I nudisti fanno sesso 2

780Report
I nudisti fanno sesso 2

I nudisti fanno sesso - Parte 2

Ron si svegliò presto e balzò giù dal letto, ansioso per gli eventi della giornata. Non poté fare a meno di sorridere alla drammatica differenza che tre anni avevano fatto. Ha ricordato con un sorriso come aveva temuto di andare al "Bare River Bend Nudist Resort" quel giorno di tre anni fa. All'epoca aveva appena tredici anni, ma ora a sedici anni, con la patente e la macchina il mondo sarebbe stato diverso - almeno pensava e sperava che sarebbe stato diverso!

Il sorriso di Ron si fece ancora più grande mentre pensava alla sua macchina, anche se "macchina" non era proprio una buona descrizione di essa. Lo scorso autunno suo zio si era ritirato dalla sua attività di riparazione di elettrodomestici e aveva dato a Ron uno dei veicoli di servizio. Era stato appositamente adattato per soddisfare le esigenze uniche di zio Jake. I due sedili anteriori erano nella configurazione standard di un furgone per nove passeggeri Chevrolet, ma a parte questo, era stato progettato su misura. Ron aveva tolto i cassetti speciali e i contenitori delle parti, quindi aveva ricoperto il pavimento e i due lati con la moquette, fino al tetto. Non c'erano finestrini perché lo zio Jake pensava che il furgone fosse più sicuro se la gente non poteva vedere cosa c'era dentro. Ron ha lasciato il solido muro tra l'abitacolo e il furgone in modo da usare gli armadietti ei cassetti montati su quel divisorio per i componenti dello stereo, oltre a qualsiasi altra cosa decidesse.

Il pavimento aveva due strati del tappetino più spesso disponibile e poi un tappeto morbido sopra. Pertanto, il pavimento era estremamente confortevole, rendendolo un bel posto dove dormire quando lui ei suoi amici andavano in campeggio. Ovviamente serviva a un altro scopo l'unica volta che lui e Kellie si erano incontrati per un appuntamento. Lo aveva aiutato a scegliere il tappeto, ed era stata sua l'idea di rendere il pavimento abbastanza morbido per fare l'amore. Insieme, avevano rifornito i pochi armadietti rimasti con tutto ciò di cui avevano bisogno, preservativi, gelatina spermicida, lubrificante, ecc. Sebbene fosse completamente rifornito, non sarebbe stato immediatamente ovvio per l'osservatore casuale. Ron aveva modificato i cassetti in modo tale che uno sguardo casuale non avrebbe rivelato altro che un cassetto con poco o niente dentro, qualche libro, bigiotteria, controlli dello stereo ecc. se si sapesse dove premere sul fondo del cassetto, si solleverebbe rivelando lo spazio sotto il doppio fondo.

Anche i suoi genitori erano contenti che Ron avesse un mezzo di trasporto dato che papà portava sempre la macchina a casa durante la settimana, lasciando il resto della famiglia a stare al resort. Sua sorella, Julie, era andata al college e, a parte qualche visita al mese durante l'estate, non era molto al resort. Ha commentato che mentre amava ancora venire al resort, non era disposta a far sapere che i suoi genitori vivevano in un resort per nudisti durante l'estate.

Mentre faceva la doccia e si preparava a guidare con sua madre e suo padre al resort, non vedeva l'ora di vedere Kellie ogni giorno. Dopo essersi asciugato e aver studiato la sua statura ormai alta un metro e ottanta, era piuttosto soddisfatto di ciò che vedeva. Era diventato un giocatore di football piuttosto muscoloso, che manteneva una media di serie A. Sebbene non gli mancassero le opportunità per le amiche, considerava ancora Kellie "la sua ragazza" e allo stesso modo lei lo chiamava "il suo uomo". Il solo pensiero di Kellie ha provocato l'inevitabile erezione orgogliosa, e presto il suo cazzo era alla sua piena gloria di sette pollici. In realtà era solo poco meno di sette pollici, ma che diavolo, tutti gli altri probabilmente hanno esagerato un po', quindi ha sempre pensato che fosse sette pollici. Non ci vollero che pochi minuti per fornire il sollievo disperatamente necessario, ed era felice di scaricare la sua passione repressa in modo da poter fare l'amore con Kellie in poche ore.

Proprio mentre si stavano preparando a partire, arrivò Julie, senza fiato ed eccitata. Ha spiegato che non poteva mancare al giorno di apertura del resort e ha deciso di trascorrere il fine settimana con la famiglia. Sarebbe venuta con noi al resort e poi sarebbe tornata a casa con papà domenica sera. Quando ha visto il mio furgone, ha detto che sarebbe venuta con me in modo da potermi raggiungere, pensando che al campo sarei stato altrimenti occupato.

Mentre guidavamo, Julie mi guardò ed esclamò: "Wow, Ronnie, scommetto che devi sconfiggere le ragazze con una mazza!"

In un certo senso ho alzato le spalle e le ho fatto un sorriso e ho risposto: "Ehi Julie, grazie per il complimento, ma scommetto che anche tu hai la tua parte di offerte, anche tu non sei una ragazza brutta".

Abbiamo riso e scambiato complimenti per qualche minuto quando Julie è diventata un po' più seria. "Ronnie, se porto un Ken al campo, pensi che potresti, beh, sai, aiutarlo a inserirsi, voglio dire, sai, in un certo senso vorrebbe venire, ma in un certo senso non vuole A. Sai quanto può essere timido.

"Sa che verrai in un resort per nudisti?" chiesi con un sorriso sul volto.

"Sì, lo sa", ha risposto, "e sta bene, con questo voglio dire che non pensa che io sia strano o strano, ed è disposto a fare un tentativo, ma non lo è mai stato, e pensa che sarà imbarazzato se avrà un'erezione. Puoi capirlo! disse con una risatina.

"Accidenti, Julie, perché non gli insegni come hai insegnato a me?" chiesi guardandola con la coda dell'occhio.

“Beh, in realtà è molto severo, suo padre è un predicatore e crede che non dovremmo fare l'amore finché non siamo sposati. So che è un po' insolito oggi, ma in realtà è un po' rinfrescante non avere qualcuno che mi palpita. Oh, ne facciamo un sacco, infatti abbiamo "fatto tutto tranne" e posso dirti che è davvero figo e dotato come un cavallo da stallone, ma non vuole davvero fare sesso, almeno non finché non siamo fidanzati e sicuro che funzionerà.

Abbiamo guidato in silenzio per un paio di minuti mentre riflettevo sulla situazione, poi mi sono rivolto di nuovo a Julie. “Ehi, come ha scoperto che siamo nudisti? Siamo stati molto attenti le volte che lo hai portato a casa per una visita.

Julie ridacchiò e raccontò la storia. Si frequentavano da più di un anno e lei lo aveva comprato a casa due volte. A mamma, papà e io è piaciuto subito e abbiamo pensato che lui e Julie formassero davvero una bella coppia. Una sera Ken venne a prenderla a casa della Sorority, ma lei era in ritardo per tornare a casa dal lavoro. Julie stava uscendo dalla doccia quando arrivò Ken, quindi chiese alla sua compagna di stanza di chiedere a Ken di prendere la borsetta dall'auto perché aveva tanta fretta che si era dimenticata di portarla dentro. chiusa la portiera dell'auto, ha preso il lato della borsa e ha aperto il fermo, rovesciando tutto sul vialetto.

Ken iniziò rapidamente a raccogliere tutta la miriade di oggetti che le ragazze portano nelle loro borse. Arrivò al suo portafoglio, anch'esso aperto e pieno di polvere sulle foto e sulle carte di credito. Quando è tornato in casa, ha deciso di pulire tutto, quindi ha sfilato con cura le varie patenti e tessere e le ha pulite delicatamente. Non stava prestando molta attenzione, a parte una rapida occhiata per vedere che li aveva spolverati quando ha notato un cartoncino bianco con un cerchio blu che diceva "AANR Nude Recreation". Mentre guardava più da vicino, poteva vedere la piccola stampa in cima alla lettura, "Serving Family Social Nude Recreation Since 1931".

Julie ha notato che Ken era nervoso e nervoso per tutto il concerto, e invece di uscire con il resto della banda per una Coca-Cola, ha suggerito loro di fare un giro in macchina. Si fermò vicino al lago illuminato dalla luna e suggerì di sedersi sulla riva e guardare la luce della luna scintillare sull'acqua. Alla fine Julie ha chiesto di sapere cosa c'era che non andava.

"Sei davvero un nudista?" chiese con voce tremante.

"Perché mi fai una domanda del genere?" Julie ribatté, sentendo il suo cuore saltare un battito.

"Perché ho rovesciato la tua borsa e quando l'ho raccolta ho trovato la tua tessera AANR, e non riesco a capire perché dovresti avere una tessera della società per nudisti a meno che tu non sia un nudista."

"Importerebbe se lo fossi?" chiese Julie, sentendo lo stomaco come se avesse inghiottito un enorme sasso.

“Non ne sono sicuro,” rispose Kenny, “Voglio dire, cosa fanno veramente i nudisti, beh, voglio dire, beh, dopo tutto deve significare che sei nudo con altre persone intorno, e carino come te, tutto il gli uomini devono volerlo, beh lo sai.

“Sì, lo so, pensi che essere nudi significhi automaticamente sesso. Beh, semplicemente non è così, abbiamo regole molto rigide, non puoi nemmeno abbracciarti se non solo per un secondo o due, nessuno vuole che qualcuno pensi che si tratti di sesso, si tratta di godere di essere nudi e sentire il sole e brezza sulla tua pelle nuda. Ovviamente i nudisti fanno sesso quando e dove appropriato, e suppongo che alcuni in realtà spingano un po' le regole, ma non ho mai visto nessuno fare qualcosa di simile al sesso nelle aree aperte del resort. E inoltre, non ho alcun problema con un costume da bagno bagnato e aderente, mi asciugo semplicemente! rispose con una risata.

"Allora", rispose Ken, "vai davvero in giro nudo con un sacco di altra gente, sia uomini che donne?"

“Sì, lo facciamo, e nuotiamo, giochiamo, facciamo passeggiate, leggiamo libri, facciamo qualsiasi cosa che chiunque altro farebbe in un campeggio, tranne che lo facciamo nudi. Quindi, portami a casa e prepara il comunicato stampa", disse Julie mentre le lacrime cominciavano a rigarle il viso.

"Non ti porto a casa e non sto preparando un comunicato stampa perché non ho sentito nulla di degno di nota", disse con fermezza mentre la prendeva tra le braccia e baciava via le lacrime. “Non pensi davvero che ti farei questo, vero? Perché se lo fai, allora temo di essere ferito quanto te!

Rimasero seduti in silenzio per qualche istante, poi Julie si rivolse a lui dicendo: "Mi dispiace, è solo che ci sono così tante idee folli sui nudisti che non facciamo sapere a nessuno del 'nostro piccolo segreto'".

“Da quanto tempo sei nudista?” chiese Ken.

«Bene», rispose Julie, «sono nata nuda, come te, e abbiamo trascorso la maggior parte di ogni estate al resort, anche quando ero piccola. E a proposito, c'è una cosa che non facciamo nudi".

"Che cos'è?" chiese.

"Non friggiamo mai la pancetta nuda!"

Dopo che crollarono insieme ridendo, Ken la strinse di nuovo tra le sue braccia e la baciò dolcemente. "Allora, pensi che potrei venire?" chiese

"Perché, solo così puoi vedermi nudo?" chiese Julie con voce canzonatoria. "Perché se è tutto quello che vuoi fare, mi spoglierò proprio qui."

“Beh, certo che voglio vederti nudo, lo farebbe qualsiasi uomo, ma in realtà ricordo quando un gruppo di noi ragazzini andavamo alla cava di sabbia a casa di Sam. Non c'erano strade là fuori ed era circondato da alberi. Ci siamo tuffati per tutta l'estate e mi è piaciuto molto per i motivi che hai appena detto.

"C'erano ragazze lì?" chiese Giulia.

“No, a quell'età non volevamo ragazze in giro, quindi le abbiamo sempre abbandonate. Ma poi un giorno Connie e Betty ci hanno seguiti, e appena siamo entrati in acqua ci hanno rubato tutti i vestiti e li hanno nascosti. Non siamo riusciti a trovarli, quindi dal momento che la chiesa era proprio al confine della terra del contadino, sono stato scelto per intrufolarmi dalla porta sul retro della chiesa e prendere le vesti del Jr. Choir per tutti. Sono riuscito a farcela, ma la mamma mi ha visto sgattaiolare fuori dalla porta sul retro con gli accappatoi ed era lì per incontrarci quando siamo tornati. Quando tutto il fumo si diradò, non ci fu più permesso di andare alla cava di sabbia. Non perché fossimo nudi, papà ha detto che nuotare con un gruppo di ragazzi nudi non era un grosso problema, ma ha detto che la cava di sabbia era molto profonda ed era troppo pericolosa. Immagino di pensare che sarebbe bello rivivere di nuovo l'esperienza dello skinny dipping”.

"Quindi, vedermi nudo non c'entra niente?" chiese Julie con un sorriso.

Ken sorrise e disse: "Beh, anche quello".

Ron stava sorridendo quando Julie finì la sua storia, poi le assicurò che sarebbe stato felice di aiutare Ken, ma non era solo sicuro di cosa fare se non avesse davvero voluto fare l'amore finché non si fossero sposati. Avrebbe dovuto pensarci un po'. Più o meno in quel periodo arrivarono al resort e lui manovrò il furgone in un punto a cui aveva pensato per tutto l'inverno. Julie lo guardò e annuì in segno di approvazione mentre scendevano dal furgone.

"Nessuno può vedere il furgone da qui, né dall'area sociale principale, né dall'area del campeggio dove si trova la roulotte di mamma e papà", ha osservato.

Ron annuì in segno di assenso e iniziò a togliersi i vestiti. Julie fece lo stesso, e mentre Ron apriva le porte posteriori del furgone per metterci dentro i suoi vestiti, Julie fece un passo indietro dal lato del passeggero. Ron lo fissò per un momento, poi si rese conto che anche Julie lo stava fissando.

“Uh, beh, immagino che Ken dovrà fare un vero lavoro prima di vederti nudo se non vuole avere un'erezione,” osservò Ron, sentendo il suo cazzo contrarsi con l'inizio della sua stessa erezione.

"Oh!" esclamò Julie, “Ti sei davvero riempito lo scorso inverno, e in tutti i posti giusti. Kellie deve avere le mani impegnate con te", disse con una risata nella voce.

"Ehi, Julie, non hai motivo di passare in secondo piano con la compilazione", ha commentato.

"Vedo che approvi," replicò Julie abbassando lo sguardo sul cazzo di Ron che ora era quasi completamente eretto. "Devi davvero stare attento a non inchiodare Kellie al pavimento, quella cosa potrebbe attraversarla completamente", ha esclamato.

In quel momento, Kellie arrivò di corsa lungo il sentiero e svoltò nel parcheggio appartato. Ron cercò di mantenere l'asciugamano posizionato in modo che la sua erezione non fosse così evidente mentre allo stesso tempo cercava di capire come avrebbe abbracciato Kellie. Sembrava che non la vedesse da un anno, quando in realtà era passato poco più di un mese. Kellie si precipitò verso Ron e si lanciò contro di lui. Non aveva altra scelta che far cadere l'asciugamano e prenderla a mezz'aria. Kellie avvolse le gambe attorno alla vita di Ron e strinse i suoi seni contro il suo petto mentre allo stesso tempo incontrava le sue labbra in un bacio tenero ma appassionato.

"Ciao Kellie", esclamò Julie mentre si voltava per lasciare in privato i due ragazzini infuriati dagli ormoni.

"Ciao, Julie", rispose Kellie mentre si rannicchiava contro Ron.

Ron poteva vedere che Julie se ne stava andando, quindi si voltò semplicemente con Kellie aggrappata a lui e abbassò il suo bel culetto sul pavimento in moquette del furgone, poi la spinse indietro mentre strisciava dentro e chiuse le porte dietro di loro.

"Wow, è così bello", sussurrò Kellie mentre si guardava intorno.

Ron armeggiò con uno dei cassetti e tirò fuori le cose di cui avevano bisogno, porgendo gli inserti spermicidi a Kellie e aprendo un pacchetto di preservativi. Kellie gli sorrise con sfrenata passione che si mostrava sul suo viso e fece un breve lavoro inserendo l'oggetto di forma triangolare mentre Ron si arrotolava un preservativo.

“Sono così bagnata che non credo avremo bisogno di nessun KY,” sussurrò Kellie senza fiato mentre si rannicchiava contro il petto di Ron. "E mi sembra che anche tu sia pronto."

Ron rotolò sopra Kellie, felice di essersi masturbato quella mattina, sperando che questo gli avrebbe dato un po' di forza di resistenza, ma dubitava che sarebbe stato quanto voleva. In un attimo, era scivolato dentro Kellie e aveva sentito le sue palle schiaffeggiarle il culetto sodo. Rimasero aggrappati l'uno all'altro per diversi secondi, assaporando la sensazione dei loro corpi mentre si fondevano insieme. Poi Ron iniziò a muovere i fianchi lentamente e in modo stuzzicante, premendo verso l'alto per fare pressione sul clitoride di Kellie. Kellie ha risposto muovendo il culo avanti e indietro assaporando l'attrito nella sua figa e clitoride. Non passò molto tempo prima che Ron stesse accelerando i suoi movimenti, e in breve stava sbattendo il suo cazzo contro Kellie come se stesse cercando di strisciare dietro di esso. Troppo presto, il suo sperma uscì ribollendo dal suo cazzo, sentendosi come se fosse stato espulso con una serie di esplosioni di razzi.

Crollarono insieme, coccolandosi e sussurrando il loro amore reciproco, e galleggiando con l'euforia dei loro orgasmi reciproci. Non passarono più di quindici minuti prima che Ron dicesse che era pronto per un altro po' d'amore. Cominciò baciando la sua strada dalla fronte di Kellie fino ai suoi piedi, poi su per l'interno delle sue gambe, fino a raggiungere le sue labbra bagnate. Non era così entusiasta di infilare la lingua dentro di lei perché l'inserto Norform si era sciolto e il sapore non era così piacevole, ma è riuscito a girare la lingua sul clitoride di Kellie un paio di volte. Ormai il suo cazzo si sentiva come se fosse pronto a strappare il preservativo, e scivolò con passione dentro Kellie, sentendo il suo cazzo scivolare a casa come se fosse stato chiamato da una forza irresistibile, tirandolo dentro. Poteva sentire la figa di Kellie aprirsi e chiudersi come se lo stesse davvero tirando dentro.

"Dove hai imparato a farlo?" chiese.

"Ho trovato uno dei libri sul sesso della mamma e ho studiato e praticato l'esercizio di Kegel", ha detto, "ti piace?"

"Amico, questa è la sensazione più grande dalla prima volta che l'abbiamo fatto", ha esclamato.

Kellie ebbe due orgasmi sempre più soddisfacenti quando Ron sentì di non potersi più trattenere e iniziò a martellarla dentro più forte che poteva. Ancora una volta, il suo sperma è precipitato lungo il tubo di lancio e se non fosse stato per il preservativo, era sicuro che sarebbe stato iniettato con la forza proprio nella cervice di Kellie. Crollarono insieme e scivolarono in un sonno soddisfatto.

Sono stati svegliati da un colpo alle porte e hanno sentito Kerrie e Nancy urlare loro di uscire. Dopo aver detto che sarebbero usciti entro un minuto, hanno subito preso delle salviette per neonati e hanno ripulito un po', poi dopo aver messo tutto in un sacchetto della spazzatura di plastica in uno dei cassetti, hanno aperto le porte. Kerrie e Nancy sono saltate dentro, esclamando quanto fosse bello il furgone. Entrambi hanno testato il tappeto sdraiandosi e rimbalzando un po'.

"Non male", rifletté Kerrie, "e con le molle, scommetto che avete fatto un bel giro!"

"Spero che gli ammortizzatori non abbiano preso troppi colpi", ha osservato Nancy.

"Fermati già", esclamò Kellie, "ti avevo detto di stare lontano finché non fossimo scesi al lago", brontolò.

"Non pensavamo che saresti sceso prima che facesse buio", ridacchiò Kerrie, "così abbiamo deciso di venire a svegliarti."

Camminarono insieme verso il lago. Mentre camminavano, Ron non poté fare a meno di notare che sia a Kerrie che a Nancy erano cresciute le tette. In effetti entrambi erano più grandi di Kellie, e in realtà Nancy aveva un po' di cedimento. A Ron piacevano ancora i migliori di Kellie, non erano poi così grandi, ma si adattavano molto bene alla sua struttura, si distinguevano con orgoglio e mentre rimbalzavano un po ', non si abbassavano. Inoltre, i capezzoli diventavano davvero duri mentre facevano l'amore, ea volte riusciva a capire quando era pronta solo guardando con quanta fierezza i suoi capezzoli risaltavano.

Quando arrivarono al lago, Ron notò sei ragazze che non sembravano familiari. A una seconda occhiata, sembravano in qualche modo familiari, ma non riusciva a collocarli del tutto. Ha chiesto a Kellie di loro, e lei ha detto che erano tutti qui l'anno scorso, tutti avevano tredici anni, ma non li aveva notati l'anno scorso perché erano ancora fastidiosi piccoli parassiti a petto piatto. Ron ha osservato che sebbene possano essere ancora dei piccoli parassiti, di certo non avevano il petto piatto! Andavano da piccole protuberanze delle dimensioni di un limone a una taglia A piena. Non male, pensò Ron, mentre prendeva nota di tenere d'occhio il loro sviluppo durante l'estate. Non è affatto male! Ad un tratto si accorse che due delle ragazze bisbigliavano tra loro e lanciavano occhiate furtive a lui, o meglio al suo cazzo. Solo la consapevolezza che stavano sbirciando il suo cazzo causò l'agitazione che gli fece capire che presto sarebbe andato fuori controllo. Lasciando cadere l'asciugamano, si tuffò nel lago.

Nell'istante in cui entrò in acqua, capì perché nessun altro stava nuotando nel lago e tutti erano intorno alla piscina riscaldata. Faceva un freddo gelido, così freddo da togliergli il fiato. D'altra parte, ha risolto immediatamente l'altro suo problema, quindi ha sorriso per lo shock mentre si abituava lentamente al freddo, poi ha preso in giro le ragazze sul fatto di restare sulla spiaggia. Rendendosi conto che nessuno lo avrebbe raggiunto, finalmente uscì, si asciugò sull'asciugamano e si sdraiò al sole per riscaldarsi.

Kellie stese il suo asciugamano accanto a lui, e Nancy e Kerrie fecero lo stesso. Ben presto si stavano aggiornando sugli eventi dell'inverno. Sia Nancy che Kerrie ora avevano amici maschi da diversi mesi e stavano riempiendo con entusiasmo la banda di quanto fossero speciali. Ron ha chiesto se i ragazzi sapevano che avrebbero trascorso l'estate in un resort per nudisti. Kerrie ha detto che Jimmy non lo sapeva, e stava prendendo tutte le misure per assicurarsi che non lo scoprisse, dato che poteva essere un po' pettegolo. Nancy ha ammesso di averlo detto a Bill una notte, e lui sembrava essere d'accordo. In effetti, le aveva persino chiesto di poterla visitare un giorno.

"Cosa pensi che sarebbe successo la sua prima volta?" chiese Ron.

"Per quanto Billy sia sempre arrapato, probabilmente dovrà passare l'intera giornata al lago e sperare che faccia davvero freddo!" esclamò. "È così eccitato, voglio dire come se fosse davvero eccitato."

"Quanto è eccitato?" chiesero contemporaneamente Kerrie e Kellie.

"Certo", rispose Nancy, "Vuoi solo scoprire se l'abbiamo fatto", disse con un sorriso. “Beh, non l'abbiamo fatto, ma quando verrà qui e vedrà tutte le ragazze nude, diventerà assolutamente selvaggio.

“Allora, perché non l'hai fatto? Non è che tu non l'abbia mai fatto prima», osservò Kerrie lanciando un'occhiata a Ron.

"Oh, non lo so per certo, non volevo farlo solo con lui la prima volta sul sedile posteriore, e con tre fratelli e sorelle a casa nostra, e due a casa sua, non potevamo farlo nel nostro letto. Volevo solo che fosse in un posto speciale in un momento speciale, e non affrettarmi, cosa spaventosa ", ha risposto.

Kerrie annuì, "Neanche noi l'abbiamo fatto, più o meno per le stesse ragioni ma, Nancy se Billy viene qui, potresti usare il furgone di Ron, sembra che potrebbe essere molto carino per la prima volta" disse con un lo sguardo interrogativo.

Ron annuì, ma disse che dovevano portare tutta la loro roba e ripulirsi da soli. "Puoi persino chiudere a chiave le porte e nessuno può vedere dentro", ha osservato.

Il discorso sul fare l'amore ebbe l'effetto prevedibile su Ron, e in breve tempo stava segretamente cercando di scavare una buca nella sabbia per nascondere la sua erezione. Kellie notò i suoi movimenti e gli chiese cosa stesse cercando di fare. Ron non rispose e si girò sullo stomaco per nascondere la sua crescente erezione. Quando lo fece, Kellie iniziò a fargli il solletico, e prima che le altre ragazze pensassero a quello che stava realmente accadendo, balzarono in piedi e iniziarono ad aiutare Kellie mentre lo solleticavano e lo prendevano a pugni senza pietà. Alla fine, incapace di resistere alla loro punizione, Ron si girò e cercò di mettersi a sedere, ma Nancy si lasciò cadere immediatamente sul suo petto. Improvvisamente, tutti divennero molto silenziosi. Ron poteva sentire il rantolo collettivo mentre il suo membro completamente eretto puntava verso il cielo.

"Oh!" esclamarono simultaneamente Nancy e Kerrie.

"Cummon, sai cosa succederà se qualcuno ci vede", esclamò Ron, "Fammi alzare!"

Nancy rotolò via e Ron si mise rapidamente a sedere e si coprì il cazzo con l'asciugamano, chinandosi per nascondere ulteriormente la situazione.

"Sembra che dovremmo andare tutti nel lago", commentò Kerrie mentre si alzava.

Dopo aver tirato su Kellie e Nancy, i tre formarono una linea sul lato comune di Ron e iniziarono a muoversi verso il lago. Sul bordo esitarono, ricordando quanto Ron disse fosse freddo il lago. Guardando oltre potevano vedere che nulla era cambiato; Il cazzo di Ron era così duro che si attaccava quasi verso l'alto. Ron non poté fare a meno di vedere l'espressione di Kerrie e si sentì come se stesse applaudendo in silenzio quanto fosse diventato grande. Dopo aver discusso su come entrare in acqua, Ron abbracciò il gruppo e li spinse tutti nel lago. Le urla e gli scoppiettii attesi riempirono l'aria mentre si avvicinavano. Le ragazze non sono rimaste in acqua molto a lungo, ma Ron ha detto che era carino. In realtà si stava congelando il culo, ma doveva restare dentro mentre l'acqua fredda faceva il suo lavoro. In breve, anche lui scese e si asciugò.

Decisero di fare una passeggiata intorno al lago e presto iniziarono a scorrazzare, lanciando piccoli sassi dal sentiero, e in generale si divertirono. Kellie e Nancy andarono avanti, guardando un paio di uccelli che svolazzavano da un ramo all'altro. Nancy ha ipotizzato che il cardinale dai colori vivaci stesse cercando di sedurre la donna dai colori più pacati, a cui Kellie ha commentato che era un uomo per te. Kerrie andò al passo con Ron e lo guardò come se volesse dire qualcosa.

"Che cosa?" chiese Ron

"Cosa vuoi dire cosa?" chiese Kerrie con un sorriso.

"Cosa vuoi dire, posso dire che stai per fallire con qualcosa che hai paura di dire."

«Uh, beh, è ​​solo che non ti vedevo più duro da quando hai fatto Kellie e me quel giorno nella tua roulotte. Pensavo fossi grande allora, ma ora sei MOLTO più grande, non potevo credere che tu fossi così grande, sei molto più grande di Jimmy, e lui ha la tua stessa età.

«Pensavo avessi detto che non l'avevi fatto con Jimmy» commentò Ron.

“In realtà non l'abbiamo fatto, ma ho visto il suo cazzo un paio di volte. Si è tolto i pantaloni una notte mentre cercava di convincermi a farlo con lui sul sedile posteriore, ma gli ho detto che non volevo farlo lì, quindi ho iniziato a masturbarlo mentre giocava con il mio seni. Gli avevo permesso di mettermi un dito dentro, ma era ruvido e non voleva solo toccarmi teneramente, quindi gli ho detto che doveva smetterla. Non voleva ed è stato allora che ho iniziato a pompargli il cazzo molto velocemente, ma non appena è arrivato voleva solo portarmi a casa. Ero davvero arrabbiato con lui, sembra che tutto ciò che voleva fare fosse per la sua soddisfazione e quello che volevo non aveva importanza. Poi il giorno dopo a scuola ho sentito che stava dicendo ai ragazzi della squadra di football che mi aveva scopato. Ero così arrabbiato che non gli avrei permesso di toccarmi per due settimane! Ho anche fatto girare la voce che non mi ha fottuto, non riusciva a farlo diventare abbastanza grande da fare altro che masturbarsi. Ragazzo era pazzo!

«Quindi è finita qui?» chiese Ron, "o sei uscito di nuovo con lui?"

“Stiamo ancora uscendo, ma non gli ho permesso nemmeno di toccarmi il seno per un mese intero. Una notte ha detto che gli dispiaceva e ha detto ai ragazzi che aveva detto di avermi scopato solo perché lo stavano prendendo in giro, e che in realtà non avevamo fatto altro che giocare sul sedile posteriore. Quindi, l'ho perdonato. Era stato davvero gentile con me, quindi siamo saliti di nuovo sul sedile posteriore e gli ho permesso di togliermi la maglietta e il reggiseno. Questa volta è stato gentile, baciandomi i capezzoli come se gli importasse davvero di come mi sentivo. Ho lasciato che mi mettesse una mano sotto la gonna e mi facesse scivolare giù le mutandine. All'inizio è stato attento e ha effettivamente trovato il mio clitoride.

“Ho deciso di ricambiare così gli ho aperto i pantaloni, gli ho tirato fuori il cazzo e ho iniziato a giocare con lui. Gli ho persino baciato la punta del cazzo e gli ho leccato intorno alla testa, ma poi lui ha infilato il dito dentro di me così forte da farmi male, così l'ho spinto via e ho iniziato a rimettermi i vestiti. Si è davvero arrabbiato e ha detto che se non avessi giocato avrebbe detto che mi avrebbe fottuto di nuovo. L'ho schiaffeggiato molto forte e poi gli ho detto di guardarmi la mano. Ho detto che se avessi sentito anche solo un accenno di lui che raccontava quella storia, avrei detto che quando mettevo la mano intorno al suo cazzo non riuscivo nemmeno a vedere la punta che sporgeva oltre il mio pugno. Era così arrabbiato che non mi ha parlato per due settimane, ma ora vuole riunirsi di nuovo. Non lo so, se mai scoprisse che vengo in un resort per nudisti, sarei un gioco leale per ogni ragazzo della squadra di calcio.

Camminarono in silenzio per un po', poi Ron disse: "Se fossi Jimmy, potrei davvero mostrarti quanto può essere carino un ragazzo con una ragazza".

Kerrie lo guardò bruscamente. “Stai dicendo che vuoi uscire con me?” lei chiese. «E Kellie?»

Ron si fermò bruscamente, facendo fermare Kerrie accanto a lui. “No, non ho detto che volevo uscire con te, beh, non voglio dire che non mi piacerebbe uscire con te, sei una bella ragazza e mi piaci, mi è sempre piaciuto. Sto solo dicendo che se tu fossi la mia ragazza e non Kellie, saprei come trattarti bene e farei in modo che anche tu ti diverta. Ho imparato che fare l'amore non è solo spingere il cazzo dentro una ragazza, e che anche una ragazza può divertirsi. È tutto."

Kerrie rimase in silenzio per alcuni istanti, poi disse: “Vorrei essere la tua ragazza in modo che tu possa mostrarmi quanto sarebbe bello. Mi ha fatto male quando l'abbiamo fatto quella volta, ma volevo solo farlo, non pensavo davvero di essere innamorato o di come ci si sarebbe sentiti.

«Non hai detto niente dopo che l'abbiamo fatto» commentò Ron. "Mi sono sempre chiesto cosa ne pensassi e se ti piacesse."

“Immagino di non aver pensato davvero, abbiamo sempre fatto cose insieme per così tanto tempo e quando ho saputo che tu e Kellie l'avete fatto, ero geloso e volevo solo poter dire che l'avevo fatto anche con te. Nancy si sentiva allo stesso modo, non lo vedevamo tanto come fare l'amore o essere innamorati, era solo qualcosa che Kellie aveva fatto e noi no, quindi sembrava una cosa naturale provare a vivere la stessa esperienza . Per quanto riguarda come ci si sente, ha fatto un male da morire per un minuto, poi mi sono sentito davvero pieno, ma non ho sentito niente di speciale se non sapere che ti faceva sentire bene. Il giorno dopo ero dolorante e dovevo stare attento che la mamma non capisse cosa avevamo fatto. Non l'ho fatto da quando tu e io l'abbiamo fatto tre anni fa, immagino di volere che fosse speciale e sto aspettando qualcuno di speciale.

"Sai se Nancy l'ha fatto di nuovo?" chiese Ron.

“Dice di averlo fatto un paio di volte l'anno scorso con un ragazzo che era in uno spettacolo con lei. Dovevano essere una coppia sposata con un adolescente turbolento nella recita scolastica. Naturalmente, una delle scene includeva un bacio, ma nessuno dei due aveva molta esperienza e sembrava davvero imbarazzante, quindi il regista ha suggerito di esercitarsi un paio di volte in privato per rendere la scena più naturale. Quindi, sono rimasti dopo la scuola e si sono incontrati nella stanza degli oggetti di scena per esercitarsi. Dopo un po' hanno capito, ma hanno deciso di continuare a praticare. Ben presto le sentì le tette, poi le mise le mani sotto la camicetta e in poco tempo lei era in topless. Prima che finissero, avevano usato uno dei letti per un altro scopo diverso dal dormire. L'hanno fatto ancora una volta, ma poi Nancy ha perso il ciclo, o almeno pensava di averlo fatto. Quando erano trascorsi tre giorni, lei gli disse che pensava di essere incinta. Ha affermato che doveva essere qualcun altro e se n'è andato. Era devastata. Non pensava che fossero innamorati o che si sarebbero sposati, pensava solo che l'avrebbe aiutata a uscire dalla situazione. Fortunatamente le sono venute le mestruazioni un paio di giorni dopo. Quando lei gli ha detto che non era incinta, voleva fare di nuovo sesso, ma lei gli ha detto di andare a farsi fottere, non aveva bisogno di qualcuno che la abbandonasse al primo segno di un problema. Ora è fidanzata con Billy, e lui sembra davvero un bravo ragazzo.

Più o meno in quel periodo, Nancy e Kellie gridarono loro di mettersi al passo, quindi quella fu la fine della conversazione. Mentre i quattro camminavano intorno al lago, condividendo come era andato il loro inverno, Kellie si fermò e disse che aveva qualcosa da dire a tutti.

“I am not going to be spending the whole week here every day like we have for as long as I can remember. I talked Mom and Dad into letting me get a car, but now I have to pay for my own insurance and some of the cost. Dad is helping, but he says that if I want more freedom, I have to take more responsibility. So, I have a job that means I have to ten hours a day, Monday through Thursday then I have Friday, Saturday and Sunday off and come up here.”

Ron was stunned. He too had a car and expenses and had thought of getting a summer job. He actually did work part time during school and had saved up enough money so that he and Kellie could spend the entire summer together. Now this! In some ways, he felt betrayed. Never-the-less, he decided to make the best of it, so wished Kellie well, saying that at least they would have the weekends together.

On Sunday night, Kellie left to get home so she could be at work on time Monday morning. After hanging out with Nancy and Kerrie Monday morning, he told his folks that he was going to go into the local town for a while and if she needed anything at the grocery store he would pick it up for her. Kerrie and Nancy asked if they could go along. After getting dressed, they started for town. As they looked around for a bit, they happened by a video arcade advertising for weekend help. Without really intending to apply for a job, they went in to inquire about the positions. The owner said that the arcade was going great, but he just couldn’t keep up with it by himself. Both he and his wife, along with two daughter’s-in-law were working seven days a week, and wanted to get some relief. Before long, they had accepted part time jobs, working six hours Friday afternoons, and twelve hours Saturday and Sunday. In addition, all the food they wanted to eat while working, they just couldn’t take any home. Ron would drive them all to work in his van. The only problem is that Ron and Kellie would only see each other from Thursday evening to Friday afternoon. Still, it was too good an opportunity to pass up.

Predictably, Kellie was furious and accused Ron and the girls of doing this to spite her. No amount of reasoning made any difference, so after spending a miserable Thursday evening, Ron hoped that Kellie would be in a better mood Friday morning. He waited by the van for her usual morning visit, but she didn’t show up. Later, Nancy and Kerrie said that Kellie told them she had some shopping to do and left early Friday morning saying she would be back sometime Friday night.

“I guess that tells me where I stand,” said Ron with a regretful look on his face.

“Don’t worry,” Nancy replied, she’ll get over it. “Besides, she isn’t feeling too good right now, if you know what I mean.”

“Uh, Oh, OK,” grunted Ron and let the matter slide.

The work on Friday night was busy, but didn’t hold a candle to Saturday and Sunday. They were on a constant run, serving refreshments to rowdy kids, making change, and showing new-comers how to play the various games. In addition, Ron soon learned that his computer experience allowed him to resolve some game problems that cropped up from time to time. By Sunday night, they were ready for some rest! Even though they saw Kellie driving out of the parking lot as they drove in, she didn’t stop for more than a second, saying she had to hurry home.

“I think we just got the brush off,” commented Nancy wryly. “Wonder why she is still so huffy, she’s the one who bailed out first.”

Monday morning they all slept in, and when Ron awoke, he was confronted with his usual morning hard on. Before dealing with it, he began thinking of meeting Kellie at the van for some relief. Then realized that this was going to be the ultimate “Do it yourself job.” After unloading his pent up load, he took a leisurely shower and sauntered down to the common area with a book, planning to read for a while then go swimming. He selected a spot well away from the noisy crowd and settled back in the lounger and picked up his book. As he was reading, he noticed that two of the six girls he saw the opening day of camp were back, along with three boys. He judged that the boys ranged from about eleven to perhaps thirteen. One of them still had the little boy cock, while the other two were definitely well on the way to maturity. He smiled as he recalled the day three years ago when he first had to deal with an unruly cock with a mind of its own.

Gradually, Ron felt the tension of the past three days drain away and lowered his book for a moment. Without realizing it, he drifted off and was soon dreaming a kaleidoscope of jumbled images. Before long, the dreams became erotic and soon he was slamming his cock into a beautiful cheer-leader right on the fifty yard line of the football field. He could hear people cheering him on as he pumped harder and harder. Suddenly, he was on the one yard line, and somehow knew that if he just pumped a little harder he could make a goal and win the game. The cheering got louder and louder until in a shuddering frenzy, he shot his load. At that instant, the cheering turned into subdued giggles and his eyes flew open.

In an instant, he summed up several things. He had a raging erection, with fresh hot cum splattered all over his belly and book. If that weren’t bad enough, the two girls were standing about six feet away, obviously having seen the entire show. Ron sprang up and ran for the lake, diving in and swimming with strong strokes all the way to the other side. There he climbed out and disappeared onto the path around the lake. He walked for perhaps fifteen minutes when he sensed that he wasn’t alone. Glancing around to see what had caused the feeling, he slowly turned from side to side. Not seeing anything, he started walking again, when suddenly he heard a rustling sound and the two girls ran out of the trees grabbing his hands.

“What do you think you are doing?” demanded Ron.

“Nothing,” smirked the older one, who said her name was Karen. “We just wanted to be sure you were OK, you ran off so fast we didn’t get a chance to say hello,” she said with a big grin. “Why did you run away, it was just getting interesting.”

“Yeah, tell us what the dream was about,” chided the younger named Michelle. “It must have been pretty good to make all that happen. And, what did happen, we’ve never seen anything like that before!”

“Go away and leave me alone,” he snapped, “it’s none of your business what happened, some things are private.”

“Not when you do it where everyone can see you,” stated Karen with a sassy smirk. And besides, we’ve seen you with your cock sticking up before, so don’t pretend it never happens!”

“When did you see me,” demanded Ron. “Have you guys been spying on me?”

“Oh, we were playing around up in the trees a couple of years ago and we saw you and Kellie kissing. Then we saw you put your hands on her tits and then you got on top of her and put your cock in her bottom and bounced up and down for a while. When Kellie started groaning, we got scared and ran away, but we came back a few times after that.

“Oh shit!” exclaimed Ron. “Did you tell anyone what you saw?”

“Of course not Ronnie, we didn’t want you to get in trouble. You were always nice to us in the swimming pool, helping us do flips in the water and boosting us out of the pool. Besides, we kind of liked watching and if we told, we wouldn’t get to watch again.”

“You mean you watched Kellie and me making love!” Ron groaned. “How many times did you do that?”

“Probably only about eight or ten times,” said Michelle as some red colored her cheeks. “We thought we were the only ones who knew, but one time we saw Julie going by, and sometimes Nancy and Kerrie would take a peek and we didn’t want to get caught watching. But, we did watch enough times to know that it looks like a lot of fun,” she giggled.

“We liked watching Kellie play with your cock more than when you put it in her. We could see more when she was rubbing it and kissing it than we could when you hid it inside of her.”

With all their talk and descriptions, Ron’s cock began to twitch and he realized it would soon be completely out of control. He looked desperately for somewhere to go, when Michelle started to giggle. “Hey look Karen, its happening right now.”

In a moment Ron was fully erect and the girls were staring as if they were trying to bore holes.

“You girls got to get out of here and leave me alone,” he whispered. “If someone comes along we will all be in big trouble, and I will probably be banned from the resort forever.”

“No one is going to come along, we got guards to watch for anyone. They will start hollering for Suzie to come out, the game is over,” responded Karen.

“So, what do you think you are going to do?” asked Ron with a sinking feeling that was rapidly turning to passion.

“We want to touch it and see what it is like when it is hard, and we want to watch the white stuff squirt out,” responded Michelle calmly. “We only got to look at it from about fifteen feet away.”

With that, she made a fumbling grab at his cock and began to explore. Ron’s knees felt weak and he sank down onto the blanket of leaves by the trail. Soon both Karen and Michelle were squatted down beside him, taking turns feeling his cock and balls. Before long, he knew that it wouldn’t take much for him to shoot his load, so he showed them how to stroke his cock until his cum spurted out, spilling onto their hands and tits. Some of it even hit Karen on the face and began sliding down toward her lips. Perhaps it was instinctive, but she slid her tongue out and touched the dripping goo then licked it off. Michelle was watching intently then asked what it tasted like.

“It doesn’t taste bad, I knew it wouldn’t or Kellie wouldn’t have let him shoot it into her mouth that time,” she observed. “Why don’t you lick some of it off your chest,” she suggested.

Michelle took a little dollop of cum off her right breast and tentatively touched her tongue to it, then sucked her finger clean. “Not bad,” she observed, “I wonder what it would taste like straight from the source,” said in a wondering voice.

With that, she quickly bent down and took Ron’s cock in her mouth and began to suck. Ron could feel his cock being drained as Michelle increased the sucking. Pretty soon, her tongue was swirling around the head of his cock then she bean to bob her head up and down, taking his cock all the way to the back of here throat. Although he had just shot off less than ten minutes before, he could feel his balls starting to stir. He knew it wouldn’t be a big shot, but even so he wanted to warn Michelle what was going to happen.

“Michelle, if you don’t stop right now, I am going to cum in your mouth,” he gasped. Michelle didn’t even slow down, in fact she speeded up, and moments later, Ron released a minimal load of white sticky goo into Michelle’s mouth. She coughed a little but swallowed the small load like a trooper as Ron flopped down on his back. Within moments, his cock was limp. Michelle wiped her mouth on her towel saying that it tasted kind of good.

Karen watched for a moment then said, “Next time I get to do it first. How long do we have to wait before you can do it again?” she asked eagerly.

“Not before tomorrow morning,” grunted Ron.

“Good, we will wait for you in the place where you and Kellie always did it,” she commented as if it were all settled. “See you then.” With that, they scampered off, leaving Ron to ponder how the hell he was going to deal with this.

The next morning Ron met Kerrie and Nancy after breakfast. After some hesitation, he filled them in on what had happened and what he should do. The girls expressed disappointment that they had chosen to take a nap instead of being there. Ron said that it probably wouldn’t make any difference, sooner or later the girls would have figured out a way to make it happen. The rest of the discussion was how to deal with the situation that now existed.

After much debate Nancy spoke up, “you know for me it wasn’t so much that I wanted to have sex with Ron, I just wanted to see if sex was all that everyone was making it out to be. After we did it that time, it wasn’t such a big deal and for me it was over until I found the guy that I really wanted to make love to, not just have sex.”

“Oh,” said Ron putting on a hurt look, “you didn’t like it with me and so you haven’t done it again.”

“Come on, Ron, you know I didn’t mean that you weren’t gentle and caring with me or that it wasn’t nice doing it with you, its just that I found out it wasn’t the big deal the other girls said it would be. I did it again last year but the guy turned out to be a real jerk who just wanted to brag. I am glad I did it with you first, but don’t want to do it again unless it is someone I really love and want to do something more to show it.”

“You mean someone like Billy?” said Ron with a big grin.

“Well, uh, well yes,” replied Nancy with a little smile.

Ron thought for a moment then said, “So what’s your point Nancy?”

“Just this, give them what they want and they will probably feel like I did and leave you alone.”

“I’m not so sure about that,” he replied thoughtfully. “What happens if they really like it and follow me all over?”

"Sarebbe così brutto?" Kerrie mused.

“On the one hand, it sounds too good to be true, but I’m not so sure that I feel a lot different than you do Nancy. I mean it was fun to do it with you guys, especially your first time. I really wanted you to like it and of course it was new and exciting for me, and I wasn’t worried about you running to your Dad and blaming me for taking your virginity. But, I am older now and while I still really like doing it I’m not sure I want to have two thirteen year olds in love with me. What if they get mad and tell their parents, I could really get in trouble.”

Nancy was about to agree when Karen and Michelle crawled into the special place. After glaring at Kerrie and Nancy for a moment, Karen turned to Ron and gave him a big smile. He could tell that she was pushing her chest out to make her tits look as big as possible. A quick look at Michelle said she was doing the same thing. A moment later he felt his cock stir and before long, his second brain took over his thinking. Glancing at Nancy, she got the message and took Kerrie’s hand pulling her out of the hideout. Karen immediately moved toward Ron with a seductive smile as she knelt down in front of him.

Tentatively she stuck her tongue out and swiped Ron’s cock. Seeing it jump she smiled and moved even closer. Opening her mouth wide, she took the tip into her warm wet mouth and began sucking. Ron knew he couldn’t last long, and began to sink down. Karen followed taking even more cock into her mouth. Ron decided to just let it happen and soon he felt the first sensation followed by a huge spurt of cum, then another and another. Karen gagged and coughed, pulling her head back.

“You didn’t warn me,” she complained.

“You were the one who said she wanted to be first,” Ron replied when he got his voice back. “If you want to be first you need to be ready for the result of your wish.”

“But you still could have at least warned me,” Karen sulked.

Ron decided to push the point, so replied, “Well, you are the one who insisted on coming here and who insisted on being first, so I just assumed you knew what you were doing.”

“Would you show us how to keep from getting pregnant?” asked Karen shyly.

“Simple,” replied Ron, “Keep your legs together!”

“You mean “Just say no, but what if I don’t want to just say no, what if I want to know what it’s like, the older girls say it’s really fantastic and they can’t wait to do it again,” exclaimed Michelle. “And besides, I know about condoms, Mom told me, and even showed me one like they use when she doesn’t want it to be so messy. So, don’t preach at me!”

By now Ron’s cock was taking over his brain, so he suggested that they go to his van just down the road. He told Michelle to go first and make sure no one was looking and crawl into the back doors. Then, Karen was to go and if no one had noticed she was to get in the front. When he heard the door slam, he would follow.

Michelle jumped up and scampered out before they had a chance to say another word. Moments later Ron could hear the door close and Karen turned to leave.

“Why the front and not in the back,” she asked.

“I don’t really want an audience,” shrugged Ron.

“Well, I’ve already seen you do it with Kellie, so I’m getting in the back!”

With that, she was off before Ron could object. Shortly he heard the door close, and with a stroke of his cock for good luck, he followed. Once inside the van, he closed and locked the door then tested it to be sure it was really locked.

By now, his cock was totally in control of his brain and he wasted little time getting the necessary protection from the cabinet. Michelle looked a bit puzzled by the Norforms, but after a brief explanation, she quickly slipped one in while Ron rolled a condom over his pounding cock. Michelle felt his condom covered cock which only raised the desire to an even higher level. Pushing Michelle back, he moved between her legs and moved his KY covered cock to her virgin pussy. Moving still closer, he pushed her legs a little further apart, then suggested that she bend her knees a bit and let them fall apart.

Michelle seemed to be an eager student, so Ron gently pushed forward. He felt his cock head slip easily past the labia until it encountered some resistance. He told Michelle to take a deep breath and let it out. As she did, Ron could feel her pussy relax a little, so he pressed in a tiny bit deeper, all the while watching Michelle’s face for signs of pain. She had a strange kind of excited look in her eyes then took another deep breath and let it out. As Ron pushed forward, she jerked her hips up to meet his thrust and he sank all the way in.

Michelle gave a surprised squeak of pain then broke into a big smile. “Is it in, is it in?” lei sussurrò.

“Hell yes it’s in,” exclaimed Kathy as she angled for a better look, “You took the whole thing the first time!”

“Wow, it feels so good, I’m ready for you to move,” Michelle said breathlessly.

With that, Ron pulled back a little then pressed forward. After a couple of times, Michelle started to move with him and before long they were rocking so hard that Karen could feel the whole van move. Ron knew he couldn’t last too long with Michelle’s tight pussy gripping his cock and he also knew she probably wouldn’t come her first time, so he just pressed forward, slamming his cock in to full depth.

Suddenly Michelle wrapped her legs around his waist and began kicking his ass and whimpering, “do it, do it, do it hard!”

Ron shot his load so hard that he thought his ass hole was going to blow out and splatter all over the ceiling of the van. Slowly the feeling subsided and he slowly collapsed on Michelle, rolling her onto her side while keeping his cock firmly planted in her pussy. They were both panting as if they had just run an Olympic race in record time. After about five minutes, Ron felt his cock slip out and Michelle rolled away.

“That was as good as all the girls said,” she said with wonder in her voice. “I can’t wait to do it again!”

“Not until I have a turn,” exclaimed Karen as she unwrapped a Norforms and inserted it into her vagina. She handed Ron a condom and lubed her pussy with KY.

Ron said he would have to wait for a while, but Michelle said she could help. She pulled the used condom off and wrapped it in a paper towel, then knelt beside Ron and took his limp cock in her mouth. After a couple of experimental licks, she sucked him all the way in and began to alternately suck and blow, sliding his limp cock in and out of her mouth. Before long, she couldn’t go all the way to his balls as his cock was responding. Moments later, he was once again at full mast. Michelle awkwardly rolled a new condom on and Karen said she was ready.

Seeing that Karen had lubed herself generously, Ron rolled into position and after a couple of fumbling attempts, found the right place. Moving forward, he was amazed when he just slid in without any resistance. Realizing that she would have no pain from a torn hymen, he began gentle thrusting. Karen didn’t respond very much so he just kept thrusting, knowing that he could continue for some time. He was puzzled when Karen just lay there letting him do everything.

“Don’t you like it?” chiese.

“Karen didn’t respond audibly, just nodded her head a little.

Ron speeded up his thrusting in order to finish as it was obvious that Karen wasn’t getting anything out of the experience. After he came, he immediately rolled off and lay quietly waiting for Karen to make some comment or reaction.

Finally she said, “Well, I guess that’s that.”

“Didn’t you like it?” asked Michelle.

“It was OK, I don’t see what the big deal is,” replied Karen. “At least now I can say I’ve done it.”

“Didn’t you fell anything at all?” asked Michelle with a puzzled look, “I felt like I was just on the edge of something spectacular and wanted it to go on and on.”

“I just wanted it to be over,” replied Karen. “Now let’s go and take a shower.”

With that, she used a baby wipe to clean the KY off her pussy and urged Michelle to hurry up.

“Why don’t you go ahead,” urged Michelle, I want to rest for a while, that really took something out of me.”

Karen shrugged and hopped out of the van, jogging off down the path.

“When can we do it again!” exclaimed Michelle, “that was awesome!”

Ron smiled, and said, “I’m glad you liked it, but why don’t you see how you feel tomorrow before you think about doing it again?

“I don’t have to think about it,” Michelle replied solemnly, “I want to make love with you!”

They made small talk for a while then Michelle quietly left, leaving Ron to ponder what had happened. He had made love to two more virgins, although he wasn’t that sure if Karen was really a virgin or not. No question about Michelle though, and man was she responsive for her first time. Again, he wondered about Karen’s lack of enthusiasm and total absence of participation in the event. After cleaning the van and making sure nothing was left that would let anyone know what had happened, he slipped out and went to the common area.

Nancy and Kerrie joined in a few minutes. “Well, how did it go?” asked Kerrie.

Ron briefly described what had taken place, expressing concern that Michelle wasn’t going to be deterred in the least. Kerrie seemed a bit concerned with his observation, but didn’t comment. Still Ron had a feeling that she wasn’t happy with his report.

After swimming for a while, then playing volleyball with some of the adults, they all decided to join Kerrie at her trailer for hotdogs and Cokes. After lunch, Michelle and Karen arrived back at the common area at the same time Ron, Nancy and Kerrie came in. Michelle seemed to be moving a bit carefully, while Karen just acted as if nothing special had happened that morning. As Ron watched Michelle, it was more obvious that she was in some amount of pain, walking only when necessary and taking a great deal of care when sitting down. Ron was glad that he didn’t have to experience a torn hymen!

The younger girls stayed to themselves for the next few days. Ron was looking forward to seeing Kellie Thursday night when she was scheduled to return to the resort. Tuttavia; when she did drive in, it was obvious that she was avoiding not only Nancy and Kerrie, but Ron in particular. Try as he may, Ron couldn’t get a moment alone with her. Finally he gave it up, thinking he would see her in the morning.

The next morning, nothing had changed; Kellie was absolutely cold and distant to Ron. She did spend a little time with Nancy, but avoided Kerrie. Ron decided not to play her game, and got the new book he wanted to read and settled down in the common area. After lunch, they got ready for work. As they drove to town, Ron asked if they knew what was happening, why Kellie was acting the way she did.

“I’m not sure, but I think she met some guy,” commented Nancy. “She also thinks you have eyes for Kerrie.”

Ron didn’t comment, but did glance at Kerrie. He noted that her face was tinged with red. OK, he didn’t have any hold on Kellie, and certainly wasn’t going to make a fool of himself by pretending she owed him anything. He did like her and had for several years, but he also knew that at their ages, emotions and maturity changed things. He prepared himself to graciously accept her announcement, when and if she decided to break it off.

Work that weekend was exciting but rather intense. Just before closing time Sunday afternoon, some guy started giving Kerrie a hard time. He followed her around demanding her attention. She tried to get rid of him so she could do her work but he wouldn’t give up. Finally she mentioned it to Ron, so he suggested the guy either play with the games or leave. The next few seconds seemed like a life time. They guy spun on Kerrie and called her a cold bitch, then cocked his fist as if he were going to take a poke at Ron. Without thinking, Ron went into the defensive mode his Karate training had taught him, and when the poke came, he sidestepped and flipped the guy so hard it knocked his breath out. When he was able to get up, a cop was ready to escort him away. As he was leaving, he called Kerrie a bitch again, and she began crying.

Ron led her out of the crowd of on-lookers into the staff room, wiping her tears. She hugged him and thanked Ron for coming to her rescue, then gave him a quick kiss. Ron kissed her back; lingering perhaps a bit longer than was necessary then left Kerrie to fix her makeup. On the way home, they talked about the incident and Kerrie commented how big and strong he was and how brave it was for him to take the guy on. Ron accepted the praise, feeling his cock take notice of the accolades.

They got home about the time that Kellie was leaving. Ron tried to say goodbye to her, but she just brushed past him and drove away. He was still puzzled, but when Kerrie came up to him and gave him a big hug and a real kiss, he soon forgot Kellie and her strange behavior. By mutual agreement, they began walking and soon were the van. Ron glanced at Kerrie and noted a barely perceptible nod, so swung the back doors open and helped her in. Kerrie started to take her clothes off, but Ron stopped her.

“Let me do it,” he said with a smile.

“Why, you have seen me naked since the time we were babies,” she observed.

“Yeh, I know,” he grunted, “but somehow it seems kind of exciting to think about taking your clothes off,” he said as he took her in his arms.

Slowly he unbuttoned the front of her shirt, gently tugging it out of her jeans. While the shirt was still over her shoulders, he slipped his hands around and fumbled with the bra clasp. Having no experience with a bra, and never having needed any in a nudist camp, it took quite a while to manage the tiny hooks. Kerrie resisted the urge to help, and finally it came loose. Ron left the shirt on, sliding her bra up so he could gently massage Kerrie’s gorgeous tits.

After some serious kissing, he found the button on the jeans and slowly slid the zipper down. By now, he had a huge erection and was thinking of nothing but making love to Kerrie. Hooking his fingers under the jeans and panties, he slid them both off in one long smooth motion. Kerrie shrugged her shoulders letting the shirt and bra fall to the floor. Ron made short work of his clothes, and moments later was rolling a condom over his throbbing cock. Kerrie sank to the floor and Ron quickly moved over her, positioning himself to enter her now hot wet pussy.

In one long slow motion, he slid all the way in and began pumping. Kerrie tried to match his thrusts, but he was so excited that she couldn’t keep up his tempo. Long before she was ready, Ron fired his white hot cum into her and collapsed as if he had been shot. They lay together for a few moments until Kerrie pushed him off.

They must have slept for about an hour when Kerrie nudged Ron awake. Extricating herself from his arms, she looked at his blinking eyes and half smile. Grabbing a couple of baby wipes, she cleaned his cock of the latex flavor then began to lick and suck the knob. Before long, his cock rose to the occasion, even though the passion was at a more manageable level.

“OK, last time was for you, this time is going to be for me.”

With that, she rolled a fresh condom over Ron’s throbbing cock and stretched out beside him. She initiated a gentle kiss and put his hands on her breasts. Ron responded by gently stroking them and whispering to Kerrie how beautiful she had become. Soon, he was kissing her nipples and playing with her tummy, all the while moving his hand closer and closer to her now wet and quivering pussy. Gently slipping his finger into her hot slit, he stroked up and down until she went total

Storie simili

diario di una casalinga. prima parte.

Sposarsi ha causato molto stress nelle nostre vite. Rick si rifiuta di lasciarmi lavorare, e anche con una nuova casa in città (in una zona a basso reddito) e le bollette che accumulano si rifiuta di muoversi. Smorza la nostra relazione e ci mette a dura prova emotivamente e sessualmente. È costantemente al lavoro. Lo stress gli rende difficile essere affettuoso. Vedi dove sta andando. Sono una brava ragazza. E una buona moglie. Ho cercato per settimane di soddisfarlo. Ogni mattina lo succhiavo a secco. Quando è tornato a casa tardi, ho messo da parte i miei bisogni e l'ho succhiato...

1.9K I più visti

Likes 1

Circostanze diverse parte 2

Disclaimer: non possiedo Pokemon, nessun personaggio e Pokemon lì dentro. Sai, solo per coprirmi il culo in caso. Meglio prevenire che curare. Nota dell'autore: grazie a tutte le persone che hanno letto il primo capitolo. Questo capitolo è stato molto più lungo di quanto mi aspettassi. Divertiti! –––––––– 'Caro Nicola, È tua sorella, Julian! Ho inviato questa lettera di Taillow perché era più veloce e per congratularmi con te per aver superato l'Accademia Pokemon! Papà dice che hai fatto degli esami orribili...' “Non ho fatto così male. Almeno sono passato..” borbotta Nicholas, continuando a leggere la lettera che gli era stata...

1.9K I più visti

Likes 0

I sogni di Ashley

Tutti i nomi e la posizione sono stati modificati Fatemi sapere come vi piace la storia. Questa è la mia prima storia qui. ================================= Quando ho posato gli occhi su Ashley per la prima volta ero in seconda media. Eravamo giovani. I miei primi veri sentimenti sono iniziati in prima media. Il suo compleanno è stato 2 settimane prima del mio. Quando ho compiuto 16 anni ho organizzato una grande festa. E, naturalmente, Ashley era lì. Negli anni in cui sono stata una delle sue migliori amiche, lei non era della nostra città, si è trasferita dalla Florida al suo settimo...

2K I più visti

Likes 1

La mia prima volta con Cindy

La storia: Sulla via del ritorno dall'ospedale, dopo aver lasciato mia moglie per un'operazione alla schiena molto seria, Cindy, mi stava dicendo come avrebbe fatto tutte le cose che faceva la mamma in casa, come lavare i piatti e fare il bucato e che si prenderà cura di suo padre come fa la mamma. Fu detto in una specie di sussurro sommesso e lei aveva la sua mano sul mio braccio, toccandomi dolcemente e guardandomi negli occhi. Ho sentito un brivido nei pantaloni e ho guardato le gambe formose di Cindy e la minigonna che indossava, ho subito costretto il mio...

1.9K I più visti

Likes 0

DOLCE SOFIA!!

Sophie è la figlia unica dei miei vicini, è una dolce ragazzina di 13 anni, ma c'è sempre stato qualcosa in lei che mi ha fatto guardare in modo diverso dalle altre bambine. Forse sono i capelli biondi ricci, il suo bel visino, le sue gambe lisce o il fatto che ha un bel paio di tette in erba. Bene, tutto è iniziato un sabato, mi sono seduto nel mio giardino a godermi il sole e anche i miei vicini erano fuori. Non ho l'abitudine di ascoltare le conversazioni di altre persone, ma non ho potuto fare a meno di sentire...

1.8K I più visti

Likes 0

Stephanie - Proprio quando le cose si sono girate Pt. 2

Mentre mi avvicinavo al maniero, la scorsa notte continuava a rimuginare nella mia mente. Volevo solo incontrare il cane, e così sono entrato nel canile. Poi, prima che me ne rendessi conto, mi aveva buttato a terra e mi stava annusando. Poi mi ha strappato le mutandine e ha iniziato a leccarmi la figa, portandomi all'orgasmo contro la mia volontà. Quando pensavo che avesse finito, mi è saltato sulla schiena e mi ha violentata. Ma la parte peggiore è stata quando mi sono lasciato andare e ho iniziato a godermelo. Mi sono svegliato stamattina e ho trovato questo biglietto e il...

1.8K I più visti

Likes 0

Skyrim: Le avventure di Carthalo Parte 1

Carthalo le accarezzò la guancia, sentendo la sua pelle liscia e fredda e scostandole i capelli nerissimi dagli occhi. Lydia, disse, la sua voce roca si trasformò in un sussurro nel suo orecchio rilassati. Questo non è un altro fardello per te da portare. le slacciò la maglietta e lei rabbrividì leggermente al tocco. Questo non è un comando del tuo Thane. le sue mani forti la presero per la vita e la portò al letto. Le assi del pavimento scricchiolarono mentre la trasportava su per le scale di Breezehome. La adagiò dolcemente sul letto e cominciò a baciarle il collo...

1.8K I più visti

Likes 0

Scoprire che sono gay parte 3

Quindi pochi giorni dopo, dopo aver rotto con Lizzy, mi stavo abituando all'idea di essere di nuovo single. Quando ero al college a lezione con McKenzie, ha iniziato a sedersi accanto a me e ha detto Tu e Lizzy vi siete lasciati perché vi ho baciato? Ho guardato McKenzie e ho detto No, il motivo per cui io e Lizzy ci siamo lasciati è perché mi piaceva baciarti. Dopo aver detto che mi sono alzato dal mio posto, ho preso la borsa e sono andato a uscire dalla lezione mentre camminavo, il mio insegnante mi ha detto E dove pensi di...

1.8K I più visti

Likes 0

Il miglior giro in quad di sempre

Avevo 14 anni quando ho avuto la mia prima esperienza. Non ero interessato alle ragazze fino a quando non sono entrato in terza media. Ho avuto alcuni amici che qui ragazze ma nessuno serio. La mia migliore amica era una ragazza di nome Emily con la quale ero amico da molto tempo. Più crescevo, più mi interessavo alle ragazze e più pensavo che Emily fosse la ragazza più bella che avessi mai incontrato. Con i suoi lunghi capelli biondi e morbidi e i suoi splendidi occhi azzurri luminosi. Ogni volta che mi parlava dimenticavo tutto e la mia bocca si seccava...

1.7K I più visti

Likes 0

PMQuest: Capitolo 07 e 08 - Vai sul sicuro o corri dei rischi

Questa storia / fanfiction contiene sesso tra un Ranger umano e tutti i tipi di Pokemon femminili. Questa storia include Femdom, Reverse Rape, Forced, Sex, Female Pokémon x Male Human Ranger. Se ti sei perso l'introduzione completa, fai clic sul mio profilo per avere una panoramica di tutti i capitoli. Questo capitolo fa parte del percorso che hai scelto alla fine del capitolo precedente. Cerca in questa pagina Gioca sul sicuro o Prendi un rischio per continuare la tua avventura. Capitolo 07 - Vai sul sicuro Avevo esaurito le opzioni. Le mie scelte erano di far cadere il cristallo, o provare...

1.6K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.