same first name. She smiled and went on into the house and closed the door behind her.

Storie simili

Erotismo vampiro

Sono solo e impotente, mentre torno a casa dall'allenamento di softball una sera tardi. Sento dei passi che mi seguono, ma quando mi giro non c'è niente. Spaventato comincio a muovermi più velocemente. Sentendo ancora dei passi prendo una scorciatoia, percorrendo una strada laterale. Questa strada laterale non ha lampioni, è molto buia. Sento i passi avvicinarsi. Sono così spaventato. comincio a correre. Mi sento come se ci fosse qualcuno che mi segue. Mi sento come se si stessero avvicinando a me. Sono così spaventato, e dato che è così buio inciampo nella radice di un albero. A terra, sento qualcuno...

96 I più visti

Likes 0

In famiglia (parte 5)_(1)

Vuoi un po' di compagnia? Cam fece capolino nella doccia. La guardai con gli occhi socchiusi mentre mi tiravo indietro i capelli bagnati dagli occhi. La bella addormentata è finalmente in piedi. ho preso in giro. Fece una risatina e aprì la porta a vetri. Devi sciogliere l'asciugamano, lo sai. dissi, guardando l'asciugamano che stringeva così forte al suo corpo. Entrò e gettò l'asciugamano per terra. Era tutto pieno di vapore nella doccia, quindi non potevo vederla chiaramente, ma potevo vederla. Mamma e papà non si sono ancora alzati? Non credo. Disse e prese una bottiglia di shampoo. Perché non ti...

1.1K I più visti

Likes 0

Mother's Submission - Capitolo 12

Alex Morgan si guardò intorno nella sua stanza del dormitorio, la stanza in cui aveva trascorso gli ultimi anni. Aveva alcuni bei ricordi qui, ma ce n'era uno eccezionale. Quando il suo amico, George, lo aveva spinto a creare un profilo per l'app di appuntamenti. Era lì che aveva incontrato la donna che ora amava, che per caso era sua madre. Quando si era presentato oggi, George era stato felice di vederlo. George è stato molto meno felice di scoprire che Alex si sarebbe trasferito a casa e avrebbe completato i suoi studi online. Chi mi aiuterà quando avrò problemi con...

1.1K I più visti

Likes 0

Tocca - Capitolo 2

Tocca - Capitolo 2 Le cose sono diventate imbarazzanti rapidamente, Kelly e io avevamo appena fatto del sesso bollente insieme senza sapere davvero perché l'avessimo fatto. È stato perché sono venuto su di lei e lei non voleva fermarmi? Ma poi stava partecipando altrettanto... non riuscivo a metterlo insieme. Abbiamo provato a parlarci subito dopo, ma entrambi ci sentivamo strani l'uno con l'altro, ecco perché non ci ho mai provato prima, sapevo che questo avrebbe rovinato la nostra amicizia. Ho cercato di uscire da lì il più velocemente possibile senza cercare di sembrare un completo idiota. Non ero il tipo da...

1K I più visti

Likes 0

Prima volta_(3)

Era la primavera del '99 e frequentavo l'ultimo anno delle superiori, avevo appena compiuto diciotto anni. Ero nella squadra di pallavolo, fisicamente in forma e pronto a sfidare il mondo. Avevamo appena vinto la nostra prima partita e dopo un discorso di incoraggiamento di coach Azzerelli, ci ha mandato alle docce. Mi ero spesso eccitato quando ero sotto la doccia dopo l'allenamento mentre guardavo gli altri fare la doccia. Li fissavo mentre tenevo la testa sotto il getto d'acqua, quindi non era ovvio. O così ho pensato. Uno degli chic della mia squadra era piuttosto figo, ma non sembrava mai avere...

649 I più visti

Likes 0

Non più una fantasia

La spogliarellista ha aperto le gambe proprio davanti alla mia faccia e nel bagliore del club squallido ho potuto distinguere un po' di succo all'ingresso della sua figa. Avrei voluto che si stesse diffondendo per me, ma stava guardando il grande tipo di operaio edile accanto a me. Era una serata amatoriale allo strip club locale e il ragazzo che le faceva gocciolare la figa era uno dei giudici del pubblico. Sono rimasto in giro per la ragazza successiva ma ero così eccitato che non ce la facevo più. Mi diressi verso il bar con la mano in tasca cercando di...

147 I più visti

Likes 0

LA RAGAZZA VAMPIRO 2

Angelina corse con tutte le sue forze dopo essere atterrata a terra. Erano le 3:30 del mattino. Il sole sorgerà alle 5 e lei dovrà raggiungere la sua casa il più velocemente possibile. Guardò Michelle. Aveva desiderato questa ragazza sin da quando l'aveva vista sbirciare su Abilene. L'odore della sua dolce fica fluttuava insieme a lei, facendola arrapare da morire. Dopo mezz'ora di schivate tra edifici, incroci e viuzze, Angelina ha finalmente raggiunto la sua casa. Si avvicinò in fretta al cancello, che si aprì da solo, sapendo che era arrivata la padrona di casa. Ha tenuto Michelle sul suo letto...

213 I più visti

Likes 0

Fare da mentore a Brandon 2

MENTRE BRANDON Di Bob Capitolo 2: Il mio sogno diventa realtà! Bussano alla porta: FINALMENTE! Il mio cuore batteva da un po' di tempo e ora non c'era niente di diverso. Ho iniziato a camminare per aprire la porta quando Dave è saltato fuori dalla sua cuccetta ed è corso verso di me. Quando ha aperto la porta, ho visto Brandon in piedi nel corridoio. Ehi Dave. Che c'è? risuonò la voce che stavo aspettando. Non molto ragazzo, sto solo facendo un po' di cazzate per la storia, fu la risposta di Dave. Sì, senti. In realtà ho bisogno di parlare...

196 I più visti

Likes 0

Cottage 13 – Parte 1

Questa storia parla di una moglie che sceglie di vivere la sua fantasia sessuale per il sesso forzato anonimo, all'insaputa del marito. Se non ti piace questo tipo di storia, o qualcuno a cui piace fare commenti anonimi denigratori, salta questa storia. Apprezzo i messaggi privati ​​che forniscono feedback e/o idee costruttive... NOTE: Ai fini di questa storia, il Geosexing è definito come una variante del geocaching, in cui uomini e donne utilizzano il Global Positioning System (GPS) per designare o cercare luoghi in cui fare sesso con un individuo consenziente. Questo non è in alcun modo un tentativo di ridefinire...

889 I più visti

Likes 1

Stephanie - Proprio quando le cose si sono girate Pt. 2

Mentre mi avvicinavo al maniero, la scorsa notte continuava a rimuginare nella mia mente. Volevo solo incontrare il cane, e così sono entrato nel canile. Poi, prima che me ne rendessi conto, mi aveva buttato a terra e mi stava annusando. Poi mi ha strappato le mutandine e ha iniziato a leccarmi la figa, portandomi all'orgasmo contro la mia volontà. Quando pensavo che avesse finito, mi è saltato sulla schiena e mi ha violentata. Ma la parte peggiore è stata quando mi sono lasciato andare e ho iniziato a godermelo. Mi sono svegliato stamattina e ho trovato questo biglietto e il...

1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.